LIBERTAGES stories in 64 quid - 塔霍 的 易经 


Home page 首页  |  Poemo 塔霍的书  |  karaoke音乐 mp3  |  video 视频 tube  |  map.pdf  |  Elders 先民 ป่า  |  Domus 家 เพิง  |  dictio月

 Map of 64 strip-quid-esagram (inspired to the chinese Ijīng 易经 book) and Index calendar by 12 actors of Therabuti temple

   

01.䷀ 气 respiro e qìgong
panda, farfalla
respiro, pranayama, qigong, numtchai, esichia, chakra, vortex, vulcano

kinaciau, josipovici, esichio, wanglang, sun-simiao
56.䷷ 竹 alberi minor
castagno, nocciolo, noce, cipresso, pino, salice, gingko, ailanto, bambù, (tiglio, palmadattero, pistacchio, anacardio, sambuco, carrubo)
marco-polo
05.䷄ 山 erb'eurasia
neem, gudmar, niruri, saccharum, loto
adivasi, aetas, kalasha, dokpa, khamba, slavi
35.䷢ 牛 panafrica
(alchornea, euclea, ficus-capensis, calenzula, akokantera, karitè, dacroydes, dodonea, kigelia, plumbago, fitolacca, verbasco)
etiopi, mursi, maasai, dogon, fang; byeri
04.䷃ 雷 spezie panamerica
banano, ananas, guyaba, (papaya, cacao, loto, balchè, changunga, digitale, cacti-fungi; copale)
lacandoni, misquito, tzutujil, klisti
57.䷸ 日 sudamerica
(aloe, opuntia, agave, huachuma, schinus, ipecacuana, myroxylon, matè, stevia, tara)
mapuche, fuegini
37.䷤ 鹵 erbe cinesi
(chiuri, gastrodia, rabarbaro, rhodiola, jinseng, eleuterocco, withania, astragalo, sutherlandia, Jiagoulan, rosa-nevi, sesamo, felcedolce, felcemaschio)
cepang
lishizhen
54.䷵ 木 alberi major
quercia, abete, betulla, platano
acqua, fuoco; maiale

perun, hercules, zeus; latini, slavi, goti, saami
34.䷡ 火 灬 kinaciau dance
(pancratium, galanga, mesembrantemo)
!kung san, himba, tswana, zulu; (num-tchai, qigong, yoga, casa)
39.䷦ 鸟 uccelli
ghiande; allodola, usignolo, civetta, gazza, galline, tacchino, pavone, paradisee, casuario, parrot
10.䷉ 馬 spezie berbere
Alloro, Finocchio, (silfio, ferula, prezzemolo, angelica, eufrasia, ginepro, caffè, khat, mirra, boswellia)
cantaride; saffo, sibilla, libici
15.䷎ 家 buiti Babongo
Babongo, Koma, Dayak, Wayapi
07.䷆ 鹿 cervo azzurro
(mais, lophorphora, idraste, cohosh)
cervo, bufalo, orso
wirarika, tarahumara, lakota, navaho; NAC, kayumari, quanah parker
48.䷯ 羊 spezie andine
(avocado, coca, croton, china, uncaria, valeriana)
cavia; barasana, inca
13.䷌ 里 indocina
musella; bufalo, yak
naxi, mlabri, mósuō, akha, hmong
12.䷋ 屮 muschi-licheni
argilla, muschio, sfagno, torba, tillandsia
19.䷒ 人 human elder
aborigeni, indigeni, tasaday, nativi sostenibili
62.䷽ 虫 api e insetti
bombi, libellula, mantide, araneus, tarantola, formica, ape (miele, propoli, polline, cera)
11.䷊ 天 papaveri e fiori
Iris, Papaveri, crocus, (giglio, zafferano, scilla, tribolo)
minoici, cinesi

44.䷫ 豸 buiti Fang
Libreville, Nsimalen, Meyaya, Tago, pà Nziengui
29.䷜ 子 funghi
armillaria, prataioli, marasmius, plerotus, vesce, macrolepiota, tricoloma (ferlengo, finferlo, porcini, amanite, mukamor, ciagà, shiitake, maitake, lingzhi, psilocybi, tartufi)
50.䷱ 黽 erbe Yanomami
(wilca, virola, annatto, mapacho, zenzero, tabernaemontana, piper, drymonia)
scimmia, kambo; yanomami, awà
55.䷶ 舟 austronesia
(gotukola, areca, betel, durian, noni, sago, kava, kratom, ereriba, agara, curcuma, calamo, cannella, cardamomo, glove, zenzero, canfora)
wanniya, penan, gebusi, vanuatu, polinesiani

ganesha, valli-amma, lersi-thai
60.䷻ 巛 poeti di gaia
(tè-verde, trigonella; farfalla, pesci)
acque ambigue, malaria, sauna

eraclito, pitagora, platone, talete, laozi, zhuangzi, apuleio, seneca, barrie-peterPan, fukuoka, holmgrein; ainu, paiwa-taiwan
14.䷍ 雨 alghe pioggia
(spirulina, klamath, nori, lactuca, iziki, kombu, wakame)
pioggia, sale
53.䷴ 土 flora batterica
mucca, lombrico, enzimi
humus, ash-potash, minerali, pollina, etilene, yogurt-kefir
emilia, mauro-iob, steiner, alain-smith
26.䷙氵氺 acqua medicina
(artiglio, anice, nepeta, efedra, asfand)
Ganesha, acquacalda, enema, amaroli, alghe, sali, vitamine, digiuno, costipatio, diabete, susto, cancro; Paracelso
52.䷳ 弓 buiti Mitsogo
mitsogo, fang: mallendi, cheyssial
40.䷧ 黍 ceres minor
Farinello, (amaranto, miglio, panico, sorgo, manioca, quinoa, maca, paico, loto, lacrima-jobi)
mozzarella, pizza, acquacotta
32.䷟ 頁 dature/tabacchi
(pituri, tabacco, belladonna, giusquiamo, dature, floripondi)
38.䷥ 刀 de foreste
foreste (mangrovie)

slavi, finns, germani
marturano
61.䷼ 龠 Lupa e Bacco
lupa, cane

turaniani, scizi, rasna, romani, persiani
33.䷠ 父 Terabuti story
shirdi, tissagami, cezanne, jivanmukta
31.䷞ 酉 uve e vini
Vite, uvafragola, ribes, josta, uvaspina, uva-ursina
Vino, birra, macerato; dioniso-bacco, inanna, gilgamesh, noah, epicuro, khayam, columella
58.䷹ 手 Sivaganja yoga
(ganja, kif, charas, bhang, thandai)
arabi, persiani, indo-nepali, afgani

sherazade, eliade, al-makrizi, haydar, grace, patanjali, siva-mahayogin, shitala-devi, ganesha, hanuman
45.䷬ 卩 Iboga
tabernanthe, tabernaemontana, jasminoides
59.䷺ 心 estasi varie
pamela, dante, plotino, huxley, dh.laurence, meherbaba, bruno, kant, krishnamurti, mantegazza, pavese, castaneda; yama
28.䷛ 鬯 erb ayahuasca
(caapi, chacrona, mapacho)
tsetse, bufeo, paca; tukano, matsis
49.䷰ 米 riso spirit
Riso upland (paddy, glutinoso, nero)
kmhmu, katu, ifugao, igorot, lisu, shan, katu
41.䷨ 禸 culti kikeone
ergot; cibele, demetra, persefone, ecate, trittolemo, rama-sita; elleni, enotri, indiani
25.䷘ 巫 wū shamans
tungusi, manchu, mongoli, chukci

saman quest.mp4
22.䷕ 女 androginia
berdache of Gaia
63.䷾ 爻 yab yum
bonobo, anatra
kamasutra, siva-shakti; platone, francesco, maria
30.䷝ 生 ipnosi e musica
alga nostoc
bambini; musica, danza, sonno, num
lisa, mesmer, erickson
17.䷐ 穴 diari di viaggio
(rudraksha), letame bovino
beghine, sadhu, yogi, chopa, mast; nomadi, sherpa, jhakri
dante, caterina, porete, nietzsche, milarepa, gopikrishna, lalla, ammayar
36.䷣ 曰 matraguna sibilla
borragine, mandragora
faeries, sibille, streghe, caillach; hecate, diana
47.䷮ 月 piante di Diana
mirto, calafate, ugni
Dianae, atteone, myrine, venus
24.䷗ 鼠 fauna spontanea
venom; topo, arvicola, riccio, talpa, gatto, volpe, faina, cinghiale, capriolo, tartaruga, rospo, insetti, biacco, natrice (ratto, rana, vipere, draghi)
03.䷂ 風 vento-clima
stelle, cirri, cumulonembi, venti, animali

Mozart1.mp3
Mozart2.mp3
27.䷚ 食 frutti major
Fico, Albicocco, Ciliegio, Prugnolo, susincocco, pesco, cotogno, Nespolo, kaki (limone, arancio, cedro, kumquat, ponciro, melo, pero, mandorlo)
21.䷔ 麻 canapaio e canepine
canapa fibra
italiani
51.䷲ 艸 艹 erbe spontanee
cicoria, tarassaco, daucus, plantago, virgaurea, lactuca, felce, ebbio, gigaro, gramigna, parietaria, romice, trifolirosso, seppola, cardomariano, centaurea, linaria, galium, fumaria, (cicerbita, tussilago, pelosella, celidonia, verbasco, borsapastore, ortica, achillea, oxalis, primula, senecio, prunella, mercorella, grattalingua, piretro, assenzio, cartamo, masticogna) brucellosi
42.䷩ 禾 ceres major
Orzo, farro, avena, frumenti, trifoglio, lupino, fava, favino, sulla, pisello, (cece, cicerchia, medicago, latiro, sofora)
fukuoka, pitagora
09.䷈ 玉 olivo olio
Olivi vari, olivello
Morocco mill1 | olive-mill
18.䷑ 門 acacie Jurema
Acacie, passiflora (jurema, peganum, mandacaru)
kariri, atikum, dutch
46.䷭ 网 erbe rampicanti
Vitalba, Lonicera, Rosa, magnolia, Passiflore, Schisandra, biancospino, actinidia, Vilucchio, Ipomea, cucurbite, (edera, smilax, glicine, vischio) rovo, vite
43.䷪ 瓜 orto-foresta
pomodori, peperon/cini, melanzane, zucchine, zucche, meloni
emilia, sepp, geoff, hart, fukuoka
20.䷓ 皿 frutti minor
Rovo, uvagiappone, lampone, tayberry, boysberry, gelso, licyum/gouqì, feijoa, fragole, asimina, melograno, corbezzolo, alkekengi, azzeruolo, biancospino, corniolo, giuggiolo, uvagiappone, mirtillo, balalaika
ningxia
08.䷇ 田 erbe popolari
Iperico, lino, calendula, Ruta, camomille, Lippia, Lavanda, Maggiorana, Basilico, Salvia, Rosmarino, Timo, Melissa, Mentuccia, Mentastro, piperita, liquirizia (artemisia, arnica, vulneraria, pulmonaria, ortica, verbena, consolida, bardana, altea, Ibisco, malva, latiro, ricino, equiseto, damiana, ska-pastora, lagochilus)
turcomanni
23.䷖ 豆 erbe coltivate
asparago, ruchetta, portulaca, nasturzio, cavolo, broccoli, lattuga (carciofi, raperonzolo, girasole, sempervivum)
elfi
16.䷏ 韭 radici coltivate
Aglio, Cipolla, erba cipollina/aglina, patata, rapa (barbabietola, ravanello, ramolaccio, rafano, pastinaca, tuberina); penicillum
02.䷁ 糹crisi-danza
baco-seta, tarante
mantica, trance
06.䷅ 鼎 santodaime
brazilian, umbandaime
64.䷿ 示 Orishà
quilombos, orixas, caboclos


Jan 一月
33.䷠ Shirdi: 父 Terabuti story
26.䷙ Taras: 氵氺 acqua medicina
14.䷍ Kinaciau: 雨 algae rainwater
60.䷻ Raseno: 巛 poeti di gaia
50.䷱ Romulo: 黽 yanomami herbs

Feb 二月 
03.䷂ Emilia: 風 climatology
07.䷆ Martin: 鹿 cervo azzurro
40.䷧ Martin: 黍 cereals minor
38.䷥ Raseno: 刀 de-forestazio
57.䷸ Romulo: 日 sudamerica

Mar 三月 
27.䷚ Emilia: 食 fruits major
44.䷫ Tago: 豸 buiti Fang
52.䷳ Mallendi: 弓 buiti Tsogo
15.䷎ Mallendi: 家 Buiti esp
45.䷬ Mallendi: 卩 Iboga
12.䷋ Raseno: 屮 sfagni e licheni

Apr 四月
62.䷽ Seba: 虫 bee & spiders
02.䷁ Pamela: 糹crisis & dances
04.䷃ Martin:雷 spezie panamerica
32.䷟ Romulo: 頁 dature/tabacchi
22.䷕ Lisa: 女 androgynous

  May 五月
56.䷷ Seba: 竹 alberi minor
01.䷀ Kinaciau: respiro e qìgong
08.䷇ Pamela: 田 herbs popular
10.䷉ Taras: 馬 spezie berbere
13.䷌ Sesto: 黄 indocina
35.䷢ Mallendi: 牛 panafrica

Jun 六月
37.䷤ Sesto: 鹵 erbe cinesi
23.䷖ Pamela: 豆 erbe coltivate
16.䷏ Pamela:韭 radici coltivate
47.䷮ Yolanda: 月 piante di Diana
36.䷣ Lisa: 曰 matraguna sibilla

Jul 七月
48.䷯ Romulo: 羊 spezie andine
18.䷑ Yolanda: 門 acacie Jurema
41.䷨ Raseno: 禸 culti kikeone
11.䷊ Taras: 天 papaveri e fiori
42.䷩ Emilia: 禾 cereals major

Aug 八月
24.䷗ Exu: 鼠 fauna spontanea
30.䷝ Lisa: 生 ipnosi e musica
63.䷾ Lisa: 爻 yab yum
49.䷰ Sesto: 米 rice spirit
59.䷺ Martin:心忄 estasi varie

 

Sep 九月
43.䷪ Pamela: 瓜 orto-foresta
05.䷄ Taras: 山 erb Eufrasia
25.䷘ Lisa: 巫 wū shamans
29.䷜ Martin: mushroom fungi
39.䷦ Seba: 鸟 uccelli
54.䷵ Raseno: 木 alberi major

Oct 十月
20.䷓ Pamela: 皿 fruits mǐnor
21.䷔ Emilia: 麻 canapaio e canepine
58.䷹ Taras: 手 Sivaganja yoga
31.䷞ Seba: 酉 uve e vini
17.䷐ Lisa: 穴 diari di viaggio
61.䷼ Raseno: 龠 Lupa e Bacco

Nov十一月
53.䷴ Seba: 土 fauna batterica
51.䷲ Emilia: 艸艹spontaneous herb
28.䷛ Romulo: 鬯 ayahuasqueros
46.䷭ Yolanda: 网 erbe rampicanti
19.䷒ Thera: 人亻 human elder

Dec十二月
06.䷅ Yolanda: 鼎 daime 8 december
34.䷡ Kinaciau: 火灬 giraffe dance
09.䷈ Emilia: 玉 olive oil
55.䷶ Sesto: 舟 austronesia
64.䷿ Yolanda: 示 candomblè-orishà

  

Kinaciau (omolù, obaluiè)
09.䷈ 玉 olive oil
01.䷀ respiro e qìgong
43.䷪ 瓜 orto-foresta
14.䷍ 雨 algae rainwater
34.䷡ 火灬 kinaciau dance

Taras (Oshossi, caboclos)
05.䷄ 山 erb Eufrasia
26.䷙氵氺 acqua medicina
11.䷊ 天 papaveri e fiori
10.䷉ 馬 spezie berbere
58.䷹ 手 Sivaganja yoga

Raseno (Shangò)
30.䷝ 生 ipnosi e musica
54.䷵ 木 alberi major
61.䷼ 龠 Lupa e Bacco
60.䷻ 巛 poeti di gaia
41.䷨ 禸 culti kikeone

Sesto (Logunedè)
13.䷌ 黄 indocina
49.䷰ 米 rice spirit
38.䷥ 刀 de-forestazio
55.䷶ 舟 austronesia
37.䷤ 鹵 erbe cinesi

19.䷒ 人亻 human elder
(民 Thera, Yemajà)

 

Lisa (Yansà, oyá)
36.䷣ 曰 matraguna sibilla
63.䷾ 爻 yab yum
22.䷕ 女 androgynous
25.䷘ 巫 Wū shamans
17.䷐ 穴 diari di viaggio

Emily (Nanà)
21.䷔ 麻 canapaio e canepine
51.䷲ 艸艹erbe spontanee
42.䷩ 禾 cereals major
03.䷂ 風 climatology
27.䷚ 食 fruits major

Romulo (Ossàin)
57.䷸ 日 sudamerica
48.䷯ 羊 spezie andine
28.䷛ 鬯 ayahuasqueros
50.䷱ 黽 herb yanomami
32.䷟ 頁 dature/tabacchi

Yolanda (Oshun)
18.䷑ 門 acacie Jurema
46.䷭ 网 erbe rampicanti
06.䷅ 鼎 dǐng santodaime 8
47.䷮ 月 piante di Diana
64.䷿ 示 礻 Orishàs

24.䷗ 鼠 fauna selva 月 Pan, Exù)
44.䷫ 豸 buiti Fang (Tago)

 

Martin (Ogun)
04.䷃ 雷 spice panamerica
40.䷧ 黍 cereals minor
07.䷆ 鹿 cervo azzurro
29.䷜ mushroom fungi
59.䷺ 心忄 estasi varie

Seba (Euà)
31.䷞ 酉 uve e vini
56.䷷ 竹 alberi minor
62.䷽ 虫 bee & spiders
53.䷴ 土 flora batterica
39.䷦ 鸟 uccelli

Mallendi (Obà)
35.䷢ 牛 panafrica
45.䷬ 卩 iboga plant
15.䷎ 家 Babongo buiti
52.䷳ 弓 buiti Tsogo
12.䷋ 屮 muschi e licheni

Pamela (Oshumarè)
16.䷏ 韭 radici coltivate
20.䷓ 皿 fruits minor
08.䷇ 田 herbs popular
23.䷖ 豆 erbe coltivate
02.䷁纟糹crisis & dances

33.䷠ 父 Terabuti story
(家 Shirdi, Oxalà)


January 一月  (up calendar 月)
Gli Aironi litigan furiosi per gli avanzi di una preda o un buon posto di pesca. Il 3 gennaio, la terra è più vicina al sole (perielio)


Esiste un tempio Therabuti, ai margini delle antiche terre, vuoto, di forma incerta, spoglio di ornamenti, privo di supplicanti e di officianti, un tempio povero anche di mura, ma pieno di Divino, sta a noi scoprirlo.. Sebastian canta i versi del poema LIBERTAGES, il vangelo (gospel) che narra la storia del giardino-tempio Therabuti, in particolare, i racconti dei simposi serali che, in quel giardino, si tenevano tra i dodici frequentatori abituali e altri ospiti di passaggio., Il Poema comincia così: Una volta, presso il fiume Biedano (Biedano river in north Latium), un figlio della madre India, Shirdi Sai Baba, sostò per riposarsi dalle fatiche del viaggio in Italia al seguito del Mahatma Gandhi.. sulle rive del Biedano, presso l'omonimo canyon (forra), ebbe un incontro con uno spirito del posto (genius loci), un figlio di Madre Thera che si nominò Tago. Shirdi si fermò a meditare a lungo, così riadattò una capanna tra gli olivi e iniziò a cantare e danzare sotto ispirazione. Alcuni contadini del posto, videro la cosa e ne furono contagiati, così chiamarono quel posto la Vincella del Drago (in lingia locale, botticella di vino mandrago) poichè, inebriati dalla presenza di un bimbo-drago (e buon vino) si videro come pigmei (mbuti) di fronte alla maestà di una natura vista con occhi nuovi, la capanna del simposio fu poi chiamata: la Therabuti.. molti decenni dopo, nel 1971, uno storico del posto, di nome Raseno (Léi sēn in mandarino), durante una ricerca a tutto campo sulle origini del nome del colle Vincella del drago, si imbattè nella storia del capanno Therabuti fondato dal mistico di Shirdi, così, assieme ai suoi colleghi di ricerca, anche di altri paesi (amici della Ghirlanda), viaggio in India al villaggio natìo del mistico, per trovare il mantra di Shirdi che, tornato in Italia, gli permise di rintracciare (mappa sonora) i resti del capanno originario nella valle del Biedano.. In seguito acquistò quel terreno, lo ripulì dai roveti e ripristinò il canto locale a Tago, buttando già la prima quartina del poema Liber tages. Col tempo visitatori vari passavano in quel luogo, chi in cerca di un lavoro, come Seba e Pamela (Lucani trapiantati nella terra degli et-rusci) decisi a rimanervi per ritrovare una vita meditativa, ovvero più lenta e sostenibile, in sintonia con i ritmi stagionali e i geni dei loro antenati; chi per scambiare ricerche ed esperienze con Raseno (Martin dal Messico, Romulo dal Perù, Yolanda dal Brasile, Sesto e Mallendi da Sri Lanka e dal Gabon) o per per offrire un sapere pratico, vedi Emilia l'ortolana e Taras il curandero. Lisa la musicoterapeuta (divenuta poi la compagna di Raseno), introdusse Kinaciau al Therabuti, Kino era un vecchio saggio Zutwasi, maestro di num-tchai, ovvero la danza della Giraffa praticata dai 'boscimani' del Kalahari. Nel 1992 un team del Therabuti, sotto la guida di Sesto, andò in Sri Lanka a visitare Tissagami, l'ultimo leader dei Vanniya-aeto (aborigeni Veddha), nel villaggio di Dambana. Tissagami si batteva per veder riconosciuti dal governo i diritti alla cultura (stile di vita) del suo millenario popolo; al termine della visita fece un oracolo e diede loro una profezia: il messaggio parlava di una età umana sulla Terra chiamata vijnana-maya-kosha. Al ritono in Italia, Raseno riavviò i simposi del tempio Therabuti, accogliendo studenti, ospiti ed esperti di tutti i continenti, desiderosi di ricercare la matrice aborigena di tutti i popoli. Raseno offriva frutti e bevande durante ogni simposio serale, una volta disse: "un tempio-scuola Therabuti è ogni luogo dove sia possibile richiamare alla memoria dei presenti, il mito del tempo del sogno, il bosco originario (in latino lucus, Luci), la foresta vergine misteriosa, la selva, piena di vita, ma anche di pericoli per l'essere superbo; la natura inconscia di tutte le creature del mondo: acque, bacche, erbe, animali, legna, funghi, umani.. Lucus è la casa degli antenati/dei (domus dei) di questa natura, accogliente, ostile o indifferente, a seconda dell'atteggiamento dell'ospite; è presente fuori e dentro tutte le creature. Se paghiamo un tributo di attenzione ai nostri antenati, sotto forma di versi, inni, musica, cibo, etc, allora c'è speranza che il tempo del sogno (ab origens), il genius loci (Tago), torni a contattarci, e indicarci il sentiero di uno sviluppo sostenibile, un sentiero sicuro su cui poggiare i nostri piedi, per uscire da una selva innaturale, da una commedia tragica a cui sembra destinata la vita umana sul pianeta Terra. Il Therabuti è uno di questi posti, un luogo dove si vedono le orme dei nostri antenati, si ascoltano storie, leggende, aneddoti, canti.. e si vivono esperienze di sempre: lavorare la terra, accudire gli animali, giocare coi bambini e osservare la varietà biologica e culturale della natura, anche umana. I popoli italici (Piceni, Latini, Rasna, Sabini, etc.), come altri popoli d'Europa, usavano chiedere al Genius loci il permesso per cacciare o tagliare alberi per fare legna, così in Messico (Tarahumara, Wirarika, Mazatechi, etc.), Perù, Usa (Navaho, Arapao), India, Nepal (Cepang, Sherpa), IndoCina (Khmu, Hmong, Mosuo, Manciu, etc), Indonesia, Oceania, etc. In Africa i Pigmei (babongo) chiedono direttamente all'Arbusto della sapienza della selva, come vivere in equilibrio sostenibile con l'ecosistema in cui sono ospiti (foreste pluviali del Gabon): i Mbuti credono che, mangiando iboga, la loro anima è libera di vagare per la foresta e parlare con gli spiriti di piante ed animali locali. Le radici della pianta d'Iboga sono i numi della saggezza pratica e spirituale dei Babongo che, essi, hanno gratuitamente trasmesso ad altri popoli che avevano perso le loro radici (Tsogo, Fang, europei, etc.). Ciò ha permesso la rinascita di culti e templi, più o meno sincretici, come ad esempio il Nsimalen temple in Camerun, le cui sacerdotesse ospitarono l'iniziazione di Seba e altri amici del Therabuti, alla religione del Buiti. Un Eden da rifare è la lezione di Paul Cèzanne, pittore francese che visse in volontario isolamento: dimentica ciò che c'è stato prima, riproduci ciò che senti. Cezanne, sorpreso da un temporale mentre dipingeva en plein air, riportato a casa da un contadino su un carretto scoperto, semincosciente e in preda a violenta polmonite, morì pochi giorni dopo.. dietro l'apparenza esiste un altra realtà, più autentica, dove l'uomo può essere felice, poichè è fatta per lui, liberi d'essere se stessi, da eventi e circostanze, liberarsi di sè. Ogni uomo ripete la storia dell'intera creazione, così il problema è duplice: da una parte ristabilire una corrispondenza con i fenomeni naturali, malgrado l'opposizione di una civiltà del tutto deformata; dall'altra, per mezzo della concentrazione, raggiungere il senso interiore più profondo fino a congiungerlo al senso cosmico: allora il cosmo si rivela una trama di forze magiche risvegliate anche nel corpo umano. Perchè il tempo si cancelli, occorre una totale coincidenza tra la presenza della natura interiore e quella dell'ecosistema circostante, immediatezza tra superfice e profondità; il minimo riflesso del passato basta a distrarre dal carpe diem. Qui le parole sono scelte, non si è più scelti da loro, la coscienza prende possesso di ciò che le appartiene: Quetzalcoatl è tornato e, assieme alle certezze, la gioia invade i presenti poichè ognuno ritrova la sua perduta natura; poi d'un tratto il silenzio, rotto solo dal messaggio, che trasmette il valore della vita trascendete. Dimentica ciò che è stato, dice Raseno a Sebastian, il retroterra di ogni uomo è contaminato di vergogna; ricordi e speranze si nutrono di immaginazione ma, dove penetra l'amore autentico, il tempo è cancellato e l'esistenza si spiega intera. Il sentire distrugge la mente, che non è mai presente e aspira ad esser ciò che non è, scavando uno spazio che ci perde e ci separa: accettarsi qual si è, senza nulla chiedere, sopprime tale spazio, l'immaginario si centralizza, concretizza e fa vivere (respirare) l'istante; un ultimo pericolo si profila, il desiderio di non aver desideri e si materializza, allorchè è oggetto di un assillante richiamo, ciò provoca nuovamente tensione e i sacrifici inumani che, soffre, chi ha deciso di vivere in santità: perseguire il non desiderio è ancora un desiderare; allora, con pazienza, permetti alle esigenze dell'anima di staccarsi da se, come foglie morte, giacchè lottare è rendersi vulnerabile: Raseno osserva i propri desideri, nella giusta luce, ne diventa indifferente testimone, così, toglie loro la sostanza, la mente non pensa a pensare, cessa la propria attività, le idee non si muovono più, lo spirito non prova desiderio di volgersi altrove, resta fermo nel presente, la forza di gravità non conta più, allora piano si ascende, mentre le paure fluttuano alla deriva, compare un deja vù, una memoria dell'origine sacra: Vivere è essere, Essere la propria legge, ecco il segreto della felicità. Tutto l'universo è vibrazioni, la società si serve di linguaggio profano imposto dal pensare utilitario, e di etichette che agita come spauracchi, ma per il poeta conta solo il suono, vibrazione capace di scuotere tutto l'essere. L'opera dello spirito si serve dell'opera della carne per affinare la sensibilità dello saman interiore, per trovare una via alla soluzione della malattia dell'infelicità; l'instabilità provocata dalla creazione genera alcune nevrosi dell'impossibile: un creatore si vende alla sua anima per resistere, non si autodistrugge ma attende che solo la sua opera, per sbocciare, lo distrugga. La felicità e un istante in cui si vive intensamente lo stato poetico: la scoperta di un altrove. Un alta concentrazione, coltivata nella solitudine, finisce col penetrare il segreto dei rapporti essenziali tra tutte le corrispondenze (Laozi). Gettare un ponte verso un altra dimensione, richiede di scoprire il punto preciso da cui partono le vibrazioni positive, il lavoro dello spirito consiste nel far sorgere dalla propria sostanza infinita, un apparenza di finito; man mano la pluralità delle vie si riduce e l'obiettivo si fa nitido. Raseno cita Josipovici: Gusterete questo mondo quando vedrete voi stessi come i soli suoi eredi, coperti di stelle e col mare nelle vene, il cosmo perduto (l'isola che non c'è) si comincia col ritrovarlo in sè stessi, poichè, noi siamo fatto della stessa materia di tutti gli altri mondi: cellula, elettrone e cosmo, son solo diversità di grado; tutti i mondi nascono e muoiono e un solo corpo può presentarsi in mille modi e punti di vista. Corrispondenze tra animo umano ed essenze dell'universo, esprimono gli stessi principi e reagiscono alle medesime influenze; così in questo corpo misero, travagliato da pene, limitato ma capace di coscienza, si trova il cammino che conduce al proprio superamento, dissipata l'illusione non è più l'io che vuole, ma il moto perpetuo delle energie, più che mai, il punto di vista umano, che limita e deforma, appare il grande responsabile delle sofferenze accumulate. Qui le sofferenze diventano balsamo: vestire il saio ruvido, cospargersi di cenere, sopportare fame e sete, restare immobili su una colonna per anni (stiloti e yogi), sognare le più folli torture per offrirle al proprio Dio, è possibile solo nello stato d'ipnotismo (accompagnato da anestesia) necessario ad ogni estasi religiosa; mutare i dolori in godimento fino a sopportare le lame, torture, rogo, spine, ecc, sono fatti che sempre si rinnovano là dove fede e fanatismo si danno la mano. La prosternazione è la dedizione, l'umiliazione spontanea della creatura al creatore, per adorare, ringraziare, soddisfare un bisogno irresistibile del cuore, un impeto di natura, poichè il divino appare più grande quanto più il suo fedele si fa piccino, onde venirne assorbito. Possedere ed esser posseduto, formula prima di ogni amore, così, l'orgoglio che ingigantisce necessita venir sacrificato, perchè si abbia un Noi, è necessario che l'Io di ambo le parti si impicciolisca, sfumi, si disciolga nell'estasi di un solo affetto, un solo pensiero. Finchè l'orgoglio tiranneggia, l'estasi ascetica, il grande amore, non è possibile poichè: solo i piccini entreranno nel regno dei Cieli. Il bimbo ispira tenerezza, il vecchio ispira reverenza, il bimbo è il fascino dell'ignoto, il vecchio è la grandezza del passato, la soavità dei ricordi, quanta storia si legge d'uno sguardo nelle rughe profonde, nelle cicatrici delle battaglie, commovente debolezza di chi ha consumato, vivendo, tutte le forze; debolezza di corpo e maestà dell'anima, mani tremolanti, ma sguardo di aquila. Malato che si cura e oracolo che si consulta, capo venerando che seda ogni procella, egli conosce e pre-sente già quell'altro mondo invisibile che temiamo o neghiamo, ma a cui sempre pensiamo. La testa del vecchio è come la cima dei monti, si contempla con ammirazione e si desidera salir fin lassù; quanta pazienza, dolori, battaglie e disinganni per conquistare quell'altezza! dall'alto del monte si ammirano più vasti orizzonti, si godono gli spettacoli più sublimi dell'alba e del tramonto, così dalle cime canute della vecchiaia, si contemplano le cose umane con l'alta serenità della lunga esperienza, della pazienza e del perdono. Lassù tutto tace e riposa, nel silenzio di chi ha già molto parlato. L'estasi è un sonno spirituale della potenza dell'anima, non tarpiamo le ali a chi ama volare, l'anima nelle orazioni s'avvede che il divino la sta mirando, sia nei templi nepalesi della dea Kali, in quelli indiani di Sravanabelagola o nella cappella di santa Caterina a Velha Goa, l'esaltazione ascetica va crescendo, l'orto del cuore partorisce nuove spighe di riso, e il Cervo Blu ci rapisce nel suo Eden. Posseduti da questa santa follia celeste, accade l'elevazione, il volo di spirito, inebriati del vino celeste, accade il delirio, il rapimento estatico: la nube del cielo, l'aquila divina, scende a rapirvi e trasportarvi in volo su contrade conosciute e sconosciute, è l'esperienza della wu, del wakan, dello saman. La fisiologia dell'estasi mistica è simile al quella del risveglio della kundalini, Lisa (o Caterina o Teresa) si strugge tutta, per inabbissarsi nel suo sposo celeste, giacchè è lui che vive in lei, sparsa di lacrime, resta la sua anima piena di coraggio che, se in quell'istante fosse fatta a pezzi per causa del suo Dio, grande le parrebbe l'avventura come chiara vede la vacuità del mondo: quando volevo resistere, sentivo sotto ai piedi una poderosa forza che mi levava in alto, la Dea è dominatrice, regina che tutto può, allora io passai notti insonni, come un uccello che solo sta sopra i tetti. Il Cervo blu che rapisce è come il Toro bianco che rapì Europa, poi, a contrastare il tormento di dover rientrare in questa triste vita storica, sale il senso della missione, la bandiera del profeta, così che il profumo della Dea sempre aleggi attorno: liberata da ogni sospetto d'illusione, riconobbi la mia semplicità, assorta nella pena, resa sublime agonia dalla certezza del rapporto intimo, fui spogliata e resa vera dal divino sposo, così, il timore che avevo avuto della morte, mi parve una benda agli occhi sicchè grande è la somiglianza tra l'estasi e la morte, morire è cosa facile per ogni anima fedele al suo Dio/Dea! Una volta venne la pioggia a dirotto, e io nel campo iniziai l'orazione allo sposo divino, e vidi un diamante che tutto rifletteva, tutte le altezze si somigliano, tutti i voli degli umani, creature ed eventi, tutti contenuti nel sogno di lui, come nello specchio di Venere e Oxun! In risposta a bisogni interiori (innati e indotti da culture locali), ogni religione può offrire diverse strade mistiche che, possono assumere toni estremi o aberranti (penitenze, privazioni, digiuni); così la mistica può essere al contempo un punto di contatto o un fattore di distacco. Ogni corrente può apparire anarchica e in contrasto alle varie Chiese, ma alla fine, tutte le Chiese eleggono mistici come massimi esempi della propria fede poichè, nell'estasi mistica l'uomo si unisce con la Verità ultima della propria esistenza e dell'intera realtà cosmica (greco mystikòs, esperienza diretta del sacrum). Nella soteriologia (salvezza) cristiana le persone posson trarre vantaggio dall'avvento di Cristo; quella islamica si focalizza su penitenza ed espiazione dei peccati per evitare la dannazione; quella Sikh, tramite la meditazione del nome di Dio, cerca l'unione mistica con Lui; quella induista insegna che siamo coinvolti nel ciclo di morte-rinascita (samsara) ma si può raggiungere la liberazione (moksha); quella buddista insegna il distacco dal mondo materiale e dal dolore per raggiungere lo stato d'estasi e illuminazione (nirvana o satori); quella giainista enfatizza penitenza ed ascetismo dell'anima; quella epicurea suggerisce la temperanza (αταραξία), vita semplice, assenza di dolori/passioni/inquietudini; quella stoica suggerisce la coltivazione delle virtù di forza e distacco; quella giudaica enfatizzano la moralità in questa vita per vederne i frutti nell'altra vita; quella daoista invita a conoscere se stessi, identificandosi con il Dao e governando se stessi. Gli Egizi chiamavano la loro terra Kemi, in arabo, Al Kemi, Al-Kimiyah الكيمياء, ovvero, l'arte egizia di fondere più forze, unio mistica, nulla si crea e nulla si distrugge. Le illustrazioni medievali e rinascimentali ritraggono tre principali stadi in cui la materia si trasforma (la nigredo, l'albedo e la rubedo) a mezzo di simboli animali reali o fantastici: corvo, cigno e fenice. Anche il serpente ouroboros, che si mangia la coda, ricorre in figurazioni alchemiche come simbolo della ciclicità del tempo e dell'En to Pan (Uno in Tutto). In Cina abbiamo il drago-fenice, e la fenice depone l'uovo cosmico contenente la sostanza da trasformare. L'Alchimia cinese è documentata nel Ts'an T'ung Ch'i (un classico del Canone taoista scritto da Wei Po-Yang nel 142 a.C), commentario all'I-Ching o Libro delle Mutazioni. L'autore afferma che I-jing, dottrine taoiste e procedimenti alchemici, sono variazioni di un'unica materia. Egli basa il processo alchemico sui cinque stati di mutamento (erroneamente chiamati elementi): acqua, fuoco, legno, metallo e terra, e i due contrari: yin e yang (luna e sole), dalla cui dinamica si originano gli 'elementi'. Ogni elemento combinato con yang differisce da quello combinato con yin: il primo è attivo, il secondo passivo. La medicina cinese ha ereditato dalle due scuole di alchimia daoista (esterna ed interna), l'erboristeria e il qi-gong: la scuola esterna ricerca la lunga vita nella produzione di rimedi, elisir e pillole ricavate da vegetali, minerali e animali; la scuola interna ricerca l'immortalità con pratiche psicofisiche capaci di trasmutare sostanze e funzioni vitali corporee (respirazione, circolazione, digestione, eiaculazione, endocrinesi, etc). In India la trasmutazione dell’Io, che viene ucciso per far rinascere il Sé della coscienza pura, è detta Rasayāna (veicolo mercuriale), un'alchimia soteriologica per fare di corpo e mente il proprio laboratorio in cui sperimentare un altro piano di realtà, in cui si diventa pietre vive. Uscire dal sogno della veglia, attraverso l'amrita (il greco ambrosia, cibo degli dèi) e le filosofie della liberazione graduale o immediata, porta alla condizione di vita senza morte, lo stato del jīvan mukta, il liberato in vita. Esponendo la teoria dei rapporti tra alchimia ed inconscio, Jung vide il lavoro alchemico come ricerca spirituale, cioè itinerario psichico che conduce alla coscienza di sé e alla liberazione dell'io dai conflitti interiori: 'l'alchimia è la proiezione degli archetipi dell'inconscio collettivo (vijnana) nel mondo materiale; le fasi dell'opus alchemica e l'immaginazione onirica riflettono la stessa scoperta dell'essere interiore, la presa di consapevolezza della propria individualità. Gli studi esoterici (greco εσώτερος esoteros 'interno, invisibile), sono studi sulla natura interna dell’uomo, alchimia, introspezione, psicoanalisi, prassi magiche, mantiche, calcoli, credenze, iniziazioni. Shirdi diceva che tali arti son di difficile approccio e, per capirle bene, vanno studiate nell'uomo, nelle sue attività quotidiane: 'nel cibo è l'alchimia, nella respirazione il clima, nella parola e gesto è la magia, nel pensiero la Cabala e nel canto la mistica'. Piangere nei grandi dolori vuol dire non morirne più, pregare nelle grandi disperazioni vuol dire guarirne; l'uomo è nato alla gioia e si ribella contro i grandi dolori gratuiti, il dolore che prega è la vendetta che si discioglie nel rimpianto, la forza che si dichiara vinta, il malato guarisce, rimane una cicatrice o storpiatura, una paralisi o un acciacco, ma la vita è salva. Pregare vuol dire domandare, con la preghiera molti suicidi furono evitati, molti delitti morirono appena pensati, colui che vuol darsi all'orazione, deve fare di un suolo depauperato un giardino zen, così che il divino maestro possa deliziarsi, coltivando egli stesso l'Eden che gli viene dedicato, noi come buoni permacoltori, useremo la vita di Fukuoka, Channausen, Tissagami, Krisnamurti, etc, come soggetto abituale della nostra lunga meditazione, per fare poi in piccolo, buche e modelli di aiuole miste, dove l'acqua piovana si fermi e penetri, coscienti dei possibili overflow (flussi di acqua eccezionale da gestire comunque), per saturare le spugne di pacciame vegetale, intengrandole con fungi, animali e altre risorse (efficienza) e infine, osservare e ascoltare il feedback, meditare di nuovo e correggere gli errori del sistema. Fiori e piante diverse rallegrano con le bellezze di tutti i continenti: viola tricolor, gardenia africana, ciclamino europeo, fucsia americana, camelia cinese. Nessuna goccia di sudore è perduta quando fatica e sudore sono spesi nel culto del bello, Dio universale che innalza, ingentilisce e dispensa gioie, poichè l'anima è fatta della stessa essenza dei fiori, armonia musicale è armonia di colori. Ognuno di noi è rapito in estasi solo da quelle cose che più confanno alla nostra natura; perchè questa avvenga dobbiamo essere artisti e trovarci in uno stato di entusiasmo, cioè una vivacità singolare, una reazione alle impressioni esterne o affettive percui si risponde con impeto, tutto può essere sorgente della gioia e fonte del bello: una scalata al monte, un viaggio in autobus, ai piedi dell'himalaya, con o senza vino, può inebriare: il poeta è un creatore ed ha la sua estasi, come i rivoluzionari hanno la loro e gli animali la propria. Ogni generazione ricanta lo stesso inno, deplora le stesse impotenze: il mare che non dorme mai, le stelle che narrano, i monti che sfidano, le piante e i fiori che attirano ed imitano le forme di femmine d'insetti per invitar gli impollinatori, o parlano con profumi graditi a uomini e donne per sempre dire: non ti scordar di me! Tutto può rapire in estasi, tutto è zen, ipnosi, meditazione, Carpe diem! 33.䷠ Shirdi: 父 fù (father, rad.88) Terabuti, storia di un tempio


Gerard Sesto al simposio della sera, parla di minoranze etniche di Cina e Indocina, per arricchire il nostro mondo interiore: inizia dagli ultimi Mlabri della Thailandia, il popolo della Foglia Gialla che, un tempo, viveva libero nelle foreste dell'Indocina. Oggi la Repubblica Popolare Cinese, stato multietnico unitario, riconosce 56 gruppi etnici (Mínzú 民族), di cui il 92% è quello Han e le altre 55 sono minoranze; molti gruppi non sono classificati o incluse. Zhōnghuá Mínzú 中华民族 indica il concetto di popolo Cinese, di là dell'elemento etnico, usato a includere Han, Manchu, Miao, Zhuang, Yi, Mongoli, Tibetani, Russi, etc, elaborato in Cina da Sun Yat-sen e Liang Qichao, quando nel 1895 progettarono di rovesciare la dinastia imperiale Manchu e stabilire la nazione-stato Cinese sul modello di Germania e Giappone, in risposta alle pretese di dominio degli stati europei. Musuo 摩梭 e Naxi 纳西族 (NaxiZú) originano dal popolo Qiāng (羌族 qiāng zú), ovvero le etnie stanziate nella regione montuosa nord occidentale del Tibet (山 KunLun Shan, attuale Turkestan Orientale) nel QingHai, GanSu meridionale, SiChuan occidentale, nord YunNan e l'antico territorio di Shanshung che aveva la capitale presso il lago Manasarovar e il monte Kailash. L'ideogramma 羌 (人 uomo + 羊 pecora) riflette l’attività di pastorizia e allevamento della società Qiāng. Durante le dinastie Sui e Tang i cronisti distinsero dai Qiāng nuovi gruppo etnici: NaXi, MuSuo e Bai tibetani, che si spinsero sempre più a sud e si stanziarono definitivamente in 4 regioni distinte: BaiSha, DaLi, lago LuGu e altopiano di YongNing. In lingua Musuo, il lago LuGu è chiamato Shinami, Madre Lago, Ganmu è la montagna e la natura stessa. Fino a poco tempo Naxi e Mosuo mantennero una società matrilineare, dove buona parte del lavoro grava principalmente sulle donne che hanno però ruolo centrale nei culti e nella discendenza da linea materna, indossano camicia e pantaloni blu e, i sovrani locali, sempre di sesso maschile, mantengono il concetto di femmina/donna 女 riflesso nella lingua (pietra-masso è femmina, ciottolo è maschio e femmina)e nei loro cognomi di prestigio: nella scrittura Han alcuni cognomi indicano ancora tali origini (ad esempio, Zhang Liang 張良, un nobile Zhou, ebbe cognome 姬). Come per l’etnia affine Musuo, le donne Naxi mantengono il controllo sulla componente maschile della loro società grazie ad una certa flessibilità negli affari di cuore. Il sistema degli Azhu (amici) consente ai partner di una coppia di avere rapporti e vivere ciascuno con la propria famiglia: il ragazzo trascorre la notte a casa della ragazza e poi torna a lavorare per la madre durante il giorno. I figli nati appartengono legalmente alla donna che è responsabile della loro educazione e vivono con lei. Le donne ereditano i beni della famiglia e, quando anziane, risolvono le controversie nel villaggio. Le donne portano un grembiule e un mantello chiamato 'pelle di pecora con occhi di rana', di color blu e nero, a forma di T (rappresenta il cielo), a impedire che il cesto portato abitualmente sulla schiena sciupi gli abiti: i due colori raffigurano il giorno e la notte, sette cerchi ricamati alludono alle stelle e, due cerchi più grandi posti sulle spalle, raffigurano gli occhi di una rana, divinità dei Naxi. In origine erano abitanti in grotte e dediti alla coltivazione, allevamento, e sfruttamento di risorse naturali disponibili (bosco, pietra, bronzo); in epoca Zhou emergono in città stato, la monogamia sostituisce la poligamia e altre forme di relazione, e i piccoli clan si organizzano in un largo clan comunitario: a Lijiang (Yunnan), vivono 260.000 NaXi da circa 1.400 anni; nelle loro abitazioni, accanto al focolare, esiste un altare per il culto degli antenati del clan, che rinascevano nei propri bambini. A Lijiang esiste anche la biblioteca con manoscritti della loro cultura/religione DongBa (meteo, astri, medicina, idraulica) dove i loro sacerdoti usano la una scrittura pittografia composta da poche centinaia di caratteri (unico idioma geroglifico in uso oggi). I Naxi Bai diedero poi vita a piccoli regni indipendenti, chiamati Zhao; nel 737, grazie all’aiuto della corte cinese Tang, Pileguo riuscì ad unificare gli Zhao in un solo regno del sud (NanZhao) composto dalla maggioranza Bai e la minoranza Yi (elite); alcuni poeti Bai (come Bai Yue Minzu Shi) furono inclusi nelle raccolte dei poemi di epoca Tang. In seguito, i buoni rapporti con la corte imperiale Tang si incrinarono, così si ebbero ribellioni e scontri militari concluse con sconfitte dell’esercito imperiale già in guerra con gli Arabi a Talas, in Asia Centrale; NanZhao si espanse fin nel Laos settentrionale, Tailandia e la presa di Chengdu. Nel 937 Duan Siping, il primo di 22 sovrani, stabilì a DaLi la capitale del regno, che fu distrutto 500 anni dopo (1253) dall’invasione dei Mongoli alleati ai Naxi contro il regno di Dali. Dal 1278 la Dinastia Yuan stabilì la propria prefettura a LiJiang a rappresentanza del proprio potere nello Yunnan. La carica di prefetto venne resa ereditaria dal capo clan Mude, che esercitò il potere sui Naxi e gli altri gruppi limitrofi fin tutta la dinastia Ming. La millenaria lingua DongBa (lett. uomo-saggio-saman, colui/colei che canta i testi pittorici nei villaggi montani) è parlata da circa 300.000 persone a Lijiang in Yunnan, YanYuan in Sichuan, MangKang in Tibet, Burna in Mayannar, sebbene oggi un alfabeto latino affianca la vita pratica di ogni giorno; i Classici DongBa, scritti con illustrazioni, sono considerati l'enciclopedia Naxi, poichè trattano l'intera cultura DongBa. Gli studi antropologici confermano il legame tra le religioni DongBa e Bön delle origini, dove, nella comune mitologia, natura e uomo sono mezzi fratelli nati da madri diverse. I dottori-sciamani Dongba, officiavano e pregavano per l’armonia tra uomini e natura. In seguito, i lama della religione Bon, sincretizzata col buddhismo indiano, arrivarono presso i Naxi, come allevatori e coltivatori, praticando riti di esorcismo e magia, in contrasto con le sacerdotesse locali, chiamate Llü-bu o Ssan-nyi, avviarono monasteri Buddisti, appartenenti ai lignaggi tibetani dei berretti Rossi; le Llü-bu, donne-sciamano esperte in divinazione e riti danzati eseguiti sotto trance, furon marginalizzate nel 19° secolo, dai sacerdoti DongBa che crearono un loro libro religioso di rituali. La natura divinità è chiamata Shu, così il rituale propiziatorio è detto Shu Gu; presso il villaggio di Baisha, la Montagna del Drago di Giada (玉龙山 YuLong Shan) è sacra, dimora del dio SanDuo a cui è dedicato l'unico tempio non-buddista di Baisha. Amore e rispetto per la natura (Shun) è illustrato in molte storie Dongba, dove spesso un Lao Min 老民 (elder) o lo sciamano (He Shun), proibisce ai propri figli di abbattere più alberi del necessario, onde non suscitare le ire degli dei e la sfortuna sulla famiglia. Oggi la religione Dongba è un sincretismo di elementi mutuati dal Buddismo, Daoismo, Islam e Cristianesimo dei missionari Francesi. La musica Naxi è anch'essa connubio tra diverse culture (musica taoista, confuciana, tibetana) e i canti in versi delle epoche Tang, Song, Yuan e Ming. La leggenda, come per la religione, riconduce le origini della lingua pittografica DongBa, alla religione Bon, ovvero allo sciamano 'Bon DongBa Shilo' (III sec), pellegrino in una caverna di Shangshung, e autore dei primi affreschi di LiJiang, murali arricchiti sino a oggi con motivo maoisti, buddisti, daoisti, tomisti Zen, ecc, poi trascritti su libri: nel libro BiPaoGua, fonte primaria di riti di ado/esorcismo e divinazione, è descritto che, quando un uomo si ammalava, lo sciamano otteneva dalla dea Pan Zi Sa Mei la cura per la sua malattia. I pittogrammi DongBa, paragonati alle incisioni aborigene e ai geroglifici Egiziani e Maya, differiscono dagli ideogrammi cinesi; furono studiati dal botanico Usa Joseph F.Rock, che pubblicò nel 1947 “The Ancient Nakhi Kingdom of southwest of China” e realizzò un dizionario Naxi–Inglese con l'aiuto di uno studioso italiano. La serie di pittogrammi raffigura motivi di esperienze sciamaniche, anatomia di scene di caccia o militari, condizioni sociali, mestieri, natura e scene di vita, fenomeni climatici, patologie viscerali e terapie varie operate da sciamani DongBa: aghi nell'atto di bucare, fumigazioni, qigong, riti di ado/esorcismo (danze in trance con capelli sciolti), divinazione. (ENG) The Mósuō 摩梭 people call themselves Na; they are approx 40,000 living in Yunnan and Sichuan Provinces in China. The Chinese government places Mosuo as members of the Nakhi, part of the Qiangic peoples of eastern Kham, followers of the Dongba religion which is rooted in Tibetan folk-religion. It is based on animistic principles and involves ancestor worship and the worship of a mother goddess, Gemu. As keepers of culture, Kham’s shaman and priests are often knowledgeable about trees, plants and animals and play an important role in environmental storytelling and mediation; While the priests are mostly interested in other-worldly religion, the shaman are liminal beings, ensuring harmony within the cosmos. The shaman in Kham (tibetan Lhapa, naxi Dongba, mosuo Daba, pumi Dingba), is able to identify sacred mountains, trees, animals and springs, and he could describe the stewardship measures they were expected to adopt to ensure blessing and protection from the numina associated with territory or landscape features. All Kham ethnic groups believe Gemu has been violated by the introduction of a cable car. They believe there is a causal link between her violation and the unseasonal hail and pine tree defoliation that occurred in 2004. Mosuo economy-&-culture is primarily agrarian, with work based on farming tasks such as raising livestock (Yak, water buffalo, sheep, goats, poultry) and growing crops. Farmers work seven hours a day and seven months a year. In the past, they cultivated oats, buckwheat, flax, while today: sunflowers, soybeans, potatoes, pumpkins and beans. Potatoes were their main staple for a while until the mid-twentieth century when they began growing rice. The people are largely self-sufficient in diet, raising enough for their daily needs. Meat is preserved through salting or smoking; The Mosuo also fishing on LuGu Lake and also set land-based fish traps. Once a year, Mosuo males gather for a livestock fair. They travel for miles on buses, horses, or foot to attend. Here men sell and trade livestock to supplement household incomes. For water, communities rely on wells or streams. Mosuo males are in charge of livestock and fishing, which they learn from their uncles and older male family members as soon as they are old enough. The pig eats acorns and under the oak tree it's its favorite place in the late summer, before her mistress call him back from the forest. Here the sow is coupled with the boar and then get babies. Even the Bear is an avid eater of acorns that, in the past, were toasted and flour obtained from it, was used for infusion to strengthen the power of the phallus. Males deal with the slaughter of livestock, in which women never participate. Slaughtered pigs, in particular, are kept whole and stored in a dry, airy place that keeps them edible for up to ten years. This is especially helpful when harsh winters make food scarce. Pig meet and manure are useful up hymalayan mountains. Pork plays several important roles in Mosuo society. It is fed to guests, is the obligatory offering at funerals, and used as payment or reimbursement.It is a kind of currency and a symbol of wealth. The Mosuo are renowned for their preserved pork, which may be kept for 10 years or more. They produce a local alcoholic beverage made from grain, called sulima, which is similar to strong wine. Sulima is drunk regularly and usually offered to guests and at ceremonies and festivals. The dwarf banana, also known as the golden lotus banana is native to the Yunnan province in China, where it grows high in the mountains up to 2500 m. It is known for its yellow erect flower, generally appearing during the second year of cultivation, that can last a few months. Just before opening, the flower resembles a lotus. (IT) Il taoista Fiore d'oro (Musella lasiocarpa, fam. Musaceae) o Banano a fiore giallo, è un erbacea perenne che da adulto raggiunge 1,5 m di altezza; mette un fior giallo al secondo anno e lo tiene molti mesi; a differenza del banano non cresce molto e, le banane che maturano dai fiori dopo l’impollinazione, non sono eduli; la pianta madre muore per lasciar posto ai tanti figli nati ai suoi piedi. Seba, ogni anno in primavera, osserva un tenero virgulto far capolino in cima al fusto morto in inverno; evita di annaffiare eccessivamente tutti i banani, lascia il terreno asciutto per almeno un paio di giorni, poi bagno il substrato in profondità ogni settimana. Una volta uno dei banani cominciò a ingrossarsi nella parte alta, come mai prima; a luglio ne emerse un ricettacolo giallo, petali (brattee) pian piano aperte, scoprendo piccoli fiori che attirarono molti insetti. (ENG) The Mosuo believe the animals and trees are innocent. They do not kill them without reason and they appease the territorial numina at local altars during the Zhuanshan Festival (25th July) to worship Gemu (nature, Lion Mountain) and pray for her protection. The Ah-mi, or elder female, is the head of the house and make business decisions, however political power tends to be in the hands of males. She decides the fate of all those living under her roof. She manages the money and jobs of each family member. When the Ah-mi wishes to pass her duties on to the next generation, she will give this female successor the keys to the household storage, signifying the passing on of property rights and responsibility. If there are no offspring of one sex, it is common for a child from another family to join an adoptive household. Such a child might come from a large family, or one too small to continue (as the bee). Children raised in this sense are genealogically linked to their new households. They are treated as equal family members; in some instances, adopted females become the Ah-mi of their adoptive families. Most of Mosuo live around Lugu Lake, high in the Himalayas. Local economies tend to be barter-based. However, increased interation with the outside world brings greater use of a cash-based trade system, causing financial restrictions when cash is needed for education or travel. Mosuo homes consist of four rectangular structures arranged in a square, around a central courtyard. The first floor houses livestock, geese, and poultry. Animals may wander through the house during the day. The main cooking, eating and visiting areas are also on the first floor. The second floor is commonly used for storage and for the women’s private rooms; other family members sleep in communal quarters. The coming-of-age ceremony, which occurs at the age of thirteen, is one of the most important events in a Mosuo child's life. Before this ceremony, Mosuo children all dress the same and are restricted from religious rites. Also, a child who dies before this ceremony does not receive the traditional funeral. Once they come of age, girls are given their skirts, and boys are given their trousers both ritually. After coming of age, Mosuo females can get their own private bedroom, called a 'flowering room'; and, once past puberty, can begin to invite partners for 'walking marriages'. There is no traditional marriage in Mosuo culture, no husbands or wives but just walking marriages (zou hun in Chinese) or visiting relations, in which partners do not live in the same household. These bonds are based on mutual affection. Children of such relationships are raised by their mothers and the mothers' families. The Mosuo have large extended families, and several generations live together in the same house. Everyone lives in communal quarters, and there are no private bedrooms or living areas, except for women between certain ages who may have their own private rooms. When a Mosuo woman or man expresses interest in a potential partner, it is the woman who may give the man permission to visit her. These visits are usually kept secret, with the man visiting the woman's house after dark, spending the night, and returning to his own home in the morning. Mosuo men and women continue to live with and be responsible to their respective families. The couple do not share property. The father usually has little responsibility for his offspring. It is the job of men to care more for their nieces and nephews than for their own children. A father may indicate an interest in the upbringing of his children by bringing gifts to the mother's family. This gives him status within the mother's family, while not actually becoming part of the family. Whether or not the father is involved, children are raised in the mother's home and assume her family name. Walking marriages can be initiated at will and ended in the same manner. Only rarely do families become involved. The primary tasks of Mosuo shaman called Daba, are to perform exorcisms and assist deceased spirits. They drink alcohol until they go into a trance and can converse with these spirits. All Daba priests are male, and they live in their mother's house with their brothers and sisters. When not pursuing their religious duties, they engage in everyday tasks such as fishing and herding. The daba is mostly called on to perform traditional ceremonies at key events, such as naming a child, a child's coming-of-age ceremony, a funeral, or special events such as the Spring Festival. The daba is also called on to perform specific rites if someone is sick. Death is the domain of men, who make all funeral arrangements. It is the only time men prepare food for family and guests. Usually, every family in the village will send at least one male to help with the preparations. Dabas and Lamas are invited to recite prayers for the deceased. Mosuo believe that if a spirit does not have assistance of a Daba, it will be lost. Without Lamas, a spirit will not be able to attain reincarnation. Caskets are small and square, with the deceased's body placed in the fetal position so that that it can be reborn in the next life. During cremation, a decorated horse is led around the fire, which Mosuo believe will help carry the deceased's spirit away. Afterwards, friends and family gather to pay their last respects and wish the deceased an easy journey to their ancestral land. those who die normally are categorized as ancestors and viewed as good ghosts. The others are called wild ghosts, who did not die in a normal way. In Mosuo culture, a myth describes that long ago, dogs had life spans of 60 years while humans had life spans of thirteen years. Humans felt their life span was too short, so they traded it with the dogs in exchange for paying homage to them. Therefore, dogs are valued members of the family. They are never killed, and they most certainly are never eaten. During the initiation rites into adulthood, Mosuo adolescents pray before the family dogs. The horse mulberry shrub (Coriaria sinica) contains many spirits. These spirits frequently come to the village and make people sick. Thus, the Mosuo people are sure to worship the horse mulberry when they are sick. A smelly and poisonous tree, known locally as ci xiangshu, which is said to be haunted by spirits who make people sick. The local daba have a text called Wabu, which is used to worship the tree. Another tree, the pu-erguoduo, is known as the tree of fertility, and is worshiped by those who want to have children. Divination is used to determine the location of ghosts: Mosuo people chant the name of the ghost while measuring the length of the garment. They measure it over and over while they chant the names of various ghosts. The ritualists pick seventeen 12-centimeter-long sticks of wood, then split them in half to make seventeen pairs. The uncut sides symbolize inauspicious omens while the cut sides symbolize lucky omens. If a family member becomes ill, a daba has to be invited to divine with pebbles. The area where the most fell indicates the direction of the ghost that was offended. A lump of moxa (wormwood) is placed on a bone, and the daba recites the scriptures and lights a fire to heat it. Then, looking at the cracks that appear, he makes a divination. Four directions are represented on a bone: the upper part corresponds to the heavens; the left section refers to oneself, if the cracks in the direction of the heavens and one’s own place are longer, it is considered to be a good omen. The Mosuo call chicken divination awola-er. The rooster’s tongue bone is found where three head bones intersect, with the middle bone being shorter than the other two. This center bone symbolizes the kitchen god, Zhanbala. Chicken-egg: the position of the yolk with relation to the white. If the border between the two is clearly defined, it is good luck. From this, the state of a sic person’s condition can be divined. Behind the hearth is a slab of stone and an ancestral altar where Mosuo household members leave a food offering before each meal. When a person falls ill, a daba is asked to conduct a sort of magic called chu-erpa; with the ill person at the center, he throws the stones in the four directions in an attempt to exorcise the ghosts and thereby cure sicknesses, yelling: 'Get out! Get out! For Torch magic, two people are involved. The one in front raise the torch and walks forward. The other follows behind, carrying a saw in hand and sprinkling water on the torch. These actions are said to repel negative forces from the ill person. In the evening, the daba takes a certain number of live coals from the fire pit and places them on a yellow wooden board. Then, he places it on the path. This is believed to prevent sickness ghosts from coming to make surprise attacks. Large doors are guarded by four spirits (as the Etrurian statue of Janus with four faces/season). The spirit above the door is a mythical bird like a flying eagle. The spirit on the left side is a yak, like a calf. The one on the right is a tiger. The spirit below the door is a lion. East is white platinum. West is yellow wood. South is blue water. North is red fire. Middle is black earth. Mosuo females do all the housework: cleaning, tending the fire, cooking, gathering firewood, feeding the livestock, spinning and weaving using looms to produce cloth goods. In the past, due to isolation, Mosuo women produced all their own household goods. Mosuo families tend to trace their lineage through the female side of the family. Occasionally, in fact, they may not know who the father of a child is, which does not carry stigma as in many other societies. the Mosuo social organization has traditionally been feudal, with a small nobility controlling a larger peasant population. The Mosuo nobility practiced a parallel line of descent, in which the father passed his social status to his sons, while the women passed their status to their daughters. Thus, if a Mosuo commoner female married a male serf, her daughter would be another commoner, while her son would have serf status. In other Asian cultures, marriage is seen as a group decision, and it works to serve the economic and political interests of these larger parties. Walking marriages, however, negate these social pressures and allow more independence. It is still practiced, so a person’s current lover is called an 'azhu' (male lovers) or 'axia' for female lovers.. On the twenty-fifth day of the seventh lunar month, those who are infertile must walk ahead, as well as some azhu. On the way, when they come to a river they build a bridge, when they come to a road, they fix the road. People believe that fixing a bridge is a good deed, and that, by accumulating good deeds in secret, one will receive some good thing in return and that doing numerous good deeds will bring good luck. In order to seek fertility, offer sacrifices to Ganshui Mountain and walk aroung Lake Lugu. In the Zuosuo area, during this occasion, both male and female azhu walk together. On the right bank of the Qiansuo River, two caves constitute Daerwo. Those people who walk to this place, childless adults, all do so to ask for children. When they arrive there, they first burn some pine needles as an offering for the female deity, Badinglamu. They throw small stones into the caves. First, they aim for the larger grotto, and then for the smaller grotto. If they throw stones in the caves, it’s seen as assuring that they will be able to give birth to children. It is the throwing indicative of semen’s being ejaculated, and also it indicates the entry of a soul into the woman’s womb for reincarnation. (IT) Sesto, in un campo profughi del nord Thailandia, fà amicizia con Paj, un neng di etnia Hmong/Miao che gli narra la sua storia e quella del suo popolo. Le donne hmong usano trasferire queste storie sui loro disegni su tessuti, detti Pai Ntaubs, e usati come federe o appesi alle pareti come arazzi. Le storie ricamate incorporano vicende della singola famiglia hmong, la vita del villaggio, la morte, il disturbo della guerra, l'emigrazione e la vita in una terra nuova. I racconti popolari Hmong, descrivono un antica patria, di ghiaccio e neve, oscurità e luce, come la Siberia centrale. I Hmong (Miao) sono tra i primi abitanti aborigeni della Cina storica. Nel VI secolo, con la Cina in guerra tra fazioni, i leader Hmong si unirono a formare un regno nelle province centrali di Hunan, Hubei ed Henan. Il loro regno fiorì per centinaia di anni ed essi possedettero terre, eserciti, e una lingua scritta. Nella guerra continua contro l'espansionismo cinese tuttavia, il re Hmong fu ucciso, la sua famiglia massacrata e il regno distrutto. I hmong sopravvissuti alla repressione fuggirono nelle aspre montagne del Guizhou, Yunnan e Sichuan, dove i loro discendenti vivono ancor oggi. Nel corso della loro fuga, il Libro Hmong (potere della lingua scritta), per metà cadde nelle acque del Fiume Giallo e fu perso, e per metà fu mangiato dai hmong stessi, che morivano di fame. Nei canti, l'antico regno Hmong è celebrato come un età d'oro assieme ad un proverbio: C'è sempre un'altra montagna! Molte altre canzoni del repertorio Hmong, raccontano di un orfano che, pur vessato e discriminato dagli altri, non ha mai rinunciato a divenire un uomo e, lavorando giorno e notte con auto-disciplina e perseveranza, infine, fondò il suo villaggio. L'orfano della storia richiama il popolo Hmong stesso, che, orfano e senza un paese, tenta di sopravvivere e rifiorire ovunque vada. I Hmong/Miao vivevano lungo la Via della Seta che attraversava le province attuali di Sichuan e Hunan (cuore degli antenati Miao già dalla dinastia Zhou), dove il primo tempio buddista di Shaolin è stato costruito con l'arrivo di Bodhidharma (in mandarino Damo, fondatore del Buddismo Chan/Zen). Bodhidharma seguiva la strada di Kumarajiva, il monaco indiano che portò il buddismo in Cina su richiesta di Yao Xing, sovrano di X'ian nella tarda dinastia Qin. Inseritosi a Shaolin, Bodhidharma meditò di fronte a un muro in una grotta vicina per nove anni. Dopo quel tempo, introdousse un nuovo sistema di esercizi basati sul canto rituale dei sutra di Kab Yeeb (culto di Guanyin), tradotti nelle scritture indigene (Miao e altre) elaborate dai Monaci Shaolin. Al centro della cultura Hmong sta lo Txiv Neeb (o tsi Neng, padre-maestro degli spiriti), l'uomo-sciamano che affonda le sue radici nella terra e ramifica verso il cielo. Nella cosmologia hmong, il corpo umano è il ricettacolo di un certo numero di anime. L'isolamento e la separazione, di una o più di queste anime dal corpo, può causare la malattia, la depressione e la morte. Molti riti di cura sono, allora, riferiti come chiamata dell'anima. Se l'anima si separò dal corpo a seguito di spavento (susto) o fu rapita da una forza malevola, essa deve poter tornare al suo corpo al fine di ripristinare l'integrità della vita. Chiunque sia stato spruzzato con l'acqua santa o sia stato preso da un frammento di uno degli utensili di Shee Yee (sciamano antenato), è stato eletto per essere un Neng, un medium per uno spirito di guarigione (neeb). Quando i Neng perseguono l'anima perduta di un malato, invocano gli spiriti familiari e il cavallo alato di Shee Yee per salire/raggiungere il suo cielo. Nel mito Shee Yee si trasforma in una piccola formica rossa e morde il malevole spirito sui testicoli (simile alla S'argia di Sardegna). Lui ha imparato a mutarsi in tutto ciò che desidera, al fine di volare come il vento, stornare i malevolenti spiriti, guarire i malati e risuscitare i morti. I servizi di Shee Yee, come guaritore, erano necessari poichè vi erano troppe malattie nel mondo, egli è assistito da un cavallo alato, una ciotola di acqua santa, una set di strumenti di cura magica (sciabola, gong, sonaglio e una coppia di campane dito) e da una troupe di spiriti familiari detti Kaying. Quando i suoi spiriti familiari sono presenti, il Neng può entrare nella sua trance a volontà: siede sul cavallo alato di Shee Yee, incrocia i piedi sul tappeto e fa una danza ritmica seguendo l'eco del sonaglio che tiene nella mano destra e la campana a dito che porta sulla mano sinistra. Nel frattempo il suo assistente batte il gong per dire agli spiriti che il viaggio comincia. Durante la trance, un Neng viene trasportato in un altro mondo attraverso il cavallo alato, una panca di legno di solito non più larga del corpo umano. Il corno di bufalo, più volte gettato al suolo, rivela in quale sentiero l'anima è andata. Il Neng, durante il raggiungimento dello stato di trance, indossa una maschera di stoffa che lo aiuta a concentrarsi e agisce come un travestimento dagli spiriti maligni nel mondo degli spiriti. Durante il tempo in cui il neng salta sulla panchina-cavallo, gli assistenti lo aiutano spesso a bilanciare. Si crede che se uno sciamano cade, prima che la sua anima sia tornata al suo corpo, potrebbe morire. Un modo in cui un Neng restituisce l'anima a un dato corpo, è attraverso la legatura rituale di fili e cordicelle al polso: corde Bianche, rosse, nere o blu, aiutano a proteggere la persona da spiriti maligni cause di malattia o distrazione. L'anello di sonagli (come arma da guerra) vibra per primo, e tu sai che gli spiriti stanno arrivando. Per due ore, Paj, il Neng amico di Sesto, viaggia attraverso il mondo dello spirito alla ricerca della sua anima perduta, quando la scopre deve lottare per essa con il Dio della Morte. Lo zio di Paj getta le corna di bufalo a mo di dadi, per vedere se l'anima è tornata. Quando lo è, tutti i parenti legano i lacci ai polsi (braccialetti) per fissare le anime ai loro corpi. Ciò li mantiene sani a lungo. Quando Paj sente indietro il canto di un gallo, sa che quella è la direzione dove andare per trovar gli antenati: Tiene il suo gallo con lui per aiutarlo a trovare i suoi antenati (indonesiani?), e quando arriva al cielo giusto, il gallo canta. Il Capodanno Hmong inizia al primo canto del gallo nel primo giorno della luna crescente come nel calendario cinese, solare nell'anno e lunare nei mesi. Il primo giorno di ogni mese è il giorno di luna nuova. Il calendario Gregoriano fissa il primo Gennaio come inizio di ogni anno mentre il calendario cinese fa coincidere l'inizio dell'anno con il primo giorno di luna nuova del nuovo anno solare: Il suo primo giorno dell'anno quindi, è sempre compreso tra il 21 gennaio e il 20 febbraio del calendario papale. Il capodanno hmong, è una settimana di festa che si celebra il dodicesimo mese lunare con canti, balli e offerte di cibi preferiti agli spiriti, ci si astiene dalle critiche e si prende una pausa dal lavoro e dagli affari estendendo la pausa, anche agli animali. Il Fiore di papavero da oppio (May Ying, Kab yeeb, Guayin), usato come medicina antidolorifico, può facilitare la trance cerimoniale dello txiv neeb. I Hmong chiamano Yang (Yaj) il mondo degli umani e Yin (Yeeb) il mondo degli spiriti rivelato da Kab-yeeb, divinità della compassione. I credenti devono cantare il suo nome e i sutra appropriati per ottenere i suoi doni. Come gateway universale, Kab-yeeb/Guayin è rappresentato con una bottiglia d'acqua ed è simbolo dell'amore, fertilità e protezione di bambini e malati. Nella tradizione cinese Mahayana, diviene il Bodhisattva Guanyin 观音 (o Kuan Shi Yin 观世音 dopo la Dinastia Song 960-1127), nella tradizione Theravada rappresenta il re e nel buddhismo tibetano, il Dalai-Lama. Il mondo spirituale Hmong è governato da coppie di spiriti, dove ciascuno ha un nome o è classificato con un marcatore di genere (niam-nkauj è madre-bambina-femmina, txiv-tub-nraug è padre-bambino-maschio) e gli è assegnata una funzione complementare. Lo spirito che accetta l'offerta non appartiene al gruppo degli spiriti tutelari della famiglia, ma come ogni spirito selvaggio del mondo, necessita di venir adorato, nel suo luogo. Kab Yeeb è: 1) Spirito Antenato della Fertilità (pianta del Riso, Opium, Dab Pog, Guanyin) che vola ovunque; 2) una coppia di spiriti ausiliari dello sciamano; 3) uno spirito guardiano femminile, capace di amore paziente verso i bambini che non hanno ancora raggiunto lo stadio del linguaggio. Nel caso in cui il bambino muore, Dab Pog se lo riprende; ersonaggio di racconti popolari, i genitori usano Dab Pog per disciplinare i loro figli: così Lei viene a notte tempo e ruba i bambini disobbedienti, oppure le madri spiegano alle figlie, quando arrivano le prime mestruazioni, che hanno ottenuto la coperta rossa da Dab Pog. La preghiera o invocazione ad alta voce del nome di Guanyin, quando sincera e abbastanza disperata, ottiene una risposta, ma Lei non agisce gratuitamente. Per aiutare una donna che desidera dei bambini, lo sciamano deve eseguire una sessione di ricerca, circa il motivo della sterilità. Se Kaying può aiutare, verrà preparato un tavolo da pranzo così il Neng potrà chiamare Kaying e scambiare il favore con le offerte di cibo e acqua. Galline (公鸡 母鸡), maiali, e selvaggina sono le carni più consumate. I villaggi Hmong differiscono dagli altri, non sono né recintati né hanno ponti. Una tipica casa è 10 x 10 metri e due metri sopra il terreno, ha supporti in legno e bambù, pareti e pavimenti di bambù intrecciato e una tetto spiovente ripido, di paglia sostenuto da canne di bambù. Il tetto di paglia raffredda quando fa caldo e scalda quando fa freddo. La casa di solito è divisa in una camera da letto interna ed un soggiorno esterno con camino che funge da cucina. Polli e suini sono tenuti sotto casa e in giardino recintato circonda la casa. Molti gruppi di minoranze etniche che son stati spostati e insediati in pianura, sperimentano marginalizzazione perdita di potere economico, di status e di lavoro. Vivendo negli altopiani, la maggior parte di loro è in gran parte autosufficiente, ora devono lavorare per qualcun altro piuttosto che per se stessi. Dove prima i vicini di casa si sarebbero aiutati a vicenda, ora sono concorrenti. Il reinsediamento ha un altissimo costo per gli Akha, molti villaggi hanno perso metà dei loro membri a causa di nuove epidemie, mancanza di terra, disoccupazione, mancanza di casa, insicurezza alimentare e disarticolazione sociale." I Hmong credono che gli esseri viventi abbiano più anime; ciò che i medici chiamerebbero malattia mentale, è attribuito a un fegato ammalato o danneggiato per la perdita dell'anima (esilio, perdita della casa, nostalgia degli anziani per la loro fattoria e rituali). Quando ciò accade, il malato cerca uno sciamano (Neng) per eseguire rituali di guarigione al fine di richiamare l'anima. Oggi molti Hmong, negli Stati Uniti, usano la medicina allopatica in collaborazione con la medicina a base di erbe e sciamani. Molti rifugiati, al loro arrivo negli Usa, a mezzo di una cerimonia, desiderano richiamare in America, più anime rimaste in Laos. Tale rituale è parte del processo di guarigione che permetterà ai rifugiati di proseguire con la propria vita in Usa. Aspetti psicosociali e culturali offrono un contesto alla malattia, riflettendola nei disturbi del fegato. L'Analista, nel paziente cerca di provocare l'auto-analisi, di graffiare la parte ferita del sé, mentre, un Neng fornirà una spiegazione che eviti tutte le auto-implicazioni di senso di colpa del paziente. Il paziente viene da lui rappresentato come vittima di un'aggressione da parte di poteri esterni o di una separazione accidentale da una parte del suo Sé. Quando questa situazione è stata identificata e superata, dallo sciamano, la salute è recuperata. In nessun momento c'è un senso di colpa associati alla sofferenza, il Neng mantiene l'esclusione di colpa dalla transazione. Il medico cura la malattia locale, mentre il guaritore indigeno guarisce la malattia globale dell'anima-paziente. Quando qualcuno è malato, la famiglia si consulta con un oraclo-diagnosi che determinerà la causa della malattia. Se la malattia è determinata da spiriti, un Neng verrà consultato. Se la causa è intossicazione alimentare, cattiva digestione o squilibrio energetico, la famiglia consulterà l'erborista e massaggiatore / agopuntore. L'Erboristeria è anche usata per curare le malattie sessualmente trasmissibili e le ossa rotte. In molti casi, il trattamento coinvolge tutte e tre le arti. Il Neng si occupa di spiriti e guarisce le anime, mentre l'erborista aiuta a ripristinare l'energia vitale (num, qi, mana, prana) del paziente-anima accelerando il processo di guarigione. Lo sciamano Hmong, a volte rifiuta la chirurgia quando ritiene che una malattia ha una causa spirituale. La morte (e la vita) potrebbero non essere così importanti come l'armonia dell'anima in sè. la cerimonia di chiamata dell'anima è un dramma festoso e affettuoso saturo di umanità. I Hmong tradizionalmente, coltivavano piccole quantità di oppio per scopi medicinali. E' accettabile per le persone anziane fumare oppio e passare la fine della propria vita in pace, ma la stessa euforia è considerata vergognosa per i giovani che ne diventano dipendenti, così come, è considerato virtuoso che le ragazze Hmong non usino l'oppio per sedurre i visitatori. Una delle cause storiche che portava i Hmong a coltivare più oppio, fu la necessità di acquistare il sale dato che non potevano estrarlo nelle loro terre. La ricerca per il sale era una necessità che i Hmong scambiarono sovente con parte dei loro raccolti di riso ed oppio. Quando il sale divenne monopolio governativo, il prezzo eccessivamente alto alimentò contrabbandi e rivolte nello Hunan, già nel 1043. Le rivolte Hmong del 1855-1881 nel sud della Cina, interruppero le coltivazioni di oppio e, a seguito della brutale soppressione del 1881, molti Hmong migrarono verso il Nord Vietnam, Thailandia e Laos. Nell'Indocina coloniale francese, tutti i gruppi tribali locali, ripresero a coltivare l'oppio quale moneta diretta per pagare le tasse al nuovo governo e acquistare stoffe, attrezzi e il fabbisogno di sale di un anno.. La lingua hmong è musicale e la loro musica è linguaggio. Tutta la poesia Hmong è cantata con una cetra o un flauto di canna chiamato Qeej, suonato per divertimento, per accogliere gli ospiti, e nei riti funebri. Quando un Hmong muore, la sua anima deve tornare indietro per ogni luogo che la persona ha vissuto, fino a raggiungere il luogo di sepoltura della sua placenta (origine-nascita). Dopo che l'anima è correttamente vestita con la "giacca placentare", può viaggiare per riunirsi con gli antenati e/o reincarnarsi come l'anima di un nuovo bambino. Indossare abiti tradizionali permetterà all'anima del morto di essere identificato come Hmong, e quindi di reincarnarsi di nuovo nel gruppo di etnia Hmong. Nei riti funebri (circa tre giorni), i membri della famiglia sacrificano un animale per continuare il viaggio alla ricerca degli antenati, uno sciamano userà: l'anima di un animale (in genere pollo o anatra) per sostenere e proteggere l'anima del suo paziente morto, e la musica Qeej per guidarlo alla terra degli antenati (in Africa è l'arpa Ngombi dei Buitisti). Spesso i rituali di guarigione sono conclusi da un pasto di comunione cui prendono parte tutti i partecipanti al rituale sacrificio di animali preparati quale pasto. Ciò sottolinea la condivisione di una vita sacrificata per riparare un'anima perduta. Gli Akha/Hani 哈尼族 di oggi, usano una scrittura basata sull'alfabeto latino così come le lingue Zhuang e Hmong, ed utilizzano lettere consonanti finali per designarne il tono. Ecco un esempio di Hani-Italiano: "Aqsol liq yoqdeivq yoqpyuq bo, meeqyaovq ssolnei colpyuq qiq kov dei. Davqtavcolssaq neenyuq bel neema meeq ya siq, laongaoq meilnaol nadul meil e gaq ssol hhyul hha bavqduv nia: Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti, sono dotati di ragione e di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza. Oltre la coltivazione del Riso di sussistenza, nello scorso secolo gli Akha raccoglievano frutti selvatici, funghi e altre piante commestibili, allevando maiali, polli, anatre, capre e bufali. I principali cash crops (raccolti di scambio) erano invece cotone ed oppio; odierni raccolti sono: soia, cavoli e pomodori che essi scambiano nei mercati di pianura per comprare il sale, il ferro e altri beni di consumo. Nella caccia di cinghiali, cervi, topi di bambù e uccelli vari, trappole di vario genere sono ancora usate, mentre le pistole hanno sostituito le balestre. La pesca è svolta con trappole e reti mentre gli animali allevati sono: maiali, galline, anatre, capre e bufalo d'acqua (water buffalo). La maggior parte dei vestiti ancor è fatta in casa con cotone filato e tinto con indaco, e i ricami tessuti sono distintivi dei vari sottogruppi Akha. Il loro anno è suddiviso in una stagione del popolo (secca) e una stagione degli spiriti (bagnata, piogge). Durante quest'ultima, gli spiriti vagano nel villaggio, quindi devono essere allontanati come parte di un annuale offerta agli antenati. Il ciclo rituale annuale, comprende nove-dodici offerte agli antenati, rituali per il riso, costruzione rituale dell'altalena e dei ponti del villaggio. Questi ponti marcano la divisione tra il dominio di esseri umani e animali domestici (dentro), e il dominio di spiriti e animali selvatici (fuori). I ponti sono fatti di bambù e accompagnati da statue della fertilità maschili e femminili, indistinguibili l'uno dall'altra eccetto che per gli organi sessuali esagerati. Gli Akha-Hani ricostruiscono questi ponti una volta all'anno, in una cerimonia guidata dal medium di villaggio. Piccoli sentieri collegano gli abitati familiari recintati i quali contengono: un granaio per riso, casa e uno o più capanne per le giovani coppie. Gli Akha sono noti per la divisione interna delle loro case in un lato femminile e un lato maschile, così come la divisione tra villaggio e foreste circostanti. Le offerte agli antenati della famiglia sono realizzate nella parte femminile della casa, mentre le cerimonie di caccia si svolgono nella parte degli uomini: Gli animali da caccia hanno spiriti-proprietari che vanno onorati. I riti del Ciclo di vita includono: nascita, matrimoni e funerali. Ci sono poi cerimonie correttive o di cura, come la chiamata dell'anima. La malattia è ritualmente trattata da specialisti dei canti e dagli sciamani. Agli Akha-Hani piace cantare e i loro strumenti musicali sono tamburi, cembali ed arpe. Sebbene la loro tradizione orale parla di principi e città-stato e guerrieri e guerra, la nonviolenza è norma di vita quotidiana e un organizzazione politica indigena, di tipo gerarchico, è assente. Ogni capo villaggio (dzoevma), è colui che ha costruito la prima casa ed è pertanto il fondatore. Le comunità Akha furono a volte incluse entro sfere di influenza di principi di pianura, così, mentre il capo tradizionale del villaggio resta responsabile per gli affari interni, il referente nominato da questi principi, è responsabile per le relazioni esterne, or parte del sistema amministrativo nazionale. Persone e Riso hanno spiriti-anime che vanno tenute felici. Qualor esse fuggono, posson nascere malattie. I riti del Riso sono indirizzati alla Madre del Riso. Gli spiriti e le persone sono nate dalla stessa madre e hanno vissuto insieme fino a quando un litigio ha portato alla loro separazione: gli spiriti andarono nella foresta e la gente rimase nel villaggio. Da allora, gli spiriti causano malattie ed altre disfunzioni della vita sociale umana. La Festa dell'Altalena, è offerta annualmente agli antenati per stimolare la fertilità del riso. Si svolge 120 giorni dopo la semina del riso, alla fine di Agosto, quando la stagione delle piogge è finita. L'altalena, usata per quattro giorni, segna la fine del duro lavoro di diserbo dei campi di riso e il nuovo tempo di festa e raccolta. Gli Akha dicono di discendere da Dio per tramite di un altalena alta, questa ha quattro posti e può essere costruita solo da un anziano del villaggio (Mah Dzoeuh). Dondolare su un altalena Akha è veloce e rischioso per via di corde un po vecchie, ma è uno dei momenti più felici della vita Akha che, toccando il morbido e fresco suolo con i piedi, fa essere in compagnia degli insetti e osservare/oracolare i loro percorsi di abbondanza. I giovani si riuniscono la sera per divertirsi su di essa, ballare, corteggiarsi e imparare che il rapporto sessuale, rafforza la propria natura maschile o femminile, ma anche, che quando una ragazza ha un bambino, deve avere un marito. Ogni uomo dovrebbe conoscere la sua genealogia patrilineare (tibeto-birmana) indietro, fino agli spiriti-totem che han preceduto il capostipite. Fondamentali distinzioni sono quelle tra familiari donatori di moglie e acquirenti di moglie. Poliginia è permessa, i coniugi possono divorziare e i matrimoni possono essere endogamici al villaggio o esogamici. I giovani sono liberi di scegliere, pur se è richiesta l'approvazione dei genitori. La cerimonia nuziale si svolge nella casa di famiglia dello sposo, dove, all'inizio, la coppia si stabilisce. Se escono dalla casa paterna, la famiglia diventerà indipendente solo quando installerà il proprio altare degli antenati (patrilineare); entrambe gli sposi possono iniziare il divorzio. 13.䷌ 里 lǐ (village-miglio, rad.166) IndoCina tribes


Romulo stasera narra di vari gruppi nativi della selva amazzonica che lui incontrò quando visse e lavorò in Perù come curandero: Awà, Matses e Yanomami (baratanoj de Amazonio 雅诺马马 ชาวอินเดียของ). (ENG) The Awá clan are intimately familiar with their forests, every valley, the course of water and trail is etched in their mind map. They know where to find the best honey, where are the trees of the forest bearing fruit and when the game is ready to be hunted. Their nomadic lifestyle is a precise way of life, so they can not conceive of leaving the place of their ancestors. In the ritual of the full moon, the men traveling to Iwa, the realm of the spirits of the forest. The stargate is a hunting lodge, a portal between two worlds. Women decorate husbands with feathers of a real vulture, using the resin trees such as glue. Later, the song of adults can become very strong, the men walk towards the dwelling of spirits and the children fall asleep in the moonlight. Men go into a trance just by singing, and when they reach the iwa, they meet the souls of their ancestors and the spirits of the forest to ensure a successful hunt because the iwa it is also the home of animals totem. They love a lot of breeding animals company: Raccoon bears, boars, real vulture and monkeys, their favorite. Although the monkeys are a food source, when a puppy monkey comes into a family and be breast fed, will never be eaten. Although back in the forest, Awá will recognize it as a member (hanima). Pablo, un amico di Romulo, pajè di una tribù dei Matses della riserva, una volta prima di andare a caccia nella giungla, insegnò a Romulo ad usare il secreto della pelle di una Rana arboricola (phillomedusa versicolor), ovvero lo spirito di un pajè antenato incarnato nel Kambo o sapo, da sfregare su una ferita provocata sulla pelle del suo corpo, al fine di ricavarne una rapida circolazione nel sangue. Il rituale uso del Sapo, era poi seguito dalla inalazione della polvere da fiuto Nu-nu. La cura del kambo, praticata da millenni da varie etnie indios, ha lo scopo di aiutare la caccia nella selva amazzonica, a mezzo di visioni precise e chiare circa il luogo e l'animale che si andrà a cacciare. Lo stile di vita degli Yanomami è molto speciale, teoricamente tutti gli uomini del gruppo possono divenire pajè (una sorta di sciamano). Presa la decisione a divenire Pagè, il novizio è posto sotto tutela dei pagé della comunità che s'incaricano di iniziarlo al mondo degli spiriti (hekurà) e a inalare l'Epenà per contattare gli Hekurà di animali, piante, antenati, oggetti, etc. In sogno o durante una caccia, l'uomo prova sensazione di claustrofobia, gli sembra che la foresta chiuda su di lui e che gli animali che caccia scoppino in una risata demenziale. Per gli Yanomami, l'anima vivente (nobolede) sta nel cuore, nel fiato e nel sangue; la’ombra delle donne risiede in una lontra mentre, dei bimbi, in un piccolo coniglio. Gli Yanomami usano le piante del tabacco e la polvere da fiuto di Epenà, seguendo una speciale dieta. Tabacco e cenere provocano un Ph basico nel cavo orale, ritardando lo sviluppo batterico e la formazione della placca: Matses e Yanomami, hanno dentature invidiabili. La polvere di Epenà deriva da semi di un acacia dell'Amazzonia chiamata Yopo. Romulo dice: l'uso di Epenà, se tolto agli Yanomami per assimilarli ai costumi urbani, li porterà a cercare nell'alcool lo scampo e lo sfogo, con ovvia fine della loro cultura e mondo spirituale. La Televisione è surrogato che immerge nei mondi immaginari, soddisfa istinti di trascendenza, ma è gestita da elite separate che annullano la etnodiversità per necessità di guadagno. Anche i sacerdoti dell'antico Perù, aspiravano col naso polveri irritanti di semi tostati di Willca-Yopo acacia (Anadenanthera peregrina), o huayo (Anadenanthera colubrina), per accedere ai cieli occulti delle divinità della selva. Queste mimose, ricche di triptamine e beta-carboline, crescono nei medesimi habitat di Caraibi ed Amazzonia, inducono abbondante lacrimazione e irritante muco nasale, seguita da inebriamento, perdita di coscienza e visioni. Per lo stesso scopo, i nativi dell'Amazzonia, usano altri arbusti contenenti bufotenina e beta-carboline: la corteccia interna di Cumala rossa (Virola carinata, v.peruviana, Miristicaee) e Cumala bianca (v.calophylla, v.elongata), viene raspata, seccata, polverizzata e aggiunta a polveri di foglie di Justicia pectoralis e di Elizabetha princeps per farne delle pillole. I popoli Yanomami, accomunati dalla lingua e da un origine nomade, vivono nelle foreste dei bacini del Rio Orinoco e Rio Negro (affluente del Rio delle Amazzoni), al confine tra Brasile e Venezuela, tra 100 e 1600 m s.l.m. Dagli anni 70, hanno stabilito contatti col mondo esterno, sono circa 15 mila organizzati in clan in villaggi di capanne, praticano agricoltura di sussistenza, caccia, raccolta silvestre, ed entrano in contatto con il loro mondo mitico-religioso a mezzo di enteogeni vegetali. Essi cremano i loro morti, macinano le ossa seguendo schemi severi e scrupolosi, e consumano poi le ceneri dei defuni in cerimonie familiari e collettive; qui si stringono legami di parentela e amicizia, affinché l’essenza del defunto rimanga nel loro corpo e il suo spirito cessi di errare e vada a ricevere il premio da Yaru. Il fumo del rogo acceso per incenerire il cadavere, fa salire al cielo lo spirito del defunto, dopo che questi si è unito con il suo doppio animico (sombra), incarnatosi in un animale della selva, dopo il decesso. Nei riti collettivi del Rehao, i membri del villaggio consumano una zuppa di banane, speziata delle ceneri dei defunti dell'anno precedente, al fine di perpetuare l'unione con i loro familiari. Gli Yanomami usano le piante per le cure sciamaniche e tradizionali; dipendono dai farmaci di sintesi per trattare le epidemie (morbillo), trasmesse dai coloni, che hanno decimato il loro popolo. Circa metà delle piante medicinali dei Yanomami rientra nelle famiglie delle Apocinacee, Aracee, Leguminose, Moracee, Piperacee, Rubiacee, Guttifere; la loro farmacopea, di oltre 200 specie spontanee e coltivate, è rivolta alle febbri, disordini addominali e respiratori, infezioni cutanee (batteri e funghi), agli occhi, ferite, avvelenamenti, mal di denti (zanthoxylum pentadrum). I contatti con altre etnie amazzoniche hanno favorito lo scambio di conoscenze, per contrastare la malaria e altre infezioni recenti, così, per la cura della malaria e disordini epatici collegati, essi hanno molte terapie come decotti a base di corteccia amara di Aspidosperma nitidum, o l'applicazione esterna dell'infuso di foglie-fiori di hurasi hanaki (Drymonia coccinea), di foglie di mahekoma hanaki (pothomorphe peltata) o foglie di nahiri hanaki (zanthoxylum rhoifolium). Il rizoma di zenzero macerato è usato nella cura di tosse, mal di denti e febbrifugo-analgesico della malaria; Zenzero aiuta ad alleviare i dolori muscolari, artrite e reumatismi; efficace agente anti-infiammatorio, è usato da migliaia di anni per alleviare artrite, mal di testa, reumatismi e mal di gola, tensioni muscolari e dolori alle ginocchia. A ridurre la febbre, viene fatto percolare sulla testa e corpo del paziente, un infuso di piper spp (metisticum, kawa) e Peperomia spp. Gli yanomami associano il sapore amaro all'attività curativa della pianta, il pizzicore alla cura delle malattie cutanee e il gusto acido al rafforzamento fisico. L'inalazione di essenze aromatiche di foglie e resine, combatte le congestioni, raffreddori e nausee. il frutto di prika aki (Capsicum frutescens, un peperoncino), è schiacciato in acqua fredda e il suo estratto combatte le infezioni degli occhi (così fan pure le piante geophila repens e banano), mentre l'infuso cura le infezioni dei polmoni. La corteccia interna del kotopori sihi (Crotn palanostigma), parente del sangre de grado, sono resi umidi e posti attorno al capo o alla vita di persone che soffrono di emicrania o indigestione, cos' da stimolare un azione analgesica locale. Per allieviare i dolori interni localizzati, si strofinano le foglie di Cymbopogon citratus (makiyuma hanaki), un rubefacente che stimola la circolazione sanguigna; la linfa appiccicosa presa dalle brattee delle gemme fogliari di Cecropia peltata (tokori hanaki) sfiamma gli ascessi ed espelle il pus delle ferite. Essi ricorrono alle piante per proteggersi dai parassiti animali che prosperano nell'umido della foresta: infusi di radici tenere di Clusa spp o di fusti di Machaerium quinata come vermifughi; tabernaemontana angulata contro vermi intestinali e T.macrocalyx (assieme tabacco) contro infestazioni sottocutanee di ditteri; la linfa del Banano (Musa spp) è sorseggiata per curare le ferite di serpente, e quella di Dieffembachia bolivariana per la cura dei morsi irritanti delle formiche. La phytolacca rivinoides per punture di pulci ai piedi; Philodendron solimoesensis per punture di scorpioni. Gli Yanomami, oltre le piante, ricorrono al potere di cura dei funghi e delle punture d'insetti, scambiando di continuo le proprie esperienze mediche con le altre etnie della selva. La riduzione dei loro villaggi, 100 abitanti in media, rende difficile la sopravvivenza di sciamani e guaritori specializzati, così la conservazione e trasmissione di questa pluralità di saperi terapeutici è realizzata dai membri di ciascuna famiglia. 50.䷱ 黽 mǐn 黾 (rana-rospo (rad.205) erbe yanomami | los Yanomami.mp4 | Yarima story.mp4 | curanderos.mp3 | supaymaya wawayni.mp3


Kinaciau ci incoraggia a rispettare il suolo e l'acqua, sorgente di vita, così parla di Acqua (Water, Agua, Ap, 水, น้ำ) e dei metodi sostenibili per favorire, raccogliere e serbare il vitale liquido; narra dunque di Phiri Maseko un permacultore africano che apprese a 'coltivare' e raccogliere pioggia per rinverdire le sue terre riarse in Zvishavane, Zimbabwe). Brad Lancaster, nel suo libro Rainwater harvesting, cita le tecniche sviluppate in trenta anni da Zepheniah Phiri Maseko nel costruire infiltration pits capaci di riempirsi di acqua piovana prima che i rivoli la portino via dai suoi campi. Una volta riempiti, questi pits lentamente filtrano l'acqua nel suolo. Durante la stagione delle piogge (rainy season), i pits spesso rivelano che il livello dell'acqua si alza a meno di un metro sotto la superficie. Piante con radici di supporto sono allineate a ogni pit, proteggendoli dal collasso. Buche nel suolo servono a indicare il livello d'acqua, ovvero, mostrano quanta acqua è filtrata per rifornire le falde del sottosuolo: se ciò accade almeno tre volte durante una rainy season, la fattoria di Phiri sarà rifornita di acqua anche per due anni di siccità! così, anche negli anni di siccità, una modesta abbondanza sui suoi tre ettari sarà sufficinete per alimentare la sua famiglia di 15 persone e crescere raccolti per altre spese. Laddove esiste scarsità di Pioggia (pluvo 雨水 ฝน, rain water scarcity or abundance), l'acqua piovana può essere raccolta per rifornire tutti i suoi raccolti, alberi e orti, senza bisogno d'irrigazione convenzionale. Terrazze bordate di muri a secco catturano e limitano la fuga dell'acqua in rivoli, mentre permettono che essa si distribuisca e penetri nel suolo rinvasando le falde. Le terrazze fermano i semi di piante grasse e creano strisce (patches) protettive di vegetazione che rallentano e facilitano l'assorbimento di acqua nel suolo. Silt traps catturano la sabbia che altrimenti riempirebbe le terrazze ostacolando l'infiltrazione. Phiri ha ricavato due piscine che immagazzinano l'acqua accumulata al suolo: una è dedicata alla pescicoltura semplice, dove i suoi figli pescano, l'altra è collegata a un sistema di canali (terra e bambù) che portano l'acqua nei campi. Queste piscine in miniatura (miniature ponds) della fattoria di Phiri, sono la prova dell'abbondanza di acqua: prosperosa crescita di mais, banani, due alberi di mango che serbano acqua, e lussureggianti orti-giardino che crescono come separatori tra i campi del raccolto e forniscono cibo alla famiglia e qualcosa per il mercato: patate dolci, fagiolini, paprika, carote, pomodori, cipolle, pumpkins, cavoli, etc. Phiri una volta costruì una cisterna, ma poi riconsiderò il suo approccio: la maggior parte della pioggia va nel sottosuo, in una riserva sigillata, dove l'acqua si accumula durante tutta la rainy season. Il suo lavoro si basa su una forte etica di conservazione (ispirata all'Eden sostenibile della Genesi biblica) e su un set di valori personali, Phiri dice: "comprendi il terreno e dedicati alla sua conservazione, poi, in modo naturale, vedrai crescere i racolti. Phiri crede nei metodi tradizionali di inter-cropping, dove varie specie di raccolti crescono assieme. Phiri spiega che tale approccio ha diversi benefici, incluso il soil nutrition e il pest control. Le pesti (insetti nocivi) sono scoraggiate dal mangiare i raccolti dalla presenza di altre piante vicine, mentre piante leguminose fissano azoto e i suoi animali forniscono letame. Significativi cambi climatici, scarsità di terreni e crescita della popolazione possono cancellare le opportunità offerte dalla gestione responsabile delle risorse locali, così come, molte delle soluzioni alle sfide causate dal degrado degli ecosistemi e dall'abuso di tecnologie, hanno origine dalla umana ingenuità e da un ampio accordo sociale sulla sostenibilità e preservazione. Con le sue terrazze, pits, sand traps, piscine e cisterne, Phiri è capace di controllare più del 50% della pioggia che corre via, molte delle sue strategie hanno radice nella saggezza di varie pratiche aborigene e tecnologiche a misura d'uomo, di tutto il mondo. Il mare contiene Sale-salt (cloruro di sodio, sodium chloride, NaCl), pertanto non congela, gli Iceberg sono acqua pura. Il sale scioglie il ghiaccio sulle strade in quanto abbassa il grado di condensazione e, in forte concentrazione, corrode i metalli. Se ti esponi a sole e mare, mangia salato. Un pizzico di sale nel bicchiere disinfetta bocca e gola (gargarismi), nel bagno decongestiona mani e piedi. Nel colpo di sole si perdi fin 10 kg d’acqua, slaccia il malcapitato lentamente, in luogo fresco, fa bere 1 litro acqua con 1 cucchiaio di Sale, ventila e fa impacchi di acqua sul suo corpo. Nigari è sale marino, in prevalenza cloruro di magnesio, usato per enzimare il Tofu, cibo multiuso che si combina bene con tutte pietanze. Tofu-Miso è una zuppa di enzimi and che aiuta la microflora digestiva di intestini e suolo. Gli antichi nativi del Mexico, nel lago Texcoco raccoglievano la nutriente Spirulina algae (arthrospira/spirulina platensis) oltre a piante di Loto (nelumbo lutea); le Spiruline marine o d'acqua dolce, son filamenti arrotolati a spirale, della famiglia delle micro-alghe azzurre (cianofite) molto simili ai batteri, quelle adatte ad acque dolci ricche di bicarbonato di sodio e carbonati (32°, pH tra 8.5 e 11, luce-buio di 12 ore) sono: platensis (Ciad, Ceylon, Congo, Etiopia, Togo, France, Spain, Perù, Thailand); maxima (Mexico), fusiformis (India). Diversamente dalla cugina Klamath, alga di acqua dolce che cresce spontanea nelle acque del lago Upper Klamath in Oregon (ha tutti e 20 gli aminoacidi e le sue proteine sono assimilabili al 73%), la spirulina cresce in laghi salati con acque alcaline e calde (lago Ciad, Texcoco, ecc) che uccidono i microrganismi patogeni. Commestibili e nutrienti, gli Aztechi mangiavano Tecuitlatl (Spirulina maxima/platensis ) regolarmente, raccolte nelle acque salate del lago Texcoco, nella valle arida di Città del Messico, così gli indigeni Kanembus nella parte nord del lago Ciad, le filtrano con panieri a maglie fitte, depongono il concentrato di alghe sulla sabbia, dove secca al sole e forma focacce, poi, ripulite dalla sabbia, per decantazione, le pestano in polvere e le aggiungono ai cereali. Martin, nella sua casa, ha scaffali con bottiglie trasparenti in cui crescono spiruline: "se si dà alla spirulina il sostrato che le necessita, essa si riprodurrà in perpetuo". Suo obiettivo è permettere ai contadini indigeni di produrre da soli questo supplemento dietetico di ottima qualità, in un ambiente di coltura controllato, tipo un lago con sali e bicarbonato, così da accompagnare un alimento base (miglio, riso, grano, mais), un impianto artigianale basato sul binomio biogas-alghe, che assicuri la sopravvivenza degli indigeni e non il loro sfruttamento: "il digestore fornisce azoto a CO2, noi aggiungiamo 7gr di sale marino per litro d'acqua e ferro-fosforo in quantità infime e agitiamo l'acqua con pale eoliche". La spirulina essiccata e ridotta in polvere (come l'equiseto) può esser mescolata alle salse-zuppe che condiscono il piatto di base ed evitano, equilibrando l'alimentazione (colmando carenze di proteine, sali, vitamine), ogni sorta di malattie tra cui l'anemia (vit.B12 antianemica, 3 volte maggiore del fegato di vitello). Ad Haifa in Israele, si usa spirulina per nutrire i volatili da cortile e depurare acque reflue: le uova acquistano colore grazie al carotene e la carne dei polli diviene dorata. Le spiruline han gusto neutro son facili da cogliere (basta filtrarle), tollerano il cloruro di sodio (per la riduzione dei concorrenti) e han parete cellulare digeribile (mucoproteica, non cellulosa); è utile ai convalescenti, alpinisti, sportivi, vegetariani e pollame. Le sue proprietà immunomodulatrici, sono utili nel trattamento delle allergie, inappetenze, convalescenze difficili, nervosismi, malesseri da pubertà, turbe da senescenza, malesseri da menopausa, obesità, cellulite, reumatismi, artrosi, postumi da fratture, rinofaringiti croniche, turbe tiroidali, circolatorie, emorroidi, gozzo, carenze alimentari. La Spirulina, negli anni 70/80, per l'alto contenuto proteico (60%), fu dichiarata dalla FAO "Il pane verde dell'avvenire", poichè un grammo per kilo di peso corporeo è la razione giornaliera di proteina necessaria al corpo umano. Oggi si coltiva spirulina per medicinali, mangime animali, concime, combustibile, nei laghi artificiali di Messico, Cina India, sorgenti di anidride carbonica ottenuta da gas industriali che immessa nelle acque dei bacini, ne stimola la moltiplicazione (acido carbonico, cibo per alghe). Coltivare micro-alghe è come produrre birra e, nei climi aridi, dà rendimento proteico più alto, fin 40 t/ha per anno, contro gli 800kg/ha di soia e 150kg/ha di carne. Le alghe nutrono il mare (e i pesci) e il mare nutre le alghe. Principio base dell'algoterapia legato alla talassoterapia e alle camminate sulla battigia: "tutte insieme, curano malanni e dolori, ascoltiamo il vento e respiriamo l'odore delle alghe, essenza stessa dell'aria che ancora ci avvolge." Il Mare ci dona la pioggia e scorre nel nostro organismo che è, a tutti gli effetti, un acquario marino poichè l'acqua di mare e il plasma sanguigno, han forte somiglianza. Alghe e mare riciclano di continuo i sali minerali: gli oligoelementi son metalli e metalloidi che, in minime dosi, catalizzano l'alimentazione, così, l'associazione Rame-Oro-Argento, presiede a tutti i fenomeni di autodifesa; Zolfo aiuta ossa, denti e tendini, disinfetta e depura; Iodio aiuta la tiroide e presiede gli scambi cellulari; Rame aiuta la formazione del sangue e Ferro ne consente il rinnovamento. Le grandi alghe marine son tutte commestibili, esse, nelle diete, rinforzano le immunità naturali del corpo, le più usate sono: Laminaria, Chondrus, Porphyra, Sargassum, Ulva, Ficus, Nori. Lattuga rossa. Iziki (cystophillum fusiforme) ha l'aspetto di fili d'erba duri e neri, cresce profonda nei mari caldi sotto forma di cespugli o piccoli alberi (è l'alga più yang), si raccoglie con battelli, usando coltelli fissati a lunghe canne, scaricate sulla spiaggia son lasciate seccare al sole. Consumata giornalmente in Giappone, dà giovinezza, abbassa il colesterolo e in minor dosi, è utile alle donne incinte e ai bimbi molto yin. Kombu (laminaria japonica), alga grande e dura, raccolta dagli Ainu al nord del Giappone, per la medicina macrobiotica di Oshawa, essa rigenera e ringiovanisce, utile nei casi di sclerosi, artrite, ipo e ipertensione, paralisi, squilibri ghiandolari (tra cui tiroide). Soia, ceci e lenticchie, cotte col kombu, si ammorbidiscono più in fretta. Wakame (alaria esculenta), come l'iziki cresce in correnti calde ed è colta allo stesso modo, è utile ai capelli, unghie, pelle e fegato. Nori (porphira tenera) come erba fluttuante, è coltivata su tavole di legno in acque poco profonde di baie e anse tranquille; dopo la raccolta son lavate e tritate a farne zuppa, versata in riquadri su stuoie di bambù, fatte seccare al sole, compresse in fogli sottili pronte per preparare le nori del sushi. Alghe ricche in proteine, aminoacidi, vitamine (A, B, C), oligoelementi (selenio, etc), sali minerali (iodio, etc) ed Omega3, sono le alghe più usate e conosciute nel mondo. Ogni anno la Porphyra veniva donata all'imperatore della Cina dalla provincia di Fujian; oggi nori è consumata con abitudine quotidiana, anche dai bambini che la gradiscono da sgranocchiare. Una nori di buona qualità sarà poco friabile e lucente e vista in controluce apparirà di una verde trasparenza e di grana uniforme. Si possono trovare fogli di nori già tostati (Sushi Nori) o tostati e tagliati a striscioline adatti per guarnire piatti (Kizami Nori) o, plasmati a mo di cestini, venir riempiti con olive, carciofini, funghetti, grana, sottaceti, verdure, uova, salse I foglietti di Nori vanno conservati in recipiente al chiuso per mantenerne la fragranza. La Lattuga di mare rossa (porphira lacinata, umbilicalis, linearis) presente pur nel mar Tirreno tutto l'anno, ha fronda fogliacea piatta color rosso-bruno, è consumata in insalata, zuppa o come legume. Lattuga verde di mare (ulva lactuca) è un tallo annuale formante fronde verde pallido che scuriscono col crescere, alte da 10-60 cm, con bordi arrotondati, ovali o lanceolati, spezzati, strappati, bucati o pieghettati. alga di risacca, cosmopolita di rocce, coste e banchi melmosi, ricca di vitamine, si mangia in insalata, zuppa e legume specie in Scandinavia dove è raccolta e usata pur come foraggio. Cintura di Nettuno (laminaria saccharina), detta diavolo del mar dei Lapponi, geomone rosso, anguillaio, e un tallo bruno-verdastro, lungo fin 4 metri che ogni inverno produce una lamina nuova. vive nel Pacifico (mar della Cina) e Atlantico del nord fino ai paesi baschi, è raccolta in settembre, col rastrello, durante la bassa marea, per estrarre alginati, potassa, soda, iodio e per concimare terreni poveri; è consumata dopo buon lavaggio, seccata, compressa e tagliata in strisce fini, ridotta in polvere per condire, o bollita in acqua o latte, o mescolata alla farina di cereali. A seconda delle regioni, le alghe son cotte (stufate, aggiunte al tè, minestra, nel pane, salse e marmellate) o crude (insalate e bevande di lattughe di mare). Buono è il riso con funghi, iziki, timo, tamari e olio di oliva. Le alghe usate come condimento, si possono pestare nel mortaio o si possono conservare in aceto e acqua salata con aggiunta di finocchio, come si fa per cetrioli e cipolle novelle, lasciarle inzuppare in olio d'oliva prima di usarle. L'acqua di cottura si usa per lavaggi al naso, gargarismi o, mesciata con argilla, per fare impiastri per curare bruciature, ferite o dolori reumatici. In Aromaterapia, le essenze aromatiche sono vettori come gli ormoni, se aggiunte (incorporate) a unguenti, creme, spugne ed alghe, agitando l'acqua e frizionando il corpo, diffondono e penetrano meglio attraverso la pelle. Così l'argilla-fanghi, alghe, sabbia e l'uso terapeutico dell'acqua di mare (thàlassa). I fanghi marini son composti di argille, alghe e ostriche sbriciolate, contengono composti minerali organici e viventi (batteri, protozoi, alghe, oligoelementi) dinamizzati e diluiti in un ambiente vivente, mentre la pelle è la ghiandola di maggior superfice, che scambia elementi viventi con l'argilla marina ed è in relazione con tutti gli organi interni. Il calcio delle ostriche (calcarea ostrearum) è la forma più attiva e assimilabile dei sali di calcio. I medici cinesi descrivono il meridiano della cistifellea, passante per l'anca, ginocchio, gamba ed esterno caviglia, come collegato omeopaticamente alla silice. La silice marina delle ostriche, agisce e tonifica l'anca, il ginocchio e tutti gli altri punti toccati dal meridiano, elimina l'acido urico nei sofferenti di reumatismi, fortifica le ossa, ammorbidisce i vasi (sanguigni e linfatici) e tonifica i bimbi linfatici e handicappati. Così il limo ostrimarino ha stesse indicazioni dell'acqua di mare, acque solforose, alghe, fanghi termali vegetali e minerali, terapeutica dei tessuti; queste 5 azioni, in medicina, si moltiplicano le une con le altre a curar le malattie. Controindicazioni nell'uso terapeutico dei bagni d'alghe: malattie infettive in fase acuta, dermatiti essudative, tubercolosi polmonare, scompenso cardiaco, affezioni cardiorenali, ipertiroidismo; nell'uso interno, evitare di associarle a birra e farinacei, ed astenersi dalle alghe tossiche e da alghe cresciute in mari inquinati da scarichi vari (febbri tifoidi, epatiti, micosi, etc); il mercurio versato in mare, attraverso la catena alimentare di alghe, plancton, crostacei e pesci, viene restituito all'uomo, concentrato nei suoi alimenti (film Minamata). Gli sciami meteorici, visibili tutto l'anno su tutta la terra (ne cadono 10 mila tn. l'anno), son etichettati col nome della costellazione da cui provengono: leonidi (17 nov), geminidi, perseidi (lacrime di Lorenzo 12 ago), ecc.; sono grandi come granelli di sabbia (rari sassolini) e possono venir raccolti assieme all'acqua piovana (micrometeoriti o micromagneti), in bacinella larga e bassa che si lasci evaporare. Si passa poi con una calamita sul fondo della stessa che attira a sè la polvere cosmica, osservabile con lente d'ingrandimento. 14.䷍ 雨 yǔ (rad.173) alghe, pioggia


Raseno al simposio della sera parla di vari poeti di Gaia, sorgente della permacultura che lui adottò al tempio Therabuti: Permaculture è una contrazione inglese sia di permanent agriculture sia di permanent culture dal momento che, secondo i coniatori del termine (Bill Mollison e David Holmgren): "una cultura non può sopravvivere a lungo senza una base agricola sostenibile ed un'etica dell'uso della terra. Così, la permacultura nasce con l'obiettivo di permettere a individui, famiglie e comunità locali di accentuare la loro autosufficienza e autoregolazione. Nel 1911 Franklin Hiram King sviluppa il concetto di Permanent Agricolture: un sistema agricolo che si può sostenere per un tempo illimitato, sul modello delle culture indigene sopravvissute per molti millennni. La stesura del primo modello teorico della permacultura si arricchi delle esperienze di: Sepp Holzer (agricoltura ecologica di alta quota in Austria, a 130 km a sud di Salisburgo), Masanobu Fukuoka (La rivoluzione del filo di paglia) e molte tecniche sostenibili di popoli nativi. Dal 1974 in Tasmania (Australia), Bill Mollison e David Holmgren cominciarono a sviluppare un quadro di riferimento per un sistema agricolo sostenibile, incentrato su una policoltura a base di specie arboree perenni, arbusti, erbacee, funghi e radici. Oltre a questo, il metodo si poneva l'obiettivo di progettare insediamenti umani in modo da ridurre il lavoro necessario per mantenerli, la produzione di scarti e l'inquinamento e contemporaneamente preservare o incrementare naturalmente la fertilità dei terreni e la biodiversità del sistema. L'opera di Mollison e Holmgren fu basata sui seguenti assunti: La crisi ambientale è reale e le sue dimensioni sono tali che certamente trasformeranno la moderna società industriale in modo irriconoscibile. Questo processo metterà in serio pericolo il benessere e la stessa sopravvivenza della popolazione mondiale, in costante aumento. L'uomo, anche se creatura abbastanza insolita nel contesto del mondo naturale, è soggetto alle stesse leggi scientifiche che governano l'universo materiale e l'evoluzione delle forme di vita, in primo luogo quelle relative al bilancio energetico. Lo sfruttamento dei combustibili fossili durante l'era industriale è la causa primaria della spettacolare esplosione della popolazione umana, delle conquiste tecnologiche e di ogni altra caratteristica della società moderna. I prossimi decenni vedranno il ritorno ai modelli osservabili in natura e nelle società preindustriali (tribali), ovvero a modelli sociali dipendenti da energie e risorse rinnovabili. La permacultura è un metodo per progettare e gestire paesaggi antropizzati in modo che siano in grado di soddisfare bisogni della popolazione: cibo, fibre ed energia e, al contempo, presentino la resilienza, ricchezza e stabilità di ecosistemi naturali. Tutti i progetti di permacultura differiscono nelle tecniche adottate ma hanno in comune una base etica e delle linee guida comuni: Cura della terra, riducendo i propri consumi. Cura degli esseri umani, ovvero soddisfare i bisogni fondamentali (cibo, casa, istruzione, lavoro soddisfacente, rapporti sociali) senza ricorso a pratiche distruttive su larga scala e limitando il consumo ai bisogni fondamentali così da condividere le risorse in eccesso in modo equo con tutti (filosofia di Epicuro). David Holmgren sintetizza i principi alla base della permacultura in dodici punti: 1) Osserva e interagisci col paesaggio (la bellezza è negli occhi di chi guarda) e i processi naturali per ottimizzare l'efficienza di un intervento umano e minimizzare l'uso di tecnologia e risorse non rinnovabili. 2) Raccogli e conserva l'energia: cibo, alberi, semi (prepara il fieno finché c'è il sole), base di tutte le culture umane e non. 3) Assicurati un raccolto (non si può lavorare a stomaco vuoto), assicurarsi che ogni elemento del progetto porti una ricompensa utile. 4) Applica l'autoregolazione e accetta il feedback per evitare che controllori di livello superiore siano costretti ad intervenire per riequilibrare una crescita incontrollata. Impara a riconoscere e accettare il feedback fornito dalla comunità o natura. 5) Usa e valorizza risorse e servizi rinnovabili (lascia che la natura faccia il suo corso), ovvero gestisci risorse che si rinnovano e rigenerano in modo continuo senza un apporto esterno in modo che assicurino una continua resa; allo stesso modo valorizza i servizi rinnovabili apportati da piante, animali, suolo e acqua senza che questi siano consumati nel processo. 6) Non produrre rifiuti (il risparmio è il miglior guadagno); assicurarsi che i sistemi presenti nel progetto non producano niente che non sia utilizzabile e utile ad un altro sistema. 7) Progetta dal modello al dettaglio (gli alberi non sono la foresta) impara a dare uno sguardo d'insieme prima d'immergersi nel dettaglio; usa soluzioni progettuali derivate da modelli osservati in natura. 8) Integra invece di separare ogni elemento progettuale all'interno del sistema in modo che si sostenga a vicenda con gli altri elementi. 9) Piccolo e lento è bello (più sono grandi e più fanno rumore cadendo). Sistemi piccoli e lenti sono più facili da mantenere di quelli grossi e veloci, fanno un miglior uso delle risorse e producono in maniera più sostenibile. 10) Usa e valorizza la diversità animale e vegetale (non mettere tutte le uova in una sola cesta). La diversità riduce i rischi: l'ammalarsi di una specie di pianta non è la fine del raccolto; la diversità aiuta a beneficiare dell'unicità di ogni territorio. 11) Usa e valorizza il margine, ovvero le zone di confine in modo da sfruttarne il più possibile le caratteristiche: il limite tra due sistemi diversi è il posto dove accadono le cose più interessanti poichè queste zone possono usare le caratteristiche di sistemi diversi. 12) Reagisci ai cambiamenti e usali in modo creativo (vedi le cose per come sono ma sopratutto, per come saranno), ovvero osserva attentamente i segni che li precedono, per intervenire in tempo. Se un terreno è danneggiato si può, con le cure adeguate, migliorare l'ecologia del suolo nell'arco di qualche anno, portando a livelli adeguati l'umidità del suolo, l'ossigeno, gli elementi nutritivi e la sostanza organica presente. I metodi usati in permacultura per il recupero della fertilità includono: prevenzione dell'erosione attraverso la copertura di superfici senza vegetazione; sminuzzamento e areazione di terreni compattati (con mezzi che non rivoltano il terreno); arricchimento nutritivo del suolo con sostanze d'origine organica (letame o sovescio) e la stimolazione dell'attività biologica propria del terreno. L'Acqua poi, influenza profondamente il tipo di interventi possibili in un sito; così è necessario identificare con precisione le fonti d'acqua e prendere adeguate misure per conservarla. Uno dei metodi più usati in permacultura per facilitare l'assorbimento dell'acqua dal terreno è quello degli swale, ovvero, lunghi fossati scavati lungo le linee di rilievo che intercettano il flusso d'acqua in superficie, per poi trattenerlo per ore o giorni, lasciandola filtrare lentamente nel terreno. Tali canali sono accompagnati da alberi lungo i loro bordi, specie in zone aride, così da evitare l'accumulo di sali. La permacultura può essere sviluppata in qualsiasi tipo di regione come colline rocciose, paludi, zone alpine, pianure alluvionali o deserti. Non essendo necessario modificare il paesaggio si rende fondamentale lo studio del sito su cui intervenire (pendenze del terreno, orientamento verso il sole, strapiombi o sporgenze rocciose, linee di drenaggio, terreni accidentati, visuali buone o cattive, altezza delle colline, aree paludose o suscettibili a erosione), in quanto ciò ha effetto sul microclima, sui modelli di drenaggio o gestione dell'acqua, sullo spessore dello strato utile di terreno, sulle vie d'accesso e, sopratutto, sullo spirito umano. Raseno continua: "la spiritualità bisogna viverla, cominciando col risvegliarla, ma, preparati a rinascere, in altro modo. Pitagora di Samo (570-495 a.C) filosofo, musico e taumaturgo, fonda a Crotone una scuola iniziatica e un partito aristocratico dedito al vegetarianismo di piante e frutti e contrario a inutili stragi di animali. Un giorno Pitagora, passando vicino a qualcuno che maltrattava un cane, colmo di compassione disse: smettila di colpirlo! sento la sua anima, è quella di un amico lontano! Ovidio lega il vegetarianismo di Pitagora alla credenza nella metempsicosi, secondo cui, gli animali portano anima immortale identica a quella degli umani, l'anima trasmigra da specie a specie. Il teorema di pitagora era già noto agli antichi Babilonesi, Pitagora ne intuì la validità e indicò come archè, l'armonia determinata dal rapporto tra i numeri (numi) e le note musicali. Si narra che lui scoprì per caso il fondo numerologico dell'armonia musicale: passando davanti all'officina di un fabbro, sarebbe rimasto colpito dal modo in cui i martelli dell'artigiano, battendo il ferro sull'incudine, riuscivano a produrre echi in accordo tra loro; fu sorpreso della corrispondenza tra rapporti numerici semplici e consonanze sonore. Pitagora tradusse la sua intuizione costruendo un monocordo; poi tese una corda fra due ponticelli e ricavò l'ottava ponendo una stanghetta al centro della corda (1:2). Poi ne pose un'altra a 2/3 della lunghezza della corda, stabilendo così l'intervallo di 5a. Sistemando a 3/4 un'altra stanghetta trovò l'intervallo di 4a. La distanza fra la 4a e la 5a la chiamò tono. La scala musicale basata su questi intervalli numerici, divenne poi, per Platone, il fondamento numerico dell'anima del mondo. Platone eredita da Pitagora l'idea della matematica come linguaggio di intervalli ridondanti (twist) per descrivere il mondo: il mondo nasce dal Verbo armonico, da un canto ripetuto. Pitagora, dopo la sua iniziazione in una scuola dei misteri dell'antico Egitto, confessò: amo il sapere ma non lo posseggo in quanto, solo il dio è sapiente del tutto. Sono un uomo differente, sono nato una seconda volta, io parlavo un tempo con la mia mente, ma ora, ho scoperto il centro del mio essere, dalla testa son passato al cuore, ora sento le cose, prima le comprendevo soltanto, la verità non è più un concetto per me, ma un esperienza. La spiritualità è in noi, vive tutta tra le pieghe della natura. La mente è astuta, senza i suoi trucchi e stratagemmi, la gioia ci apparterebbe all'istante; sono i moti del pensiero a generare e definire problemi, l'avversario è temibile e va posto sotto controllo, ma la difficoltà deriva dalla fiducia che esso ispira: dubitiamo di tutto e tutti, ma mai di questa macchina per le idee, la responsabilità di quanto di spiacevole ci accade, è attribuita a fattori esterni: la società, il destino, il clima, mai all'attività della mente, sempre vittima, maschera perfetta della persona. Il sistema cerebrale sa difendersi, l'affiorare di precisi ricordi, bruschi richiami a sè, possono minacciarlo, allora egli distrugge il tempo in mille evasioni: l'idealismo è lo strumento favorito dell'ego, mentre, l'accettarsi per quello che si è, anche se l'effetto è deprimente, annumma l'ego e si riparte dal centro che resta. La mente che comanda è un tiranno, è inutile combatterla apertamente, è utile invece osservarla a distanza, divenire testimoni, così da notare pian piano, spazi aperti tra i vari meccanismi appresi e imposti e in quesrti spazi, l'essere (atman) torna a se stesso, in pace e luce (ananda). L'essere nasce nudo, la mente è un abito arbitrario confezionato su di esso, da cui emerge un attore, una maschera: l'ego; la paura ci tiene legati al suo potere e dice: vuoi la libertà? per farne cosa? L'uomo saggio risponde: per meditare, tornare a sè, crescere di coscienza, senza desideri, problemi, dolori, immersi nella pace. Con l'autoesplorazione si scioglie l'intelletto, cessa il sapere e, sopraggiunge la rivelazione, senza intermediari. L'umanità non è votata a priori all'infelicità, Raseno cita Jean Josipovici: non sanno d'esser morti e, ostinati, ripetono la vita; c'è qualcosa in me, nel profondo centro, è senza eco ma vede e ode, ha la sua vita ma vive la mia, ascoltando impassibile tutto le chiacchere della mia mente. Atman, cogito ergo sum, un essere fatto di nulla, non piange, non ride, non giudica, sta immobile senza dare consigli e, come una sfinge, sembra dire in eterno, sono qui, indifferente a tutto. Evitare di servirsi dell'io, quando si pensa o si agisce, reca questi benefici: annullamento dell'assillo dei perchè e della paura di un futuro immaginario, suggerito (advert) da ciò di cui ci nutriamo. Vedersi come si è, per espandersi, ha i suoi rischi (può essere insopportabile), così, la maschera (e il gioco) è un modo di sfuggire o invitare le potenze del mondo invisibile ma, in contropartita, può portare dipendenza. Di noi stessi ci hanno svuotati, ci hanno separati dagli Dei, l'idolatria del consumismo si paga, cn la perdita della felicità. L'uomo è infelice perchè non sa d'esser felice, basta che se ne renda conto, ed eccolo istantaneamente felice. La prima passione dell'anima e della volontà è la gioia, ritroviamola, e il sogno diviene realtà, a condizione di ricominciare tutto da capo, in altro modo. Tutto il gioco dell'intelligenza consiste nel catturare lo scibile nella rete delle parole e dei numeri. Il sapere usuale poggia su convenzioni sociali che si servono del linguaggio, le parole sono relative, non forgiate dalla natura; l'abitudine (io apparente) ci fa vivere all'ombra di ciò che siamo: il concetto di fuoco non brucia, è privo del fuoco. Lewis Carrol fa dire ad Alice in wonderland: abbiate cura del significato, i suoni avranno cura di se stessi. Il bimbo parla all'albero e l'albero gli risponde, più tardi il ragazzo parla di arboricoltura con docenti e genitori, ma non sente più le voci degli alberi. Le organizzazioni artificiali obbediscono a regole lineari, sequenze di segni e parole progressive, alimentando il timore che tutto ciò che non è chiuso in un libro scientifico, sbocca nel caos; ogni era oscura può sciogliersi al calore dell'ananda. Oltre l'intelletto che divide, si dispiega l'energia vitale scaturita del cosmo (dao), anche la scienza dovrà arrendersi all'evidenza: la fisiologia di base è regolata da forze trascendenti, oggi chiamate inconscio, libido, ecc. La realtà ci viene continuamente proposta, è in noi stessi, priva di dubbi e misteri. La mente, agitate continuamente da attività febbrile, tesse di continuo una tela di preoccupazioni, ansie e timori; in momenti di chiaroveggenza, l'ego appare nulla di preciso e si annulla, l'Io sono esiste solo per gli altri e la disillusione provoca la perdita di un ancora.. esorcizzati i demoni, non esistono vie prestabilite, ciò significa vivere la vita così com'è. L'attuale civiltà, coltiva, con i suoi media, l'inquietudine e il piacere dell'inquietudine, suggestioni di veleno nel ns presente, così pensare, immaginare o prevedere disastri, ci dà l'illusione di agire in prima persona. L'uso cieco del pronome personale Io, senza mai chiedere di quale io si tratti, dissimula l'insidioso responsabile degli errori di comportamento; l'ego raccoglie numerosi ospiti che, a turno, hanno velleità di padroni di casa. Il piccolo io sulla scena, sempre pensa di esprimere l'uomo integrale: la coscienza del passaggio da un io sussidiario a un altro, curà la falsa idea di Sè. Aggregato di pensieri ed emozioni mutevoli, sono ombra di Se stesso, io, così percepito, vado incontro a stelle avverse. L'io si ritiene permanente in un mondo che ritiene resistente, l'ego è una creazione del timore, paura di perdere una identità o l'ancoraggio a un punto fermo, così l'intelletto, sempre incompiuto, crea la dualità uomo-natura ma, tutto scorre e nel carpe diem sta la cura di Heraclito e Laozi. Eraclito 赫拉克利特 di Efeso (535-475 a.C), Ἡράκλειτος Hērákleitos significa Eracle, gloria di Era (thera), disinteressato a fama, potere o ricchezza, quando Dario, re di Persia, dopo aver letto il suo libro sulla natura, lo invitò a corte promettendogli grandi onori, rifiutò la proposta rispondendogli che lui rifugge ogni privilegio, fonte d'invidia, restando a casa sua e accontentandosi di quel poco che ha. Eraclito fu criticato dagli Efesini quando riuscì a convincere il tiranno Melancoma ad abdicare e ad andare a vivere nei boschi, in aperto contatto con la natura. Visse in solitudine nel tempio di Artemide, dove depose il suo libro scritto in versi, affinché ad esso si accostassero solo coloro che veramente cercavano la semplicità. Eraclito trascorse gli ultimi anni sui monti cibandosi di bacche ed ortiche; durante tal eremitaggio si ammalò di idropisia, tornò in città e, in forma di enigma, chiese ai medici se fossero capaci di far sì che dall'inondazione venisse la siccità; poiché non lo comprendevano, si seppellì in una stalla sotto il calore del letame, sperando che l'umore evaporasse. Da qui si raccontano tre versioni diverse: nella prima rimase con lo sterco addosso e, irriconoscibile, fu divorato dai cani, morì a sessant'anni; nella seconda egli si distese al sole e ordinò ai ragazzi di ricoprirlo di sterco animale, il secondo giorno morì e fu seppellito nella piazza. Nella terza, guarì dall'idropisia e morì di vecchiaia. Legato alla tradizione orfica e dionisiaca, ci ha lasciato alcuni aforismi oracolari: tutto scorre (Pánta rhêi, πάντα ῥεῖ), tutto permea tutto e si rivela tramite intuizione; sapere molte cose non insegna ad avere intelligenza, ascoltando il logos delle acque intuirete che tutte le cose sono Uno e che l'Uno è tutte le cose. Intuire è avere immagini, visione (eidòs) che risveglia, nell'anima, l'idea (de ja vù) di ciò che fu visto in un mondo utopico, esterno al mondo sensibile, in cui l'anima si trovava, contemplando e vedendo quelle idee, prima di incarnarsi nel corpo materiale. Raseno aggiunge: "L'ego non è buono ne cattivo ma, come ogni videogames o gioco d'azzardo, può spingersi verso la trappola della dipendenza (egodipendenza), l'illusione apparente di crederlo necessario, inoppugnabile, padrone di noi stessi, èm un vizio! Per scalzarlo, le piante suggeriscono di creare/ritrovare un supporto più autentico, una radice più profonda, là, dove tutti gli algoritmi si azzerano e riscrivono e, ogni maschera (ego), torna relativa. Quan l'ego si umilia, la paura perde presa e scompare. Il primo sacrificio è un gesto di coraggio, il più duro, rinunciando anche al desiderio di non avere desideri, ne risulta l'eliminazione repentina di un mondo imperniato sull'Io, si sfaldano le abitudini errare e le false ricchezze. Ciò libera le forze usate a mantenere gli stati morbosi, forze nuovamente libere di agire sotto forma di indifferenza attiva (wu wei). Ci si chiede di avere il coraggio del coraggio, lasciar la presa, buttarsi in acqua, spiccare il volo, lo sforzo successivo sarà quello di abrogare la nozione di karma, liberarsi dalla fatalità di un destino, ripercorrendo, attraverso le vicende personali, la distanza che ci separa dalla prima infanzia, fino a superarla: risalire fino alla fonte dove anche un nome cessa. Eraclito chiama filosofi tutti quelli che sanno indagare a fondo la loro anima, che, essendo illimitata, offre possibilità di ricerca infinita. La dottrina dell'unità dei contrari, contemporanea al Dao di Laozi, è legge segreta del mondo che tutto lega e manifesta, tutto esiste perchè allo stesso tempo esiste anche il suo opposto: una salita può essere pensata e vissuta come una discesa da chi vi si trova in cima. La Terra ha quattro essenze (arché): acqua, terra, aria, fuoco. Il fuoco, condensandosi, diventa aria, quindi acqua e poi terra; dopodiché, esso può rarefarsi per tornare acqua, aria, e infine fuoco. Il fuoco è sempre vivo, in continuo movimento; sempre diverso e allo stesso tempo sempre uguale a sé stesso; nella giusta misura ora si accende e ora si spegne; così, ognuno dei 4 arché è il primo ed unico principio, la nascita e la morte, l'inizio e la fine. La guerra fra i contrari (polemos) è in superficie, in profondità sta sempe l'armonia. Eraclito ha visione panteista dell'universo, unità dei contrari, mutamento continuo e fuoco generatore. Pan comprende in sé ogni cosa, è una realtà increata che esiste da sempre e per sempre; emana la ciclicità del cosmo, cioè, le fasi alterne di distruzione-produzione. Nietzsche ebbe alta stima di Eraclito: "Il signore, il cui oracolo è a Delfi, non dice né nasconde, è grande poichè ciò che di nobile ha da dire, non si presta alla chiarezza superficiale, la sua verità non si nasconde. Raseno beve una tazza di Tè verde (camelia sinensis), poi riprende a parlare di altri maestri scalzi di Thera: Talete (Thales) disse: Water is the core of realities, Tutto è Acqua (Panta plere theon),tutto è pieno di spiriti e Dei, che lavorano con l'acqua (rain, storm), in forma di pioggia, mari, fiumi e polle. Una volta a Talete venne rimproverata l'inutilità della filosofia, Talete allora, continuando nei suoi calcoli astronomici, arrivo, in inverno, alla previsione di un abbondante raccolto di olive per quell'anno. Avendo pochi danari, prese in affitto tutti i frantoi di Mileto e Chio per poco, poiché nessuno li richiedeva. Venuto il tempo del raccolto, molti cercarono i frantoi disponibili, e lui, li offri al prezzo da lui stabilito, guadagnando molto danaro e dimostrando al contempo, che è possibile per i filosofi divenir ricchi, ma che per amor del sapere spesso non se ne curano. Il Fiume Stige, Lete, Mnemosine o Ap, ispirò anche Platone 柏拉图, Seneca, Ovidio, Virgilio, Jung 荣格 จุง, Erikson, Gandhi 甘地 คานธี, Laozi e Zhuāngzǐ. Lǎozǐ 老子 viaggiò a ovest di Zhouzhi(盩厔) nell'attuale provincia dello Shaanxi, costruì una capanna con frasche ed erbe, e visse là, luogo che divenne la culla del Daoismo Cinese. Laozi (LaoTzu, LaoTse), leggendario filosofo cinese vissuto (571-471 a.C) nel periodo degli Stati Combattenti e delle cento scuole di pensiero, durante la dinastia imperiale degli Zhou; scrisse il Dàodéjīng 道德經 o Tao te ching (da 首 head 止 foot), testo base del Daoismo 道家, culto e scuola 道教. Una leggenda narra che nacque nel Ku (contea di Lùyì, provincia Henan, un altra colloca la nascita in Guoyang, provincia di Anhui), da una vergine donna che, dopo vari anni di gravidanza, lo partorì dal cavo ascellare: il suo nome significa il Vecchio Maestro Bambino. Sua mamma Li (李树 albero di pruno), fu influenzata da una stella cadente e rimase in cinta per 81 anni. Seguendo la leggenda e biografia di Sima Qian, Laozi, contemporaneo di Confucio, lavorò come archivista nella Biblioteca Imperiale degli Zhou (1122 – 256 a.C.). Confucio lo incontrò in biblioteca e, parlando con lui, chiarì i pilastri del Confucianesimo. In seguito, Laozi lasciò la professione e viaggiò a Occidente, con il suo bufalo, attraverso lo Stato di Qin. Arrivato al posto di guardia di Hangu, Laozi fu interpellato da un ufficiale, Yixi (Yin Xi 尹喜), il quale gli chiese di dettargli un sunto della sua filosofia prima di andarsene. Laozi disse: muori senza morire e vivrai per sempre, un maestro per un giorno equivale a un padre per una vita (一日为师,终生为父 yi ri wei shi, zhong sheng wei fu); poi dettò cinquemila ideogrammi (Dao de Jing), che il guardiano trascrisse su tavolette di bambù, infine Laozi ripartì e scomparve nelle steppe. Alcuni lo vogliono sepolto in Xilouguan, una scultura a nord di Quanzhou, Monte Qingyuan, fu eretta a sua memoria dall'imperatrice Wuzetian 武则天, poi ancora dall'imperatore Minghuang della dinastia Tang. Il Dao De Jing, come il Libertages di Tago, è sotto forma di aneddoti, in versi, rime e ritmi, contiene istruzioni sulla visione del mondo, la meditazione, la permacultura e la respirazione. Il Dao è la Via della Natura che, senza sforzo (Wei WuWei o Wu Wei), agisce senza intenzione apparente, così, meditando su essa, si scopre il mondo interno riflesso nel mondo esterno. Secoli dopo, l'agronomo giapponese Masanobu Fukuoka riscoprirà l'agricoltura wu wei (natural farming), consistente nel lasciare che ogni cosa vada secondo natura: Il terreno non viene arato e la germinazione avviene direttamente in superficie, se necessario, avendo preventivamente mescolato i semi con argilla e fertilizzante (risparmio dei semi necessari). Al terreno viene restituito quanto più possibile di ciò che ha prodotto, quindi l'agricoltore coglie esclusivamente i frutti e lascia sul campo tutti gli scarti e le rimanenze della coltivazione, fungeranno da pacciamatura. Il terreno rimane perennemente inerbito con piante poco invadenti che fissano azoto (vedi sovescio) e su questo si possono seminare direttamente cereali, ortaggi o far crescere alberi da frutto; questo fa sì che, rimanendo sempre coltivato, il terreno riduca la propria erosione superficiale. Zhuāngzǐ 莊子, o Maestro Zhuāng (Zhōu 周, 369–286 BC, Japan Sōshi, Corea Jangja, Vietnam Trang tử) originario di Méng 蒙, oggi Shāngqiū 商邱 Henan, inizialmente ricoprì una carica statale, poi, seguendo la sua mente-cuore, lasciò qualsiasi carriera mondana e visse in campagna. A lui, l'imperatore daoista Xuánzōng 玄宗 (detto Lǐ Lóngjī), della dinastia Tang, attribuì un testo che porta il suo nome: lo Zhuāngzi, composto da trentatré capitoli, interni, esterni e misti. Anche Zhuāngzǐ usava aneddoti (storielle), affinché il messaggio giungesse senza sforzo all'ascoltatore; lui, precursore del multiculturalismo, poneva l'accento sulla relatività della conoscenza umana: linguaggio e percezioni sono una prospettiva personale delle cose, così bisogna esitare prima di definire conclusioni dogmatiche (wanwu). Il Buddhismo cinese, specialmente Chán (zen), assimilò i suoi concetti di (oblio) e shen (spirito), limitatezza del linguaggio umano e importanza della spontaneità: Due belle cortigiane sono ignorate dai pesci 魚之樂 (yúzhīlè), uccelli e cervi, dunque cos'è la bellezza in sè? La realtà è un'alternanza di contrari, usare l'empatia per mettersi nei panni degli altri, è la via del saggio. L'oblio permette di imparare, perché se uno pensa troppo alle regole o al risultato finale non riesce nel suo intento; le regole sono in un serbatoio sempre disponibile, mentre lo spirito shen (inconscio collettivo), memorizza tutto anche se non ce ne accorgiamo: il musicista improvvisa poichè esegue attingendo dal bagaglio di conoscenze formatosi all'inizio della sua carriera. Una volta Zhuāngzǐ sognò di essere una farfalla che volava senza preoccupazioni; al risveglio si domandò: Zhuāngzǐ sognava di esser Farfalla 莊周夢蝶, o è la farfalla che sognava di esser Zhuangzi? tra sogno e veglia esiste un piano indistinto, dove non si pone neanche la paura della morte. La compassione confonde l'Io negli altri, eliminando ogni distinzione. Guarire da se stessi è diventare coscienti, l'Io è la lotta, una volta abbandonato non c'è più nessuno con cui lottare; vincere la lotta è contemplare direttamente un destino creatore, Annullare l'ego è solo un mezzo che cura da un male, lo scioglimento attento delle varie manifesdtazioni dell'Io, per quanto penoso, fa scomparire forze passive (abitudini e imposizioni) e attive (desideri). Le ricchezze spirituali sono frutto di un attesa fatta di silenzio e solitudine poichè, la coscienza permanente, ci fa viaggiare senza frontiere e discriminazioni; identificarsi al Divino significa farne già parte, il divino non lo si inventa, ci si abbandona a lui per riceverlo, egli è in tè e, se vuoi verderlo, osserva e comprendi il sole, il corso della luna e l'ordine degli astri. L'universo imprevedibile, e pieno di sentimenti ostili, è solo una creazione personale; più tardi, grazie a una felice intuizione, ci si accorge di aver sognato l'esistenza frammentaria imposta, e che l'essenziale è scivolato come acqua fra le dita. La sete di vivere smette di essere lancinante, si muta in un sentimento dolce e disteso, un sogno popolato di immagini che aiutano a interpretare il sogno stesso; una coscienza fluttuante vede il senso transitorio di ogni cosa a cui si dà valore: ricchezza, potere, successo, sicurezza, beni privi di sostanza, residui dell'Ego in un sogno malvissuto, dove il destino è già prestabilito; per uscirne, bisogna imparare a disimparare. Perchè si è condannati a vendere i propri sforzi per sopravvivere? perchè si coltivano false speranze? perchè è impossibile essere felici? rompere a un certo punto l'ordine stabilito, deviare il corso del destino, dipende dal divenire se stessi causa della proprio centro di felicità permanente (polos), cessando di essere in tal modo, il prodotto di influenze esterne, di un illusione che deforma e coinvolge incidenti e fatti secondo un ottica soggettiva. Il destino umano storico è instabile: le civiltà periscono e il sangue si asciuga, odi alleanze e interessi si redistribuiscono in continuazione tra popoli, gruppi e poteri. Un uomo è molto di più se lavora per liberare ed espandere la propria coscienza e considerarsi un fine in sè. Comprendere la nozione di relatività, permette di dedurre che l'esperienza del visibile è la stessa esperienza dell'invisibile, proiettata nel nostro tempo e spazio (vedi Josipovici, Einstein e i Tzutujil). Secondo Godel, una soluzione delle equazioni della Relatività Generale di Einstein, mostra un universo in continua rotazione, dove il tempo torna ciclico: così, economia e matematica non esistono in sè, sono solo proiezioni che, tornate pluraliste, cambiano secondo la necessità del momento (i jing). L'uomo può ambire la cattura delle idee vive, sondarne l'essenza con parole intenzionali, segrete, cioè scaturite direttamente dall'intimo, come fa la vera musica e poesia. La creazione poetica (poesis) è un linguaggio in cui le parole si caricano di due significati simultanei e di eguale importanza: il suono e l'effetto istantaneo sull'anima: ciò è il segreto che distingue lo stregone dall'apprendista. Il mondo è triste poichè si perde il senso del divino, ma, colui che lo serba in sè, affinche il suo atto creativo ne sia animato, lo perde solo ad intervalli, fino ad ottenerne una presenza costante, questa è la sua battaglia e il suo scopo. Il cercatore fa spazio all'ospite sconosciuto.. e cresce la paura del combattimento che oppone la gioia di creare al dubbio, così le tentazioni trascinano l'ospite fuori per metterlo fuori gioco: è un fatto che la creazione disturba certe forze sabotanti, le quali, agiscono sui punti deboli della natura di chi anela a un diverso destino. Il poeta deve allora partire dalla solitudine singolare, sempre continuando a farvi appello, come ad un fedele alleato, sicuro ogni volta di non sbagliare, fino al giorno in cui riceverà la grazia e, mediante l'opera tenacemente perseguita, diverrà egli stesso portatore di grazia (Fukuoka): i mostri più terrificanti si muteranno in benevoli geni e un alto soccorso scenderà su di lui proteggendolo da ogni pericolo, incluso le gratuite lusinghe della bellezza priva del vero. Il poeta, nel proprio isolamento, scopre di avere da sempre il proprio tesoro, un sad-guru che lo aiuta a partecipare alle leggi della natura e, man mano che progredisce, avrà in sorte il recare disturbo, poichè molteplici sono le strade che si aprono in lui. L'isolamento intenso conduce alla comunione, lui prende forma unoo spazio personale che lo avvicina sia agli umani che alle stelle. durante la costante ricerca di ciò che si nasconde dietro le apparenze, egli resuscita la limpidezza dei bisogni primari, il grave richiamo della carne liberato da tutto ciò che non è essenziale, il puro sapore di un frutto maturo: si impara a coltivare coltivando, liberandosi così di un esigenza vitale. Josipovici scrive: per colui che opera, il rifiuto di ogni sapere dogmatico è ignoranza creatrice, è un cervello che, ogni mattina, torna ad essere una pagina bianca. La sua ispirazione è un emozione sempre nuova, che assorbe le sue forze e le incanala e, in seguito, lo sforzo di volontà continuato, muta il poeta stesso poichè Creare è crearsi (ricreazione ambita dai bimbi). La creazione poetica è il prodotto di molte distrazioni dal quotidiano, a favore della concentrazione dell'attenzione su un unico centro (therabuti), poi accade il rapimento: l'Io ordinario, inserito nell'azione in corso, subisce una muta e s'identifica col tema meditato, il quale, finisce per prendere corpo; l'artista torna daoista, torna spontaneo, semplice, vero, l'anima lavora al posto dei sensi, e l'operazione magica si compie. Peter Pan, creato dallo scozzese James Matthew Barrie nel 1902, è un bambino in grado di volare che trascorre una fantastica infanzia senza fine sull'Isola che non c'è, come capo di una banda di bimbi sperduti, in compagnia di sirene, indiani, fate e pirati; a volte incontra bambini nel mondo reale. Barrie, nato in Scozia da una famiglia semplice (padre tessitore e madre badante), era nono di dieci figli; lui, piccolo e gracile, amava ascoltare storie dai fratelli e dalla madre. Da adulto, dopo aver studiato da giornalista, si trasferì a Londra dove intraprese la carriera di scrittore, varie vicende lo portarono a frequentare la famiglia Llewellyn-Davies e a scrivere il suo capolavoro: Peter Pan e l'Isola-che-non-c'è, trasposizione fantastica dei Giardini Kensington a Londra, dove Peter, il bimbo che ispirò Barrie, trascorse la sua eterna infanzia. Barrie, alla sua morte, lasciò in eredità lo sfruttamento dei diritti d'autore al Great Ormond Street Hospital, un ospedale pediatrico londinese. Zhuāngzǐ è multiculturale e panteista, usava parlare narrando parabole, proprio come fece Gesù. La sua filosofia influenzò vari concetti del Buddhismo Cinese (Chan): 1.la vita spontanea; 2.la relatività del linguaggio umano (wanwu); 3.apprendi a disapprendere (Wang shen, vijnanamayakosha) e lavora senza tormentarti sull'obiettivo da raggiungere! 4. la morte non è un evento negativo; una volta un amico vuole andare a visitare Zhuangzi e porgergli il cordoglio per la morte di sua moglie. Quando arriva a casa di Zhuangzi, lo trova sul pavimento intento a suonare un tamburo e cantare. L'amico, fervente confuciano, chiede a Zhuangzi perché si stia comportando così e non rispetti il rito del lutto. Il maestro rispose che anche lui aveva avuto un periodo di lutto in cui era stato distrutto dal pianto, ma poi capì: c'era stato un periodo in cui la moglie, non ancora nata, era in forma di Qi, poi nacque e prese forma, visse la sua vita come moglie di Zhuangzi, morì e ridivenne qi; al culmine dell'angoscia emerge il suo contrario, la calma e accettazione, la serena meditazione (after his wife dead, Zhuāngzǐ suffered a lot, then he started to play drum and singing when he knew that his wife was not lost forever but she changed into qi as well as before birth she was Qi. Crying a lot turned into awareness mutation). I fedeli daoisti, e molti turisti, fanno pellegrinaggio ai monti Wudang 武当山 (Wǔdāng Shān), detti Wu Tang Shan, patrimonio UNESCO, nella provincia di Hubei, poco a sud della città di Shiyan; da tempi antichi, ospitano molti monasteri taoisti, famosi centri di ricerca, insegnamento e pratica della meditazione, arti marziali, medicina tradizionale cinese, taiqi, e agricoltura taoista (). Durante la rivoluzione culturale (1966-1976), che vide la capillare destituzione delle religioni, i templi vennero svuotati, molti distrutti e dimenticati per decenni. Con il revival del Daoismo, alcuni templi, ricostruiti o restaurati, tornano attivi e favoriscono nuove comunità di monaci organizzate in un'associazione: la Chiesa taoista dei monti Wudang. Nel giugno 2005 numerose comunità monastiche e maestri spirituali che si trasferirono in Taiwan per sfuggire alle persecuzioni sono stati autorizzati a fare ritorno presso i templi. Raseno prosegue, ci guida sulle rotte di altri territori mistici, come un nocchiero sulla mitica canoa.. segue Yulunggùl, il serpente divino della Melanesya che arriva ad Aotearoa e poi in Tasmania.. tra i molti miti della creazione, Raseno ne cita uno. 'In origine, Dio senza forma, Brahman, il più vecchio degli dei, annoiato con nulla, creò la dea Maya per suo piacere (specchio dell'universo, al fine di ammirare se stesso), e così le disse: 'Maya, possiamo giocare?' Maya rispose: 'solo se tu crei un set, il mondo.' Così Brahman crea i cieli, la terra, gli oceani, il sole, la luna, le stelle, le piante, i funghi, gli animali e gli umani. 'Possiamo giocare ora?' chiese Brahman - 'ok, nasconditi e ricerca' disse Maya, e, preso Brahman con le sue mani, lo fece in milioni di pezzi che pose in ogni creatura sin li fatta. Poi lei invitò lui, 'Ora vediamo se tu puoi trovarti, Brahman!' Il Drago, nei sogni dei nativi di Thera (indios, pigmin, igorotes, aborigens), è il custode dei mondi a-storici (Kukulkan, Quetzalcoatl, Biedano river drake, etc.) e della spezia blu che evolve la coscienza delle creature umane verso l'auto(ri)conoscimento e la rimozione della paura della morte. Il Drago, nelle sue infinite forme, riposa addormentato nei vari paesaggi, in attesa di offrire ancora il latte visionario delle sue mammelle: selve, fiumi, oceani, colline, valli, pietre, vasi, meteoriti, miti, riti, archetipi, suoni, odori, creature.. come il Drago di Pannonia che, rappresenta le genti del Tirolo lasciate vivere in pace. Pan Gu was born as a primordial human, he grew very big separating mom and sky. Pan Gu was in the middle, then his limbs broke into pieces giving birth to all Thera islands. Isis is the daughter of Nut (mother-sky) and Gheb (father-land). She is sister and wife of Osiris and mother of Horus, who later took the names respectively of Serapis and Harpocrates. With her son and husband, Isis formed a triad of Gods, a holy trinity of the Goddess which was the main character. Her cult became mysterious ties to the Goddess with the world beyond, although was initially hampered, long swept across the Roman Empire. The myth of the death and resurrection of the son of the Goddess, is always a descent into hell that deprives you of everything from clothing to jewelry and even the eyes, and then ascend victorious returning to earth. Isis was known as the Black, for her underworld aspect as Kali and the black Madonnas. In her Mysteries, the inner journey to divinity, was to become the initiate's journey, entering into the depths of himself and thus including their very nature, experiencing a kind of death that allowed you to understand the true death and to overcome fear. Isis is very beautiful, has long, curly hair blacks, his coat shining ebony and is interwoven with stars moon and sun. The divine head a pair of horns or snakes surround the sun. Sometimes it is naked. Attributes: Mark Ankh, sistrum, pitcher, rod, cone spikes, moon and sun, snake, knot of Isis (Tiet), dove, rose. Isis is a cosmic principle living into humans and in the cosmos, which contains the secret of its development cycle of life and death. Apuleius in his Golden Ass shows the stages of initiation: 'I am with you, Lucius, moved by your prayers! I, the mother of all things, mistress and principle of all generations, for ever, the queen of the gods and goddesses that grant to govern with my consent, I whose power, the whole world reveres rites different and with different names.' First step is to sleep and dream in which the Goddess appears the initiate, advising him to be initiated into the sacred rites. This phase has a strict ascetic practice of purification, staying away from excess and arrogance, ie take off the mask which the ego plays. Second step is the initiation of Isis, a voluntary death and salvation is temporary, which is realized in this life with a union of spirit and matter in everyday life-enhancing and preparing for death: 'Hear now, and believe, is all true, earned the boundaries of death, I put my foot on the threshold of Hade-Persephone and went back, dragged through all the elements, in the middle of the night I saw the sun vibrate with radiant light, I was in the presence of the gods both of heaven and hell them I adored closely'. The initiation is then completed with a sacred banquet and cheerful feasts. The third phase is when Osiris appears during dreem and invites the initiates to enter into the priest'college. Apuleius wrote: 'You melt the most intricate row of fates, appeases the storms of fortune, spells the fatal influence of the stars, you make the honor heavenly, you pay over the underworld; You produce the rotation of the earth, from the light to the sun and governments of the Universe. The Egyptian cult of Isis is very similar to that of Christianity, trying to make converts by its preaching and its followers formed a community united and powerful, even if the majority were women. The faithful used necklage with ank, similar to cross, gathering in her temple for prayer. Isis conceives the God Horus when Osiris was already dead as well as the death and resurrection of Osiris symbolizes the promise of eternal life to the initiated. To those who eagerly demanded her initiation the priest replied: the courtyard, the underworld and the gates of salvation are in the hands of the Goddess and the initiation itself is celebrated in the form of a voluntary death and a free salvation. Before initiation was observed fasting and sexual abstinence, the date of the rite was fixed by the priest or Isis, who sometimes appeared in a dream. The ceremony lasted a whole night in which the adept, after an overnight fast and a washing cleaners. A journey of the soul to Hades, and the experience of death, submission to the Ancestors-Gods and rebirth. At dawn, dressed and crowned, and with a torch in his hand, was presented to the faithful as Osiris died and rose again. The initiation cost 250 sesterces. The state did not support the costs and priests were maintained by voluntary donations. The degrees of initiation were two more: the Mysteries of Osiris, reserved for the most loyal devotees (1000 sesterces), and a third degree, reserved for future priests. The Mysteries of Isis have many religious services daily, four per day, plus others in the celebrations. Sacred images of the Goddess received by the faithful to kiss away accompanied by the gesture of the hand. During the holidays Isiac, celebrating the death and resurrection of Osiris, the priests mourned and lamented in imitation of Isis when she crossed the Nile by boat looking for the body of her husband. Isis becomes Queen Maris and protector of sailors. 60.䷻ 巛 chuān 川 (river, rad.47) poeti di Gaia


At evening Giorgio Taras narrates us his experience as a gypsy healer in the Tuscia central area of Italy and rural China. He starts by quoting the myth of first medicine of India where indigestion was the first hurdle, announcement of the end of Golden Dream. "Lack or excess of wind may cause constipation of soil, intestines and civilization. Constipation means delayed passage of stool. We have not delay too much our defecation because intestinal obstruction is stinking cesspool, it produces acidity, headache and indigestion starting breath stink with fevers solution. Then the Body subtracts water from the tissues, scarce digestive juices go into constipation, the cause of all diseases due to germination of feces in intestines. The internal organs are most vulnerable between the stomach and intestines. The 90% of disease comes from their abnormality. When the fecal matter in the colon are rapidly decaying and decomposing, we have diarrhea. The colon is clogged, and disease breeding ground for germs of blood poisoning (septicemia), then infection goes to liver and other organs, the body gives in and fever comes. Also various kinds of toxins that circulate in the blood, go in the joints. Excess meat in the blood, it crystallizes and precipitates as uric acid and it deposits in the joint, toes, ankle, wrist, knees. Then at night, make you suffer from gout attacks, or get fever, the malaise lasting a few days. The attack comes and goes and it becomes chronic arthritis. Hot water, a light and fresh local diet, as well as exercises of elasticity and stretching of joints (pavanmukta asana) are good helper and medicine. Ganesha knew this human disease.. Ganesha feels compassion so he gave a reliable care: He offered hot water therapy because every digestion take care in it. The first humans were cured then begun the medicine art. A cold water calms your high heart rate; warm water stimulates heart action while a cup of hot water (not boiled), morning and evening, it preserves health. Fresh water is food; hot water is medicine, it wins indigestion and rinse your mouth. Hot water at night, it cleans the intestines loosening the mucous and expanding membranes. Water has memory, it's the basis of life so the scarcity of water, it get the body sick becouse the garbage remains inside the body (and soul), in kidney and intestine then sadness and bad mood can arouse up. Taras also tells about urine therapy together with fasting and detoxification. Amaroli (urine) it's water of life becouse it comes from living body and it contains vitamins, hormones and antibiotics; it may undo some poison of snakes, scorpions and insects becouse of poison by poison, in homeopathic doses. "I watch animals to understand the medical plants they can use by instincts. The Storks take enemas when are sick, spraying with their beak a little salt water. Geese, ducks and birds living on water also are going in search of healing grass. Hippocrates and the Salerno medical school says: "That one word does not heals, medicinal plants may cure, and what can not this, it solves the knife. Where air is pestilential, Vinegar is a good preservative. Hyssop purge phlegm from the chest; Ruta it's good for your eyes and makes sharp eyes; Sage and rosemary leaves, boiled as a tea are good for gargle, sore throat and gingivitis. Garlic, fennel, licorice and mint, help salivation and gastric secretions. (IT) Gli animali hanno una coscienza, si curano, si drogano, hanno comportamenti insoliti: molti assumono afrodisiaci vegetali prima di copulare, alcune formiche allevano coleotteri per i loro essudati inebrianti, così come ci sono fiori che ricompensano i loro insetti impollinatori con delle droghe invece che nettare. Taras porta nella sua borsa di medicina, un pronto soccorso di erbe: tinture di arnica, calendula, iperico, ortica e ruta; lozione di eufrasia; unguenti di altea, arnica, calendula, ippocastano e ruta; preparati secchi di erbe: camomilla comune e romana, 4 purificatori del sangue (attaccamani, foglie-di-rovo, menta, sambuco, ecc), egli dice: "sebbene le terapie shock della medicina moderna sono preferibili in alcune situazione di emergenza, altrove i preparati ottenuti da coltivazione intensiva o allevamento coatto hanno efficacia ridotta, mentre, le biotecnologie (nuovo concorrente della erboristeria), riproducono, accelerandoli e isolandoli, i meccanismi delle mutazioni e della selezione naturale, poichè è più facile patentare un processo di trasformazione (lieviti ogm che incorporano geni codificanti principi attivi) che brevettare una molecola". Ippocrate di Cos diceva: "clima, dieta, idee, medicine e psiche dei pazienti, forgiano il comportamento umano. Un approccio unico nella difesa dai patogeni (uniformità terapeutica) può sfociare in una selezione dei ceppi resistenti. La scelta della terapia è un fatto culturale ed economico, giacchè, il mistero completa la nostra imperfezione. Se conosci la natura dei semplici, in un modo o nell'altro puoi ricavarne molti usi, alcuni van raccolti presto come il fior di Tiglio (appena inizia la sua fragranza), altri tardi, alcuni li trituriamo, altri li facciam seccare. La salute dipende anche dai rapporti del paziente con il mondo materiale e mitico che lo circonda". Nel 1888, con la Legge per l'igiene e sanità pubblica, i guaritori popolari furono messi al bando, relegati al folklore, liberati solo negli ultimi decenni, intanto molti medici hanno adottato le erbe medicinali nelle loro terapie, entro una visione scientifica che attribuisce le virtù delle erbe a molecole chimiche piuttosto che forze spirituali. Il declino della visione animistica della natura fu catalizzata dalla Enciclopedia illumista, sebbene Robespierre, notò che la condanna del fanatismo religioso conduceva a una visione razionalista del cosmo ancor più fondamentalista e incapace di soddisfare le esigenze profonde dell'animo umano. Le comunità di migranti, mantengono la loro coesione anche a causa del loro attaccamento alle loro spezie ed eredità spirituali, rinnovando così l'espansione di molteplici riti e itinerari terapeutico-religiosi. I malesseri indotti da forze spirituali, diagnosticati dai veggenti (divinazione) e curati dai guaritori sono: 1_spavento e paura causate da volontà avverse, a seguito di incantesimi o incontri con spiriti/fantasmi che perturbano l'equilibrio spirituale. La vittima è affetta da perdite, manifeste nel rallentamento del sangue e delle funzioni vitali, nervosismi, disfunzioni digestive, inappetenza, vomito, abulia, pallore, spossatezza, arresto di crescita e mestruazioni, perdite economiche e materiali. 2_Arie e venti; 3_iettature e malocchio a mezzo di sguardo più o meno involontario, prevenibile e curabile con amuleti e versi ai santi o antenati; 4_fatture volontarie fatte da maghi e fattucchiere per conto di terzi, ai danni di persone, cose ed animali (poi tutto torna indietro); Cura importante, oggi ripresa dai pellegrinaggi mariani, è la pratica dell'incubazione: il malato dorme in luogo consacrato alla divinità guaritrice che lo risana o gli svela in sogno la causa e la cura. L'erboristeria popolare trae i suoi rimedi dalla flora selvatica e da quella coltivata: celidonia, malva, ortica, papavero, parietaria, ruta, sambuco, verbasco (foglie tritate su ferite), camomilla, rosmarino, salvia, aglio (ipotensivo e vermifugo), cavolo, cipolla, olivo. Crocifere, Labiate, Asterace, Ombrellifere, Solanace, Euforbiace, Apocinace, frutti minori, hanno essenze forti anche quando coltivate, sebbene, la digitale coltivata perde efficacia, la cicoria selvatica è più amara della coltivata. Le foglie son colte prima della fioritura, i fiori di buon mattino con tempo asciutto e prima che appassiscano, le radici in autunno-inverno; si usano succhi, infusi, tisane (mix di erbe), decotti, macerati a temperatura ambiente, in acqua, aceto, vino, olio, latte; unguenti e fumigazioni, impiastri di foglie-fiori freschi anche pestati. Le piante con sostanze tossiche (morella, stramonio, giusqiamo, belladonna, cicuta ed elleboro) sono usate quasi sempre esternamente. La medicina italica popolare (derivata dall'araba, libico-mediterranea, yemenita, afgana, cino-tibetana, indiana, ecc), e le sue sperimentazioni con nuovi esemplari portati dai viaggiatori, si fonde all'attivita curativa dei sacerdoti di Osiride in Egitto, e dei sacerdoti di Asclepio in Ellade, trapiantati sull'isola Tiberina a Roma. Al santuario di Asclepio, ad Epidauro, i malati si recavano a ottenere la guarigione, dopo i bagni purificatori (limpeza) si abbandonavano al sonno ristoratore, sperando nell’apparizione del dio che suggerisse il farmaco/pianta per guarirli dalla malattia. I santuari di Asclepio daranno il passo alle abbazie greche benedettine, con ospedali e scuole mediche annesse. Nel XI secolo, Pietro Clerico consigliava che nelgi orti dei conventi fossero coltivate almeno 7 erbe medicinali annuali (aglio, basilico, borrago, equiseto, malva, menta e prezzemolo) e 7 perenni (alloro, biancospino, ginepro, rosmarino, salvia, timo e vischio). Paracelso ritrovò i miti che associano luoghi a divinità e forze di natura; riprese la dottrina delle impronte, dove ogni pianta utile porta i segni delle sue proprietà: Iperico, con le foglie bucherellate, ha virtù nel curar ferite e piaghe, il noce cura lesioni al cervello, l'ortica e le cura-tutto (alga spirulina, rosa canina), son quelle ricche di microelementi e vitamine e integrano le diete povere, così la Birra di Ortica, tonico dell'inverno inglese, contiene clorofilla delle foglie e silice degli steli; l'ortica mi punge, ma accanto cresce il romice e piantaggine, frantumo le loro foglie e le sfrego qual rimedio sulla pelle. Calendula è fiore del sole, i fior rossi son di Marte, le solanacee di Saturno. Paracelso, ammiratore di Aulus Cornelius Celsus (medico per diletto vissuto nell'impero di Augusto e di Tiberio, conoscitore di Ippocrate, della medicina alessandrina e scrittore di opere su agricoltura, zooiatria, filosofia, storia e medicina), scrisse: "Alcuni mi accusano di superbia, altri di pazzia, altri di stoltezza, alcolismo o ateismo. In realtà io sono un panteista, convinto che la fede va vissuta dentro di sé, nel tempio del cuore, ognuno possiede dentro di sé le doti necessarie per esplorare il mondo e, i migliori insegnamenti, vengono dall'esperienza diretta (viaggi e intuizioni) della natura, dove esiste la cura per ogni sorta di malattia, grazie a forze guaritrici chiamate Arcana, le quali, recano guarigione al paziente che avesse avuto abbastanza fede in esse." Laureato in medicina all'Università di Ferrara, lavorò nelle miniere di Germania e Ungheria, vagabondò in Europa ed Asia e, nella guerra, fece esperienza di medico militare (da Aulo Celsus apprese che in età repubblicana, i feriti nelle battaglie venivano portati nei villaggi per essere curati; con la riforma dell'esercito di Augusto, vennero introdotti i medici militari e i Valetudinarium, ospedali militari, dal latino valetudo, buona salute, costruiti in ciascun castrum legionario; alcuni valetudinaria avevano terme e latrine, mentre, gli accampamenti permanenti 'castra stativa', vennero posti nei pressi di corsi d'acqua, lontani da zone malsane (paludi malariche, regioni aride o irraggiungere). In Germania gli fu offerta la cattedra di medicina all'Università di Basilea ma, la sua opposizione aperta alla medicina accademica e la sua indole polemica lo portarono a perdere il lavoro di insegnante sebbene venne spesso consultato per problemi a stomaco e intestino. Dopo aver passato i restanti anni della sua vita a vagare come di città in città, morì a Salisburgo e fu sepolto nella chiesa di san Sebastiano. Paracelso vedeva nel celibato un mezzo per dedicarsi alla cura dei pazienti, specie in caso di malattie contagiose e pericolose; egli riconosce che alcune figure femminili, nella sua vita, hanno contribuito a formarlo. Per lui la donna è matrix (matrice) del grande mistero della vita, e ciò la pone a stretto contatto col mondo degli arcana, la capacità immaginativa della donna incinta è decisiva per la formazione spirituale del figlio, così egli osservava il paziente si immedesimarsi nei suoi disturbi. Alla teoria dei contrari egli opponeva la teoria dei simili, presente presso i nativi e gli egizi, secondo cui una malattia può essere curata con la stessa sostanza da cui è stata causata. L'anatomia di Paracelso si basa sulla capacità del medico di ricollegare i segni del corpo all'agente interno causa della malattia, di cui esistono 5 cause: ens astrale, ens venale, ens naturale, ens spirituale ed ens dei. Un buon medico, per capire la causa della malattia, deve basarsi su tutti e cinque gli enti. La sua chirurgia è conservativa, non aggressiva: bisogna solo stimolare la natura ed essa provvederà da sé. Taras in Cina e Giappone riscopre la macrobiotica, ovvero l'uso dei cibi a scopo di cura: Cibi più caldi (valli basse dei tropici): dolci, piccanti, astringenti; e cibi più freddi (di terra): aspri, amari, poco digeribili. Inoltre vede il riflesso tra 5 organi del corpo e i colori dei cibi: cuore-rosso, fegato-nero, polmoni-verde, stomaco-giallo, reni-bianco. "Nella macrobiotica i cibi son classificati qual miscele di yin-yang o rajas-tamas (in ayurveda): A può essere yin rispetto a B, ma A può essere yang rispetto a C, poichè yin e yang son sempre relativi, mai assoluti a questo mondo, così spesso, un cibo più ricco di acqua è yin rispetto a un altro, e viceversa. In questo universo, tutti i fenomeni e i caratteri delle cose sono determinati da queste 2 forze: la forza centrifuga Yang e la forza centripeta Yin. Secondo il Dao, tutte le cose possono venir classificate in una delle 3 categorie e poi coordinate in base alla rispettiva proporzione di yin e yang. La forza centrifuga Yang e data dal calore (movimenti molecolari), costrizione, pesantezza (tendenza a scendere), forme piatte, basse e orizzontali. La forza centripeta Yin produce freddo (rallentamento dei moti), dilatazione, espansione (tendenza a salire), leggerezza, forme grandi, alti e verticali. Tra yin (triangolo in basso) e Yang (triangolo in alto) vi possono essere tre tipi di relazione: yang-yin; yang-yang; yin-yin. Il Diabete, una delle prime malattie storiche, dal greco διαβαίνειν: gambe allargate, divaricate, sifone a U, compasso, recipiente che deborda; svuotamento eccessivo delle urine in Egitto (raro nell'impero romano) e madhumeha (urina dolce che attira le formiche) in India, dove, Sushruta e Charaka associarono il tipo 1 ai giovani e il tipo 2 agli obesi. Il termine "mellito", "di miele" fu aggiunto dal britannico John Rolle per distinguere il diabete insipido pur con frequente minzione. nel 1921, due canadesi scoprirono l'insulina che, nel fegato, sopprime il rilascio di glucosio. In condizione di insulino-resistenza, il fegato rilascia impropriamente glucosio nel sangue. Vi sono farmaci e problemi di salute che possono predisporre al diabete: glucocorticoidi, tiazidici, beta bloccanti, antipsicotici atipici e statine. Le donne che hanno sofferto diabete gestazionale sono a rischio maggiore di diabete2. Il diabete tipo 2 è il 90% dei casi e l'obesità ne è la causa prima nei soggetti geneticamente predisposti. E' iniz. trattato con l'aumento di esercizio fisico e modifiche nella dieta. In medicina tal malattia cronica (diabete mellito), è caratterizzata da elevata concentrazione di glucosio nel sangue, a sua volta causata da una carenza (assoluta o relativa) di insulina nell’organismo umano. Il diabete mellito di tipo 2 (non insulino-dipendente), ha glicemia alta in un contesto di insulino-deficienza. Il mellito tipo 1, ha carenza assoluta di insulina a causa della distruzione delle Isole di Langerhans del pancreas. I sintomi classici sono: eccesso di sete, minzione frequente e fame costante (poliuria, polidipsia, polifagia). Sintomi potenziali: vista offuscata, prurito, neuropatia periferica, ricorrenti infezioni vaginali, ipotensione, diminuzione di coscienza, offuscamento vista/cecità, insufficienza renale, ipertiroidismo, deficit di testosterone, etc, fino alle complicanze a lungo termine da eccesso di glucosio (cardiopatie, ictus, retinopatie, insufficienza renale, scarsa circolazione sanguigna negli arti). "Se i miei pazienti hanno diarrea, stitichezza, sonnolenza dopo i pasti, stanchezza cronica, intolleranze alimentari, si ammalano facilmente, ecc. è probabile che abbiano una flora batterica inefficiente. A ripristinarla occorrono probiotici (fermenti lattici vivi). Ogni marca di yogurt contiene diversi tipi di fermenti lattici, la migliore cosa è comprare tutte le marche a rotazione, in modo da assumere tutti i tipi. Gli yogurt con probiotici riescono a guarire completamente l'ulcera gastrica e le emorragie in breve tempo. Il cancro invece, viene per una cattiva alimentazione (e/o fumo), per stress psico-fisico, carenza vitaminica, esposizione ad agenti cancerogeni, radicali liberi e ossidanti; se si eliminano questi fattori e si voglia guarire occorre, in primis, eliminare le cause che l'hanno prodotto. Il cancro per crescere ha bisogno di sostanze nutritive: saccarosio, zuccheri e dolcificanti raffinati, grassi animali, fritture, insaccati, formaggi con steroidi, cibi preconfezionati con conservanti e aromi sintetici, alcool, bibite gassate (troppi tannini riducono il ferro nel sangue). Alla valida cura dell'Aloe Arborescens, di per sè già in grado di vincere il cancro (fuor di chemio-radioterapia e/o interventi chirurgici), si affiancano altre sostanze antiossidanti e anti-cancro. La vitamina B17 (Amigdalina, molto amara) ha effetti micidiali sulle cellule tumorali. Si trova nei semi di albicocche e mandorle amare (non mandorle dolci). Un seme di mandorla amara al giorno = 20 semi di albicocca. Poichè B17 ha effetto che dura 2-3 ore, occorre mangiare il seme della mandorla in 4 pezzetti, uno ogni 2-3 ore, nell'arco della giornata. Si sbuccia e si mangia, vicino o lontano dai pasti. Anche nel Digiuno, il corpo separa tutto ciò che è malato da ciò che è sano, ripristinando l'equilibrio tra acidità e alcalinità e rigenerando la flora batterica intestinale. Cibi ideali per curarsi: Pane, Pasta e Cereali integrali, Legumi, Pesce fresco o surgelato (da scongelare a temperatura ambiente), Pollo/carni di volatili, alghe e Vitamine (A, B, C, E), ferro, potassio e probiotici (fermenti lattici vivi), fondamentali per guarire. Vitamina C e bicarbonato di potassio non danno problemi da sovradosaggio, acidità o tossicità, poichè acido e bicarbonato si neutralizzano. Ascorbato di Potassio: 1 gr. di bicarbonato di potassio pari a un cucchiaino da gelato + 1,8 gr. di Vitamina C (acido ascorbico) pari a 2 cucchiaini e mezzo da gelato in 1 bicchiere di tè verde o camomilla a temperatura ambiente Le due sostanze, dopo un minuto, per reazione chimica effervescente, creano 2 grammi di Ascorbato di Potassio (sotto 1 gr al dì la dose è inefficace), poi si beve. L'ascorbato è neutro (non ha acidità), ma per chi soffre di bruciori di stomaco è meglio assumerlo insieme ai pasti o usar solo Vitamina C. Il bicarbonato di potassio è simile al bicarbonato di sodio (un malato evita alimenti salati e fà una dieta ricca di potassio), entrambe pesano come il sale da cucina (1 cucchiaino da gelato, 1 grammo); la vitamina C pesa come lo zucchero (1 cucchiaino da gelato, 0,7 grammi), così ce ne vogliono 2 e mezzo per arrivare a 1,8 grammi. Gli antiossidanti a contatto di cucchiai metallici si ossidano, da evitare. La vitamina C si ossida facilmente all'umidità, aria, luce e coi metalli, meglio aprire il contenitore grande solo per riempire quello piccolo, che e si usa fin quando è vuoto, poi, questo si riempie nuovamente prendendo da quello principale. Linus Pauling, 2 premi Nobel, scopritore della vitamina C, la consiglia alle persone sane nella dose di 6 grammi al dì, poichè il suo livello nel sangue raggiunge il picco in 2-3 ore e la maggior parte vien eliminata in 4 ore dall'assunzione. In 12 ore ritorna ai livelli iniziali. L'ideale è prenderla ogni 4-6 ore (3 volte al giorno), in qualsiasi momento, durante, vicino o lontano dai pasti. Ai mali più comuni, I rimedi, consigliati ai miei pazienti erano: Tarassaco (10 pizzichi in mezzo litro, decotto 10m, tre bicchieri al dì) per disturbi al fegato; infuso di semi/fiori Finocchio per areofagia; infuso foglie Ulivo per ipertensione (o 2 capsule Biancospino tre al dì, o 1 Aglio tre volte al dì); infuso di Liquirizia per ipotensione; decotto di Artiglio diavolo, ottimo come anti-infiammatorio dei dolori dell'artrite e dolore lombare, ha virtù analgesiche: 5 pizzichi in mezzo litro, bollire 10 min, riposo 1 notte, bere 3 bicchieri il dì seguente; infuso di Passiflora, melissa, tiglio e arancio amaro contro stress e insonnia. Molte specie della flora mondiale sono ormai comune in tutto il Mediterraneo e parte della farmacopea italica: Cupressus; Laurus; semi di Anice (pimpinella anisum) dati ai bimbi in caso di coliche, nausea o indigestione, tale pianta ha virtù espettoranti, antispasmo dei dolori intensi, asma, pertosse e bronchiti, e aiuta la produzione di latte. Infuso d'Issopo (hyssopus officinalis) e sciroppo di fiori di gelsomino (Jasminum grandiflora), pianta dell'Iran, sono usate come sedativo delle crisi di asma; la lavanda (lavandula officinalis) per alleviare il mal di testa in caso di depressione; fiori di camomilla (matricaria recutita) per stress nervoso, disturbi digestivi, ulcere e coliti; infuso di Melissa officinalis per sedare influenze, raffreddori, febbri e alcuni spasmi nervosi (tranquillizzante), cardiaci e coliche e, poichè ha sostanze antistaminiche, è utile nella cura degli eczemi. Le steppe e le montagne dell'Indu-kush in Afganistan, sfruttate dalla pastorizia, ospitano flora selvatica ricercata dalla farmacopea mondiale; qui, la tradizione araba si è coniugata con quella tibetana e ayurvedica, nella diagnosi e terapeutica erboristica, favorita dai commerci della via della seta. La medicina afgana (Pashtun) riconosce 3 categorie eziologiche: 1_malattie causate da spiriti avversi e dal malocchio (in assenza di diagnosi certa); 2_malattie dovute a squilibrio dei 4 umori corporei (caldo-freddo, umido-secco) e 4 temperamenti della medicina greca, araba e indù, così, stagioni, età e secrezioni corporali, son classificate come combinazione possibile di 4 elementi: Est è Caldo-umido, primavera, infanzia, umore sangue, temp.sanguigno (khun); Sud è Caldo-secco, estate, giovinezza, umore bile gialla, temp.collerico (balgham); Ovest è Freddo-secco, autunno, maturità, umore bile nera, temp.melanconico (safra); Nord è Freddo-umido, inverno, vecchiaia, umore flegma, temp.flegmatico (saoda). Caldi sono i bimbi, donne e giovani; freddi gli adulti e anziani. 3_malattie contagiose naturali e inevitabili. Gli spiriti avversi son detti kafir (pagani) e si manifestano a mezzo di fitte dolorose, sudorazioni, pizzicorii; si cerca di sostituirli con spiriti musulmani a mezzo di preghiera e sonno. Il malocchio può essere prevenuto o eliminato bruciando il seme aromatico di asfand (peganum harmala) che purifica le case e le persone disturbate. Dieta e medicine han proprietà opposta a quella della malattia, così, sostanze amare come l'infuso di foglie e radici di banano, considerate fredde, sono impiegate nella cura delle malattie respiratorie e dei mal di testa estivi. Il vento (bad) si incontra nei cibi freddi (ravanelli, rape, patate, carote) e possono dare mal di stomaco, cattiva digestione, dolori articolari e dei muscoli, trattabili con massaggi, qi-gong delle articolazioni e applicazioni locali di calore. L'eccesso di sangue (caldo-umido) provoca eruzioni cutanee, curate con medicine fredde e secche. Infuso di fiori di Malva e semi di mele cotogne trattano il Mal di gola; frutti secchi di giuggiolo trattano le aritmie cardiache; infuso di semi di Plantago ovata curano mal di testa e debolezza collegata; Aloe macinata e data assieme al frutto cucurbita di citrullus, è anti-diarroico; semi di Entada scandens (leguminosa) curano mal di schiena; foglie e frutti di Artemisia maritima come vermifugo, fitte addominali e febbre; foglie e frutti di Berberis vulgaris per mal di schiena e di testa, purgare il sangue, curare mal di stomaco e febbri croniche; foglie, germogli floreali e semi di Canapa indiana come lassativo e sedativo; semi di Carum bulbo-castanum per fitte addominali e indigestioni; radici di Cicoria per fitte addominali e febri tifoidee; rami giovani di Efedra gerardiana per mal di schiena e dolori articolari; pianta intera di Nepeta cataria per indigestione, mal di schiena, ferite superficiali e interne; foglie e radici di Rumex nepalensis per indigestione, febbre tifoide e ferite. Così pure le farmacopee indigene americane (azteca, maya, inca, hopi, wirarika, etc), sotto il dominio spagnolo, si fusero con quelle europee, fondate su quelle arabo-mediterranee (teorie umorali ippocratiche), ad esclusione delle piante magico-psicotrope, avverse dal clero dominante. L'incontro tra culture portò a scambi che giovarono a entrambe: gli europei riscoprirono le piante sacre e i guaritori indigeni ampliarono le loro farmacopee per fronteggiare le patologie introdotte dall'Eufrasia. Figura tipica della medicina latino-americana è il pulsero, che tasta il polso e altre zone del corpo del paziente per riconoscere lo stato di squilibrio umorale, e mettersi in contatto con lui. Misure del polso: polso lento (eccesso di freddo), polso rapido (eccesso di calore), variazione del ritmo (tashu andino), scomparsa del polso (venti maligni); Tlaloc, dio della pioggia, provoca malattie da freddo più comuni: paludismo, gonfiori, indigestioni, gotta, atrofia, paralisi, ulcere, lebbra, affezioni cutanee. Il curandero, che funge anche da consigliere spirituale, matrimoniale, educativo, dietologo, etc, tratta influenze e reumatismi con erbe e massaggi (idem in Cina e India). I bagni di vapore (Temazcal in azteco), e le erbe, date come infusi freddi o caldi, hanno scopo di equilibrare Calore e Umidità, indispensabili per vivere ed essere felici. L'azione terapeuta delle erbe medicinali può risiedere: nella supplenza a carenze alimentari; risposta fisiologica alle cause del malessere; nelle proprietà antimicrobiche e analgesiche specifiche; nell'azione psicotropa di piante sciamane. L'origine di malattie psicosomatiche è attribuita a comportamenti dell'infermo, suoi nemici o malvolere dei defunti che provocano l'allontanamento dell'anima dal corpo. Sentimenti di odio, spavento (susto) e vergogna causano stati morbosi che i chilam curano con preghiere (senza erbe) rivolte a spiriti di natura e ai morti. Il susto è uno spavento che causa dolori di stomaco, nervosismo, insonnia, depressione, inappetenza e diarrea, è frequente nei bambini: la cura consiste in litanie e sfregamento di cataplasmi di Ruta e incenso di Palo del susto (tibouchina cymosa); l'empacho, depressione della fontanella cranica causata da cattiva digestione, ha sintomi di nausea e disordini digestivi; mentre i sintomi del malocchio, nei bimbi, sono eruzioni cutanee, irritazioni oculari e alcune febbri (ojo): le cure sono vini speziati, bagni, massaggi e suffumigi. La medicina mesoamericana è ricca di febbrifughi (smilax salsapariglia, passiflora jorullensis, etc), diuretici (amaranthus spp), antidiarroici (cyperus spp, salvia spp), antidissenterici (canna indica); affezioni respiratorie (artemisia mexicana), otiti (polvere di tabacco, polanisia uniglandulosa, kohleria deppeana+croton lechleri per piaghe a orecchie), oftalmie (argemone mexicana, Croton lechleri, prosopis grandiflora, polanisia uniglandulosa, plumbago scadens cioè fior di palo, arachis hypogea detto cacao della terra), cataratte. La farmacopea Maya di oggi usa migliaia di erbe, frutto dell'eredità del proprio sapere, e dell'impossibilità economica di acquistare servizi medici e farmaci moderni; così, ciascun guaritore mette a punto una farmacopea personale con centinaia di rimedi naturali: selvatici o, se introdotti da altri climi, coltivati (aloe, menta, limone): infusi di Labiate per curare infezioni digestive e respiratorie, diarrea, febbre, spasmi (mentha citrata) e induzione al parto o aborto (hyptis verticillata); essudati di Euforbiacee per la cura di dermatiti e infezioni; Leguminose e Solanacee come antidolorifici e psicotropi: foglie e radici Datura stramonium sono usate dai curandero maya come antispasmo (inibizione della peristalsi dell'intestino) in presenza di emorroidi, ulcere, raffreddori. (ENG) Taras concludes telling: "In ancient Rus' herbalists were called Zeleisc'ciki (Зелейщики), and herbs used by the kolduny (volhvy and znahari) were 8, but since they do not ever unveiled for beginners or the curious who they really were, we were only names and their fantastic effects. The magic herbs are: Trava-koljuka (the Pungent) Adamova golova (Head of Adam), Trava-prikrysc (the invisible), Razryv-Trava, Kocedysc'nik (male fern), Trava-tirlic, Son -Trava (the Dreaming) and Neciui veter. World indigenous medicine contributed with many potent remedies to modern pharmacology, such as salice-willow bark from which aspirin derived. Taras once made diagnosis of Raseno face to track the signs of body sick race: "I check his face, I see bulging bags, he has kidney failure; I see too much fluid bags on the third eye, the liver is sick; if it was below nostril, the lung is stuck. Bag at nose tip, the heart is disturbed; a red nose it says difficult movement; bags at the chin center, genital problems, you may save energy by hibernating functions. Raseno body is vulnerable, its joint aches also pain meat, thoughts are running crazy.. I checks his tongue: white-gray color it means constipated bowels by more stomach efforts. She remembers her childhood when she had dry tongue edges and tip was red, it was a typhoid sickness. The raspberry tongue may happens with scarlet fever; bright red tongue if vitamin B deficient; glossitis with swollen buds if long exposure to chemical antibiotics. The shiver chills of Raseno malaria fever are response of body to millions invaders (Plasmodium bacteria spp.) entered the red blood cells; the cells are burst in liver.. they went to multiply. Plasmodium bacteria, they act coordinated sticking together, every two / three days. Malaria infection it has acute fever cycles followed by calm, truce which then fades. In tropical climates, the immune response it helps to reduce malaria by encoding defective genes giving a type of anaemia called falciparum; there it helps body to resist to the malaria infections. Viruses and bacteria of infectious diseases worldly widespread (Malaria, Leprosy, etc.) having different strategy studied today by the Immunologists but still more of them remain without vaccine. Raseno family where from Latium Maremma. In the midst of a circle of mountains, hills decreasing, there is the region of Maremma swamp, made by large depressions in the mire and submerged by the Tyrrhenian Sea. The waters of rivers and streams which are vented into the sea, flooding the low country and give rise to vast malarial swamps. However, the swamp is also a resource for medicinal herbs that grow wild (Belorussia is known for the collection of herbs and teas that are made only from these parts, as well as to the very low population density, due to long years of hardship), but you can not live with these. Acquacotta era il cibo base dei pastori Piceni e dei mietitori e dicioccatori dei latifondi, in zone di paludi a rischio malaria come la Maremma e la pianura Pontina: si faceva bollire acqua e mentuccia, poi si versava il brodo su fette di pane (spesso raffermo) e si condiva con olio di oliva a crudo, si potevano aggiungere erbe locali e un uovo crudo sopra. Nella ricetta rivisitata dalle locande, in pentola talvolta si aggiungono funghi, spinaci, o merluzzo con patate, carote e pomodori, o altri alimenti capaci di fortificare la calda Zuppa invernale da porre su fette di pane prima dell'uovo. Una variante della Tuscia sostituisce il pane con polenta di mais o farro e aggiunge all'uovo un pizzico di sale e fiori di finocchio. Taras practiced the Hydrotherapy, a blanket sauna, mud and green clay friction for treating Raseno malaria fever. He assisted and gave him sweaters blankets becouse a Sauna (sweet lodge) can help to fortify immune system as well as alternating showers. Foot secretory glands are larger than other, which facilitates the transpiration pump effect. The menstruating ladies wash with a sponge, the evening before bedtime from the waist down and in the morning getting up, from the waist up. If the patient has a weak constitution, you wet the cloth in warm water and not cold, if he is not comfortable, the pack is not well made, conversely the treatment will be successful. In hydrotherapy the reaction of body is important: the body immersed in water adjusting the internal organs, they range freely and relieves the pressure of one against the other. The hot bath makes you weak and should be done sometime; the cold bath is stronger, it is good also every day, as the sea and sun bath. The fostering is a local vasodilator (external application of hot water), the cold water pack is its opposite. In the past children playd naked in the rain all over Thera, so still nowdays the Ainu of Japan with the snow treating colds by diving their foot toe into freeze water; the aboriginals Paiwas of Taiwan, shredd the camphor tree bark to boil over low heat then aspiring vapors to release head and lungs; also they make camphor oil to Nose clutches. Raseno beve un tè di fienogreco (trigonella foenum-graecum, Hay Fenugreek), una pianta che dissolve i vari muco del corpo. Le persone soggette a raffreddore ed allergie, hanno il muco denso e viscoso che tosse e starnuti non bastano a scaricare; tale massa si accumula e ostacola la circolazione del sangue, dando debolezza generale e graduale; inoltre, quando i reni non riescono a filtrare troppa urea (dolore alla schiena), la riversano nel sangue che a sua volta la riversa dove capita; così, prendere regolarmente tè di Fieno greco (solo persone con sistema immunitario compatibile), pulisce reni e ureteri insieme; l’alito migliora e profuma tutto il corpo ripulito in tutti i suoi canali: dai pori della pelle di chi usa il tè di fieno greco, emana delicata fragranza. Trigonella è buon galattoga e come l'olio di Merluzzo, ha vitamine A, D, H. Semi di Trigonella, macinati, sono un utile unguento lubrificante per arti e prevenzione di ulcere veneree. A fare il Tè, prendi 2 cucchiaini rasi di Trigonella semi in tazza d'acqua bollente, 5 min, filtra e aggiungi miele o limone. Many Adivasi and tribal people around world get enemas to clean their bodies and to stimulate their psyche. It happens becouse many nerve endings in the rectum; anus is a tight ring of flesh that is possible to control by voluntary exercise to stop escaping fluids and to get a bit pleasure too. Then Raseno tells us about Water myths and his father life in the Maremma marshes of Tuscany, a land of mysterious water emerged from ashes of Etruria after the Roman empire dissolution. 'When we are reduced to go to the Maremma, every man for himself and gods for all. Water of Maremma is a good ambiguous, it is Malaria and crops. If someone is dying by fevers of malaria, he last delivers to comrades the earnings for his relatives. So the next year, will descend on Maremma swamp, an orphan now an adult, shaking a scythes he will thinking in tears that maybe, this ear grew up on bones of his father never buried. Ap-acqua is a living water of the Apennines, it destroys and cares becouse it is a pure source (Apas) of the mountain's life; also it reveals the fate by talking-showing about death (Eschatòs water). Tiber river of ancestors, was also floating the bodies of hermits to the sea (of dead) following the dream waves just as Acheronte, Lete, Gange, Nilus, Congo, Rio Amazonas and other mitological river of world. The experience of emigration-initiation is marked by fear of the unknown and urge a way to build a bridge of tears and comfort to tame death. The death-departure of a relative, was overcome after the rituals creating a bridge linking the dead to the living. 26.䷙ Taras:氵氺 (85), acqua medicina


February 二月  (up calendar 月)
nei prati ed incolti, appaiono mille fiori gialli di farfara (detta tussilagine, nota pianta medicinale), che, di giorno, invita i primi insetti impollinatori


Emilia osserva il cielo, dapprima sereno poi appaiono nubi molto alte: i Cirri (aghi di ghiaccio), a forma di virgola, riccioli e fili di cotone, non portano pioggia ma evaporano prima. Dopo qualche ora i cirri si allargano e uniscono e io ne scruto la direzione: "col vento alle spalle, se i cirri si spostano verso destra son sicura che una perturbazione si avvicina (utile seminare poichè entro 24 ore il cielo irrigherà), ora il cielo gradual si fa lattiginoso, uno strato continuo, grigio luminoso, che scherma solo un pò il sole, è il cirrostrato, quota 8 mila metri. La nube cirrostrato in poco tempo ispessisce, si abbassa di quota, si muta: gli aghi di ghiaccio diventano goccioline di acqua, il grigio scurisce e il sole scompare. Il tempo è cambiato, sta per piovere e non ho riparo, l'altostrato da inizio alla pioggia, leggera e costante, poi più intensa. Le nubi continuano abbassarsi, scurirsi, ispessirsi, è il nembostrato, denso e cupo, carico di pioggia o neve, a 400 metri da terra e spesso 5 km, produce acquazzoni di ore, poi, piano si assottiglia, schiarisce, si frantuma in buchi di ciel sereno accompagnati da un aumento di temperatura e umidità/condensa al suolo in inverno, per un giorno e mezzo circa, mentre in estate, dà caldo afoso che fa sudare. Dopo mezza giornata di bel tempo, il cielo ancora evolve, arrivano i cirrocumuli, il cielo a pecorelle che annuncia forte pioggia: scende la temperatura appaiono nubi maestose e gli spettacolari cumulonembi del temporale, nubi giganti che disperdono la loro acqua in maniera violenta e rapida (temporali, raffiche di vento, e grandine di nubi verdastre). Passata la tempesta (poche ore) torna il sereno, le nubi si frammentano e ricompaiono i cirri dell'inizio: ora sempre con le spalle al vento, vedo i cirri spostarsi a sinistra, la perturbazione è finità. Nei giorni soleggiati, nelle ore calde, vedo nuvole bianche dei bambini, raccolgono l'umidità scaricata al suolo dalla perturbazione e indicano tempo sereno. Emilia ora parla del clima e delle stagioni citando i versi del Libertages: i Giorni della merla sono gli ultimi tre giorni di gennaio, i più freddi dell'anno. I Giorni della vecchia (o Giorni imprestati) sono gli ultimi tre giorni di marzo, nei quali si parla di un ritorno del freddo; sono i giorni più freddi della primavera. (ENG) Emilia narra la leggenda delle 12 tribù dei Pelagi: 12 Titani, fratelli e sorelle sposati l'uno all'altra, vivevano liberi e felici sulle isole dell'arcipelago. Un dì, il dio del cielo Jupiter/Tinia, chiuse tutti venti (titani) in un anfora e sua moglie Thera, depose la giara in una grotta del mar Tirreno (Tyrrhenian sea Eolus islands) dandone sorveglianza ad Eolo, Re dei venti. Eolo visse sull'isola Lipari, nel mar Mediterraneo, come maestro totemico dei venti, assieme ai suoi 12 figli. Talvolta, Eolo prestava la sua giara dei venti per aiutare le persone durante i rituali d'iniziazione (vedi Ulisse-Odisseo), al fine di tornare indietro, a casa. La rosa dei venti di tutte le direzioni, nel Mar Mediterraneo comprende: 1.Borea e Buran, venti dal nord e nord/est che portano purificazione (Septemtriones e venti freddi Siberiani); 2.Apeliote dall'est, porta pioggia per le messi; 3.Austro (Australis) e Scirone, venti dal deserto del Sahara (sud e sud/est) portano piogge calde e sabbia. 4.Lips/Libian detto Afriko, soffia da sud-west. 5.Zefiro invece soffia dal mare occidentale e stimola i fiori di primavera ma, talvolta, è un vento tempestoso; 6. Atlantis è anch'esso un vento forte che soffia da nord-west. Poi ci sono 2 luminose stelle (Borea e Austro) chiamate presepe (asini), mentre nel mezzo sta la culla. Se brilla una, si nasconde l'altra, ciò significa che soffia Austro (detto Noto), altrimenti soffia Borea. Unusual phenomena are often connected with earthquakes, people also report that there is an unexplainable stillness in the air, and that all around them becomes completely silent. lights are often seen glowing from the earth, and unusual fogs have been reported. Subjectively, earthquake experiences often take on dream-like qualities, or have a sense of unreality about them, perhaps because the very ground upon which we rest, becomes wobbly and unstable. Our whole sense of reality (the mundane drama) is shaken with the earth, some people feel a persistent headache that lasts for weeks, which suddenly vanishes moments before an earthquake. Because magnetite has been found in some animal brains, animals may be reacting to their own headaches caused by changes in the earth's electromagnetic field. A dog was observed chewing on willow bark, from which aspirin in derived, prior to an earthquake, probably to self-medicate itself for the headache. The Panda runs up if an earthquake is near.. Emilia observes animals, plants and fungi to predict the weather. All are part of Gaian mind, all are associate somehow to its environment, to the ecosystem. This is what the goddess really is. The goddess is a network of connective intelligence that is operating on this planet. If cock crows out of hours, climate is changing; the chicken shower dust, the rain approaching, if it late at hen house, then it wants rain. The Mouse by high-pitched squeal, predict the weather if they leaping dancers. As if the rain comes they run. If the country mice enter the houses, it is cold or bad weather. It is also sign of rain when the Mouse turns over its nest desiring to sleep. For the Tanaina of Alaska, the wolves once were men, and viewed them as brothers. For the Pawnee, the Wolf was the first creature to experience death. The Wolf Star (Sirius), enraged at not having been invited to attend a council on how the Earth should be made, sent a wolf to steal the whirlwind bag of The Storm that Comes out of the West, which contained the first humans. Upon being freed from the bag, the humans killed the wolf, thus bringing death into the world. The Pawnee, being both an agricultural and hunting people, associated the wolf with both corn and the bison; the birth and death of the Wolf Star is a reflection of the wolf's coming and going down the path of the Milky Way known as Wolf Road. The Ainu people were born from the union of a wolflike creature and a goddess. Unlike fox and bear, the wolf has always been feared and hated in Finland, and wolf has been the symbol of destruction just as Dionysus Panther whom brings together all the contradictions. Panther is one thing with Apollo, its counterpart, both of which induce madness in humans, in dance and divination, oracle and in the receptacle. La percezione dei Nativi Americani circa il lupo è duplice, per cacciatori e guerrieri esso incarna protezione e distruzione. In India, Krishna il Signore blu (hare krishna), autore del Canto del Beato (Bagavad Gita) in cui rivelò Sè stesso e la natura della realtà al dubbioso principe Arjuna, fermo sul campo di battaglia prima di un grande scontro, una volta, per convincere gli abitanti di Vraja a migrare a Vrindavan suo villaggio natale, dai suoi capelli creò centinaia di lupi che spaventarono gli abitanti di Vraja e li indussero al viaggio. 03.䷂ 風 fēng风 (wind, rad.182) il clima


Martin tells: "The Muslim geographer Ibn Ruste, around 930, speaking of as-Saqalibat (Slavs), referring to the slave trade: 'The land of the Slavs is flat and full of forests and they live there. Part of their crops are millet (panicum sp, proso, in Russian) some barley and oats, and at harvest time get a bucket of millet, elevate it to the sky and say: 'Perun, you who have given us so far, the food, Give us again and in large quantities'. The Millet is one of the most popular ancient cereal since wheat it is not resistant to changes in climate and the nature of the ground, and rye may be easily infected by the poisonous ergot, alkaloid intoxicating at low doses. In addition, they have fiber crops or discretionary uses such as flax and hemp. The millet grains is small, but numerous for each ear; it needs dry soil and a dry continental climate, away from rivers.. But anywhere in the world, the women from the earliest times worked to support life. San woman (Namibia) for example, foraging societies with digging sticks, they gather most of the food supply, bringing in fruit, nuts, seeds, greens and roots. as the Hanunóo woman (Philippines) who planting with digging stick to ensures group survival. They invented crucial technologies such as the digging stick, string, nets, and baskets for carrying, storage. Namibian fisherwoman ensuring a long-term food supply, like Kamchatka and east Siberians women, they discovered techniques of food preservation, such as drying, salting, fermenting, and smoking fish. Female gatherers discovered that they could plant seeds for future harvests; so for example over most of North America, women raised corn, squash, and beans. Winnowers inventing agriculture among Arapaho (Cheyenne), Apache, Omaha, the Shuar of Peru, and the Lunda of Angola. Yurok woman making acorn porridge to transform chemical poisons in plants by leaching or heating. In California, they make acorn porridge by first processing out the tannic acid with repeated rinsings, as Brazilian women treat manioc, by grating, washing and squeezing the root in special baskets to remove the prussic acid, then making flatcakes from the flour. The Konso farmers of east Africa, they harvest their Sorghum bicolor (kaffir corn, sorgo) before any flood becouse the river will sweep away everything, together their season's work. From Africa the sorghum, it spreads all over the world, so today it is the 4°world cereals, after wheat, rice and corn. It is part of the same familyof sugar cane (canna da zucchero) and its seeds it has the same nutritive value of corn. (IT) Sorgo culmo, da 1-3 metri, è formato da nodi ripieni di midollo secco o succulento e zuccherino. Il numero di foglie è maggiore quanto più tardiva è la varietà: 8-10 per le varietà precoci, 18-20 per le tardive. La capacità d’accestimento è massima nel sorgo da foraggio ed è limitata in quello da granella. L’apparato radicale è, come quello del mais, fascicolato e formato da radici embrionali e avventizie, ma dotate di una maggior capacità di estrarre acqua. Essendo il sorgo pianta da coltura asciutta, si cerca di favorire l’approfondimento radicale e costituire nel terreno riserve idriche le più abbondanti possibile, mediante lavorazioni profonde fatte prima dell’inizio della stagione piovosa. La temperatura minima per la germinazione, nel sorgo è più alta del mais (Zea Mais, corn): 14°C anziché 12°C; ciò obbliga a seminare 15 giorni dopo il mais, da fine aprile a metà maggio. Il sorgo si coltiva in ambienti aridi, senza ritardo. il Sorghum halepense (sorgo di Aleppo o sorghetta) è suo parente e temibile infestante. Il mais ha elevato potere calorico (4% lipidi, 9% protidi, 70% amidi), l'infuso delle barbe che accompagnano la pannocchia, è diuretico e sfiammante, si usa nella cura di edemi renali, coliche nefritiche, ritenzione di urina e calcoli. Il Miglio, millet (Panicum miliaceum) e il Panico (Panicum italicum, Panic-grass) hanno infiorescenza a pannocchia, grande, lunga, pendente da una parte; han ciclo colturale di 3-4 mesi e notevole capacità di accestimento. Resistono a siccità ed elevate temperature, ma son sensibili al freddo e ai ristagni idrici così sono usati come colture intercalari in terreni leggeri e sabbiosi. La maturazione delle pannocchie è scalare e la sua granella è usata per cibo, foraggio e bevande fermentate. La dieta degli astronauti americani include 3 alimenti andini: Maca andina (lepidium meyenii), quinoa e kiwicha (Amaranthus caudatus). La Maca è una crucifera erbacea annuale con radici tuberose dure, coltivata nelle alte valli estreme del Perù centrale, fin 5000 m slm, dove prevale la Stipa ichu, una graminacea più piccola della festuca, appetita dal bestiame. Maca produce un tubero ad alto valore nutritivo (molte proteine e alcaloidi) che stimola la fecondità pigra di persone e animali non acclimatati a quelle altezze. Il tubercolo prodotto a quote minori, ha minor proprietà, poco apprezzate dal mercato. La maca bianca è una delle prime specie vegetali coltivate sulle Ande dalle comunità preincaiche dei Pumpush, stanziati sull'altipiano di Bombòn. Venne poi inclusa nel tributo che questo popolo inviava a Cuzco per alimentare la corte Inca e i guerrieri e in seguito, al tributo pagato ai terrieri europei che però preferivano la patata, più produttiva e adatta al grosso mercato. La coltura della maca avviene in piccoli appezzamenti cintati da muretti a secco che mantengono un microclima più mite e favorevole alla crescita della pianta; maca sopporta gelate, grandine e siccità. I piccoli coltivatori che alla semina propiziano le anime dei defunti, consumano in famiglia il 10-50% del proprio raccolto, come farina bollita a colazione (ha sapore di mele cotogne), il resto è trasformato artigianalmente in farine, biscotti, sciroppi, bevande rinfrescanti e liquori ricostituenti da servire a persone disidratate da diarrea. La pianta nata da seme il primo anno forma i tubercoli, mentre i ricacci del secondo anno fioriscono e fanno il seme. La maca riduce lo stress psicofisico regolarizza il ciclo mestruale e gli ormoni (estratto alcaloideo) secreti dalla ghiandole pineale e pituitaria (epifisi ed ipofisi), e che regolano il sistema e l'impulso sessuale. I curandero la prescrivono contro il rachitismo, depressione (ricostituisce tessuti e legami neurali), pressione bassa, emicranie, anemie, affaticamento e malnutrizione: medici cinesi paragonano la maca andina al binomio: fungo alcalino più alga proteica (ganoderma lucidum e spirulina maxima). La Maca apporta nutrienti, stimolando la produzione di globuli rossi e bianchi, mentre i suoi alcaloidi aiutano nella cura di leucemie, Aids, alcolismo, tubercolosi, anemia e altre malattie correlate a bassa emoglobina nel sangue; è invece controindicata in presenza di alte pressioni, eritemi e alcune allergie. Gli Inca chiamano "chisiya mama" la Quinoa (Chenopodium quinoa), che in quechua vuol dire: madre di tutti i semi. Quinoa è pianta sacra, coltivata da sempre sugli altipiani pietrosi delle Ande. Produce una spiga (panicolo) con semi tondi, simili al miglio. La quinoa, all'epoca della conquista spagnola ebbe conflitto con la cultura cattolica che considera sacro il pane di frumento. La sua coltivazione venne combattuta e scoraggiata; quando poi apparve evidente il miglior adattamento della quinoa alle ande, la sua coltivazione riprese. Quinoa è difficilmente coltivabile in ambienti a clima diverso: temperature sopra 33 gradi, anche per breve tempo, tendono a causare sterilità del polline; alta piovosità ed elevata umidità causano la germinazione dei semi maturi ancor sulla pianta; quinoa è soggetta all'attacco di Aphis fabae (afide nero del fagiolo, aggressivo verso tutte le chenopodiacee in fase vegetativa) e Nezara viridula (cimice verde). La presenza di coccinelle limita e risolve l'attacco degli afidi. La specie italiana più vicina a C. quinoa è il Farinello (Chenopodium album.pdf), più resistente ai parassiti e più aggressiva di C.quinoa. Farinello è pianta erbacea annuale, robusta con radice fittonante, usata in molte zone d'Italia come alimento-medicina, con funzioni toniche e antianemiche, dato il suo buon contenuto di ferro e vitamina B1. Ha frutti con un solo seme nero, ricchi di proteine, vitamina A, calcio, fosforo, potassio, ascaridolo, cimene, canfora, limonene, terpeni. La medicina popolare usa le sue foglie a trattare punture d'insetti, dolori reumatici, colpi di sole, scottature, dolori dentali in quanto, la pianta ha proprietà ipotensive, antispasmodiche, antiflogistiche, antireumatiche. In cucina si usano le foglie più tenere e i giovani getti, lessate o cotte a vapore per pochi minuti, come l’altra chenopodiacea, gli spinaci, dei quali è ottimo sostituto, poi insaporite in padella con olio, aglio e peperoncino, far parte del ripieno di ravioli (come in Maremma), o colorare paste fresche. Ha sapore delicato usato nelle misticanze cotte, come la garfagnina e l'acquacotta. Crudo si possono far germogliare i semi come la soya, o usare parti crude in insalate con altre erbe che spuntano più tardi e accompagnano man mano il farinello che cresce fino ai fiori. Molte specie simili han più saponine o acido ossalico (Tunisia) che però si riduce di molto con la cottura in acqua, occorre dunque usare prudenza nelle quantità, specie se la pianta cresce su terreni ricchi di nitrati o di azoto, come i campi coltivati. Fu coltivato in Europa e Messico sin dalla preistoria, fino a quando gli spinaci non lo hanno sostituito negli orti, resiste in altri paesi e, in nord America, i semi maturi son macinati e mescolati a farine, pani e poltiglie per focacce. In Asia è coltivata come cibo/mangime per umani ed animali. I nativi peruviani chiamano Paico la pianta e i farmaci estratti; l'erba di Paico (Chenopodiumm ambrosoides) con profumo intenso che ricorda la trementina, canfora ed eucalipto, ha sapore acre un pò piccante, fusto ramoso e angoloso, ispido, a volte viola-rossiccio come le altre specie di Amaranto, fiori ermafroditi, piccoli e riuniti in racemi, cresce in suoli incolti, ai bordi delle strade, nelle discariche, parchi e giardini; appartiene al vasto genere delle chenopodie che include il farinello, la quinoa, l'amaranto e tre specie con virtù simili al Paico: Ch.hiereinum, Ch.vulvaria (ha portamento prostrato ed emana puzza di pesce marcio), Ch.botrys. Nello Yucatan i Maya la usavano come vermifugo, in Italia è chiamata farinello aromatico, altrove tè messicano, zampa d'oca, in Amazzonia è amush, camatai, cashiva, in azteco era chiamata epazotl, e in Filippine, epazote. I messicani la usano per condire gli alimenti, sfruttando le virtù digestive e offrono l'infuso di epazotl per tener sotto controllo la dissenteria e le infiammazioni intestinali. L'ultimo imperatore Inca, Atahualpa, prigioniero dei spagnoli, fu guarito da un medico indigeno che gli diede un rimedio a base di paico. Da allora si diffuse in tutti i climi tropicali e temperati, spesso come infestante di campi coltivati; venne coltivata in Europa dove i suoi estratti erano usati contro i vermi intestinali, la dissenteria, mal di stomaco e di denti, disturbi mestruali e raffreddori. Il suo olio essenziale, isolato nel 1895, divenne il rimedio base per le parassitosi intestinali ma, la sua tossicità e la scoperta nel 1921 del tetracloruro di carbonio, portarono al suo abbandono, ciò screditò anche gli altri derivati innocui del paico. L'olio essenziale è esplosivo, riscaldato a 130° o in presenza di acidi organici, suo principio attivo è l'ascaridolo, avente azione paralizzante reversibile sulla maggior parte dei vermi intestinali (ascaridi, ossiuri, tenia, distoma, fascicola epatica, dissenteria amebica) degli umani ed animali domestici, per cui si completa la cura dando un purgante che provochi l'evacuazione dal retto dei parassiti narcotizzati. L'ascaridolo è il più efficace antielmintico conosciuto in natura, con azione antimalarica, contro virus dell'influenza e altri batteri, ma è tossico come la ricina: dosi elevate sono letali per i parassiti e tossiche per umani (intossicazione cumulativa a danno del fegato, sistema nervoso e cuore), con sintomi di nausea, cefalee intermittenti, ronzio e paresi di mani e faccia. I curandero, per sverminare, servono un cucchiaino di semi interi miscelati a miele 2 volte al dì per due giorni e fan seguire da un purgante, oppure prendono 3 cucchiaini di semi macinati (polvere conservata in vetro opaco ben chiuso) con miele ogni 3 ore e un purgante il giorno dopo; oppure, filtrare 15 gr di infuso in una tazza assieme alla portulaca, prendere a digiuno e, dopo 3 ore, dare un purgante. I semi servono anche a condire cibi da digerire come i fagioli e le patate disidratate. Altri curandero usano l'infuso di foglie (1 gr) in una tazza di acqua bollente (250 gr), come antielmintico e digestivo assieme, mentre gli indigeni della selva usano foglie inumidite assieme a menta, aloe e fiele di toro, applicando il tutto sul ventre a combattere i vermi via pelle, dall'esterno. L'infuso di foglie al 2% è usato dopo i pasti per l'igiene orale, come stimolo alla peristalsi intestinale contro l'indigestione, curare le dispepsie, flatulenze, coliche addominali, diarree, nausee e vomito; lo stesso infuso ha un azione sedativa su cefalee da ipertensione o agitazioni involontarie, si usa in casi clinici difficili in presenza di convulsioni croniche o psicosi e nevrosi a evoluzione lunga, l'impiego ripetuto di dosi alte è tossico. L'infuso di foglie verdi assieme a miele, è dato per trattare i sintomi di malattie respiratorie: tosse,asma, bronchite, polmonite; l'infuso della radice è usato assieme altre erbe, a curare il colera. Lacrima di Giobbe (coix lachryma-jobi), Imi in cinese mandarino, è pianta tropicale della famiglia delle Graminacee (bianco seme), originaria della penisola Malese, ma coltivata in estremo oriente e nelle Americhe. (ENG) African women farm also other kinds of grain as the kiwicha (Amaranthus caudatus), and all this seeds are good meal to chicks too. In West Africa and in Mozambique, women are expert rice farmers like in Thailand, Laos, Vietnam, China, south India, Indonesia and Philippines. Among the Pawnee it was Mother Corn who gave seed to women and taught them farming; while Aymara women lerned from Sachamama how to grind corn: the grain is harvested, husked, dried, and ground into flour on her stone metate. Kyrgyz breadmaker women (central Asia) make bread, tortillas, pasta, flatbreads on a griddle. Ukrainian farmers were harvesting grain with an improvised cradle nearby. They were bread-winners, as well as breadmakers. Once the harvest was in and the year’s food supply stored, women took the surplus to market, often by boat in Burma. The marketplace was also a social space where women interacted with other clans and villages and peoples. It was a place where women traded their produce: pigs, chicha, beer, cheese, butter, pots, baskets and other crafts; and where they exchanged news, technologies, political information and spiritual ideas. Martin this evening, after Pamela cooked us the russian omelettes, he urges the story of Pamela's ancestors: "my italo-russian ancestors (Otzi e Delia) have always experienced the cultivation of new plants and animals as food solid, semi-solid or liquid. The failure of the crops was the main reason for the nomadic Russian peasant, feared by the Tsar of the following years. All Slavic settlements can be considered more or less fixed, because every 6 or 7 years were abandoned, agricultural land occupied was sold out, so they went in search of new land to set a Mir (in Russia means peace and village community). The migratory life will continue until the fourteenth century. To put together a settlement after leaving the old, it was always a traumatic event for a group of people who are forced together by a common destiny, there are many difficulties. Many dear old (relatives) were left behind because they can not face the arduous journey, so people, objects and memories are lost. Raseno invites us to listen to him in silence and imagine seeing the Slavs arrive in the Russian Plain: The way thay follows, every time, is one of several rivers, on a row of boats laden with household goods, women and children, along the dense forest between the lumps of frozen snow because they have chosen to move early spring.. The caravan leader of each major family Slavic group is the old man (Ciur), a living symbol of the ancestor totem; he acts as a guide, (even if not familiar with the road) and decide which direction to take, inspired by the signs that the good spirit leave and that only he sees and interprets. The Ciur gives a signal to stop when he notices a plume of smoke in the distance. It may be a few villages of the natives, whose land are going through. The natives, hidden in the trees, watching the group of Slavic migrants (nuta), as they try to understand their intentions. The Ciur is alert and ready to deal to any agreement, perhaps by offering gifts or proposing a marriage with one of his many daughters, usually the peaceful settlement occurs. Newcomers are invited by the locals to continue or stop without much hostility and new mixed families resolve all disagreements by both parties. Here at last was the long-awaited clearing in the forest (poljana). They can camp at the moment and maybe, exploring the environment better, then decide to settle down for good. Then gather boats in a circle, brought to dryness and drag from the river path; then they do a council (Duma) to discuss what to do on the basis of what has been seen sending scouts around. The Ciur is always careful not to make the great decisions alone and let it be discussed at the meeting, owned by the whole community. Only in this way can peace reign in the Mir. It is said, young people not to get too far away in the dense forest to not get lost, and they are recommended to mark the trails, because those signs will be used in the future. 'Seek the nettle at the big trees!', Are the directions given to young people, this herb is very useful in all the peasant economy, and its presence here reveals that there may be other useful plants and known. 'But beware of the oaks! If you see one, do not touch and stick to it! If you find honey, please indicate this with your magical symbol, so that everyone else knows that the hive has its owner. Honey is one of those products that you can sell at the market with great profit, as well as take a little to make it ferment and make mjod (mead). 'Take a look around and see what kind of game wandering among the trees, if you see any footprints or other tracks, please take note. If we meet someone, be peaceable, and invite him to eat with us, without derision or fight. The Ciur know how to talk. It does not matter that the meeting are unsuccessful, they must avoid quarrels as young people's lives are very valuable to work in the fields, and are not expenses in bloody struggles. If the premises are very hostile, then for necessity the new mir will change the area. The first thing when dividing the new earth, the Ciur will chose location in a ceremony of consecration: the Ciur marks the boundaries and sets the corners sacred stones (local moraine). Then he divides the field into parallel strips, will be grown by each family, but without a rigid division about type of cultivation. After a few years, the land is exhausted and should be allowed to wild regrow, it is abandoned again to the natural reforestation, as he outlined a new piece of land for subsequent years, close to the ground to rest. When there was no more space in a convenient location for the village, it was a great meeting and it was decided the new migration to fertile lands. The clearing was freed from weeds and the soil can be processed and prepared for the first sowing. The season is long and we can not wait. In the coming months, little by little, they will set fire to the trunks dried (slush & burn) from the cutting of trees and other vegetation around. The ashes will be mixed with the soil and the water, with the help of wooden tools, this is the only fertilizer rich in potassium that time. The following year, we will proceed to sowing, watering (if possible) and so on, and expect the new harvests. It uses a strip of land a year or two and then you leave it to the earth to regenerate (par), while sowing another strip of land contiguous or not yet touched previously left to rest, and so on. Plants that are sow are oats (Avena sativa), rye (Secale), flax (Linum usitatissimum) and hemp (Cannabis), because these are the plants that Slavs can cultivate well, almost up under the Arctic Circle. When bad the season starts,it will be stored food in the cold room of the Izbà, while in the heat will gather the people and a few animals all together. Here it is built to warm the stove (pec'ka), in the corner, stove made of clay mixed with pebbles. Pamela, finally, tells us the story of Pizza Margherita: A Chef at Naples city, gets in dream by the spirit of Pan, a recipe using 3 ingredients from different places. First one is the Tomatl, a red and proud native American tattooied spirit; second one is the Mozzarella-cheese, a white and prosperous sheperd's milky nymph; last one is the Basil and Olive-oil spices, this last holy aromas are to boost food consciousness from civilization cradle's garden (Middle East countries). Pan spirit, inspired this recipe to Naples Chef as a new alliance gift for humans, to remember the common link among animals, plants, mushrooms, environment and happiness of all multi-ethnic Thera's communities. Finally Pamela teach us a recipe for making good breads of Belarus (the Russian zhito) with one or more grains, depending on local availability. 'Obtain a few handfuls of spelt, rye or wheat (Millet, proso in Russian, a very healthy food, can not be used for this purpose because it has very little gluten and therefore does not take the solid mass). A large wooden mortar and pestle also of wood is filled in the bottom of lightly salted water. In a mortar facing the seeds and treading well with the pestle. The glumes come off and come to the surface. If you want to be separated from the pulp (called kut'jà), otherwise stomp still vigorously. Besides you will be prepared of dried peas that are also crushed and moistened. The two mashes are then mixed together and knead by hand. Made of small balls of mass ready (adding also herbs or fruits if you like), they are pushed into the oak leaf in order to receive the mark on the bottom that will bake better bread in pec'ka. The loaves are placed in pec'ka and let cook for twenty minutes until you notice a nice crust. Do not forget to bake a little bread for the spirit of the house: the Domovoi! 40.䷧ Martin: 黍 shǔ (millet, miglio glutinoso) Cereals minor


Gerard Sesto parla di foreste, deforestazione e pratiche agricole ecosostenibili; l'agricoltura swidden (tagliare e bruciare un pezzetto di foreste o bosco per creare campi di cereali temporanei) non richiede aratura, irrigazione, terrazzamenti, concimazione, ed è fatta per l'attività di sussistenza e consumo locale. La maggior parte del lavoro è fatto a mano, con machete, asce e attrezzi elementari. Campi ripuliti sono utilizzati da una famiglia fino a quando il terreno è esaurito. A questo punto i 'diritti di proprietà' vengono abbandonati, la famiglia pulirà un nuovo campo e il bosco può ricrescere sul vecchio campo. Dopo pochi decenni, un'altra famiglia o clan può quindi ri-utilizzare quella terra. l'agricoltura swidden è sostenibile solo a condizione che ci siano 40 o più ettari di terre forestali per famiglia, in modo che ci possano essere almeno 40 anni di ricrescita delle foreste, tra i cicli colturali, sulla ogni data particella. Se la popolazione cresce e supera tale livello, i periodi di riposo si accorciano, permettendo minor ricrescita della foresta tra i cicli colturali. A quel punto il bosco è stato perso, e ha senso cambiare il sistema di coltivazione. Questo processo ha avuto luogo in Europa poco prima dell'antichità classica, laddove fiorirono foreste di querce mature, rimane un'asciutta macchia del Mediterraneo. Se tagli un pezzo di macchia di cespugli ed erba, le radici non sono profonde abbastanza da succhiare i minerali dal sottosuolo profondo, così, bruciando questa vegetazione vengono rilasciate poche sostanze nutritive. Poichè l'erba che cresce ora in questi prati a maggese, a causa del ridotto tempo di rigenerazione (fallows) è di per sé erba infestante, quando si pianta un coltura, si arriva al punto in cui è più facile mantenere tutte le terre coltivate invece di un mosaico di campi e foreste. La foresta vergine è in realtà solo bosco già ritagliato molti decenni o addirittura secoli fa. Una foresta intatta è sostanzialmente statica, raggiunta la maturità, essa non assorbe carbonio più di quanto ne emette. Se un industria sta bruciando combustibili fossili, quella foresta statica non riduce la CO2 emessa da tale industria. Se un albero è estratto da una foresta ed è venduto come legname, il carbonio imprigionato in quell'albero rimane in casa o nel tavolo costruito con quel legname, e il nuovo albero, che cresce al suo posto, è in grado di assorbire più CO2, per cui un taglio selettivo accoppiato con agricoltura taglia-e-brucia può essere un'alternativa migliore che lasciare inutilizzata una foresta. Di solito le persone che praticano agricoltura taglia-e-brucia sono gruppi tribali tropicali, emarginati dalla società più grande che li ingloba così che nessuno ritiene che possano avere qualcosa da insegnare al resto del mondo. Il loro mix di colture, piantate in una zona di foresta temporaneamente pulita, può contenere mais, fagioli, arachidi, riso e altre colture annuali, così come colture a lungo termine come manioca, banane, papaia, ananas e colture arboree perenni come il cacao, gomma, anacardi, olio di palma, frutta, caffè e specie arboree da resina e legname. Queste, permettono anche la ricrescita della foresta naturale. I governi del Brasile sarebbero ben consigliati se incoraggiassero la genti native a stabilirsi all'interno della foresta e a coltivarla col sistema del taglia-e-brucia, piuttosto che far radere al suolo le foreste per fare campi permanenti e pascoli da lucro, poichè, se la foresta è totalmente disabitata, è facile per gli affaristi estranei entrare e distruggerla. Sesto cita lo storico Aldo C. Marturano: 'la foresta è una miniera di materie prime per fabbricare moltissime cose, ma nel Medioevo il suo sfruttamento non era così intenso e distruttivo come è oggi nelle foreste del mondo (vedi Borneo, Brasile, Congo). Così parte della foresta europea si è conservata, sebbene moltissima sia scomparsa per ricavarne terreno da coltivare e aumentare il latifondo. L’idea che si andava affermando in quegli anni di gran fervore missionario (IV-V sec.d.C) era: distruggere la selva, per eliminare i templi del demonio e i suoi servi; inoltre, aumentando l’estensione del terreno da coltivare si offriva la possibilità a sempre più numerose famiglie di vivere una vita cristiana lavorando e guadagnandosi il paradiso col sudore della fronte, secondo l’indicazione delle Sacre Scritture e, soprattutto, legando la gente al latifondo signorile dove queste persone svolgevano il proprio lavoro. Roland Bechmann scrive: Distruggere la foresta fu per la Chiesa una soluzione per eliminare questi rifugi agli spiriti maligni, questo nido di superstizioni e pratiche di stregoneria. Allo stesso tempo si allargava lo spazio coltivabile, si aumentava la produzione dei prodotti di sussistenza e si affrontavano i problemi di una popolazione in aumento. Nonostante la sistematica distruzione, rimase qualche lembo di bosco per la caccia dei cavalieri nobili e la raccolta di prodotti della selva necessari alla vita delle corti. In Europa la deforestazione, fu dunque consacrata come un atto santo cristiano e, dopo ogni grande carestia, la si spinse più a fondo perché, si fece notare, queste calamità erano dovute proprio ai peccati di chi non aveva molto da fare a causa della mancanza di terreno da coltivare; così la distruzione della foresta venne intesa come un obbligo morale di ogni signore cristiano, di ogni re timoroso di Dio. Nell'Europa nord e nordorientale, dove il Cristianesimo non si era affermato fino al X-XII sec, il piano di intenso disboscamento non fu attuato e, specie il Bassopiano Sarmatico dall’Elba agli Urali, la fitta foresta vergine rimase momentaneamente intatta, inoltre, quando la domanda di prodotti silvicoli andò aumentando nei secoli XI-XIII sec, la foresta nordica europea diventò l’unica risorsa dove trovare le materie prime. Così la protezione e lo sfruttamento dell’ambiente si trasformò in un interesse primario per la Rus’ di Kiev dove dominavano i Rjurikidi, già con l’atto di santa Olga di Kiev, costei riservò a suo uso personale alcune zone forestate del nord, ovvero a disposizione di tutti gli Smierd (contadini Slavi) che vivevano intorno, con poche limitazioni giuridiche, purché lo smierd continuasse a raccogliere ciò che serviva per la propria vita, e ciò che serviva per produrre prodotti semifiniti da passare come tributo all’élite al potere che ne traeva guadagno. Inoltre, in caso di cataclismi, alla foresta fu affidato l'ulteriore compito di rappresentare la farmacia dove cercare la soluzione a qualsiasi tipo di problema sanitario. Secondo la religiosità slava, c’erano regole da rispettare: la foresta è viva e nessuno ha il diritto di uccidere i suoi abitanti a proprio piacere; può farlo solo se debitamente autorizzato. Nella selva si è ospiti in casa d’altri e quindi si deve sempre chiedere il permesso allo spirito che qui governa, al Lescii. Questo essere, se implorato nel modo corretto, si presterà volentieri a sacrificare sia le sue piante sia i suoi animali, perché sa che un giorno anche l’uomo gli potrebbe essere sacrificato nel caso ce ne fosse bisogno! Ne segue che è inutile affannarsi a cercare piante e animali a caso e senza ispirazione perché, se così facessimo, attireremmo l’attenzione delle solite forze maligne che stanno ad osservarci e che, alla minima nostra esitazione, sono pronte a ridurci a loro ostaggi (zalòzhniki/заложники). Dunque è richiesta pazienza, chiedere quanto ci serve col rito giusto e la pianta o l’animale comparirà davanti a noi senza fare un gesto oppure un ljudnik/людник (gnomo, elfo) ci accompagnerà o si farà vedere in sogno indicandoci dove trovare quanto cerchiamo. Evitare l’ingordigia poi è molto importante, perché non è ammesso accumulare riserve e occorre sempre lasciare alla foresta quella parte di ciò che si usa, come offerta sacra, scusandosi se è troppo poco o se abbiamo preso troppo.. (ENG) Gerard Sesto tells the forest trees of ancient native Russian Mir: In the temples Slavs was present eternal Fire-fuoco (fajro, festenoj, 篝火, 节日). It was the first task of the priest (Russian Volhv). The most important ceremony in the Slavic world (Thanksgiving) took place in these shrines to the Winter Solstice to cheer the rebirth of the world. The farmer Slavic observer of atmospheric phenomena, noted well that the sunlight increased after the Spring Equinox, culminated in durability and strength with the Summer Solstice (striking with the white nights in the north) and then decreased continuing to decline until the Winter Solstice. At this point it was feared that the sun would no longer return to shine in the firmament as indeed happened in the Polar Night of the Lapps and Finns. At these latitudes the sky towards the end of December is clear, but, alas, if the opposite had happened so cloudy and dark to hide the lack of sunlight would have been a more negative omen. Perun, the god of thunder and storms, from his residence in the mountains (Carpathians, Urals, the Caucasus) had surprised Veles (god of wealth and hoarding) kidnapping his bride, Mother Moist Earth, and the enraged god was thrown against the rival. Of course people cheering for Perun. It was necessary to wait a few days after the Solstice and, if the light had returned and had seen the days lengthen again, was a sign that Perun had won. Otherwise, was the exchange of place between the gods and a consequent new world order. People anxiously awaited the outcome of the battle cosmic, hoping now that it was for the continuation of life, no matter who won. All rejoiced when the ray of sun came out (among the Finns in the north it was after six months of polar night) and the big party started. Another version said that it was necessary to wait for the thunder sound announcing the first spring rains to see the victory of Perun, thereby postponing the Thanksgiving directly at the Spring Equinox that is to say the goddess Zhiva. At any latitude and in any part of our earth, humans has tried every product available in nature; when they goes in search of food, they have nothing definite in mind, as regards shape, appearance and flavor. The reality and history has taught us that, apart from all the prejudices imposed by good manners or suggested by the systematic advertising, in case of urgent hunger we eat of it all! All we can quench or loosen the pangs of hunger is human food. The human to survive is always willing to resign that they can find or put together very different products in order to quench their hunger, anywhere and everywhere. The Slavs carrying on their farm on the edge or surrounded by large postglacial forest that covered the whole of Europe still in the seventh century, and had to supplement their diet with fruits and foods that could be gathered safely in the wilderness, becoming collectors. In the tenth century European farmers made use of wooden tools, and did not have organic fertilizers. So the practice of slash and burn and hope to find virgin land suitable for cultivation for several years, before getting back on the road again, and before being reduced to starvation, were the first vital goal of the Eastern Slavs (Russians, Belarusians and Ukrainians) in migrating to the north. Migrating they carried with them the seeds of plants to grow in a clay olla (protiven). The olla, typical of the Slavs, was tightly closed so that the seeds remain intact and good to play. Because of the insufficient tools, people worked the land for most of the day, and only when the plants were close to maturity, the village was preparing for the great public celebration of the collection, provided if all had gone in the right direction! Shrine and sanctuaries along the Russian rivers were designed in a circular shape with a central place for a wooden idol and all around the outside circumference of the many other eight were fires burning. The sanctuary was shaped like a huge flower, maybe the Iris, the Flower of Perkunas (in Russian Perunika). Novgorod was founded around the ninth century AD. after an agreement between the three local ethnic groups: Slava, the Finnish and Baltic, still pagan and who had reserved places of worship separated. The native worship were celebrated in a special clearings in the forest where grew one or more sacred trees or in some sacred circle more or less decorated of the village. In the north Europe, a gloomy morning, the Goths gathered to harangue the families of elders to discuss a situation that was becoming unbearable now: The community was so increased that the precariousness of local agriculture and other food resources available did not allow to feed enough all. It was decided to divide the people into three groups and then to draw lots which of these would leave the country forever. This was in 150 A.D. The group chosen by fate then leaves the Swedish coast and heads towards the southeast. The Novgorod region, we are at the limit of possibility to grow because we are now in the area close to the Arctic Circle and all human activity depends on this latitude unfavorable. Life is specialized to resist the little sunlight that reaches to temperature differences between summer and winter temperatures of 40 degrees and more. Here too, the population density around Lake Ilmen, Lake Ladoga and Novgorod where it is, is very low and traditionally indigenous people (the Finns) to survive, following the migrations of large mammals, as they still do the Lapps (Sami). You could grow wheat to the southern shores of Lake Ilmen, after which the plant was no longer usable and what constituted a serious handicap because Novgorod to sustain itself completely dependent on the food that came from the south of its territory, first from Kiev and then from the Land of Lower Volga. The food in this area was important that people were willing to do anything to get food. The chronicles many episodes of famine and cannibalism in Novgorod and surroundings: bloody battles to take over the food accumulated by someone somewhere near; also mass killings mercilessly providing that the purpose to provide a bargaining chip to buy food that are missing. However, the rivers are fishy and full of big fish, and (as in all of the Russian Plain), the diet of fish meat is dominant. You are fishing, if you will, in all seasons, even when the lakes are frozen on the surface, making a hole in the ice and throw the hook. The Slavs can build veichles usefull in the marshes. They have with them a few Lithuanian horse, small animal. When necessary, these horses from the ground helping to pull the boat upstream. A few more animals that carry with them are a few goats, geese, piglets and some bigger sow. The group moves slowly because there are children and women who get tired soon, and also it starts to get hot and humid as it is here, they have to defend themselves from mosquitoes, carriers of malaria. They move at dawn, when these insects are less troublesome. Along the way they sing, to give himself courage and keep on with life, but also to announce their arrival to anyone inside the forest, to announce that they came as friends, and maybe, even ward off wild animals that might be lurking in the thicket. The forest is cut and burned on the one hand to obtain a plot of land (uciastok), and even to use trees in order to build the houses (izbe) for families. Some young people are sent into the forest to look for fruit and berries, and to capture birds, warning to avoid picking the berries that do not know, because they might be poisonous. The farmers Slavs appreciated and collected the products of the forest to complete the meager contribution of cultivated crops: honey, mushrooms, fruits, berries, herbs, small animals of all kinds, river fish. In addition, experienced and handed down the use of hemp, to stave off hunger, the dominant element of life. The diet became seasonal, in certain seasons eat certain foods and had various deficiency diseases, while in other seasons was sated and well. The food must be stored for long periods of lean, so the mushrooms were dried and then stuffed into strings to be eaten later. So it was for the fish. Everything was put in brine, from the vegetables, eggs until any other edible. Were then added herbs as oak leaves, with intent magical-religious. Here reigns Perkunas-Perun-Quirinus, the God who lives in Oak-Quercia and dominates the sky because the master of thunder and lightning and then the fire and its purifying power. The Ciur of Mir (russian pax village leader) will taste the water of the river, to see if it is too salty to drink or good, only then he will leave free the animals to drink and women and children to bathe and wash their clothes. If they find a source at ground level thay can use to convey fresh water in the fields, and build raised channel made from logs cut in half and then dug. Sometime they dig a water well near the cultivated field to bring up the water, using a wooden bucket hanging from the end of a long stick, up to the mouth of the well and at the other end farther carries a counterweight. Just dip the bucket into the water of the well and then act on the other end of the bar with little effort to lift the bucket. The well was always well protected by a house built around with a door latch and with magical signs painted in full view, in order to prevent anyone, man or spirit, to poison water. The Ciur also inspects the trees to kill. It's important that there are old oak trees, because they are sacred and must be respected as in all Europe. The Ciur sends women to deeply cut the bark around each trunk. Waiting a whole year until the trees get dry, then able-bodied men cut the trees along the marked lines and will use the wood for buildings. The rest of the branches will be left to dry again, and then be used in other uses. Now is the time to sacrifice to the gods that have accompanied them and have intermingled with the local geinius to ensure that these welcome them. They will have to kill some cock in thanks and spread the blood all around the village. When put the first izba (hut), they shall kill another cock to be buried below the threshold. In a few weeks it arises the Slavic peasant village. The houses were built with the forest behind and away from the river. Typical izbe of wood, built side by side second old rules are still valid today in the Russian countryside. The gables are facing south, and the division will be into two areas: one hot and one cold, with a vestibule in the middle ground. Where the climate is mild, the izbe are sometimes half underground (zemljanki). Around izbe is another high fence with sharpened stakes at the top, to avoid undue intrusion or unexpected floods. Each Slavic clan or tribe had its Russian kumiry (кумиры, totem, gods) becouse there was, somewhere in the world, an oak tree that gave the primordial seeds of all other existing plants, as it steadily increased and became so high to reach the sky-Perun, where there were three basic elements: fire, earth and water. To honor the god who dwells in the plant, the woodcutter in charge must always touch wood spirit before damaging the wood with his ax: Ciur menja! (Чур меня) the invocation was to be launched so that the owner of the forest, the Lescii, know that it is the CIUR which authorized the cut. For the Romans, the forests were inhabited by nymphs and satyrs. Some nymphs were immortal, other deadly but with very long life. Elegant, supple, dressed in long robes icing, or naked, often enjoyed improvising dances and games or weaving stories of love with the Gods, satyrs and humans. Adore very much on the population, especially in private offers were made to the nymphs in private (milk, honey, oil, garlands of flowers, seed) for their kindness. These were the deals on a stone or in a circle of stones in the woods. The nymphs had the power to predict the future, they were inspiring, healing, and offered protection to women during childbirth. Even when the woods were dedicated to the gods they worship continued privately. The temple of the gods Slavs is located among the trees so the mediation of volhv (pagè) to the problems of human life was necessary. The infinite providence had created animals, humans and plants in order to help each other. So the Creator must maintain the efficient man if he wants to be fed properly. The gods must live and devote man keep them alive (Russian kormit_кормить, nourish the gods rather than worship them). In times of health crisis or weakness how to recognize the plant or the animal that would help human to return to full health in the service of the gods? It is necessary the experience that the ancestors had accumulated and handed down. To ask people who know (not only the volhv) and they would help him/her find the plant or animal health needs in the forest. There were rules to follow: the forest is alive and no one has the right to kill its citizens at will, and can do so only if authorized. In the forest you are a guest in someone else's home and therefore you should always ask permission to the spirit which governs here, the Lescii. This being, if pleaded in the correct way, will be happy to sacrifice both its plants and its animals, because he knows that one day the man could be sacrificed if it were needed. It follows that it is useless to scramble to find plants and animals at random and without a special divine dispensation because if we did so we get the attention of the Quinghins that are to observe us and at any hesitation are ready to reduce us to their hostages (zalòzhniki-заложники). So be patient, ask for what we need with the rite right and the plant or animal will appear in front of us without even making a gesture or a dwarf-elf (ljudnik_людник) will be with us or we will see it in a dream telling us where find what we are looking for. Avoid greed is very important because it is not allowed stockpile and you should always leave the forest that part of what you use, not as' worthless, but as a sacred offering, apologizing if it is too little or too much if we took. We celebrate all the rituals necessary to approach these creatures of the forest, visible and invisible, without offending them. The native Europens (Camuni, Saami, Slavs, etc.) were certain that the Trees (arbo 林 ต้นไม้) were living beings with supernatural powers which governed the evolution of the world. If there is an event you can counteract or avoid addressing them, or with their assistance, you can implore something we want to happen. A physical illness, a mental illness, an economic problem, it was possible to find effective solutions to all these things wandering in the wilderness. In addition to food, the forest provides other substances in different ways, that could free us from the discomfort. However, you can rip an herb, a flower, a berry with the consent of its guardian spirit and the collection is a sacred rite itself to be done in time and manner prescribed because plants are the hair of Mother Damp Earth. The forest is a source of raw materials for the manufacture of many things, when it is destroyed to obtain land to cultivate and increase the estate. Today, forest' friendly users survive in places where the arrival of roads has not brought deforestation. Every dollar spent at a locally owned business generates two to four times more economic benefit (measured in income, wealth, jobs and tax revenue) than a dollar spent at a globally owned business. That is because businesses owned locally spend much more of their money locally and thereby pump up the so-called economic multiplier. Centuries before the mass deforestation, forests belonged to the people that lived in and around them. But by the turn of the 20th century, most of the world’s forests were owned by governments. Local communities were left out in the cold as their lands were grabbed by state officials who failed to enforce their own regulations against deforestation and, in many cases, handed the forests over to corporations for logging. To defending our forests It’s time to invest in local control. There is increasing proof that various different forms of local control reduce poverty and boost economies. Forest-dependent people have long learned to watch their surroundings and understand the intricacies of their environment. Locally controlled forestry is built on experienced management. Over generations local people have accumulated a wealth of traditional knowledge about the plants and animals that live in their forests as well as a complex set of strategies to ensure that forest resources are not overused. By selectively harvesting medicinal herbs, managing high-value trees within natural forests and setting aside sacred groves, local people enhance the productivity of their forests and protect their integrity for future generations. This power to conserve is one of local control’s greatest strengths. Actually local communities may desperately control over the forests they live and work in but they are fighting with few legal rights, limited business skills for larger-scale enterprises and very few funds. Shifting the balance requires action on four fronts: rights, organisation, business capacity and finance. Family forest owners, indigenous peoples and forest communities are all agreed that these form the pillars of investment in locally controlled forestry. Locally controlled forestry is a process that requires political backing. It is most readily spread in countries (where just forest governance prevails) where the rights of people in and around the forest are prioritised over government elites or distant investors, however deep their pockets. The lack of clear forest tenure rights makes forest communities particularly vulnerable to dispossession and dislocation through ‘land grabs’ by outside investor. Forestry is a long term business. Planting trees is hard work and costs money. Nobody does it unless they can be confident that selling them will benefit themselves, their children or their grandchildren. The Mangrove forests fringe the coasts of more than 100 countries in the global South, where they have long protected local communities from storms and floods, provided nurseries and breeding grounds for fish, and been a source of many terrestrial goods, such as firewood. The decline of forests is pushing us ever closer to the limits of environmental stress. In 2009, a team of renowned Earth-system scientists defined nine ‘planetary boundaries’ that, if passed, would cause catastrophic and irreversible environmental change. Forests keep local people healthy in other ways too. Traditional medicine is based on the skilled use of wild plants and fungi. Such forest fauna and flora also lie at the heart of more than a quarter of all modern medicines. The world’s most effective malaria drugs are made with artemisinin extracted from Chinese sweet wormwood, a plant that has been used to treat chills and fevers in China for 2,000 year. Forest fruits and vegetables offer a rich supply of vital vitamins and micronutrients; the fruit of the baobab tree, for example, contains more than six times the amount of vitamin C than an orange; and mango fruit are very high in vitamin A. Family forest owners in Sweden have a popular saying: ‘we live poor to die rich’. It is shorthand for saying both that there is more to forests than money, and also that they must be preserved for future generations. 38.䷥ 刀 dāo 刂, knife (rad.18) de-forestazio


Martin is Marakamè (shaman and priest of huicholes); this evening he sings the Watakàme legend to nourish the Wiràrika identity of the group to remain alive. Long time ago, Huatakame, a hunter of Najarit (Mexico) lived in a very simple hut together his adoptive mother, an old woman, on the sunny side of a great mountain; he used to hunt with bow & arrows various prey on gorges & mountain trails. One day Watakame encounters a girl, named Blue-Corn (zea mais), in the trails, she comes with pumpkin bowl full of beverage; she gave it to drink to Watakame stranger: ìdrink it and be satisfied, it is a plant of life! I live with parents over there on a Hill'. Watakame the next day dress as everyday with quiver on shoulder, then he goes to look the way path going up in a zig-zag. He can observes a cultivated crop of corns, there are more varieties, blue, red and white, then at top spot, finally he see the house of Lady Blue Corn. Watakàme is amazed, he arrives at the ranch, two elders welcome him, they are lords of the Corn and offer him the bowl as a good drink. Watakame drinks it then he start talking: 'I would to buy a little of your good food, I may pay you with fragments of fire, pieces of resinous pine which I use as a torch in a very dark nights when I go to hunt more'. The old man replied: 'you nourish yourself at the source..' then he waved the scepter of bird feathers and the girls-corn from the house came out and he met them. One says his name: 'I'm Blue Corn Yowime'. Daughter want you follow, the young hunter? Oh Father if thou wilt, then also I want! Watakàme then began a new style life, he became farmer in the company of maize. Yòwime blue-corn teach him to prepare more corn tortillas and the thirst quencher also shows him how to decorate the storage houses in order to propitiate Corn spirit for good crops of corns. Watakame now feels free from uncertainty of nomadic stylelife and put roots in a hurry. He cuts various plants & lights up the brush (swidden farming), the ash becomes carpet to sow the corn flush; Blue Corn was drilling the soil with his staff while calling for songs, she puts down the corn seeds. then Watakame thanks the capricious rain's spirits, the sun and protectors, wind even stronger. During the harvesting time he collects and piles the cob in the temple-houses, using the basket mecapàl tied with large rope, on his forehead & shoulders; Mecapal is made up of rods tied with raffia rope. One day Watakame lost the company of Yowime he suffered a lot, but he remains farmers. He started to call and sing his love for Yowime then he received the visit of Blue corn's spirit (Yowime) and sister corn's spirits, during his dreams, regularly, to learn again during any step of the Corn plantation job. Today he still works hard with gestures and words (songs) the entire cycle of corn, yet removes his hunger in the hearth of any Wiràrika farmer; he relive the epic of the old Watakàme in small scattered fields with limestone soils. At first rains in June, sowing can be done and corn can links with beans and pumpkins. A small crater is at the center of the field capturing the offerings as the blood of a lamb, smoke of brushwood joining the layered clouds, with music and songs the ancestors rejoice. In gorges & dry floors, they arranged their land; they have two seasons: the dry and rainy. They derive their history from nomadic hunters; Deer (blue Stag) is their emblem with Corn and Jikuri trinity. Huatakame (Tago) in the wilderness, guided them to new lands then it married them with corns. Heart of Wirarìka myth, it teaches about passage from nomadic life style to the settled village. Watakame hunter is the wandering ancestor called into dance by Wirarika descendants. The Celestial Stag, it is called Káyümari (quite similar to Faunus, Pan, Cernunnos of Europe ancestors), The Maràkamè is Kayumàri brother, he guide us to become shaman, to healing and teaching us this song. He guides the Wiràrika pilgrimage, each year to Wirikuta, to renew the transition of corn and rose by Hikuri deer hunting rituals, to ensure the change of season and renewal of life force and identity group. Peyote is the Hikurì, the Blue Stag Lord, Kayumari blood, as depicted in the nierika, the paints of Wirarika people from Jalisco; morning Star it born & dies to his foot; then the earth get fruitful from which will reborn, fungi, plants and human souls. I Wirarika cacciano assieme Cervo e Peyotl (hikuri e kayumari), per aiutare il mondo a rigenerarsi ogni anno. Tale caccia è detta Marra ed è offerta a Madre Terra (Tàtei Yurienaka) dove il cuor del cervo rinasce in forma d’Hikuri e Mais. Rosa e fiore sono nomi ricorrenti per l’hikuri, altre espressioni sono: Rosa rugiadosa, Fiore che canta, Fiore luminoso, Tenera pannocchia di Mais, Muwièri of Tatewarì (emblema di Nonno fuoco). Nelle aride steppe di Wirikòta, vortici e mulinelli d’aria sono frequenti. I Muwièri sono bastoncini di legno lunghi 30-40 cm alle cui estremità superiore son legate penne di falco dove è scritta la storia dei Wiràrika. Essi sono attributi degli sciamani che li usano in varie circostanze nel contatto soprannaturale degli antenati. Martin, seduto sotto una quercia, intona un canto Wirarika: Ghirlande di fiori e mulinelli di vento; Io sono il Cervo dell'est, Jikurì a Wirikòta. Quando la nebbia sale, il Cervo Blu si alza, se la pioggia cade, anche Kayumàri cade. Il Mais germina, la Rosa fiorisce e canta: Io sono il Cervo Blu.. poi il Cervo Blu canta: Io sono la Rosa. A Wirikòta, sempre puoi sentire questo canto! Martin parla poi del parallelo tra il rito della caccia Marra, è il mito mediterraneo di Atteone: "la cerva è come Diana, la bimba-mais-blu che aiuta nella caccia e nella piantagione di mais (milpa). Atteone, come Huatakame, è il maschio cacciatore di cervi; egli arriva a vedere Diana nuda (Natura), così lui diviene la preda che stava cacciando.. nella climatologia, un vortice di alta pressione prolungato finisce per generare una depressione che richiama aria calda, ovvero un vortice di bassa pressione.. in Cina, l'eccesso di yang diviene yin, e viceversa. Huatakàme ci insegna a cacciare/coltivare più ragazze-divine-mais col metodo slash & burn; lui prepara i campi, poi fa un fuoco al centro, la ragazza-Mais-azzurro allora inizia a piantare.. Santa Rosa Veracruz, è la versione cristianizzata della Madre-del-mais, lei ripone il suo bimbo/a in un campo seminato; così lei protegge la terra, il cervo e la semente; poi richiama la forza della pioggia e la voce del tuono. Martin, parla dei rituali di cura-religione e dell'agricoltura di sussistenza del popolo Tarahumara, poi dice: l'attività dei curandero americani, si integra con la guida delle credenze e del comportamento della comunità. Negli Stati Uniti, nelle oasi del sud-ovest desertico e nella Florida, esistevano civiltà native stanziali e semi-urbane che trasmisero pratiche mediche indigene a esploratori e coloni europei; da questa ibridazione, nacque la scuola medica eclettica. Gabriel Sagard, padre francescano, apprese dagli Uroni del Canada, urinoterapia, musicoterapia, e pratiche salutistiche come la lattazione materna prolungata o l'usanza dei padri uroni, in assenza della compagna, di succhiare il liquido residuo della bollitura dle mais, e trasferirlo, bocca a bocca, ai loro pargoli. Oltre a ciò apprese l'arte delle cerimonie collettive di cura (psicoterapie, nei tepee delle riserve) tipiche dei nativi del nord America: digiuni ed erbe ai malati, assieme a riti, canti, danze e salmodie. Nella capanna sudatoria rivestita di pelli animali, si suda a curare reumatismi e febbri, si beve acqua fresca (cura d'acqua), si esce per immergersi in corso d'acqua e poi si mangia; le pietre arroventate son prese da una fossa, scavata e riempita di legna e grosse pietre. L'uomo/donna medicina, accompagna la sauna con danze e canti, tessuti assieme ai parenti del malato là riuniti; egli serba le principali erbe in un saccheto appeso alla cintura. Il francescano menzionava la masticazione di radice cotta di Fumaria siliquosa per provocare salivazione e secrezione di bile; l'acido ascorbico delle foglie ed infuso dell'abete del Canada (abies balsamea) e del sassofrasso (Sassafrass officinale), a curare lo scorbuto. Il sistema sanitario Usa, oggi, valorizza le pratiche comunitarie, i culti e il contorno emotivo che concorrono alla salute. Gli amerindi si sentono parte della natura, così nel web delle sue forze, cercano contatti con gli spiriti a mezzo di visioni e piante sacre come il Peyote (Lophorphora williamsii, cactaceae), una pianta succulenta selvatica, originaria delle aeree desertiche di Messico e Texas. Le radici sono grandi e profonde, il fusto è carnoso, globoso e senza spine, suddiviso in costole sporgenti di numero variabile, che portano areole senza spine da cui hanno origine i fiori bianchi o rosa, estivi e solitari. La piccola cactacea può raggiungere un'altezza massima di 20 cm e un diametro tra 5 e 10 cm. I frutti contengono numerosi semi dal colore scuro. Il Peyote è usato in contesti nativi, come enteogeno in pratiche religiose, di divinazione e di cura, ha gusto amaro e pungente che provoca la nausea, ma è ricca di alcaloidi visionari, sedativi e stimolanti al contempo. Da esso viene estratta la peyoctina, una molecola antibiotiche, ma l'intero cactus è usato anche nel trattamento del mal di denti, dolore da parto, dolori al petto, febbre, problemi dermatologici, asma, nevrosi, ecc. In nord America, presso i Lakota delle pianure, la parola Wicasa wakan (wē·käˑ·sä wäˑ·kän) richiama una persona trasmutata, un medium che comunica con le forze di cura. Come per altri sciamani del mondo, wasica wakan significa molte cose tra cui: bianco sciamano Lakota dell'antica religione, colui che ha il potere degli esseri wakan; quando il prete lakota dota un oggetto di spirito (magnetismo di Mesmer), lo chiamerà ton; qualunque cosa che acquista ton, è wakan, poichè una qualità dello spirito è stata posta in esso. Le radici di certe piante sono wakan poichè son tossiche, alcuni rettili son wakan poichè hanno un morso che può uccidere, alcuni uccelli fanno cose inusuali e così altri animali persone o cose, sono wakan perchè gli esseri wakan li rendono così. Vini che ubriacano sono wakan poichè rendono folle una persona, un uomo folle è wakan perchè uno spirito è entrato in lui, se una persona fa qualcosa di incomprensibile, ciò è anche wakan. Ogni cosa nel mondo ha uno spirito e quello spirito proviene dagli esseri wakan, superiori alla razza umana come quest'ultima è superiore agli animali; mai nati e mai morti, sono di 4 tipi, e possono fare molte cose che gli umani non possono. Gli umani possono pregarli per chiedere aiuto, all'insieme o ad uno in particolare. Wakan Tanka significa l'insieme degli esseri wakan, molti in uno. Wakan Tanka Kin indica il sole, leader degli esseri wakan, sebbene il più potente è Nagi Tanka, il Grande Spirito, che è anche Taku Skanskan, ovvero il Cielo blu. Wakan Tanka è incantato dalla musica, ama ascoltare tamburi e sonagli: quando gli esseri Wakan ascoltano tamburo e sonagli, sempre prestano attenzione. Quando un Lakota prega a Wakan Tanka, prega alla terra, alle rocce e a tutti i virtuosi esseri Wakan, così una persona che desidera il malaffare prega un malvagio Wakan; tutti i Wakan, buoni o malvagi, hanno piacere del fumo della pipa e, solo i malvagi sono spaventati dal fumo di Salvia. I Wicasa Wakan parlano per tutti gli esseri Wakan, Wakan Tanka da loro il potere che li rende Wakan, così loro possono mettere ton in ogni cosa. Ogni 'prete' ha un oggetto suo in cui mette un ton, è chiamato Wasicun, ed è uno essere Wakan. Il Wasicun permette ai preti di lavorare, gli euroamericani lo chiamano borsa-medicine, ma non ci sono medicine, è il ricettacolo dell'essere Wakan il cui ton è in esso. Terra, rocce e montagne portano un Wakan, noi vediamo solo il loro tonwanpi. Il Wikasa wakan (porta del mistero) anima la realtà, una cerimonia iniziatica lo consacra capo di una congregazione radicata anche in più villaggi. Le sue visioni/intuizioni servono anche a scoprire nuove cerimonie, maschere e pratiche di cura; mentre i semplici guaritori (pejuta wicasa) curano solo con erbe. Le malattie, attribuite a spiriti avversi che introducono corpi estranei negli organismi di chi viola tabù, diete, o a causa di nemici, chiedono che la fede del paziente, in se stesso e nell'appoggio morale del gruppo di appartenenza, sia stimolata prima di somministrare ogni medicamento: ciò riconette e armonizza i rapporti con gli spiriti avversi. Nella diagnosi, il primo stadio è fumare la pipa, rito di unione tra cielo e terra, tra maschio e femmina, yin-yang, poichè la conoscenza delle erbe è complementare alle psicoterapie (danze e maschere rituali), innestate sul mondo mitico in cui si svolge la vita della comunità (tempo di sogno); segue la palpazione del corpo del malato, accompagnata da canti e danze dei parenti: lo sciamano estrae il corpo estraneo/spirito e lo immerge/purifica in cesto d'acqua; se necessario, ha luogo una danza della pioggia collettiva, completata da massaggi e bagni di vapore. L'amore dei nativi americani (i Navajo, la più numerosa comunità indigena degli Stati Uniti) verso i loro sciamani, spesso illetterati, deriva dal misticismo, riti e potere dello sciamano, di coinvolgere il paziente nel mondo mitico e sacro della Natura, facendolo sentire partecipe di qualcosa molto più grande e importante di una malattia. Le emozioni suscitate rinnovano l'esistenza da cui emana la rinascita spirituale del paziente e dei suoi, la partecipazione collettiva alle danze-salmodie, muta lo spazio-tempo, risveglia memorie che causano onde di sicurezza emozionale e riannodano legami desueti. La radice di Hydrastis canadensis (ranuncolacee) è un rizoma amaro e con odore sgradevole, segnato dalle cicatrici dei fusti degli anni precedenti, fiorisce in aprile e matura in luglio; era usata dai nativi nordamericani per colorare di giallo la pelle e per curare infiammazioni delle vie respiratorie, digestive e urogenitali. I Cherokee usavano la polvere della radice come diuretico, lavare gli occhi infiammati da Herpes simplex e, miscelata al grasso dell'Orso 貂, serviva a tener lontano gl'insetti. Gli Irochesi usavano il decotto per la pertosse, diarrea, malesseri del fegato, febbre, flatulenze; l'infuso serviva da collirio per sfiammare gli occhi, il succo delle foglie fresche per alleviare le convulsioni gastro-intestinali e, macerate in aceto, come antivulnerario in caso di morsi di serpente. I coloni europei appresero le vistù dell'idraste dai nativi americani e la usarono come panacea: la pianta entrò nella medicina domestica, e nel 1830, nella farmacopea degli Usa, ma subì la quasi estinzione finchè ne fu promossa la coltivazione in nord America ed Europa; ancora oggi è una delle erbe medicinali più usate negli Usa nella cura della gonorrea, spermatorrea, cistite e infezioni del tratto urinario: la polvere di radice tratta le piaghe boccali e le ulcere labiali della sifilide. I medici eclettici la consigliavano nelle costipazioni croniche, debolezza organica, e nei danni da alcool degli organi interni. La sua nodosa radice gialla è raccolta in autunno al terzo anno di vita, i suoi alcaloidi (idrastina, berberina, canadina) stimolano la rigenerazione delle cellule delle mucose (ulcere peptiche, gastrite, dispepsia, colite), diminuiscono la secrezione di muco e hanno virtù di emostatico uterino, vasocostrittore, sfiammante, tonico delle vene, ipertensivo e ossitocico (aumenta cioè tono e contrazioni uterine), così si usa in caso di emorroidi, varici, ulcere varicose, emorragie uterine e per alleviare i dolori vaginali in generale. Un cucchiaio di polvere di radice sciolta in acqua, cura il mal di gola, congestioni, catarri, mal di stomaco, mentre l'infuso della radice è preso in caso di ulcere gastriche o, nei gargarismi, per curare gengiviti, piorrea, catarri nasali, faringei, bronchiali, e inalazioni contro la sinusite; l'infuso di radice di idraste, di consolida e camomilla, si usa in caso di congiuntivite, 2-3 gocce tre volte al giorno. L'eccesso di Idraste causa emicrania, vomito, depressione e l'ulcerazione delle mucose da contatto, nei casi estremi convulsioni e paralisi bulbare e midollare; così l'uso di tale erba è sconsigliato nella gravidanza e allattamento da parte degli ipertesi e cardiopatici. La berberina, che da il colore giallo alla radice, è molecola ipotensiva, stimola i muscoli involontari, aiutando la peristalsi intestinale e il tono uterino; ha azione antistaminica e antimuscarinica, oltre alla secrezione degli ormoni biliari, stimola le membrane delle mucose della cavità orale, gola, seni paranasali, bronchi, tratti gastrointestinali, urinari e genitali. Il Cohosh (cimicifuga racemosa, ranuncolacee) nero, erba perenne che fiorisce in agosto, cresce nelle foreste temperate dell'America nordest, dove era usato dai nativi col il nome di 'Erba delle squaw (donne). Gli Irochesi usavano il decotto nei pediluvi e per lavare zone del corpo irrigidite dai reumatismi; gli Algonchini davano una tazza d'infuso di radice 2-3 volte al giorno in caso di dolori ai reni. I Cherokee usavano l'infuso per accelerare il parto, curare reumatismi, raffreddori, tosse, costipazione, orticaria e mal di schiena, mentre usavano l'estratto alcolico della radice nella cura di mestruazioni irregolari, malattie renali, mal di gola, malaria. I coloni europei lo adottarono come panacea, col nome di radice di serpente nero, nella cura di amenorrea, bronchite, febbre, febbre gialla, malaria, prurito, lombaggini, morsi di serpente, isteria, e per sedare i sintomi della menopausa in alternativa alle terapie a base di estrogeni. Il Cohosh nero agisce come estrogeno, riduce le vampe di calore improvviso, gli umori depressivi, debolezza, insonnia, mal di testa, sudorazione, vertigini, secchezza vaginale, palpitazioni da menopausa; la dose giornaliera consigliata è di 40 mg di radice secca per un periodo fino a 6 mesi. Nel 1820 la pianta fu inclusa nella farmacopea degli Usa, mentre in Europa, specie in Germania, è usata a ridurre il progesterone (tramite ghiandola pituitaria) e promuovere gli estrogeni scarsi, oltre a sedare i sintomi della menopausa e sopperire ai deficit ormonali indotti dall'asportazione di ovaie e utero: le sue proprietà sedative aiutano a ridurre la pressione sanguigna, pertosse, asma, spasmi e tensione, e, in presenza di artriti ossee e reumatiche (specie se associate a menopausa), svolge azione sfiammante su muscoli e ossa. I fitoestrogeni, presenti nel Cohosh nero, prevengono l'osteoporosi e inibiscono lo sviluppo di cellule che causano il cancro al seno; un consumo eccessivo causa dolori allo stomaco e intestino ma non presenta controindicazioni in caso di tumori estrogeno-dipendenti. (ENG) Martin is now seated, it looks like Tatanka (the holy buffalo), the legendar chief of Lakota. He quotes Gertrude Bonnin (Zitkala-Sa) an Indian activist and writer, a Lakota who wrote several books, political articles, and composed the only Indian opera, Sun Dance. Cheyenne (Araphao) women also are part of a larger worldwide group of female drummers, going back to a much older style of music. So Martin describes us a Native Americans church experience: he seated into a tepee during a celebration with holy medicine Peyotl, he has in right hand a rattle made of eagle feathers that he move toward the Fire as he would nourish it with fresh air. This is a classical meeting of N.A.C. In the center is the Fire bordered by sand and stones in halfmoon shape. All around fire are seated men and women chatting and more children are walking around or sleeping behind their mothers. Martin watch the Roadman, it look like Quanah Parker, one the founder of NAC. The Roadman is adorned with feathers, playing a rattle with a hand and waving a liuto stick with the other, after smoking holy tobacco, he starts singing to the Fire; beside him, a water-drum player gives a rythm (Navaho and Cheyenne waterdrum, is made by a pot half filled with water and covered with Deer skin). Close to the Roadman's feet are a pot with the holy dried medicine cactus and next to him, a Water-woman watch a pot of Water and a pot of food: meet of Deer. Martin say: the Roadman (Marakame among Huichol-Wirarika people) is at the same time a Priest and a Shaman, with shaman’s or priest’s functions predominating according to the circumstances. The role of the priest, relies on the traditions and sites of the agriculturaly-dominated town or city-market, part of a more hierarchized and centralized religious structure. The priest, doesn’t need to modify his state of consciousness in order to act. He is situated in more complex social groups where the population’s distribution and its organization is made according to pyramidal shapes. The surroundings of cities favor more indirect forms of communication among the citizens and makes priests necessary. On the contrary, the nomadic groups in whose heart Shamanism grows (preagricultural society of hunter-gatherers) are less hierarchized and the interpersonal relationships are more direct and horizontal. The Shaman context is less authoritarian regarding individual conduct, and on this level there are less formal regulations of the particular morality. Shaman knowledge is based primarly in first-hand individual experience. A Shaman is a survivor, he has passed in one way or another through Pain, Disease and Death. The map of the world the Shaman operates in can be understood from what is psychologically called modified states of consciousness, usually accessed through a period of transition and sometimes identified as trance or journey. Not only the healer is in these states, but also the attended person and many times the other participants. If we are victorious in any way we don't have anyone to whisper in our ear that our victories are fleeting. Shaman-sorcerers, however, do have the upper hand; as beings on their way to dying, they have someone whispering in their ear that everything is ephemeral. The whisperer is Death, the infallible advisor, the only one who won't ever tell you a lie. 07.䷆ Martin: 鹿 lù, deer, Kayumari cervo blu, nordamerica | Nac_navaho.mp3 | song1 | song2 | song3 | Huicholes paints


Romulo, al simposio della sera, narra la sua storia di curandero e il suo viaggio, assieme a Miguel, tra i nativi del sud america, alla scoperta delle locali abitudini alimentari: la dieta forma l'uomo, gli da un identità e lo adatta ad un dato posto. Pulire gl'intestini, regolarmente, è il segreto di una lunga vita, presso gli Awá, gli Yanomami e altri popoli nomadi della foresta Amazzonia. Romulo nacque sul fiume Momon ma visse in Hariquina, un piccolo villaggio a due ore da Lima. Una volta fece un lungo viaggio, assiene a Miguel, dal Perù al Brasile, Cile, Ecuador, Bolivia, fino alla terra del Fuego. In Cile sostò qualche mese dapprima presso le genti Mapuche, quindi raggiunse la Tierra del Fuego all'estremo sud del continente, dove ancora vivono pescatori discendenti dagli Yamana. Quattro grandi tribù vivevano nella Terra del Fuoco presso i confini dell'Antartide e componevano la nazione Fuegina. Furono massacrate dal vaiolo, morbillo e dai regali a base di carne avvelenata: spagnoli, croati, francesi, italiani e inglesi, nella corsa all'oro, fecero una caccia all'indigeno che fissava compensi in denaro per chi ne uccidesse o provvedesse alla loro cattura. La popolazione aborigena della Terra del Fuoco, da circa diecimila abitanti, venne ridotta a piccoli gruppi in estinzione: gli Alakaluf a Sud presso Punta Arenas (isole Dawson, Riesco, Puerto Natales); gli Yahgan o Yàmana nelle isole Navarino e il Canale di Beagle; e gli Ona dell'isola Grande (Terra del Fuoco). Queste popolazioni nel 1882 contavano ormai rispettivamente 120, 61 e 44 individui. Gli aborigeni Alakaluf dello stetto di Magellano, oltre ad accendere fuochi sulle loro canoe per comunicare a mezzo di segnali di fumo, usavano pelli di Guanaco per confezionare mantelle, usate come abiti oppure come tende per i loro accampamenti, mentre le tribù costiere vivevano in capanne. La dieta delle tribù Fuegine della costa (così come gli antenati Mongoli) era povera di cibi vegetali ma ricca di grassi animali che, venivano conservati in speciali budelli sepolti sotto terra per farli irrancidire in modo ottimale (Darwin chiamò tale pratica, antropofagia sacra). La loro enorme capacità di sopportare il freddo glaciale era possibile, grazie alla dieta, alla formazione di un esteso strato di grasso sotto la pelle, simile a quello degli animali che cacciavano; millenaria risposta al clima polare antartico (vedi anche gli Inuit del circolo polare artico). La loro vita sociale si esercitava nelle spedizioni di caccia e all'interno dei grandi tendoni, luoghi per l'istruzione e l'apprendistato di giovani e sciamani. Lo sciamano in trance viaggiava in altri mondi per invocare aiuti, scambi, guarigioni, controllo del clima, rivalse e vendette. Tra gli animali mitizzati dai Fuegini, ricorrono: un uccellino Colibrì (hummingbird), l'Albatross e il Leone marino. Il mito del diluvio, indotto dalla Donna-Luna (maestosa ma cattiva moglie dell'arcobaleno) strangolatrice del Vecchio-Sole fuggito nel cielo, spiegava le cause del clima perennemente burrascoso e l'origine della morte. Romulo apprese dai nativi anche le virtù medicinali della pianta dell'Aloe, capace di stimolare il sistema immunitario. Egli usa esternamente l'Aloe vera & barbadensis, su tagli e ferite, e punture fastidiose. Aloe calma l'infiammazione, ulcere e coliti; spalmato sulle sopracciglia riduce le congiuntiviti. La pianta di Aloe resiste alla siccità ma non sopportà le gelate; libera le tossine dal fegato e sangue; bilancia vata, pitta e kapha. Il Tè di Aloe, 3 volte al dì, aiuta a purgare il corpo. Romulo cita Romano Zago, monaco brasiliano che rese famosa nel mondo una ricetta curativa di Aloe arborescens (Babosa). Padre Zago dopo aver lavorato in Italia e Israele, apprese a stimolare le cellule immunitarie con le piante di Aloe vera & arborescens, ricche di zuccheri polisaccaridi, capaci di aiutare l'intero corpo. Padre Zago disse: “Aloe è cibo, un cibo completo. In Brasile, da bambini ci ferivamo giocando, mia madre ci dava sempre Babosa come lenitivo, anche per tante piccole cose legate ai guai fisici; una pianta piccola e diffusa, che, dagli indigeni, scoprì avere un grande potere guaritivo. Io ho solo diffuso la formula ricavata dalla saggezza popolare della gente delle baraccopoli, e dalle esperienze di altri padri francescani (Arno Reckzigel do Rio Grande do Sul) e anacoreti israeliani." L'aloe vera (liliacea), introdotta in sud America dagli spagnoli, divenne parte della farmacopea dei curanderos delle Ande (chiamata savila o babosa), dove è usata la foglia fresca per cospargere ferite, bruciature, eczemi, eritemi, herpes, cancro della lingua e altre dermatosi: riduce il dolore, evita infezioni e facilita cicatrizzazioni pulite. In base alla dose ingerita, ha effetto lassativo o purgante su umani e animali, azione che inizia dopo 6 ore e, in 12-24 ore provoca due evacuazioni pur accompagnate da leggera colica, la sua lenta azione agisce sul colon, se presa di sera fa effetto il mattino dopo; il succo allungato con acqua e limone, se ingerito a digiuno combatte il verme solitario. L'uso maggiore è contro escoriazioni, punture d'insetti ed eruzioni con bruciore; è usata pure per tingere di viola i tessuti e, con olio di lino, come antitarme del legno; i pastori impregnano il pelame degli animali con soluzione acquosa di aloe, a proteggerli dai parassiti, mentre i cacciatori africani si cospargono il corpo per avvicinarsi alle prede; il sapore amaro è usato per indurre i bimbi a svezzarsi dai capezzoli o smettere di succhiarsi le dita; un cucchiaio di emulsione della foglia intera, prima dei pasti, cura l'ulcera peptica, costipazioni croniche, mestruazioni scarse, aiuta la digestione lenta e il fegato, è tonico, antidepressivo, antireumatico e aperitivo. I curandero raccolgono le foglie a fine estate, recidendo quelle esterne alla rosetta e tenendole capovolte 2-3 ore in luogo fresco; estraggono il succo dalle foglie tagliate e pestate in acqua, la linfa ocra nauseante è poi concentrata per esposizione al sole o ebollizione a fuoco intenso, tale estratto ha odor di zafferano, e sapore amaro forte; l'aloe-gel si usa pur nelle creme da barba, piccoli tagli della pelle, lozione contro insolazioni e colliri (il succo fresco irrita la pelle); è controindicata a chi soffre di emorroidi, ritenzione di orina, a gestanti e allattanti. Romulo rivela che Aloe Arborescens in Sud America, si mangia comunemente nell'insalata, senza limiti, anche ogni giorno. Depura l'organismo da tutte le tossine e rigenera le difese immunitarie e cellulari. Utile a tutte le persone, anche sane, che desiderano migliorare le proprie difese immunitarie e il proprio benessere generale. Per fare un ciclo di depurazione tossine/potenziamento delle difese immunitarie bastano un paio di barattoli (da 120 gr.) due volte all'anno: 1 cucchiaio per 2-3 volte al giorno, per 2 barattoli, 2 volte all'anno. Se volete aumentare le dosi, l'effetto sarà migliore, non c'è dosaggio massimo, pericolo assuefazione o effetti collaterali. Più se ne prende, meno si vede il medico. Padre Romano Zago, mescolando il succo ricavato dalla frullatura delle foglie della pianta, con miele d'api e grappa, ottiene un preparato guaritivo straordinario. Egli dona alcune dosi della bevanda ai primi suoi pazienti, cittadini di diversa religione. La sua ricetta brasiliana per 1 barattolo grande da consumarsi in 1 settimana è: mezzo chilo di miele d'api (biologico di acacia), circa 6 cucchiai di distillato (Grappa, Cognac, etc.), 350 grammi di foglie di Aloe Arborescens (3-10 foglie secondo la lunghezza). "con coltello tolgo le spine esterne delle foglie, tolgo la polvere depositata con straccio asciutto o spugna, giammai l'acqua, infatti taglio le foglie 2/4 gg dopo pioggia e innaffiamento. Taglio a cubetti le foglie con buccia esterna (più ricca di aloina, irritante per l'intestino con problemi, la raschio via se ho problemi di ulcera), in luogo semi-buio (il gel teme luce diretta), poi metto nel frullatore con miele e distillato scelto. Frullo bene e consumo; nè filtrato nè cotto, conservo in frigo in barattolo scuro, ben chiuso. Se preparo barattoli più piccoli, mantengo le proporzioni: 120 gr. (1-4 foglie) e 120 gr.miele. Con la grappa il preparato va a male molto prima, volendo cmq assumerne, meglio berne un cucchiaino quando assumi l'aloe. Il preparato mantiene fresco il doppio del tempo e l'effetto dilatatorio dei vasi sanguigni s'ottiene ugualmente. Assumerò 3 barattoli di fila senza interruzione poichè 3 piccoli, equivalgono a 1 grande. Chi ha il diabete o prbl di glicemia, può ridurre le dosi di miele o sostituirlo con foglie di stevia. Se si ha difficoltà a bere al buio, è utile mettere il preparato in contenitore opaco chiuso e berlo da cannuccia, la luce resta fuori. Il miele naturale (non troppo trattato) ha due funzioni: render la crema più dolce (aloe in arabo vuol dire "amarissimo"), e veicolare le sostanze curative del succo viscoso d'aloe fino ai recettori più remoti del nostro organismo. La grappa (o altro distillato), invece, vasodilata (allarga) i vasi sanguigni facilitando la depurazione generale dell'organismo. Padre Zago consiglia 1 cucchiaio da tavola mezz'ora prima dei tre pasti principali. Finito il primo barattolo, è utile sottoporsi ad una visita medica per capire lo stato della malattia. La grappa (o altro distillato puro) è facoltativa, vasodilata (allarga) i vasi sanguigni facilitando la depurazione generale dell'organismo. Padre Zago consiglia 1 cucchiaio da tavola a stomaco vuoto o almeno mezz'ora prima dei tre pasti principali. Finito il primo barattolo, è utile sottoporsi ad una visita medica per capire lo stato della malattia. In base al responso, dopo una pausa, si potrà ripetere il ciclo di cura, fino all'eliminazione del male. Prima dell'uso agito bene poichè il preparato tende a concentrarsi sul fondo, poi bevo un sorso d'acqua poichè il sapore di aloe diventa amarissimo come l'iboga dopo alcuni giorni: 2 cucchiai 3 volte al giorno o 3 cucchiai 2 volte al giorno, fino a termine barattolo/ini, 1 giorno di pausa, poi riprendo con un altro barattolo, e così via fino alla scomparsa della malattia; se sono incerto, continuo 4-6 mesi, poichè una cura lasciata a metà, trascura il cancro che, non debellato del tutto, recupera più violento. La cura dell'aloe arborescens è sempre di aiuto. Lo sviluppo della malattia in genere vien bloccato entro il primo o secondo mese. Entro 2-3 mesi si deve osservare il regredire e, poi, la scomparsa della malattia. Se la malattia non accenna a regredire dopo 2 mesi, vuol dire che: si deve aumentare la dose; la ricetta non è stata ben preparata; la pianta non è adatta o della specie giusta; manca la giusta volontà mentale ad affrontare la malattia (la mente comanda al corpo di ammalarsi e non guarire). In questi casi occorre al più presto individuare la causa e rimediare. Se un leggero effetto lassativo compare, svanisce dopo pochi giorni, effetti più forti si hanno a dosi superiori ai 200 grammi (20 cucchiai da minestra). L'aloe regolarizza la digestione, così è indicata anche per chi ha problemi di stipsi, emorroidi, diarrea. Inizia piano piano, se non ci sono emergenze, magari 1 cucchiaio al giorno, poi 2 e così via fino al dosaggio normale. L'aloe usata deve essere una pianta matura (almeno 4 anni), e il miele sia naturale e di ottima qualità, così meglio trasporta le sostanze benefiche contenute nell'aloe. Dopo la somministrazione dell'aloe, si possono osservare sintomi di malessere nei primi giorni di cura (eruzioni cutanee, vomito, diarrea, ecc.), è normale; l'organismo ha iniziato a disintossicarsi. Se non si osservano sintomi non c'è ugualmente da preoccuparsi (vedi analogia con lo yagè). Come precauzione, il preparato è sconsigliato solo alle donne in gravidanza. La famiglia delle Aloe, ha molteplici proprietà, in primis effetti lassativi e cicatrizzanti (ad uso topico). Gli indigeni di Messico e Brasile, la usavano a proteggersi dai raggi solari per i suoi poteri lenitivi, idratanti, protettivi e blandamente antiinfiammatori. Precauzione d'uso è consigliata a chi soffre di problemi intestinali (azione irritante di sostanze cactacee sulle pareti intestinali, ridotta asportando la buccia) e ai diabetici che usano insulina (Aloe abbassa l'indice glicemico e ciò va bilanciato nell'uso di insulina). Cristoforo Colombo, al ritorno dai suoi viaggi, già descrive l'Aloe come una pianta dai grandi poteri curativi: erba perenne, con fusto alto sin 4m molto ramificata, in natura si espande in grandi cespugli ramificati con grandi infiorescenze a grappolo di colore rosso vivo (quelli dell' Aloe Vera & Barbadensis sono giallo/arancio). Ha foglie lunghe fin 50cm, larghe 5cm, verdi con sfumature rossastre (a volte) e dentellature spinose sporgenti e incurvate verso il basso. Si moltiplica per seme o divisione dei polloni basali. Vive oggi in nord Africa e regioni desertiche del mondo, per lo più vicino al mare. In Italia vive bene sulle coste del Mediterraneo, Adriatico e Tirreno, con temperatura sopra lo zero, ha foglie più piccole rispetto ai paesi tropicali, quindi, qtà di aloina un pò minore. Si adatta bene alla coltivazione in vaso, purchè posta in posizione molto luminosa, meglio sotto sole diretto, terriccio sciolto e rare annaffiature nei mesi caldi. La quantità di gel, grandezza e lunghezza delle foglie, son proporzionali alla quantità di luce solare che la pianta riceve nella sua vita (una pianta cresciuta all'ombra può aver solo l'8% del peso). Se la pianta è grande e sviluppata, con foglie spesse e lunghe (immagine della salute) allora è ottima, se invece è piccola e poco sviluppata, con foglie sottili e corte e dall'aspetto raggrinzito, sicuramente è vissuta all'ombra. La presenza del fiore, sebbene non vincolante, indica ottima salute della pianta. L'ideale è una pianta con foglie di 40 cm o più (5 anni), ma vanno bene anche piante con 2 anni di età, ovvero, foglie da almeno 20 cm. La cura funziona anche con gli animali, se la dose è 1 cucchiaio/giorno per ogni 10 Kg di peso corporeo. L'aloe in questo caso va mescolata ai pasti dell'animale. Si inizia con poco e si aumenta di giorno in giorno finchè si arriva al massimo della tolleranza intestinale. La dose ideale è un pò meno del massimo di tolleranza. E' fondamentale, man mano che si va avanti con l'aloe, diminuire l'eventuale assunzione di farmaci (es. cortisone) fino a eliminazione. Il cortisone è utile per bloccare l'avanzare di una malattia, ma non la guarisce e se preso per lungo tempo può uccidere l'animale, poichè è estremamente tossico. Regola d'oro: pìù aloe si riesce ad assumere e tanto meglio è per la guarigione. Per trovare i dosaggi ottimali occorre vedere come il corpo reagisce. Se non si osserva nessun effetto lassativo la dose può esser aumentata senza timore. Se si osserva un effetto lassativo protratto per giorni, significa che i dosaggi sono eccessivi, occorre ridurli. Se l'effetto lassativo sparisce poco dopo, vuol dire che l'organismo si è adattato e i dosaggi sono giusti. Si può aiutare l'organismo a ridurre l'effetto lassativo mangiando mele. Il balsamo delle missioni (Schinus molle), già panacea degli Inca, fu ripreso da S.Asperger, un padre gesuita vissuto in Paraguay, dove apprese i segreti dei locali curanderos, si prepara facendo bollire 100 gr di foglie di falso pepe (un albero sempreverde) in un litro d'acqua fino a ottenere un concentrato da diluire in parti uguali con vino. Tale farmaco serve a lavare le ferite (la resina le rimargina efficacemente), curare le ulcere, si applica sul corpo a mitigare le coliche, i dolori da colpi, la stitichezza e i gas di stomaco; per via orale 2 cucchiai di balsamo addolcito, due volte al dì, serve a curare la dissenteria, stomaco pesante e rigurgiti di sangue: l'ingestione di dose eccessiva puo causare gastroenteriti. Le foglie fresche si masticano a rinforzare gengive e denti; si scaldano in acqua calda per frizionare crampi e lenire reumatismi, lombaggini e artriti; gli Inca usavano la resina, più tossica, per imbalsamare i cadaveri e ne bruciavano il legno resinoso come incenso. La corteccia di Ipecacuana ricavata da un arbusto (Cephaelis ipecacuanha, Rubiacee) spontaneo della selva del Mato Grosso, è un farmaco sudorifero-espettorante popolare fra gli erboristi e prezioso per i popoli della foresta, affetti da infezioni respiratorie e intestinali. Oggi il piccolo alberello è coltivato nel sudest asiatico, riprodotto per talee di steli e radici, sviluppa fino a mezzo metro e fiorisce tutto l'anno. A 3-4 anni di età, i raccoglitori, guidati dal richiamo canoro dell'uccello Poaieiro che si ciba dei suoi frutti disperdendone i semi, sollevano la zolla ed estraggono le radici orizzontali per seccarle al sole, spezzarle, setacciarle e separarle dal terriccio; le radici son vendute localmente in pezzi contorti. La corteccia si conserva per molti anni, è dura, ma dopo aver tolto la parte legnosa, è ridotta in polvere. Tra i suoi alcaloidi spicca l'emetina che stimola il centro del vomito a mezzo irritazione della mucosa gastrica, è amebicida e batteriostatica per alcuni gruppi di microflora; data in eccesso è tossica in modo acuto e cumulativo ai danni della mucosa digestiva; si usa ipecacuana per stimolare il fegato, curare asma, pertosse, catarro bronchiale e polmonare cronico, polmoniti, catarro delle vie biliari, piccoli calcoli, coadiuvare la cura sintomatica di malaria e febbri intermittenti (idrocloruro di emetina), provocare il vomito per combattere avvelenamenti e blocchi gastrici: dato in polvere o sciroppo a più riprese ogni 10 minuti, stimola il nervo vago e quindi il vomito con svuotamento dello stomaco intossicato. Il balsamo del Perù (myroxylon pereirae) è un altra leguminosa usata come espettorante, a livello cutaneo è rubefacente, antisettico, scabbicida e cicatrizzante. Il padre Jose de Acosta nel 1590 lo vantò come panacea di molti mali, dando inizio a un fortunato commercio internazionale. La sua oleoresina, usata nella Cresima al posto dell'olio di oliva, come tutte le resine è di origine patologica, ovvero indotta incidendo la corteccia e raccogliendo l'essudato che trasuda dalle ferite per una decina di giorni, impregna gli stracci applicati sopra, poi rimossi e fatti bollire in acqua per 3 ore a fiamma viva; il balsamo si separa dall'acqua per decantazione. La Tara (Caesalpinia spinosa) è una leguminosa andina usata come cicatrizzante e protettore solare. Il liquido della macerazione dei frutti è usato per lavaggi vaginali e collirio per occhi, mentre la linfa calda che fuoriesce dalla legna in combustione, si applica sulla pelle a combattere le verruche. Romulo cita ora la Ka'a (in lingua guaranì), la bevanda ereditata dagli indigeni Guaranì del Paraguay, ottenuta dalla pianta di Matè (ilex paraguayensis), e usata in decotto come antisettico nella cura di ulcere ribelli e ferite da taglio. L'erba mate, detta il Tè del Rio de la Plata, cresce tra argentina, Brasile e Paraguay, ha fusto arborescente, fin 4 metri, foglie persistenti, e contiene gli stessi alcaloidi del tè e caffè; la sua coltivazione commerciale fu iniziata dai missionari gesuiti, e oggi, nella pampa argentina, l'infuso di mate è alla base della dieta del gaucho, il cavallerizzo delle grandi pianure dell'America australe; è simbolo di fratellanza, apprezzato dagli abitanti delle fattorie, è offerto e bevuto in compagnia, usato a pretesto per socializzare, scambiarsi notizie e gioire nel tempo libero. Il tè di erba mate, fatto con le sue foglie mature, raccolte ed essiccate al sole, riduce la formazione di acido urico, così è usato nella cura dei reumatismi e come stimolante, per allieviare fatica, fame e sete. Le sue foglie ingerite a digiuno, hanno effetto lassativo e diuretico. La Stevia rebaudiana (asteraceae, compositae) è originaria della valle del Rio Monday, nel Paraguay, dove gli indigeni Guaranì la chiamavano caà-ehe (erba dolce) e la usavano a coprir il gusto amaro del Mate, Tè del Paraguay. Stevia in medicina si usa come anti-iperglicemico (antidiabetico del Brasile); cura di dermatosi e trattamento dell'ipertensione per la sua azione cardiotonica; la Stevia salicifolia (fior di palo) cura diarrea, tisi e calori interni. La Stevia è dolcificante a zero calorie sotto forma di foglie fresche o in polvere, estratto disidratato o concentrato liquido (foglie secche 150 volte il saccarosio). Ha glucosidi stabili nel tempo e alle alte temperature, così conservano bene in prodotti da forno e bevande calde. Una foglia fresca, o un quarto di cucchiaino di foglie essiccate, corrispondono a un cucchiaio di zucchero, è meno genotossica di altri dolcificanti (aspartame, acesulfame K, etc). Stevia, piccola erbaceo-arbustiva perenne, in natura, cresce su terreni poveri, sabbiosi, con falda idrica superficiale, ai margini di paludi e praterie. Resiste bene a valori prossimi allo 0°C, ma è poco resistente al gelo. Ama potassio, azoto, un pò ferro e manganese. Innaffia nella stagione secca e in post-raccolta, a favorir ricacci. Si riproduce per seme (minuscoli, mesci con sabbia) su suolo sciolto, smosso, al sole o semiombra e si moltiplica per talea. In inverno proteggi con pacciamature alla base, sopravvive e rivegeterà a primavera. Ha fiori ermafroditi, piccoli, numerosi, in tardo-autunnno. In Italia trapianta in aprile (temperature miti e frequenti piogge assicuran l'attecchimento) 5-6 piante a metro quadro con interfila di 60 cm. Assorbe nutrienti nei 30 giorni seguenti il trapianto e l’azoto pur in prossimità della fioritura. Due raccolti: luglio e settembre-ottobre, in Thailandia, Israele, Cina e tutto il sud America. L'Opuntia ficus-indica (shien yin nza, mano degli immortali), è pianta succulenta originaria del meso-America, oggi ambientata anche nel Mediterraneo, ma non sopporta il gelo. Detta erba della vipera, in Messico cura dolori agli arti, stitichezza, mentre, in Perù, si usa come emolliente e cataplasma per curare gonfiori. In Messico diede il nome alla capitale dell'Impero azteco, Tenochtitlan che significa: fico su una roccia. le pale-foglie del fico delle Indie occidentali, furon caricate sulle navi come verdura fresca conservabile, ricca di vitamine C antiscorbuto, cucinate da sole o con uova dopo averle ripulite dalle spine e dai glochidi (peli rigidi). Le pale giovani scaldate e tagliate a metà sono un antinfiammatorio e, per uso topico, contrastano la foruncolosi. Opuntia ama sabbia o ghiaia grossa, resiste al freddo ma non al gelo forte (specie con ristagno) poichè serba acqua nelle foglie. I frutti presi con guanti, li infilzo nella forchetta e strofino su uno spesso panno umido appogiato in mano per togliere gli insidiosi glochidi, poi sciacquo sotto acqua e infine sbuccio col coltello. Le pale giovani e tenere (15-20 cm), pure colte con buoni guanti, le taglio-colgo con coltello affilato alla base di attaccatura, a primavera-estate. Passo le pale sulla fiamma come una bruschetta, a privarle dei glochidi oppur le raschio con coltello e le metto in frigo per alcuni gg. Tagliate a cubetti, le cucino da sole 5-10 min, sciacquo e ripasso in padella con cipolla e olio sin quando è tenera (circa 15-20min), aggiungo 2 pomodori a tocchetti peperoncino e cucino altri 10 min, infine vi scolo la pasta al dente e salto tutto 1 min prima di servire. Tutte le giovani piante grasse, crescono meglio se rinvasate ogni anno (disinfetto i vasi con amuchina e acqua) finchè son grandi poi fermo tal trauma. Le radici delle grasse non riescono a colonizzare grandi qtà di suolo e, se restano bagnate o concimate, rischiano acidità e marciumi alla radice. Il terriccio ideale è senza torba, è poroso, leggero e drenante tipo sabbia grossa, pomici e terriccio universale. Le Semprevive (sempervivus spp.) son perenne rustiche da roccia, temono i ristagni ma resistono il freddo all'aperto; moltiplico loro rosette a fine inverno, appoggiandole su suolo appena umido, in pochi gg radicano. Se taglio a metà le sue foglie carnose, le applico velocemente su scottature, morsi e punture d'insetti. Il Maguey (Agave americana), usata su ferite, pustole, oftalmie, cateratte, tosse: ferite e piaghe infiammate venivano lavate con orina calda e succo di maguey, cenere, sale ed erbe cicatrizzanti, coagulanti (senecio, storace, radice di lobelia laxiflora, commelina pallida e vulneraria). Nei morsi di vipera, veniva succhiato via il veleno, posto garze sottili con maguey e polvere di tabacco, valorizzato come antidoto, disinfettante ed emostatico. Le civiltà preincaiche Chavìn e Mochica, usavano il cactus Sanpedro, (Huachuma, Trichocereus pachanoi o T.peruvianus con spine) nelle loro cerimonie religiose che trasmisero agli Inca, consolidando un patrimonio vegetale delle Ande, cresciuto nei secoli: quinoa, maguey, mais, patata, aloe, ecc. Sanpedro cresce a 3000 m s.l.m, sebbene oggi sia coltivato nel deserto della costa peruviana, ha forma di colonna fin 6 metri, ramifica dalla base a partire da un taglio trasversale, e fiorisce a 80 cm dal suolo; a maturità raggiunge un diametro di 10-12 cm avente 4-12 coste verticali (i cactus con 7 coste sono i più apprezzati), le spine sono assenti o molto piccole, riunite a gruppi di 3-4 in aree depresse. I fiori bianchi, grandi e lunghi fin 25 cm, hanno aroma fragrante, si aprono al tramonto e chiudono all'alba. Le divinità rivelarono al primo eletto, mentre si trovava in difficoltà, le proprietà del sanpedro, il Cactus dei 4 venti e direzioni del mondo (Tawantinsuyu degli Inca). Le visioni che l'eroe sperimentò ingerendo il succo di questo cactus, lo aiutò a trovare la soluzione dei suoli mali, inaugurando così la divinazione terapeutica. Il fusto del cactus è tagliato a fette e fatto bollire in acqua per alcune ore, finchè si ottiene un liquido denso e amaro, cui talvolta si aggiungono le misha (floripondi), altrove assunte per via nasale, per ottenere un azione riscaldante e psicolitica, o altre piante come ayahuasca, hòrnamo (senecio elatus, purgante amaro), cimorilla (coleus blumei, solancea che cura i reumatismi). Litanie e offerte di cibo accompagnano il rito mentre il curandero consacra uno spazio con la sua presenza e la magia degli oggetti che deposita sulla Pacha mama (madre terra), riuniti sopra e attorno a una tovaglia (mesa) che è un estensione dei suoi indumenti, personalità e tempio votivo. Gli effetti sul snc iniziano dopo una mezzo'ora e, per controllare vomito e nausea, viene aspirato fumo di tabacco. L'effetto dura circa 10 ore, cresce l'empatia, la percezione-contemplazione e la coscienza dei partecipanti alla mesada; lo spirito di huachuma è ambivalente: risponde alle attenzioni dello sciamano liberando la sombra del curandero che inizia, assieme a quella della pianta, il viaggio nel mondo degli spiriti, a identificare l'invisibile causa della malattia. Una curandera Achumeras (mangiatrice di achuma) rivelò a Romulo che, un cucchiaio di san Pedro (Huachuma) a mattina (15/20 g), è ottimo per cuore e digestioni. Invece, nel decotto rituale curativo, il coltello taglia via la sostanza bianca interna al cactus; fatto a fette e cucinato in acqua e limone, esso bolle tre ore finchè il liquido ne viene stratto, quindi vien separato dalla schiuma residua. Dopo un digiuno o un pasto senza zucchero e sale, la curandera prepara la mesa con una tovaglia in Shipibo textures; un tavolo cerimoniale che ci ricorda lo scopo della cura offerta nel rituale. L'esperienza con Huachuma dura circa 10 ore, il suo picco è dalla terza sino alla sesta.. Per evitare il marciume, le talee delle cactacee son lasciate asciugare alla base prima di venir messe a dimora. La forza del Cactus dipende dall'acqua che contiene, più acqua meno forza, ciò allo scopo di cercare simbiosi nei climi difficili della sierra Peruviana e deserto Cileno. Il cactus san Pedro è venduto come medicina (huachuma) nei mercati del Perù, Cile e Bolivia, accanto alla foglia di mama coca. Molte achumeres sono levatrici (parteras), sibille, curandere e psicopompe, ovvero, intervengono nei momenti di passaggio: nascita e morte. Spesso indossano un cappuccio, turbante o un lungo velo che ricopre i capelli scoperti. Esse considerano il San Pedro il maestro della mesa, senza il quale non sarebbe possibile il loro lavoro, fornendo la “vista” che permette di diagnosticare i mali e curare i pazienti. Per Isabella, curandera di 40 anni che pratica nell’area di Chiclayo, tale vista si manifesta in molteplici modi: alcune volte lo spirito del San Pedro si presenta come una voce che le parla all’orecchio; altre volte si presenta come uno schermo, mostrando scene visive come in una pellicola del cinema; altre volte la possiede e la sua voce parla attraverso di essa. Le pratiche dei curandero maschi e femmine del Peru settentrionale, han poche differenze: le curandero femmine sono maggiormente influenzate dalla spiritualità e simbologia cristiana; nel curanderismo femminile la malattia è concepita per lo più come causa dei propri errori, piuttosto che come frutto di stregonerie altrui. Queste donne insistono che i pazienti partecipino attivamente nelle loro proprie cure e si assumano la responsabilità delle cause della loro sofferenza. Invece di trattare i loro clienti come vittime passive, dipendenti dal potere dello sciamano per trasformare la loro sofferenza, tali donne enfatizzano il fatto che la cura è ottenuta solamente attraverso l’accettazione delle circostanze della vita e un allineamento con le forze dell’universo. Il compito del curatore è solo quello di guidare il paziente verso una comprensione consapevole di questo sforzo (Bonnie Glass-Coffin). 57.䷸ Romulo: 日 (rì, sun-giorno, rad.72) Cactus & sudamerica


March 三月  | Mallendi  (up calendar 月)
Afrikoj fratoj 非洲 แอฟริกา xæfrikā
Iboga initiation of Bruce Perry among Mbuti Gabono 俾格米人 | Batwa pygmies, 30 thousand roof burned by government - survival.org.


Emilia, nel giardino Terabuti, spiega come trattare le ferite degli alberi, arbusti, erbe ed animali così come le ferite degli umani. Lei segue la lezione di Masanobu Fukuoka sulla gestione dei più comuni alberi da frutta: "potare il minimo necessario, avendo in mente la forma naturale dell'albero, piuttosto che la forma ideale (a vaso, a coppa, ecc.) scientificamente calcolata per venire incontro alle mode di raccolta, alla meccanizzazione o alle teniche colturali invasive (sarchiatura, concimazione forzata, ecc) di volta in volta in voga;potare (prunes, cut) non serve se gli alberi son lasciati liberi di crescere secondo natura sin da piccolissimi, ovvero se mai potati, non svilupperanno aberrazioni che richiedano poi, ogni anno, potature di equilibrio tra sviluppo vegetale e carica dei frutti.. Così gli innesti solo in casi necessari. Lei lascia crescere gli alberi seguendo una generica forma piramidale o conica, ovvero con leader centrale non amputato, capace di sviluppare attorno a sè, una corte di rami regolari, che girano come una scala a chiocciola: ogni ramo dista l'altro di 70°, così dopo il quinto ramo (un giro di 360°), il sesto risulterà virtualmente sovrapposto al primo, ma diversi centimetri sopra, così l'undicesimo ramo (secondo giro di 360°) e così via sino alla gemma al vertice del ramo centrale (leader). Ciascun ramo e foglia, seguendo l'ordine preciso e regolare (o potato secondo questa immagine) trova il suo spazio di luce e aria senza intrecciarsi con altri rami, perdere l'orientamento e avvizzire. Emilia cita il Fico (fig fruit) dell'Ellade, dove, il sicofante (ladro di fichi) che rubava o esportava il cibo primario della gente rurale, era punito. Il Ficus carica, egizio Albero della vita, forniva frutti agli immortali, nutrienti e digeribili. I fichi essiccati, donan potassio, calcio, ferro e fibra per l'intestino stitico. Due fichi al giorno, adatti ai glicemici, fan variare la glicemia, dopo il consumo, solo di 35, contro il 100 del pane bianco. L'essiccazione riduce dell'80% l'acqua e concentra i principi nutritivi e minerali (calcio e ferro, 100gr al dì coprono 30%), la fibra cresce di 6 volte, così, dopo breve cottura in acqua (con prugne secche e uvetta secca), eccelle nel formare feci morbide e facili da eliminare. Fichi secchi han 60% carboidrati utili nei casi di magrezza o stanchezza eccessiva. Emilia prepara un decotto di fichi secchi, 50 grammi spezzettati e bolliti 10 min in litro d'acqua, per sfiammare le vie respiratorie e urinarie, gastriti, difficoltà digestive e coliti; lo usa anche in gargarismi, nei casi di gengive irritate e mal di gola. Fichi cotti lei pone sui forunivettaoli, scottature, porri e altre irritazioni della pelle; usa anche il lattice del frutto immaturo: sui porri o per cagliare il latte di tipici formaggi; le ruvide foglie di fico, senza detersivo puliscono le pentole. Il dottato bianco napoletano, è albero vigoroso e produttivo, a portamento aperto, ha foglie intere, trilobate o pentalobate, verde chiaro; produce fichi fioroni e fichi forniti: nelle annate con inverni miti, può dare fioroni (piriformi e ovoidali) che maturano tra fine giugno e metà luglio, buccia verde giallastra, ostiolo aperto, polpa rosa sfumata e aromatica. I forniti maturano da metà agosto a tutto settembre, più piccoli dei fioroni, hanno forma a trottola, ostiolo semiaperto, buccia giallo-verdastra con poche scanalature. La polpa è rosa granato, molle e molto succosa; ottimo a consumo fresco, è la varietà più usata per i fichi secchi. Tipico delle zone umide del nord, è il Ficus fiorone bianco, che produce solo fioroni, in luglio, grossi fichi privi di collo, ovoidali o tozzi; buccia verde pallido che, alla maturazione, presenta spaccature longitudinali biancastre; polpa color ambra o rosata, dal gusto squisito. Produce anche i forniti, ma non arrivano a maturare. Il verdolino è albero vigoroso a portamento aperto, poco pollonifero; ha foglie dei rami vigorosi verde scuro, con lobi tondeggianti, mentre quelle dei rami più stentati sono più piccole e molto incise. Produce fioroni e forniti (varieta bifera): il fiorone, più piccolo del fornito, matura a giugno solo nei climi più favorevoli. I forniti iniziano a maturare ai primi di settembre, ha frutto piriforme con buccia verde brillante, molto sottile ma tenace, con poche scanalature. Polpa chiara, rosa giallastra, con pochi acheni piccoli, di sapore dolce, eccellente quando inizia ad appassire; ottimo per consumo fresco ed essiccamento. Il verdone romano è albero di media vigoria con portamento assurgente, foglie pentalobate a lobi stretti e seni pronunciati. Produce solo forniti, da inizio settembre alle prime gelate invernali, anche dopo la caduta delle foglie. Frutto di forma globosa a fiasco, con collo molto lungo e peduncolo legnoso; buccia sottile, rosso vinoso a inizio maturazione, verde intenso alla fine. Polpa rossastra, piena, poco succosa, molto resistente alle manipolazioni. Varietà tardiva nella maturazione, serbevole, utile al consumo fresco ed essiccazione. Il brogiotto nero fiorentino produce solo forniti. Albero vigoroso e produttivo, poco pollonifero, a portamento più espanso di altre varietà. Ha foglie trilobate e pentalobate, di colore scuro, larghe e poco lobate nei rami giovani e vigorosi. Inizia a maturare i propri frutti una settimana dopo il dottato (fine agosto), ma si protrae se il clima è favorevole per tutto ottobre. Frutto schiacciato, panciuto, a forma di trottola. Buccia molto spessa, nero intenso con sfumature violacee nei frutti in ombra, oppure bluastra in quelli esposti al sole; polpa soda, rosso-vivo, dolce mielosa. Fico melanzana, albero vigoroso a portamento irregolare, molto resistente, con foglie a metà pentalobate e metà trilobate, con lobi poco profondi; un tempo era diffuso in tutto il centro Italia, oggi sopravvive in piante singole; è varietà bifera (fioroni e fornti) che produce fichi simili all’ortaggio. Il fiorone di metà luglio è grande, a collo lungo, la polpa è rosa, dolce, con grossi acheni. La buccia è violacea, tendente al marrone. Il fornito (metà settembre) è più piccolo e meno allungato, più ovoidale. La buccia è viola-grigio, con poche lievi scanalature mentre la polpa è rosa, dolce e aromatica. (ENG) Emily fig recipes: 1) Fig cough syrup: boil in half a liter of water, a handful of sage, chopped apple, anise, chamomile, linden flowers, 2 dried figs, for quarter of an hour. Filter and drink the syrup several times especially before bed. 2) Remedy for whooping cough: 1.5 kg onions, 60gr honey, 150 gr Figs. Two hours to boil into a liter of water, then bottles; take 5-6 tablespoons a day. In early spring, she used planting fruit trees watching their natural shape (lemon, prunus spp, cherry, etc.) to help having good roots becouse roots in late autumn, hibernate themselves. She gives humus, but too much nitrogen is harmful for plants. About pruning, in winter season she removes only dry and broken wood. Emily love fruit trees as Apple and the Albicocco-apricot (Prunus armeniaca) in summer. Persimmon grows almost everywhere but it refuses to be pruned. Medlar with Persimmon, when the first cold comes, makes their fruit' pulp tasty, if we miss this step, the fruit get astringent. (IT) Albicocco è ricco di carotenoidi (precurs vit.A, utile a pelle e mucose interne), magnesio, potassio, fosforo, ferro, calcio, ecc, è così utile ad anemici, stanchi e depressi. Il Magnesio influisce sui recettori di serotonina nel cervello, coinvolti nell’ insorgenza di emicrania, per questo è in grado di alleviarne il dolore; chi soffre di emicrania, generalemente ha bassi livelli di magnesio. il magnesio è presente in buona quantità anche nei cereali integrali, noci, semi, legumi e verdure a foglia verde. Il Ciliegio cherry selvatico (prunus avium), è nutrimento per uccelli ed umani da migliaia di anni. Gusci son stati trovati in insediamenti preistorici in tutta Europa (Britannia, Italia, villaggio di palafitte sul Lago di Garda, 2077 a.C.) La foresta naturale a quel tempo era poco vasta, poichè il ciliegio non è specie pioniera. Per espandersi necessita di micro clima forestale già stabile. I ciliegi piantati o nati in gruppo all'interno di boschi e foreste son molto appetiti dai grossi erbivori (caprioli, cinghiali) e più sensibili a malattie e attacchi d'insetti. Il legno marrone-rosso, molto resistente, è usato per mobili e strumenti musicali. La resina è aromatica ed è usata come aroma in gomme da masticare. Il succo dei pedicelli dei frutti ha proprietà astringente, antitossica e diuretica. Il ciliegio di Nanchino (Prunus tomentosa, rosacee) detto anche ciliegia cuccarina, è un alberello a crescita media, originario della Cina del nord, resiste alle malattie e alle basse temperature, sopravvivendo fino a -20°C. Ha portamento arbustivo eretto e può alzarsi fin 3 metri. In primavera fiorisce splendidamente a grappoli rosa. Il frutto matura a giugno ed è una piccola ciliegia grande come un ribes, apprezzata per il sapore dolce acidulo. Il genere Prunus (susino, prunes, plums, fam. Rosaceae), ha numerose spp botaniche coltivate in tutto il mondo e raggruppate in tre categorie: 1_susini europei (prunus domestica); siriaci (prunus insititia); mirabolani (prunus cerasifera, spinosa, cocomilia); 2_susini cino-giapponesi (prunus salicina, simonii, bokhariensis dell'India); 3_susini americani (nigra, ecc). I susini europei son a fioritura tardiva e han maggior bisogno di freddo; I cino-giapponesi si adattano al caldo e a suoli calcarei. Il Prugnolo (Prunus spinosa) è un grande arbusto o alberello, con rami spinosi, marroni (quelli vecchi) o grigi (quelli giovani), e biologia simile al biancospino; forma macchie fitte e impenetrabili, protezione di uccelli che vi costruiscono il nido. Cresce spontaneo in tutt’Italia, nei boschi, siepi e scarpate ed è coltivato nei giardini naturalistici. Fiori, foglie (fumate con tabacco) e frutti (blu-neri), simili a piccole prugne (blu-nerastre, vit.B, C, sali e tannini), sono usati in gustose tisane depurative e blande lassative; il legno duro e resistente, è usato a fare attrezzi e bastoni. La sua corteccia contiene tannini e una sostanza amara, ha virtù digestive, lassative, febbrifughe, sfiammatorie. Il Susincocco (Prunus dasycarpa, biricoccolo, plumcot, albicocco nero, susinoalbicocco) è l’incrocio naturale tra albicocco e mirabolano (Prunus cerasifera); è frutto antico, ma poco diffuso. La pianta è abbastanza vigorosa, alta fin 5-6 metri, resiste bene al freddo e si può coltivare in pianura e collina. La pianta è sovente innestata su mirabolano, ha caratteri che ricordano entrambe le specie: buccia arancio-violetto, liscia e sottile, vellutata come l’albicocco; polpa succosa, dolce e acidula, simile alle susine. La polpa è tenera, succosa, aderente al nocciolo, di colore giallo venato di rosso, profumo di albicocca o susina. Il nocciolo è più piccolo di quello di albicocca. I frutti maturano in estate (giu-lug), vanno colti scalarmente, quando risultano maturi, altrimenti han sapore asprigno. Appartengono al genere Prunus anche: albicocco, ciliegio, mandorlo, susino e Pesco-noce (detto nettarina, prunus persica laevis), che può sopportare min invernali di -15°C e caldi subtropicali. Il Pesco (persica vulgaris, Rosaceae) in Persia e Cina lo si può ancor trovare allo stato selvatico con chiome a globo e longevo anche 30 anni. E' coltivato in molti paesi a clima mite, in forma rotondeggiante, a cipresso o a salice piangente. Albero con radici arancioni, ramificate e a sviluppo superficiale (da 20 a 100 cm, le radici di 2 peschi non si incrociano mai), emette rami vigorosi (succhioni) su piante giovani vicino a grossi tagli, originate da gemme latenti che risvegliano dopo danni da gelo o forti potature. Il pesco ama terre sciolte pur sassose ma con acqua, e climi miti, ma necessita da 600 a 900 ore di freddo l'anno (sotto i 6°), per entrare in riposo vegetativo e rifiorire regolarmente; regge al gelo finchè non risveglia, così, ritorni imprevisti di gelo, danneggian le gemme a fiore (futuri frutti). I rami radi, divaricati, han fiori che sbocciano prima della comparsa delle foglie, ermafroditi, ascellari, color rosa, in genere autofertili. Dei 2 ovuli, solo uno, di solito, vien fecondato e giunge a maturità. Il nocciolo contiene così un solo seme (o mandorla) solcato, di sapor amaro (alto contenuto di amigdalina). Le pesche son coperte da buccia tomentosa o glabra (nettarine) di vario colore, con polpa succosa grazie a molta acqua e pectina. Pesca cotogna del poggio, è antica cultivar toscana, diffusa sulle colline del Chianti. Il frutto ha forma tonda, con solco di sutura marcato, buccia gialla con sfumature rosso arancio. La polpa, soda, dal sapore dolce e profumo intenso, è gialla e colorata in rosso nell’area aderente al nocciolo. Matura tra fine agosto e inizio settembre. I frutti fermentati del Nespolo (Mespilus spp), sono utili per marmellate, brandy e schnaps, mentre, i frutti immaturi sono utili per pulire il vino e il sidro. Il Nespolo è pianta rustica, resistente e molto ornamentale. Col tannino di corteccia, foglie e frutti immaturi, si conciano le pelli. Il legno bruno-giallognolo, è molto duro e fornisce ottimo carbone. I suoi frutti son consumati dopo ammezzimento, una lenta maturazione (fermentazione di zuccheri) ottenuta sulla pianta, o ponendoli in cassette di legno, coperte di paglia in locale fresco. I frutti si consumano man mano poichè la fermentazione prosegue e posson rapidamente degradarsi. Il Pero Corvino (Amelanchier canadensis o lamarkii) è un arbusto a foglie caduche, di forma globosa, molto vigoroso e ramificato che può raggiungere i 2-3 metri di altezza. Appartiene anch'esso alla famiglia delle Rosacee, è originario del sud Europa e Nord America, vive bene in tutti i terreni ed è molto resistente al freddo. Le sue foglie hanno pagina superiore verde opaco e quella inferiore coperta da una peluria giallastra, in autunno diventano rosso-arancione. La fioritura bianco-rosata, profumata, avviene in aprile-maggio, è di breve durata ma intensa. Il frutto è un piccolo pomo farinoso-carnoso che, maturando a fine estate, diventa rosso-violetto ed ha sapore dolcissimo. La botanica moderna afferma che i caducifogli sono, in realtà, specie vegetali fuor del loro ambiente. Il Melo e pero (Malus spp) è una specie equatoriale di circa 800 m di altitudine. Alle nostre latitudini soffre il freddo invernale e perde i suoi polmoni, le foglie, mentre, all'equatore e alla sua quota altimetrica, è ancor oggi, specie sempreverde, non perde mai le foglie, confermando la sua piena compatibilità a quell'ecosistema di eterna primavera; fiorisce più volte e fruttifica 2 volte l'anno in maniera scalare, assicurando un alimentazione continua! La mela/pera Cotogna (quince, cydonia vulgaris) è un toccasana gastro-intestinale, poichè ha proprietà toniche, astringenti ed antinfiammatorie. I suoi tannini sono in grado di proteggere la mucosa dell'intestino. Il decotto di radice cotogna assieme a radici di melograno e legno di dulcamara, è depurativo e combatte la tenia. La cotogna, come tutte le mele, contien acidi organici, tra cui il malico, utile a favorire la digestione. Consumata cotta, ha proprietà lassativa, favorendo la motilità intestinale grazie alla generosa presenza di fibre e pectine, vitamine (A, C, B1, B2) e sali (potassio, fosforo, zolfo, calcio e magnesio). Il sapore acidulo della mela cotogna dipende dalla presenza di zuccheri a catena. Con la cottura le lunghe catene glucidiche si frammentano e la massa assume un sapore più dolce ed intenso, liberando un odore gradevole simile al miele. Il Kaki (Diospyros kaki, Ebenacee) è un albero a crescita lenta, ma che può crescere fin 10 metri, con chioma a forma globosa; ha un apparato radicale espanso, superficiale e ricco di polloni, ma si sviluppa con unico fusto diritto, e corteccia grigio rugosa a lenticelle chiare. Originario di Cina e Giappone, è specie subtropicale adattata anche nel mediterraneo, dove tollera, per brevi periodi, temperature anche inferiori ai -10 °C. Poichè si adatta a tutti i suoli, inclusi gli argillosi senza ristagno, nelle zone marginali migliora la pezzatura dei frutti. Si propaga via innesto su 3 portinnesti: d.lotus, d. kaki (resiste a siccità ma poco al freddo), d.virginiana (disforme e pollonifero); la talea ha scarsa attività rizogena. I frutti sono grosse bacche tondeggianti, a volte appiattite o appuntite. La polpa è giallo-arancio nei frutti non fecondati, e rosso-marrone in quelli fecondati; in molte cultivar è astringente al momento della raccolta, così occorre farla ammezzire con i primi freddi di ott-nov: l'impollinazione influisce cmq sul sapore. La varieta kaki cioccolatino, ottimo impollinatore per Kaki Tipo e Hana Fuyui, ha chioma a globo ed è longeva, ha fiori ermafroditi, i frutti fecondati han molti semi, polpa arancio-bronzea, dolce e saporita, non astringente (minor tannini), mangiabili già alla raccolta, io colgo gradualmente i più maturi, più squisiti, con forma tonda e buccia giallo arancio. Emilia prende pausa, offre a tutti un bicchier d'acqua con 1 fetta di Limone (citrus spp) e dice: "faccio questo in memoria della saggezza di Sicilia, dove da sempre i marinai portan limoni nei loro viaggi impegnativi e s'immettono, nelle riserve d'acqua, tagliati a metà, allo scopo di disinfettare l'acqua e renderla potabile. Il Limone scioglie l'eccesso di materia nel corpo (per corpi esili meglio l'uso saltuario e frutta di stagione), riequilibra il Ph del corpo, migliora la digestione, favorisce il riposo, previene raffreddori e influenze, depura il fegato, elimina gli acidi urici, dissolve i calcoli biliari, renali e i depositi di calcio accumulanti nei reni, elimina verruche, calli, gengive infiammate, cura artrite e reumatismi, vene varicose, scorbuto, ostacola l’osteoporosi, previene l’invecchiamento cellulare stimolando il n/um qi, abbassa il colesterolo, disinfetta, è antibatterico, anticancro, ipoglicemizza, svermina intestini, rafforza i vasi sanguigni, regola e abbassa la pressione arteriosa. Se una mela il giorno toglie il medico di torno, 1 bicchier di acqua tiepida e succo limone al mattino, è buon antiemorragico e riduce le feci in caso di diarrea. Il succo contiene acido citrico (sapore aspro), malico, ascorbico (vitamina C); se pastorizzato mantiene senza conservanti per 1 anno ed è ingrediente di cibi, bevande, detersivi (distillati dalle fezze). La pianta del limone può alzarsi fin 6 metri, con i suoi rami poco spinosi e le foglie che cambiano colore a seconda dell’età: da giovane tende al rosso, crescendo acquista colore verde scuro, più chiaro nella parte inferiore. I fiori hanno delicato profumo e, se il clima è adatto, la pianta fiorisce tutto l’anno. I frutti son composti da spicchi dal sapore aspro, hanno forma ovale e buccia gialla, più o meno spessa a seconda della varietà: alcune varietà non hanno semi. Il Limone, come tutti gli agrumi (rutaceae), è originario delle montagne dell’Indocina e sudest Asia, è coltivato in tutto il mondo nella fascia subtropicale (India è leader mondiale nella produzione di limone e lime); io lo annaffio da marzo a novembre, evitando eccessi di acqua e temperatura. Il limone mal sopporta il grande freddo, perde tutte le sue foglie sotto i 4°C, mentre frutti e fiori resistono di più; se in inverno andrebbe riparato per temperature inferiori ai 10°C, in estate non necessita di alte temperature per maturare i frutti: la temperatura ideale è 28°C. Il limone verde nasce dalla fioritura estiva, spesso indotta con la privazione di irrigazione della pianta nei mesi di giugno-luglio. Si ottengono frutti con sottile buccia verde e polpa succosa. Si conservano a lungo e sopportano trasporti e sbalzi di temperatura, per cui son esportati ovunque, mentre, i limoni invernali vanno ai mercati interni. Questa forzatura dell'albero, seppur lucrosa, ne abbrevia la vita. Le varietà di limone rosso e dolce dan frutti mangiabili che, a maturazione, deteriorano in 2/3 giorni. Le origini del nome limone derivano dal persiano لیمو (līmū), assieme all'Arancio amaro appare nei dipinti di Pompei, ma il primo agrume noto ai Romani fu il Cedro detto pomo di Persia. L'Arancio amaro resiste alle basse temperature dei climi più freddi. I frutti dell'arancio amaro sono adoperati raramente sul mercato ortofrutticolo, le sue bucce sono usate in erboristeria nella creazione di olii essenziali in quanto, la pianta di arancio amaro, è più profumata rispetto all'arancio dolce: in aromaterapia l'olio essenziale dell'arancio amaro, ha potere antidepressivo ed è indicato per insonnia e disturbi dell'apparato digerente. L'arancia tipico frutto invernale, purga l'organismo, è antiossidante e aiuta e rafforza: la microcircolazione del sangue, mineralizz. ossea, sistema immunitario, articolazioni-cartilagini, gengive e pelle, così il succo di Melarancia (citrus sinensis) è usato in Abruzzo a curare le oftalmie. Il Cedro (Citrus medica) in molte località indiane e indocinesi cresce spontaneamente, oggi è coltivato nel bacino del Mediterraneo, India, Indocina, Indonesia, Australia, Brasile ed USA. Il Cedro in Italia fu classificato già da Plinio il vecchio col nome di mela assira e venne usato come repellente delle zanzare, come la citronella. La prima coltivazione a scopo alimentare fu in Sicilia, (X secolo) poi Genova (XV secolo) e isole Azzorre; oggi è coltivato e lavorato in Calabria, nella fascia costiera del Tirreno cosentino, da Belvedere Marittimo a Tortora, denominata Riviera dei Cedri con al centro Santa Maria del Cedro, dove l'agrume cresce spontaneo. Il Cedro è ottimo come frutto da tavola, preparazione di bibite analcoliche, la scorza si usa per fare frutta candita, infusi terapeutici o, nell'industria farmaceutica, per la produzione di olio essenziale che, facilmente deteriorabile (intorbidisce e lascia residui resinosi), è corretto con essenza di cedrina (Citrus medica var.citrea gibocarpa), una varietà usata solo a tale scopo, poichè l'essenza di cedrina rimane limpida (contiene limonina, citrale ed altri terpeni). Le cultivar del Cedro sono divise in due gruppi: cedri acidi e cedri dolci. Le prime, come la specie tipica, hanno fiori e germogli rosso-violocei e polpa acida; le seconde hanno fiori bianchi e polpa più dolce. Tra i cedri acidi v'è la Diamante, la Etrog e la Mano di Budda (con frutti privi di polpa); tra i cedri dolci v'è la Corsican e la Salò. Il cedro giudaico (Citrus medica var. ethrog) è varietà coltivata in Grecia, Etiopia, Palestina e nella Riviera dei cedri Calabra, viene usata dai credenti ebrei nella Festività dei Tabernacoli. A differenza degli altri agrumi, possiede un'albedo (parte bianca della buccia) commestibile e molto succosa: gli steroli contenuti nell'albedo sono un ottimo rimedio contro il colesterolo. Il Cedro mano di Budda (Citrus medica digitata) è una varietà di cedro derivata da un'anomalia nello sviluppo del frutto: la spartizione dei vari spicchi del cedro effettuano uno sviluppo a se stante, creando per ogni spicchio una propria scorza, formando così, invece del classico cedro, le varie dita della mano di Budda. Questo sviluppo del frutto è presente, seppure più raro, anche nella pianta di limone ed in altri citrus; come tutti gli agrumi, questo cedro presenta una fioritura molto profumata più volte l'anno. Il cedro più diffuso in Calabria è la varietà 'liscio di Diamante' di grosso taglio e profumata, usata in gran parte per la canditura; in Sicilia vi è la bitorzoluta (vozza vozza), a bassa acidità e buona al consumo crudo, semplice o con aggiunta di sale o bicarbonato di sodio, il cedro è usato come digestivo a fine pasto; in Campania si coltiva una molto acida, dall'albedo amarognolo, e una dolce e grossa (sfusato); il cedro di Corsica ha polpa dolce; infine, i limoni cedrati sono ibridi fra limoni e cedri: simili al limone nell'aspetto della pianta ma meno esigente del cedro circa la temperatura; producon frutti a buccia spessa, idonei alla candidatura. Poichè resiste poco alle basse temperature, d'inverno il cedro si può defogliare per poi riprendere l'attività vegetativa in primavera: sebbene nell'arte il Citrus medica (agrume) è spesso confuso col cedro del Libano, una conifera, il 1º maggio a Forlì, nella festa del santo Pellegrino, si vendono cedri, mentre a Bibbona (Livorno) a Pasquetta si tiene la festa del cedro, in ricordo dell'antica usanza locale di servirsi di questo frutto come dazio. La Pianta di Clementino (Citrus clementina) è un ibrido fertile nato come incrocio fra la pianta di arancio e la pianta di mandarino. La sua origine sembra sia stata ottenuta da un sacerdote di nome Pierre Clèment. In Italia il clementino, dopo le arance, è il frutto più venduto sul territorio nazionale. La pianta di clementino risente molto degli sbalzi di temperatura, così, la sua cura in vaso, richiede un riparo in inverno, sempre in posizione luminosa. Il Mandarino Cinese o Kumquat (Fortunella margarita, rutacee) è un arbusto o alberello sempreverde, compatto, a crescita lenta, con rami fitti e dotati di spine. In Cina, tali arbusti crescono nella regione del Thè, dove il clima è troppo freddo per i Citrus; coltivati anche in Giappone, arrivarono in Europa nel 1846, con Robert Fortune, collezionista della London Horticultural Society. Kumquat in Italia cresce fruttifica in Liguria, Sicilia, Lazio e Toscana. I suoi frutti, interamente eduli, sono bacche piccole dette esperidi, di forma e colore variabile a seconda della specie o varietà, dolci ed acidule, simili ad arance ovali e lunghe e mandarini in miniatura (4 cm), prodotti dalla pianta da fine novembre a febbraio (raccolta scalare). Emilia li concima a fine inverno con pollina matura e li alleva liberi o a globo, con branche sul fusto a 40-50 cm da terra: ciò protegge la pianta dall’elevata insolazione e dai venti forti, oltre a ombreggiare le erbe infestanti (siepi vive o muri di cinta, creano un ambiente riparato dal rischio gelate tardive e venti forti). I piccoli alberi di kumquat sono sensibili alla clorosi ferrica poichè il portainnesto (arancio trifogliato) è molto suscettibile alla presenza di calcare nel terreno: le foglie ingiallite nei casi peggiori cadono, le piante fioriscono poco e i frutti possono cadere in anticipo. Il Kumquat rotondo (Fortunella japonica) è originario del Giappone, simile al Kumquat ovale ma con foglie più piccole, più chiare e frutti arancio tondeggianti; il frutto del Fortunella margarita è ovale e ha un aspetto giallo. Il Kumquat ovale (innestato su poncirus, se nato da seme non fruttifica), come gli altri agrumi della famiglia Fortunella, chiede estati calde, dai 25°C ai 38 °C, ma resiste al gelo e sopravvive anche -10°C, purchè le temperature restino transitorie. L'albero differisce dalle specie di Citrus dal fatto che durante l'inverno entra in un periodo di letargo senza gemme; esso forma piccole piante cespugliose e compatte e, come il ponciro progenitore, ha un pò di spine; i fiori sono singoli o riuniti in infiorescenze; i frutti hanno buccia liscia e ricca di olii. La pianta si adatta alle differenze climatiche, all'interno delle abitazioni o in giardino. Il Ponciro o arancio trifogliato (Poncirus trifoliata, o Citrus triptera) è un agrume della famiglia delle Rutaceae, spostato dal genere Citrus a un genere a sè, Poncirus, per via di tre caratteri: non è sempreverde, sopporta il freddo fino a -20°, ha buccia leggermente pelosa. Il Poncirus è un folto arbusto che può salire a 7 metri di altezza, ha foglie trifogliate: due foglie laterali più piccole e la foglia centrale che può arrivare a 5 cm di lunghezza. All'ascella porta grandi spine fin 5 cm. Ha fiori bianchi simili ai Citrus, ma più grandi e meno profumati. I frutti globosi, di 3-4 cm di diametro, sono verdi e tendenti al giallo a maturazione, e hanno buccia coperta da peluria. Il Ponciro (dal francese pomme de Syrie), originario di Cina e Corea, ma coltivato in tutto il mondo oltre la fascia temperata riservata agli altri agrumi citrus e fortunella, ha portamento cespuglioso irregolare, crescita rapida, rami con lunghe spine appuntite e boccioli fiorali che nascono a inizio estate e si aprono alla primavera seguente, prima dell'emissione delle foglie. Ponciro è usato come siepe ornamentale o impenetrabile e tra i guard-rail autostradali, ha fiori singoli di medie dimensioni, frutti piccoli, globosi, gialli a maturazione, un sapore molto acido o amaro ma un gradevole profumo, usato per marmellate e liquori; deidratato e triturato si usa come spezia. Si propaga facilmente per seme e talea, la varietà "Monstruosa" ha rami molto contorti e spine ricurve; è il miglior portainnesto per ibridi di tutti gli agrumi, conferisce resistenza a freddo e malattie, e stimola raccolti più abbondanti: le fortunelle fruttificano solo se innestate sui Poncirus; la varieta californiana 'Rubidoux', può essere usata solo per arancio, mandarino e pompelmo. 27.䷚ 食 shí饣飠 (food, rad.184) fruit major (rosaceae)


Mallendi parla dei popoli di piccola statura, i Babongo o Mbuti (pigmei, pigmin, 森林民族 พี่น้องต้น ป่า) che a fatica sopravvivono nella foresta del bacino del fiume Congo, depositari di una conoscenza vasta del loro ecosistema forestale, l'Esprit della forét, in particolare, i riti d'uso e i culti di una radice sacra, medicinale, che varie etnie Babongo hanno trasmesso ai popoli Bantu confinanti, tra cui i Mitsogo, sua etnia di appartenenza. Così Mallendi parla de Les hommes de bois sacré, il Buiti Mitsogo, culto medicina del suo nativo Gabon, egli dice: "quando un ragazzo Aka, o di altra etnia Babongo (pigmei) del fiume Ituri, è pronto a diventare un uomo adulto, spende tre giorni a mangiar radice Iboga, per attirare gli spiriti della foresta fuori dalle ombre, e ricevere così la sacra conoscenza del passato, presente e futuro"; il nganga parla poi del Buiti Fang e del Camerun, paese dove vivono ancora autentici popoli africani come i Koma, popolo che a seguito di invasioni di popoli 'civilizzati', preferì lasciare il lago Ciad, presso cui viveva coltivando anche l'alga spirulina, migrare e rifugiarsi sui monti Alantika, al confine tra Camerun e Nigeria, qui ricostruire i propri villaggi e riprendere a vivere seguendo, con coraggio, il proprio stile di vita ereditato dagi antenati. Mallendi ci dice che l'arbusto d'Iboga, da millenni usato dai Babongo nei riti d'iniziazione alla vita adulta, ha piante cugine in altri contienti: una è detta Yapukuliwa (tabernaemontana angulata), e cresce lungo alcuni fiumi della foresta amazzonica, in sud America, continente un tempo attacato all'Africa del bacino del Congo; anche tale pianta è usata, dagl'indios Wayapi del Suriname, per i riti d'iniziazione. I Wajapi son famosi per l'espressione orale e grafica dei loro disegni che, spesso, ricevono nelle loro visioni. Mallendi ora lascia spazio a Victor una persona che si sottopose a iniziazione al Buiti Mitsogo in Gabon e poi, scrisse la sua esperienza: "Il tempo non esiste e l'iboga volle fargli scuola. Tante immagini, spiegazioni, segni, ecc. Se il fuoco lo toccava lui diveniva fuoco, se l'acqua lo toccava diveniva ghiaccio. Lo Spirito gli disse che quelle forze stavano bilanciando il suo fuoco ed acqua. Lo spirito iboga disse: “tu hai preso molta medicina” così egli smosse il mio stomaco e mise le sue dita nel mio ombelico, poi con un movimento repentino verso l'alto delle sue dita, io rigettai tutta la medicina. Da allora il mio corpo fu pieno di medicina e io continuai a rigettare per 4 ore. Orribile e curativo allo stesso tempo. Ogni volta che rigettavo, lo Spirito mi diceva ciò che io stavo rigettando: parassiti, virus, sensi di colpa di passate relazioni, finchè non ebbi più nulla nello stomaco. Egli disse: una volta ancora, io ero esausto e con dolore, così lo pregai di no… egli disse: ricorda che tu sei uno spirito eterno, il dolore è solo un illusione, così le mie pene cessarono. Senti qualcosa strizzare il fondo a sinistra dello stomaco, un organo che non sapevo di avere. Esso strizza una schiuma nel mio stomaco così io rigettai ancora, soffrendo, poi, lo Spirit disse: questo era il tuo problema più grosso… l'idea che tu ti sentivi abbandonato da Dio (e dalla mom), idea che proiettavi sugli altri esseri o animali.. Iniziai a piangere e ringraziare lo Spirito, perchè quel mio problema era gigante e io non sapevo, fino ad allora, quanto mi avesse condizionato; amai e odiai allo stesso tempo, poi chiesi allo spirito di far pulizia e lo scenario mutò; lui mi disse: ricorda sempre: chiedi e ti sarà dato. Quando mi fui calmato, angeli alieni iniziarono a lavorare su di me. io chiesi loro di rimuovere ogni cosa da me che non fosse utile e necessaria, ogni orpello (virote) ed essi così fecero. Victor durante la sua iboga esp, chiese a Tago di svelargli il mistero della radice, così iniziò il suo viaggio al cuore dell'Africa, dove tutta la vita ebbe inizio.. "mi vidi di fronte a un arbusto d'Iboga, guardai le radici, vidi formiche che andavano e venivano dall'albero alla loro colonia. Tago prese poi la mia mano e mi portò dentro la colonia di formiche, così noi viaggiammo dentro molti tunnel trasportati dalle formiche, loro toccavano il mio corpo e io mi sentivo magnificamente: curato e protetto. Arrivammo alla camera della regina, un posto bellissimo! i muri erano di luci fosforescenti di arancio, rosso e giallo, e le formiche circondavano la regina, adorandola, curandola e proteggendola come la cosa più cara. Guardai allora la regina, vidi che secerneva una resina dal suo ventre, le formiche prendevano quella resina e la ponevano nell'albero; poi Tago disse: una volta che la resina viene incorporata nell'albero, i poteri di cura si attivano; le formiche fanno questo lavoro come loro scopo più alto e servizio al grande Spirito, senza tornaconto o altro scopo economico, esse fanno ciò perchè lo Spirito ciò gli ha chiesto: provvedere le energie che attivano la pianta. Alcune cerimonie del Buiti, con uso rituale della radice d'iboga, sono simili al Gawai Anitu, la festa dei defunti celebrata, dagli Iban del fiume Kapuas nel Borneo (oggi Kalimantan, Indonesia), ogni due anni. Un tempo cacciatori-di-teste e oggi agricoltori, gli Iban lavorano sempre con mutuo supporto: i clan guerrieri andavano a caccia del trofeo-anima allo scopo di procurare bambini alle loro mogli, fertilità al riso e nuovi territori da coltivare. Assicurare un buon raccolto di riso è primaria funzione della loro religione che, ruota attorno al Riso e presagi. Gli Auguri, nel lavoro di divinazione dagli uccelli, randomizzano strategie di sussistenza per sostenere un tipo di agricoltura (shift) adatto all'ambiente del Borneo. Con la fine della caccia, quale mezzo per guadagnare mogli, si rafforzò l'usanza del Bejalai, il viaggio degli uomini lontano dai villaggi, per acquisire esperienze, piaceri e benessere per le famiglie. Oggi gli Iban del Borneo sono gente ospitale e generosa, offrono Tuak (vino di riso) in ogni festa in quanto credono che, le piante di Riso, siano anime dei loro antenati (Gawasi) che, quando ingerite, generano energia fisica che "tocca" i discendenti. Il Riso è trattato con rispetto e propiziato, e la sua coltivazione e, assieme ad altre piante, è ritualizzata in un completo stile di vita. Antu e Gawasi giungono tramite sogni e gli stati di trance. I sogni son rivelazioni spedite a tutti i Dayaki, da antenati deificati che inviano istruzioni per gli affari quotidiani di sopravvivenza. Leka main (poesia rituale) è il testo base della religione onirica Iban. Cantato o salmodiato, viene recitato, nelle occasioni rituali, dai primi tre dei 4 specialisti Iban: manang (sciamano), lemambang (bardo), tukang sabak (psicopompo), tuai burung (augure). Il Manang (spesso un contadino ai margini della società) comunica con gli esseri mitici e interpreta le forze sconosciute che controllano malattia, clima e scorte di cibo. Piante, animali e antenati, possono venir usati come assistenti (antu nulong). Anche le donne sono reclutate nel ruolo di manang, lemambang e manang bali (sciamano berdache). Tutti vanno in trance per grazia o a mezzo del Tuak. Morte e Fertilità sono gli assi primari attorno a cui si sviluppa la creatività del tatuaggio. Il Tatuaggio (pantang) è un rito iniziatico connesso ai funerali. Gli individui tatuati con spiriti alleati (Areca palm, Tigre, ecc.) passano una morte simbolica per entrare in una nuova fase di vita. Se il Manang fallisce nella cura, viene fatta una cerimonia di cambio del nome con nuovi tatuaggi. Quando l'anima primaria lascia il suo corpo, viaggia nelle profondità del bardo, in cerca del Villaggio dei Morti. Molti ostacoli la attendono nel suo volo e il Fiume dei Morti (vedi Acheronte di Dante) è il più formidabile. Se le vesti dell'anima erano ben tatuate, allora è in grado di passare nel buio dell'altra sponda, i suoi tatuaggi iniziano a bruciare e la loro luce guida lo spirito incorporeo al suo finale luogo di riposo: tra gli antenati Gauwasi. 15.䷎ 家 (jiā, domo-casa) Babongo e buiti | Gabon link


Mallendi mostra un Photoalbum sulla poliedrica religione Buiti e la sua pianta sacra, l'Iboga, entrambe presenti nel suo paese natale, il Gabon, e da li diffuse poi altre parti del mondo. Lui, un nganga riconosciuto del Bwiti Ngenza più volte invitato in Europa a tenere dei seminari di cura, parla un pò dei seminari tenuti in Francia, al castello de Liviers (vedi schryver.ppt). Parla di come, in una occasione, aiutò il giovane Sebango a ricordare la sua infanzia infelice e melanconica: Sebango entrò in un nuovo mondo a bordo di una piroga e a cavallo di un tronco alla deriva nel mare; prima pensò che fosse alla fine della sua vita, poi, entrando in una baia, vide un negro che lo aspettava, così il suo cuore si riempì di gioia e speranza: mio Sebango sii assertivo, lascia la rabbia, crescerà l'autostima; in tè ci sono maestri, totem animali. Sebango e gli altri ospiti di Nsimalen, sedettero sul pavimento e ascoltarono la musica del Mongongo (arco musicale) e dell'arpa Ngombi seguendo la storia di uno e tutti quanti: tutti siamo pellegrini in questa scuola Therabuti!, le nostre emozioni, nei cuori ricomposti, ci faranno danzare come Indios, Mbuti o Penan. Gerard Sesto (fondatore di Meyaya in Francia) ci narra il suo canto di Obaka: 'L'arco tende e vibra, nulla esiste; l'uomo non è ancora nei pensieri di Nzamè. Nzama, dentro l'uovo, non è ancora nato, assieme agli altri due (Ningome, e None), attende un segno.. L'arco Babongo, inizia a vibrare un lungo canto, il mongongo piange nel vento; la corda ha tre nodi e, ora, il vento soffia forte; il fulmine, figlio del vento, rompe il fato dell'uovo. L'uovo si apre e i tre sono fuori, sulla Pangea; Nzama urla e piange, come tutti bimbi, un canto nel vento; Ningone sua sorella, e None suo fratello, seminano il vento con pazze grida intorno. Mebeghè al principio fece l'uovo, l'uovo-feto nel caos originale, e Nzama venne fuori, per primo, solo e piangente, così Mebeghe gli ordinò di smembrare il suo corpo, e il mondo fu formato. Poi, uscì dall'uovo Ningone, con gli orifizi del suo corpo ancora tutti chiusi; infine venne fuori il piccolo None; rimase la placenta e il cordone ombelicale. Ancora è notte e le acque sono nere; il sole e la luna iniziano il loro ciclo (tempo), marcando l'inizio e la fine di ogni cosa. Nzamè scende in acqua, voga con la piroga. Le Termiti della terra iniziano il loro lavoro; Nzame le ha create per lavorare il sopra e sotto suolo; così, lente, assolvono alla missione; poi, l'uomo e la donna ottengono anch'essi ruolo e posizione: l'acqua va alla donna, il suolo va all'uomo; ma l'acqua deve rimanere aperta all'uomo che afferra. Evùs, la placenta, è sepolta nel bush, ma talvolta si sveglia e la battaglia comincia.. I fedeli del Buiti Fang (culto sincretico africano tra Byeri e cristianesimo) vanno alle cerimonie a Pasqua, Pentecoste, Ascensione, Natale, veglie funerali e i fin settimana, per rafforzare i legami di gruppo. Padre Neu scrive già nel 1882: “agli iniziati del culto Buiti, ogni caro desiderato può apparire nel mezzo di una foresta o nella folla. Numerosi Europei del governo, vanno alle cerimonie incuriositi, a vedere coi loro occhi persone defunte che hanno chiesto di vedere". Il bwiti è all'origine una religione animistica, quella dei Mitsogho del Gabon. Molti Fang l'hanno adottata negli anni 1930 dopo avere abbandonato il Byéri, il culto degli antenati, per la religione cristiana. La cultura dei Fang, come quella dei loro vicini pigmei, con cui hanno da molto tempo una relazione di ibridazione, attribuisce alla notte un valore superiore e sacro. Come le notti del mvet e del byeri, quelle del bwiti offrono ai loro adepti una transizione sottile tra i culti degli antenati e il desiderio di fondersi in una comunità universale. Il sociologo Giorgio Balandier nel suo celebre lavoro Africa "Ambigua", presentiva che l'adesione immediata ed entusiasta dei Fang al cristianesimo era anche il riflesso di un opportunismo ancestrale, così le radici liturgiche del Buiti e il simbolismo del suo tempio, s'innestano in credenze e mitologie africane, mediterranee ed europee insieme. Balandier continua: 'una delle più belle musiche che abbiamo scoperto durante questo servizio, è quella del bwiti; a Libreville, Ambam, poi a Yaoundé, abbiamo assistito alle preghiere di questa comunità che adora il Cristo e tutti i suoi santi, ma secondo i riti locali africani. Tutto accade in un tempio comparabile a quello dei greci dell'antichità un rettangolo delimitato, ma aperto, cinto da un tipo di deambulatorio dove si prepara la cerimonia. All'interno, di un lato gli uomini, dall'altro le donne. Come nella religione Vodunsi poi, l'evoluzione dei fedeli gira intorno a un palo, traforato da un buco: prima dell'innesto del cristianesimo, era una scultura femminile avente un buco simbolico. I musicisti sono i principali attori del bwiti. La sacerdotessa, o "mamma", si accontenta di badare discretamente al buon svolgimento della cerimonia. Il suonatore dell'arpa "ngombi" è il vero maestro del gioco, coadiuvato dai tamburi, suonati dai bambini, da putrelle colpite, da campane e da sonagli, comincia a condurre tutti in una lunga processione musicale intorno al tempio. Poi ci si ritrova all'interno, i musicisti raggruppati dietro l'altare, gli altri, adulti o bambini, vanno a danzare e cantare fino all'alba, moltiplicando le offerte, le libagioni ed i riti di purificazione, per l'acqua e soprattutto per il fuoco. Vestiti di colori vivi, il viso imbiancato al caolino, facendo giravolte intorno alle fiamme, gli adepti del bwiti compongono un balletto straordinario, uno degli spettacoli più belli che abbiamo mai visto. Tutti i partecipanti, anche i bambini più giovani hanno solamente tre o quattro anni, sono sotto l'ascendente della radice di eboga una pianta sacra dell'Africa tropicale donata dai Pigmei del bacino del fiume Congo, quale 'eucarestia' capace di procurare ai fedeli, una visione dell'aldilà: l'iniziato del bwiti viaggia su una piroga che lo trascina sul fiume leggendario Nobosué, verso 'il paese dei Bianchi e dei morti.' Qui sopravvive parte del vecchio culto Byéri, che comportava anch'esso l'ingestione di una pianta tossica, la scorza di Alan, per comunicare coi Bekon, ovvero i fantasmi nocivi che, grazie ai riti funerari, si mutano in antenati benevoli. Nel bwiti dei Fang, Gesù, la Vergine ed i santi sono invocati per nome; la liturgia comporta la comunione e la confessione pubblica per i neofiti, gli offici sono interminabili: una semplice preghiera dura tutta la notte ed una grande cerimonia come quella dell'iniziazione può prendere quattro giorni e quattro notti. I membri del Bwiti non fanno proselitismo, anche se sono molto ospitali. Se è praticato oggi in contesto urbano, il culto si rivolge alle "persone della foresta", e suppone, come il mvet, la conoscenza della lingua Fang classico che ha un ruolo comparabile a quello del latino della chiesa cattolica. Grazie al mvet ed al bwiti, i Fang e i popoli pahouinisés, adattati bene al mondo moderno, hanno saputo conservare un legame spirituale coi loro antenati e col mondo soprannaturale della Grande Foresta che dividono coi loro vicini e predecessori: i Pigmei. In Gabon and Camerun, le donne assumono Iboga in piccole quantità, poi, guidate da geni, fanno diagnosi e cura dei malandati. Il culto delle curandere Ombwiri, dal 1950, si diffuse tra i Fang e visto il successo, le comunità Bwiti crearono branche interne per adattarsi ai nuovi bisogni della gente: malattie, sterilità, disoccupazione, alcolismo, depressione. Durante l’iniziazione, nei casi di omicidio non confessato, si può giungere anche alla morte; a fine iniziazione, v’è un dialogo privato con il Kombo, le sue domande mirano a scoprire se io ho veduto bene, allora, sarò chiamato bandzi. Un effetto d'Iboga è il lento raffreddamento del corpo nell’arco di 20 ore, i Buitisti testano sensibilità e temperatura di vari punti del corpo con ago e fiamma di candela. Se il neofita o paziente non reagisce, l’assunzione della medicina termina, il corpo è disteso a terra su stuoia e sorvegliato nel gran viaggio; Kombo e Nima si fermano nel giusto momento, un po prima della dose letale. Sesto ricorda il suo primo incontro con il nganga Mallendi, durante un congresso sulle piante medicinali e la cura delle dipendenze da droghe (addiction), poi cita un abile suonatore d'arpa del Camerun, papà Nzengui, il cui suono spesso gli ricorda il mito dell'eroe dai molti volti, l'eroe che viaggia con coraggio, in tutte le leggende, al cuore del problema, in cerca di un messaggio risolutivo: Obaka è il primo ed ultimo sospiro, bo-ka-yé, è la parola finale e iniziale di un discorso, è la foratura del cadavere dopo alcuni giorni di decomposizione, evoca l'ultimo rantolo. L'arpa a otto corde, maschili e femminili, è parola resuscitata. Dissumba è terra di quaggiù e il Buiti è il regno originario. Lo scoppio dell'uovo pluridimensionale è l’uscita del bimbo dal ventre della madre, è lo scoppio del cadavere nella tomba durante la fase Nkeng. Mobakaka è il colpo di obaka che sposta la coscienza al livello di esistenza simile a quello degli spiriti, e sfugge così l’azione dei beyam, gli stregoni che si infilano, all’inizio, nelle riunioni Buiti per portare agitazione. Ora Pamela, come una bandzi, parla delle visioni avute nella sua iniziazione al Buiti Fang: 'Mamma sulla strada, lungo il fiume che costeggia il paese e le antiche grotte etrusche.. il muro è rosso-bruno, di gomma, sembra uno sfintere, inizia ad aprirsi e nulla mi trattiene; è un buco circolare di 40 cm di diametro, da esso si snoda un tunnel irregolare, sembra scavato da un lento lombrico. Al centro della grotta vedo il dio Shiva danzare sul terreno, poi cambia pelle, diventa più figure, cristiane, aborigene, buddiste; ora è Nzamè, poi Dooniso, Kali, Persefone e oltri, immagini che galleggiano in aria e si riflettono sul soffitto della grotta rossa. Ho visto molte facce dell'intera famiglia, facce e ancora facce di diversa età. Dimmi o bello specchio, dimmi di mia nonna. Pamela vede la nonna nello specchio di fronte a lei: Nonna appare radiante e il cuor di Pamela inizia a piangere. Prima di allora, lei si auto-accusava di non aver fatto visita alla nonna quando era malata e sul punto di morte, così accumulò sofferenza che, lei inconsciamente volle ricevere per mano di terze persone; ciò che la radice non curava, veniva rigettato fuori con il vomito. "L'auto conoscenza non mi fu data facilmente, poichè, prima avevo bisogno di prender coscienza dei miei schemi ripetitivi, e ciò fu per lei una intensa, sofferta e miracolosa seduta di cura accelerata. Si sente cambiata, rinnovata. chiara, viva, risvegliata! Lei chiese all'iboga di rimuovere ogni cosa che fosse di ostacolo alla sua guarigione, ora a distanza di tempo, lei è in chiaro stato, conosce gli snodi cruciali della sua vita, incluso il momento finale del suo trapasso, sà quello che vuole, lo spirito d'Iboga, dice, continua a lavorare in nei attraverso i suoi. Seba fu iniziato al Nsimalen temple, in Camerun, con Pamela, Victor e Thomas, e Sesto, in qualità di Kambo e assistente del nganga. Seba fu ricoperto di bianco caolino, poi iniziò a ingerire diversi cucchiai di amara radice polverizzarta d'iboga', per tre gg. Durante l'ultima notte rituale, agli iniziandi vennero applicate delle gocce di collirio (Ibama è il collirio e la pratica stessa), pratica derivata dai rituali del Byeri; oltre a produrre dolor e bruciore, aiuta gli iniziati a vedere i segreti del mondo nascosto. Nel culto psicoterapeutico dell’Ombwiri, i malati fissano il sole, vedono cerchi e bolle blu, spesso una porta circolare e, in uno spazio infinito, intravedono uomini vestiti di bianco, con cappelli di rafia e una lancia in mano. Tale visione (incontro con antenati) è una delle tappe del loro cammino verso la guarigione (la grazia). Durante il rito dell'Ibama, gli iniziati, al suono dei tamburi eseguono una danza di possessione (danza di Tago), ansimano molto e soffrono per il fuoco negli occhi. Portati dietro il recinto sacro (esam), sono rianimati bagnando loro viso e occhi con succo di limone, Convolvulus ed acqua; poi portati al ruscello più vicino, immersi, lavati con foglie e cosparsi di caolino rosso e bianco. Seba narra alcune sue visioni: "immagini random apparvero al buio, ogni cosa mutava, animali, forme, piante.. poi una voce giunse al mio orecchio e parlò: la realtà è come un film, un sogno; tu vedi il movie e un attore interpreta un ruolo: santo o assassino, poi più tardi, lo stesso attore rinasce in una commedia romantica, così, tu osserva l'attore nei suoi personaggi, senza giudicare. Così io mi ritrovai a mia volta sul palco, ogni immagine di morte era un spirito eterno e l'idea della morte sembrava una cosa semplice e buffa, così mi rilassai e poi, immediatamente ogni cosa cessò. Tago l'elfo era ora simile al bianco coniglio di Alice in wonderland, attendeva un metrò, con un laptop in mano; poi, aprì davanti a Seba miei, una sequenza di eventi presi dal web internet, uno spazio nero dove dipingere soggetti mitici così come fecero gli antenati con le incisioni rupestri nelle antiche cave di mezzo mondo. Seba vide questo come la sua missione, così, da allora, iniziò a collezionare Therabuti exp e a metterle per iscritto in versi, nel poema Libertages. Le quartine del poema parlavano di cobo e medicine, per il rinnovo dellìanima umana. L'elfo bianco (Tago), mostrò lui anche una pianta di miglio intrecciata con un seme d'Iboga, poi un gallo della foresta cantò il suo nome per più volte, e infine, una piccola piantina di Salvia divinorum, crebbe sulla tomba di una sacerdotessa del tempio di Nsimale. Seba condivise le sue visioni con il nganga, con Sesto e le sacerdotesse ì Ombwiri della cappella Buiti di Nsimalenn, presso Yaoundè in Camerun. L'albero della Vita (Iboga) mostrò lui che lo spirito della pianta di cereale, era lo stesso del gallo che cantava il suo nome e che, tutti, crescevano dai canti dei buitisti. Nella ricerca del vero, l'amore che è in noi non necessita il consenso di alcuno, qui noi sentiamo tutto il valore di ciò che siamo, di ciò che possiamo essere, vi sono astri per tutti i telescopi, scoperte per tutti gli ingegni e glorie per tutte le ambizioni. Dipende da noi soltanto drizzare il nostro obiettivo su un punto qualunque dello spazio, da noi solo dipende lo scoprire un asteroide, un sole, un pianeta o una pleiade di mondi. La beata fede in Sè afferma soliloqui sublimi, mistici colloqui con l'ecosistema, sebbene, i venti ghiacciati dell'indifferenza tentano di arrestare, o i succhi amari dello scherno, il ridicolo, il sofisma, la calunnia o l'invidia tentano di avvelenarlo, morderlo, avvilirlo; tutto invano, il vero è là e il mistico ci andrà, quel territorio è suo, lo attende come la Cina attendeva Marco Polo. L'amore del Vero, come tutti i grandi amori, ha i suoi martiri e star, dove esso chiede le forze della gioventù, tutte le proprie risorse e le sieste dell'estate, dove la vita diventa il combustibile da consumare per raggiungere la meta: esplorar nuove terre, cogliere un nuovo fiore o dissotterare le rovine di un tempio obliato. Chi ricerca il vero solo per farne mezzo di agiatezza o di gloria, spera invano le sante estasi e i suoi rapimenti ineffabili, giacchè le sue gioie saranno misurate dal plauso o fortuna, due cose capricciose e mutevoli come gli uomini che le danno; falsi sacerdoti di una religione che non intendono, falsari del vero e della buona fede, spesso riuniti in consorterie accademiche, che ingannano i dispensatori del plauso e onoranze con falsi templi e falsi idoli, incensandosi a vicenda e lasciando fuori i modesti ricercatori del vero: il genio è sempre modesto, poichè la modestia è il pudore della forza. Ogni scoperta si presente, si indovina, si conquista con un andare e venire, un avanzare e un ritornare sui propri passi (vedi Fukuoka), si abbraccia dopo un calvario di dubbi, tentennamenti, iniezioni di autostima, prove e riprove, insomma dopo un lungo martirio di angosce e timori. Non sappiamo se la strada volta a destra o sinistra, se scende o sale, ma a un tratto, quelle tenebre si squarciano e, un lampo fugace di luce ci addita la via: è la divinazione del genio, la strada è là davanti a noi, ma la luce del lampo è svanita, così, alla divinazione deve tener dietro la ricerca, lenta, paziente e instancabile, ricerca di una via che ci conduca al gioeillo del vero intraveduto, presentito, indovinato. Come il cuore del Buiti è una santa maternità, l'estasi della creazione continua oltre il carpe diem in cui apparve il germe fecondato, ora pensieri ed affetti del genitore/profeta, circondano la creatura delicata con le ali di un immenso amore, la custodiscono, la difendono e la nutrono all'ombra delle condivise speranze. Eppur si muove, gridò Galileo calunniato e incompreso! così maestri di musica e suonatori d'arpa, si addormentano nell'ultimo sonno, facendo eseguire le loro divine sinfonie, giacchè già molti umani morirono e morranno stringendo, con mani convulse e innamorate, i simboli delle loro opere. L'ispirazione creativa è madre della creazione vera; copiatori industriali, mercanti o falsari di opere altrui, mai han provato la sua estasi, ovvero l'adorazione solitaria e modesta della propria opera. Nessuno è più severo critico di un opera d'arte quanto colui che l'ha messa al mondo, nessuno più esigente e incontentabile di lui e, nello stesso tempo, nessuno più giusto di lui. Come nessun uomo può riamare la madre quanto la madre ha amato lui, così, noi tutti, figli della Natura, non possiamo rendere un bacio più caldo e innamorato quanto l'esser noi stessi genitori di una creazione; la Natura ci ha dato mille baci e noi, creando, le rendiamo quanto è, in noi, di suo. Se è vero che Dio, compiuta l'opera della creazione, si riposasse e godesse nella contemplazione delle cose create, la Dea Natura, madre di tutti gli Dei e le creature viventi, deve sentirsi beata nel contemplare le opere della sua creazione.. più in là l'umano cessa e inizia l'impensabile. Inchiniamoci a tutte le altezze, non maldiciamo nessuna estasi e non invidiamole, giacchè ognuno di noi è capace di salire qualche cima e, se non possiamo salire tutte le vette, contempliamole dal fondo della valle con occhio devoto, innamorato. Il vero è un Dio che figlia altri veri, ad infinitum, ad libitum, poichè il bello, resta la più alta delle vette umane e abbraccia sempre il vero e il buono; tre Dei in uno solo, mito che si incarna in molti culti e religioni, trinità del vero, del buono e del bello; il culto del Buiti, come gli altri culti, è culto dell'ideale, culto del bello che è vero e buono: tovare la verità più grande è utile; adorare il buono è cosa buona ma, innalzare alla natura l'inno più alato o il tempio-giardino più bello, è cosa bella, buona e vera allo stesso tempo. Om ganapatayè, om nama shivaja! 44.䷫ 豸 zhì (cat-lince, rad.153) Buiti dei Fang, Nsimalen temple


Mallendi disse a Gerard Sesto: "La bacchetta magica di legno, é la chiave per passare e agire nelle altre dimensioni. La nonna mi diceva che ognuno di noi viene chiamato da una pianta magica, infatti mandava i bambini a raccogliere erbe commestibili, quando beccavano una pianta magica, capiva la natura del bambino. Sono ovunque e, compatibilmente con il loro habitat, cercano di stare più vicino agli umani poichè, anch'esse, cercano drogarsi di noi, scambiare con noi e i nostri amici animali: la gatta ne mangia sol se la vedo e mi fá l´occhiolino! Se una pianta ti cerca, ti vuol divorare facendosi divorare da te!" Mallendi passeggiando nel Limbe Botanical Garden, in Camerun, parla della sua pianta maestro: l'iboga. Tabernanthe iboga è un arbusto perenne originario dell'Africa centro-occidentale. Nelle zone in cui cresce la sua corteccia viene masticata per vari scopi rituali o di cura. Le sue radici gialle contengono diversi alcaloidi, tra questi, l'ibogaina, concentrata negli strati esterni, usata anche nel trattamento dell'abuso di sostanze stupefacenti. La radice amara provoca una sensazione anestetica nella bocca e ridotta sensibilità della pelle, se presa in piccole dosi, iboga stimola il sistema nervoso centrale, in dosi maggiori, provoca visioni. I Pigmei usano la radice da migliaia di anni. Nelle giuste condizioni forestali la pianta può raggiungere 10 m di altezza altrimenti cresce fino a 2 metri. Ha piccole foglie verdi, fiori bianchi e rosa, frutti arancioni e con forma ovale. Nel 1864, il chirurgo della marina militare francese Griffon du Bellay portò in Europa due esemplari raccolti in Gabon. Durante la sua esplorazione conobbe l'uso della radice come stimolante e afrodisiaco, così scrisse: "La radice di questa pianta è la parte che i gabonesi mangiano, è inebriante, afrodisiaca, e riduce la necessità di dormire. Nel 1889, il professor Henri Baillon, del Museo di Parigi, fornì la prima descrizione botanica della pianta, che chiamò Tabernanthe iboga. Nel 1901, Dybowski e Landrin isolarono e cristallizzarono un alcaloide chiamandolo ibogaina. L'uso della pianta fu consigliato nel trattamento della neurastenia e dei disturbi del sonno. Il professore Jean-Natale Gassita, specialista dell'Iboga in Gabon dice: 'questa pianta, contrariamente a quanto si crede, non è un vero afrodisiaco, ma è un tonico neuromusculaire e un anti-astenico che agisce contro stanchezza, fame e sete: la tabernathina genera uno stato di veglia, così spiega la capacità dei consumatori di Iboga di restare svegli tutta una notte di cerimonie. L'Iboga provoca anche allucinazioni (senza dipendenza), da qui il suo uso come pianta sacra magico-religiosa. Nel 1939, un estratto di Tabernanthe manii (l'altra specie del genere Tabernanthe ad avere simili proprietà) venne commercializzato in Francia dal laboratorio Houdé, sotto forma di compresse da 8 mg di principio attivo, con il nome di Lambarene: uno stimolante neuromuscolare per il trattamento della stanchezza, depressione e il ricovero da malattie infettive. Nel 1966, venne ritirato dal mercato per gli eccessivi stimoli cardiaci in alcuni pazienti. il Dr Aboubacar Inoua, direttore generale del ministero della Salute del Gabon, spiega alla rivista francese AFP: chiamata spesso 'bois sacré', l'Iboga è un piccolo arbusto dei sottoboschi le cui radici sono usate durante le cerimonie Bwiti, diffuse presso tutte le etnie del Gabon. Fuori del suo ruolo tradizionale, ci siamo resi conto che l'Iboga possedeva virtù terapeutiche che potevano interessare i ricercatori in farmacologia, così abbiamo pensato di inserire tale pianta nel nostro patrimonio culturale per proteggerla: il 6 giugno 2000, la Repubblica del Gabon dichiara la pianta Patrimonio nazionale e riserva strategica del paese. Nel 1962 un giovane tossicodipendente, Howard Lotsof, sperimenta l'ibogaina su di se' e sei amici; dopo trentasei ore dall'assunzione, il giovane americano e i suoi amici, tutti dediti a cocaina o eroina, si sono liberati della loro dipendenza, almeno fino ai sei mesi successivi in cui sono rimasti in contatto fra loro. Lotsof, divenuto frattanto un ricercatore, deposita un brevetto su una terapia a base di Iboga che permette di lottare contro le dipendenze agli oppiacei; fino alla sua morte (2010), Lotsof coinvolse scienziati, laboratori, politici e societa' civile per combattere la tossicodipendenza con l'ibogaina, molecola simile ad altre triptamine psicostimolanti, che blocca i recettori degli oppiacei facilitandone lo svezzamento nella maggior parte dei casi. Iboga stimola il metabolismo energetico, il rilascio di neurotropina (che aiuta le vie nervose a rigenerarsi e il cervello a riorganizzarsi), ed ha un effetto psicosociale che gli psicoanalisti chiamano 'abreazione'. Tal effetto porta in superficie i ricordi perduti e le esperienze emotivamente forti legate ai meccanismi di dipendenza, così da essere trattati dai terapeuti. Deborah Mash spiega: "è come fare dieci anni di psicoanalisi in tre giorni, l'ibogaina porta in una condizione sognante per trentasei ore e, durante questo stato di coscienza, il paziente rivive esperienze della propria infanzia e scopre le radici della sua dipendenza. Atome Ribenga, guaritore del Gabon dice: "le visioni rivelano cose reali, in modo simbolico, a colui che le vede nell'iniziazione. I pazienti sono inviati, dopo averle provate, a scrivere le loro esperienza per poterle usare terapeuticamente. Le ricadute dopo sei mesi dal trattamento possono accadere: in mancanza di un percorso di sostegno, un accadimento sociale sfavorevole o la frequentazione del mondo della dipendenza che provoca nuove tentazioni. Al di fuori dell'Africa, gli estratti di iboga e l'ibogaina sono usati nel trattamento della dipendenza da oppiacei, eroina, cocaina, alcool, nicotina. La terapia può durare diversi giorni e il soggetto, generalmente, non è più fisicamente dipendente dalla sostanza di cui abusava, senza l'agonia provocata da crisi d'astinenza. Il Ministero della Salute della Costa Rica l'ha inclusa nella farmacopea nazionale per il trattamento delle dipendenza da droghe; Slovenia (medicina antropologica di Roman Paskulin) e Nuova Zelanda hanno autorizzato la prescrizione medica dell'ibogaina, mentre in Israele, India, Brasile, Messico, Panama e Caraibi, centri di cura ufficiali sono stati aperti. La maggior parte delle aziende farmaceutiche non vuole avere a che fare con l'ibogaina, nè con i trattamenti contro la dipendenza: trattare una malattia con una/due cure di iboga, è molto meno remunerativo rispetto ad un trattamento a vita. Dopo gli anni 60, poichè l'ibogaina divenne illegale, nel mondo sono nate reti di cure alternative, sviluppate attorno agli | iboga providers (fornitori di iboga, vedi l'esempio Meyaya in Francia), terapeuti informali spesso privi di copertura medica. A New York, Dimitri, ex dipendente di eroina e cocaina per piu' di venti anni si è formato a più riprese in Gabon presso guaritori. Nell'anonimato di camere d'albergo, egli ricostituisce cerimonie bwiti per ricreare una dimensione spirituale utile alla cura: “molti providers sono persone malmesse, poichè il bwiti esige un coinvolgimento pieno e, se possibile, una vita sana. Deborah Mash: “il trattamento non è senza rischi, morti accidentali sono accaduti in ambienti a rischio; il momento fatale spesso accade a pazienti che hanno una malattia cardiaca o in seguito all'assunzione di droghe contemporaneamente all'iboga: il trattamento e' controindicato ai cardiaci poichè l'assunzione della pianta accelera il ritmo del cuore. Laurence Gassita, farmacologo e insegnante alla facoltà di Medicina di Libreville in Gabon ricorda: "L'iboga è pericolosa solo a dosi molto elevate, cioè non prescrivibili a un paziente, ma è stata accusata sebbene uccide meno dell'aspirina. Il trattamento con sola ibogaina rimuove la parte iniziatica dell'iboga, cioè la parte centrale di una cura durevole e olistica della umanità delle persone". La pianta dell'Iboga in Gabon, dopo la valorizzazione come risorsa strategica nazionale, è entrata in molti orti agroforestali; in Africa l'uso della permacultura è strettamente legato al miglioramento delle condizioni delle popolazioni disagiate, ovvero rendere autosufficienti le popolazioni locali e dare lavoro ai giovani. Poichè in permacultura vengono adottati sistemi economici comunitari atti a preservare e sviluppare le economie di sussistenza, alcuni approcci come il local employment trading system (banca del tempo), sistemi di microcredito e prestiti sociali hanno avuto ampia diffusione, favorendo investimenti agroforestali sostenibili: coltivazione di alberi da frutta, viti, cespugli di frutti di bosco, ortaggi, erbe medicinali, spezie, fiori che attirano insetti benefici, una banca di semi locali, boschi di noci e frutti, coltivazione di bambù per legname, sistemi di raccolta acque piovane, sistemi di energia rinnovabile e servizi igienici di compostaggio. Dopo il crollo dell'unione sovietica, anche Cuba ha dovuto ripensare la propria economia agricola, così dalle grandi monocolture da esportazione è passata a un sistema capillare di policoltura (sul modello della foresta alimentare britannica) in grado di garantire l'autosufficenza della popolazione; la permacultura ha inoltre ispirato progetti di canneti (waste garden) per il trattamento delle acque su piccola scala, la depurazione di un fiume, biomasse e un database on-line delle migliaia di specie utili coltivabili in loco. L'Avana produce il 50% del suo fabbisogno alimentare entro i limiti della città, in gran parte biologici e prodotti da persone nelle loro case, terrazze, giardini e negli spazi comunali. (ENG) Mallendi quote Nico Dauphin: Iboga is a member of the Apocynaceae family, native to the wet tropical area of west-central Africa, mainly Congo and Gabon. Common names include Iboga, Eboka and Eboga. Tabernanthe is a small genus comprising at least five species: T.elliptica has prickly fruit similar to Datura spp. It is recorded that it and T.iboga may cross pollinate to produce a fertile hybrid. As with many other Apocynaceae (like the ornamental Trachelospermum jasminoides), it has milky sap and many useful alkaloids in the bark, leaves and root. Ornamental gardening of Tabernanthe spp. and its cuisin plants from Amazonas (tabernaemontana divaricata, t.angulata, t.pandacaqui, etc), have a reputation of being hard to grow but it is easy. It survives outside in the ground in SE QLD (Australia), where It has below zero temperatures a few nights a year but are frost free. Often it will drop its leaves during its dormant months. It is from a very hot and humid environment, the same goes for germinating seeds, 30-35C is the best temperature forgrowing large plant sand sowing seeds. 25-40C is still acceptable but extremes tend to cause more sporadic germination. With high humidity (90%), fresh air should still be avaialble but soil should never be wet. Many times gardeners will up teh humidity at the expense of air flow effectively cutting off fresh air, creating a stagnant environment ripe with pathogens. People in cooler and/or dryer cliamtes sometimes have difficulty growing this species. The best situation is to buy or obtain seeds from a fresh fruit not be drying out avoiding mold during long distance transit. The fruit should be harvested when it has turned orange and is ripe. When the fruit arrives, we leaves it in some almost-dry sphagnum moss until it starts getting soft and even first signs of mold show up. the mold will eventually rot the fruit, but once it has started getting hold the fruit will be soft and the seeds quite mature. Seeds obtained out of fruit, it is essentail that it is placed in high humidity moist sphagnum moss, vermiculite, perlite etc to prevent them from drying out) out od light to avoid the seed coat hardening. Still fresh, but dried out seeds can still germinate but the % is often lower adn also the time it takes goes from weeks to months. Tabernanthe is a species that not requries light to help germinate, it likes a part shade position (50%) with rich soil and good drainage. Give regular applications of both liquid and solid organic fertiliser over summer. Likes a lot of root space, pot up regularly when you notice white roots coming out of the drainage holes. Keep in a warmer area over winter months, and also keep more dry. Mallendi continues: "Iboga is central to the Bwiti religion of Gabon, it's entire root contains around 1% total indole alkaloids. The active ingredient is Ibogaine. The effects of the massive dose of iboga (a few hectograms of the powdered root) which the initiate must ingest little by little during 7 to 12 hours, last three consecutive days and nights. During this time the initiate will remain lying down on the floor of the sacristy, assisted by a couple considered as the "father" and "mother" of the initiation process. Besides the "parents", other members of the community are present, they will accompany their future brother in his long journey to the sounds of the harp or in silence. Any of the present members may ingest iboga during these nights: a companion during the "great journey" also experiencing the effects. The initiate's consciousness will undergo changes more and more intense, becoming more separated from his surrounding reality until he loses touch. At this time, usually during the third night, an officiating member will pinch the initiate with a thorn to ensure his separateness with exterior world. If he does not react, it is understood that he is undergoing the climax of the experience (beatific vision or epopteia). This moment is referred to by all Bwiti. A buitist 'bandzi-nganga' remind me the Russian 'znaharka', man/woman who knows. Znaharka, she makes a diagnosis to patients by watching the color of the skin of the cheeks, eye movement, whether anorexia, swelling on the body, the nature of the cough and especially the breath. She also analyze the last patient's dreams because in them the invader usually makes itself known. The znaharki knew that the diseases that affect the human body (spirits that could penetrate) were twelve other witches called fevers or tremors (Лиходарки, Трясовицы): Treseja, Otpeja, Gladeja, Gluheja, Avvarjuscia, Puhleja, Aveja, Karkuscia, Hrapuscia, Zhjolteja, Nemeja, Ciumà plague and porcia (порча, smallpox). Of course, their residence was the swamp, just as Malaria! For every spirit there was a special healing plant (karkoliste-карколисте). But first there were the spells with which you could repel fevers' spirit in their hut in the trees and free up the patient. The use of drink prepared by znaharka (as well as nganga) could be as different and even dangerous, the use that people made of it without her knowledge, or not following the prescribed rites, did not fall under znaharka responsibility. A woman of the people who live and is well known in the village as znaharka, if a wrong treatment, she may be exposed to the ridicule of all forcing her to run away to choose an Izba in the forest and acquiring the bad reputation of Baba Yaga. Capable of binding to the invisible forces, pure and impure, the wise woman was seen turned into a wicked witch (Baba Yaga, sorceress) capable of changing its appearance and then to isolate and put away, unless they voluntarily chose to retire beyond the river. The menstrual blood was poisonous with the help of the moon, causing diseases. Thus, both the Moon last quarter, and the woman in pre-menstrual, are dangerous because many processes of transformation of substances in plants and animals do not occur or are corrupted. Also against the evil eye (sglaz-сглаз), it was necessary to take precautions especially for children because it can affect their whole life. However, the child has a special sensitivity to the aura that emanates a witch or a sorcerer, and as soon as they get closer, instinctively took refuge behind his mother's skirt. The life cycle of a woman was seen very different from that of man, but the menopause intervenes in the interruption of the lunar bond and a psychological change port the woman to be excluded from domestic economy, from mother to midwife, to become just the wise herbalist of the Mir, both in Africa and Russia. The woman usually survives man and therefore a widow (unable to generate) should look for a new location in the old family, if she want to stay. She will be helpful with the knowledge that has accumulated over the years, herbs and medicinal substances and flavor foods that no longer she do anymore. So, she becomes wise (znaharka ved'ma), seer (vesc'cia), witch (koldùnja) and manages to keep old dignity, increasing the estimate (or envy and fear) of others towards her. 45.䷬ 卩 jié (kneel-giuntura, sigillo, rad.26) Tabernanthe plants


Mallendi narra: L'albero d'iboga è il pilastro centrale della religione Bwiti, praticata principalmente in Gabon, Camerun e Repubblica del Congo. I buitisti lo ritengono l'Albero della Conoscenza di cui parla la Bibbia. Le radici della pianta sono usate in varie cerimonie: assunte in dosi massicce dagli iniziati che accedono alla religione e mangiata in quantità minori in occasione di rituali e danze notturne. I Buitisti furono oggetto di persecuzione da parte di missionari cattolici, che contrastarono la diffusione del loro culto. Léon M'ba, divenuto il primo Presidente del Gabon, nel 1960, difese la religione Bwiti (vedi video di Jean-Claude Cheyssial) e le diede dignità. (ENG) Mallendi is a Nganga, who helps the job of Iboga medicine, inside the bodies of partecipants, by playing mongongo arc and singing. He tells us about the ancestor spirits (mighonzi 先民) and he remembers himself, when teenager, he was going with his Nganga-father across the villages of Gabon offering remedies to cure illness of peoples inside their hut. Mallendi continues telling the stories and knowledge of the ancient medicine root of Congo'basin forests, the Iboga, to the guests of Therabuti. Iboga plant was shared by Babongo (pygmies) with bantu people (Tsogo, Fang, etc). Nganga (Afriko ŝamano 非洲 萨满巫师 หมอผี แม่น้ำคองโก แอฟริกา H̄mxp̄hī Mæ̀n̂ả khxngko Xæfrikā), is a Bantu term for herbalist or spiritual healer in many African societies and also in many societies of the African diaspora such as those in Haiti, Brazil and Cuba. It is derived from -ganga in proto-Njila, an early branch of the Bantu family. The verb form related to it, "gang" relates to wisdom, knowledge and skill. In the Kingdom of Kongo the term nganga was the normal name for a person who possessed the skill to communicate with the Other World, as well as divining the cause of illness, misfortune and social stress and preparing measures to address them, often by supernatural means but sometimes natural medicine as well. They were also responsible for charging nkisi, or physical objects intended to be the receptacle for spiritual forces. When Kongo converted to Christianity in the late fifteenth century, the term nganga was used to translate Christian priest as well as traditional spiritual mediators. In modern Kikongo Christian priests are often called Nganga a Nzambi or priests of God. In South Africa, the nganga has a medicinal role, quite different from the sangoma, who deals with the spirits. In Swahili, mganga refers to a qualified physician or traditional healer. In Haiti, the term for voodoo high priest, Houngan, is derived from the word nganga. In Africa, father Neu wrote in 1882: "to the initiates any desired relative may appear in the middle of a forest or in the crowd. Several curious European of government, go to ceremonies to see dead people who they have asked to see." In some Bwiti temples where the Byeri ritual is embedded in the liturgy with specific times and rituals spaces, Alan, Iboga and Mile, are the three sacraments. Ozambogha trunk-Totem recalls a difficult point of transition in the forest that Fang had to cross during their migrate to Gabon. A hole in the trunk of a huge tree that blocked their way, was also the symbol of dismemberment of the migration group, with the scattering clan of several families in the occupied territories and the new division of the reliquary of Byeri. With the adoption of Iboga, the Fang have applied their model to the assumption of Alan plant (maintaining massive amounts to eat). In liturgical Mitosgho language (pope na pope), Alan is called Andoma. During the ritual, the one who intends to speak stands up and says aloud: 'Zamba we!' (Bokayè! Silence!); all respond: 'doi tzenghe' (the earth is silent), then the first says: 'eboga emboba' (Iboga is bitter) and the others respond in chorus 'm-andoma Akido!' (Alan is hard to swallow). Then the first go to speak and when all is finished, it repeated the same formula just to close of the space of listening. Mallendi continues: "As a preparation for an Iboga ceremony, or for your own spiritual growth, it is very important to have a clear intention about what you want to reach and manifest in your life and what you want to ask to Iboga. Affirmations like, “I want to be free,’ I want to be healthy” are a frame where you have to place a painting. They are like an image of a new house you want to build, but are not the exact materials you need to buy in order to build it. When working with your intention, you should be very specific in naming the patterns you want to be free from. To reach a clear expression of your intention, a previous self-investigation is necessary. It takes time, sometimes months, in order to identify the patterns we are entangled in, mostly coming from our upbringing, as well as to identify our talents that are not yet fully expressed and the obstacles which have prevented them from manifesting in the outer world. Some books can be very useful to see how a self-investigation process works. Simply read Libertages until a chapter, a sentence, or a word touches you. Then take your time to meditate and let the message sink into your subconscious where it will keep working, producing the transformation you are looking for. You can use books as a mirror to watch yourself in an objective way and get clearer about your own issues. Then Malllendi describes the ’pain body’ and its effects when it is combined with the ego: 'they need and nourish each other: 'You can use the following meditation: turn your head to the left while you breathe in deep and slowly, allowing a certain situation of the past to arise, and then breathe out, moving your head slowly to the right, dropping any negative emotion that you are still carrying. The purpose is to accept each emotion and to release it.' Writing is also a very helpful exercise for self-investigation, to help you see more clearly where your priorities are: your deepest aspirations, the wounds you want to heal and the talents you want to fully manifest. Over time, prioritize what you have been writing by turning your loose sentences into bullet points to focus your intention. Regularly read over what you have been writing, you may discover that behind your habit of becoming angry in certain situations, there is fear of being rejected or abandoned. Maybe this fear is an obstacle which prevents your talent as a therapist, teacher, artist, etc, to manifest. The clearer and more compact you express your intention, the better the results you will attract. Because the expression of your intention is an essential part of working with Iboga, during the ceremony, there will be a separate mini-ceremony dedicated to the expression of your intention.. to be expressed clearly and loud enough in a group to be effective. When this step is done, the results of your work with Iboga will unfold naturally and effortlessly. A mantra may also help you like a Ngombi music. When you breathe in/out, the purpose is to remain focused of your breath. Be aware of your rising thoughts but don’t lose yourself in them; you avoid feeding your mind and its never-ending thoughts by bringing your attention gently and firmly back to your breath; not fighting against your mind! You may fall asleep in a state of awareness and stillness. Training with the Iboga it is about becoming more and more present, detached and this is a time to pay attention to your meaningful and lucid dreams. Victor, a white man undergone initiation, once asked Iboga spirit: 'where I’m going after I die. Iboga has a dark sense of humor remember…so it said 'you are going to Hell' I immediately freaked out thinking he would take me there now and he said 'Just kidding, all things return to Source' then he showed me. He brought me to a black hole in the center of the universe a super massive black hole. He explained that a black hole is simply a rift or opening from Spirit world. All things in this physical world come from spirit world to create the universe. The universe expands like an outward breath from spirit and everything plays out perfectly. The universe contracts like an inhale breath back into the black hole to spirit world. This happens over and over again until we learn our lessons here and return to source forever. ALL things return to Source. Source love is unconditional nothing is left out. Then he asked me if I wanted to see how I die. I was ready for it. I said 'yes'. He first took me back to the place I was before I was born where I chose my mother and then I remembered picking everything that happens to me in this world. Every single choice I made before I was even born. Every second every breath. I was then in the womb and forgot my choices. I was surrounded by my mother’s love which was the same feeling I had as a spirit before I was born. Then I was born. it whisked me to age 5 when my mom left my dad to watch over and care for my 3 year old brother and I. I remember the moment my mom left and my brother crying. I remember making the conscious decision at age 5 to switch the role of my mother to that of a friend. My grandmother and aunt Donna filled the role as mom. Then Spirit showed me why I chose my mother and how her leaving when she did was the greatest gift she could ever give me. My mother was still around in my life, I would see her on weekends and I loved her very much. Spirit showed me all my relationships with females and how my mom leaving did affect me as I relived every feeling of abandonment I had since that day. It showed me how I surrounded myself with friends and went from girlfriend to girlfriend in order to not be alone or feel abandoned. It showed me that EVERY time I felt abandoned by someone or something, it was just a memeory of the first time I formed the belief as a child that God abandoned me. A true impossibility as we are eternally connected to Source. Then it showed me how actually the gift my mom gave me was the first lesson in learning love with non attachment which is the most perfect love that humans can achieve, unconditional love being only attainable by Spirit. This gift was essential in my life on Thai island where girls and friends come and go every few months here and I have to love every moment in the moment and not be attached to anything. I loved my mom even more after seeing this and just another example of something that would seem horrible that wasn’t. I asked him how many times I would have to return to this physical world of fear and pain before I could stay in Spirit world he told me 4 more times. then he moved me to my last moments. I saw my friends and I walking, I saw where we are when it happens, I heard the conversation we are having I know who is going to be there to see me die. I heard my last words as my friend tells a funny joke and I laugh loudly then I say 'I Love you guys' and then the aneurism takes my life. I fall to the ground with a smile and foam is coming out of my mouth. I leave my body and watch as my friends frantically try to help me come back to life. I see their fear then suddenly I realize now I am truly alive and they are actually trying to bring me back to death! I laugh at this and then all the fear is gone and I only see how much they love me as they try their hardest. I started crying and the only thing I could say to Spirit was PERFECT. Thank you so much I love you thank thank you thank you over and over again as my heart opens even more. Im not telling my friends which ones will be with me. Spirit gave me ten messages to give to people but I only remembered 3 so far and gave them right away to the people as soon as I saw them. Victor once wrote: "I asked Iboga spirit to make me non judgmental so he then wanted to show me the nature of judgments. He again brought me to horrible scenes. A woman being raped by her father. He asked is this a horrible scene. I said yes. He said look again then he progressed the scene forward to show me how this event made this woman who she was and how it actually made her stronger. He kept showing me scene after scene of horrible things then progressing them forward so I could see a higher perspective of why they were not horrible scenes. He said there are no good things or evil things happening in our reality. Just things happening. They can only be judged good or evil by the witness. He really wanted me to get this so he then showed me that we all actually create everything that happens to us. Not only that but we want everything that happens to us good and bad and everything that we have chosen is for our highest and best good whether we know it or not. We made all of our choices before we were born and are now just watching them play out like in a movie theater. It took me to one more horrible event. A woman being tortured, raped and murdered. He asked is this evil? I said yes it seems very evil. He took me out of my body and placed me into the girl and suddenly I felt all the pain and fear and hell this girl was experiencing at the hand of this psychopath. Then the psycho killed us. I looked to my right and there was the girl standing next to me, smiling, completely unaffected in any way by what had just happened to her. Then he took me and put me into the psycho’s body and suddenly I was experiencing all of his feelings as he ecstatically tortured, raped and murdered the girl. He was in heaven and loved every moment of what he was doing. She was in her own private hell in this moment; he was in his own private heaven in this moment. Then he killed himself and I looked to my left and he was standing right next to me smiling, completely unaffected in any way by what he had just done. Spirit said this is the true nature of our reality. We are born into fear and dying from the moment we are born. The whole time we believe we are living when we are really just dying here. This world we call life actually has nothing to do with life at all and everything to do with death. We fear everything and attack anything that gets close to us. We form relationships with people. We project all our judgments and problems onto them and expect them to fix them then slowly try to “murder” them when they can’t. It’s impossible for anyone to solve our problems because we actually have no problems. We are eternal spirits unaffected by this world under an illusion of fear. Doesn’t matter if it a family, friend or love relationship. 52.䷳ Mallendi: 弓 gōng (bow, arco mongongo, rad.57) Buiti Mitsogo, Gabon | Esprit de forèt.mp4 | Buiti Tsogo.mp4 | Gabon saudade.mp4 | Mallendi song.mp4 | harpe medicine.mp4 | tsogo3| tsogo4 | tsogo5| tsogo6 | tsogo7| tsogo8 | harpe sacrè | Mallendi mogongo.mp3 | mogombi | ngomo | Buiti Fang.mp4 | Fang Camerun.mp3 | BuitiFrance.ppt | mogongo | ngombi | mogongo | ngombi


Raseno parla dei pionieri della vita (life pioneers): terre-argille, muschi, sfagni e licheni. (ENG) In many place on Earth, we use Argilla-clay tu cure distortion, bruises, burns (here he smears also a clear egg on the area). When the fractures, we recomposes and immobilizes the limb before setting clay. We use clay for many other ill included tonsils microbes, decay and toothache (alternating salt rinse), tongue wounds and genital sores. He put clay poultices to the kidney for renal colic or to the forehead for Coryza and sinusitis, repeating it several times. Local poultices help to cure appendicitis and hernias, quelling spasms and intestinal disorders. Clay soup also, it resolve dysentery and diarrhea as lemon and hot water. Seba also learned from Romulo, how to make dough clay: in a wood container (or earth or glass), he covers dry clay with rainwater then he let it to rest one hour, then when it's soft it's ready. He exposes it to the sun and he adds as much as clay or water when needed, so that it not remains too thick nor too liquid but it is kept constant and ready. (IT) Fa freddo e la vegetazione è bagnata, Seba ammucchia legna per l’inverno, fa le fascine con i rami piccoli, ma è distolto da piccoli mucchi di un lichene verde chiaro che copre i rami, è il Muschio di quercia (Evernia prunastri) o polmone di quercia. L’evernia copre molte querce e arbusti di prugnolo da cui deriva il nome scientifico; questo lichene (simbiosi felice tra un fungo e un alga) cresce due millimetri l’anno, ma dopo la pioggia e il vento, tutto il campo è cosparso di evernia brillante, elegante e delicata, con ramificazioni a corna di cervo. Seba mette in tasca batuffoli di muschio, man mano che scendo in basso gli alberi sono più carichi di licheni e il tappeto gommoso per terra è più fitto. L’evernia ama l’umidità, la prende dall’aria poichè non ha radici, ma quando il sole è forte e c’è siccità, può rimanere in stasi metabolica (letargo), per lunghi periodi. Quando è secca si sgretola in pezzettini e vola via col vento, alla ricerca di nuovi lidi. Così i licheni ampliano i loro habitat e sopravvivono in luoghi inospitali e a temperature estreme, poichè sono funghi abili nella ritenzione dell’acqua e distribuzione di minerali che, hanno imparato a unirsi ad alghe capaci di fotosintesi (sintesi di zuccheri) ed, entrambe catturano acqua e nutrimenti dalla pioggia e polvere dall'aria. Un quinto di tutti i funghi della terra ha abbracciato la lichenizzazione come stile di vita, vantaggiosa associazione fra due regni in un unico ecosistema, collaborazione tra organismi vivi o morti, con e senza clorofilla; la mancanza di autonomia suggerisce strategie di parassitismo o forme di scambio, così oggi circa l'80% delle piante vive in simbiosi con i funghi. Sottoterra i miceli dei funghi si uniscono alle radici delle piante per attingere carboidrati e rilasciare acqua, fosforo e azoto, così, in un bosco, attraverso questa rete nascosta (neuron vreex), le piante e gli altri viventi si aiutano. La presenza/assenza di licheni in un luogo, ne indica il livello di inquinamento: i licheni, accumulando sostanze nutritive e acqua dall’aria, la filtrano anche delle sostanze tossiche, così il fungo (nel lichene) soffre poichè l’alga deve usare le sue energie a riparare il danno alle cellule causato all’inquinamento, e la simbiosi può fallire. Licheni prelevati dal Parco Nazionale d’Abruzzo, nel 2001 furono usati a monitorare siti urbani e industriali, molta Evernia prunastri indica ottima salute. Seba riporta il cesto con i licheni a casa, riempie una pentola di acqua e ne mette alcune manciate a bollire sulla stufa a legna mentre pranza, ogni tanto alza il coperchio, vede il liquido scuro e pensa: "Evernia ha forte odore di alga, pelle, cuoio, corteccia di sottobosco dopo una pioggia, la sua oleo-resina è ricercata per farne saponi, fissare i colori (proprietà fissative) e i profumi, specie di violetta, così restano a lungo sulla pelle; gli egizi la usavano a tingere di giallo la lana (con urina fermentata tinge di viola) e imbalsamare mummie (Evernia furfuracea) mentre gli amerindi pellerossa per fasciare ferite, espettorar la tosse e come tonico dello stomaco; infine, arabi e turchi la usano macinata, o in gelatina, per far lievitare il pane. Evernia è sedativa, calmante, antisettica, afrodisiaca, come il muschio, mima l’effetto dei feromoni e risveglia i sensi (erotismo); da Evernia prunastri discendono i profumi chiamati Chypre, da Cipro, l’isola di Venere, dove si usa il suo profumo (fumo odoroso) come incenso dell’aria e, a piedi scalzi, se ne attinge l'essenza". Il polmone della quercia, seppur millenario alle Hawaii, è sempre più raro, a causa degli inquinamenti, ma la pentola di Seba deve bollire pian piano per 2/3 gg, per avere ancora il liquido che tinge la lana. Lycopodium clavata detto pino di terra, è pianta simile al muschio, sempreverde, ma tossica, con steli prostrati, rami eretti e coni con spore. Le spore, un tempo usate dai Piedi neri della California come sedativo e antispasmo dei disturbi gastrici e urinari e come emostatico del naso (si inalavano o, in polvere, si spalmavano su ferite ed eczemi), se si incendiano sono esplosive, così sono usate nei fuochi artificiali. Mallendi prende un mazzetto di sfagno in mano e lo strizza, poi lo bagna di nuovo, è una spugna! Lo Sfagno (Sphagnum recurvum, sphagnaceae) è un genere di muschio molto leggero e permeabile, che resiste bene all'aria, al vento, al sole diretto, ma non vive senza un continuo apporto d'acqua; è costituito da un fusticino avente zona centrale incolore, midollo e una zona corticale di cellule morte con funzione assorbente; il fusticino e le ramificazioni sono rivestite da foglioline, disposte su tre file, quasi scolorite. Lo sfagno, quando cresce in acqua, forma un fusto centrale filamentoso e ramificato; quando cresce su terra forma un fusto foglioso e, dalla cellula apicale, sviluppa radici di ancoraggio al substrato. Lo sfagno, il cui fusto è rivestito da uno strato di cellule morte, per capillarità può assorbire acqua fino a venti di volte il suo peso secco, è un tubo vivente, vive in ambienti paludosi e molto umidi, poveri di minerali, dove forma colonie dette sfagnete; mentre cresce la parte inferiore muore, dando vita alla torba. Acque leggermente acide (pioggia) e un fotoperiodo allungato aiutano lo sfagno a crescer veloce e compatto, mentre, acidi inquinanti o contaminanti come il Cloro, ne rallentano la crescita. Le colonie di sfagni agiscono come una spugna, assorbendo e trattenendo l'umidità, così, tutte le specie del genere Sphagnum (papillosum, palustre, squarrosum), sono adatte alla preparazione di substrati: lo sfagno essiccato all'aria è componente base di terricci per Orchidaceae, Bromeliaceae e altre piante epifite, e nel radicamento delle talee; quello verde invece, è ottimo substrato per le piante carnivore spesso provenienti da paludi, torbiere o spazi allagati. Lo sfagno vivo non si accorda con piante aridofile o amanti di suoli calcarei (Pinguicula), e piante troppo piccole a crescita lenta (poichè sfagno cresce veloce se ha molta luce ed acqua, Seba sminuzza lo sfagno in minuscoli frammenti, restano vivi ma crescono poco, oppure innaffia di meno). Lo sfagno non è facile da trovare, così viene coltivato, assieme a piante carnivore, bonsai, plantule da seme e da talea: accumula acqua in eccesso e la rilascia lentamente quando manca, integrandola con sostanze organiche utili; è un jolly che aiuta in più modi: riserva d'acqua, raffredda il suolo, è antifungino (rilascia ossigeno, letale per alcuni batteri patogeni, ed ospita batteri simbionti che producono auxine), crea microambiente umido, stimola la crescita, protegge da pioggia e dilavamento. Molte piante reagiscano bene alla sua presenza poichè da sempre vivono in simbiosi con esso; piante a germinazione difficile germinino meglio e più veloci in presenza di un tappeto di sfagno vivo: si dissetano, fissano le radichette e si proteggono da infezioni. Lo Sphagnum cymbifolium, batteriostatico e antibiotico (contiene iodina) è stato usato per secoli per bendare ferite, assorbire il sangue e favorire la cicatrizzazione. Macinato è usato a produrre substrati di semina, sterili e resistenti alle malattie. Sfagno vivo mescolato al substrato dei vasi, li rende meno compatti e chiusi, evitando l'asfissia; anche da morto, la decomposizione dello sfagno (torba) abbassa il pH e genera acidi umici e tannici. Le fibre biancastre, lasciate seccare al sole, si mutano in materiale morbido che, aggiunto ai vasi, continua a rilasciare sostanze utili. In estate, tra i ciuffi dei rami superiori spiccano le brune capsule a sfera da cui esplodono le spore che, germinando, diffondono gli sfagni; invecchiando, le parti inferiori marciscono e muoiono, ma i rami giovani si moltiplicano originando nuovi individui; lentamente ma incessantemente, queste piantine si sviluppano in estensioni maggiori, anche distese di chilometri quadrati. Lo Sphagnum palustre è diffuso in tutto l'emisfero Boreale, ma nelle Hawaii sembra riprodursi solo per clonazione, poichè discende da una pianta fondatrice portatati dal vento migliaia di anni fa: sul monte Kohala si è clonato per 50 millenni mutando lentamente e, con l'aiuto involontario dell'uomo, si è diffuso nelle isole vicine, dove cambia l'ecologia del suolo (piante simbionti a svantaggio delle native). La Torba è prodotta da paludi dove, le piante, per mancanza di aria muoiono e si decompongono. La torba è acida, così resiste alla decomposizione batteriologica. Le torbe, pur essendo fondamentali in un suolo naturale, non sono particolarmente interessanti nella coltivazione bonsai, per la loro rapida degenerazione nel vaso, in seguito agli sbalzi idrici e termici. Sono stati usati in passato per i bonsai che erano coltivati in ambienti molto ombreggiati, ma il loro uso oggigiorno non è più interessante per i bonsai di alta qualità. Seba, come ogni bonsaista, sviluppa, col tempo e l'esperienza, una sua miscela per substrato, secondo la specie e la situazione climatica: nelle regioni meridionali calde e asciutte, è preferibile più materiale organico, aumenta l'umidità del substrato; in zone a clima umido con piogge tutto l’anno, è meglio più sabbia o pozzolana, per drenare ed evitare asfissia delle radici: "terricci di foglie ed humus di lombrico (molto drenante) correggono i difetti del terreno, grazie ai microrganismi regolano l'alimentazione minerale delle piante, migliorano le caratteristiche del suolo, introducono la vita biologica (batteri e funghi utili) agendo quasi da antibiotici. Tillandsia o Garofano d'aria (500 specie, Bromeliaceae), è pianta vellutata originaria del Centro America, priva di radici sotterranee, assorbe il nutrimento dall'umidità dell'aria tramite dei fori (aperti quando la pianta è secca e chiusi sopra una certa umidità) che impediscono l'evaporazione; vive sulle rocce, cime di alberi, pali e fili elettrici e antenne televisive. Assieme all'umidità cattura anche il pulviscolo atmosferico, così Tillandsia vien usata per monitorare l'inquinamento e, in dosi massicce, per assorbire le polveri cariche di IPA (idrocarburi policiclici aromatici), ovvero i benzopireni cancerogeni provenienti dall'incompleta combustione della benzina e del gasolio: Tillandsia assorbe e metabolizza gli inquinanti (0,2 milligrammi per chilogrammo di pianta), così son nati progetti di pareti/pannelli di tillandsie, per disinquinare appartamenti autostrade e vie cittadine di gran traffico. Tillandsia è creatura vivente che, nel suo habitat, con le sue radici si fissa da sola, senza colla o silicone, ai rami con corteccia sugherosa: se proprio si deve, meglio fissar la pianta con bio-legacci (spago, rafia, filo di togna), ponendo sfagno tra la base della pianta ed il supporto, così da facilitare la radicazione. Muschio e Licheni siano usati a ricoprire l'incollatura. Stanza da bagno e ambienti illuminati presso finestre sono ideali, mentre sassi calcarei come il travertino, vapori grassi di cucina e solventi, sono deleteri, potrebbero bruciare il meristema: evitare corridoi e cucine, ambienti poco luminosi, poco areati e sempre umidi. Le piante ben curate cresceranno sane, senza l'uso di antiparassitari. 12.䷋ 屮 chè, sprout, germoglio (rad.45) Muschi e licheni


April 四月  (up calendar 月)
mese degli amori, corteggiamenti e nozze degli animali: il merlo insegue la compagna e il passero conguetta in continuo con la coda a ventaglio


Seba talks about insects he meets around Therabuti garden: a Magachile bee; a Cutter bee; The bees of beehive do not do away if they see the dark clouds coming; the Wasps and Bumblebees, flying slowly monotonous in the evening sunset while a swirling wind starts rise out showing the winter stars called Pleiades. Bumblebee works long, lot more of the bees even with the rain, with cold and winds, when first cold approach, its little family dies and queen who survives will finds ravine to hibernating. Bumblebee Queen creates its nests underground then her little family will awake in the spring season. (IT) La Libellula (dragonfly, calopteryx spp) ha colori appariscenti, si lascia avvicinare su stelo presso stagno, poi improvvisa vola, batte le 4 ali indipendenti, lente (25 volte al secondo) ma acrobatiche, caccia a vista insetti vari (mosche e zanzare battono ali 250 volte al sec). Ha occhi grandi e composti (30 mila cellette), sensibili alla luce e ad alta definizione. Da larva essa vive, più anni sotto l'acqua, spara sua mandibola a pescar larve zanzare. La Mantide religiosa (prey mantis, tang long in Cina) appare sulle stoppie a fin estate, e sovente riposa sulle mie spalle.. Seba osserva un crociato (Araneus diadematus), ragno più comune della famiglia Araneidae, trascorre gran parte del tempo al centro di una tela di connessioni (web), che ripara ogni qualvolta è danneggiata, essa è dimora e campo di caccia di prede opportune rimaste impigliate. Se disturbato tende alla fuga piuttosto che reagire: il morso non ha conseguenze per l'uomo, provoca solo un leggero pizzicore. (ENG) Seba watchs a Licosa spider: 'it makes me going back to the past.. the sun, the smell of hay, grain, old music back in time and dance raised from the torment of spider popular bite. If spider does laundry, good weather it's ensured, if it goes up the chimney, climate is changing.' in September young spiders, of various species, climbing on trees or walls and fences, emits filaments to fly on distant plants by using the wind. a Cross-spider weaves linen every two days, it begins the frame radiating wire from the center connecting them in a spiral, it leaves a signal wire that warns it when an insect entangled network. Then spider falls on insect, kills it with a bite injecting its poison; poison predigest the prey. In a similar way the mediterranean Tarantula spider may bite and possess (by hysteria crises) a woman or man. Then an ancient music therapy may take place (click to see an italian native Tarantula dance) tracking the canvas labyrinth for release of suffering and fear. Seba was passionate about the Mediterranean black widow spider (latrodectus tredecimguttatus), because of the story the arachnid has intertwined with the Italian past folklore. It is widespread in all the coasts of the Mediterranean, North Africa and parts of Europe to Russia, locally it takes different names: Malmignatta, Tarantula, Volterra' spider (central and south Italy); Arza-s'Argia (Sardinia, Italy); Karakurt (Israel-Middle East); Kapakypt (Russian steppes). The canvas of Latrodectus is very resistant, so that even small stones are kept in the air. Throughout September to mid October, the Tyrrhenian coastal areas became almost desolate, a barren land with less forms of life. Almost all adult females has eggs'canvas bag (oteca) and are characterized by an abdomen more hairy, the spots become a very dark red, and are less showy, made more' visible sun exposure. at the end of October all females have now become mostly melanic (black), abdomen dull, hairy, less active and weak, it is for sure the last life cycle of the black widow. Although today it is very difficult to meet the mediterranean black-widow spider, it is a problem in areas where human collects the grain by hand; many cases of bites occurred mainly between the beginning of May and the first half of the summer (July). The Tarantula changing color at end of October. Together with the 'Lycosa Tarantula', it is part of the Taranta-Pizzica therapeutic dance in Puglia, the Tarantella in Campania, the Saltarello in Lazio (Tiburtin Mountains, near Rome) where people used frenzy dancing after bite of some insects. For the Sardinians were three species of black widow (s'argia): black Arza gossip (widow), white Arza (virgin) and married Arza-malecumbessa (spotted), the most dangerous. So during the many rites practiced in Sardinia, the people used therapy by dancing and singing around bitten people, stuck in furnaces heated or manure up to the neck; a prayer-song was: 'Brother Arza, Arza my godmother, do not hurt the person, my not done evil to me, I will tell you ditties and songs, folk songs and songs of every ilk.' the Black Widow spider of north America (latrodectus mactans) can give death while The Mediterranean Black Widow (latrodectus tredecimguttatus), it's dangerous for children. Seba remembers us the Hopi spider myth: 'Kerèsan Spider Woman gives and takes life.' Hopi of Arizona call her the Turquoise woman; at end of civilization she opens the Sipapuni hole on the sky to save her creatures and people (in India she is called Maya) then she down from sky by silk thread.. Keresan-Maya spiders devour whole world, then re-dream (re-creation) new sun, new moon connected with hunting and farming, fire, water and human generation. As Raseno told, Bees, like spider, snakes and doves, also possessed oracular power. The pangeis priestesses of the women's Mysteries at Eleusis were called Melissae, bees. Priestesses of Demeter and Persephone also carried the title melissae, as did Aphrodite in her Sicilian temple at Eryx. Bee title of Demeter’s pythias signified their initiation into the mysteries of the terrene goddess Pythia, known as the Delphic bee. The omphalos stone was shaped like a beehive, and bees were said to have made the second temple of Delphi out of honeycomb and feathers. At the Artemision at Ephesos, the male priests were called essenoi (drones) and the goddess herself was drenched in bee-symbolism. Bees were carved on her robes and ornaments. They were connected with the mysteries of Artemis since the beekeepers are at hand to open the house of Artemis. Also the goddesses Rhea, Demeter, Cybele and Selene were named as Bee. The italian Arachne legend tells: 'In the Jura mountains next to Switzerland, lived the fate-spinner 'Tante Arie', she lived hidden away in the faery rock. She was passionately interested in spinning. She used to emerge from her cavern on evenings when women gathered at a nearby house for spinning and music-making. Legend said that one night, after one of these spinning bees, young people scattered ashes on the paths in hopes of finding out what way Tante Arie returned home. In the morning they saw from her prints that the Arie had goose feet (鸭 鹅). Divinatory custom of ash-scattering naturally belonged on an eve of spinners' craft and enchantment. The Maya of Chiapas, Mexico, also did ash-scattering divinations invoking the nagual spirits; the Mayan grandmothers, during winter solstice, were taught spinning to young people, to urge them to become good sexual partners too! Besides spider, Pamela suggests the ants-formica (mutilla europea), of Sardinia, commonly called 'formigarge', because of the similarity with the Argia, the spider Malmignatta. Very special is the way these insects may move, which seem to dance, and the particular sound (like rubbing iron) that emit when they are threatened. Traditional Sardinian customs are related both to the Latrodectus tredecimguttatus (and other large spiders) as well as the females of Mutille ants. The Mutillidi are not aggressive and bite humans following accidental contact. The sting is painful but does not cause harm, and does not require medical attention, unless the subject is immunocompromised and / or allergic reactions and will experience shock (in fact quite unlikely). The pain vanishes in about an hour and a papule remains inflamed for a few days. In children and the elderly may develop fatigue, low fever, nausea, even in this case it is rarely necessary medical attention. It 'good to disinfect the puncture site and apply ice pack or cold water. Until the '60s those bites from Mutillidi (as well as the Argia spider) underwent a therapeutic ritual, which included a music therapy and the burial of the subject in manure, or in an oven heated (the poison is thermolabile). Seba talks now about his experience with the bees, quoting first his italian bees' teachers (direct student of Karl v.Frisch), Concetto Rizzo from Sicily: "If the food is within 100 meters of air, the bees dance in a circle clockwise and counterclockwise, but if it's more than one hundred meters, the bee makes abdomen dance tracking an eight shape on which it moves and vibrates diagonally. The Bees, apis ligustica, melipona, indica, etc, are sensitive to ultraviolet and see it from afar. Bees are insensitive to red seeing it as black color. In a place of mountain is preferable to have apiaries lower hill, so that the bees may fly empty to the sources of food uphill then fly downhill at full load. Among an increasingly shaded or a sunny place is better the second one. The warmth of the sun help queen lay ahead. The old queen flies away or it is suppressed. The new ones are raised in summer and autumn. The temporary queen takes place in extreme cases where the family is likely to perish, then it will be replaced next year. The propolis is brittle and hard at 15 degrees, it softens at 30 degrees and melts at 60 degrees separating into two parts: an aromatic liquid that floats on high, and malleable-viscous wax on the bottom. Bees in their larval stages are still called nymphs, from the ancient Greek nomenclature. A celebrated passage in the Odyssey describes a Cave of the Nymphs, where bees circulate around fine stone honeypots, like nectar pure. The nymphs weave purple webs on stone beams. Perpetual waters stream through the grotto, which mortals enter from the north and immortals from the auspicious southern direction. At the crest of rock above the cave is an olive tree, the fateful Moria of Athena. In Porphyry’s exegesis of these verses, the portals are the gates of Cancer and Capricorn, through which souls descend and ascend. The stone columns represent bones, and the purple tissues flesh. So Porphyry saw this scene as symbolizing the generation of human life. He comments that the Cave symbolizes all invisible powers. Thus, Ceres educated Proserpine with her Nymphs in a cave, and the cave nymphs proffer fountains of intellectual waters (the divine voice of the Muses), which are the progeny of a terrene spirit. The ancients called souls, bees, since the Greek custom of offering libations of milk mixed with honey to the dead. Pyotr, Prince of Murom, once fell ill with a nasty dermatitis founding relief and remedy at Fevroniya, daughter of a collector mjod in neighboring Ryazan. She made him an ointment made from honey. Back in Murom and finished the ointment, Pyotr dermatitis returned, then he found another way to heal.. marrying his young znaharka! Vergil wrote that to attract swarming bees, They clash the cymbals of the Great Mother. A Greek myth said that the Melissae nymphs tried to stop people from eating flesh and convince them to eat fruit instead. One of these nymphs, Melissa by name, first discovered the use of the honeycomb and how to prepare mead by mixing honey with water, and she taught these arts to the other nymphs; it was from this Melissa that the bees got their name. The Homeric Hymn to Hermes describes the bee nymphs as holy ones, sisters born—three virgins gifted with wings, all pollen-crowned teachers of divination; the oracular bees are women who revealed the future while under the influence of maddening fresh honey. But if they are deprived of the divine honeycomb they cannot prophesy. This mad honey was unripe, green honey from rhododendrons that contained psychoactive grayanotoxins. The Hymn to Hermes compares the prophetic frenzy of the melissae to the transports of maenads. The maenads waved wands flowing with honey, and drank mead (honey wine) which sent them into a prophetic madness. Modern Turks call the psychotropic honey deli bal (meli maenomenon, mad honey). They take it in small doses as a tonic, and use it to punch up alcoholic drinks. In the Caucasus, too, people spiked their liquor with Pontic azalea honey. 62.䷽ 虫 chóng (insect, rad.142) api e insetti | prof.Rizzo.3gp | bee language.avi | Vivaldi.mp3


Martin narra la sua vita in Guatemala, al villaggio di Santiago di Atitlan, con Chiviliu, suo maestro Tzutujil; lui descrive anche lo stile di vita di molti immigranti giunti a Santiago: Lacandoni dallo Yucatan, Misquito dal Nicaragua, Klisty dalla Russia, Hmong 苗 dal Laos. I Tz'utujil (Tzutujil, Tzutuhil, Sutujil) are a native American people, one of the 21 Maya ethnic groups that dwell in Guatemala. Together with the Xinca, Garífunas and the Ladinos. About 100,000 Tz'utujil live in the area around Lake Atitlán, their pre-Columbian capital, near Santiago Atitlán, was Chuitinamit. In pre-Columbian times, the Tz'utujil nation was a part of the ancient Maya civilization, so their language it is a member of the Mayan language family. Besiede Protestantism and Catholicism, continuing their cultural and religious practices. La giornata tipo per una famiglia Tzutujil del Guatemala (simile a molte altre etnie del Laos come Akha o Hmong), inizia al primo canto del gallo. La figlia e la nuora di solito sono i primi ad alzarsi. Preparano la colazione, i cibi per il pranzo, nutrono gli animali e puliscono la casa. Il marito aiuta la moglie a dar da mangiare agli animali e a macinare il cereale. Dopo la prima colazione, i membri di lavoro della famiglia vanno ai loro campi, lasciando i bambini piccoli con i nonni paterni. I bambini imparano a far da baby-sitter ai loro fratelli più giovani e aiutano con altre faccende. Le bambine, che raccolgono acqua e legna da fuoco, assumono responsabilità casalinghe prima dei coetanei. Dopo aver lavorato insieme nei campi la famiglia torna a casa prima del tramonto. Durante il tragitto, raccolgono legna da ardere, piante selvatiche ed erbe per la cena. A casa, ci sono attività in serata per tutti. I genitori preparano la cena, assistono agli animali e si assicurano che vi siano scorte sufficienti per il giorno successivo. I nonni paterni siedono accanto al camino con i nipoti e raccontano storie. Molte di queste storie riguardano l'animismo, gli animali e l'ambiente, altre narrano del passato della propria gente. gli anziani Tzutujil usano le storie anche per spiegare perché le cose sono così come sono. All'esterno, al chiaro di luna, uomini e ragazzi osservano le stelle e imparano a suonare strumenti musicali. Quando la cena è pronta, tutti sono chiamati al tavolo ed è tempo di condividere le notizie così come il riso, le uova, sode o saltate in padella, le verdure, le zuppe e le salse. Pollo, maiale e selvaggina sono le carni eventuali. Martin narra la gloria dei frutti dei Maya e parla di medicina macrobiotica, enzimi della frutta, algae, piante e funghi. Inizia da una leggenda sul cacao: la pianta del Theobroma Cacao, fu un dono del dio Quetzalcoatl ai Maya: "Re Montezuma usava bere quaranta tazze di tè di semi di cacao fermentato, misto a polpa di banana ed altre spezie. In Mexico il Cacao aiuta tutto il girno come fosse caffè, anche senza mangiare, al lavoro, ai parties e alle cerimonie. Esso è assunto a fine pasto, è una bevanda tonica e una droga eccitante. Bere cioccolata calda è una bevanda-cibo adatta ai malati e, nel diciottesimo secolo, era abitudine servirla anche nelle chiese. Il cioccolato industriale è miscelato con zucchero bianco raffinato, così, in molte persone, esso causa una digestione faticosa a carico del fegato e del colon, rimuove sali e vitamine rendendo il corpo vulnerabile a varie malattie, tra cui: obesità e costipazione, diabete e attacchi di cuore, dunque, se lo ami, non abusarne. Il frutto della Papaya è anch'esso un dono dei popoli Maya ai visitatori Europei; Papaya contiene un forte enzima capace di degradare le proteine: la papaina. Theobroma cacao cura ritenzioni di urine, dolori alla vescica e febbri; assieme a Vanilla fragrans (grande orecchia) è usata contro diarrea, dissenteria e mal di testa. Le piante perenni hanno sviluppo spesso primaverile ed estivo; nei mesi più freddi dell’anno la parte aerea può disseccare per spuntare l’anno successivo dopo un periodo prolungato di riposo vegetativo. Il Banano (Musa paradisiaca) è uno dei frutti più nutrienti (lipidi, protidi e amidi), indicato ai diabetici, astenici, convalescenti, etc; strofinare le dita con la superficie interna della buccia di banana, fa sparire le macchie d'inchiostro. Banana è frutto igienico e friendly: la sbucci e la mangi! Banana offre energia in maniera dolce e, anche al Therabuti garden, la sua pianta non chiede potature, è un dono tropicale dei Papua. La buccia di banana, dopo un mese di decomposizione, rilascia potassio e ferro, calcio, magnesio e sodio, così se la interro tra le radici delle rose o pomodori, li aiuteranno a fiorire. La pianta di Banana cresce anche in Italia centro-sud producendo talvolta bei fiori e piccoli caschi di frutti che, poichè sopraggiunge l'inverno coi venti freddi, smettono di accrescersi. Carica Papaya è pianta erbacea a sviluppo arboreo con aspetto di palma a fusto carnoso, poroso e vuoto; le sue foglie quando lesionate essudano un lattice appiccicoso che coagula veloce, esso contiene papaina, enzima che scinde i legami peptidici che uniscono gli aminoacidi delle proteine, formando peptoni facilmente assorbiti dall'intestino, inoltre distrugge la chitina dei parassiti intestinali resistenti alla pepsina: 0,1% di papaina uccide gli ascaridi e, un pò meno, tenia, ossiuri e altri; ha fiori maschili, femminili, ermafroditi e neutri, spesso sulla stessa pianta, i fiori maschili sono fragranti e attraenti per gli insetti, i femminili danno frutto con polpa composta d'acqua per il 90% e zuccheri il restante, qui la papaina è presente nei semi ma assente nei frutti maturi. Il frutto di papaya è assai digeribile, tollerato bene dai pazienti deboli e dispeptici; il frutto fresco e la papaya verde cotta son contorno di legumi. Pianta originaria dell'Amazzonia, è usata dai curandero della selva come digestivo, purgante, vermifugo e antimicotico: l'infuso di foglie ha lo stesso effetto digestivo del frutto fresco nel controllo della dissenteria amebica. Comprende 24 specie tra cui la papaietta di Arequipa (carica candamarcensis) che cresce in quota ed è molto saporita. I semi di Papaya passano indenni l'intestino di molti animali, per seminarli occorre prima sfregarli per eliminare l'involucro gelatinoso; germinano in 4-6 settimane e dopo 3-6 mesi son messi a dimora; il primo raccolto si fa dopo 1 anno, e la pianta continua a produrre fino a 20 anni: una pianta maschio soddisfa 15 femmine. Negli strati esterni del frutto e nelle giovani foglie di papaia è presente un alcaloide amaro, la carpina, che, come la digitale, se ingerita a dosi elevate, inibisce il muscolo cardiaco deprimendo prima l'attività auricolare poi la contrazione ventricolare fino all'arresto; le fumigazioni delle stesse foglie hanno effetti benefici sui sintomi e gli attacchi di asma, così le sigarette di sue foglie. Papaya è apprezzata per la sua azione contro i parassiti intestinali: agli adulti è data la polvere di semi secchi (25-30 gr) o l'infuso della radice (2-3 cucchiai al dì) o semi freschi frullati con miele o un cucchiao di lattice di papaia sciolto in acqua; poi si serve un purgante. Le dosi di papaina per i bimbi sono più limitate: 10 gr (1-2 anni), 10-15 gr (2-6 anni), 15-20 gr (oltre i 6 anni) e dopo mezz'ora si dà un purgante. L'azione proteolitica della papaina e sfruttata pure sulla pelle: il lattice, un pezzo di papaia verde o di foglia inumidita, si usa per estirpare le verruche, ammorbidire i calli, togliere le lentiggini, attaccare i nidi di nigua (piccola pulce che depone uova sotto unghia e pelle) e qualunque altro parassita sottocutaneo; la radice bollita si usa come sapone per sgrassare capelli e tessuti, mentre pestata in acqua si inietta nell'orecchio a curare l'otite. Il lattice puro o diluito in acqua, le foglie inumidite o il frutto verde macinato (o preparati a base di papaina) sono usati a pulire ferite e piaghe infette o necrotiche, trattare ernie al disco della regione lombare; con miscele di lattice, alcool e glicerina, si spennella ripetutamente la faringe per controllare le croste, tessuti necrotici e secrezioni, nella difterite e in altre faringiti; il succo del frutto verde miscelato ad alcool e glicerina si applica su tonsille infiammate; la papaina, in soluzione idroglicerica al 5%, dissolve anche il pus, i coaguli sanguigni e le desquamazioni anormali; nelle gastriti dovute a insufficiente secrezione di acido cloridrico se ne somministra più volte al dì una dose di 0.2-05 gr in pastiglie. La papaina è usata pur nei caseifici come sostituto della rennina per alcuni formaggi, nelle carni in scatola, per schiarire birra, lana, seta, gomma da masticare, dentifrici e cosmetici. Il lattice si estrae con piccole incisioni sulla superficie dei frutti quasi maturi, quando il succo abbonda di enzimi proteolitici (evitare il contatto con i metalli, ne viene ossidato), si aggiunge il 10% di sale comune prima di essiccarlo al sole: il lattice secco contiene il 20% di papaina. La pianta-frutto di Ananas comosus, digestivo e diuretico, contiene zucchero, acidi organici, vitamine A, B, C. Il succo fresco è ricco di un enzima (bromelina) simile alla pepsina dello stomaco, in grado cioè di demolire le carni: gli americani mangiano ananas come contorno agli arrosti. Il vino di ananas, che tanto stupì Colombo, si ottiene facendo fermentare i frutti a temperature inferiori ai 25°. La pianta è originaria dell'Amazzonia sebbene ricevette un nome caraibico dopo i viaggi di Colombo; è un erbacea perenne con fiori che, fecondati o meno (fiori fecondati producono semi), si uniscono a formare il frutto collettivo: la pigna, fatta per l'80% di acqua, zuccheri e vitamina C. Possiede aromi, un alcaloide (5-idrossi-triptamina) e un enzima, la bromelina, che ha funzione proteolitica analoga alla papaina (papaya) e alla ficina (Ficus antihelmintica). La bromelina idrolizza il legame peptico in ambiente acido, neutro e alcalino, è attiva fino a 60° digerendo proteine fino a mille volte il proprio peso; ha elevato potere sfiammante e antiedema (utile a trattare la pelle e chiarire la birra), è antielmintico, distrugge la chitina dei parassiti intestinali con 3-4 tazze al dì. Nel frutto vi sono cristalli di ossalato di calcio che, quando si mangia il frutto crudo, danno un senso di bruciore: fò bollire leggermente il succo per togliere acidità o aggiungo miele; il succo del frutto è usato per gargarismi nei casi di faringiti ulcerose con croste, pus, tessuto necrotico ed escrezioni (difterite e faringiti), lavare ferite infette poichè, come la papaia, il suo succo dissolve i tessuti necrotici e le secrezioni purulente: gli indios applicano un pezzo di pianta adulta per 8-10 ore sulle zone da curare, mentre usano il succo di ananas immaturo come veleno da caccia per frecce e lance. Il frutto immaturo è tossico, il suo succo e quello delle foglie agiscono da purganti e causano congestioni pelviche usate come emmenagogo ed abortivo. Le foglie di ananas si usano come sostituto della digitale (Digitalis purpurea) per curare dissenteria e affezioni cardiache. Il frutto maturo è un ottimo digestivo e con la buccia, i curandero dell'Amazzonia, preparano una bevanda fermentata (chica) diuretica, per trattare blenorrea, leucorrea e catarro della vescica, mentre, una miscela di succo d'ananas e gomma arabica serve a curare febbri biliari e itterizia; altri cure sono rivolte all'anemia, arteriosclerosi, ipertensione arteriosa, artrite, e, come tonico cerebrale, sedare neurastenie, malinconia, tristezza, perdita di memoria e idiozia. Succo di frutto maturo e radice di ananas sono usati come antidoto al veleno di manioca selvatica, mentre la buccia strofinata su pavimento e mobili, allontana cimici e pulci. Martin una voltà donò un paio di piante di Guayaba, Guava fragola o guayabita del Perú (Psidium cattleianum), di circa un metro, che produssero frutticini squisiti che finirono a terra in pasto agli uccelli. In seguito moltiplicò facilmente ciascuna pianta, mediante talea o semina, la crescita delle giovani piantine fu veloce: dalla semina al frutto, dopo due/tre anni potemmo assaggiare i primi frutti. I semi, tenuti in acqua tiepida per 24 ore, son poi seminati, tenuti umidi e al caldo; la germinazione avviene dopo 2 settimane o più, dipende dalle variabili locali, così abbiate pazienza e tenete il semenzaio. Il genere comprende alberi e arbusti della famiglia delle Mirtacee (mirto, eucalipto, feijoa e chiodi-di-garofano); adattabili e semplici da coltivare, originarie dell'America tropicale dove crescono spontanee in foreste costiere, ma son coltivate anche nei subtropici e Mediterraneo. L'esposizione ideale è in pieno sole, mentre nei paesi tropicali si adatta anche a mezz'ombra. I frutti commestibili han buccia sottile, colori diversi e molti semi piccoli e duri che, uccelli e altri animali, diffondono. Cattleianum (guava fragola) è più rustica della Guajava comune, è un piccolo albero sempreverde, con corteccia liscia bruno rossastro che, nelle piante adulte, si sfalda in sottili squame cartacee. Ramificato e frondoso, quasi non lascia passare la luce al suolo; le sue foglie, lisce e senza nervature, sono più lucide, piccole e molto verdi, poichè ricche di clorofilla. Specie autofertile, ha fiori ermafroditi bianchi con numerosi stami e frutti più piccoli, globosi (2-5 cm) rossi o gialli, con polpa biancastra, succosi e ricchi di numerosi piccoli semi, il sapore prelibato, diverso dalla guayaba, è un pò acidulo e ricorda la fragola; ha fibre, potassio ed acido ascorbico (vit-C). Poichè deperisce veloce, va consumato fresco o usato in confetture, gelati e bevande. Si adatta a vari suoli, sciolti e pesanti, e sopporta bene la siccità. In Italia, la pianta adulta di cattleianum resiste fino a -5/-10°C, (guava resiste fino 0°), solo per brevi periodi e con caduta parziale o totale delle foglie. Cresce e produce bene in luoghi soleggiati ma si adatta pur in posizioni di mezzombra. La Guaiava (Psidium guajava) è un albero sempreverde con tronco ritorto, rustico, resiste alla siccità ma non alle gelate, perdendo le foglie. Ama suoli leggeri a pH netro (con pH alcalino manifesta clorosi ferriche), ma sopravvive anche su suoli pesanti ma drenati. Ha fiori ermafroditi portati sui rami di un anno, solitari o a gruppi. Il frutto, grande come un uovo di gallina, è verde-giallo, liscio o rugoso, con polpa dolce, agrodolce o acida, usata in contorno a molte pietanze da digerire. In meso America è molto coltivata a livello familiare e fu diffusa in tutto il continente prima dell'arrivo degli europei. I frutti, in Sicilia, maturano scalarmente, da fin ottobre a metà dicembre, contengono pectina e vitamina C (4 volte gli agrumi), massima nella buccia che, essiccata e macinata, dà la polvere di guaiava. Entrambe gli Psidium si riproducono per seme, pollone radicato, talea, margotta, e vive 15-20 anni. Leggera concimazione, e potatura che ne addolcisca forma ed portamento, le rende ornamentali: in vaso producono ugualmente frutti. I fiori ermafroditi, si sviluppano sui rami dell'anno precedente, bianchi, piccoli e profumatissimi. I frutti, di forma e colore variabili, maturano tra estate ed autunno, nei paesi d'origine da agosto a marzo. Il sapore è sublime, i frutti maturi van consumati velocemente poichè deperiscono dopo un paio di giorni. Le proprietà benefiche e antiossidanti (molte vitamine) risiedono nei frutti, foglie, corteccia e radici (fibra, fosforo, calcio, ferro, rame, carotene, niacina, tiamina, riboflavina, vit.A, C, tannini, quercitina fenoli, flavonoidi, saponine). Il consumo del frutto contrasta il diabete, è ipoglicemico; chi soffre di ipoglicemia dovrà consumarne pochi. Il frutto verde è astringente, a maturità è lassativo. Frutti e foglie sono utili per ottimi infusi, bere succo fresco per 2/3 mesi, abbassa la pressione sanguigna e riduce i trigliceridi, oltre ad essere un buon espediente contro la dissenteria nei bambini. In molte parti del mondo si usa masticare le foglie prima di bere alcool, al fine di ridurne gli effetti; il decotto di foglie dei Psidium inibisce diverse specie batteriche tra cui Streptococcus mutans; assunto tre volte al dì abbassa anch'esso la glicemia; contrasta le aritmie cardiache, tratta il vomito, dissenteria, mal di denti, gastroenteriti, tosse, mal di gola, e, sulle ferite, evita infezioni. In Asia ed Africa si usa il decotto per combattere i parassiti intestinali, mentre in Amazzonia, i curandero lo usano contro dissenteria, come antidiarroico, antinfiammatorio, emostatico, lassativo, stimolante e per regolare il flusso mestruale. In India è usato contro il colera e come sedativo dei dolori nervosi (epilessia e mal di capo); i monaci buddhisti cinesi e giapponesi, ne usano la radice a sopprimere la libido. Alcune tribù di indios ne masticano le foglie per alleviare il mal di denti: il decotto di radice di guiava e di chapi chapi (clematis vitalba) si beve a tonificare e rinsaldare la dentatura; mentre usano il decotto di foglie per pediluvi di piedi gonfi. L'azione cancerogena tipica dei tannini (infusi frequenti) su faringe ed esofago, non danneggia chi consuma il frutto maturo di guaiava, esso a maturità ne è privo, mentre corteccia e foglie che ne contegono molti, servono a curare diarree acute. I frutti di Changunga, Byrsonima crassifolia (acerola fam, Malpighiaceae), chiamata nancite o nance in Nicaragua, kraabu, savanna, serrette, cucchiaio d'oro, altrove, è arbusto a crescita lenta, nativo dei tropici Americani, talvolta è coltivato per i suoi frutti gialli saporiti, mangiati crudi, in dessert, o per farne liquori e chicha (bevanda fermentata simile alla birra derivata dal mais), allo stato selvatico produce di più. Il decotto di corteccia di Byrsonima crassifolia è antibiotico, funghicida, ed è usato dai curandero maya come febbrifugo, anti-diarrea, dissenteria e per curare ferite e infiammazioni dei genitali femminili. Le donne Maya usano anche decotti a base di Dioscorea floribunda, come anticoncezionale e pozioni di Artemisia ludoviciana e asclepias curassavica per provocare l'aborto. Così usavano Myrica cerifera contro carie, tosse e diarrea. L'espansione dei Maya nello Yucatan fu operata disboscando e coltivando in modo intensivo le foreste della tierra caliente, ciò provocò squilibri ecologici che indussero a loro volta, deperimento dell'agricoltura, decadenza economica e, infine, rapida scomparsa delle grandi città della pianura. A seguito della fioritura delle civiltà cittadine, le pratiche sciamaniche si vestirono di cerimonie religiose, svolte nei templi e sulla cima di piramidi elevate nei centri sacri. I sacerdoti (chilam) e gli sciamani, nel casi di malattie causate dalle divinità, oracolavano gli immortali e ne chiedevano l'intercessione con la preghiera, sollecitando il pentimento dei malati. Chilam ed assistenti ingerivano bevande e sostanze inebrianti come il balchè, la più famosa, un vino inebriante ottenuto lavando, seccando, pestando e facendo fermentare in idromele (acqua e miele di ape melipona) pezzi di corteccia di Balchè (Lonchocarpus violaceus), un albero ancora usato dai Lacandoni, una delle 29 etnie Maya presenti in Yucatan, Chiapas e Guatemala, per eliminare i vermi intestinali del genere anchilostoma. (ENG) The holy mead-medicine of Balchè, prepared by last Lacandon Maya of Guatemala, by mixing fermented honey (of apis melipona) and water and the bark decoction of Balchè tree. Balchè is the ceremonial drink used by Lacandon to cure and to purge heart and intestines, to change sorrow into joy and to have a long life. Taras track parallel with the Melissae priestesses and the Russian school of Khlysty (Хлысты) founded by Danilo Filippov two century ago for Russian peasant oppressed by illness and hardlife. The Khylsti meetings were held in forest clearings and secret dugouts beneath barns. The Khlysti followers starting Radenije (cure meeting) drumming around a bonfire invoking and singing all names of God, Mary and the Spirits. They dress white coat and in circle they start to make ritual dance seeking a state of mystical transport they called 'radeinie', or frenzy, which was seen as necessary for possession by the Holy Spirit. Rhythms are given by voice and flute to amplify the motion until the ecstasy comes with oracles, possession, catharsis. Dionysus-holy Ghosts come down as an eagle and hysteria overflow around. They would whip themselves with birch-branches and begin to speak ecstatically in what they called the Language of Jerusalem, then the myth was able to relive again arising enthusiasm in human hearts. Finally Chlisty followers consuming the meal in fraternal unity then slowly, leaving to their villages. The member Khlysty were organized in small, secret groups known as 'arks'. Each ark was led by a 'Pilot' and the Mother of God (highest ranking female). Official estimates of membership in the banned group ranged from 40,000 to 120,000. the Khlysty believed that man could be united with the divine in this lifetime. They also believed Christ was constantly reincarnated and in each era walked the earth somewhere as a humble peasant. Sin was said to be necessary for salvation, because without sin there could be no repentance, and without repentance there could be no salvation.. As the sense of divine intoxication mounted, the ritual reached a creshendo when the group would collapse into sexual orgy. This was called 'using sin to drive out sin', which reminds us of the Tantric Buddhist description of left-handed (sexual), as using poison to cure poison. Because the groups were illegal, members were encouraged to be especially devout and active in their local Orthodox churches, to maintain secrecy and deflect possible suspicions. Gregori Rasputin, the wandering monk who ingratiated himself with the Tsar’s family in the final years before the Russian Revolution, was rumored to have been involved with the Khlysty in his early years in Siberia, becouse his words and deeds evidenced Khlysty themes, such as the intertwining of sexuality and religion like tantra. (IT) Altri inebrianti sacri erano: infusi delle tlitlitzin, glorie del mattino (ipomea tricolor, I.violacea, I.carnea detta borrachera) e dell'ololiuqui (rivea corymbosa); il peyotl (cactus usato nei riti religiosi del peyotismo e della NAC); il teonanactl (fungo psilocibe spp, usato in cerimonie notturne di cura, vedi Maria Sabina); le ghiandole velenifere del rospo (bufo marinus), etc. Il guaritore maya (ahmen) iniziava la diagnosi di cuore e mente, palpando il polso e interrogando il malato; evocava Ixchel, la dea della medicina (vedi Guayin), ne mostrava l'immagine al paziente, bruciava incenso di Copale (resina fossile simile all'ambra, ma molto più giovane nel processo di ambra-zione: di aspetto opaco e lattiginoso, ha molti insetti conservati, più tenero e solubile in etere o benzina, è prodotto da latifoglie e poche conifere, ed estratto in vari paesi: il copale del Madagascar è prodotto da una leguminosa locale: Hymenaea verrucosa; il copale del Sud America da Burseraceae: copale oro da Icica icicariba, copale nero (Palosanto) da Bursera graveolens e microphylla, utile a depurare il sangue e allontanare vipere; copale bianco da Protium crassipetalum; il copale di Filippine e Nuova Zelanda è dato da una conifera, Agathis dammara (localmente Kauri, fam.Araucarie), beveva e fumava tabacco, così da partecipare al mondo mitico condiviso. Gli umani potevano mutarsi negli animali selvatici di cui condividono l'essenza (nagual), loro totem; nei bassorilievi maya, i chilam son spesso figurati come giaguari. Nel rito di raccolta di piante medicinali nella foresta, l'erborista invoca gli spiriti che tutelano le virtù della pianta, egli cura malesseri aventi cause organico-fisiche mentre il chilam è chiamato solo nelle cause spirituali (disordini sistemici, reumatismi, infezioni infantili). Per le odierne 29 etnie Maya che parlano 29 lingue diverse e ignorano un passato comune, le forme di vita presenti nella selva hanno volontà propria, negoziano con gli uomini per mezzo di propri spiriti: i cacciatori di successo, imparano a sventare inganni e maledizioni degli spiriti che proteggono le loro prede e a guadagnarsi il loro favore, così, anche i Misquito del Nicaragua prima di cogliere le erbe medicinali, ingraziano lo spirito proprietario ponendo offerte propizie ai piedi della pianta. Il curandero celebra riti dove egli individua gli spiriti ancestrali che abitano le viscere delle montagne e che, sollecitati dagli avversari, avrebbero provocato i disordini sociali e le malattie; entrato in contatto con loro, egli negozia la guarigione del paziente o della comunità colpita, "ricreando" legami con gli spiriti, risorse biologiche e territorio, parte integrante dei costumi e stili di vita locali. Nel frattempo il curandero tasta il polso e conversa col sangue e le altre anime del paziente; individuata la causa della malattia, egli può recarsi a visitare i luoghi sacri di tali spiriti e negoziare. Ogni persona (maschera) ha diverse anime: una risiede nel cuore, determina carattere e sentimenti e il suo doppio (alter ego), vive dentro una montagna sorvegliato dagli antenati, un altra vive in un animale selvatico, etc. Aria insalubre (malaria) o gravata dallo spirito dei morti e le indisposizioni dell'animale totem (doppio animico), di ciascun individuo, portano il curandero a rivolgersi all'anima scomparsa e a provare a convincerla di tornare nel corpo del paziente. Infine, per combattere il malocchio o altri incantesimi minori, egli confeziona amuleti o strofina erbe sul corpo del paziente (limpeza). 04.䷃ Martin: 雷 léi (tuono) spezie panamerica


Pamela al simposio della sera narra del suo primo lavoro in una Filanda (silkworm mill) della città di Como in Italia. La farfalla del Baco da Seta (bombice mori, moth), vive 30-40gg; mangiando foglie fresche di gelso raccolte a fine Aprile (mille kg per allevare 1 oncia di seme bachi, circa 55mil uova). Il baco dorme e muta per 4 volte, alla 5° muta mangia molto prima di purgarsi e accamparsi su fasci di rametti per l'ultima muta (bozzolo) che da crisalide la trasformerà in farfalla matura per accoppiarsi. Il Bombyx deriva dall'addomesticazione della Theophilia Mandarin, una falena molto comune in Asia. I Seri della Cina allevarono il baco da seta (silkworms), per scopi economici, dal 27° secolo a.C. La sericoltura si diffuse poi in tutta l'Asia, ma solo nel sesto secolo d.C. fu introdotta in Europa da parte degli arabi e monaci bizantini, prima in Grecia e poi in Sicilia. Più tardi, risalì l'Italia (Veneto e valle del Pò), dove gli alberi del Gelso crescevano bene, quindi giunse in Francia e altre parti dell'Europa. Lyone divenne uno dei mercati tessili principali, in competizione con Bologna. Pamela ricorda ancora i canti di lavoro della Filanda, forme di protesta per un lavoro ripetitivo di donne giovani che, forestiere come lei, finivano in filanda seguendo il sogno di una vita migliore e spesso, private dell'amore, finivano malate o in depressione.. La terapia del canto le ricordava i racconti d'infanzia della nonna Dora, che le narrava delle tarantate, ovvero donne sofferenti che, morse dal ragno immaginario della Tarantola, cercavano aiuto nella terapia musicale del ragno mitico. Lisa interviene: La voce della madre è quella della musica; la musica è la voce della madre. Per un bambino lo strumento musicale funziona come linguaggio parlato è diretto e porta affetto. Se a una persona addormentata pronunci una serie di nomi, essa si desterà nel momento in cui pronunci il suo. Ogni creatura è retta da più Orìsha, conoscerli sarà conoscersi: Exu, Ogun, Oxossi Omolu, Nana, Oshun, Oxalá, Oshun, Xango, Ossain, Iemanja, Iansà. La trance è un comportamento del corpo, modellato da cultura a cultura in vari momenti storici; realizza un cambiamento qualitativo della coscienza ordinaria della percezione di spazio e tempo, di immagine del corpo e identità personale (George Lapassade). Lo scopo della psicoterapia è un lavoro di restaurazione delle realtà immaginali del paziente e sviluppo di un sentire attraverso la coltivazione dell’immaginazione (Hillman). (ENG) The story of Dora, a swedish lady that once, in the Sardinia beach, was stunged by the argia, a bee species without wings, colorful (mutilla europea). Dora felt intense burning, a pain that local people call 'the Argia bite'. s'Argia gave a supernatural poison to Dora and a basic need, it said to her: 'pushing me to dancing! She dances in me and shakes all over me; I pay it with suffering in my heart hurts, up until the grace will comes and the pain is disavowed, and discomfort within, become reconciled. I step I stumbled, running all directions into imaginary places, far from consensus for 10 days and nights. The music I felt was of the Taranta, then I become her divine Horse.' Since then, every year Dora fallen sick becouse of that bite, so she urges dancing to expell all her pain (social misery in her life) until she get better. The ancient rite of S'Argia was a kind of ceremony and therapeutic pledge to restore health to those who are bitten by this mitical insect (s'argia or tarantula, the colorful dancer), which causes fever and hallucinations. Sardinians love it because it gives life to parties and entertainment; they hate also it because it causes illness and humiliation. S'argia is actually a mitical poisonous insect, some describe it as a spider (as Tarantula), others like a big ant or bee. In any case, its bite can be deadly if not treated on time and in the manner required by tradition. S'argia is surrounded by a thousand mysteries: in Sardinia it is the only survivor of the extermination willed by God of poisonous animals on the island. If you meet with some argia (the most female argia), it comes complete with bodice and skirt. The colors of the clothes indicate her marital status, as the Sardinian women: single, married or widowed. Black indicates the widow, the white maiden, the spotted the bride. On the island, the agricultural and pastoral life are very tiring, hard and restless. Sometimes the sheperd or the farmer decides to relax for a moment in the shade of a tree.. just then the argia is ready to strike. There is no preferred time: the night, the dawn, noon, does not matter. Definitely stings summer, farm, during the pastoral work, harvesting, or collection of gleaning the beans. Always in times of fatigue, rest and neglect, when the worker is less alert. S'Argia prefers men to women. The farmers learn from childhood to be careful with the argia bites. Before going to bed they pronounce various spells against this dangerous foe. If you become aware of being bitten immediately disinfect the affected place with amaroli (urine); the real cure, however, will be another: Dances and disguises of argia. After the bite, the victim is no longer the same person, it undergoes a real possession by the animal. The only hope of salvation is to find out the characteristics of the argia guilty. The whole village become engages in this investigation, they play and dance to explore the preferences of the argia. They make the sick person wear women's clothes of different colors in order to understand if the argia is single, married or widowed. They also seeks to interrogate the patient itself to get more information. The result? A party full of sounds, colors and dances. The argia shall be made within three days: only after being identified and satisfied it will move away and allow the patient to regain his identity and dignity. In Sardinia the S'argia puncture is also treated with other systems, other than dance and costume. In some villages, women are placed around the patient and move their sieves for flour on wooden frames, accompanied by the sounds of these traditional tools with typical female songs. In other areas of the island, for the treatment prepares a large outdoor oven. Fire is lit with vines seats to form a cross. The patient sits next to the flames while others dance around him, holding vine on. In Sassari, however, the person is wrapped in a sack and buried up to his neck in manure. The body of the victim is sometimes simply immersed in a tub filled with hot water becouse the poison is thermolabile. Lisa after Pamela speech, comes to reveal a mechanism she seen in her patients and causing hysteria reaction to intrusion of paternal culture as a self-sabotage or passive resistance: nella religione Shinto, Amaterasu è la Dea del Sole che, in inverno, si rifugia in una grotta (vedi Persefone). Il club degli Dei allora, per riportarla nel cielo, ingaggia Uzume, la donna-fungo danzante e prima regina del regno Nipponico. Le donne sciamane che la seguono, sono chiamate miko, himiko o yata. Uzume climbs the hill starting to undress, tinkling genitals with the rhythm of his feet performing a wild sensual dance. In the Chinese Han, female dancers whirling their long sleeves, often in ceremonial, funerary and cosmological contexts. The women are carved with one sleeve flowing above the head. One piece shows them as dancers who leap upon a series of low drums, in a ritual involving the journey of the soul after death. The song 'Summons of the Soul' throw themselves into the Whirling Chu as they entice the soul of the dead to return to its old abode. All wear a feathered or horned ritual headdress and large birds amidst the women, are phoenixes, or other animal spirits. Wu dancing and drumming outdoors, with two-bird drum stand. Old sources show the Wu (dancing women, possibly masked) performing invocation, divination, dream interpretation, healing, exorcism, driving off evil spirits, and performing ecstatic rain dances: they could serve the invisibles, they slashed themselves with knives and swords, cut their tongues, swallowed swords, and spat fire, were carried off on a cloud that shone as if with lighning. The female wu danced whirling dances, spoke the language of spirits, and around them objects rose it the air and knocked together. The character for wu depicts shamans dancing around a pillar, or the long sleeves of a shaman’s robe swirling as she dances. A whirling dance that transported shamans to altered states of consciousness. Wu predominated in shamanism of ancient China, Japan, and Korea, and have persisted into modern times in eastern Siberia, Korea, Manchuria, Okinawa, Vietnam, Indonesia, and the Philippines." The strategy of branding the dancers as out-of-control maniacs ultimately succeeded, Lisa sayd. The bodies make the history, identity and meeting, so every possession tells us about one story groups and traditions, challenges or trends, conflict and resistance. In Europe female expression, mobility, and freedom were once at stake. Seventeenth century sources also name women as those seized with the dance-mania. They still flocked to curative chapels. If they danced and became entranced before St Vitus' day (June 15), it would cure them for the year. In European history, mystic ecstasy was a medicine for desperation, a last public outpouring of shamanic culture in the midst of political upheaval and economic distress. Nowdays the new Tarantula's dancers are described, with the same contempt later directed at the vodunsis and santeros of Afro-Caribbean sacramental dance. In old Europe the dancers were associated with cures through blessed water at pre-christian shrine. Women had a custom of offering toads fashioned in wax, wood, iron or silverto at this grotto, which they continued to do into modern times also offering to Mary at churches in Bavaria, Austria, Hungary, Moravia and the Balkans. This rite of the frog or toad evoked very old associations with witchcraft and prophecy. Germans called the toad hexe, Italians fata, Poles czarownica, Ukrainians bosorka, Serbs and Croats gatalinka, the Greeks mantis: all names meaning witch or prophetess. Toad also had also become a name for women. Some of these ex-votos have human heads, others bear the sign of a vulva on the underside, are known from Greece (6th BCE) and Etruria. Women used them to conceive children and to ensure safe births. The dancers had to pass over running water on a bridge, recalling animist belief in the curative powers of running waters. During the mass witch-hunting, saturated with sexual politics, women became suspect for going out at night, or being alone in the woods, or kindling a fire on a hilltop, or dancing, alone or in groups. Having drunk pints together at a tavern and caroused at each others’ houses was enough to indict some Scottish female revellers. Female speech had become dangerous, especially when a woman expressed anger at a wrong done to her. If she defended herself against verbal attacks, answered back to harassers, her defiance could be blamed for male impotence, or a dead horse, or a hailstorm. In innumerable cases, the charge of witchcraft was a weapon ready for use against women. Female leadership and symbolism were never choked out of indigenous traditions, and persisted even as these cultures absorbed elements of colonial religions. The body can be a vehicle language for/from dead souls, ancestors, illness, unconscious dreams, etc. Memories from past if cyclical repressed, will exit to the forefront, so the ancient therapy of the hysteria, was always a ritual possession (winged demons and other underground forces, which are figures psychopomp in the far west, piously accompanied the dead to Hades). All over Europe, people danced with wreaths on their heads, hopping and leaping to the music of bagpipes and handclapping. Midsummers became the focus for a revival of ancient culture. Trance dancing spread through southern Italy and the Rhineland. Large groups of people danced the round with deep emotion, for days at a time. These gatherings were large enough to attract the notice of chroniclers. In the Harz mountains Germans kept up a custom of dancing around a tree of life on the summer solstice. They cut a tall fir, shaved off the lower bark leaving its top green, decked it with flowers and eggs. They put this sanctified tree in the center of their midsummer ritual, and came dressed in their festival best to play music, sing, and dance rounds. The dancers appear in Erfurt, Germany, in annals of the year 1237, and again in 1278 in Utrecht, Holland. The earliest records of ecstatic dancers call them St. John's Dance, after the saint assigned to Midsummer Day. The dances took place on and around the summer solstice. In 1373 and 1374 a mass celebration of dancers spread over Flanders and western Germany. At Aachen people danced through the streets in circles, leaping and singing with religious intensity. The dancers entered trances, sinking to the ground unconscious, and later sat up and recounted their visions. Most of the dancers were poor folk, with a large proportion of women. This popular upwelling alarmed officials of church and state, who saw it as uncontrollable, with people traveling from place to place. The people danced and leaped violently. One lightly touched another's hand, then shrieked. Women and men cried it with joy. Each one had a towel tied on, and a stave. A wreath was set on every head. The dancing had started with people coming from different parts of Germany, some of whom made it as far as France.. in markets and churches, as well as in their own homes, they danced, held each others' hands and leaped high into the air indifferent to the clergy. While they danced they paid no heed to modesty though bystanders looked on. While they danced they called out names of life force as the num of San people. The Europeans revived trance dancing as a way of confronting the plague. The dancers invoked healing power with their cries of num! We know that in 1349 the people of Wertheim tried to ward off the plague by performing ringdances around a pine tree. The Dancers movement took place on the borders of Bohemia in 1349, at the height of the plague. Bands of celebrants came from upper Germany or Bohemia, leaving their homes and kin to travel about. In Lusitze some women and girls began dancing and shouting in front of an image of Mary. They said that she spoke to them, and took to the roads, travelling from Torgowe to Interbok, gathering a crowd of people as they went, until the duke of Saxony refused to allow them in his domains. A new wave of dancing started in 1381 near a chapel of St John by the river Gelbim. The ecstatic dance took place in a forest secluded from the view of exorcists, who had begun to claim that the dancers were possessed by devils. Johannes de Beka wrote about another outbreak of entranced dancing in 1385: In the same year there spread along the Rhine, beginning in the kingdom of Bohemia, a strange plague which reached as far as the district of Maastricht, whereby persons of both sexes, in great crowds, marched here and there bound around with cloths and towels and with wreaths on their heads. They danced and sang, both inside and outside the churches, till they were so weary that they fell to the ground. At last it was determined that they were possessed. The dancers passed through Flanders and Holland and then headed towards southern Germany. Trance dance remained common practice through the 1400s. The priesthood disparaged it but peasant festival celebrants kept it alive. In 1418 a crowd assembled to watch women dancing in the Water Church of Zurich. This chapel had been built over a spring reknowned as a source of healing and strength-giving waters for centuries. Other gathering points were places associated with rites of the summer solstice. At St John's Mount near Dudelingen, Midsummer was celebrated with dancing that culminated with people falling to the ground unconscious. This site continued to be a place of pilgrimage for centuries. In 1518 did it come to be known as st Vitus' Dance, after the patron saint of seizures, spasms and rabies, when priests performed exorcisms on dancers at the chapel of St Vitus in Strasbourg. A woman began dancing for days at a stretch, that 34 others soon were dancing, and within a month more than 400 had taken to dancing and hopping in the public market, in alleys and streets, day and night. People fasted and danced continually until they fell down. The authorities were at a loss about how to suppress this popular movement. They tried to keep the dancers indoors and to make the guilds responsible for taking their dancers to the shrine of some saint. None of this worked, so finally they outlawed the playing of music. 02.䷁ 糸 mì纟糹 (silk-tessuto, rad.120) crisi e danza | Taranta bite.mp4 | tarandance.mp3 | ballo di Vito.mp3 | pizzica dance.mp3 | olive song.mp3 | pizzicata.mp3 | Battiato-dance.mp3


Romulo parla di erbe Solanacee (Matraguna, tobacco, toloache, nightshade, henbane, datura, floripondio, etc.) usate nel mondo, dal pituri degli Aborigeni australiani, alla mandragora dei Balkani, sino al tabacco dell'Amazzonia e mesoamerica. La Iochroma è una solanacea del Sud America e viene sia fumata che bevuta sotto forma di tè. Tra i preparati farmaceutici a base di solanacee mortali vi è il solfato di atropina (dosaggio orale: da 0,5 a 5 mg); è più uno stimolante che un sedativo, causa allucinazioni e potenzia gli effetti di una vasta gamma di sostanze psicoattive, dall’oppio alla canapa, alla mescalina. Il Pituri (Duboisia hopwoodii) è una solanacea nativa dell’Australia (sud-est Queensland). Gli aborigeni masticano le sue foglie polverizzate, mischiate con foglie di acacia, facendole spesso passare di bocca in bocca. Duboisia hopwoodii produce nelle parti aeree (usate a preparare il pituri) gli alcaloidi nicotinici (nicotina e d-nor-nicotina, 4 volte più potente della nicotina), comuni alle specie di tabacco (Nicotiana); mentre nella radice, produce gli alcaloidi iosciamina e scopolamina. Le foglie di Duboisia erano mescolate con ceneri alcaline (wirra) di alcune Acacia e altre piante (come altrove sul pianeta), ciò permette un migliore assorbimento dei principi attivi durante la sua masticazione (masticare libera principalmente l'alcaloide scopolamina). Il bolo di pituri era cerimonialmente passato da una bocca all’altra: il capo della tribù li masticava per primo e poi li passava agli altri uomini per via gerarchica. A riposo, il bolo era collocato dietro a un orecchio, dove, la pelle dell'area a contatto, continuava un lento assorbimento; così un comune modo di salutarsi, quando due amici si incontravano, era quello di prendere i rispettivi boli di pituri dietro l’orecchio e scambiarseli, masticarli per un pò di tempo, poi riconsegnarli ai rispettivi padroni che li ricollocavano nuovamente dietro all’orecchio. La droga era preparata al meglio dai clan del Pituri della regione dei fiumi Mulligan e Georgina, da qui esportata e scambiata in altre regioni dell’Australia; il loro segreto per produrre il miglior pituri (più potente), era l'essiccazione artificiale delle foglie appena colte, tale da interrompere subito la degradazione delle nicotina: in un contesto rituale-cerimoniale, i rami fogliari venivano sepolti nella sabbia rovente sulla quale era stato acceso un fuoco e vi erano lasciati cuocere per un paio d'ore. Il pituri della regione Mulligan-Georgina veniva poi esportato lungo le strade del pituri, che raggiungevano Capo York a nord, e a sud la regione dei grandi laghi. La comunicazione delle quantità di pituri richieste dai capi tribù avveniva con segni incisi sulle tavolette di legno (tjuringa) che viaggiavano su questa rete commerciale. I tjuringa avevano anche la funzione di salva-condotto in territori nemici. Pituri era un compagno obbligato dei lunghi viaggi, la sua masticazione allevia fatica, fame, e aiuta nella cattura di emù, canguri e volatili: aborigeni di varie tribù introducevano il succo di questa pianta nei pozzi d’acqua dove gli animali erano soliti abbeverarsi, in tal modo si narcotizzavano, rendendone più facile la cattura. Nei tempi più antichi, il pituri era usato dagli anziani anche in contesti divinatori, a predire il futuro o individuare il responsabile di un furto; la decadenza di tale uso è anche dovuta alla disintegrazione sociale provocata dal contatto con i colonizzatori e i religiosi protestanti, che portarono alla sua diffusione di massa. Etnografi e colonizzatori inglesi usarono la parola pituri per indicare qualunque droga masticatoria, del tipo 'tabacco selvatico', per distinguerlo dal loro tabacco commerciale importato, accrescendo la confusione, giacchè gli aborigeni conoscono e usano, da millenni, oltre dieci specie di Nicotiana che crescono su suolo australiano. Il Tabacco nobile (nicotiana rustica, glauca, attenuata, paniculata, tabacum), chiamato jupac sayri in lingua quechua, è una solanacea alta fin 2 metri che esala forte odore e ha fiori rosati portati in pannocchia. Nel suo fumo son presenti vari alcaloidi tra cui la nicotina e le beta-carboline che inibiscono la MAO favorendo l'accumulo di serotonina umana o di triptamine del sanpedro. La nicotina, principale alcaloide del tabacco, stimola e deprime l'attività nervosa, alternativamente, alterando le comunicazioni tra neuroni. Gli sciamani dell'Amazzonia aspirano il fumo di questa solanacea, ma usano anche infusi nasali e orali nel corso di cerimonie: nella cura dell'isteria, i curandero applicano una foglia di tabacco imbevuta di acquavite sullo stomaco; a combattere l'epilessia preparano un decotto (30 gr in litro acqua), aggiungono 200 gr di zucchero e mettono sul fuoco sino ad ottenere uno sciroppo; 2 cucchiai per due volte al giorno, seguiti da un bichhierino di fiori di sambuco. (ENG) Atropa belladonna entra nei folklore e mitologie di tutti i popoli europei, slavi e successivi. Fu uno degli ingredienti delle pozioni e unguenti pestati dalle streghe (witches) d'Europa. Atropa agisce su febbre, spasmi, dolori, emorroidi, asma, infiammazioni e riduce il sudore. Le sue bacche lucenti, se accidentalmente mangiate e/o abusate, spesso causano intossicazione anche mortale. Il name belladonna viene da una vecchia usanza delle donne europee di usare gocce di succo della pianta come collirio, per dilatare la pupilla e indurre uno sguardo attrattivo, fascinoso (affascinante, charme), seduttivo, a incremento della bellezza femminile. Since the 19th century, commercial cultivation has been initiated in the United States, Europe, and India, where it is an important source of atropine, an alkaloid with a wide variety of uses in modern medicine, especially as an antispasmodic, an antisecretory, and as a mydriatic and cardiac stimulant. The alkaloids are more concentrated in the leaves and roots. There are four species of Atropa distributed in Europe and from central Asia to the Himalayas. Henbane (hyoscyamus niger), it's annual or biennial native to Europe, it has long been valued in medicine as a sedative and an anodyne to induce sleep. The principal alkaloid of henbane is hyoscyamine, then scopolamine along with several other alkaloids in smaller concentrations. It was often included in the toxic preparations of medieval Europe to cause visions and the sensation of flight. Suffumigi di semi di giusquiamo erano usate nelle medicine etniche italiche per lenire le odontalgie. Il Giusquiamo contiene gli alcaloidi hyoscyamine (primario), scopolamina (il più psicoattivo), e tracce di Atropina. Il giusquiamo nero (hyoscyamus niger, black Hembane), produce sintomi da intossicazione simili alla Belladonna; differisce per il minor eccitamento motorio, non dà stimoli a saltare, ridere, esagerare i movimenti. L'azion ipnotica che esercita è più marcata e con cefalea, vertigine, minor sensibilità, sussurri alle orecchie, ambliopia, fotofobia, afonia e minor olfatto, ma produce più sonnolenza con allucinazioni audio-visive di tipo profetico o terrificante (scopolamina). L'acetato di ammoniaca risveglia dal suo torpore. (ENG) Datura was one of the sacred plants on the world. According to the Hindu religious texts, Datura grew out of Shiva's chest. On the 13th day of the waxing Moon in January, Hindu practitioners would give flowers and fruits of Datura on Shiva altars, as ritual offerings. On the festival of Shiva, hundreds of Sadhus and Yogis (revered by Hindus) would gather at the Pashupatinath Temple in Kathmandu to smoke Datura mixed with Cannabis (ganja), two holy plants of Shiva. Another cult of Central India, known as Thuggee, is associated with more dark use of Datura. Thuggee performed their ritual sacrificial killings with help of Datura. The Thuggee were traveling assassins who would attack voyagers they met on their journeys, robbing their bodies and burying them somewhere along the roads. They would typically invite a traveler, or even whole groups, to join their caravan until they gained the trust of the newcomers. Thugee would then use Datura seeds to produce a twenty-hour intoxication of the travelers, during which they were robbed, murdered, or left to recover or pass away from the effects of the poisoning. Datura was also one of the ingredients of witches’ flying ointment used by witches, consisting of a fatty base and a blend of various herbal extracts. The ointment was poisonous when ingested but it was absorbed slowly into the body if applied on the skin. The broomsticks were used for stirring the boiling fat mixed with hexing herbs, and to apply the ointment to the mucous membranes of anus by sitting on them nude. With the help of the mixture, the witches were able to fly to the Sabbath on their broomsticks, to attend the occultists’ meetings at midnight. Modern science translates the legend of the flying brooms and these fabled journeys to the Sabbath into chemical terms and complex reactions between alkaloids. European witchcraft was a pre-Christian religion based on the Earth, nature, cyclical changes, plants and animals. Many Chumash narrative texts providing us valuable insight into the Datura cult among the Native Americans. Northern American Indians used this plant to gain visions in which the individual's lifelong guardian spirit, a supernatural helper, was sought. Datura was administered to youths during a puberty ritual to make a contact with their dream helper. They believed that the dream helper comes only to a person who had drunk a potion made from Datura. The purpose of someone's first Datura experience was to establish this connection. Being successful in the ritual, one could take Datura anytime later in life, to strengthen the bond with the guardian spirit or to seek supernatural power and aid in times of trouble. Nella desertica regione costiera della California meridionale, tra i Gabrieliño, i Juaneño e i Luiseño, i giovani maschi in età puberale sono sottoposti alla cerimonia iniziatica del Toloache (datura meteloides) dove, dopo l’assunzione, ballano freneticamente, cadono in collasso e ricevono l’agognata visione che darà loro un progetto di vita. Lontano dai Pueblo, nei campi, i nativi performano una Raindance, l'occhio di cervo (hikuri) inibisce il Toloache. (ENG) In the mythology of Native Americans, Datura was a sacred plant used for both magical and medicinal purposes. In such religious system, which are deeply rooted in nature, Datura holds a special place becouse the plant was prized for its ability to help mortals communicate with gods and with the spirits of the dead. The Chumash people used this plant in their quests for visions and supernatural powers. The goddess Momoy is the Chumash Goddess of Datura, who was often depicted as a frightening-looking old woman who holds the power of clairvoyance. Momoy was able see into the future, her omniscience was invaluable for mortals who could also become clairvoyant if only they drank of the water in which Momoy has washed her hands. This intoxicating liquid would lead souls into a deep slumber, surrounding them with visions of the future and revealing forthcoming prosperity or inevitable troubles. According to the legend, Momoy took a bowl, added water, and then washed her hands in it to create a magic potion. When her grandson asked her why she didn't take a bath and make an even more powerful drink she said: 'If I took a bath, you’d turn into a devil or die. Just up to my elbows is enough.' American Indians were familiar with all of the dangers of Datura, and for this reason only the specialists in the use of the plant were allowed to make the potions and give them to the drinkers. Moreover, the specialists and the drinker would have to fast for a couple of days before the ritual, abstaining from sexual intercourse, meat and grease. Datura specialists were also the ones who went to dig the roots from the ground, while approaching Datura respectfully and in prayer: 'Grandmother, I have come to beg for one of your roots.' Datura givers would calculate the effective dose according to the type of the soil from which the roots were dug, the age of the plant and the size of the roots.- The first Datura experience was the most closely controlled, but deaths from poisoning would still happen from time to time. The Chumash believed that these occasional deaths occurred always when the drinker had violated fasting taboos, disrespecting the Datura spirit and causing its hostility. The drinker who had not prepared himself through fasting, to approach the experience with a calm mind, would perceive only exaggerated echoes of own dreads and weaknesses. The one who prepared would meet the dream helper, usually an animal-spirit, who would offer lifetime protection and some specific talent to the drinker. Perhaps the most controversial use of Datura stems from the Vodun tradition. Vodun is a religion of coastal West Africa from Nigeria to Ghana, which is also practiced as a traditional animistic religion among the African Diaspora in the American countries. In this religion, there is a strong distinction between the physical body, the animating principle and the awareness. According to the doctrines of Vodun, the sorcerers can zombify their victims by simply extracting the awareness from the person and leaving the spirit to reanimate a dead body. Study of the folklore in Haiti suggests that the zombified persons truly existed and that they became victims of zombification due to a powerful psychoactive drug (two special powders rubbed into the wound and thus introduced to the bloodstream). The first powder is made from the flesh of the pufferfish and toad skin, while the second one blends various dissociative drugs, primarily Datura. Across the Caribbean, Datura is known as the Herb of the Sorcerers or Zombie Cucumber. The name refers to a disturbing use of the plant to induce a state of trance, numbness of the physical sensations and complete depersonalization. Usually, the victims of zombification were disobedient members of the community, various delinquents or rebellious slaves who would not improve their habits upon milder means of punishment. A Zombified person was pronounced dead and, according to the Haitian penal codes from 19th century, zombification was considered murder. The intoxicated person was even placed in a coffin with an air tube for fresh air, and buried for 3 days. After this period, the coffin was recovered from the grave and the victim was given another dose of Datura powder, followed by a ceremony to initiate the zombie into the after-life. At this point the victim was completely brainwashed and the pharmaceutically induced hypnotic state was further maintained by giving regular doses of the Datura brew to the zombie, who had completely lost any sense of self. A zombified person can move, hear and speak, but they cannot respond to any kind of stimulus. Basically, the victim’s metabolic rate is slowed down to the point where it appears to be living dead. Suffering from memory loss and complete disorientation, zombified victims would typically become submissive servants, living in the induced state of psychotic delirium. They were often sold to sugar plantations as slave labor. (IT) Molte piante sono a fondamento dei rituali d'iniziazione degli adolescenti, poichè usate come mediatori tra l'uomo e le sue divinità: nella Preghiera del giorno, in una cerimonia con il Peyote, un indiano Kiowa vede il fuoco centrale e la mezzaluna, fiancheggiati da aquile cerimoniali con le penne a forma di ventaglio; le piume simboleggiano il giorno, e gli uccelli si alzano su chi prega. Raggiungere esperienze mistiche alterando la chimica del proprio corpo è pratica comune delle società iniziali; gli aborigeni attribuiscono la salute e la malattia all'opera delle forze spiritiche, di conseguenza ogni medicina che può trasportare l'uomo nel mondo degli spiriti è considerata migliore di una con soli effetti fisici. Narcotico è una sostanza che ha un effetto depressivo, sia lieve che potente, sul sistema nervoso centrale. I Narcotici che producono sogni e visioni vengono chiamati enteogeni e sono centrali nella storia dell'umanità e nell'idea di divinità; essi pervadono ogni aspetto della vita nelle società native: salute e malattia, guerra e pace, vita in casa e nei viaggi, caccia e agricoltura; relazioni tra individui, villaggi, e tribù, prima della nascita e dopo la morte. I Mazatechi del Messico mangiano i piccoli funghi per udire le voci che rispondono alle loro domande. I Witotos di Colombia, mangiano o sniffano la resina polverizzata di un albero della selva per parlare col piccolo popolo; mentre gli indiani del Brasile orientale bevono jurema per avere visioni del mondo degli spiriti prima di andare in viaggio o battaglia. Gli sciamani del popolo Shuar dell'Amazzonia ecuadoriana producono una bevanda per profetare, ricavata dal lattice raspato dalla corteccia di piante Solanacee (generi Datura e brugmansia); tale succo ad azione inebriante, fa rilassare i muscoli, il linguaggio e perdere conoscenza fino a 3 gg, in tale stato il guaritore resta appartato nella selva, e quando rinviene, si immerge in un fiume e beve acqua salata. I Floripondi, misha in lingua quechua (Brugmansia spp), sono arbusti perenni coltivati in Perù da millenni. Le brugmansia arborea, b.aurea, e b.sanguinea (misha toro, con fiori rossi, la più temibile usata anche dagli Inca), crescono in montagna; le b.suaveolens (misha campa, floripondio bianco-rosato), b.versicolor (floripondio di Lima con grandi campanule bianche, arancio a maturità) nelle valli della costa; la b.candida e b.insignis crescono nella foresta. Di notte i fiori emanano profumo e, collocati sotto il cuscino, conciliano il sonno. I pazienti che lo assumono, per via nasale o assieme a bevande, soffrono di chinetosi (mal di mare), tremori convulsivi e azioni inconsulte; in seguito restano estatici, occhi apertti e gridano, sotto la guida dello sciamano, descrivendo spiriti di piante, di animali, demoni, etc; infine cadono in prostazione, siedono e si addormentano a volte pure al coma (nella cura delle ferite il guaritore lega il paziente prima che beva il succo). Il floripondio è usato anche come eccitante nervoso per curare le paralisi; è usato anche dagli Shipibo Konibo del medio Ucayali nella dieta di tre giorni (i primi 2 si mangia solo polline in acqua), e in quella dei 7 giorni, intrapresa solo da persone incamminate. Chamico (datura stramonium) è pianta annuale ordinaria delle valli della costa del Perù, cresce vicino ai centri abitati e tra i detriti, la crescita nei campi di grano, ha dato luogo a farine contaminate, usate anche come antidoto all'intossicazione da insetticidi fosforati; nelle sue foglie son presenti alcaloidi narcotizzanti: scopolamina e iosciamina, precursori dell'atropina. La varietà a fiore azzurro-viola è più forte di quella a fiori bianchi, entrambe i fiori lievemente profumati. Padre Bernabè Cobo scrisse che i guaritori indigeni lo usavano per anestetizzare, addormentare o entrare in contatto col soprannaturale: il frutto di questa pianta che causa il sonno, ha ispirato, tra le favole di fate e gnomi, quella di biancaneve avvelenata da una mela, e la bella addormentata nel bosco. Le foglie e i rami superiori son più ricchi di alcaloidi specie se colte al mattino all'epoca di fioritura. Scopolamina poco solubile in acqua e facilmente in alcool, agisce sul sistema nervoso parasimpatico (come l'atropina esplica azione parasimpaticolitica, anticolinergica, sedativa, ipnotica, antiemetica) paralizzando i i centri motori della corteccia cerebrale del Snc, quindi il rilassamento della muscolatura; la ioasciamina (o l-giusquiamina) ha un attività più intensa dell'atropiana ma è meno stabile, è polvere cristallina bianca solubile in acqua e alcool, attiva sui polmoni (broncodilatazione), entrambe gli alcaloidi inibiscono (azione paralizzante) il sistema nervoso parasimpatico e fanno dilatare la muscolatura liscia bronchiale, paralizzano quella digestiva e favoriscono i recettori dell'acetilcolina, ne derivano effetti benefici per l'asma, i vomiti e le diarree, così come effetti tossici ed eventuali decessi per paralisi di funzioni vitali del sistema nervoso, come respirazione e pressione arteriosa. Pertanto il suo uso, nella farmacopea allopatica, è nel controllo di attacchi di asma (sigarette o polvere di foglie secche da pipa, miscelate con salvia e floripondio, da aspirare o ingerire in infuso), contenimento dei sintomi del Parkinson, epilessia, nevralgie etc, con eventuali effetti di temporaneo intontimento; le tisane a base di datura stramonio, in piccole qtà, alleviano i sintomi della pertosse, le difficoltà respiratorie dei tisici, le tossi nervose, i singhiozzi spasmodici, i reumatismi articolari acuti. I curandero dell'Amazzonia peruviana usano le foglie e i semi per fare unguenti e supposte (una parte di foglie e 8 di grasso) per trattare le emorroidi, la calvizie, la forfora, sfregare l'addome di bimbi diarroici, applicare impiastri sulle articolazioni dolenti, infiammazioni, ascessi, foruncoli, e, miscelati a semi di lino, calmare mal di denti, dolori ai testicoli, nevralgie, pulire e risanare ferite, ulcere, affezioni alle orecchie; l'olio e fatto tritando 20 gr di foglie lasciate poi macerare in 60 gr di olio per 15 gg. La tintura dei semi è da essi preparata, usata anche come veleno di caccia o additivo di bevande narcotiche; l'azione delle foglie è quasi immediata mentre quella dei semi interi, manifesta dopo alcune ore, le foglie strofinate sull'occhio inducono la paralisi delle pupille mentre l'ingestione provoca malessere, sudorazione, delirio, ilarità e iperattività che mutano in breve tempo, in narcosi profonda. Alcuni gruppi sociali emarginati usano stramonio come droga ma, sebbene l'estratto di stramonio ha lieve azione afrodisiaca, ingerito in eccesso ha un azione imprevedibile, può dare impotenza e intossicazione con sintomi di euforia iniziale, iperattività e aumento della libido maschile e femminile, fino a causare coma e decesso. 32.䷟ 頁 yè 页 (page, foglia-foglio, rad.181) dature e tabacchi


Lisa parla di generi sessuali sia del corpo che dell'anima, del loro riconoscimento in sistemi sociali tolleranti e nei sistemi che invece usano solo il pensiero binario: "La rossa Afrodite (Dea Lupa della caccia, e della selva, che nutre molte legende di popoli) si accoppia con Hermes (pianeta Mercurio, il trickster del Cielo) nel riflesso dei laghi, ogni volta dà la nascita ad Hermafrodito, un bellissimo ragazzo/ragazza. Un albero di Alloro, chiamato anche Dafne, dava riparo alle ninfe del tempio, le quali, ispiravano la mantica (mantide significa profetessa), a speciali donne poste ai bivi di mezza Eufrasia, e vestite con pelli animali. così Tiresia, divenne androgino dopo aver visto due serpenti copulare.. Tra generi e sessi ci sono differenze che dipendono dalla loro combinazione: gli organi fisici di maschio e femmina, si combinano ai generi maschili e femminili (personalità), dando più combinazioni possibili di anime/spiriti/cuori, ovvero fin 4 generi presso gli aborigeni od 8 presso molti popoli amerindi. Molti nativi americani conoscono le affinità tra l'umore delle piante e la sessualità umana, così, l'atto di fare l'amore, l'atto di ingerire, vestire, etc, può rivelare qualunque identità interiore. Per l'etnologia, il Berdache (Waria in Indonesia, Sakalava-tanala in Madagascar, Mahu a Tahiti, Katoey in Tailandia, Auracani in Cile, Lango in Uganda, Logun-edè nel Candomblè) è un travestito che indossa abiti femminili, può prender un altro uomo per marito, esegue lavori femminili e durante il coito assume il ruolo della femmina. Presso i Ciukci della Siberia i Berdache son considerati sciamane/i. Oltre la moglie-sciamano, l'uomo ha pur altre mogli, e viceversa per la sciamana; lo sciamano può aver una donna per amante e generare figli. Dai costumi sessuali dei popoli nativi si osserva che, laddove non è possibile seguire gli istinti, gli umani ricorrano a persona del proprio sesso imitando la forma esteriore dei rapporti eterosessuali, gli uomini usando il coito anale e le donne servendosi di peni artificiali (tibia di renna su cintura di cuoio, banana), conservando le condizioni della copula: un Io maschile e un Tu femminile e viceversa. (ENG) Many indigenous histories have been omitted or distorted by the myths of racial supremacy and more systems of domination: slavery, class, caste, patriarchy; the sexual double standard; patrilineage, virginity; obedience female captives; servile marriage; concubinage. To name it means confronting fear, danger and resistance but naming sparks change. Priestesses, diviners and medicine women stand out as leaders of aboriginal liberation movements against conquest, empire, and cultural colonization. Most people would define priestess as a woman who leads ritual. But there are a range of names and culturally-defined meanings, including shaman, medicine woman, diviner, spirit-medium, oracle, sibyl and wisewoman as well as countless ethnic titles such as machi, sangoma, eem, babaylan and mae de santo. We can't draw sharp divisions between these categories. The shaman may be a ritual leader, but also a solitary practitioner. The visionary can act as healer, the medicine woman speak prophetically. The ceremonial role of the priestess does not preclude her from entering into trance or shamanic spiritual journeys; sometimes it actually requires her to achieve these altered states. Above all, the ritual specialist has skills, special ability, even powers, but every member of the spiritual community has power. In shamanic cultures, the group commonly participates in raising spirit through chant, music, dance, clapping and drumming. It's this question of accessing and exerting power that makes the spiritual political, and explains the importance of religion in instituting social controls. When power hierarchies over aboriginal peoples and rich over poor are at stake, priestesshood has political ramifications. Very often priestesshood functions to carve out space for women in patriarchal societies. It survives in living African lineages like the bori magadjiyar of the Hausa. Its devotees, richly adorned with cowrie-strand headdresses, dance to the ancient pre-Islamic deities (bori). Most of the magadjas are marginalized women (divorcees, single or barren women, perhaps lesbians, and others who don't fit into the male-dominated social order. The zar religion is even more widespread, and cuts across both Muslim and Christian cultures of northern Africa. Here again we find mostly women dancing and singing in honor of spirits which the society does not formally recognize as deities, but nevertheless must acknowledge, and even pay tribute to, as women make demands in their name. Patriarchal colonizers stigmatized cultures that honored female spiritual leadership, calling them barbaric and inferior. A Han mandarin bragged that he had destroyed thousands of shrines of the wu (female shamans) in southern China. In the 16th century, Spanish colonizers were stunned to see that old women led most ceremonies in the Philippines. Missionary priests called these female shamans diabolical witches, and for centuries struggled to stamp them out. They did manage to catholicize the islands, but the babaylan are still around. The same dynamic played itself out in the colonization of the Americas. The Spanish and Portuguese Inquisitions persecuted priestesses and curanderas from Peru to Colombia to Brazil to Mexico, targeting Africans as well as First Nations peoples. Babaylan is a Visayan term identifying an indigenous Filipino religious leader, who functions as a healer, a shaman, a seer, a community miracle-worker or a combination of any of those. The babaylan can be male, female, or male transvestites (known as asog, bayoc, or bayog), but most of the babaylan were female. The babaylan is a person who is gifted to heal the spirit and the body; someone who serves the community through her role as a folk therapist, wisdom-keeper and philosopher. Prior to, during and after the Philippine Revolution of 1896–1898, the babaylans of Dios Buhawi and Papa Isio of Negros Occidental participated in the struggle to throw off the Spanish yoke. Their primary agenda was religious freedom and agrarian reform; most followers of the babaylan tradition were dispossessed land owners thrown off their property by the Spanish hacienderos and in some cases by Spanish friars bent on acquiring land. The profession of sangoma or igqirha is predominantly female in South Africa. They are the ritual specialists, diviners, healers and ancestor-dreamers but everyone participates in raising power, clapping and singing. In Dahomey, Nigeria, Togo, women act as priestesses and shamans, as direct channels for spirit, pouring libation, calling in the sacred, keeping alive the African traditions of sacramental dance. Priestesses like the Haitian mambo empowered people to survive the killing conditions of slavery and to resist. Mambo were carried into the African Diaspora with the drum patterns and ancestral incantations of the orishas and loas. The BaKongo prophetess Kimpa Vita led a successful movement to restore the old ways suppressed by Portuguese colonials. They burned her at the stake for it in 1706 but her Antoniados movement lived on, and spread to Brazil and Colombia. In 1791 the old African priestess Cécile Fatiman inaugurated the Haitian revolution with a Vodou ceremony in the Bois Caiman. Carrying the loa goddess Ezili Danto, she blessed the rebel leader Boukmann with her Petro staff. She lived to the age of 112. In North America, there are medicine women, pipeholders, healers, dream-seers, and medicine sisterhoods. The Apache medicine warrior Lozen guided her people as they fled for their lives from the US and Mexican armies. Her power made her hands tingle when she faced the direction of approaching troops, and she could tell how many there were and how far away. In some parts of northern California, most of the Indian doctors are female. In Korea, nearly all the Mutang shamans are women. People come to their kut ceremonies for healing and help with their problems, but nevertheless the mutang suffer a strong social stigma in a patriarchal society. Like the Burmese harpists, there were all-female orchestras in southeast Asia and Indonesia. Ancient priestesses sang invocations and played hand drums throughout Afroasia and the Mediterranean. The art of Syrian and Cretan priestesses is rich in scenes of ceremony: invoking goddesses, making offerings at altars, and dancing with snakes. Celtic Gaulish snake priestess are also shown dancing with serpents, in Mavilly (France) and in Yorkshire. Tanaquil, Etruscan priestess, was a diviner who observed omens, and who founded the matrilineal Tarquinian dynasty. In Rome, women were active in the temples of Diana, Bona Dea, and Ceres but, with a few exceptions like the Vestals, the state barred them from temple leadership. Over time, a male hierarchy gradually encroached on the female sphere, pushing priestesses down and sometimes out of the temples. Finally the Church banned women from officiating in Christian rites. But it took centuries to break this old tradition, in Sicily, Arabia, Bretagne until women were forbidden to even approach the altar. In India, the Brahmin priesthood also barred women from becoming temple pujaris. Some holy women bypassed such institutions altogether, like the medieval mystic Lalla and Karaikkal. Lalla was from Kashmir while Karaikkal Ammaiyar, who threw off all social convention in her spiritual quest, was from south India. Chinese women practiced many forms of medicine, as herbalists, midwives, acupuncturists, surgeons, and spiritual healers. The indigenous southerner used to learn acupuncture by needling their own points. In Tibet, Yeshe Tsogyel faced a different kind of struggle, as a woman of wisdom who faced down opposition to co-found Tibetan Buddhism. She was said to have great visionary and healing powers, even reviving the dead in some stories. In the Aztec world, men controlled all top temple posts, but women still held office as priestesses, including those who presided over healings in the Temezcal sweathouses. 22.䷕ 女 nü (woman, rad.38) androginia | Thai song.mp3


May 五月  (up calendar 月)
l'upupa alleva i pulcini in cavità di tronchi, muri e pertugi al suolo, catturando molti insetti dannosi alle colture.


Seba, while drinking a cup of chinese Tea, he describes us the analogy between a chinese Shaolin temple and the italian Therabuti: "It is a temple and gardens it has terraces and windbreaks walls benches with flower beds and fruit trees; it is separated in small areas or crop fields with straw everywhere. A small Banana tree, Hazelnut, Walnut and Chestnut. Seba, snacking some anacardium nuts and pistachio nuts (pistachio tree). The Hazelnut (nocciole, лещина/lesc’c’ina) fruits are good for memory, to eat at end of Spring season, move the branchs and pick up the biggest fruits, then let the smallest to the birds and animals. The nut falls out of the involucre when ripe, 7-8 months after pollination. Hazelnuts are rich in protein and unsaturated fat. They contain significant amounts of thiamine and vitamin B6, as well as smaller amounts of other B vitamins. In the USA, hazelnut butter is being promoted as a more nutritious spread than its peanut butter counterpart. Seed, raw or roasted are used in breads, cakes, biscuits, sweets; finely ground seeds are used as an ingredient of face masks in cosmeticts. They can also be liquidized and used as a plant milk. A clear yellow edible oil is obtained from the seed. It is used in salad dressings, baking as welll as in paints, cosmeticts and tattoo; it has a very gentle but constant and effective action in cases of infection with threadworm or pinworm in babies and young children. The bark, leaves (source of tannin), catkins and fruits are sometimes used medicinally. They are astringent, diaphoretic, febrifuge, nutritive. The seed is stomachic and tonic. The wood was traditionally grown as coppice, the poles cut being used for wattle-and-daub building and agricultural fencing. It is soft, easy to split, not very durable, beautifully veined. Used for inlay work, small items of furniture, hurdles, wattles, basketry, pea sticks etc. The twigs are used as dowsing rods by water diviners. The wood also yields a good quality charcoal, used by artists. Hazelnut-flavored coffee seems to be slightly sweetened and less acidic. Hazelnut peels are good defumadores. (IT) Il chestnut-Castagno europeo (Castanea sativa, fam. fagaceae) innestato anche sul giapponese (Castanea crenata), ha prodotto nuovi ibridi. Sopporta bene i freddi invernali fino a -25 °C, schiude le gemme a tarda primavera e fiorisce a inizio estate. Fruttifica se la buona stagione dura fin 4 mesi: nebbie e piovosità eccessiva a giugno-luglio ostacola l'impollinazione, così moderata siccità estiva ne rallenta l'attività vegetativa e fruttifica irregolare. Da giovane tollera un moderato ombreggiamento, ma in fase di produzione manifesta eliofilia. Tipico albero di boschi collinari e montani di bassa quota, la distribuzione del castagno è correlata al tipo di suolo: la specie ama terreni dotati di potassio, fosforo e humus (terreni neutri o poco acidi); tollera il calcare dei suoli basici solo nei climi umidi e piovosi e tollera suoli argillosi o soggetti ai ristagni. Preferisce suoli derivati da rocce vulcaniche (tufi, andesiti, ecc), ma vegeta bene anche su suoli silicei (derivati da graniti, arenarie quarzose, ecc), purché dotati di humus. Forma associazioni miste con quercus (farnia e roverella), frassino, al carpino nero, noce, nocciolo. La crisi del castagno iniziò dal Rinascimento, col 'progresso tecnico' in agricoltura e lo sviluppo della cerealicoltura, da allora subì un lento abbandono. A fine Ottocento si acuì il declino della castanicoltura, ridimensionata e circoscritta ad aree di maggiore vocazione per castagne o legno, per molteplici cause: materiali alternativi (metallo, plastica) nell'allestimento di manufatti e infrastrutture; crisi dell'industria del tannino; scelta di altre specie (robinia e ciliegio), distruzione delle foreste; decimazioni causate da Phytophthora cambivora (e P.cinnamoni, mal dell'inchiostro), Cryphonectria parasitica (agente del cancro del castagno) e insetti xilofagi, che si sviluppano a spese di piante indebolite da condizioni ambientali sfavorevoli. Le castagne di Minerva (novembre) sono nutrienti, con amido, fibre, minerali e vitamine; aiutano bimbi, vecchi anemici, convalescenti, stanchi, sportivi, stitici e bisognosi di rimineralizzare ma, se si ha diabete, moderare. Il Noce-walnut (juglans regia) nasce in Himalaya e diffonde sulla Terra. Albero vigoroso, maestoso con radice robusta e fittonante, ama la collina a sud od ovest, protetta dai venti. Tal'albero si autocontrolla; pota solo rami secchi e mal posti. Pianta monoica, i fiori femminili schiudono dopo i maschili, sui germogli dell'anno assieme alle foglie. Colgo i frutti caduti a terra da metà settembre a fin ottobre. Le noci son ricchi di olio e zuccheri, quelle in commercio son lavate e imbiancate con anidride solforosa, poi essiccate per abbassar l'umidità al 4%. Il legno è molto pregiato, duro, compatto, resistente e di facile lavorazione. (ENG) In June the Tilia trees (Tiglio, lipa/липа, lyko/лыко) expands flowers fragrance, as in the past, when the Russian smierd people used its bark to make their home' shoes called lapot’/лапоть (pl. lapti/лапти) to let their foot to breath and to receive good aroma. (IT) L'infuso di fiori secchi di Tiglio è deliziosa, rinfresca, calma e stimola al contempo, poichè conserva ancora il nettare donando sapor di miele; preso alla sera favorisce il sonno e, se preso con perseveranza dal malato, è rimedio anticatarro, antidiarrea e calma l'irrequietezza. Il Sambuco-elder (sambucus nigra) fu un albero delle streghe, poichè si propaga in poco tempo soffocando le altre piante delle siepi. I fiori di Sambuco sono usati per fare vini, dolci e bevande con menta e zenzero; in fitoterapia per favorire la sudorazione nelle malattie respiratorie e abbassare la febbre: diaforetico, sfiammatorio e diuretico in infuso o tisane o estratto fluido (1 gr. 3 volte al dì) poichè l'infuso dei suoi fiori aiuta a curare il raffreddore, influenza e altri disturbi delle vie respiratorie. I primi germogli verdi, colti, immersi nell'olio e messi al sole qualche giorno, sono balsamo per le mani screpolate, dita lesionate, pelle seccata dal vento, emorroidi (assieme all'ippocastano). La tintura delle sue foglie triturate, è buon insetticida per le passeggiate estive. Le sue bacche, amate da merli e tordi, son buone aggiunte alle torte di mele e, usate a fare vini analcolici, combattono insonnia e tosse. I suoi steli, svuotati del bianco midollo son usati come giocattoli (cerbottane e pifferi) dai bimbi, mentre il legno di Sambuco, come quello di Salice, si diceva curasse l'epilessia pertanto, se ne facevano ciondoli e collane per gli ammalati. (ENG) Sambucus tree decoction, cleans oral cavity while elderberries in wine, producing cough tonic good for throat gargle and respiratory ills. Elder tea sooths, arthritis and rheumatism, in Bomarzo Taras uses elder fresh leaves washed and applied on the inflamed skin, mouth, abscesses, but possible allergic reactions on sensitive skin. Elder macerates (open air brew) it's helpful also to get off Arvicoles from vegetable garden. The outer area of Thera temple it is like a wild forest: Oak, Walnut, Hazelnut, Chestnut, Willow and Pinus. (IT) Ippocrate consigliava l'infuso di foglie di Salice (willow) come antidolorifico; la corteccia del salice, da migliaia di anni si mastica per ridurre febbre e infiammazioni come borsite e tendinite, inoltre, è ottimo per mal di schiena, tensione, mal di testa, artrosi. Il Salice bianco è un antidolorifico, senza gli effetti collaterali dell’aspirina (acido acetilsalicilico) isolata da Hoffmann. Felix Hoffmann, chimico tedesco nato in Germania, trovò lavoro in una piccola farmacia oggi divenuta un colosso multinazionale di farmaci e semente: la Bayer. Non esistevano farmaci di sintesi tranne la morfina, che esisteva dal 1804, quando Armand Séquin la chiamò così in onore di Morfeo, dio del sonno e dei sogni, e Sertürner, ventenne speziale tedesco, sviluppò un metodo economico per produrla dall'oppio. Hoffmann pensò di realizzare un antidolorifico più blando della morfina, provando a farla reagire con anidride acetica. Ebbe un insuccesso. 23 anni dopo riprovò, ma mettendo l'acido salicilico al posto della morfina. Il risultato fu l'Aspirina, sostanza che testata sugli animali, si dimostrò effice contro febbre, dolori lievi (antinfiammatorio), anticoagulante e fluidificante del sangue. Hoffmann però, non si fermò qui, venne preso dalla "droga del capitalizzare". Cercava la sua teriaca contro tubercolosi e malattie polmonari dell'epoca. Ripetè con la morfina ed ottenne l'eroina (diacetilmorfina), e le persone che l'assumevano dicevano di avere sensazioni di benessere e pace intense, così, la Bayer, la considerò "eroina priva di controindicazioni". In poco tempo si diffuse tra la popolazione e si notò che i consumatori ne diventavano dipendenti. Perfino in Cina, iniziò a sostituire l'oppio. Gingko biloba (dal giapponese yin-kwo, frutto d'argento), albero dei parchi di Cina e Giappone, avente resistenza a siccità, freddo, inquinamento e raggi gamma, è usato a contrastare: insufficienza circolatoria cerebrale e senilità precoce, arteriopatie delle gambe. Pinus pinea (edulis, silvestris, mugo, ecc; conifere) albero balsamico e antireumatico, pioniere che cresce negli ambienti più difficili, prima di essere affiancato da specie meno rustiche una volta che ha creato suolo fertile. La sua crescita in densi boschi, assieme all'acidificazione del suolo (decomposizione dei suoi aghi) limita la diversità di piante nelle pinete delle coste mediterrane, ma, il Leccio (quercus ilex) arriva a soppiantarlo. La corteccia del Pino essuda una resina pungente e appiccicosa (contiene pineolo, terpeni, alcooli e acidi resinici) che, seccando, diviene secca e fragile, da essa si ricava la Trementina (dal greco terebinthos, albero con linfa fluida, trasparente, volatile), utile a lenire i dolori del corpo, curare ulcere, eruzioni del cuoio capelluto, raucedine, tisi, febbre, pustole, foruncoli, bubboni; quella estratta da liquidambar styraciflua, cura costipazione nasale, dolore dei molari, dolori intestinali, gotta, fratture e piaghe. Tzapotlatena è la dea dei maya che scoprì la resina che percola da alcune conifere, con incisione su pianta viva o dal durame di pianta morta per farne balsamo e incenso. Tali resine, sebbene solide a temperatura ambiente, prendono la forma del recipiente che le contiene; hanno alta solubilità in alcool e nella maggior parte dei solventi organici. La trementina liquida che trasuda dagli alberi è chiamata gemma, quella indurita è barras o gallipot. L'aroma si avverte passeggiando nel rado sottobosco, così, il Pino e le altre conifere (abeti, cedri, larici, sequoia, ecc) nel folklore europeo sono Alberi della vita, poichè sopravvivono alle intemperie invernali, sono associate alla presenza di fate e gnomi e trasmettono pace e serenità alla mente umana. Gli aghi di pino, raccolti a primavera essiccati, contengono vitamina C e saccarosio, l'uso esterno ne valorizza le virtù stimolanti, antireumatiche e antisettiche, l'uso interno, le virtù antinfiammatorie, antiscorbuto e immunostimolanti. Le gemme son raccolte a fine marzo, essiccate al sole e serbate in vasi, il decotto di gemme è battericida, sfiamma, stimola e disinfetta la pelle, mentre ingerito (30 gr di gemme tritate in litro acqua bollente in teiera coperta) con miele, 3/4 volte al dì, seda bronchiti, catarro e stimola la diuresi. Un infuso di una parte di aghi, diluiti in 10 parti di acqua, cura mal di gola, tossi, bronchiti oltre a reni e vescica. Il decotto di aghi 4 maciate di aghi in 1 litro acqua, si lascia bollire 15 minuti coprendo con coperchio per trattener gli oli) è usato localmente su bruciature, dolori muscolari, e ingerito nella cura del mal di testa, febbri e congestioni respiratorie, oppure usato in bagni di vapore per gli stessi scopi, stimolare e rilassare, alleviar dolori muscolari, reumatici e stress nervoso. I pinoli, miscelati al vino, purificano sangue, reni e tosse, fortificano e, in decotto, sfiammano i genitali femminili. L'olio di pino, è utile antisettico per curare ferite e pustole, e nei massaggi, assieme a olio di mandorla, dei muscoli indolenziti e dolori reumatici. Cipresso nano (Cupressus goldcrest), albero sacro a Turanna-Venus. I Bambù (Bambuseae spp), sono piante sempreverdi molto vigorose, alte da pochi centimetri a 40 m di altezza, popolari come piante da giardino. Han radici rizomatose e variabili secondo la specie. Fusto cilindrico fin 30 cm diametro, con internodi cavi e nodi da cui sviluppano foglie sottili e lanceolate. Nella coltivazione, le piante di bambù necessitano di cure per contenere il loro comportamento invasivo; secondo il pedoclima locale, propagano via radici o rizomi sotto terra: alcune emettono ricacci di svariati metri all'anno, altre restano dormienti per lunghi periodi e poi colonizzano aree adiacenti. Bambù cresciuti a macchia, se si espandono eccessivamente e si vuole contenerli, si tagliano raso le canne e si ripete il taglio ai nuovi getti che escono dal terreno, fino a che il sistema radicale esaurisce l'energia e muore; se le foglie compiono la fotosintesi, il bambù sopravvive e continua a propagarsi. Il bambù ha legno cavo, leggero e resistente, utile per diversi usi. Marco Polo veneziano (1271) vide in Cina che il bambù era usato per ottenere robuste corde per tirare in secca le navi; le stesse funi furono usate per i ponti sospesi del fiume Min. Nel Sichuan, sin dal 500 a.C, i tronchi erano usati: a costruire tubature di irrigazione per estesi campi di riso; distribuzione del gas naturale dai giacimenti fino ai villaggi; costruire abitazioni resistenti ai terremoti; creazione di armi, trappole (molto usate dai vietcong nella guerra del Vietnam), canne da pesca, vele (stuoie di bambù), carta (riduzione in piccoli pezzi delle canne, cottura, pressatura della poltiglia ottenuta), tessuti, telai per biciclette, farmaci, filtri per aria e acqua, giocattoli: l'artista afghano Massoud Hassani, usò il bambù per costruire giocattoli grandi ma leggeri, adatti come bersaglio nei campi minati del suo paese, realizzando così un modo economico di sminare le zone minate ancora presenti nel paese. La longevità dell'albero del bambù lo rende per i cinesi un simbolo di lunga vita, (assieme a pino e pruno), mentre in India è un simbolo di amicizia e, poichè fiorisce raramente (ogni 50 anni, la più recente nel maggio 2006), un segno dell'incombente arrivo di carestia alimentare: i topi amano i fiori caduti, si moltiplicano a dismisura e distruggono gran parte dei raccolti e delle riserve di cibo locali. I germogli di bambù sono usati come ottimo alimento, le foglie per fare bevande alcoliche e le canne, in Cina, per la fermentazione del vino; foglie, germogli e steli soffici di bambù (bambù fusto-nero è phyllostachys nigra) sono fonte primaria di cibo per il panda gigante della Cina e per la scimmia ragno. Diverse culture asiatiche, inclusa quella delle Isole Andamane, credono che l'umanità discenda da uno stelo di bambù; nel mito filippino, il primo uomo e donna vennero liberati per l'apertura di un germoglio di bambù che emerse su un'isola creata dopo la battaglia tra le forze di Cielo e Oceano. In Malesia, una storia simile include un uomo che sogna una bellissima donna mentre dorme sotto una pianta di bambù, si sveglia, rompe lo stelo di bambù e scopre la donna all'interno di esso. In Giappone, molto spesso una piccola foresta di bambù circonda un monastero scintoista, parte della barriera sacra contro i mali. Il bambù delle Hawaii ('ohe) è una materializzazione corporea (mana) del dio creatore polinesiano Kane. Ailantus altissima, simaroubaceae; (chòuchūn 臭椿 in mandarino, 'albero alto da raggiungere il cielo', tree of heaven) albero del paradiso, citato già nei primi testi di medicina cinese, per la sua abilità di curare mali che vanno dalle malattie mentali alla perdita dei capelli. Radici, foglie e corteccia son usate ancora nella MTC, come astringenti. Produce frutti secchi (samare) e un miele di Ailanto. Originario della Cina e delle Molucche, fu coltivato per allevare un bombice (Philosamia cynthia), per la produzione di seta. Importato (in Europa 1740, Usa 1784) come specie ornamentale, dimostrò grande capacità pollonante. Per i vantaggi della sua adattabilità e velocità di crescita (15 m in 25 anni, ma poco longevo), E' pianta cantiere, che ama spazi aperti e luminosi, si adatta a ogni suolo e resiste all'inquinamento, freddo, caldo torrido e siccità. E' usato in alberature stradali difficili come rapido rimedio contro i raggi solari e rimboschimento di suoli franosi, sterili, aridi, sassosi e instabili da consolidare. Si moltiplica per seme o talea di polloni, rami e radici. Colonizza aree disturbate e degradate dall'uomo, soffoca i competitori con sostanze allelopatiche e, se tagliato, ricaccia vigorosamente con radici espanse fino 30 metri, dando luogo a colonie di nuove piante figlie. Seba infine ricorda come nella medicina cinese, i 5 colori sono connessi con 5 organi del corpo: rosso-cuore, nero-fegato, verde-polmoni, giallo-stomaco, bianco-reni. Gli alcaloidi sono sostanze organiche a reazione alcalina, affini, per struttura chimica, ad alcune molecole che regolano il metabolismo umano; nelle piante essi sono una riserva di azoto che, in caso di carenza, muta ancora in aminoacidi. Le erbe svolgono ruoli molteplici, oltre le proprietà salutistiche, molte entrano nei pantheon popolari (specie presso popolazioni emarginate dal progresso), un richiamo alla biodiversità vegetale come patrimonio e obiettivo strategico dell'umanità, esse creano conoscenze necessarie alla loro valorizzazione economica; collaborare e condividere tali risorse genetiche disponibili, appare il solo futuro possibile agli umani sulla Terra. Il Carrubo (Ceratonia siliqua, thaqu in quechua), usato come collirio sfiammante degli occhi, dai Misquito e dagli andini, è molto coltivato in Nord Africa e paesi del Mediterraneo, dove è apprezzato per l'ombra delle chiome fitte, in luoghi aridi. Pianta rustica e longeva, sebbene a crescita lenta, cresce bene in terreni aridi e anche molto calcarei. In Italia resistono i carrubeti di Ragusa e Siracusa (70% della produzione nazionale), per la trasformazione industriale dei semi di carrube in semilavorati, utili come succedanei del cioccolato, addensanti, gelificanti per l'industria dolciaria e alimentare. I semi, durissimi (in arabo qīrāṭ, nome dell'unità di misura 'carato', equivalente a un quinto di grammo), sono immangiabili, vengono macinati ottenendo una farina multiuso, che contiene molta carrubina la quale, ha capacità di assorbire acqua 100 volte il suo peso. Nella medicina popolare, i semi macinati erano usati come anti-diarroici mentre i frutti (baccelli che conservano a lungo) erano consumati freschi o secchi o tostati al forno; oggi sono usati per il bestiame. Il duro legno di carrubo era usato nella fabbricazione di utensili e macchinari in legno soggetti a usura. Le Palme sono monocotiledoni arborescenti, spesso prive di rami, con crescita dal midollo interno. Nell'arido paesaggio desertico, si erge la Palma da dattero (Phoenix dactylifera), alta fin 20 metri, necessita di molte ore luce per produrre grappoli di frutti zuccherini e nutrient (70% glucidi, vit.A,B e sali): 100gr di datteri forniscono 253 calorie, pari a quelle di una bistecca. 56.䷷ 竹 zhú (bamboo, rad.118) alberi minor


Pamela, at evening symposium, tells us the customary european dance around Midsummer bonfires: "the Swedes used nine kinds of wood in their blaze, and wove nine kinds of flowers into the dancers' garlands. In many places people gathered nine special herbs, usually including hypericum (st John's wort) and mugwort (Artemisia vulgaris). The Spanish gathered verbena at dawn and leaped over the fires. Herbs in the Artemisia family are regarded as sacred in North America (desert sage, among others, has purifying powers), China (used in moxibustion smudging by acupuncturists) and Europe, where it also was used as a smudge to remove negative influences and was said to protect those who wore it. The wreaths were made out of wormwood and hypericum, Both of these blessing herbs made into garlands to hang up in homes and barns, as protective talismans, and sometimes used to smudge in ceremonial blessings and healing rites. Last years' garlands were thrown into the bonfire. When Petrarch (poet) visited Cologne on Midsummer Eve in the year 1330, he found the banks of the Rhine crowded with women adorned with chains of aromatic herbs. Just at sunset they dipped their arms and hands in the water and washed them to the accompaniment of certain words in order to wash away all manner of evil for a year to come. Frequently they also hung such wreaths and garlands of greenery and flowers over the streets of the towns in the Rhine province and in Flanders in order that the children might dance under them. St. John's water, obtained by letting the water soak a handful of herbs and flowers (hypericum, chamomile, rose, sage, rosemary, walnut leaves) on the night June 23 to 24 out of the window, was used to take a shower with it, also to grease all pain of tarantula bites and to help awakening of senses of her children. Pamela before going to bed, she anoints and massage children's knee, ankle and navel, rubbing contractures to release tension along with indigestion. Egyptians discovered many scented oils to anoint the statues, the bodies of loved, artists, sportsmen, elderly, infirm and the young initiates (misti). A balm oil is an insecticide and fungicide for bodies diseases, it soothe many illnesses: for example, the Damiana oil stimulates the nerves, it's an antidepressant and sexual tonic. Therabuti driveway soil also is busy with hardy perennial plants of Labiatae family; lower down, where the soil is moist, Parsley, Chives, Calendula, Chamomile and Peppermint. The border areas are sacred ecosystem becouse hosting the living absent in other area. Linum (linum usitatissimum) species dominate, the rest are small groups so the dominant colors are yellow and red purple. The garden is a living been, constantly awakened, it improves never ends becouse it reflects the hearts, it draws life from the attentions of its user so if it attracts a soul, in this way it becomes a Thera temple. (IT) Tutte le foglie delle labiate, strofinate, sfiammano e leniscono il dolore. La produzione mondiale dei loro oli ossenziali è 45 mila tonnellate, Cina India e Brasile i produttori in testa, commercio dei prodotti aromatici in mano a poche multinazionali, usati per aromi, alimenti, bevande, profumi, cosmetici. In Italia il 70% delle aziende bio è al sud e le aziende di trasformazione al nord, quelle di maggior successo, coltivano specie con più attitudine: alimentare, terapeutica, cosmetica. Chamomile (matricaria chamomila), dal latino matrix (matricis, utero), richiama il potere calmante nei disturbi mestruali. Il greco χαμαίμηλον chamàimēlon (spagnolo manzanilla), significa mela (manzana) di terra, per l'odor simile alla mela Renetta. Ha fiori a capolini con ricettacolo conico e cavo, contenente: azulene e acido salicilico. Camomilla romana (anthemis nobilis) è l'altra specie, coltivata nei prati davanti Buckingham palace per alleviare i problemi respiratori. Entrambe son digestive, sedative e lenitive, ma la camomilla comune è magica sui bambini alla prima dentizione, specie se stizzosi: una tisana calda di matricaria rimedia al mal di denti, mal d'orecchi, mal di gola (gargarismi), lievi imbarazzi di stomaco, febbre leggera e convulsioni infantili se messa nell'acqua del bagno. In omeopatia è usata per problemi di dentizione, sindrome premestruale e malattie infantili (otiti, coliche e problemi comportamentali). Svolge azione calmante su bimbi ed adulti colti da improvvisi accessi di collera e, bevuta regolarmente, elimina i ronzii. La tisana di camomilla romana è potente calmante per nervi scossi e un ottimo digestivo se presa prima di andare a dormire (spasmolitica dei crampi intestinali di soggetti nervosi): "un decotto di Camomilla calma qualsiasi dolore o fitta ai fianchi", diceva Culpeper (come il cortisone, calma nevralgie di sciatica, trigemino lombaggine e torcicollo), e messa nell'acqua del bagno, elimina la stanchezza e dona sollievo ai muscoli in tensione e reumatismi. La romana è specie rustica che si adatta a terreni poveri, io la semino a primavera, in vaso o aiuole d'orto con sabbia, si dissemina da sè; è medico per le altre piante, cioè aiuta la buona salute di altri fiori a lei vicini. Ama il sole, la innaffio fino a raccolta capolini a inizio fioritura (giugno). Fò passar fra le dita gli steli della pianta per cogliere i fiori, che han perso i petali. Essicco i capolini su strati sottili all'ombra; conservo poi in recipienti vetro a riparo da luce ed umidità. Li uso per i lor effetti sedativi e antidolorifici in infusi (un cucchiaio di fiori in tazza bollente, 10 min), nebulizzazioni, impacchi, colliri, collutori (assieme alla malva), clisteri, vini aromatici tonici, antispasmodici, diaforetici e digestivi. L'infuso raffreddato, usato regolarmente dopo lo shampoo, 1/2 volte a settimana, schiarisce i capelli biondi che con il tempo tendono al castano, nutre i capelli e cuoio capelluto. Le sue tisane espellono i gas intestinali in eccesso, leniscono e detergono pelli e mucose arrossate e decongestionano gli occhi (bagni oculari). Calendula officinalis (fiorrancio) fiorisce da maggio all'autunno, a patto che i capolini seccati vengono via via recisi e se ne lascino pochi a maturar semi. I suoi petali sminuzzati, son ottimi su piccole ferite e morsi d'insetti. Taras, oltre ai fiori, essicati e infusi in acqua bollente, usa tutta la parte aerea della pianta: ha ottime proprietà antibatteriche, antifungine, antivirali, antiparassitarie e antitumorali. Potenzia il sistema immunitario e sfiamma le nevralgie gastriche, ulcere, spasmi, tumefazioni ghiandolari, itterizia e anemia: un infuso di Fiorrancio (50 g di fiori e foglie) agisce come antispasmo, sudorifero e regolarizza il ciclo mestruale; ipotensiva e vasodilatatrice, aiuta i nevropatici. La Tintura di Calendula, diluta a 1:25 (garza imbevuta, vedi arnica), è ottimo rimedio per tagli, ustioni, ascessi, piaghe, ferite aperte, escoriazioni, eczemi, scottature solari, sciacquare la bocca o fermare le emorragie di umani, animali ed uccellini. Sebbene ha sapore sgradevole, sempre diluita, può fermare l'herpes labiale allo stato di pizzicore iniziale. Calendula, Iperico e Ledum, favoriscono tutte una sana granulazione e guarigione senza infezioni, ma per ferite infette o sporche, Calendula agisce troppo rapidamente, meglio usare la più lenta Tintura di Iperico (hypericum perforatum). Pianta magica cacciadiavoli i cui ramoscelli, il 24 giugno, venivano gettatri nei falò accesi al calar della sera per purificarsi dai propri turbamenti. Le sue cime fiorite macerate in olio, curano le scottature. La Tintura di Iperico, opportunamente diluita (1:25 o cucchiaino in mezzo litro d'acqua) e usata tempestivamente, aiuta a prevenire il trisma tetanico (contrazione spastica della mascella causata da tossine del tetano); La sua azione, meno rapida della Calendula, è preferibile nelle ferite molto profonde e molto infette: ha dato risultati in casi di ulcere putrescenti alle gambe che sembravano inguaribili. Garze intrise di tintura diluta, son consigliate in casi di giradito, escoriazionii infette, tagli profondi, ascessi, foruncoli e pericolose punture d'insetti. Iperico fu uno dei rimedi più efficaci per le ferite profonde o provocate da armi avvelenate, assorbe i gonfiori, richiude i lembi e rafforza le parti fiacche. Come infuso o in gocce omeopatiche, aiuta a riprendersi dopo un shock (antidepressivo), giova nei lievi disturbi dell'urinario e in caso di tosse e raffreddore (espettorante). Taras consiglia a coloro che spesso durante la notte si svegliano, in preda a dolorosi crampi ai piedi o gambe, di tenere a portata di mano un vasetto di unguento a base di Arnica montana (Asteraceae). Erba medicinale usata nella cura a lungo termine di traumi, contusioni, strappi, lividi, distorsioni, geloni, artrite e dolori influenzali. Alcuni maratoneti la applicano prima della gara per prevenire dolori e rigidità muscolare, allevia il dolore e attenua il gonfiore in modo efficace, se usata in forma liquida. La tintura di arnica è troppo forte, agisce meglio se diluita (1:25 o un cucchiaino in mezzo litro di acqua fredda), ottima anche contro foruncoli, acne e punture d'insetti. Chiamata “tabacco di montagna”, le sue foglie essicate venivano usate come tabacco da fiuto. Per i dolorori articolari è una panacea, ma non va ingerita, perché è velenosa. Relativamente rara in Italia, cresce in terreni poveri e silicei (substrato acido), in zone montane (500-2.500 metri s.l.m), ha fusto eretto alto 20-60 cm, gran fiori giallo-arancio con petali spettinati e gradevole odore aromatico, rizoma, fiori e radici, son le sue parti usate. Anthyllis vulneraria, detta trifoglio vulnerario per la somiglianza delle foglie, nel Medioevo fu un erba miracolosa pur colta la notte di S.Giovanni, capace di accelerare la guarigione delle ferite e proteggere dal malocchio, persone e bestiame. Il nome antillis, significa fiore peloso, flanoso, capace di cicatrizzare le ferite (vulnus in latino). Sua tisana è leggera lassativa ma, in uso esterno, lenisce piaghe, ascessi, piccole ulcere purulente, eczemi e disinfetta il cavo orofaringeo. La pulmonaria officinalis ha proprietà espettoranti, astringenti, lenitive, emollienti e diuretiche; è usata nella cura di geloni, contusioni, screpolature della pelle, catarro e infiammazioni di gola. L'erba Ruta (ruta graveolens) detta l'erba contro la paura, si metteva in tasca quando si dovevano affrontare situazioni di paura e le case in cui cresceva, eran privilegiate. Ruta è un altra delle erbe amare prese nella Pasqua ebraica: risolleva lo spirito e acuisce l'intelletto preservando la castità, assieme alla menta elimina alito cattivo. La riproduco per seme in vaso, talea di rametti semilegnosi o division di cespi. Colgo le foglie avan fiori sbocciati e le uso fresche o essiccate. Foglie fresche sminuzzate uso, con moderazione, a insaporire di piccante: due fette di pane imburrato, insalate, carni-pesci, oli, aceti aromatici e grappe. Ha virtù emmenagoghe, sedative, digestive, vermifughe e in dosi alte, abortive. Sua virtù primaria è alleviare il dolore di distorsioni o strappo dei legamenti di giunture ed ossa: compresse fredde fatte con Tintura di Ruta diluita, applicate su ginocchia e polsi stirati, o stinchi colpiti da una botta, calmano presto il dolore, così l'unguento cura geloni e infiammazioni dolorose dell'alluce. Dosi omeopatiche di Ruta 6, agiscono bene sugli occhi affaticati e mal di testa frontale, neutralizzabile pure, masticando lentamente una foglia. Foglie triturate applico su punture di ape e mescolo al mangime per pollame, a curare la laringite difterica. La rutina (di Ruta e Grano saraceno) infine, è utile a rafforzare i capillari e a ridurre la pressione sanguigna. Lippia citriodora (Verbenaceae), detta Limoncina o Verbena odorosa, è arbusto del Perù-Cile, importato in Europa dagli Spagnoli per industria profumi. In primavera taglio steli nel punto dove nasce nuova vegetazione. Colgo le foglie in estate quan fiorisce, fò essiccar all'ombra e serbo in vaso vetro, manterranno profumo per anni. Le foglie fresche o essiccate (antinevralgiche, neurotoniche, stimolanti) uso in infusi o liquori d’erbe, insaporiscono olio, aceto, macedonie, gelati e marmellate, ma un uso prolungato e regolare può dar indigestione o mal di pancia. In Abruzzo, l'infuso o decotto di foglie e fiori Verbena officinalis, è usato per anemie, coliche epatiche, analgesico, antiemetico e antidiarroico; Verbena officinalis è pianta tonica amara, digestiva, deostruente splenico-biliare: cura i calcoli, è spasmolitica, drenante, antinfiammatoria, analgesica, diuretica, antidolorifica, tonica, vermifuga, febbrifuga. Usata con infusi, decotti o impacchi esterni, la dose consigliata è un cucchiaio di erba in una tazza di acqua bollente, 2-3-volte al di. Tra le molteplici proprietà medicinali, è tranquillante di problemi nervosi e insonnia, a lungo considerata una valida alleata di poeti e scrittori, anche per gli indiani Pawnee, che la usano a migliorare i loro sogni. Alcune specie di verbena crescono in vaso sotto sole; in inverno la pianta va tenuta in luoghi chiusi o riparati dal freddo, ma luminosi. Teme pioggia forte e gelo. Si moltiplica per talea (in estate) o semina in primavera. Ama suolo ricco di humus e drenato, per preservare le radici. Infuso di Verbena amara (Verbena litoralis), ad azione tonica e antibiotica, è rimedio popolare per fermare la diarrea, e cataplasma contro dolori al fegato. Verbena silvestre (Scoparia dulcis) è valorizzata dai Misquito, come panacea antibiotica e sfiammante. L'infuso e decotto di foglie o pianta intera, cura disordini e malesseri digestivi, respiratori, mestruali e del parto, dolori cardiaci e morsi di serpente; 2/3 tazze al dì son prese come diuretico, ricostituente (escluso in gestazione), ipotensivo, cardiotonico, antivirale, antiherpes e anticancro (acido scopadulcico B), con azione citotossica selettiva sui diversi tumori al cervello e dei melanomi. La Lavanda-lavander (Lavandula angustifolia, officinalis) fiorisce da giugno a settembre, nel linguaggio dei fiori indica prudenza e gioia: il tuo ricordo è la mia unica felicità. Un tempo era usata contro i morsi di serpente, strofinata sulle ferite dopo averla lasciata macerare in acqua; sebbene antidoto, si pensava che all'interno dei suoi cespugli i serpenti facessero il nido, quindi i popoli le si avvicinavano con rispetto e cautela. Lavanda si moltiplica per talea, ha bisogno di sole e terreno drenato; se la poto, lo fò a inizi autunno o a primavera dopo la fioritura. Taglio le spighe di fiori in estate appena si aprono, li uso freschi o essiccati in mazzetti da appendere o stesi su vassoio. In cucina uso appena fiori e foglie: i fiori profumano dolci e biscotti e le foglie l’agnello arrosto. La tisana di fiori di lavanda curano stati ansiosi, mal di testa, flatulenza, nausea, capogiri e alitosi (antisettico, antispasmodico, sedativo), i fiori essiccati profumano ambienti, saune e biancheria in armadi. Il profumo della Maggiorana (Marjoram, origanum majorana) è più dolce e speziato dell’origano, che è invece più fresco e pungente; le sue radici sono molto superficiali quindi la pianta può essere divelta con facilità; ciò ha evocato il simbolo dell'asceta che, pur essendo radicato nella terra il tanto necessario, è rivolto alle cose spirituali. Nel linguaggio dei fiori maggiorana ha ispirato il simbolo della bontà, conforto e idillio campestre. Pianta perenne con fusti eretti, è originaria di zone desertiche e ha fior viola-rosei riuniti in dense pannocchie. Propago per semina (in primavera) o division di cespi (dopo fioritura). Colgo foglie e spighe a inizio fioritura, poi essicco in ombra. In cucina aromatizza funghi, legumi, salse, insalate di pomodori, carni in umido e vini di erbe. Il suo infuso ha virtù sedative generale (l'essenza distillata è sedativa più volenta fino ad atonia e sonnolenza), antispasmodiche, tonico-stimolanti, digestive e diaforetiche. Per uso esterno è adatta a bagni-schiuma, saponi e frizioni antireumatiche. Basilico (ocymum basilicum) è pianta dell'Asia tropicale, dona foglie ed apici fiorali per tutta l’estate, utili freschi, essiccati, o conservati inter o pezzetti, sott’olio e in sacchetti di plastica nel congelatore. Dà sapor ad insalate, sughi, minestre, formaggi, pizze e pesto alla genovese. Ha virtù tipiche delle labiate e il succo delle foglie, strofinato sulla pelle, allontana le zanzare ed è emolliente per le spine. Tulsi (ocimum sanctum) è la varietà indiana valutata come antistress, analgesica e sedativa del snc, antipiretica, antibatterica, anti-ulcerosa, anti-tumorale, immuno-oncogena e radioprotettiva. Tisane di basilico, camomilla e melissa contrastano le cefalee: d'estate tagliare di continuo le cime del Basilico, previene che vadano presto in seme. Pamela semina Salvia officinalis a inizio primavera (20°C), i semi germinano dopo 1-2 settimane ma le piantine tendono appassire se il suolo è troppo umido. Così moltiplica per propaggine o talea, che preleva dopo fioritura. Salvia ama il sole, suilo acido e drenato e cresce bene in vaso. Colgo foglie e sommità fiorite, le usa fresche o essicca all'ombra. Salvia ama il sole: "se molto vuoi campare, a maggio salvia devi mangiare". Usata per condire cibi molto grassi come anatra, oca e salsicce, il suo infuso toglie il singhiozzo e, bevuto regolarmente migliora la memoria. Foglie di salvia masticate crude per denti da sbiancare, in insalata o in infuso per gargarismi mal di gola o sciacqui alla bocca in caso di ulcerazioni. Nella cura delle ferite si usano spesso foglie di salvia, verbasco e altre erbe sminuzzate o tritate con pietre, al fine di rilasciare le virtù cicatrizzanti ed emostatiche (tannini e saponine) e antisettiche (oli essenziali). Le foglie essiccate di salvia sostituivano il tabacco nell'alleviar le sofferenze di vivi e defunti; hanno virtù colagoghe, espettoranti, tonico-stimolanti, antisettiche; aiutano la digestione, puliscono i denti e aromatizzano i cibi: condire pasta al burro, preparar sughi, carni arrosto e in umido, pesci, legumi, oli e aceti aromatici. Foglie e fiori conservano bene in barattoli ermetici, fin 3 anni. Così pure il Rosmarino officinalis (rugiada di mare), pianta vivace e penetrante che, piantata presso casa è di buon auspicio, sostiene l'amicizia, la rimebranza e la felicità; in Inghilterra si credeva che portare all'occhiello del rosmarino favorisse qualunque impresa. Gli antichi Egizi lo usavano per alleviare il dolore muscolo-scheletrico, strofinando sulla pelle il suo macerato in olio di oliva. Rosmarino sà insaporire pollame, pesci, minestre, focacce, oli e aceti aromatici; ha virtù stomachiche, antisettiche (gli arabi cospargevano il cordone ombelicale di cuccioli e bimbi, con polvere di foglie essiccate), aperitive, digestive, tonico-stimolanti. Bagni e pediluvi di Rosmarino sono calmanti e tonici per piedi doloranti e capelli opachi e stanchi; intrecciar rametti di alloro e rosmary nei capelli, aiuta negli esami. Un leggero infuso lenisce il mal di testa, calma e rafforza la memoria. Pamela pone sotto i cuscini dei bimbi anche un ramo di Timo (Thymus vulgaris, 百里香 BaiLiXiang), a facilitar il sonno e tener lontano gli incubi, giacchè è fonte di coraggio (assieme a melissa e mirto), diligenza e pazienza, legata alla api dalle quali è ricercata come la stevia, simbolo di amore duraturo. Gli uomini preistorici attorno ai falò bruciavano rametti di timo per il buon profumo e tener lontano gli insetti. Del timo uso le sommità fiorite (colte da aprile all'estate e prodotte molto al 3/4° anno di vita) e le foglie, colte avanti o inizio fioritura con tutto il fusto, ed essiccate in ombra ventilata. Diversamente dell'aglio o basilico, il timo e molte labiate essicate, mantengono l'aroma che risulta più forte e concentrato, insaporendo e rendendo più digeribili molti cibi: arrosti, sughi, verdure, funghi, ripieni, oli, aceti e vini aromatici. L'infuso aromatico di timo è un tonico generale e digestivo, ottimo sostituto di te o caffè mattutino, un tempo panacea ricostituente del corpo, antianemico, anticatarrale di polmoni e vie urinarie, vermifugo, contrasto a fermentazioni intestinali, antisettica e antimicrobica (il timolo è usato da imbalsamatori e contro l'acaro varroa), utile a conservare gli alimenti, combattere malattie infettive del respiratorio e genito-urinario e, nei gargarismi, le infezioni del cavo orale: ammorbidisce le mucose della gola in presenza di tosse e pertosse, è balsamico-espettorante, depura e stimola. Se cotto nel vino è utile agli asmatici, cura infezioni alla vescica, elimina la tenia e cura dagli avvelenamenti. Il Timo serpillo è anch'esso balsamico nei processi catarrali, vermifugo, digestivo, antisettico di molte infezioni e ingrediente dell'aceto dei 4 ladroni, con cui ci si spalmava prima di avvicinarsi ai malati infettivi. Timo limone (thymus citriodorus) ha foglie ovali, fiori lilla e prufumo di limone. Li riproduco per division cespi o talea. Melissa e timo, come tutte le labiate, son pianta mellifere di eccellenza. Melissa officinalis, detta erba cedronella, come tutte le mente, riproduco per talea di punta o pezzi di stoloni radicati. Colgo sue foglie prima della fioritura; le uso fresche o essiccate in ombra, poi in vaso, al riparo da luce e umidità. Ha foglie di limone, utili come quello, per aromatizzar frittate, insalate, minestre, pesce, macedonie, yogurt/latte, vini, aceti e amari. Melissa aromatica, rinfrescante, sedativa, antipiretica, digestiva, antivirale, antibatterica e insettifuga; rilassa spasmi e vasi sanguigni periferici, inibisce l’attività della tiroide (evitare associaz. con farmaci) e, per uso esterno, sfiamma il cavo orale. L'estratto di foglie fresche, in unguento, tratta herpes labiale e genitale. Come spasmolitica, cura emicrania, irrequietezza e stati d'ansia con somatizzazioni viscerali dispeptico-gastroenteriche. In aromaterapia l'olio essenziale rilassa e rinvigorisce ma, per uso esterno, può dar irritazione a pelli sensibili, e l'assunzione assieme a farmaci calmanti, può dar eccessiva sedazione. La Mentha piperita è un ibrido da incrocio tra Mentha aquatica e mentastro verde (o menta romana). Menta Piperita è pianta perenne, con fusti stoloniferi rossicci e fiori rosa-viola riuniti a spiga. Come tutte le mente, si riproduce facilmente per talea di punta o dimorando pezzi di stoloni radicati. Foglie e sommità fiorite uso fresche o essiccate e serbo in asciutto a riparo luce. Ha sapore intenso utile nei vini, per aromatizzare tè, limonate e gelatine di mele cotogne, ma in cucina va usata moderatamente, viceversa la mentuccia, dall'aroma di menta, uso molto con funghi, carciofi, verdure, carne-pesce. Entrambe han virtù espettoranti, antispasmodiche, digestive, stimolanti, usata con la Ruta, ha il potere di neutralizzare l'alito cattivo. Per uso esterno è deodorante, antisettico del cavo orale e della pelle, e calma il prurito. Taras diceva: "qualsiasi dolore persistente alla colonna vertebrale può essere alleviato grazie a una frizione fatta con essenza di menta piperita usata abbondantemente su tutta la colonna. La Mentuccia (calamintha nepeta), Pennyroyal, Nepetella, Puleggio, Satureja calamintha, ha rizoma strisciante e stoloni; fusti quadrangolari e pelosi sugli angoli, prima sdraiati poi eretti, ramosi in alto. I Fiori, riuniti a infiorescenza, han calice tubuloso, peloso alla fauce, con corolla rosea. Colgo le foglie giovani avan fioritura come nel più comune Mentastro verde (mentha spicata, menta romana), che invece, uso a insaporire insalate, frittate, dolci, salse, gelati, macedonie e vini. Il tè aromatizzato con 4 foglie di menta (o 2 secche sminuzzate) è dissetante e corroborante, diffuso nel mondo arabo, adatto a chi lavora sotto il sole e soffre i colpi d'afa, berne alcuni bicchieri al giorno. L'infuso di menta-limone, come quello di salvia, è ottimo contro il singhiozzo ed elimina la nausea. Dopo i pasti (pur aggiunto di semi finocchio e camomilla), stimola digestione, riduce gas e coliche, ha legger effetto anestetico su muscoli intestini (e valvola cardias) rimedio al mal di testa da indigestione, esaurimento, bassa pressione o dolor mestruale. Due gocce (antisettiche di vie aeree e sinusite) di essenza su pelle, fan sentire freddo e tolgono prurito. Tisane di mentuccia agiscono da vermifugo mentre le foglie, esternamente, curano le ferite. Radici di liquirizia (glycyrrhiza glabra) colte in autunno, spezzettate, essiccate al sole e serbate in vasi vetro, masticate o in tisana con menta, sfiammano ulcere gastro-intestinali, gastriti, enteriti, e aiutan digestione.(ENG) Chewing a licorice stick, it cleans mouth and teeth, halting cavities. 2 or 3 cups of a heavy licorice tea, cause nausea or vomiting, helping to remove the excess of accumulated mucus in the stomach and chest while an infusion of dried petals of red Poppy quiets the cough". The Turkestan Mint (lagochilus inebrians, Labiatae) is a small shrub of the dry steppes of Turkestan. Like Salvia divinorum, it is one of the few members of the mint family (labiatae native from central Asia to Iran and Afghanistan) that is traditionally used as an inebriant and sedative. The most commonly reported effects include relaxation, euphoria, and subtle perceptual changes. It has long been used by Tajik, Tartar, Turkoman, and Uzbek tribesman. The species name inebrians refers to its traditional use as an inebriant tea, sweetened with honey or sugar to make it more palatable (it's a bitter plant). Alternatively, it is steeped in alcohol to make a tincture (vodka works fine for this). Alcohol is more effective than water at extracting the actives. The leaves, gathered in October, are toasted, sometimes mixed with stems, fruits, and flowers. Drying and storage increase their aromatic fragrance. Valued as a folk medicine and included in the 8th edition of the Russian pharmacopoeia, it is used to treat skin disease, to help check hemorrhages, and to provide sedation for nervous disorders due it's hypotensive properties (it lowers blood pressure). (IT) Salvia divinorum (Ska Maria Pastora, hojas Pastora) è una pianta erbacea perenne, un ibrido selezionato dagli indiani Mazatechi (stato di Oxaca, Messico) in tempi remoti. Può raggiungere 2 metri d’altezza, ha fusto squadrato e stelo vuoto e succulento, foglie opposte, ovali, lunghe 25/30 cm e larghe 10. Ha grande capacità radicante, specie presso i nodi, da cui sviluppa rami secondari. Ha lunghe infiorescenze a racemo con dodici fiori bianchi, bluastri a maturità, e calice color lavanda. Si riproduce quasi solo per talea data la difficoltà di produrre semi germinabili. Tutte le Salvia spp, in Messico, son usate a curare tisi, tosse, diarrea e intasamento vie respiratorie. (ENG) Pamela loved much the green Sage, it illuminate her mouth, up to the dawn. The Sage need a human soul so, dropping close to her body, she distills herself. People and animals are born without conscience, then they buy it, by eating the plant essence we form an alliance creating invisible bridges wherever we go.. All plants and animals are more connected to source then most humans and plants especially are in constant communication with Spirit. That’s why when we ingest certain plants we take on that ability to commune with Spirit for a short time. All beings have a higher purpose that we are completely unaware of as the Hymn of the Rigveda says: "in herbs is the power of the Universe. He who knows the secret power of plants is a powerful person. The plants treat and heal, kill or damage the enemy or give pleasure us and make us dream, thanks to chemical compounds, which they draw starting from the minerals in the soil. In the forest there is a remedy for everything to help us to rediscover wellness." Once Pamela sung an inspiration hymn received in heart during her Sage teacher: 'Oh Thera teach me to remember your bond; give me eyes to see, strength to understand. Teach me the calm, the memory of stones, courage and humility, history of the tree. Get me facing resignation as the autumn leaves, let me bear my errors and your lessons.' Sage (the wise de los sabios) whispers to me as a cat (Bastet), sometimes even crying she tells me to sing, she take my voice and let me walk away, even without eyes with the kind of voice similar to the frogs'. L'Ortica-nettle (urtica dioica) pianta che accumula ferro e stimola il compostaggio; aiuta a maturare frutti acerbi (poichè emette etilene), i pomodori e l’aroma delle piante e, da sempre, è alimento e medicina di eremiti (Milarepa). Emilia prepara il tè o decotto di Ortica (nitrati di potassio, silice, calcio), per scioglie bene muco e catarro; risolvere la diarrea nei bambini; combattere anemia, caduta di capelli (li rinforza, lucida, sforfora, sgrassa), afidi e pidocchi; e curare pelle grassa e asfittica; Ortica impedisce la coccidiosi dei polli e aumenta il calore nel nido d'oca in cova; aggiunta al foraggio accresce il grasso nel latte animale. Un forte decotto di radici, arresta emorragie, esterne ed interne, neutralizza l'acido urico in uomini e animali; cura emorroidi e infiammazioni renali. Ortica è un tonico vegetale che purifica il sangue, la sua Tintura diluita, è ottima contro le ustioni, sciacqui e gargarismi di bocca e gola infiammate, internamente combatte l'ingrossamento della milza e il raffreddore. In Mexico è medicina rossa che cura la tisi; in Abruzzo, il decotto di foglie o il massaggio con frutti (revulsivo), è usato su ulcere, artrosi e reumatismi. Se cogli con guanti le cimette tenere di 4/6 foglie avanti fioritura, e le mangi a primavera per purgare il corpo dagli umori freddo-umidi dell'inverno, han sapore di spinaci; in cucina le uso, come il tarassaco, per fare risotto, pasta e frittata. Tutta triturata è buon concime per orto, mentre il succo è un caglio adatto per la giuncata (latte coagulato senza sale). Amata dalle farfalle (vanessa atalanta, ninfale e pavone diurno), dona fibra per carta e tessuti in Nepal, integra il pasto di avicoli, fornendo ferro e sali, clorofilla, proteine, vitamine e caroteni per uova più rosse e in Africa, nutre e cura centinaia di comunità. Antianemico, ricostituente, antireumatico e aiuto allo stomaco, prepara infuso con 1 cucchiaio di ortica fresca tritata (o 2 di pianta secca) per tazza bollente, aspetta 10/15 min, poi filtra e bevi 2/3 tazze al dì per 2 mesi. Contro forfora e caduta capelli, metto 2 pugni di cimette fresche in vasetti con aceto e cipolla, chiudo ermetico e filtro dopo 20 gg. Con qualche goccia di questa lozione, friziono la testa dopo shampo. Ortica ha pure azione emmenagoga, cioè stimola afflusso di sangue ad utero e pelvi, così va usata con cautela in gravidanza. (ENG) The Consolida-Comfrey (symphytum asperrium, boraginacee) is an edulis plant rich in vitamin B-12. I sometimes mowing it fertilizes the garden. I boil its leaves recycling the macerate, it grows in places moist and shaded. It is called adjust-bones, it helps your back. This herb cures hemorrhoids & stomach peptic; Its roots pounded and applied as poultices was used on wounds during wars or disasters. (IT) Foglie e radici di Consolida contengono allantoina, sostanza che stimola la moltiplicazione delle cellule umane; è usata per cicatrizzare ferite, regredire infiammazioni e malattie cutanee, digestivo, cura di ulcere e coliti, lenire infezioni respiratorie. (ENG) Emily eats Burdock/bardana (arctium lappa, lappola), young shoots and roots boiled and seasoned, that is made softened. Some Burdock varieties are very tasty: "Burdock seeds spreads instead of the plow, I collect it in the spring after the wheat sown experiences it in the fall, burdock works great, it has deep roots and large leaves herbicide. (IT) Taras dice: "se la vecchiaia vuoi tener lontana, fatti amica cicoria e bardana". Lui usa la radice lavata, pulita e tagliata a strisce, raccolta nell'autunno del primo anno o nella primavera del secondo avanti fioritura: in caso di seborrea al capo (una delle cause di caduta di capelli) consiglia frizioni con decotto di radice. Un infuso di radice e foglie è depurativo e sudorifero, lui lo usa contro le dermatosi; così le foglie, applicate sulla pelle, cicatrizzano, curano piaghe, acne e pruriti. Bardana è componente primo del preparato Essiac (tisana di radice di bardana, acetosa, trifoglio rosso, piantaggine, radice di rabarbaro), mix per cura disintossicante, depurante e purificante dell'intero organismo, ricavata dai nativi Americani. Preparazione di 1 litro di tisana: 1) 100 grammi di queste erbe, s'immergono in un litro d'acqua in una pentola 2) Si fa bollire qualche minuto con pentola chiusa 3) Versare il decotto in una bottiglia. Assumere 6 cucchiai al giorno (2 a mattina, 2 a pomeriggio, 2 a sera), lontano dai pasti, anche insieme all'aloe. La Bardana potenzia il sistema immunitario e difese da batteri nocivi, tossine, veleni, infezioni, infiammazioni. Disintossica reni e cistifellea e favorisce l'eliminazione della bile in eccesso e dei residui tossici, alleviando i disturbi del fegato e migliorando la digestione. Althaea officinalis è pianta con foglie vellutate e biancastre e fiori rosei (usati da Ildegarda di Bingen), le sue mucillagini mescolate ad acqua calmano la tosse; althàino in greco significa: 'io guarisco'. In India, altea è detta Amni visnaga, pianta dall'azione fluidificante del catarro bronchiale poichè, dilata coronarie e bronchi (antiasmatico) ed uretere (colica renale). Mattioli sperimentò: 'una dramma e mezza del seme in polvere nel vino, rompe e tira fuori le pietre che si formano nelle reni, provoca orina e guarisce il dolore causato da quelle'. Le radici giovani e morbide, decorticate, tagliate a pezzi ed essiccate, son date da masticare come ninnoli ai bimbi tormentati dalla crescita dei denti, sono rinfrescanti e calmanti; anche i fiori, usati in infuso come l'ibisco, calmano la tosse e le irritazioni di gola e trachea. Il genere Hibiscus (famiglia Malvacee) ha numerose specie di interesse ornamentali ed economico, coltivate ad alberello o siepe in molte città italiane, poichè resiste agli inquinanti (ossidi, azoto, anidride solforosa) e alle avverse condizioni climatiche. Tutte hanno in comune i fiori imbutiformi, che compaiono all'ascella delle foglie o all'apice dei rami: fiori semplici, doppi, o plurimi, non profumati (H.arnottianus e H.waimae, lievemente profumate), calice con 5 sepali, corolla 5 petali, dal centro del fiore fuoriesce la colonna staminale di solito più lunga della corolla, su cui son disposti gli stami e che porta 5 pistilli. Esistono Hibiscus annuali e Hibiscus perenni, alcune specie tropicali temono i freddi invernali per cui crescono bene in vaso esposto solo in zone a clima mite: quando la temperatura scende sotto i 12°C, vengono portati in casa. Ibisco va abituato molto gradatamente all'aria aperta. All'inizio va sistemata in posizione ombreggiata e protetta per diversi giorni. Poi per 10 gg si posiziona al sole diretto solo la mattina e all'ombra nelle ore di punta. Infine si può lasciare al sole, senza concime per un mese, così da darle tempo di abituarsi al mutamento (alcune foglie ingialliscono e muoiono). Hibiscus cannabinus è coltivato per le fibre tessili e l'alto contenuto in cellulosa sfruttato nell'industria cartaria. Hibiscus Tiliaceus cresce nelle coste delle Isole Salomone, le sue fibre sono usate per confezionare gonnellini da ballo; tale arbusto sempreverde, nelle zone di tropicali di origine (Australasia e isole del Pacifico), può raggiungere dimensioni notevoli. Hibiscus sabdariffa (nativo dell'Africa orientale ma coltivato in America e India), ha calici del fiore che diventano succulenti dopo la fecondazione del fiore; già Dioscoride riportò le virtù emollienti dei fiori essiccati nella preparazione del Karkadè (parola eritrea), bevanda dissetante, rosea e dal sapore acidulo (acido citrico e tartarico), ricca di vitamina C, usata come rinfrescante, blando astringente, digestivo e regolatore della secrezione biliare. Il Karkadè dell'Abissinia, meno eccitante del thè, in tempi di guerra torno di moda in Italia al posto del Thè inglese. Hibiscus esculentus è coltivato nei paesi sub-tropicali per i suoi frutti a lungo becco, raccolti immaturi e usati come alimento e, assieme altre parti eduli della pianta, è conservato in scatola col nome di gombo od okra. La bella varietà di H. rosa-sinensis, originaria delle Hawaii di cui è fiore nazionale dal 1923; si usa donarlo in ghirlande a collana ai turisti in segno di benvenuto ospitale e come stimolo a cogliere le opportunità: le donne hawaiane portano questo fiore tra i capelli dietro l’orecchio sinistro, per mostrare il loro status di single, o dietro al destro, se impegnate. Il fiore d'ibisco dura solo un giorno, così in epoca vittoriana divenne simbolo di bellezza delicata e fugace: nell'800, donare un fiore di Ibisco sfumato voleva dire 'tu sei bella'; donare il siriaco a fiore bianco, voleva dire 'tu sei leale'; donare il rosso indicava la pazienza del corteggiatore, e il rosso sangue 'pena di cuore'. Ibisco è il fiore nazionale della Malesia ed è molto apprezzato in Australia, Nuova Zelanda, paesi del centroamerica ed Hawaii, dove, specie provenienti dalla Cina, si sono incrociate con specie Hawaiane originando piante spettacolari. La varietà più rustica è Hibiscus siriacus (o althaea frutex, fam. malvaceae) è specie arbustiva originaria della Siria di dimensione medio-alta che può raggiungere i 4 m d'altezza. Fiorisce da luglio a ottobre, ha fiori bianchi o rosa, semplici o doppi con corolla espansa e stami più corti della corolla. Questa varietà, insieme ad altre, fu scoperta nel 1700 da Ghislain de Busbeck, ambasciatore fiammingo alla corte di Solimano il Magnifico a Istanbul, il quale studiò botanica e inviò in Olanda molti esemplari. L'ibisco siriaco sopporta bene sia il freddo che periodi di siccità, superato il periodo di attecchimento, darà abbondante fioritura in buona esposizione solare; per evitargli stress, è utile trapiantarlo lontano dalla fioritura; tende ad allargarsi a cespuglio e si adatta bene a qualsiasi tipo di terreno, balcone e vaso: data la crescita rapida, necessita rinvasi ogni due anni; l'eventuale potature di fine stagione per contenerne l'aspetto, non intacca la sua capacità di fioritura estiva. Il siriaco è fiore nazionale della Corea del Sud, identifica l’immortalità, nonostante la sua delicatezza, l’amore perpetuo e l’invincibilità militare in guerra. Nel culto indù, è offerto alla dea Kali e a Ganesha. (ENG) Emilia once gave me chewing Mauve leaf, it cleans teeth well soothing sore teeth, also she put Malva leaves on burns or wasps stings becouse Mauve is food & medicine, from april to autumn. Its decoction is for intestinal and digestive heat: you boil mallow leaves, add tablespoon of olive oil, let stand overnight and drink in the morning. It uses the synergistic action of mucilage (decongestion), tannin (anti-inflammatory effect) and emollient properties of olive oil. Some plants are in competion with other plants or animals: geraniums and beetles, chickens and Hellebore; Monkshood with Peonies don't like other plants. Fresh Cucumber slices discourages cockroaches; Lysimachia nummularia is grass of snakes, snake heals itself ingesting this plant. Mature seeds of Datura kill the chickens in a natural slaughter, while hemp seeds get drunk them. Birds eat the fruit of the poisonous nightshade and ivy plants without suffering damage. Hemlock kills horses. More Euphorbiaceae plants get rats away. The Latiro (euphorbia lathyris, from greek lathyros=pisello) seeds are poisonous and just two Ricinus seeds are fatal to humans and animals. (IT) Nella medicina popolare si usava il lattice fresco del Latiro per eliminare duroni, calli e verruche, surrogato del lattice di celidonia o del fico. Il medico-botanico greco Dioscoride raccomandava l’uso di 6-7 semi come purgante energico, poichè tossico e irritante, correndo il rischio di emettere feci dolorose e con sangue; si usava anche polvere di radici (4-5 grammi) per dare purga e vomito violento. Lattice e foglie fresche erano usate nella cure di artriti e sciatiche, provocando ulcere ed irritazioni cutanee. (ENG) Ricinus communis (euphorbiacea) it is laxative for children and effective for chronic constipation just using a spoon of its oil in a cup along with ginger tea. It is analgesic for arthritis pains, its root infused relieves back pain. Emilia shows me the aphids on an apple tree, they indicates an imbalance on that tree, so I plants Ruta and Wormwood bitter plants around the stem to infects the roots of the tree so the aphids leaves. Other plant attract friendly predators that like the aphids as food. Nettle plants attracts the ladybugs larvae so I sprays nettle brew on green foliage to calm down strong mycosis, and if avalaible, also the decoction of Horsetail (equiseto) stems macerated in cold water. It prevent fungal diseases fighting molds on grapes, fruits and garden vegetables becouse Silica, inside plants, it repels insects and fungi. Clay in the dry state is also a silicate powder: when it becomes wet it is skin medicine. If pest on plants is too strong Emilia sprays water & soap mixture to win the parasites otherwise she put burned oil on the foliage to suffocate insect' eggs and larvae (pest). Fumigation of dry Oak leaves inside a clay pot or the Tansy water and Pyrethrum are good insecticide. Chickens and ducks also are very garden insecticide, to stop parasites in the henhouse of closest farmers, I adds cloves of garlic to the water beverage or mixing also with Chives tea. Rabbits do not like garlic and onions smells. 08.䷇ 田 tián (field, rad.102) popular herbs / erbe popolari


Taras tells the mediterranean coastline and the steppas-desert middle-est plants (spices-medicines), first he quotes Erodoto: "in Libia, attorno la citta di Cirene, c'erano gli Orti delle Esperidi che producevano spezie (zafferano, petali di rose e viole, tartufi), frutti (pomi, melograni, pere, corbezzoli, bacche mirto, datteri, olive, more, uva), mandorle, noci e nocciole; qui Eracle prese 3 pomi aurei al gigante Atlante e li pianto nel giardino di Thera. Mediterranean writers mentioned several contraceptive plants, members of the Umbelliferae plants (now Apiaceae). This family has relation with nerves (Pythagoras used to trance by using Anise nervous), so wild or cultivated, they affect digestive system: wild Fennel, Cumin, Coriander, Parsley, Celery, Ferrule asafoetida, all eliminates flatulence helping digestion. Celery served in soup or steam, it relieves rheumatism stimulating sperm. Prezzemolo (Petroselinum sativum, Parsley), ad alte dosi può essere pericoloso per la presenza di apioside che provoca congestione delle mucose e contrazione dei muscoli lisci dell’intestino, vescica ed utero, provocando l’aborto. Alte dosi danno gastroenterite, infiammazioni al fegato, emorragie intestinali, emolisi e morte. Invece, il suo succo è analgesico sulla pelle, contro punture d'insetti, ferite e morsi. Taras dice: "molte piante Umbelliferae (finocchio, daucus, cumino, cicuta, ferula, coriandolo, anice, ecc.) hanno radice fittonante che invia forza in alto, fiori che prima della maturazione hanno odore animalesco (insetti, orina di topo), che diventa poi aromatico e oleoso nei semi. Molte di loro divengono spezie; la loro droga lega l'aria alla terra (nervi e digerente) e permette di controllare le fermentazioni nel suolo e nell'intestino, così: Cumino impallidisce il volto, accalora e scaccia l'aria (flatulenza) da cumuli e intestini umani e animali; carote selvatiche sono buon vermifugo per capre e agnelli. Il Finocchio-Fennel selvatico (foeniculum vulgare), a primavera, ha semi depurativi, tonico-aperitivi, digestivi e antispasmo, si abbinano a carni grasse: raccolgo i fiorellini e i semi del Finocchio selvatico, li lascio essiccare al sole, poi li metto in barattolo. Tale spezia digestiva aiuta a condire piatti di curry, pesce, zucchine, zuppe. Per avere il bianco ortaggio (bulbo), semino a fine primavera o inizio estate (così non ha il tempo di andare a seme), e raccolgo il bulbo in Autunno; per avere bulbo più tenero, rincalzo con terra tutto il bulbo sopra il colletto. I giovani getti e le foglie fresche del finocchio, aromatizzano insalate, pesce, salse e aceti aromatici. Del finocchietto selvatico, colto a fin inverno, uso la parte tenera e le foglie filiformi, assieme alle sardine. Il finocchio macerato in vino rosso, è rimedio all'impotenza; come borrago, è antidoto alla depressione e ridona coraggio, i suoi steli giovani li consumo crudi e pelati come il sedano, utili per digestioni difficili e aiutare il sonno. Disinfettante usato contro il morbillo e altre malattie contagiose, assorbe umori e residui acquosi, masticarne i semi nei luoghi di culto, tien lontane le influenze. (ENG) Flowers ans seed, may stimulate milk production in women with baby as well as goats sheep and cow. Carrot heals goat's worms, with onions affiliates, it is friend of beans. Many species in this family have estrogenic properties, and some, such as wild Carrot have been found to work as contraceptive. Wild Daucus it blocks production of progesterone, necessary for the uterus lining to maintain the fetus. Taras quotes Teofrasto of Ereso, father of botanic in his the book "history of plants", he wrote about Silfio of Cirenaica (thapsia sylphium, umbrelliferae), a kind of giant fennel herb, botanically close to the plant of Ferula tingitana and Thapsia garganica (spontaneous in Italy) with deep roots, leafs as celeron (sedano) and flower as umbrella. Its root was subincise at the end of Spring season to get a red resin similar the Myrra and called "Laserpitium", a very popular panacea in Lybia. The Libyans made a drink from silphium, as oral contraceptive, abortive and antidote for plants and snake venoms. Pliny reported that the last known stalk of silphium found in Cyrenaica was given to the Emperor Nero collection. The heart-shaped fruit of the Silphium plant was used to treat warts, fever, indigestion and a whole host of other ailments. Pliny says: taken in drink, it alleviates affections of the sinews and cold. It is given to females in wine, and is used with soft wool as a pessary to promote the menstrual discharge. Women would drink Silphium juice every few weeks and this would be enough to prevent pregnancy. As a method of abortion, using the herb woud even terminate an existing pregnancy if used correctly. Then Asafoetida plant were used, though it was less effective then silphium. (IT) Ferula tingitana silphium, dono di Aplu, fornì una resina laserpicium o laserpitium, detta latte di silfio (latino latte + latino sirpe, derivato attraverso l'etrusco dal greco sílphion), usata da tutte le antiche culture mediterranee e raccolta in maniera simile a Ferula assafoetida. Spezia e medicinale, un tempo la maggiore risorsa commerciale dell'antica città di Cirene, il silfio divenne simbolo e stemma della città, poteva essere usata a trattare tosse, gola irritata, febbre, indigestione, dolori, verruche e altri tipi di malattie, ma soprattutto, secondo Plinio il Vecchio, era usata come contraccettivo. J.S.Gilbert ritiene che la gomma-resina estratta dal silfio ed esportata da Cirene, fosse miscelata con intestini della mosca Cantaride (Lytta vesicatoria) coleotteri verdeoro e lucenti, di odore nauseante (rodono foglie di frassino excelsior, sambuco, acero, pioppo, e a volte germogli di olivi e alberi coltivati), essiccati e polverizzati per farne vescicanti (o estrarre l'alcaloide cantaridina) a scopo antinfiammatorio, nel caso di pleuriti, pericarditi e bronchiti. La cantaridina fu usata come afrodisiaco, antiflogistico e veleno: se ingerita, ha un’azione erettile e diuretica, ma è pericolosa, poiché agisce per irritazione della mucosa uretrale quando viene eliminata, e spesso, le dosi efficaci sono nocive ai reni. Per rendere il prodotto appetibile ai gusti dei Greci, l'ingrediente derivato dell'insetto era tenuto segreto. Dopo aver preso il potere dai coloni greci che avevano governato Cirene, i governatori romani avrebbero cercato di massimizzare i profitti della loro provincia facendo coltivare intensivamente il silfio, rendendo così il suolo inadatto a ospitare la pianta selvatica di maggior valore medicinale. Per la produzione del silfio usarono il lavoro degli schiavi, che però ignoravano la preparazione originaria: poiché non si riusciva più a ottenere la stessa qualità di un tempo, si pensò che la vera pianta del silfio fosse estinta. La cantaridina è tossica per l'uomo, così, come per la Mentha pulegium, l'ingestione di una piccola quantità non uccide necessariamente un adulto, ma può più facilmente uccidere un embrione in via di sviluppo. Altro fattore, fu il clima del Maghreb, andato progressivamente inaridendosi, nel corso dei millenni, a vantaggio del deserto. Ferula tingitana (silfio), con i semi a forma di cuore, cresce nel deserto libico presso l'oasi di Siwa, già usata come incenso nel famoso tempio di Ammone, in Egitto, visitato da Alessandro Magno, compare nel geroglifico egizio usato per indicare il concetto del cuore. La natura sessuale di quel concetto era combinata all'ampio uso del silfio nell'antico Egitto per il controllo delle nascite. Molte specie della stessa famiglia, hanno proprietà estrogeniche, ed è stato dimostrato che alcune (come la carota selvatica, daucus spp) possono fungere da abortivo o prevenire la gravidanza. La resina di questo gruppo di piante è acre e traslucida dentro, solubile in acqua, usato per rimarginare ferite e revulsivo. La gommoresina di Ferula assafoetida, usata dai beduini come antispasmodico, si estrae raschiando, a più riprese per alcuni mesi, il lattice che si addensa e condensa sull'incisione fatta sulla radice a metà aprile, in pezzi poco duri, gialli e dall'odore di aglio che si attenua invecchiando. I beduini, nella loro farmacopea, usano resina di radice-fusto di Thapsia garganica per rimarginare ferite e come revulsivo, mentre gli afgani usano fusto e foglie di Ferula narthex per la costipazione, tosse, asma e mal di denti; Gli Afgani usano germogli floreali giovani e frutti di Cappero (capparis spinosa), contro febbre tifoide, malaria e disordini digestivi, mentre i beduini usano il cappero sotto sale, per dolori renali, decotto di radice come diuretico e vermifugo per cavalli. Usano polpa dei frutti di Citrullus colocynthis per il diabete, stomaco, diarrea e mal di denti; fumigazioni di semi di ruta Siriaca per cefalee e malattie nervose; foglie di Ruta graveolans come emmenagogo e abortivo; ramoscelli di Salvadora persica per pulire i denti, l'infuso dei suoi frutti come lassativo e il decotto delle foglie come antisifilitico; carrubo (thaqu in quechua), usato come collirio sfiammante degli occhi, dai Misquito e dagli andini; foglie di melograno come emostatico, il succo acerbo come febbrifugo, il decotto di corteccia (fusti-radici) come vermifugo e, melograno+aglio per la cura della dissenteria e infiammazioni d'intestino; foglie di Portulaca come emolliente per ulcere e bruciori di stomaco; folgie di Malva per calcoli renali, emboli e malesseri gastrici; Thymus syriacus contro mal di denti, fegato e stomaco e rinforzare la circolazione; tè di semi di trigonella foenum-graecum, come espettorante di catarri e raffreddori, tonico e vermifugo; infuso di Borragine come sudorifero, calmare tosse e bronchiti persistenti; lattice di Euphorbia arbuscula per trattare infezioni e irritazioni della pelle; gel di Aloe socotrina come disinfettante e cicatrizzante per ferite e bruciature; Ginepro (juniperus phoenicia, j.communis, buzinà/бузина) usato come diuretico, forte antisettico dell'apparato urinario e nella cura di reumatismi; (ENG) the juniperus communis it's useful if planted around houses, it grows better and keep out mouse and voles, then, the Juniper oil, it's a winter balm. Dai legumi di Senna (cassia elongata) si prepara un tonico che promuove la peristalsi intestinali e rimedia alle costipazioni. Da Ferula communis si estrae la gomma ammonica, balsamo ricercato da arabi e berberi nomadi. (ENG) Gum ammoniac is an incense resin which is used in the rituals of Hellenismos as an offering to Gods, primarily to Zeus-Ammon or the sons of Zefs. The Kushite tribes of the Libyan desert worshiped a God in the guise of a ram and protected their flocks. The Egyptians perceived this God as Amun, the king of Gods. The word Amun or Ammon comes from the Egyptian amoni meaning 'shepherd', 'to feed', 'the hidden'. Amun became the chief of the Egyptian Gods, after the defeat of the Hyksos rulers of Egypt. The Pharoahs built lavish temples in his honor. Eventually, Amun became identified with Ra, the sun God, and thus became known as Amun-Ra. The principle shrine of Zefs-Ammon was in the Siwa oasis, the Oasis of Ammonium, in the Libyan desert. This place was west of Memphis, the capitol of Egypt. There was a plant which grew in abundance around the shrine that yielded an amazing resin. They burned this resin as an offering to Ammon. Therefore, the resin takes it's name from the God, and is known as ammoniac. Gum Ammoniac gives off a powerful bouquet when burned. Many people may find the smell obnoxious. When combined with other resins, however, it takes on a different character, amplifying the other fragrances of the entire mixture. Ammoniac has medicinal value. It is believed to be useful for bronchitis, asthma, and colds. When the Greeks made headway into Egypt, they recognized that Amun was the form in which Zefs appeared to the Egyptians. Therefore they called him Zefs-Ammon. Herodotus tells that Herakles desired to see Zefs (Zeus), but Zefs did not. Herakles persisted and thus the God flayed a ram and held its head before him and covered his body with its skin. So, when we see depictions of Zefs-Ammon, his appearance is quite similar to other statues of Zefs, but he bears the horns of a ram. The Romans called him Jupiter-Hammon. The shrine to Zefs-Ammon was visited by Alexander the Great, who traveled through the desert and found the temple, supposedly, by following birds. His purpose was to consult the oracle that resided there. The renowned poet Sappho, with her tortoise-shell lyre, was a priestess of Aphrodite. Because of her love-songs to women, the name of her home island Lesbos was transferred to women who took female lovers: lesbians. Enheduanna, an Akkadian high priestess at Ur, around the year 2250, she composed hymns, including the Exaltation of Inanna: nin-me-sar-ra. Tuareg women sang Saharan histories of mothers who journeyed across the desert and founded lineages of ancient female drum chiefs and of love affairs. They also had a female script passed on from mothers to daughters, the Tifinagh alphabet, that scholars think was derived from the Punic script of the Carthaginians. Arabia had a rich tradition of female poets, they sang erotic songs in the passionate manner of the Song of Songs, and did satirical commentary on political events. In Cordoba, Spain, a thousand years ago, Walladah bint al-Mustakfi was born to an Ethiopian ex-slave and a caliph. She was a poet who held salons for poets and artists at her villa. She refused to veil or to marry, and took female as well as male lovers. In Athens, Agodice practiced medicine in male disguise. Legend says her practice was successful, until the men discovered her sex and condemned her to death. Many Greek women enslaved by the Romans were skilled physicians and much in demand. In Rome, the priestesses of Bona Dea kept an herbarium with serpents where they healed people. Herbalists had a wide knowledge of barks, roots, leaves, and minerals used to relieve infection and pain (like a simple poultice of poppy to treat a headache) as well as medicated baths, sweats and massage. Some healers traveled with their pouches of herbs and prepared potions at the sick person’s bedside. Sick people also traveled long distances to be treated by famous healers. While healing was one role of the witch, she also acted as diviner, contraception and abortion provider, and counselor. Paracelsus and other doctors said that they had learned herbal remedies from wisewomen. In Europe, the common people continued to consult herbalists, charmers, and faery doctors. Midwives too were thought to have supernormal powers. In Bulgaria they were honored and feasted every year on January 6, like latter-day priestesses. Hypatia’s (370-415) was an Egyptian scientist and philosopher who headed the Neoplatonist school of Alexandria. Her courageous defense of the Jews against church-instigated pogroms and expulsions led to her assassination by extremist monks, who cut her to pieces and burned her body in 415. The Roman state gave free rein to new clergy extremists who destroyed pagan shrines and images, or who committed violence against pagan leaders. Arson was a favorite tactic. Hypatia in the midst of severe religious polarization, was an influential force for tolerance and moderation. She spoke out against dogmatism and superstition: 'To rule by fettering the mind through fear of punishment in another world, is just as base as to use force, all formal dogmatic religions are fallacious and must never be accepted by self-respecting persons as final'. She accepted students, who came to her from everywhere, without regard to religion. They joined and even led in the pagan defense of the Serapium in Alexandria. One of these leaders, Antoninus, had been initiated by his mother, Sosipatra of Pergamum, a Neoplatonist philosopher and mystic seeress. Antoninus foretold to all his followers that after his death the temple would cease to be, and even the great and holy temples of Serapis would pass into formless darkness and be transformed, and that a fabulous and unseemly gloom would hold sway over the fairest things on earth. The Serapium was razed in 391, the year after Antoninus died. Hypatía teachings was concerned with the Chaldean Oracles; Pythagorean mysticism; the mystery of being; contemplation of Reality, rising to elevated states of consciousness, and union with the divine. Cyril, the new bishop of Alexandria, persecuted heterodox Christian groups, closing their churches and expelling them from the city; finally he attempted to turn the people against Hypatia as a powerful woman, plotting her murder by accusing her of harmful sorcery involved in divination and astrology, astrolabes and instruments of music. Cyril prevailed, and his parabalanoi were never punished for killing Hypatia. Cyril was later declared a saint. Hypatia's femaleness made her a special target, vulnerable to the accusation of witchcraft. Her courage in opposing the escalating anti-Jewish violence and her moral stance against religious repression were factors as well. In defending the assault on the philosophical tradition of tolerance, Hypatia had everything to lose, yet she acted boldly. Later in the century, her male counterparts also came under attack. By the mid-400s, pagan professors were being sentenced to death in Syria. The cultural repression used to Christianize the Roman empire was unprecedented anywhere in extent, duration and geographic scale. (IT) nel 431 il vescovo Nestore, espulso da Bisanzio come eretico, si stabili in Mesopotamia con la sua vasta biblioteca di testi classici di Alessandria, così ispirò la nascita di numerose scuole mediche in Persia. Così il profeta Maometto riconosceva che il sapere olistico dell'uomo e dell'ambiente, è strumento necessario per ottenere la salvezza religiosa ispirò a sua volta la medicina mistica Sufi: l'armonia si ottiene attraverso 7 successive fasi di perfezionamento, che fanno leva sui centri di energia presenti nel corpo umano. Gli arabi fondarono scuole mediche monastiche nei paesi conquistati (Cairo, Damasco, Baghdad, Samarcanda, Cordoba, Sevilla, Toledo) con biblioteche, degenze, e residenze di medici e studenti. La ricca farmacopea araba si intrecciò così con la farmacopea dei popoli sottomessi, e gli erboristi arabi adattarono l'aloe, la manna, la borragine e gli agrumi alla regione mediterranea, sebbene, a causa del fallimento nell'adattamento climatico, il rabarbaro continuò ad essere importato dalla Cina, lo zenzero dall'India e la cannella da Ceylon. Quando il re cattolico di Castiglia conquistò Toledo, molti medici islamici si trasferirono a Montpellier e a Salerno. I farmacisti erano attenti agli umori delle piante usate: mucillagine delle giovani e aridità delle vecchie, sterilità dei fiori giovani e acidità dei frutti immaturi, così, in generale, coglievano in autunno semi ed erbe annuali e in autunno-inverno rizomi e radici. I medici della Scuola di Salerno, prima di un intervento chirurgico, praticavano l’anestesia con la Spongia sonnifera. Spugna imbevuta di succo d'oppio, mandragora e giusquiamo, fatta asciugare e, al momento dell’uso, immersa in acqua e fatta aspirare al malato. Il risveglio era ottenuto con una spugna imbevuta di aceto caldo. Inuit e yanomami, contro l’insonnia, ingeriscono polvere di ossa animali (il calcio concilia sonno). Taras cita alcuni motti della scuola di Salerno: Purga l’Issopo dalle flemme il petto; Ruta giova agli occhi e fa la vista acuta; Avvolgi gli amari in foglie di Lattuga; Iperico scaccia diavoli ed ustioni. Dove l’aria è appestata, l'Aceto è buon preservativo; quel che non guarisce la parola, guarisce l’erba medicinale e quel che non può questa, risolve il coltello. L'Alloro (Laurel, Laurus nobilis) è una pianta della macchia mediterranea ritenuta capace di allontanare i fulmini, così, cingere la fronte con l'Alloro (laureare), fu usanza di studenti, sportivi e poeti rinascimentali. Taras sfrutta le proprietà antisettiche delle foglie mettendole nei libri e nei mobili chiusi per allontanare le tarme. Lui usa le foglie di lauro per preparare decotti, vini medicinali, bagni e pediluvi: sminuzzo 6 foglie secche in tazza bollente (10g in mezzo litro d'acqua), dopo 10 min filtro e bevo 3 tazze al dì. Bevuto prima di coricarmi fa sudare molto, riuscendo spesso a impedir l’evolversi di un raffreddore o influenza. Se sorseggio dopo i pasti una tisana calda di Lauro, Eucalipto e Lavanda, essa vince cattiva digestione, gas, depressione e stanchezza. La polvere delle bacche essiccate, 1-2 cucchiaini al dì, aiuta contro influenza, raffreddori, malattie nervose e paralisi. L'impacco di decotto di foglie di alloro è ipotensivo, internamente è sudorifero, se usato in contesto di malattia, ovvero, seguendo un rituale preciso di dieta alimentare, sessuale e cognitiva, può suscitare fenomeni di trance spontanea multisensoriale (blando onirogeno). Le Pizie (donne serpente) medievali, di Grecia e resto del Mediterraneo, masticavano foglie di Alloro per favorire la trance in una frenetica crisi di movimenti. Pizie improvvisate però, potevano confondere le piante di Alloro con piante di Lauroceraso, Oleandro ed altre, causando intossicazioni fatali: le Melisse ingerivano solo il miele dei fiori di quelle piante (minor quantità di grayanotossine), per raggiungere gli stati oracolari della trance. Le sibille/pizie eurasiatiche, nelle loro grotte oracolari cadevano in trance, ai fini di oracolare (vaticinio, Delphi in greco medievale significa utero), masticando foglie di Alloro, edera, zenzero e altre piante sudorifere, febbrifughe. Queste gruppo di piante, oniriche blande, a differenza di piante più forti (yagè, iboga, peyotl, kava, etc) aiutano la terapia e la purga, (catarsi e sudorazione), a patto che vi sia una minima consapevolezza e fede nella cura, ovvero, tali piante "deboli" producono effetti apprezzabili solo se usate in contesti psicofisici già modificati (esempio le comuni malattie da febbre) che, in culture sciamaniche, sono pur sempre sacri stati di confine. Il malato con febbre, bronchite, polmonite, influenza, se prende tisane forte di alloro, zenzero o passiflora, ad esempio, prima di coricarsi a riposo/sauna, avrà un effetto sudativo che lo aiuteà a disperder la febbre. Durante lo stato febbrile, la mente vaneggia, vaticina già da sè, ovvero l'inconscio del paziente è già aperto alle influenze urano-telluriche (principio di sincronicità riscoperto da C.G.Jung studioso dell'oracolo cinese dell'I Jing) è produce un delirio che noi tutti sperimentiamo in ogni malattia; questo delirio accelerato, se corredato da una minima presenza di coscienza (testimone interiore) e fede nel processo iniziatico della malattia (vista come altro dalla disgrazia umana), permette di "vedere", intuire e poetare connessioni che, altrimenti, in stato normale di veglia, a causa della razionalità dominante, è difficile cogliere. Il Te/decotto di alloro, dunque, lavora come onirogeno se usato in contesto di malattia dove, seguendo la giusta dieta rituale per più sere (no medicinali di sintesi, no cibo, stare al caldo sotto lenzuolo e coperte) esplica la max funzione medicinale e oniro-empatogena sul nostro spirito-anima-corpo. the spontaneous root medicine my mom also used mandragora; jinseng and liquorice." Taras continues telling other medicinal plants from arabs, Lybia and Euphrasian forests and steppas. He starts by telling the legend of Coffee brew: "an Arab shepherd passing in Mecca chewing his Khat, came out with his flock; wandering around he arrives in a green meadow to rest. the meadow was fenced with plants of Coffee with dry fruit already fallen to the ground; then the goats eat it lured by the smell, then bleating in the night waking the shepherd. He spends the entire night to seek the anomaly.. finally he sees coffee beans crushed and bitten by its goats. He picked up and gave them to the oracle of Arabia. The old wise laughs and knows everything, he calms the shepherd and told him: 'the flock back healthy after they have digested all the coffee beans'. The wild Coffee plants starts in the plateau of Kaffa from Ethiopia, it spreads throughout Egypt to the world. In south Italy I drink an infusion of coffee to stay awake at night for extensive works'. The abuse of meat and caffeine have similarities, those who consume meat smokes more quantity, as every exciting phase of euphoria have depression following, and the cycle starts again. The ingested meat contains xanthine, a very exciting poison like nicotine. (IT) Il Khat (catha edulis), pianta essenziale nella vita degli yemeniti, del Madagascar e tutta l'est Africa, è un arbusto alto fin 15 metri, coltivato per le virtù stimolanti contenute nei germogli e nelle foglioline tenere che, masticate dagli anziani, donne e bambini del villaggio, permette di ricrearsi e vivere meglio il clima-ambiente locale. Khat ha virtù inebrianti, sopprime stimoli della fame e la sensazione di fatica e (come amfetamine e cocaina ma meno intenso), può dare visioni e acidificazione dello stomaco (l'uso eccessivo nel tempo può quindi causare gastriti e ulcere), vasocostrizione e diminuzione del latte materno. L'infuso di fiori di khat (tè arabo) è ricostituente, ludo-ricreativo, socializzante, disinibente, concentra e chiarisce il pensiero e l'attività motoria e regola la libido, ovvero: afrodisiaco per la donna (eccita l'utero) e anafrodisiaco per l'uomo (diminuisce eccesso di libido). I consumatori di khat riportano migliorie nella cura di malaria, diabete, asma e disordini gastro-intestinali. I pastori Maasai masticano khat per sopprimere fame e stanchezza, i loro guaritori preparano un decotto di radici e corteccia contro malaria, costipazioni, esaurimento, influenza, mal di stomaco e gonorrea. Lo Yemen, patria della regina di Saba, ha pianure desertiche con oasi sparse, percorse da pochi nomadi e arbusti di interesse medicinale: la gommoresina dell'Incenso (Boswellia thurifera) e della mirra (commiphora spp), è raccolta ogni 15 giorni da essudazioni delle incisioni (5 cm) fatte sulle locali piante che, a contatto dell'aria solidificano gradualmente, rimangono semisolide per 3 mesi. L'incenso è giallastro, ingerito come decotto (in piccole qtà non irrita), stimola la digestione e riduce i lipidi nel sangue. L'olio ha potere calmante e viene aspirato per togliere l'alitosi. Boswellia ha resina profumata, ottima come anti-infiammatorio e antidolorifico generale. La gommoresina della corteccia di Mirra (Commiphora myrrha), è stimato antidoto dei morsi, profuma e disinfetta l'ambiente, il cavo orale e, accelera la guarigione di piaghe e ferite. In medicina si usa come antisettico di ferite e infezioni fungine della pelle (come il piede d'atleta), espettorante di mal di gola e affezioni respiratorie, e preservazione di cadaveri da imbalsamare. Mirra è usata anche come incenso e balsamo (assieme a olio d'oliva), per ungere il corpo di neonati, poeti, profeti, atleti, malati e moribondi; è anche usata, con l' acacia arabica (arab gum), come eccipiente di medicinali. Euphrasia officinalis, è una pianta utile per gli occhi, e aiuta a recuperare le immagini dalla memoria. Mallendi suggerisce: sole, vento e riflesso della neve possono scottare, se hai occhi irritati e confusi, prepara il tè di Eufrasia e usalo a lavare gli occhi. Eufrasia in collirio, decongestiona occhi arrossati, stanchi o lacrimosi per fumo o scarsa illuminazione, dona sollievo alla secchezza degli occhi causata dallo stare a lungo in stanze con riscaldamento elettrico o termosifoni. Usata regolarmente, li mantiene in buona salute e aiuta a vincere gli occhiali. Se la luce è insufficiente o troppa, l’occhio te lo dice: durante la lettura, poni la sorgente luminosa a 20-25 centimetri dietro o sopra le spalle, per evitare riflessi sulla carta; un aiuto per occhi deboli: Eufrasia in 2 litri d'acqua, raffredda e aggiungi miele, poi inzuppa un batuffolo di ovatta sugli occhi, 15 minuti, più volte al dì. Angelica archangelica è una pianta ombrellifera (fam.apiacee), nota anche come angelica dorata di Boemia, erba degli angeli, dello Spirito santo, è pianta biennale o perenne, con fusto eretto e cavo, alta fin 2 metri. In fitoterapia si usa anche l'Angelica sinensis, detta dong quai. La maggior parte della droga ricavata dall'angelica (terpeni, lattoni, ftalati, furanocumarine, acidi flavonoidi, steroli), è di provenienza tedesca poichè Angelica è diffusa nell'Europa nordorientale, in Italia è spontanea solo ad altitudini elevate. Le sue radici vengono colte a inizio autunno, in ottobre, lavate, tagliate per lungo, essiccate e conservare in recipienti di vetro o porcellana, in asciutto; le sue foglie, colte prima della fioritura, si fanno essicare in luogo fresco e arioso e si conservano in sacchetti di stoffa; i frutti si raccogono in ago-set recidendo le ombrelle man mano che maturano, così i semi, estratti dalle ombrelle e fatti essiccare. La pianta ha virtù carminative (facilita l'espulsione dei gas intestinali), antispasmodiche (mitiga spasmi muscolari), diaforetiche (aiuta traspirazione cutanea), toniche (corrobora l'organismo o una sua parte), diuretiche, espettoranti (asma, bronchite, raffreddore, stati catarrali, tosse), di aiuto all'apparato gastrointestinale (dispepsia, meteorismo, flatulenza, crampi intestinali, nausea, vomito) e urogenitale (disturbi mestruali e cistite). In passato era largamente usata a guarire difteriti, malattie del sistema linfatico, bronchiti, tubercolosi, malattie del fegato e peste. Angelica va usata sempre a dosi basse: a piccole dosi la sua droga agisce come stimolante, ad alte dosi (20-30 gr) l'azione si inverte e si ha un effetto fortemente depressivo. La dose ideale è 8-10 gr. di radici per una tazza da tè (400 ml) al giorno: si trita finemente la radice e si mette in infusione in acqua bollente. Pianta amara aromatica, angelica è consigliata anche in caso di disturbi reumatici, debilitazione generale e anoressia nervosa. Assieme ad angelica sinensis, è controindicata alle donne in gravidanza (ad alte dosi è abortiva, han sostanze stimolanti della contrattilità dell'utero), a chi soffre di patologie emorragiche, e in caso di esposizione eccessiva al sole o ai raggi ultravioletti dei solarium: le furanocumarine, in presenza di raggi ultravioletti, formano prodotti tossici per la cute. Dong quai (Angelica sinensis, apiacee) o ginseng femminile, è un rimedio della medicina popolare cinese, contiene cumarine, fitosteroli, polisaccaridi, ferulati e flavonoidi; i blandi effetti ginecologici sono causati da fitoestrogeni. La parte usata è la radice essiccata, consigliata nel trattamento dei disturbi ginecologici (dismenorrea, amenorrea, ciclo mestruale irregolare, disturbi della menopausa) e nella terapia della stanchezza cronica, anemia e ipertensione arteriosa; gli effetti collaterali più comuni sono la diarrea e la fotosensibilizzazione, oltre a interagire con farmaci antipertensivi, anticoagulanti ed estrogeni. 10.䷉ 馬 马 mǎ (horse, rad.187) spezie berbere


Mallendi parla delle piante dell'Africa etnica, dove, custodite nei villaggi rurali, resistono tradizioni locali dell'organizzazione sociale e riti degli antenati. Il guaritore indigeno (nganga) usa le sue conoscenze per la diagnosi, prevenzione e soluzione di squilibri mentali e sociali in base al principio che le disarmonie sociali della comunità si riflettono nel corpo fisico del paziente per cause materiali o spirituali. Vivere in pace con se stessi e la propria comunità, preserva lo stato di salute. I pastori Maasai, depositari di una lingua comune (maa) distribuiti sull'altipiano tra Kenya e Tanzania (Rift Valley), da giovani apprendono a riconoscere erbe, arbusti e i loro usi, da cui dipende la loro sopravvivenza. Il mito narra che la Iena insegnò le proprietà delle piante medicinali ai primi Maasai. L'oloiboni è il curandero che vive nel villaggio, provvede alla salute dei vicini usando le erbe. Ai successivi livelli gerarchici dell'attività medica (età e clan familiare del guaritore), corrisponde una copertura territoriale via via più estesa. Il laibon è il curandero capo dell'intera etnia, un tempo un re-sacerdote, agisce simbolicamente con benedizioni, riti e cerimonie a sorveglianza spirituale del suo popolo. Le prime cure son fornite dai familiari, se l'infermità persiste, gli anziani del villaggio si rivolgono al guaritore che visita il paziente, esegue la sua diagnosi-divinazione, prepara e somministra i medicamenti necessari o esegue riti propiziatori e scaramantici nei confronti degli incantesimi o delle forze spirituali all'origine del malessere. Piante usate dai Maasai: impiastro di foglie masticate di Barleria grandicalyx per avvelenamento da serpente; infuso di radici di Aconkanthera schimperi (apocynace) per curare la sifilide o infuso di corteccia di radici qual veleno per frecce; decotto di radici e corteccia di Euclea divinorum come tonico, purgante e vermifugo; Ficus capensis, linfa dei germogli come veleno e analgesico per mal di denti. Il decotto di radici di Bridelia micrantha (euphorbiace) per mal di stomaco, verme solitario, diarrea-dissenteria, e sua radice pestata e miscelata a latte di dromedario, come tonico e topico sul cranio (emicrania). Le Euforbiaceae tengono lontani topi e ratti; prendono il nome al medico Euforbio, cerusico di corte del re Giuba del regno della Mauritania; in greco Euphorbium indica le piante che, se tagliate, rilasciano linfa lattiginosa molto irritante per pelle, mucose ed occhi (caustica e velenosa) ma usata in medicina. Essudati di Euforbiacee sono usati nella cura di dermatiti e infezioni, specie agli occhi, dove si usano (come collirio) gocce di linfa estratte da varie specie di Euphorbia. La Calenzuola (Euphorbia helioscopia L.1753, sun-spurge, sonnenwend-wolfsmilch, euphorbe réveille-matin) ad esempio, ha succo lattiginoso che, messo solo sulle verruche, le farà seccare rapidamente, mentre è pericoloso per occhi e corpo. Calenzuola è pianta erbacea annuale che ha infiorescenze che seguono il sole (helioscopia da helios=sole e skopein=guardare), come i girasoli. L'Euphorbia fastuosa è legume amaro usato contro tosse; Euphorbia hirta è usata, dai curandero maya, contro scabbia, ferite e come emetico; la linfa di Euphorbia uhligiana è usata, dai Maasai, sulle ferite e il decotto del fusto per il raffreddore; In Africa, la principale fonte di olio alimentare, dopo la Palma (Elaeis guineensis), è l'albero di Karitè (Vitellaria paradoxa) che cresce nell'Africa centro-occidentale, fiorisce nella stagione secca e i frutti maturano in 4/6 mesi durante la stagione delle piogge. Albero ritenuto sacro da molte etnie che usano il suo olio nei santuari e nelle unzioni sacre, dalle sue mandorle si ottiene il burro di Galam, usato per cuocere cibi e fabbricare saponi. Il burro di Galam, bianco, inodore e di alta qualità, è usato come succedaneo del burro di cacao nelle creme cosmetico-farmaceutiche. I frutti son colti e macerati in acqua per facilitare la separazione del seme dalla polpa edule, poi son fatti seccare al sole e pestati nel mortaio, in seguito arrostite, per accrescerne l'aroma, macinate e diluite in acqua bollente (per facilitare la separazione degli oli) e scremate nella zangola. L'olio grigio ottenuto, ripulito, è versato in zucche vuote, dove condensa, e serbato fino all'uso. Ha gusto gradevole, consumato fresco o usato per biscotti e cibi. Esso allevia dolori reumatici e articolari, sfiamma narici, naso e ferite, dermatiti, contusioni. Le foglie, in decotto o bagni di vapore, alleviano forti mal di testa e mal di stomaco; l'infuso di corteccia è antimicrobico ed è ingerito a curare la dissenteria o applicato sugli occhi (collirio) per contrastare l'avvelenamento delle punture dei serpenti cobra; le partorienti s'immergono nel decotto caldo della corteccia per facilitare il parto, mentre le puerpere per stimolare il latte. molti Nganga africani usano anche l'albero del frutto del burro (Dacroydes edulis), spontaneo e coltivato in Africa centrale e lungo le coste del golfo di Guinea: grazie alla sua plasticità ecologica, questo albero resinoso può colonizzare tutti gli habitat di foresta primaria. I frutti, simili a prugne ricche d'olio, han polpa che, spremuta e macerata in acqua bollente 2/3 minuti (o scaldata su ceneri o piastra calda), funge da alimento condito con miele o sale. I decotti delle sue foglie curano il mal di denti, le infiammazioni delle orecchie e i disordini digestivi; la corteccia della radice cura la lebbra, mentre quella del tronco cura anemia e dissenteria; infine, resine e polvere ricavata dalla scorza viene utilizzata in Gabon come cicatrizzante. Altra panacea tropicale è la Dodonea viscosa (hopbush, sapor amaro di luppolo), di origine australiana, ma diffusa nei tropici di tutto il mondo. Lungo le coste d'Africa, ai margini delle foreste di mangrovie, le Dodonea resistono alla salinità, siccità e forti venti. Il succo di foglie è usato a calmare il mal di denti mentre la polvere delle stesse è ingerita per conbattere la tricofitosi. L'infuso di ramoscelli e foglie di questo arbusto, è usato a curare il mal di gola, itterizia, febbri e abbassar la pressione; mentre una lozione è usata su bruciature, ferite, foruncoli e pruriti cutanei. L'infuso di radice calma i raffreddori mentre il decotto stimola il latte e regola le mestruazioni; l'infuso di semi è dato ai malarici assieme ad altre piante, e per impedire il contagio della schistosomiasi, malattia trasmessa da lumache. Mallendi parla ora della pianta medicinale Alchornea floribunda, (euphor-biaceae) chiamata Alan (Melan, al plurale, significa riunire) presso i Fang del Camereun. Alan è un arbusto glabro che può trasformarsi in albero alto fin 12 metri, ha foglie lanceolate e poco spatolate, con picciolo corto, riunite sulle cime dei rami; le infiorescenze sono spighe e i frutti capsule lisce. Le proprietà psico-afrodisiache dell’Alan furono anch'esse scoperte dai Pigmei del bacino del Congo, che usano il decotto di foglie giovani come emetico e in gargarismi per carie. Foglie e radici sono rimedi in molte medicine indigene: il decotto è usato per i problemi urinari, alle ovaie, disordini gastrointestinali e respiratori; le foglie sono strofinate sulla pelle in casi di ferite, circoncisioni, eczemi; assieme a scorze e foglie di altre piante, scelte secondo il loro profumo e proprietà, sono macerate in una bacinella bianca e servono per il bagno rituale. I Witoto dell'Amazzonia usano le foglie come antidoto alla diarrea mentre il macerato è usato nella febbre e malaria in Melanesia. La radice raschiata, seccata al sole e masticata con sale, provoca stordimento e forte depressione dopo un uso eccessivo, così in passato, la pianta fu abusata dagli schiavisti per calmare i prigionieri. Radici masticate crude, fumigate o macerate in vino di palma/banana, sono invece ingerite nei culti terapeutico-religiosi del Byeri, Buiti e Ombwiri (anche assieme a Iboga), mentre, in Perù, la specie amazzonica (Alchornea castanaefolia) è aggiunta all'Ayahuasca. Presso varie popolazioni dell’Africa equatoriale, nel corso di riti e iniziazioni, al paziente o neofita sono applicate gocce di collirio negli occhi; i Fang, praticanti il Byeri (culto degli antenati), chiamano Ibama il collirio e la pratica stessa, oggi adottata in vari templi Buiti. Come Ibama, gocce di linfa dei fiori di Kigelia, disciolte in acqua, sono usate nella cura delle oftalmie. L'abero della Kigelia africana cresce lungo i fiumi e boschi soggetti a inondazione e aperti, nella savana e nella foresta pluviale dell'Africa tropicale e australe. Sebbene nei primi anni di vita è assai sensibile al freddo, in condizioni ideali cresce anche 1 metro l'anno, è impollinato dai pipistrelli attratti dall'odore sgradevole dei suoi fiori che schiudono di notte. Ha frutti a forma di salsiccia che restano sulla pianta anche 6 mesi. La polpa dei frutti è potente purgante che provoca pustole alla bocca se mangiata cruda, mentre i semi sono abbrustoliti e mangiati in tempi di cibo scarso. Frutti e corteccia sono aggiunti come aroma alla fermentazione della birra. Alcune etnie lo coltivano poichè considerato una panacea contro la debolezza organica, rachitismo, anemia, anemia falciforme, epilessia, patologie respiratorie, disordini epatici e cardiaci, disidradatazione e affezioni cutanee (creme di corteccia macerata per infezioni fungine come tricofizia, micosi, ecc). Ha virtù disinfettanti, antimicrobiche e antifungine, anticonvulsive, antidiarrea, galattogoghe, afrodisiache, abortive. Il decotto delle foglie è usato come vigorizzante, quelli di radice, corteccia e frutti, come emetico, lassativo, per curare infezioni digestive croniche e acute (verme solitario) e malattie renali, veneree e della vescica. La corteccia, frantumata e macerata in vino di palma, serve per la cura della sifilide. Polveri e infusi di corteccia, foglie e frutti disinfettano ferite e pustole aperte, alleviano reumatismi, crampi, ematomi, contusioni, emicranie e preparare antidoti contro morsi di serpente, ingeriti o applicati esternamente. La vasta steppa del Sahel circonda i villaggi dei Dogon, che vivono sull'altopiano di Bandiagara in Mali, abitano in case di argilla, coltivano cereali, scolpiscono legni e le caverne in cui seppelliscono i defunti. Dalla steppa emergono minacce, come i pastori Peul, alla ricerca di pascoli e sorgenti per le loro greggi. Nel mito della creazione dei Dogon, Amma, il dio supremo, si unì alla dea Thera che generò 2 gemelli: Nummo dio dell'acqua-fertilità e Ogo, dio della terra arida e improduttiva. I gemelli entrarono in conflitto ma poi, ebbero 4 coppie di figli umani da cui discendono le 4 tribù Dogon. I loro guaritori (o nganga) si occupano di problemi fisici, spirituali e sociali poichè interconnessi. La causa di una patologia può esser ricondotta ai sogni, incantesimi o eventi mondani; risolvere tali contrasti precede la terapia. Ogni guaritore si occupa solo delle patologie apprese dal suo maestro fisico o mitico; le sue arti comprendono: divinazione, magia, cura con le erbe. La comunità regola le attività dei guaritori, soggette a una supervisione collettiva per scongiurarne un impiego contrario agli interessi del villaggio. I guaritori di ispirazione islamica fanno riferimento al Corano, loro libro sacro, ricco di consigli su igiene e salute. Il guaritore animista apprende dal suo maestro, assistendolo nella cura degli infermi ne assimila l'arte in via esclusiva e, rispettando tabù e disciplina, diviene capace di comunicare con gli spiriti. Ogni terapeuta sviluppa le proprie conoscenze, terapie, e capacità di interagire con date forze di natura, spiriti di antenati, feticci e strumenti magici ereditari. Acquisite tali conoscenze, egli può vedere e trattare con familiarità gli spiriti che dimorano negli alberi, fiumi, montagne, creati tutti dal dio Amma o da antenati totemici. La preparazione di tutti i guaritori è completata dall'apprendimento delle virtù delle erbe semplici, e da sogni e apparizioni di spiriti, angeli e mostri, da ingraziare a fini terapeutici. Al guaritore tocca scoprire la situazione che ha causato il malessere (paura, vento, fatture di stregoni e vicini, spiriti maligni, divinità senza rimedio), la sua evoluzione futura e i mezzi per controllarla, altrimenti si affida a un divinatore. Le piante sono in corrispondenza con gli spiriti: si entra in contatto con loro per ottenerne il favore durante la raccolta, a mezzo di frasi, canti, gesti e riti, come l'offerta di alimenti alle piante medicinali che risveglino l'energia e la benevolenza. Uno stesso farmaco può essere assunto in forme diverse: ingestione, aspirazione, fumigazione, massaggi, bagni, dieta, così, in base alla teoria classica degli umori, erbe e patologie son considerate calde o fredde in base ad affinità col ruolo svolto dalle forze spirituali nel loro insorgere e nella loro cura, e riconducibili a entità mitiche condivise (vedi orixà): la pazzia è attribuita agli spiriti della steppa che debilitano il corpo-mente per mezzo del Vento. La mala sorte è dovuta all'azione degli stregoni, qui i riti magici son terapeutici; i malesseri digerenti son curati con erbe che ristabiliscono l'armonia degli umori corporei. Riti, offerte di cibo e sacrificio di piccoli animali agli spiriti, precedono ogni farmaco. I guaritori Dogon distinguono l'epilessia da sindromi simili, come 'la malattia degli uccelli' (mal di testa, contrazione muscoli, mani contratte, raffreddamento corpo, assenza di bava), il 'Vento' (tremore, perdita di coscienza, emissione di bava), avvelenamento (mal di testa, contrazione muscoli, febbre, indebolimento). Per partorire, la madre Dogon si inginocchia e accovaccia sui talloni e propizia gli spiriti totemici del suo clan recitando versetti; il neonato è assistito dalle parenti anziane che lo puliscono e massaggiano con crema ottenuta da Vitellaria paradoxa per renderlo agile, poi, la dieta della puerpera comprende Sclerocarya birrea, un anarcadiacea con proprietà emostatiche e traspiranti. altre piante medicinali usate dai ganga Dogon: Incenso, sostanze maleodoranti, emetici e lassativi, usati per scacciare spiriti dai corpo degli epilettici, mentre la rigidità del corpo è contrastata da erbe emollienti. Radici di Calotropis procera sono usate a curare la lebbra, sifilide, verme di Guinea, cardiotossico e antidoto ai veleni; Ficus platyphylla per gastriti, lebbra, antidoto ai veleni; Zizyphus mauritania per coliche, malattie veneree, infiamm.intestinali, epatiti, avvelenamenti; un pizzico di foglie di Hennè (alkanna tinctoria) sminuzzate nelgi alimenti, è data alle donne come anticoncezionale. Civiltà e popoli di Etiopia (Omo, Dassanach, Mursi) nel corso dei secoli, hanno addomesticato molte piante commestibili, oggi di dominio planetario (caffè, lino, cotone, sesamo, ricino, ocra, coriandolo, kenaf), e sviluppato una ricca farmacopea naturale. Spesso, le famiglie usano nella cura domestica dell'influenza, febbri, e mal di stomaco, erbe come Artemisia afra, Lippia abyssinica, Plantago lanceolata che, nelle aree rurali, coltivano nell'orto presso la capanna in cui vivono. Oltre ai guaritori locali che percorrono l'acrocoro abissino a piedi scalzi, anche i medici laureati ricorrono ai semplici per curare i clienti meno abbienti, i quali ricambiano con prodotti della terra o lavoro manuale. I templi piccoli e grandi, son purificati con incenso e mirra, mentre Moringa oleifera purifica l'acqua da bere. Carissa edulis allontana insetti e disturbi nervosi; l'Endod (Phytolacca dodecandra) cura dissenteria e nervi ed elimina i gasteropodi che infettano le persone immerse nei fiumi contaminati dai vermi trematodi della bilharziosi. Phytolacca (greco phyton=pianta e arabo lakk=lacca) significa lacca vegetale, per il colore del frutto maturo che, se spremuto, secerne un succo viola che macchia intensamente. Tale genere appartiene alla famiglia delle Phytolaccaceae avente specie perenni arbustive, erbacee e arboree originarie dei tropici e subtropici di America, Asia e Aotearoa. Importate come specie ornamentali e medicinali, alcune di esse si sono adattate ai climi mediterranei divenendo spontanee di suoli incolti ricchi di humus; Phytolacca americana fiorisce a luglio, fruttifica ad ottobre e può superare i 2 metri d'altezza. I fiori e frutti di Kosso (hagenia abyssinica) han potere vermicida usato contro la tenia; brucea antidysenterica e kalanchoe spp, contro vermi e dissenteria; Plumbago zeyalanicum per far regredire la sifilide, gonorrea, eczemi, ferite, emorroidi, tubercolosi, reumatismi; decotto di Zenheria scabra per le febbri malariche; Asparagus africanus afrodisiaco e antidiarroico; Calpurnia aurea per dissenteria, emorroidi, ipotensione e ferite; Croton macrostachys come vermifugo, nervi, lebbra e ferite; Cucumis dipsaceus per gonorrea e cancro; Datura stramonium, ipotensivo e antidolore, per asma, eczemi e nervi; Hypericum quartinianum per l'itterizia; Ocimum suave come vermifugo e nervi; Portulaca oleracea, diuretico e disturbi intestinali; Rumex venosus come vermifugo; verbascum sinaiticum diuretico e ricostituente, contro vermi, dissenteria, spasmi, malattie nervose e veneree, tubercolosi; Vernonia amygdalina per tonsillite e, assieme a Senna occidentalis (antifebbre) come antidoti a terapie. L'erboristeria etnica etiope, privilegia preparati in polvere e succhi freschi di foglie, cortecce ed erbe per disordini digestivi, nervosi e riproduttivi, seguono poi essenze per cura della pelle e apparato respiratorio. Mix di erbe son preparati per calmare i disturbi nervosi, contrastare i morsi di serpente, e antidoto agli effetti collaterali delle loro terapie. Il Byeri è il culto degli antenati praticato dagli uomini Fang sin da prima delle loro migrazioni dalla valle del Rift alle terre del Gabon e Camerun. Il culto prevede la conservazione e adorazione dei teschi dei loro antenati e, nel corso del rito iniziatico (passaggio alla vita adulta), è utilizzata la pianta Alan o Iboga. Il reliquario di legno, riempito di foglie secche di acacia, banano, felce, olio e sangue animale sacrificato, ospita crani o frammenti, di parenti, eremiti, nganga famosi, fondatori, ecc, esumati, puliti e mutati in reliquia-marmitta (fatti macerare insieme a scorze varie); poi dipinti con ocra rossa e conservati nelle scatola del byeri. Il coperchio è sormontato da una/due sculture antropomorfe (in legno) che servono a ingannare i non iniziati e le donne curiose. Gli iniziati danno poca importanza a tali statue che, spesso son vendute senza il contenuto. I crani torneranno al villaggio assieme ai sacerdoti, marciando con passo pesante, zoppicante, curvo su bastoni; impregnano di sè i discendenti; tuttavia, perduta nel tempo identità e potere, sono tolti dalle scatole e seppelliti sotto alberi. I rituali del Byeri sono di due tipi: l’iniziazione di nuovi membri (mangiare alan) e la consultazione dell'oracolo per gli affari del villaggio (akôm Bieri). Nel primo Byeri è nutrito dal sangue-vino e rianimato dalla danza e musica secondo un calendario rituale: 1) Rito di purificazione (awore nyo): a inizio cerimonia, lo ngengang, scelto per le sue conoscenze delle erbe e savoir-faire, asperge ciascuno, sulla testa e sul petto, con un medicamento di erbe, allo scopo di liberare tutti (assistenti e neofiti), dagli spiriti malvagi che potrebbero impedire di vedere il Byeri o provocare reazioni pericolose. Coloro che si trovano senza protezione speciale davanti al Byeri, rischiano. 2) La seconda parte della cerimonia consiste nel fare i sacrifici che nutrono il Byeri e a mangiare l’alan (o iboga) che permetterà di entrare in relazione con i morti. Il sangue dei polli, capre e vino cola sulle ossa. L’officiante spalma la statua di legno con olio. Così il Byeri sarà soddisfatto e pronto a manifestarsi ai neofiti. Gli iniziandi vanno a cercar le radici, le preparano, costruiscono la casa degli antenati (ngun mélan) e invitano tutti i parenti maschi dei dintorni. Seduti su un tronco di banano, simbolo della vita, i candidati masticano a lungo la scorza d’alan, da mattina sino alle 2 del pomeriggio. Per accelerare l’azione della pianta, essi possono danzare. Nel giro di un’ora o due i giovani vanno in stato di coma/samadhi. Alan produce gradualmente uno stato estatico con intensa eccitazione cerebrale (adrenalina), che dura anche 2/3 giorni. In tale stato gli iniziati vedono le anime dei loro parenti e amici defunti giungere e conversare con loro. Al risveglio, ciascuno esporrà le proprie visioni avute in sogno e relative istruzioni (diete e divieti, sacrifici e progetti, passato e futuro). 3) Dopo aver visto il Byeri in sogno, i candidati vanno a contemplare i crani degli antenati, allineati sulle foglie di banano. Il capo anziano narra ciascuna delle ossa situando il personaggio del clan. Dopo questo rito, si animano i morti facendo danzare le statue e le teste decorate (danza dei crani): "gli strumenti musicali raddoppiarono d’intensità, i novizi videro uomini avanzare verso loro, tenendo nelle due mani i crani, muovendoli di qua e di là. La gente si entusiasmava e si eccitava sempre di più.. poi i portatori dei crani si riunirono in cerchio e si misero a danzare con piacere selvaggio, gli uni di fronte agli altri; avanzarono verso i novizi e passarono fra le loro gambe e braccia danzando. A un certo punto lo spettacolo finì e i crani furono rimessi al loro posto". Nel secondo tipo di rituale, l'oracolo Byeri è consultato prima di qualunque azione importante: caccia, pesca, guerra, viaggio, migrazione, malattie, scelta di terreno per accampamento o coltivo; quando si desideravano i favori del byer, si uccideva un animale domestico e si andava a trovare il guardiano dell'oracolo, precisando i motivi della richiesta. L'oracolo byer è garante del mondo vivente dei Fang, rende le donne feconde, dona raccolti e veglia sugli individui. Nelle cerimonie di caccia, ci si serve anche di crani animali: pantera, antilope, gorilla. I crani chiedono di essere nutriti ad ogni seduta di culto con il sacrificio di un pollo od offerta di un pezzo di selvaggina. L’officiante versa il sangue sul cranio e le donne preparano il cibo abituale: manioca e banane che l'officiante lascia nella casa del Bieri. Il giorno dopo gli iniziati vanno a cercare il cibo per mangiarlo ritualmente. La notte seguente uno degli iniziati, sotto influenza dello spirito della pianta alan, può vedere in sogno la soluzione del problema posto al Byéri: "Dopo la mia morte, prendi la mia testa e custodiscila!” Spesso il morto appariva in sogno a colui che doveva essere il custode di una reliquia e manifestava la volontà di tornare al villaggio ed esser lavato con piante officinali e scorza spinosa di Acacia (pulire e rinforzare contro i mali). Il Custode risponde: "Ecco pollo e vino per te!" Versa vino attorno al cranio poi prepara il pollo rituale. Dopo il pasto chiude il cranio in un vaso e lo depone sotto il letto. La sua donna non deve sapere il luogo dove si trova il cranio. Nei templi Buiti dove il rito Bieri è incorporato nella liturgia con specifici tempi e spazi rituali, Alan, Iboga e Miglio sono i tre sacramenti: Ozambogha richiama un difficile punto di passaggio nella foresta che i Fang dovettero attraversare nel corso della loro migrazione al Gabon. Un foro nel tronco di un enorme albero caduto che sbarrava loro la strada, fu anche il momento di smembramento del gruppo migratorio, con lo sparpagliamento delle diverse famiglie claniche nei nuovi territori occupati e la spartizione del reliquario del Byeri. Con l'adozione dell’Iboga, i Fang hanno applicato il loro modello di assunzione dell’alan al caso Iboga mantenendo il costume di usarne quantità massicce. In lingua liturgica Mitosgho (popé na popé), Alan è detto Andoma, e durante il rituale, colui che intende parlare si alza in piedi e dice ad alta voce: “Zamba wé!” (o Bokayè, Silenzio!); tutti rispondono: tzenghe doi (la terra tace); il primo dice ancora: “eboga emboba” (iboga è amara) e gli altri in coro rispondono “m-andoma akido” (alan è difficile da inghiottire). Colui che ha chiesto la parola parla, ascoltato da tutti e quando ha terminato, è ripetuta la stessa formula a mo’ di chiusura dello spazio di ascolto prima richiesto. 35.䷢ Mallendi: 牛 niù (cow rad.93) Panafrica, erbe Africa


Kinaciau parla del respiro, del fiato come forza vitale, chiamato num tra la sua gente, prana in India, qi in Cina, mana presso gli antichi Rasna e i Polinesiani, etc. La parola sanscrita Kundalini significa: Colei che è arrotolata. Shakti è il potere del serpente, qi, mana, num e coscienza. la Toràh è il fuoco e nel fuoco è data. Tra i Beduini del deserto, Baraka è la trasmissione del soffio divino (num-qi) attraverso le preghiere e le erbe, là, le verruche son curate sfregando la carne di una lucertola (trapelus ruderatus) e, in caso di avvelenamento da scorpione, si incide il corpo nella zona della puntura, si aspira il sangue e si lava la ferita con acqua salata. L'esperienza insegna che, quando cerchiamo le cose, ci scontriamo con la mente e, quando affrontiamo la mente, troviamo le cose. Colui che beve, indipendentemente dalla bevanda, non sà più se è il bevitore o la bevanda stessa (mito di Atteone), così accade per i gesti e gli atti dell'esistenza, insignificanti all'apparenza. Invece di imporre alla mente una disciplina yogica, visto che la realizzazione è già in sè, dai libero corso ai pensieri e impressioni che vanno e vengono, senza interferire, trattenerli o guidarli; l'effettò sarà quello di creare uno spazio interiore che rivela il gioco sottostante. Quando ci si orienta in se stessi, le ore escono dal tempo, ogni cosa ed essere si afferma per quello che è, obbedendo solo alla sua legge interna e, i tessuti intrecciati attorno scompaiono; se tale stato permane, l'intuizione torna regina. Vivere intuitivamente è un atto di fiducia, giusto o ingiusto non ci preoccupano più, il lampo di un istante sopprime il dualismo pensiero-azione poichè, il giogo di una seconda mente (ego) è tolto, l'ego esiste solo in relazione agli altri. La nostra natura originaria è spontanea (ananda), vivere semplicemente fa bastar a se stessi, senza l'obbligo di scopi o legami. Chi prende tempo per fare ne conosce il valore, nulla gli appare insignificante, così attende pazientemente di ricevere in dono la sua vera natura. Come obbedendo a una volontà superiore, sente la vanità d'intervenire nell'altrui esistenza mentre gli altri non sono in condizione di provocargli sofferenze o disillusioni. Un potere di pacificazione solitaria lo invade, così l'assenza di desideri ed intenzioni, attira verso di lui le creature ferite e indifese; egli offre il suo aiuto senza mai imporlo, consentendo, a coloro che ne hanno bisogno, di trarne il soccorso spirituale necessario. Un lungo sonno ha avuto fine, conta solo l'illuminazione, un bagliore vissuto; il tempo appare allora come una successione lineare di tentativi ingannevoli di possesso, assicurazione contro la paura, in cui si accumulano stanchezze, responsabilità e sconfitte. Al contrario, la fluidità di un tempo, indipendente da passato e futuro, è chiamato felicità. Si cambiano gli occhi e, il mondo intero è diventato un sogno, l'intuizione si espande quando la mente non è più nelle cose e le cose non sono più nella mente; la contemplazione libera, impersonale, disinteressata, permette all'occhio spirituale di percepire, in tutto ciò che lo circonda, l'intenzione prima. La felicità ci afferra nel momento in cui la totalità di ciò che esiste gioisce attraverso noi. Le cose si servono dei nostri sensi per vibrare, provocando un godimento dell'essere. In stato di permanente intuizione, l'esistenza è densa di spiritualità, si è la vita in tutte le sue possibilità estreme. Svegliarsi è aver coscienza che la verità è altrove, unirsi al proprio ritmo (durata del proprio respiro), cioè crescere senza fretta, ci reintegra ad essa, al cosmo. Prender coscienza del respiro risveglia l'energia vitale, così possiamo vincere la collera, l'invidia, l'ansia di possedere e gli altri disordini mentali, un respiro ritmico respinge la paura e la gelosia poichè ci riporta al centro dove cessano i conflitti; il poeta sufi, Saadi Shiraz dice: ogni respiro contiene due benedizioni, la vita nell'inspirazione, e il rifiuto dell'aria viziata nell'espirazione, ringraziamo Allah dunque, due volte ad ogni respiro. Sonno e veglia sono la respirazione della vita organica, l'uomo normalmente inspira ed esala ogni tre secondi, proviamo ad osservarlo; vivere con il proprio respiro, assimilarlo, porta ad eliminare, uno ad uno, gli ostacoli della mente fino a che nulla ci separi dal nostro centro. L'attenzione va mantenuta viva giorno per giorno. Tutto ciò che è un fine in sè, e non un mezzo, crea la gioia. Ciò che non è personalmente vissuto, non ha alcuna realtà; la deformazione mentale, avida di tradurre ogni cosa, verbalizza l'esistenza e la svuota. L'amore non fa calcoli, esso consente di trascendere il mondo. All'istinto di conservazione, soggetto a tutti i timori, si oppone qualche barlume che ci fa intuire come la condizione umana sia solo fantomatica. Voler possedere senza alternativa, beni materiali e idee, sempre di più, è finire con l'esserne posseduti, così la sete di vivere distrugge la vita. La mente diretta verso il passato e verso l'avvenire, genera infiniti problemi, lo spirito di analisi a forza di rivoltarli, infonde loro un importanza smisurata. restare inoccupati ha il valore di una prova, la paura del vuoto è all'erta; se l'inquietudine tace e la noia è superata, si giunge a se stessi, si è, si può meditare, osservare a distanza gli oggetti dei nostri tormenti che, pian piano, si assottigliano e scompaiono. Le preoccupazioni scaricano e devitalizzano l'organismo, tuttavia, Josipovici e Yogananda, ci insegnano a ricaricarlo.. La mente, creata in origine per aiutare l'istinto di conservazione, si è consolidata con lo sviluppo della civiltà materialista, così oggi, essa ritiene che usare il tempo per acquisir coscienza dei ritmi del respiro sia una perdita di tempo; l'Ego da cui dipende e che la manovra, è preso da timore di fronte a ciò che rimette in causa la sua esistenza, poichè l'aver coscienza del respiro, ci stacca dall'Io, collegandoci direttamente al cosmo. Divenire sensibili, in maniera quasi costante, agli intervalli fra due respiri completi, ha l'effetto di indurci ad abbandonare il personaggio esteriore per ricondurci al centro di se stessi, dove si percepisce la coscienza di esistere, ciò che si verifica in periferia perde importanza. Si scopre che il respiro è la chiave di ogni conoscenza, ci lega al nostro corpo e ci unisce al cosmo. Aspirare è vivere, si è il moto dell'aria che entra e si dissolve e poi, un giorno, ecco il carpe diem, l'istante in cui non c'è respiro, l'eternità, risulato di un lento e paziente seguito di operazioni: il sangue, purificato dell'anidride carbonica, è saturo di ossigeno, il surplus produce una corrente di vita capace di mutare ogni cellula in energia, si unisce alle correnti spinali e, il respiro, diviene l'atto mentale primario, unendosi alla sostanza psichica. Il pensiero-forza (intenzione) guida le grandi azioni, dal magnetismo animale alla gravitazione universale, poichè è il num che muove l'energia muscolare respondabile dei polmoni che respirano. Nell'organismo dormono ritmi fondamentali che è necessario risvegliare, così, Kinaciau ricorda altre due pratiche, divulgate da Josipovici, per liberare il num, occupato, normalmente, a sostenere le pulsazioni cardiache, e orientarlo a una missione più alta; chi oppone alle avversità una pazienza infinita, senza che la preoccupazione dei risultati lo tormenti, scopre il meglio di sè, per congiungerlo al dono divino, lo Spirito, poichè soffio significa Spirito e, sebbene la polvere torni al suolo da cui proviene, il soffio risale all'eterno: distesi su un tappeto o letto rigido, cuscino sotto la nuca e braccia distese, rivolgere l'attenzione allo sforzo inconscio e continuo dei muscoli, gradualmente si rilassano, il soffio vitale penetra il corpo e rilassa la mente; inspirare lentamente immaginando di captare pura energia; durante l'espirazione il flusso energetico sia diretto internamente (l'immaginazione fissa la forza) in una zona a vitalità carente; se si preserva, si otterrà la creazione di un canale di nutrimento cosmico. Come dice Mesmer, la guarigione è il ristabilirsi delle libera circolazione della corrente vitale; quando un uomo è padrone della propria energia, può guarirne un altro: si concentra sulla sua forza, la porta a un dato livello di vibrazione e poi la trasferisce. L'universo è composto da diversi piani d'onda che, differiscono tra loro solo per la frequenza e la qualità delle vibrazioni; all'inizio si comunica solo con ciò che è sullo stesso piano, malgrado gli sforzi d'immaginazione, poi, aumentando la vitalità, un mondo ulteriore si offre ai nostri occhi, poichè il soffio diventa spirito. L'aria che penetra nel corpo muta e poi esce, il ritmo del respiro si unisce ai diversi stati di coscienza e, si scopre che la felicità è il sentirsi completi. Piano piano la forza vitale si sostituisce alla respirazione e, qui ed ora, la felicità di inonda. Respirazione fetale: giunge il momento in cui si scopre che inspirazione ed espirazione formano un circolo, e il feto aspira energia senza aspirare aria via narici, il suo num rimonta la colonna vertebrale fino alla testa, poi ridiscende davanti raggiungendo la zona attorno all'ombelico (gebesi); dopo il taglio del cordone ombelicale, tale circolazione cessa. Ora, se con l'aiuto della mente dominata, la concentrazione è tale da permettere al num (kundalini) di liberarsi, questo sarà trascinato in un moto circolare intenso. Il corpo sia ripegato su stesso come un feto, si inspira immaginando una corrente ascensionale continua che, partendo dal perineo risale la colonna e raggiunge la testa, qui, dopo molte esecuzioni correttamente praticate, finirà per esplodere luminosamente; la ritenzione provoca alla sommità de capo vibrazioni e molteplici scintille; infine, l'esalazione rilancia il num dal viso alla gabbia toracica, passa la bocca dello stomaco e ricarica il serbatoio vitale sotto l'ombelico, propagandosi fino al perineo. Lo sforzo volontario va concentrato sul permanere della corrente, sull'esattezza del circuito, come fosse un cerchio di fuoco; allora, la conoscenza spirituale si aprirà. Respirazione del cuore: il ritmo del respiro simboleggia la produzione e assorbimento dell'universo e, il duplice movimento, centripeto e centrifugo, risiede nel cuore. Tale respirazione è praticata dai monaci esicasti del Monte Athos, Niceforo il solitario dice: siedi, raccogli il tuo spirito, introducilo nelle narici e spingilo a scendere nel cuore, assieme all'aria inspirata, quando vi sarà, vedrai seguirne la gioia. Metodo complementare del Bus indiano: dirigi l'occhio del corpo, all'unisono col tuo spirito, sul centro del tuo ventre, l'ombelico, comprimi l'aspirazione che passa dal naso, scrutando mentalmente l'interno dlle tue viscere, alla ricerca del posto, nel cuore, dove tutte le forze dell'anima amano dimorare, troverai tenebre e opacità tenace ma, se perseveri con l'esercizio, notte e giorno, troverai una felicità senza fine! Per concordare il ritmo del respiro con un orazione interna, bisogna trattenere il respiro, una ritenzione momentanea che assottiglia il cuore duro e spesso, così che, la sua umidità, convenientemente compressa e riscaldata, diventa tenera, sensibile e più disposta alla compunzione; Esichio il sinaita, creatore della disciplina che procura agli uomini il riposo mistico (Esichia), dice: beato colui che ha la preghiera divina incollata alla sua facoltà di pensare, che la invoca senza tregua nel suo cuore, vedrà il cuore sostituirsi alla funzione respirante. Durante questi esercizi, la condizione umana è abolita, le attività di polmoni e cuore tornano calme e, le assillanti esigenze del respiro son messe in quarantena, rallentando la decadenza del corpo. Dice Ezechiele: le ossa sparse e disseccate, hanno solo bisogno dle soffio vitale per riunirsi e resuscitare; la rigenerazione messianica si realizza nella creazione di un nuovo cuore e un nuovo spirito, Spirito che ispira, a coloro che lo ricevono, azioni extra ordinarie, oltre se stessi; Gesù gridò: Padre, rimetto il mio spirito nelle tue mani! dicendo queste parole spirò. Quando l'uomo diventa interiore e si affida alla meditazione, la qualità del suo respiro diviene leggera, quasi immateriale e, perseverando, l'aspirazione resta dentro, l'espirazione resta fuori, così che lo spazio che si crea acquista un potere magico dove, si rivelano internamente, tutte le strutture cosmiche: attraverso pericoli e tragedie vissute dall'anima, si ricostituisce un atlante spirituale, un universo a molti livelli, rinasce lo sciamano, dove corpo e vita convergono verso i ritmi siderali, poichè, la coscienza cosmica è strettamente associata al respiro, così muta il respiro biologico, si annullano squilibri e schiavitù, lo Spirito integrale si serve di quel corpo; la morte iniziatica è trasmutazione, dimora nell'eterno presente. Pensare già ci orienta verso una direzione, così un sistema scientifico, è solo un momento della scienza umana, una spiegazione adatta per un epoca: tutto ciò che esiste è il risultato della mutazine di energie latenti (atomi) in energie attive, ogni fotone è un quantum di azione, i corpi celesti pur spistandosi, continuano a scambiare radiazioni, il buco nero incurva lo spazio e piega il tempo; l'antica conoscenza dei Misteri conosceva spazi e tempi diversi e, per la teoria degli specchi o mondi paralleli, attribuiva l'ingrossamento del buco nero al centro della galassia (Iside e Kali) allo squilibrio delle forze yin e yang sulla terra: un eccesso di pensiero lucrativo-consumista distrugge la magia creativa (energia vitale) delle stelle; di fronte alle aride e sterili teorie di molti accademici moderni, lo sciamano siberiano o il ganga africano, tessono pazientemente intimi legami con gli alberi, il suolo, le acque, gli animali, i monti, le bufere minacciose o fraterne, gli oggetti celesti e le potenze occulte da domare; essi sanno che tutto ciò che li circonda esiste per un progetto e si nutre di un anima universale. La vita, pur nata dal fango come dice la Bibbia, necessita del cosmo per manifestarsi, la vita rappresenta un intenzione divina (lila); così l'iniziato (bandzi) risveglia in sè un insieme di forze latenti che, in seguito, muterà in un ambiente popolato di intuizioni vive (thera). In Cina, il num è detto qi (forza vitale); la sua gestione e coltivazione, ha dato origine a molte scuole mediche, religiose e di arti marziali. Una storia narra che Wang Lang, fu l'uomo che inventò lo stile marziale della Mantide religiosa (TangLang), la sua storia sfuma nelle molte leggende legate alle singole provincie cinesi che lo videro protagonista (Shandong, Shanxi, Hubei, etc). Nello stile qi xing Tang Lang quan (mantide religiosa del nord) vi sono 4 forze: d'inerzia (guan xin li); forza avvolgente (chan feng li); di rotazione (xuan zhuan li); di leva (gan ganr li): duro e morbido si scambiano posto, lungo e corto sono simultanei, leggeri ma non privi di sostegno (vuoti), stabili ma non stagnanti, duro ma non rigido (bloccato), morbido ma non molle (debole), veloce ma non disordinato (confuso). Nell’attacco c'è la difesa e nella difesa c'è l’attacco, si indica in alto e si colpisce in basso, colpendo in basso si porta in alto, si indica a sinistra e si colpisce a destra, colpendo a destra è necessario difendere a sinistra, l’alto ed il basso si guardano reciprocamente, la sinistra e la destra fanno eco. La mente esamina accuratamente la situazione del 'nemico', tenendo la guardia contro l’avversario lo si inganna mostrando il pieno come vuoto. Vi sono 8 punti in cui si può colpire per ferire (BA DA, tra gli occhi, sotto il naso, dietro l'orecchio, spina dorsale tra le scapole, cassa toracica sotto il costato, osso pubico sotto l'addome, il ginocchio, la cresta tibiale), e 8 punti in cui non si può colpire (poichè uccidono, BA BU DA, tempie, gola, orecchie con i palmi, centro del petto, ascella, reni, genitali, punta della colonna spinale o perineo). I principi teorici del Daoismo permeano le Arti Marziali e la Permacultura: Yang è duro, Yin è morbido; Yang non si può battere con altro Yang e lo stesso vale per Yin. Il duro e il morbido si scambiano di posto, significa imparare ad alternare di continuo duro e morbido nell’attacco o difesa, pianta e suolo. Il duro vince il morbido, e il morbido inganna il duro: se tiro un pugno, questo è Yang (duro), se il mio avversario lo devia o lo para con una mano è Yin (morbido), parata e colpo sono collegati. Anche il morbido (rou), pur essendo di sua natura yin, può avere una valenza Yin o Yang a secondo se è ming-rou o an-rou: saper unire Ming ed An, luce e tenebra (ciò che non si vede); l’alto è yang, il basso è yin; davanti è yang, dietro è yin, sinistra è yang, destra è yin; esterno è yang, interno è yin; il colpo è yang, la parata è yin. Quando si zappa è necessario che mani ed occhi siano uniti, spalle e vita siano uniti, corpo e posizioni siano uniti, posizioni e mani siano uniti; tutti si usano contemporaneamente. I movimenti si susseguono uno dietro l’altro, la tecnica è fatta in un sol respiro. Cercare continuamente questi aspetti all’interno delle varie tecniche ed imparare ad usarli nel modo più corretto, fa si che la teoria sia un aiuto alla pratica e, viceversa, una pratica corretta ci aiuta a capire sempre di più la teoria. L’abilità va affinata, mani e piedi coincidono, 10 ore di osservazione, poi un ora di pratica, mani e piedi seguono l'intenzione; 16 parole chiave son presenti in ogni stile di Arti Marziali Cinesi, anche se diverse per contenuto e numero, rappresentano le tecniche specifiche su cui lo stile si basa, lo distinguono e danno vita a migliaia di combinazioni. In Cina la parola Wu significava: feminine qi-dance, e crescita lussureggiante. In origine la parola wu indicava le donne possedute dallo Shen (spirito-radice), uno dei tre tesori della vita, assieme a Jing(l'essenza) e Qi (forza vitale). Shen è l'energia spirituale (coscienza), alla radice dello spirito, che amplia la consapevolezza degli umani. In Cina coltivare se stessi (armonia in sè e con il cosmo) era la chiave per il successo nella relazione dottore-paziente. Il leggendario dottore Sun Simiao (l'Ippocrate cinese), era conosciuto per l'attenzione che dava ai pazienti, specie donne e bimbi, tanto che la sua medicina fu detta: arte della compassione. Shen, in Cina, passo poi a indicare gli saman. Le wu chiamavano la pioggia a mezzo della danza e, anch'esse, sapevano viaggiare nei cieli indaco. Il radicale wu entra in parole che indicano: woman, old woman, male, servitore degli spiriti (medium), fertilità, madre, uovo, ricettacolo. Lo stesso radicale apporta significato al carattere xi (sciamano maschio, radicale poi divenuto vino, con passaggio dalla funzione rituale a quella medicinale), alla pianta di Achillea, (i cui gambi sono usati nella divinazione dell'I Jing), e nella forma arcaica della parola yi, dottore, curandero. Wu figura anche nella composizione di nomi di luoghi leggendari: Monte del serpente Wu Xi Wangmu, dove le cento droghe erano custodite. L'imperatore Shun fu la prima persona a viaggiare al cielo, apprese tal'arte dalle figlie di Yao, suo precedessore; Nü Ying e O Huang, rivelarono a Shun l'arte (Gong) degli Uccelli al fine di farlo atterrare senza incidenti; l'arte del Dragone invece gli serviva per sollevarsi dal suolo. Le due sorelle lo consigliarono: togliti i vestiti e fà il lavoro del drago; ti solleverai. Shun ebbe successo in questo magico lavoro poichè indossò gli abiti del lavoro di Uccello (Gong) in alto, e quelli del Drago in basso (vedi Gebusi papua). La parola gong originò: qi-gong e gongfu. Danza e canto ebbero un ruolo chiave nelle cerimonie della pioggia: ling significa spirito e consiste di 3 radicali: pioggia, cantare (incantare), saman. Ling è parola usata a indicare gli sciamani nei nove Canti di Chu, e nel Libro dei Riti (liji). Il Lushi chunqiu descrive l'armonia e la forza unificante che emerge da questi riti. Attraverso il cosmo, ogni cosa risuona e risponde ad altre risonanze, come un diapason o le campane aventi stessa nota, senza riguardo per l'ottava in cui la nota risuona (campane tibetane). Lo Sciamanesimo cinese è alla radice di ciò che poi divenne il Daoismo; la parola taoista per estasi, kuei-ju, indica la possessione sciamanica, cioè colui che parla in nome dello shen, il corpo è del medium, ma lo spirito è dal Cielo. Le wu preparavano se stesse a ricevere la divinità, purificando se stesse con acqua profumata, vestendo abiti cerimoniali, e facendo offerte. I primi Taoisti son come steli d'erbe ed alberi, meditano con il corpo coltivando la salute e il riposo della loro anima-spirito; si allungano e stirano come uccelli e gatti a prolungare la vita, si scrollano come orsi e Panda, a vuotar le loro menti. Inspirano (Qingqi) ed espirano (zhuoqi) aria meditando un sol pensiero (Io sono il Satchidananda Atma); dice Kinaciau: molte loro danze son basate sui movimenti degli animali, come in Africa e altrove, e includono maschere e abiti per rafforzare l'esperienza, ovvero causare il riposo della corteccia cerebrale e vitalizzare il resto (rujing), così il Kia (Moksha, stato mentale) può accadere naturalmente. (ENG) Kinaciau after drank Chinese Fenugreek tea to alleviate all his breathing congestions, starts to talk about the interior wilderness and the nature-power of n/um (mana, prana, qi, kundalini): 'Mana is a form of a spiritual energy and also healing power which can exist in places, objects and persons. Mana, n/um is everywhere: volcano, plants, animals, humans, etc. For example, the top rim of the Haleakala volcano on the island of Maui is believed to be a location of strong mana. Hawaiian ancestors also believed that the entire island of Molokai possesses strong mana, as compared to the neighboring islands. Many ancient battles among the Hawaiians, prior to the unification by King Kamehameha, were fought over possession of Molokai Island, partly for this reason. The Sanskrit word Kundalini means 'She who is coiled. Shakti is the serpent power (qi, mana, n/um) consciousness. Torah is fire and it is given into fire as the words from ancestors (Gauwasi) during a n/um Tchai dance. when a person's Spirit has something extremely important to communicate, it will knock three times. If one has the ability or is spiritually intune with such things, three clear, unambiguous meaningful coincidences will be received showing that a certain decision is needed to be made or that an indication of a prediction is correct. People tell me of their suffering, I listen closely; while drumming, I seek a vision of their healing.. The Mosuo people of south China, call the water spirits jiekuagela, the spirits of water wells are called jigegua. Yiyige-er, the Bird Spirit, lived in the forest and was protector of hunters, later, it became the protector of shepherds; much later again, it became the main spirit in charge of rain and thunder as the Amerindian & African Thundre-birds. The Mosuo have two kinds of sorcerers: bizha and daba. Bizha means 'commanded by ghosts and spirits'; their special ability involves spirit-possession. They have their own spiritual hierarchy, including the sky spirits, earth spirits, water spirits, fire spirits, wind spirits, female spirits. They are mainly in charge of conducting funerals, exorcizing ghosts, and so on. When the bizha offers to the ancestors, they will first chant 'our ancestral mother, Hongzejijimì, followed by the ancestors of other clans. Kinaciau quotes Lisa describing the headdress of Daba, she seen at Kodari in Nepal: "Daba wear is called zha-ema, which is sewn with five pieces of cloth. There is a figure on each piece of cloth. These are, enumerating from the left: 1st Kaxigemi (a spirit that lives in heaven); 2nd Womuganna (a spirit in charge of ghosts in heaven); 3rd Muluabadu (founder of the Daba religion); 4th a daba; 5th Qingyisigei (a Lion/Tigress that lives in the mountains and serves as an assistant for daba). On each side of a daba’s ritual headdress there is a small piece of cloth. When the daba is performing a shamanic trance-dance, they are considered his ears. Helmet and armor are usually used for conducting a funeral. There are 3 categories of daba: ha daba (ritual priest); bu daba (curing ilnesses chanting texts); pai daba (divination by books and fortune-tellers). The founder of the Daba beliefs was Muluabadu (abbreviated as Du Spirit). Da, originally meaning chopping wood, carving inscriptions on stone. Ba means 'marks left after chopping'. There are two interpretations of the term daba, using a knife or ax to eradicate the catastrophes of the world, which is the goal of being a daba. The second is the use of knives or axes to carve symbols on trees or stones. When Mosuo people build a house, they carve symbols on the wooden logs. If Pan is the Lord of Animals (Siva Pasupati), it dances on the earth soil (Thera skin) fast with his goat feet, calling/waking floras and faunas ancestors to take part into the life dance, each with its own 道 rythm. Thera is Mae Khao, Mae Phosop, Mae Khwan Khao, Pu Khwan Khao, the spirit of plants. Pan is also like a vortex, a mass of energy that moves in a rotary or whirling motion, causing a depression or vacuum at the center. powerful eddies of pure Earth power manifest as spiral-like coagulations of energy that are either electric, magnetic, electromagnetic qualities of life force. Vortexes are areas of high energy concentrations, originating from magnetic, spiritual, or unknown sources. They are considered to be gateways or portals to other realms, both spiritual and dimensional. Vortexes typically exist where there are strong concentrations of gravitational anomalies, inturn creating an environment that can defy gravity, bend light, scare animals, twist plant life into contorted shapes, and cause humans to feel strange. Many vortexes have been shown to be associated with Ley Lines and have been found to be extremely strong at node points where the lines cross. The swirling, spirial-shaped rock art and petroglyph images around world, are often associated with vortex sites or an environment that grows a variety of plants used by the indigenous population for spiritual and ritual purposes. Vortexes are labled according to the direction of their energy flow. Up-flow Vortexes, where energy is flowing upward out of the earth are said to boost spiritual skills, or to expand consciousness, or exhilarating like filling a balloon with air. Inflow Vortexes, where energy is flowing inward, toward the earth are labeled as a magnetic vortex or site feels heavier; on a spiritual quest or during introspective exploration, if not prepared, the first things people experience is Fear. As a result inflow areas are often thought of as negative or evil. There are quite powerful vortexes in the world more or less permanent: Sedona, Grand Canyon, Sunset Crater, Meteor Crater (the 50,000 year old meteorite impact site), Valcamonica petroglyph site (northern Italy), etc. Besides the earth vortexes there are also body vortexes called Chakras. Chakras are subtle force centers said to channel energy into the body. In Sanskrit Chakra means wheel and they are often seen or shown as spinning vortexes similar to a spinning wheel or a water drain. Chakras act as gateways between the higher planes of existence and the physical plane that we perceive. From these gates energy is distributed throughout the body in a system of pathways called Nadis in Sanskrit. The Chakras fall, or are created, like Ley Lines, at the points where these lines cross and meet. The differentiation between a major and minor Chakra is made by how many and how major these Nadis that cross and meet are. Pingala, Sushumna and Ida are known as Amrita-Nadi. There are other ways vortexes can interact in the realm human activity as well, sometimes closer to home and on a much more personal level. In the early 1960s, a scientist named Edward Lorenz, in an accidental qurik, came across an event that terminated in a huge magnification of the downstream outcome, in December of 1972, Lorenz asked: Does the Flap of a Butterfly's Wings in Brazil set off a Tornado in Texas? making reference to the fact that small, almost imperceptible happenstances or events can have huge and momentous consequences, just as the Mat-rek small rice garden, it can have outcomes (butterfly effect) on the biggest rice field of Kmhmu people as Sesto explained us. 01.䷀ 气 respiro, pranayama, qìgong num, fiato-caldo | qi gong1 | qi gong2 | qi gong3


June 六月 Emily  (up calendar 月)


Pamela parla delle più comuni piante coltivate nell'orto del tempio: Cento piante di Asparago (Asparagus spp) e 10 di Carciofo, bastan a una famiglia di 4 persone. l'Asparagiaia dura 20 anni, il ceppo verde è più adattabile e facile, segue il viole poi il bianco esigente. Asparago cotto nei cibi (risotto), mellifica il corpo e fa orinare. Con gambi e radici faccio il brodo o cuocio con vino/aceto, fichi e ceci così da depurare il corpo e abbattere le infezioni delle vie urinarie. Gli Italici amavano gli asparagi, i giovani turioni che escono a primavera dal rizoma cespitoso, i romani li chiamavano prodigia ventris e li dipinsero a Pompei poichè ritenuti afrodisiaci. Asparagi son ricchi in caroteni (il corpo muta in vit.A), vit.C, proteine e metilmercaptano, sostanza potassica che conferisce odore speciale all'orina di chi ne mangia; aumentano la fluidità del sangue, purgano via la pipì (chi soffre di gotta non deve eccedere). In fitoterapia si usano le radici di tre anni di vita, tagliate anche a strisce per seccarle al sole poco rovente, hanno azione diuretica dovuta ai sali di potassio; allo scopo, e per stimolare anche l'appetito, fò un decotto di 25 g di radice in litro di acqua, e ne prendo un bicchiere amarognolo prima dei pasti. La Lattuga sativa, umile e preziosa, cruda contiene vitamina A ed altre, cotta aiuta la digestione; Galeno nella tarda vecchiaia era solito mangiare lattuga la sera, per dormire sonni tranquilli, mentre Plinio aggiunge che essa è buon anafrodisiaco. Il lactucarium della farmacopea, è il lattice della lactuca virosa rappreso all'aria: emolliente, buon calmante delle tossi, sedativo nervoso e blando ipnotico; esso facilmente perde le sue virtù, quindi bisogna assicurarsi che sia recente, ben seccato e conservato al buio. I cataplasmi tiepidi di lattuga, unti con olio, guariscono rapidamente le contusioni, ematomi ed irritazioni cutanee: è un erba sedativa da tea, che va messa in ombra in estate. Altre Asteraceae commestibili e coltivate sono: tarassaco, radicchio (Cichorium intybus & C.endivia, il radicchio rosso ha fibra e minerali utili a depurare fegato, reni e intestino. Mangiato a inizi pasto, migliora la digeribilità di piatti ricchi di grassi), topinambur (Helianthus tuberosus), girasole (Helianthus annuus, sunflower), il cui infuso di fiore è usato in Cina per calmare le vertigini da labirintite all'orecchio, i semi aiutano a bilanciare gli ormoni maschili e la prostata, rafforzando anche gli occhi alla luce solare del giorno; seguono l'Assenzio (Artemisia absinthium), il Cardo (Cynara cardunculus), Carciofo (Cynara cardunculus subsp. scolymus); con lame inox, Seba taglia Carciofi e Cardi, così non anneriscono, da Gennaio ad Aprile, quando le scaglie dei capolini iniziano aprirsi avanti fioritura. Le fasi di sviluppo del carciofo sono: primi gli apicali(mamme), poi i laterali (figli), infine i basali (nipoti), ricavando 10-12 carciofi da ciascuna pianta. Il Carciofo selvatico (Carduccio perenne) è più piccolo, ha foglie gialle con spine marginali e capolini più piccoli con brattee spinose. I fiori di Cardo (e cardo mariano aiutano a cagliare il latte, mentre i semi, son sconsigliati ai pazienti ipertesi. Tutti i Carciofi contengono acidi amari, io li strofino con limone così non anneriscano. Protettori del fegato, han foglie ottime per cibo/foraggio, proprietà toniche, colagoghe, diuretiche, astringenti, febbrifughe. Cardi e carciofi son gustosi e digeribili, specie se crudi in aceto e poco sale o cotti in acqua e olio. Nell'Italia centrale, le arvicole scavano cunicoli nel campo ed orto, divorando le radici di molte piante sopratutto carciofi. Per isolare la pianta da essi e dal freddo eccessivo, Emilia realizza una gabbia grigliata attorno a ciascun d'essi, riempita con torba e foderata con cartone. Lei moltiplica il Carciofo piantando in Autunno i polloni del fusto principale (carducci), inclusi di una porzione di rizoma. (ENG) The Raperonzolo (rapunzel edulis) in the vineyard, it has root like the turnip, tiny and delicate leaves and new shoots; I boil and eat it in oil and salt as a raw salad. I see a Sempervivum edible grass on roofs and walls, it survives in winter frost; the Purslane plant is quick and creeping, it has yellow flowers good to eat it raw or cooked. (IT) Sempervivum è un genere di piante succulente (famiglia Crassulaceae) presenti dal Marocco all'Iran, monti Iberici, Alpi, Carpazi, Balcani, Caucaso e monti di Turchia ed Armenia. Immagazzinare acqua nelle loro grosse foglie, permette loro di vivere su rocce assolate e paesaggi pietrosi delle catene montuose, alpine e subalpine. Come altre piante dell'Europa Meridionale, i loro antenati erano di origine tropicale; simili ai generi Jovibarba della Macaronesia (Azzorre, Isole Canarie, Capo Verde, Madera), discendono da un unica famiglia. Le Sempervivum mantengono le foglie anche in inverno, riuscendo a sopravvivere lunghi mesi anche sotto la neve, grazie alla forma della loro rosetta, i fiocchi di neve vanno a disporsi sopra, a forma di iglù, ciò preserva le foglie dal completo congelamento: benché i loro cugini subtropicali siano molto sensibili al freddo, sono tra le succulente più resistenti al freddo, qualità che conferisce loro popolarità come piante da giardino. I Sempervivum riescono a resistere altrettanto bene ai climi estremamente aridi, trovando nei terreni rocciosi il loro miglior habitat. Le radici di questa resistente crassulacea, penetrando negli anfratti rocciosi, riescono a raccogliere i pochi nutrimenti necessari alla sopravvivenza della pianta. Per queste caratteristiche sono amati dagli estimatori dei giardini rocciosi. Ogni rosetta si propaga a mezzo di rosette laterali (Sempervivum tectorum), per talea delle rosette (Jovibarba heuffelii) o riproduzione con minuscoli semi. In genere prima di fiorire le piante devono crescere per alcuni anni, i loro fiori ermafroditi passano per un primo stadio maschile; gli stami si curvano e si separano al centro del fiore, in modo da evitare autoimpollinazione. Il colore dei fiori è rossastro, giallastro, rosato o biancastro. I fiori, a forma di stella, hanno sei petali, mentre quelli del Jovibarba sono campanulati. Dopo la fioritura la pianta muore, lasciando i germogli prodotti nel suo ciclo vitale. Il genere Sempervivum è facile da riconoscere, ma le sue specie sono difficili da distinguere, anche uno stesso clone può apparire molto diverso dalla pianta madre se posto in un altro ambiente. La Ruchetta detta rucola coltivata, erba ruga, brassica eruca (eruca sativa, brassicaceae), è un erba annuale, ortaggio di febbraio, tonico utile a chi è stanco e svogliato. I Latini, considerandola afrodisiaca, l'apprezzavan come alimento e medicina consumando anche i semi. Rucola ha virtù disinfettanti (sostanze solforose) vitaminizzanti, antiscorbuto, aperitive e digestive: in insalata, cruda o cotta al vapore, è rimedio all'inappetenza e lentezza digestiva. Cresce spontanea nel mediterraneo, su substrato sciolto e sabbioso, ha ciclo vegetativo molto breve: poche settimane dalla semina (primavera) a fine ciclo. Cresce bene in pieno sole o leggera ombra, purché riparata dai venti e può resistere in inverno. Io taglio e consumo le sue foglie fresche dall'aroma piccante, per insalate, salse, tramezzini, pizze e alcuni formaggi molli. Il Nasturzio del Perù (tropeolum major), ha foglie, fiori e semi immaturi eduli, una foglia agrodolce arricchisce l'insalata. Portulaca (portulaca oleracea), annuale erba acida, simpatica e rustica, succulenta da fiore che resiste al caldo torrido estivo. Nei vasi e negli orti, dà variopinte fioriture per tutta l'estate, in pieno sole (26°-32°C) e siccità; se nuvoloso, apre più tardi e chiude prima e si ferma se cala la calura, non ama umidità. Portulaca è ricca fonte di acidi grassi omega3, utili nella prevenzione di attacchi cardiaci e aumento delle difese immunitarie. Già nota a cinesi ed egizi, è coltivata nel mondo come verdura da orto, specie in Francia, è vistosa tappezzante ravviva di colore e dà sali all'insalata. In cucina le foglie han sapore acidulo, crude o cotte, si consumano in insalata e mescolate all’acetosa; utili per minestre saporite e rinfrescanti, si possono conservare sottaceto. Erba rinfrescante, antiscorbutica, depurativa, vermifuga, febbrifuga, diuretica, tonica; uso interno: dissenteria, enterite acuta, emorroidi, emorragie post-partum; uso esterno: foruncoli, punture d’api ed eczema. Il Cavolo-cabbage (Brassica oleracea) fu anch'esso una pianta sacra per i Latini, se mangiato crudo assieme a cipolle, aiuta a resistere ai raffreddori e nelle diete da viaggio. La sua azione balsamica, da Dicembre a Marzo, rafforza l'immunità e previene molti tipi di cancro. Le foglie di Brassica oleracea contengono carotene, vitamine A, B, C, K, U. la cottura distrugge la vitamina U, enzima misoniase che ha la funzione di combattere l'ulcera gastrica, duodenale e intestinali (ulcera che crebbe con l’adozione romana di cuocere i cereali nel bronzo). Se stiri la foglia con ferro da stiro e la poni su ferita o scalfittura, essa disinfetta, cicatrizza e attenua il dolore; foglie nelle scarpe, mantengono i piedi freschi e riposati. Tutte le varietà di Cavolo han virtù digestive, rimineralizzanti, ricostituenti cerebrale (1 kg di cavolo apporta 2,5 gr di fosforo), antiossidanti e ansiolitici. Verza e Cavolo proteggono lo stomaco, il Cavolfiore contiene bromuro che stimola il relax dei sensi mentre il Broccolo è ricco in zolfo che da energia. Tutte hanno ferro, arsenico, calcio, fosforo, potassio, magnesio, rame, iodio e fibre che fanno bruciare i grassi. Sciacqui con il succo di cavolo curano afonia e sordità mentre frizioni dello stesso (o foglie crude tritate), curano acne e foruncoli. Le foglie in cataplasmi caldi sono utilissime in casi di attacchi di artrite, nevralgie, reumatismi e distorsione. Semino le Cime di rapa (brassica rapa, dette broccolo di rapa in estate per cogliere da settembre. Semino aiuole che hanno ospitato orticole cucurbite già letamate in precedenza, piuttosto che quelle che han ospitato altre brassicace (cavoli: verza, cappuccio, broccolo, cinerse, rapa, ravanello, rucola), poichè han già sfruttato la fertilità residua e fornire altro azoto, fà accumulare nitrati tossici nelle foglie; uso varieta precoci come la quarantina o cinquantina, seminata in alveoli che, dopo un mese trapianto a terra. Innaffio quanto basta e diserbo a mano. Raccolgo quan le infiorescenze sono ben formate (5 cm), ma prima che i fiori si aprano, taglio l'infiorescenza principale includendo le foglie che la circondano e 15 cm di fusto, così, se il clima permette, nasceranno germogli laterali e infiorescenze secondarie. Conservo i broccoletti di rapa in un cartone in cantina. Userò l'ortaggio da solo o cucinato con le famose orecchiette pugliesi. La Bietola da coste, si adatta in tutti i climi, orti mari e monti e resiste inverni miti (fin -4°) e fiorisce a primavera, la semino da feb-ago e colgo scalarmente le sue dolci foglie più esterne da giu-nov. 23.䷖ 豆 dòu, legumi (rad.151) erbe coltivate


Pamela says: "some vegetables are left growing to produces seeds especially if them are adapted to environment. The plants grow in soil imbued with a substance that decomposes slowly. Life starts from the roots and penetrates the earth. If you understand that there is no border between them, you'll discover the land fertilized. To fertilize vegetables and flowers, I put in a water drum green plants, nettle, algae, chamomile, chicken dung, all stay there for and let macerate two weeks. If the weather is hot, odorous fermentation happens. I dilute the drink offering it to the plants. This water stimulates the lazy summer micro-organisms. A vegetable garden can be done in many ways, then something to eat finally you will harvest! If you know and respect the life cycle of the soil, soil (Demeter) will tell you what she needs to develop living organism communities. The first step will be the preparation of the soil: I dig earth to get waffle garden or raised bed for potatoes, garlics and onions. Summer garden will takes place in collect rain basins filled with chicken manure, peat mulch and dry weed. A self sufficient garden, may be 100 square meters, it takes its shape without forcing becouse definely the garden uses all of us to emerge.. It starts planting inside me, we are its creatures! Seba watch down! the earth is hard compact, as a rock or ice. Man works sweating and sees hope in the sky. Both nomadic or civil, have same goals: nothing! Life and death are at the same time.. Every civilization, religion or science are dream, an artificial way from human brain so what the aboriginals (indios, pigmyes, etc.) have to teach us is that we are not better then them; citizens are not more human then forest dweller. I watch the land, wind, sun and rain then I follow my strength without running. The fundamental correlated cycles are the sprouting, the flowering, the leaf falling, the presence or absence of birds, insects and other animals that habitually frequent the area. Pamela tells the Root's vegetables first: "Plant dominated by weeds follows the strongest. I spud weeds after rain and I sow clover seeds. The sunlight helps roots, the shadow helps bud. Gravel traps moisture, and heat it returns at night. It increases resistance to cold and rainy winters also mulch it's useful for grape's roots. the Moss mulch protects from heat it retains moisture then it has acid effects. (IT) Una volta Emilia aveva molta febbre.. Taras suo marito la curava e, durante un delirio febbrile, Dea Diana le apparve in sogno e le mostrò le proprietà di alcune erbe selvatiche sorvegliate da animali lor simbionti (fauni): "Diana, attraverso Taras, mi diede gocce di aglio in acqua, così da allora, ogni tre anni assumo una cura di gocce di aglio in latte; scaldo l'aglio nel latte e poi lo bevo prima dei pasti e prima di dormire. Nella medicina popolare di Bomarzo, il foro di uscita dell'energia vitale (bios, mana, num, prana, qi) del Fegato, sono gli occhi; se il Fegato è ben nutrito dal sangue, allora la vista funziona bene, così, una invidia agisce come messaggio inibente di una delle capacità del Fegato. L'aroma dell'Aglio (garlic, Allium sativum) agisce da antidoto ai veleni psichici (spiriti o messaggi irritanti) mentre ingerito con sale ed alghe, contrasta dissenteria, colera, itterizia, mal di denti. L'Aglio è pianta medicina, aiuto dei corpi viventi, quello vecchio di anni, a causa della forza dei suoi enzimi antiossidanti, scova nel corpo i metalli pesanti, protegge le cellule dagli attacchi dei radicali liberi e dalla luce ultravioletta e radizioni ionizzanti. Aglio è efficace contro infezioni aeree e digerenti, abbassa colesterolo e glicemia. Schiacciato e macera in olio, attenua dolori di giunture, gotta, reumatismi e lussazioni. L'Allucina è più potente di penicillina e tetraciclina: nell’epidemia di spagnola del 1918, il prezzo d'Aglio salì alle stelle poiché acquistato dai governi per la profilassi generale; ovunque uno spicchio da masticare, nelle insalate, minestre e bevande e la notte tra guancia e gengive. Albert Sweitzer lo usava nel suo ospedale in Africa, per trattare ferite da taglio, morsi, malattie cutanee, tonsilliti e febbri alte. Ha effetto riscaldante utile nelle piogge e nell'inverno. Riduce i gas intestinali e stimola la libido. Taras lo usa per tosse secca e congestione, mal di testa e dolori sinusali. Nei disturbi d'orecchio, instilla 4 gc di olio d'aglio nell’orecchio, alla sera, e chiudi con cotone. Al mattino il dolore è scomparso. Massaggia con suo olio, denti sensibili e gengive rientranti. Aglio rende il cibo più appetitoso e assimilabile e si digerisce bene se prima dell'uso è lasciato macerare 1-2 ore in acqua fredda. Dopo pranzo, per attenuar l'odore, sgranocchia qualche foglia aromatica. Spicchi infilati nel cuscino, cesta o lettiera di cani e gatti, tengono lontani pulci e zecche. Precauzioni: iperacidità e pitta elevato. Allium sativum fu alimento degli operai della piramide di Cheope sotto la IV dinastia (2400 a.C.) egiziana; nel deserto, gli ebrei rimpiangevano, tra i loro beni, agli e cipolle. Orazio e Varrone testimoniano come i romani ne mangiassero abitualmente, sino a quando alcuni patrizi del I secolo a.C, lo respinsero come maleodorante. Aglio è ottimo alimento: un etto contiene 17 g di glucidi, 4g di proteine, 0,6 di lipidi, 5 mg di vit.C, 1,5 mg di ferro, 14 mg di calcio, 63 mg di fosforo, 0,14 mg vit.B1, B2, PP. Sempre usato come antisettico nelle epidemie di peste e colera (decotto di 10-15 g), è anche un tonico, stimolante digestivo (infuso di 5-10 g), disinfettante polmonare, diuretico e vermifugo, proprietà quest'ultima, che fece affermare l'aglio nella cucina mediterranea, in un area sovente a rischio di parassiti intestinali. Aglio è anche un importante ipotensivo usato nell'arteriosclerosi, usandolo in tintura alcolica o macerazione dei bulbi spellati e tenuti 10 gg in alcol a 90°; infine, pestato e unito a olio di ricino, è ottimo callifugo. Aglio è pianta perenne ma annua in coltura e, spesso, segue il grano/orzo; non ama esser preceduto da cipolla, carota e colture ortive. I bulbilli più grossi e sani siano interrati in autunno (zone a clima mite e aglio rosa, da consumar fresco a primavera) e inizio primavera (in zone fredde e umide uso aglio bianco conservabile); Aglio rosso ha ciclo più breve di 3 sett, bulbi più grossi ma men adatti alla lunga conservazione. Deponi i bulbilli con apice in alto, a profondità di 4 cm, e distanza 12 cm sulla fila. La pianta usa per fiorire le riserve nel bulbo. Raccolgo estirpando le piante e lasciandole seccare al suolo 1 settimana, taglio radici e fò trecce di 20-30 bulbi appese (o taglio foglie e metto bulbi in contenitori). Serbo in luogo fresco e ventilato in cassette o appesi (a 0°C dura 6 mesi). Ripiantare più volte spicchi dello stesso Aglio, nello stesso posto, favorisce virosi. Per rese maggiori, pianto le teste più grosse ed esterne del bulbo. A fine stagione, prima della raccolta (il fusto inizia ingiallire), annodo i fusti verdi così la linfa và nel bulbo. Uso agli crudi in insalate, sughi, pesce e verdure; è un ottimo disinfettante interno ed esterno, rimedio contro il catarro di qualsiasi parte del corpo, con virtù ipotensive, espettoranti, digestive, ipoglicemizzanti, antisettiche intestinali di umani ed animali (aiuta cani, gatti e avicoli a espellere i vermi); spicchi e bulbi di aglio e cipolla, strofinati con saliva, disinfettano le ferite (e curano i geloni), così i pennicillum (ascomiceti) cresciuti su scaglie d'aglio. Aglio, bardana, galium e romice, furono usati contro la lebbra, e ha del miracoloso per le ulcerazioni profonde e inguaribili delle gambe, e per le cancrene. Sciroppo d'aglio e miele è rimedio a problemi bronchiali, e, preso regolarmente, previene malattie infettive e mantiene la buona salute. L'olio d'aglio (60 g da 100 kg di bulbi) contiene allicina battericida. Se manca l'aglio in cucina, al suo posto si può usare come condimento l’Aglio pippolino (allium vineale, aglio delle vigne), nelle insalate o con le patate lesse. Ha infiorescenza a ombrella con pochi fiori, spesso misti a bulbi, protetta da una sola brattea. Il singolo fiorellino è di colore roseo-verdognolo. Questa pianta si trova nelle vigne, ai margini delle strade, nei frutteti, nei terreni ricchi di azoto, calcio e limo. I maghi dell'antica Caldea mettevano Cipolle-onions (Allium cepa) sui tripodi prima di scrutare le stelle e fare vaticini: le ottennero dai persiani e le trasmisero agli ebrei. I romani, mangiatori d'aglio, apprezzarono anche la cipolla che, dato il suo carattere forte, nel Medio Evo fu inteso come farmaco per ridare vitalità agli astenici: nel Rinascimento arrivò in Francia e nacque la famosa zuppa di cipolle. La sua essenza lacrimogena (bisolfuro di allilepropile, ammonia exhaling) presente sopratutto nella cipolla cruda, facilita la secrezione dei succhi gastrici, l'emissione dei gas intestinali, la diuresi, e allontana le mosche. Cepa cotta o cruda, combatte le fermentazioni intestinali, le congestioni pelviche e le emorroidi; ha proprietà ipoglicemizzanti e il succo fresco è batteriostatico. Contro punture di vespe e altri insetti occorre strofinare per 1-2 minuti, la parte lesa con mezza cipolla cruda; su mobili, cornici dorate e dipinti a olio scuriti dal tempo, Cepa elimina lo sporco. Cepa ha radici superficiali e carnose, resiste a basse temperature e può germinare a 1°C. Trapiantando i bulbi al secondo anno, forma infiorescenza ad ombrella, globosa, fecondata da insetti e stimolata da inverno; poi forma una capsula con 1-2 semi, irregolare e color nero-bruno. In rotazione triennalee, Cepa segue cereali, radicchio, insalate/carota. Da evitare successioni a barbabietola, patata e cavolo. Semino o trapianto da settembre-dicembre per cepa da consumo fresco e raccolta primaverile; semina da gennaio-aprile per quelle da serbo/sottaceti, e raccolta estivo-autunnale. Cepa teme gelate tardive e grandine; prefiorisce dopo sbalzi climatici (abbass. 10-12°C seguiti da rapido innalzamento); è molto sensibile agli stress idrici, in caso di siccità, dò acqua frequente e limitata ma sospendo 1 mese avan raccolta, da fare quan foglie appassiscono, ingialliscono; cogli come l'aglio, 1 sett a suolo a seccar radici. Cepa non entra in concorrenza con le infestanti, ama residua fertilità del suolo (pollina e cenere su orzo/grano precedente, il letam bovino, inibisce conservazion dei bulbi e favorisce funghi patogeni e nematodi). Ama pH tra 6 e 7; per mettere il bulbo ha esigenze diverse di luce: Varietà precoci brevidiurne: 10-12 ore di luce al giorno (adatte al consumo fresco); Medie: 12-14 ore di luce; Tardive: 14-16 ore di luce (colte a fin estate, adatte a conservazione, sottolio, sottaceti o fettine disidratate). Uso bulbi di cipolla in minestre, carni, sughi, insalate, han sali minerali, vitamina C, azione antibatterica, antinfettiva, combatte vermi intestinali e stimola i reni, favorendo l'eliminazione di scorie azotate. Cipolla e carota (sopratutto selvatica) si aiutano l'un l'altro, repellendo le mosche rispettive. Io cambio di posto cipolle con insalate. (ENG) Onion promotes digestion, sleeping and libido; exciting for internal use, weeping onion nose drops, it cures fainting. I rub Onion slices on the skin of my children against mosquitoes bite, bees or other insects. I put also Onion or potato slices on wounds & burns. Onion in eye drops or inhaled it soothes epilepsy. Emilia chews onion to fight coughs & sinusitis or she boils onion in wine to resolve scarlet fever. Cooked onions are sweet and fresh onion juice is good to relieve nausea, coughing and vomiting. Erba cipollina e aglina (chives, allium shoenoprasum) utili pante per insalate, ravioli e zuppe, così come il wild Porro. Se divido troppo i cespi delle cipolline, rischio piante deboli sopraffatte da altre. Dove fa freddo allevo la Cipollina in vaso; a fin estate, con lame affilate, rado le foglie per favorire aroma e ricacci; poi la rinvaso come Basilico e Prezzemolo, prima delle gelate, o le metto in serra. | Radish-ravanello viene dal ravanello selvatico (wild radish), oltre ad aggiungere sapore a molti cibi, esso ha solforati che aiutano la digestione, il fegato e la pulizia del corpo. Ravanello/rapastrello selvatico (raphanus spp, Brassicaceae), è pianta annuale ramificata e ispida, con radice gracile e sottile. Fiorisce a Marzo-Giugno con fiori bianchi venati violetto. I frutti son silique strozzate fra un seme e l’altro. Pamela mangia ravanello selvatico, crudo o bollito, esso ha eccellenti proprietà diuretiche e purifca il sangue; è utile a quelli che soffrono di reumatismi e ritenzione; il suo decotto, così come quello del suo cugino, Ramolaccio.pdf (raphanus sativus, niger o major), in latte caldo, dissolve il flegma, così sono entrambe un utile cibo e medicina. Buone sono le cime di rapa (spicuneddi), le foglie, il colletto e le radici. Tutte le parti del Rapastrello han sapore tipico piccante. Il colletto tozzo, si prepara tranciando la pianta alla radice e le foglie alla base, si ottiene un torso che si consuma crudo come i Ravanelli. Può essere confuso col buon Cavolicello (brassica fruticolosa) e Senape canuta (Hirschfeldia incana) detta Amareddu. Tonico: 15g Rafano, 60 g radice Sedano, 30g Tarassaco, tutto a bollire a fuoco lento per 20 minuti, filtra e conserva in bottiglia: 1 bicchiere per due volte al giorno. Cavolicello ama terreni silicei, è raccolto da sempre nei vigneti e terreni incolti delle periferie urbane, da metà settembre a inizio maggio. Ha fusto inferiormente diviso in molti rami legnosetti tortuosi nudi; foglie in cima ai rami sinuoso-dentate ispide, scabrose, verde-glauco e spesso rosse di sotto; fiori in cima ai rami teneri; corolla a petali ovati gialli; siliqua lunga un pollice. Di sapore gradevolmente amaro, si consuma cotto stufato con vino; lessato e condito con olio; ripassato in padella con aglio e peperoncino. | Rapa-turnip leaves and greens cooked are excellent. The Parsnip-pastinaca is resistant to frost, it is big white carrot, pot-bellied as Daikon. Parsnip has flavor sweet carrot and celery, it flavors my soups and goes with the chicken meat. The Horseradish (rafano barbaforte) helps the vegetable garden, it has white-yellow root growing from its fragments sown along with the kale every fortnight; Pamela cooks its root strips and it tastes great. The Potatoes (Solanum tuberosum, pomme-de-terre, kartoffel, terpomo 土豆 tǔdòu มันฝรั่ง, Solanaceae, sem.21mar/rac.6lug) help to eliminate weeds, I plant them in mid-March when the lilacs bloom. Potato opens way then the Lettuce follows with Carrot and Radish. ITA: la Patata origina da regioni andine dell'America centro-sud, ma per molte popolazioni del mondo, è alimento base che sostituisce il pane. All'industria alimentare fornisce fecola, amido, destrina, glucosio, distillazione e mangime animale. In Italia è pianta alimentare coltivata dall'800, in tre tipi: precoce (a Sud, semina nov-feb, raccolta apr-giu); comune (da marzo-aprile); tardiva (da giugno-luglio). L'Italia esporta la precoce e importa la comune e i tuberi "da seme", prodotti e conservati in ambienti freschi e asciutti simili alle Ande (Alpi-appennini, pianure Europa centro-nord, paesi a clima estivo fresco e buon irraggiamento solare) poichè i tuberi temono i ritorni di freddo primaverili (sotto i 2°C) e temperature superiori a 30°C ne riducono l'assimilazione. Un aiuto alla vitalità rivegetativa delle patate, è la conservazione e coltivazione in ambiente ventilato e fresco, estraendo i tuberi maturi da suolo mai troppo arrostito, e serbati in strati di foglie in grotte fredde e ventilate per essiccarne i tuberi, favorire la cicatrizzazione di ferite da raccolta e impedire la condensa d'acqua. Temperatura ottimale è 5-6°C.; se inferiori addolciscono i tuberi (accumulo di zuccheri solubili: fruttosio e glucosio); se superiori a 6°, oltre 2-3 mesi, le patate commerciali posson subire trattamenti antigermoglianti a base di CICP. Dopo un riposo di 50 gg dalla maturazione, sopra i 6-8°C, germinano i tuberi che iniziano il ciclo vegetale. La formazione dei nuovi tuberi inizia poco prima dei fiori e si nota da ingrossamento degli stoloni e loro ramificazioni. La maturazione si nota dal graduale ingiallimento di foglie-fusti e bacche (se presenti). Poi foglie e fusti seccano e le bacche cadono. La raccolta è anticipata per tuberi da pronto consumo e da propagazione. Il fiore è ermafrodita, l'impollinazione via bombi o autofecondante. I fiori fecondati producono frutti piccoli, verde-violacei come pomodorini, con 150-300 semi reniformi, appiattiti. Alcune varietà non fioriscono; altre emettono bocci fiorali che cadono; altre fioriscono e maturano i frutti. Le varietà commerciali han fiori imperfetti e non producono semi, quindi son propagate solo a mezzo tuberi dando cloni. La patata clone, si adatta a climi molto diversi, ed è considerata una coltura da rinnovo che apre la rotazione su suolo zappato (ha ciclo di 100-150 gg, contro i 180-200 gg della derivate da seme). Anno dopo anno, l'accumulo di virus vegetali nei tuberi (effetto di alte temperature), produce progressivo decadimento delle qualità vitali dei tuberi, impedendo la coltivazione per più anni dei tuberi autoprodotti. La patata non ama rotazioni corte: 4 anni devon passare prima che torni sullo stesso suolo e, se in questo tempo entrano in rotazione altre colture di solanacee (pomodoro, peperone, melanzana, tabacco), si sviluppan patogeni terricoli e riduzioni di produzioni. I tuberi differiscono per dimensione, forma, numero, colore. In un tubero maturo, sotto influenza della luce, gli occhi corticali producono clorofilla e inverdiscono. Le parti verdi a lungo esposte alla luce, producono solanina, alcaloide velenoso che dà sapore amaro ai tuberi da mensa, ma è utile nei tuberi da semina. Tuberi grossi con molti occhi formano numerosi steli in competizione e sotterra formano molti piccoli tuberi, viceversa i tuberi piccoli adatti semina (i medi a consumo, i grosso per trasformazioni). La densità ottimale sarà data dai fusti: 15-20 steli a mq. In terreni argillosi i tuberi han buccia ruvida e scura. La patata fugge terreni alcalini, ha bisogno di sufficiente acqua fin la maturazione, ma teme eccessi di umidità e il ristagno idrico. Terreni ideali son siliceo-argillosi, un pò acidi, leggeri, sciolti, permeabili, profondi. Tutte le varietà coltivate in Italia son straniere: 1) Primura: ciclo precoce; pochi steli; tuberi ovali, uniformi, a buccia gialla e pasta gialla. 2) Bintje semiprecoce; steli poco numerosi; fiori scarsi, bianchi; tuberi ovoidali con buccia gialla, pasta gialla; buona per tutto. 3) Monalisa: medio-precoce; pochi steli violetto pallido, fioritura scarsa a fiori bianchi; tuberi grossi, forma allungata, a buccia gialla e pasta gialla. 4) Spunta: medio-precoce; numerosi steli; fioritura abbondante a fior bianchi; tuberi lunghi appuntiti e arcuati, a buccia gialla e pasta gialla. 5) Désirée: semitardivo; numerosi steli rosso-bruni, fiori abbondanti rossi-violetti, tuberi ovali a buccia rossa e pasta gialla soda, resistente alla cottura; adatta a patate fritte. 6) Majestic: semi-tardivo; steli poco numerosi, fioritura abbondante, fiori bianchi; tuberi allungati e grossi a buccia gialla e pasta bianca; di antica coltivazione in Italia. Greci e Romani coltivavano Barbabietola da zucchero (sugar beet, sukerbeto 芥兰, 甜菜 ผักคะน้า, Chenopodiacea) rossa o bianca, è della famiglia delle Bietole da tavola e foraggio animale. La bianca, usata a produrre zucchero, vien raccolta a inzio estate, prima che le foglie sviluppino troppo (rapporto inverso tra fogliame e zucchero nelle radici). Nel XVIII secolo il chimico tedesco Margraff, lavora ad estrarre lo zucchero cristallizzato dalla radice. Nell'epopea napoleonica, le numerose guerre e il blocco navale inglese, diedero inizio alla bieticoltura, con incroci e selezione di semi, sino a ottenere un vegetale dalla vita biennale. In Italia copre il 90% del fabbisogno nazionale di zucchero. La barbabietola rossa (nasce da Beta vulgaris, selvatica del Mediterraneo e regioni aride di Asia centrale) si adatta ad ogni tipo di suolo (difficoltà nei suoli acidi) grazie a spontanea ibridazione fra le cultivar e chiede po'acqua, poiché il ristagno blocca il saccarosio. Io innaffio al pomeriggio, se vedo appassimento o fessure al suolo. Semino la rossa a inizio primavera o a giugno, tra due colture di orzo, lascia un suolo ben preparato alla coltura successiva. La barbabietola attecchisce subito, in 1 settimana le radici raggiungono 15 cm. Al primo mese mette bocciolo di foglie chiuse e la radice va profonda senza ingrossare; in 120 giorni (4 mesi) arriva alla max caricando dentro tutto il nutrimento utile alla crescita delle foglie. Pianta biennale che può fiorire già nel primo anno se seminata in anticipo a temperature basse. Ama clima temperato e suolo fertile e sciolto. Zappetto in estate e dirado (8-15 cm) quando ha sviluppato 4-5 foglie. Se la distanza tra le radici supera i 10 cm, la polpa diventa fibrosa e dura da cuocere. I semi (2-4) son tondeggianti, angolosi e grinzosi. Colgo dopo 70-150 giorni secondo la cultivar. Per consumo immediato colgo radici a qualsiasi stadio di crescita. Per la conservazione a completo sviluppo, quan le foglie iniziano appassire. Le radici senza foglie al colletto, conservo in cantine 5-10 °C, in cumuli o cassoni, coperte di sabbia o segatura, mantenute umide. La radice rossa ha sali minerali (ferro), vitamine, amido e zuccheri. Consumata cotta a vapore o forno, in insalata o minestre. Cruda in insalate con carote, sedano rapa e daykon, mentre, le sue foglie tenere, crude o cotte, come le bietole verdi. Il Sedano-rapa ha sali (sodio, potassio, magnesio, fosforo, calcio, ferro, selenio, rame, zinco) utili a stimolare il metabolismo delle cellule, fegato, reni e bronchi; crudo o stufato, purga l'organismo e, aggiunto alle insalate, facilita la digestione. Una pianta con radice a gusto di carciofi è la Tuberina (Stachys affinis, Labiatae), pianta erbacea originaria della Cina, alta 40-50 cm con foglie ovali-lanceolate di colore verde. Ha tuberi con strozzature, di forma allungata lunghi 10-12 cm, con gradevole sapore di carciofo o topinambur. Io consumo i tuberi, con tutta la buccia (molto sottile), crudi in insalate o lessati a preparar minestre e contorni. Stachys (greco, spiga) è l'infiorescenza a fior rosa-viola. Semino i tuberi orizzontalmente in buche, 2 a buca, da metà Febbraio ad Aprile. Raccolgo tutto l'inverno, estirpando e cogliendo i tuberi più grossi, ma lascio i piccoli nel suolo per l'anno seguente. Li serbo in congelatore o cantina. 16.䷏ Pamela: 韭 jiǔ (cepa, rad179) radici coltivate


Yolanda tonight tells us the story of Diana goddess and the last European shamanism; The myth of Attheon hunter says: when a male hunter comes to see naked Diana (nature), he becomes the prey he was hunting as well as in China, the yang excess reverse into yin and viceversa. The Myrtle, Cupressus, Ugni and Berberis, are all example of Moonlight plants around world. The Venus, called also Myrtea, was offered with mirtle berries into digestive wine and myrtle fresh stems with berries to give aroma to head as well us yoghurt & mozzarella. (IT) Inno a Venere-Diana: Genitrice dei Popoli, voluttà degli uomini e degli dei, sotto i corsi degli astri dovunque ravvivi della tua presenza il mare percorso dalle navi, le terre fertili di messi, poiché grazie a te, ogni specie vivente è concepita e vede la luce del sole. Oh dea! al tuo arrivo fuggono i venti e le nuvole del cielo; l'operosa terra fa spuntare per te soavi fiori, a te sorridono le distese del mare e il cielo rasserenato splende di una luce diffusa. Appena si svela lo spettacolo del giorno primaverile, e si ravviva il soffio dello Zefiro fecondatore, gli uccelli dell'aria annunciano il tuo arrivo, colpiti nei cuori dalla tua potenza. Poi le fiere e gli animali domestici balzano per i pascoli rigogliosi e attraversano i rapidi ruscelli: così ogni bestia, catturata dal tuo fascino ti segue ardentemente dove intendi condurlo. Per i mari e i monti, i fiumi travolgenti e le dimore frondose degli uccelli, infondi a tutti nei petti un carezzevole amore così che trasmettono specie dopo specie le loro generazioni. Tu puoi bastare da sola a reggere il mondo, e solo per le tue grazie a noi è dato ammirare tutto quello che esiste di dolce ed amabile. Il Mirtus communis (Myrtaceae) è pianta spontanea comune nella macchia mediterranea: in Sardegna e Corsica è comune arbusto o piccolo alberello della macchia bassa, molto serrato. La corteccia è rossiccia nei rami giovani, poi diviene grigia; ha foglie opposte, persistenti, ovali-acute, lucide, con punti traslucidi presso le glandole aromatiche. I fiori bianco-rosa sono solitari e ascellari, profumati, peduncolati, con simmetria raggiata: i numerosi stami sono evidenti per i lunghi filamenti; l'ovario è confuso fra gli stami e un piccolo stimma. Fiorisce abbondante da maggio a luglio e, spesso, fiorisce ancora in ago-set e, con autunni caldi, in ottobre. La suggestiva fioritura e la presenza delle bacche (bluastre o rossastre), per lungo tempo nel periodo autunnale, rendono la pianta adatta ai giardini colorati (epicurei), allevata a cespuglio, alberello e siepe: in condizioni favorevoli, può formare una fitta siepe medio alta in pochi anni; con foglie piccole e buona capacità di ricaccio, si presta alla topiaria (tosatura geometrica), ma se allevata a forma libera, offre lo spettacolo della fioritura e dalla fruttificazione. Pianta afrodisiaca e poetica, sacra a Venere e Afrodite, fu associata alla femminilità già nei canti cretesi. Plinio la chiamò 'Myrtus coniugalis' in quanto usata nei banchetti di nozze come augurio di vita serena e ricca di affetti. In Grecia i nomi di molte eroine, profetesse ed amazzoni ebbero la stessa radice: Myrtò, Myrsìne, Myrtìla. Myrtò fu l'amazzone che combattè Teseo, mentre Myrìne, in Libia, era la regina delle Amazzoni. Myrsìne fu profetessa del santuario di Dodona. Raseno narra una leggenda: Erostrato, fedele ad Afrodite, durante un viaggio in mare fu sorpreso da una tempesta; la dea gli apparve in forma di piccole foglioline di mirto spuntate dalla statuetta della dea che Erostrato aveva con se. Ciò diede coraggio ai marinai che così riuscirono ad approdare in un porto sicuro e a salvarsi. Una volta a terra, Erostrato depose la statuetta con foglie di mirto nel tempio di Afrodite, e intrecciò una corona di rami di mirto che da allora venne chiamata 'Naucràtis', signora delle navi. L'infuso delle foglie possiede azione astringente, disinfettante, diuretica e blando sedativa di tossi da fumo; utile contro forfora e dermatosi squamose: il Mirto Bianco è un infusione idroalcolica dei giovani germogli. I frutti sono bacche ovoidali, bluastre o rossastre, raramente biancastre, con numerosi semi reniformi; maturano da novembre a gennaio persistendo a lungo sulla pianta. Contengono oli essenziali (mirtolo, mirtenolo, geraniolo), tannini e resine, sfruttate per azioni balsamiche, sfiammatorie, astringenti e blando antisettiche, nelle affezioni digestive e respiratorie. Le bacche sono anche usate nella preparazione del liquore di mirto, ottenuto per infusione alcolica delle bacche e macerazione. Le bacche di mirto messe in vino, ne fanno un buon digestivo. Per gli egizi il mirto rappresentava rinascita e immortalità, se ne metteva una manciata in mano al defunto per facilitarne il viaggio nell'aldilà. Quando si doveva partire per fondare una nuova colonia, ci si cingeva il capo con una corona di mirto come augurio di buona sorte. Dioniso, quando scese nell'Ade, per liberare la madre Semele, dovette lasciare, in cambio, una pianta di mirto; da allora il mirto rappresentò anche i defunti e l'aldilà. La doppia valenza del mirto, ricorda che vita e morte sono sempre un tutt'uno, dove l'aspetto funebre è solo l'evolversi della vita. In tutta Europa c'era l'usanza di accompagnare un defunto al cimitero con corone funerarie di rosmarino, mirto e alloro. Coltivare la pianta sul davanzale allontanava le malattie; i fiori posti a contatto della pelle donavano felicità; le foglie poste sotto il letto conciliavano sogni buoni allontanando gli incubi. Il Myrtus ugni (Ugni molinae, Myrtaceae), chiamato anche Mirtillo del Cile o Eugenia ugni, è un arbusto sempreverde originario del Cile e Argentina meridionale; anch'esso della famiglia dei Mirti, adatto come siepi ornamentale di medio sviluppo (50/150 cm), ha foglie opposte e appuntite, lucide e cerose, simili al pungitopo, mirto e berberis, aventi un odore speziato ed aromatico. I fiori ermafroditi sono rosa-bianco, pendenti, piccoli e numerosi. Il frutto è una piccola bacca rosso-porpora, con numerosi piccoli semi; la polpa è dolce, aromatica e ricorda le fragoline di bosco. In Europa matura da settembre a novembre, predilige aree con clima temperato fresco e in inverno può resistere fino a -10 °C. Essendo pianta di radura e sottobosco, cresce bene in posizioni soleggiate, ma sopporta bene anche la mezza ombra; ha discreta resistenza all'aridità e predilige suoli subacidi, ben drenati, ma non tollera i suoli compatti e asfittici. Il Calafate (Berberis buxifolia, Berberidaceae) è un arbusto sempreverde nativo dell'Argentina e Cile (Patagonia e Terra del Fuoco), è un simbolo della Patagonia stessa e un dono dei nativi Fuegini ispirati dalla luna. Specie molto rustica, resiste ottimamente sia alla siccità negli ambienti più caldi, sia al freddo. Cresce bene in qualsiasi tipo di suolo, fin a 1 metro di altezza, ha piccole foglie con punte spinose, verde scuro, simili al bosso. I fiori ermafroditi, evidenti e ornamentali, sono piccoli, giallo-arancio e sbocciano a tarda primavera. I frutti sono simili al ribes, blu o porpora, il sapore ricorda molto l'uva, ma un pò più acido e astringente; si consumano freschi, o in confetture.(ENG) A forest of myrtle (Lucus Mephitis) was dedicated to the goddess Mephitis (an aspect of Venus trine, the one who gives birth, nurtures and brings death) and the cult of the sulphurous waters. The sulphurous waters with their dense vapors and lack of vegetation around, were considered the entrance to the world of the dead, so Mephitis was the goddess of death and the underworld and protector of the journey to the underworld. It also resemble the marshy region, where agriculture will be very stunted. However, the swamp is also a resource for medicinal herbs that grow wild (for example Belorussia marchy is known for the collection of herbs and teas that are made only from these parts). The Lucus Loretae (forest of laurels, Lauretum) provided the bay leaves that Melissae priestesses and sibyls chewed for the thrill prophetic, until the laurel tree became the symbol of the Julian family, and subsequent emperors. Rosehips was for Diana; the Olive to Minerva; the heliotrope for Helios; the pomegranate to Juno-Demeter and Persephone; the pine for Cybele; rosemary for Mars (Lucus Marvortianus, old God of the gardens); the thyme and the vine to Bacchus. The wood wicker gave its name to the hill Viminalis; the beech forest to the hill Vaticinum where Jupiter Pagutale gave responses through the rustling of the trees (Lucus Fagutalis), and in which was heard the voice that prescribed Sabine women infertile, getting hit by Luperci to become fruitful. The Moon, god/goddess Diana, it is light of Thera forest's life. The name of Dianae means luminous, shining, and comes from the same Indo-European root as our words deity, divinity, and the Latin Dea (goddess). She is literally the Goddess. She is light and strength and the boldness of women. (IT) Diana è come Hecate e Venus, con cui viene spesso comparata e associata, richiama le dee slave, la greca Artemis e Camilla, l'italica cacciatrice e guerriera delle leggende dei Volsci. Tali dee posseggono il titolo di Trivia (3 strade o, nel Trika indiano, le 3 dee). Le piante connesse alle dee triviali sono spesso il cipresso (connesso ai defunti e agli spiriti ctoni) e la madragora, pianta triforme. (ENG) Like many other moon goddesses, she had power in birth, life, death and the underworld. Diana’s sanctuary of Nemi stood in the Alban hills. A volcanic lake lay in a crater surrounded on three sides by steep, forested cliffs. On its shores three statues of the goddess stood in a sacred grove. Diana Nemorensis (of the sacred grove) was related by name to the Celtic forest goddesses Nemetona, Nemetobriga, Arnemetia, referring to forest sanctuaries. On the Palatine hill in Rome, there was a sanctuary of Diana Noctiluca (light of night) that was kept illumined til dawn. An egg fell into the Euphrates River that fish transported to shore and on which rested the doves. Heated, brought out Venus, the goddess who was called Syria. Goddess of love, fertility and beauty, to Homer daughter of Zeus and Dione. Hesiod says that Uranus instead, embrace while he was in love with Gaia, was mutilated by Cronus whom discovered him. The member fell into the sea near Cyprus and released white foam from which was born the goddess, daughter of sea and sky. Mother Goddess of nature that is coupled with creating all the time, for this was that lustful. The roses are sacred to her, as well as pomegranates, apples, myrtle, doves, swans, quail-partridge, the hare, the dolphin, the ram and the snake. She had a girdle that made anyone who wore irresistible, but she gave it to Hippolyta, queen of the Amazons. For Plato there would be Venus Urania, daughter of the sky adolescent/androgynous, and Venus pandemic, goddess of sexual love. Winged Turan is the Etruscan Venus-Aphrodite. Its name means The Lady, Mother of the ancient gods. It gave its name to the month of July, where they celebrated their festivals in the sanctuary-port Gravisca. Worshiped throughout the Mediterranean basin especially in Sicily, in the sanctuary of Erice, where it were practiced sacred prostitution (ierodulia) and celebrated two feasts (anagògya and katagògya) that marked the leaving of the Goddess and her doves for Libya and the called for her return. The Romans called her by many names derived from italic tribes: Venus Anzia (blanket mirtle flower), Venus Pontia (chairs the sea), Venus Pandemic (who reigns over all), Venus Prasside (acting), Venus Epifragia (who rides a goat), Venus Apostrofia (which runs from the pleasures), Venus Urania (daughter Uranus), Venus Cytherea (venerated in Kythera), Venus Ericina (worshiped in Sicily), Lucina Venus (governs the parties), Luxfero Venus (the morning star). The roman dedicated her many temples as the hill Montecitorio (Mount of Venus), where the wolf-woman use to pray. It was the time where the Lucus (holy selva, forest) was aedes (living night's temple), and the rituals' moon ceremonies were performed also by priestesses. In the ancient Lupercales, the priestesses were dressed only by Wolf'skin, walking inside forest and talking as wolfs to attract man for mate inside holy caves. Was the cult of Wolf Goddess and priestesses were hyerodules of Turan (Etruscan Venus). Into Dianae wood, priestesses running with dogs under moonlight, or just were sleeping on trees to get a prophetic trance. In some month (March) as the sheperds of Abruzzo, Dianae priestesses used umbrellas to cover by moon rays that could get their minds like Hermaphrodite myth. Among many goddess swept across the Roman empire somehow it was Diana who emerged in late antiquity as the quintessential pagan goddess that the Christian clergy were desperate to stamp out. Through a process of giving Roman names to everything, what scholars call the interpretatio romana, all other goddess came to be conflated under the name of Diana. It was she who was associated with ecstatic states, and those who underwent them were dubbed dianaticus (or lunaticus), someone under the influence of the moon. It was Diana, too, who was said to lead hosts of spirits and women on shamanic flights through the night skies. The origins of this tradition in late Roman times, and their transmission through the early middle ages are under the historical waterline. We know this: by the ninth century, Frankish bishops were denouncing beliefs in Diana as a goddess of the witches, eager to stamp them out as an illusion of the devil. So Diana shines in the darkness, in the foundational myth of the European witch tradition. The historical truth is that not being able to find the head of a pagan group, made it difficult and costly the eventual victory with arms in hand, so the traditional Roman-Byzantine ruler try to annihilate the enemy with flattery and gifts, saving the armed forces (sometimes insufficient). To the Christian clergy, allegedly heir of the Roman Empire, to evangelize (ie subject to the Empire, in the end) was also seek out and destroy the pagan symbols starting with the most obvious places that of worship. When it became known that there were no temples or so that it was necessary to look for in forests and that there were no genuine priestly hierarchy to delete, and missions in the north became an obsession. It was necessary to find the pagan leaders to assimilate and convert them into a medium-term project of a few years. As for the leaders it was necessary to achieve a fair and attractive reward (glory, honors and sanctification to eternal life in bliss), according to the tested diagram of the power that comes from God. In the Scottish Diana was the Queen of Elfame and the faery folk. For Taras is normal to have dreaming-like visions of the faeries and learning how to prepare medicine, performing animist cures with stones, with fire and water, by stroking, brushing, charming, or by ritually walking around lakes. A mushrooms cult was also part of an ancient Europe Fairies tradition connected with the moon god-goddess Diana: For the native Rumanian and Tuscan people as well as for the ancient Irish, the world of the dead and the kingdom of the fairies were adjacent to the living world. In special days, like the last night of October (Halloween), they invaded the world of the living passing through special gates as banks fog or enchanted xroom circle. This night exchange between humans and fairy under the light of the Moon Queen, was neither good nor bad, depending on the mood of those who attended the meeting. Celtic traditions contained a rich lode of myths about a divine Old Woman. In Gaelic (both Irish and Scottish) she is called the Cailleach (from caille, mantle or veil, thus veiled one). The Cailleach is connected with rivers, lakes, wells, marshes, the sea and storms; with rocks, mountains, boulders, megalithic temples and standing stones; with cattle, swine, goats, sheep, wolves, bird, fish, trees, and plants. Scots call her the Old Wife of Thunder. The Cailleach sometimes assumes the shape of gulls, eagles, herons, and cormorants. She rambles the hills followed by troops of deer and wild pigs, and leaps from hilltop to hilltop. She created mountains and lakes, she built the archaic cairns and megaliths. Various accounts show Cailleach Beura and her helpers riding on wolves and wild pigs (like Norse and Russian witches) especially in February storms. Ireland and Scotland are covered with natural shrines associated with the Cailleach. The stormiest headlands on the coast of Mull used to be called Cailleach point. The Old Goddess sat on its rocks, looking out to sea. She created the Hag's Furrow while ploughing. She turned up huge piles of stones while ploughing on mount Schiehallion, the Caledonian faery hill. An oracle of the moon goddess Selene was active near Thalamai in Laconia. The Trojan prophetess Cassandra had died at Thalamai, and was called Pasiphae because she declared her oracles to all. The Lacedaemonians kept the custom of sleeping, for the object of having dreams, in the temple of Pasiphae. People seeking answers could receive direct spiritual experiences without intermediaries, they bathed in the river, lived simply, and drank from the well of Lethe to clear their mind and from the well of Memory (Mnemosyne) for power to remember the visions to come. A seeker was dressed in special linen robes and shoes and taken to the high cave sanctuary. He went down a ladder, and placed his feet into an opening. An invisible force pulled him into the cave, a terrifying experience that precipitated visions. Then the priests pulled the person up through the tunnel and placed him on the throne of Mnemosyne, Titan goddess of Remembrance. They asked what he had seen, and led him back to the outer sanctuary, where he wrote down his vision on a tablet of the temple. Descent into the cave of Trophonios became a proverbial expression for a frightful experience. This oracle was highly regarded and outlived many others. Finally Raseno quotes Lucrezio's Venus prayer (Venus Uranus, daughter of sky, adored with rites of efebic love, and Venus Anadyomene, born from the sea foam, goddess of Euphrates river and Cyprus island, so called Aphrodite-Cypris, adored with sacred prostitution, porne). Raseno tells: "At the end of the middle ages an international myth of the Old Goddess stretched from the Slavic east to the Celtic west and from Italy to Scandanavia. People said that a vibrant, powerful crone flew in the midst of a cavalcade of spirits dead and unborn, joined by witches of all lands. The spirit hosts set out for high mountaintops or other sacred places. At these animist sanctuaries the witches dance, play music and games, feast and celebrate their mysteries. The divine Mistress of the Night (Dianae) presides over the gathering, giving cures and revealing the future. The goddesses, their flight on the festivals, even their destinations, all are closely interwoven in popular tradition with witches and faeries. The ludi saeculares fell every 110 years. The ritual marked the close of something that never can be, but it contains within itself the seeds of a new cycle of generations and events. The ceremonies had begun with the opening of the Mundus Tarentum, underground shrine on the left bank of the Tiber, where it was buried under a blanket of earth an altar of Hade and Proserpina, on which was dedicated a sacrifice to the Fates. During the third night, at the conclusion of the ceremonies, was sacrificed to the womb of Mother Earth. Birth and death, past and future were idea inside the nightly ritual. The ceremony took place 500 years after the founding of Rome, when disputed supremacy between the Romans and the Latins Prischi. In the place where generations later would have celebrated Ludi Tarentines, the army of Rome was about to collide with those of the Albani peoples in a wetland, rich in hot springs and sulfur vapors. There appeared a giant, dressed in a dark skin of a wolf, Aita/Hades, Lord of the Underworld, similar to Yama and Rudra Tibetan red howling.. Into a pit was erected and consecrated an altar to Proserpine and Hades. Made the sacrifice, the hole was sealed with a thick layer of earth. The mundus was the underground shrine dedicated to Mani (ancestors). Raseno tells us that at the time of the founding of Rome, a mundus was opened, and that in it the companions of Romulus threw clods of earth and the first fruits they had brought with them from various areas of origin. The mundus was given the same name as the universe, and represented the invisible world of Manes, parallel to the surface. The Manes were the souls of the dead who sometimes come up to roam the Earth, and tutelary deities, honored with libations of milk and wine festivals and dedicated to the ancestors. Feralia (or Parentalia), celebrated 18 to 21 February of each year, where the descendants offered dishes (wine and sweet hemp) to the benevolent spirits of their ancestors. During the Parentalia, opening of the Mundus by priests, the souls of the dead could roam freely among the living and witches could do magic. The Romans believed that every individual, dying, no longer existed as a personal entity, but disintegrated in undefined powers. The worship of his/her Manes, was a way of establishing and maintaining a relationship with the indefinite totality of their dead. In the Etruscan language Munth means container of sacred things, like the box at the Fang of Africa (Byeri cult), contained the skulls of ancestors. Mun is the place underground. Mana, in Sanskrit, means spirit, energy, from which the English word man and the Italian umano. The cult of the Mani was performed the month of February. 47.䷮ 月 (yuè) luna-mese (rad.74) piante di Diana


Lisa parla al simposio della sera: la riscopertà della sacralità delle cose è una tappa obbligata nel processo di rigenerazione culturale dell'uomo e nella costruzione di un nuovo modello di sviluppo sostenibile: sacralità del territorio, dei gesti quotidiani, rituali, preparazione di cibi, costruzione di capanne, natura, ecc. Il passato vive in noi, ci accompagna e si manifesta in tutti i gesti che hanno origine religiosa: i giochi infantili, i giocattoli, abiti e maschere, cibi e medicine, danze e canti, usanze e colture, piante e animali.. Presso i Piceni della penisola italica, le fate scendevano a ballare nei paesi ai piedi dei monti Sibillini, avevano zoccoli caprini come fauno (Pan) e vivevano nelle grotte di altura. anche i folletti percorrevano le strade delle fate, grandi come bambini, eran vestiti di verde e abitavano boschi e case abbandonate, tra eremi, romitori e chiese terapeutiche dei frati zoccolanti.. Streghe e sibille si ungevano con olio bruciato e usavano i cavalli per volare al noce di Benevento o presenziare ai rituali curativi dell'incubazione o ai salti terapeutici dei falò. Nella cultura pastorale picena, tra Foce e Maremma, la fata è uno spirito della natura a cui piace scendere, la sera, nei paesi a ballare con i giovani pastori. Le fate picene hanno sembianze di belle dama del 400, con curiose acconciature, il loro segreto era che portavano i piedi come le capre: siete belle, siete fate, ma vi scricchiolano i piedi come le capre. Avevano zoccoli caprini che nascondevano agli occhi indiscreti con vesti lunghe fino a terra, gli servivano per fare mirabili saltarelli. I pastori sapevan riconoscere le donne-fata (faune danzatrici), dal particolar scricchiolio che proveniva dai piedi; così le fate, in cambio del silenzio, offrivano favori, ricchezze (agresti e celesti) e felicità; se il segreto veniva infranto, le ricchezze fuggivano con un vortice di vento. Le fate giocavano con i bambini e i pastori che mangiavano i 'frutti fuori stagione'. L'erba Antimonia (antimelon in tedesco significa luogo delle mele, da cui il nome Antinomia) serviva a far venire o cessare la pioggia o amplificare la locali passioni, brutte o buone, che le persone provavano in un dato momento. Questa pianta ha la forma di un banbino e sta sotto terra (Tago): se la radice vien tirata fuori viene il diluvio, se si rimette a posto, cessa. Lisa, citando Mircea Eliade (lo sciamanesimo, tecniche dell'estasi), canta le piante magiche usate nell'Eurasia, prima e durante la grande conquista slavo-turca (mongolo-atamana): Abete, Nocciolo, Quercia, Edera, Ginestra.. Mandragora ha differenti nomi a seconda dell'area geografica o della tribù che la impiega, se presso i Piceni è l'erba antimonio e la bambolina con le manine, in Romania è la regina delle Piante dell'amore, chiamata Matraguna, la regina di Cucuteni. La sua radice ascolta tutte le intenzioni, a richiede silenzio rituale per parlare al nostro codice "genetico", lo stato emotivo con cui la approcci, stabilisce la direzione del suo potere: amore e salute, oppure odio e follia". Eu va dau pâine si sare / io vi don pane e sale | Dar voi sa-mi dati sanatate / datemi forza salute. | Fac cruce si bat matàni i/ mi segno e mi prosterno | Si pui pâine si sare / Ti dò pane e sale | Sa-mi dai leac / perché tu mi dia guarigione. Un tempo, anche nel Piceno e nel resto della penisola italica, la Signora della flora veniva invocata come in Dacia, ecco una preghiera popolare rumena usata prima di ogni assunzione rituale: Buonasera mandragora, buona madre che tocchi con la testa i cieli, che immergi le tue radici sotto terra, e la cui veste ondeggia ai venti. Tu sei la regina dei cieli e delle tempeste, sei la regina dei fiori poichè, dinnanzi a te s'inginocchiano tutti i fiori, a celebrare la tua potenza. con i gomiti e le ginocchia nude, con la fronte piegata fino a terra, ti prego e ti invoco di volermi concedere forza e salute. La Borragine è una pianta erbacea annuale, commestibile, alta 30-40 cm, ispida per la presenza di peli setolosi pungenti di colore bianco. Cresce in luoghi coltivati, fra le macerie, lungo le siepi; dal mare alla zona submontana. Le sue foglie vanno consumate in modeste quantità poiché contengono alcaloidi pirrolizidinici (epatotossici). Il 3% delle piante da fiore del mondo contengono alcaloidi irrolizidinici, prodotti come meccanismo di difesa contro insetti fitofagi e animali erbivori: alcuni lepidotteri li usano come precursori per la sintesi di feromoni e per difendersi dai predatori. Il miele può contenere alcaloidi pirrolizidinici, così come i cereali, latte, frattaglie e uova. Foglie o cime di Borrago han sapore di cetriolo, raccolte tra Ottobre e Marzo, son gustose in risotti, insalate e mineste condite in olio e limone. La pianta ha calcio e molto potassio (150g di foglie fatte macerare in 1 litro di acqua per 1 mese, son buon fertilizzante); calma tensioni e lenisce gastriti; sollecita ghiandole surrenali e il rilascio di adrenalina che, circolando, arreca forza, coraggio e buon umore nei malati. Il Tè caldo di fiori e foglie fresche o secche, depura reni, vescica, sangue, pelle (eczemi, foruncoli, rosolia scarlattina) e calma la tosse. In passato veniva usata a curare qualsiasi ferita riportata in battaglia in quanto cicatrizzante (vulneraria). La Mandragora si distingue dalla borragine per le foglie quasi prive di peli e più piccole, sempre tutte basali: la mandragora è acaule, cioè manca di fusto. Vi sono due specie di Mandragora: la Mandragora "maschio" (Mandragora officinarum) ha radice grossa, carnosa, bianca, corolla bianco-verdognola e fiorisce a primavera; la Mandragora "femmina" (Mandragora autumnalis) ha corolla violacea, radice più piccola e nerastra, fiorisce in autunno, specie in Sicilia, dove è usata esternamente per curare la foruncolosi o, in varie dosi e combinazioni, nei rituali magici. La mandragora è una pianta erbacea perenne, non commestibile, alta 5-15 cm, con radice grande, fusiforme, ramificata, che ricorda la figura umana o un bambino/bambina che sta nella terra (Tagete/Tago è il bimbo profetico dei racconti slavi e rasna). Ha foglie prive di peli o quasi, ovato-spatolate, bordo dentellato, fiori solitari, violacei, nascenti alla base della pianta. Fiorisce in autunno, piuttosto rara, cresce in campi incolti, aridi, lungo le siepi. La mandragora, come molte Solonaceae, produce nelle sue parti verdi e nei semi alcaloidi tropanici che provocano aumento del ritmo cardiaco, vasodilatazione, inibizione delle secrezioni salivare, gastrica e pancreatica, sudorazione, eccitazione psicomotoria e psichica, disorientamento, visioni/allucinazioni, manifestazioni di riso convulso e stati deliranti. Mattioli riporta che una mescolanza di oppio, mandragora e giusquiamo in parti eguali era usata come anestetico durante le amputazioni o le incisioni. Infusa nel vino la corteccia della radice ha effetto ipnotico, e viene data a coloro ai quali si deve segare qualche membro senza dolore o si debbono fare cauterizzazioni. In passato era usata come anestetico in chirurgia: s’inzuppava con succo di mandragola una spugna appoggiandola poi sulle narici del paziente fino a che non si fosse addormentato, in seguito lo si risvegliava facendogli respirare dell’aceto. Molti dei nomi con cui è conosciuta dipendono dalle sue caratteristiche: Mandeglorie in francese, Alraun, Alraùnwurzel o Drachenpuppe (pupazzo-dragone) in tedesco, Mandrake inglese, Jabora, Yabrohach in arabo, mehregiah (erba dell’uomo) in persiano, Lakshmana (che possiede segni fortunati) in India, mela dell’amore ed erba delle streghe in Italia, dove il vino di mandragola è detto Vino di Circe. Come afrodisiaco è usata come stimolante sessuale in ingestione o, come amuleto, da portare addosso per la buona sorte nelle faccende amorose. Il talismano è un oggetto per attirare l’amore, la fortuna, il denaro, la salute, mentre l’amuleto è usato a conservare le forze all’interno di chi lo indossa. L’aspetto antropomorfo della radice veniva accentuato riproducendo, per esempio, capelli e barba attraverso innesti di granelli di orzo o miglio, che poi germogliavano. Questi "peli" venivano poi tritati e assunti principalmente come afrodisiaci o per curare la sterilità. Nel Labirinto del Fauno (film spagnolo del 2006), il regista Guillermo del Toro s’ispira alla credenza che la pianta favorisca i parti felici: la giovane Ofelia riceve in dono una radice di mandragola per aiutare la madre che soffre per una gravidanza difficile. La pratica rituale vede la bambina porre tale radice, simile a un neonato, in una scodella di latte e collocarla sotto il letto della madre, nutrendola ogni giorno con gocce del proprio sangue. L’effetto benefico della mandragola è immediato. Per converso, a causa della tossicità della radice, era usata per interrompere gravidanze indesiderate. La radice trasformata in omuncolo, veniva accudita come un essere umano e poteva essere usata come oracolo (Tagete) agrario, contro i nemici, vincere il malocchio o gettarlo, avere o togliere fortuna, prosperità e salute, fertilità, aiutare il parto, decidere il sesso, stimolare l’amore, vincere le calamità e la morte. La radice poteva esaudire tre desideri, dopodiché doveva cambiare padrone (mito di Aladino e lampada nel giardino), per evitare che agisse autonomamente, nel bene e nel male, come un essere pensante. Posta sul camino dona alla casa protezione, appesa alla testata del letto protegge durante il sonno, portata addosso attira l’amore e allontana le malattie. La sua radice è bruciata come esorcismo, il fumo generatosi viene soffiato verso il corpo della persona malata per allontanare gli spiriti malvagi. Nel 1690 una radice costava tanto, così, vi era la prassi di accusare persone arricchitesi velocemente, di possedere una mandragora; inoltre ritenendo che potesse aprire qualsiasi serratura (anche corporea), i carcerati non potevano possedere radici di mandragola. La mandragola, poichè curava il mal di luna (epilessia) con i suoi fumi soporiferi, calmanti e anestetici, fu ritenuta la pianta di Ecate (divinità legata al cane, Madre delle maghe o streghe e degli spiriti notturni): associata al pianeta Mercurio, la pianta è influenzata da Saturno e dalla Luna, e ricade nel segno zodiacale del Capricorno. Il suo elemento è il fuoco. Predilige zone assolate e terra grassa (province di Grosseto, Chieti, Matera, Brindisi, Caltanisetta (Minnulagrò), Catania (Mannaraona e Mandulagròna), Palermo, Siracusa, Ragusa (Pàmpina di Aùna). Alrune erano profetesse e pizie germaniche che accedevano alla trance del dio Odino e vaticinavano in linguaggio sibillino (rune). Queste donne (strix), usavano idromele e varie birre d'orzo con Giusquiamo, Belladonna, Mandragora o Dature. Il Luppolo sarà conosciuto e aggiunto solo in epoca cristiana. La divinità lunare è ovunque divinità della vegetazione, della terra, della nascita e delle morti.. un curatore piceno rivela: se tagliavi questa pianta, faceva sangue, la sua linfa è rossa e io la preparo per la cura. Da giovane, quando andavamo a fare il fieno in un certo campo di tutti, ogni anno si scatenavano tre giorni di pioggia poichè si falciava inavvertitamente la pianta-bambina, la lama diventava rossa come il sangue e venivano temporali con fulmini; quando l'antimonia è sradicata, sempre si turba l'aria che porta temporali con grandine, acque diluviali o terremoti e venti impetuosi.. In molti comuni italici accadde allora che furono emanate leggi che proibivano lo sfalcio dei prati comunitari nel periodo caro alla pianta (i semi germogliano da maggio a fine giugno) per salvare raccolti e territorio da venti, grandine e tempeste. Per trovarla bisognava scavare come si scava per trovare la Genziana; la sua forma è simile alla sirena di mare, in Dacia è invocata come signora dei Cieli e delle tempeste per mutare il clima e l'andamento dei raccolti (vedi Anitu/Bulul in Filippine), è usata coscientemente a provocare pioggia in caso di siccità, o per farla cessare in caso di monsone. Lei genera una pioggia fecondante poichè nasce dal seme di un innocente. Lisa cita un canto degli Hopi: quando la Madre terra è stata violentata, gli animali muoiono e le piante non possono più vivere, una tribù di gente di tutte le razze e idee, metterà fiducia nelle azioni di scambio con gli spiriti di tutti gli antenati del sogno, e allora, saranno chiamati, le orme del serpente arcobaleno. Hecate, protettrice dei cani (compagnia), uccelli e tutti gli animali, è la luna nell'ultima fase, regina del sottosuolo e delle iniziazioni. Protegge i viandanti e i pellegrini che spesso accompagna con cani ululanti. I suoi fedeli mettono offerte di cibo alla fauna selvatica e agli animali randagi (cani, gatti, volpi, etc.) specie nei suoi giorni lunari. Come la dea Kali, è trina (giovane, madre ed anziana), strega e sibilla dei serpenti; porta la torcia di luce (chiaror di luna, Aradia, lucifera); le corna e il coltello che rimuove i blocchi, il fuso e la conocchia (trottola) per oracolare, la chiave per aprire le porte della percezione. Come Dea del confine, è posta in edicole e cappelle agli incroci, ai confini delle terre e alle entrate di case, templi e magazzini. Presiede nascite e morti, rigenerazione (mestruale) e luna piena. Donne oracolo sopravvivono tra le levatrici, i Koma del Camerun, le donne medicina degli Hopi, la savie rumene, le babuske russe, le grandi madri turcomanne, le sorellanze amerindie del Canada, le aborigene australiane, le Aetas filippine, ecc. Ecate, dea e strix, è invocata da maghi e streghe nella preparazione di amuleti, filtri e incantesimi; dalle sibille per avere responsi oracolari e da necromanti e medium. I cani divoratori di anime e spettri, ululano a distanza, richiamano alla Dea il rapimento di sua figlia Persefone (Libera, Core, primavera) ad opera di Ade (Hades, inverno), suo compagno cieco, vernino governatore del sottosuolo; così la Dea conforta Demetra, sua controparte razionale, invitandola ad attendere il ritorno della Primavera dal mondo dei morti. Il culto di Hecate-Aradia è seguito primariamente dalle sacerdotesse ierodule, dedicate anima e corpo alla Trivia, lavorano nelle sue case agli incroci delle strade. In Germania, la notte di Valpurga (Walpurgisnacht) era celebre per i voli di massa delle 'streghe' che, si riunivano sulle cime dei monti per fare danze e magie incantatrici, scapigliate e accompagnate anche dai loro bimbi, lupi, etc, subivano rapite la frenesia danzante (zoccolatrici). Gli scandinavi celebravano il trollathing (assemblea degli spiriti) con danze, canti e magia. Così facevano le fedeli di Dzina in Romania; nella penisola italica, il noce di Benevento divenne luogo d'incontro per danzatori e danzatrici di Diana provenienti da tutta l'Europa, mentre Russi e Tirolesi andavano, alla luna nuova, al seguito di Percht (Baba Yaga in Russia), la dama col naso e i denti di ferro (allusione al mortaio in cui si pestano le erbe medicinali), nel viaggio notturno verso l'utero calderone posto sul fuoco (pentolone per pozioni), accompagnate dai loro cani e dai latrati dei lupi selvatici. Perchta (Befana) porta doni o punizioni ai bambini e, in Austria e Swiss, molti villaggi performavano le Perchtenlaufen, battaglie rituali per ottenere la fertilità dei loro campi: mascherati da belle Perchtas e da brutte o terrificanti Perchtas (la morte) i partecipanti recitavano il trionfo delle forze di vita sul potere del sottosuolo, propiziavano e aiutavano cioè, la risalita di Core-persefone (primavera). Le Perchtenlaufen potevano contenere danze estatiche e imitazioni, per incantare spiriti e fate (diane) a guardia dei raccolti. In Germania, Frau Chunkle getta un mix di cibo e cenere (presa dal suo vaso), sulle teste della gente, così porta doni nelle culle dei bimbi. Le curandere germaniche sapevano preparare anche contraccettivi e bevande abortive, per limitare il sovrannumero dei bambini che le donne dell'epoca non potevano permettersi di crescere. Le bevande contraccettive popolari includevano maggiorana, timo, prezzemolo, lavanda, ruta e radice di felce femmina (o radice prostituta, worm Fern, polypodium spp). Poichè il codice feudale prese a dare all'uomo il controllo legale sulla propria moglie, le donne ricorsero a rimedi magici per migliorare la loro situazione.. nel passato vi fu un tempo in cui le streghe e le fate vennero bandite, in quanto s'incontravano lontano da occhi indiscreti per preparare e consumare pozioni di erbe contraccetive e abortive, corredate da preghiere propizie o incantesimi d'amore per attrarre il partner desiderato o avere una relazione che la legge feudale proibiva loro di coltivare.. divorzi impossibili portavano a disperati tentativi magici di indurre la sterilità, così fatture, ligature d'amore, afrodisiaci, metodi antistupro, tutto l'arsenale femminile venne definito stregoneria, tutto un bagaglio di cultura popolare fu bollato come sovversivo e fini sull'orlo dell'estinzione. La storia della caccia alle streghe (Marturano.pdf) durante la cristianizzazione dell'Europa, ha molto a che fare con la colonizzazione di nuove terre e la schiavitù di interi popoli, spesso popoli slavi pre-esistenti. così i vescovi, in Parigi, invocavano leggi per punire 'streghe senza pudore', indovini e guaritori-incantatori che praticavano le loro medicine tradizionali, bollate poi come pagane dai neo 'dominatori ariani' che, presero a definire diavoleria ogni cosa che impediva il loro monopolio culturale. La persecuzione delle streghe raggiunse anche le variegate comunità urbane dell'Italia: Venezia poi Firenze, Padova ecc. Diana matraguna in Scozia fu conosciuta come spirito della selva (wilderness spirit), protettore della fauna selvatica. I scozzesi conoscono molti canti sugli esseri fatati (faery croons), cantati dalle cailleachs, donne sovrannaturali associate ai santuari animisti. Una Caillach ha il potere di mutare forma, animale, umana o vegetale, raggiunge il sole, muove le rocce e i venti. Così vien chiamata a volte tröllkonur (donna troll) e gigantessa del luogo. La grande Cailleach di Clibhrich usava la magia per tener lontani i cacciatori dalle sue cerve, molte leggende narrano della fiera lotta della Cailleach con essi e dell'antagonismo tra queste sagge donne e i nuovi signori della guerra. Bollate come streghe, queste donne depositarie della cultura spirituale di un popolo, furono un forte ostacolo alla brutale conquista che i guerrafondai aristocratici conducevano sull'isola. Sebbene svantaggiate politicamente e militarmente rispetto ai warlord, esse trovarono nella loro religione animistica tradizionale l'unica protezione contro la violenza feudale. 36.䷣ Lisa: 曰 yuē (say-parlare rad.73) matraguna sibilla


Sesto narra del Bencao Gangmu 本草纲目 libro di materia medica ed erbario cinese tradotto in più di 20 lingue e diffuso nel mondo (la ristampa del 1999 è testo ufficiale del governo cinese), fu compilato da Li Shi-Zhen 李时珍 (Qizhou, 1518-1593) in quarant'anni di lavoro, esperienza diretta e dati sperimentali tramandati, descrive 1892 droghe (con 1110 disegni) tra cui molte specie di Artemisie e di Aristolochia, usate per edema, alcune forme di artrite acuta e preventivo di influenze. Li Shizhen, il più grande naturopata della Cina, visse durante la dinastia Ming, nacque a Waxiaopa, un villaggio a nord di Qizhou sul Fiume Giallo, provincia di Hubei. Suo nonno era un medico ambulante; portava con sé varie pillole mediche e aghi per agopuntura mentre viaggiava da un posto all'altro, vendendo i suoi servizi di esperto in diagnosi e guaritore. I medici scalzi erranti, detti zoufang, offrivano servizi visitando vari posti, particolarmente i bazar in cui si riuniva molta gente; erano detti anche lingyi, medici del campanello, perché annunciavano la loro presenza suonando il campanello. I medici itineranti, ben visti dal popolo, erano spesso ritenuti ciarlatani o truffatori dai medici accademici; il padre di Li Shizhen, Li Yenwen, divenne un guaritore e ufficiale medico subalterno alla Accademia medica imperiale, scrisse la prima monografia sul ginseng, 4 libri di tecniche diagnostiche sul vaiolo, diagnosi del polso. Li Shizhen ereditò la professione, studiando la medicina e curando i poveri, anche se il padre era contrario; aspirando a diventare un medico migliore, Li Shizhen visitava spesso pescatori, cacciatori, taglialegna, contadini e coltivatori di erbe medicinali, raccogliendo molte ricette popolari. Con osservazioni e ripetuti esperimenti, si impadronì di profonde conoscenze sulla natura di varie sostanze medicinali. Nel 1551, curò il figlio del re di Chu e ottenne in compenso un impiego all'Istituto imperiale di medicina di Pechino, dopo un anno lasciò per tornare ad essere un medico scalzo. Li Shizhen viaggiò molto, acquisendo un'esperienza di prima mano con molte erbe e rimedi locali, poi si chiuse nella casa dei suoi genitori per parecchi anni, leggendo i classici medici di quel tempo, storia, filosofia e scrivendo poesie. Creò ricette farmacologiche tutte caratterizzate da un'erba dominante. I suoi brevi soggiorni nelle due corti reali poi, gli fornirono l'occasione di consultare rari libri di medicina, oltre 800 libri, e ampliare la sua conoscenza delle teorie e delle pratiche. Li sentì il dovere di compilare un nuovo dizionario farmacologico: il Bencao Gangmu, terminato a 60 anni di età, corretto e rivisto due volte, esso chiarisce molti contenuti errati e confusi dei predecessori, introducendo medicinali o funzioni medicinali appena scoperti, vi inserì anche prescrizioni per l'osso del drago, storie mitiche di demoni e cani di fuoco, istruzioni per l'uso degli specchi magici, consigli per eliminare le locuste e ricette per i piatti di pesce. Il testo finale illustrato fu completato con l'aiuto dei suoi figli e nipoti. Dopo aver affidato la stampa del libro a Hu Chenglong, muore. Oltre al Bencao Gangmu, Li ha scritto: Binhu Maixue 濒湖脉学 (studio del polso), Poesie di Suo Guan, casi clinici, La chiave del passaggio delle energie interne. Il genere Aristolochia 马兜铃 (ma dou ling, Aristolochia debilis), oltre le molte ornamentali, include A. clematitis, già pianta medicinale di Egizi, Cinesi, Greci e Romani che, grazie alla somiglianza con l'utero (birthwort) veniva usata durante il parto, dandone i decotti alle donne in procinto di espellere la placenta. Oggi si ritiene che la birthwort europea, molto usata e abusata nell'est Europa, può anche causare nefropatia balcanica. Il prezioso Bencao Gangmu elenca 23 specie di Aristolochia tra cui: A.manshuriensis (steli), A. fangchi (radici), A.contorta (frutti), A. debilis (radici e frutti). Aristolochia debilis è usata nel Liaoning come preventivo di influenze e raffreddori (adattogeno). A.bracteolata, nota come killer-di-vermi è antielmintica; A. serpentaria (Virginia snakeroot) è repellente di rettili che, evitano i luoghi dove cresce e fuggono il viaggiatore che ne porta un pezzo in mano; radice di A. pfeiferi, A.rugosa e A.trilobata sono usate a curare morsi di serpente. Nonostante la tossicità dell'acido aristolochico a carico dei reni (rivendicata dalle agenzie di ricerca sul cancro), i naturopati rivelano che una sua decozione aumenta l'attività delle cellule bianche del sangue, disinfetta le ferite, aiuta i reni e stimola mutazioni anticancro a livello Dna. Ovviamente la verità è sempre nel mezzo: individui con lunga esposizione all'acido aristolochico rivelano più mutazioni somatiche nel DNA; così, come molte piante amazzoniche, lo spirito della pianta ripara filamenti di geni che replicano errori del DNA (effetto anticancro) o li intensifica a causa di un abuso e/o di un uso privo di approccio rituale (vedi importanza di set & setting, preghiera, magnetismo ipnotico e il rituale di preparazione dell'aloe di padre Zago, capace di orientare l'effetto della pianta a livello intenzionale). Jinseng人蔘/人参 jenSheng (Panax ginseng C.A.Meyer, rénshēn, pianta dell'uomo) indica un genere di 11 specie di piante perenni a crescita lenta con radici carnose, appartenente alla famiglia Araliaceae e note come ginseng. Panax latino deriva dal greco παν Pan e ἀκέια akèia (cura, rimedio), da cui la parola latina e italiana panacea, cioè rimedio a tutti i mali. La pianta selvatica cresce a gruppi, propagandosi dai semi caduti dalla pianta madre. Il seme germoglia a inizio primavera, dopo essere rimasto sotto terra da 18 a 21 mesi. Il primo anno il germoglio rimane a 5 centimetri da terra e porta solo tre piccole foglie ovali e dentellate. In autunno stelo e foglie cadono, lasciando una cicatrice sul rizoma o fusto sotterraneo che, nel ginseng è detto collo. Contando il numero di cicatrici sul collo della radice si può risalire all'età della pianta. Al terzo anno di crescita la pianta raggiunge solo 20 cm e porta tre gruppi di foglie, ciascuno formato da cinque foglie (quinquefolium). Al quarto anno raggiunge i 40 cm con cinque gruppi di foglie. La radice del ginseng, carnosa e fusiforme, di colore giallo paglierino, con un tipico sapore amarognolo, e assumendo varie forme: drago, bambino e uomo; quest'ultima è considerata la più pregiata. La radice del panax ginseng è commestibile, come le carote o i ravanelli. Esistono al mondo più varietà di Ginseng: Panax Ginseng C.A. Meyer di Cina e Siberia orientale (in Manciuria la specie più preziosa); Panax Ginseng Coreano, Panax pseudoginseng (a sette foglie) di Nepal, Himalaia e Giappone; Panax bipinnafitidum di Thailandia e Birmania; Panax Americano quinquefolium. Si sviluppa tipicamente nei climi più freddi, la specie vietnamita del Panax è quella più usata. Il suo impiego è plurimillenario, e numerose virtù: incrementa la resistenza fisica e delle capacità di recupero, migliora la circolazione, potenzia la memoria e la resistenza ai fattori ambientali negativi; riduce stress e nevrosi; la sua radice tuberizzata, usata a piccole dosi ma regolarmente, è rimedio tonico generale, potenzia il rendimento fisico e mentale, è adattogeno e stimolante immunitario, ovvero, migliora l'adattamento agli stimoli della vita quotidiana, rafforza le difese immunitarie e abbassa i rischi di contrarre diverse malattie. Negli animali da laboratorio, entrambe le forme (asiatica e americana) del ginseng migliorano la libido e le prestazioni sessuali di maschi e femmine. La specie di Jinseng siberiano (Eleuterococcus senticosus) ha una radice ramificata invece che carnosa e, anziché contenere ginsenosidi, contiene eleutherosidi, è arbusto spinoso con piccoli fiori a ombrelle, usato come rimedio per l'astenia e deperimento, convalescenza, raffreddori, ipotensione, contrasto oncologico, sport e concentrazione; Jinseng indiano (withania somnifera, ashwagandha nella medicina ayurveda), cespuglio usato da tempi remoti, come tonico-adattogeno dei deficit cognitivi e del comportamento, cronici, legati all'età. (ENG) Sesto continues telling the chinese medicine plant: Ganoderma (lingh-zi), ginseng, etc. Gastrodia sesamoides (天麻 Tian ma) a saprophyte in the Orchid family, genus of achlorophyllous with about 40 species; it's common names include Potato Orchid, Native Potato, Bell Orchid and Cinnamon Bells; sesamoides refers to a supposed similarity to the sesame plant (Sesame seeds have Calcium twice then cow's milk). The Potato Orchid is found in Australia and New Zealand. This leafless plant occurs in a variety of habitats; often growing in leaf litter in high rainfall areas. Native Australians have been known to eat the tubers. Aboriginal peoples located the plants in habitat by observing where bandicoots had scratched in search of the tubers after detecting the plants underground by scent. Now it is considered rare or extinct near Sydney so the collection of seeds in the wild is often illegal. The flavour of the tuber resemble that of the beetroot, though insipid and watery. Within the tubers are beneficial bacteria and fungi. The fungal filaments supply soil nutrients to the plant. And the root bacteria synthesizes nitrogen for the plant. Flowering occurs between August and January, on a raceme. The flowers are self-pollinating and produce an appealing cinnamon-like scent. It is a difficult plant to grow in cultivation. The fungal and bacterial agents need to be present, so fungicides, fertilizers and root disturbance is often fatal. A sheltered humus rich situation is preferred. Gastrodia is one of the most commonly studied herbs in China for treating hypertension and for improving blood flow in the arteries of the brain to resolve nervous headaches. Modern research suggests that gastrodia aids in improving memory by promoting blood flow to the brain and enhances the ability of other herbs to quickly reach inflamed brain tissues to reduce inflammation, control pain, and reduce mental confusion. The other use for Gastrodia is: 1_to resolve neurasthenia, nervous exhaustion with a sense of weakness or fatigue, easy exhaustion on the slightest effort, headache, sensitivity to light, inability to concentrate, irritability and complaints of poor memory, poor sleep, numerous constant, varying aches and pains. Along with depression, these are all common complaints for people with severe and chronic allergic reactions. 2_To calm the liver wind, Gastrodia is used for syndromes of internal liver wind, such as convulsions, tetanus and epilepsy, as well as dizziness and headache due to excess liver yang. Gastrodia is given in doses of 3-10 grams per day, boiled in water and served as a tea. Powedered gastrodia tuber can be taken in doses of 1-1.5 grams per day each time, 2-3 times per day. Raw, dried gastrodia tuber and powders, are available at some Asian markets and specialty stores; it is generally considered safe, even for prolonged uses, there are no known drug interactions with gastrodia. As always, consult with a licensed health care practitioner before taking any other herbal remedy or dietary supplement. Il Rabarbaro Rhubarb è pianta digestiva, ma contiene acido ossalico ch, nel corpo, si lega al calcio formando ossalati. Così può creare problemi ai reni in persone ereditariamente predisposte. l'Acido ossalico, in 4 frammenti di fusto di rabarbaro infilati nel terreno a ridosso delle radici del Cavolo, limitano il fungo parassita che produce l'ernia, specie in suoli acidi mal drenati. The Oakfern (felce-dolce, Polypodium) is an evergreen Fern, it has a creeping rhizome, which runs along the surface of the ground, or substance on which it grows, and is thick and woody, covered with yellowish scales. the root is used as a liquorice adulterant, it has a unique unpleasant odour and a sweet flavour at first though it quickly becomes nauseating. The root contains 15.5% saccharose and 4.2% glucose, tannin and oils. Polypody stimulates bile secretion and is a gentle laxative. In European herbal medicine was used as a treatment for hepatitis and jaundice and as a remedy for indigestion and loss of appetite. It should not be used externally since it can cause skin rashes. The root is alterative, anthelmintic, cholagogue, demulcent, diuretic, expectorant, pectoral, purgative, tonic. It can be used either fresh or dried and is best harvested in October or November, though it can be collected until February. The leaves can also be used but are less active. A tea made from the roots is used in the treatment of pleurisy, hives, sore throats and stomach aches and as a mild laxative for children, for lung ailments and liver diseases. The poulticed root is applied to inflammations. A tea of the whole plant is anthelmintic, insecticide. Many ferns contain thiaminase, an enzyme that robs the body of its vitamin B complex. In small quantities this enzyme will do no harm to people eating an adequate diet that is rich in vitamin B, though large quantities can cause severe health problems. The enzyme is destroyed by heat or thorough drying, so cooking the plant will remove the thiaminase. Taras uses to eat the tops of Fern steamed prepared while her grandma used the roots also as a vermifuge, decoction in vinegar, in baths and ablutions: "I used to take green root of the male Fern (felce maschio, Polystichum filix) in summer. Before it's dust ingestion, I fast 12 hours, after I use a non-oily purgative. With this cure worms and tapeworms disappear easily. This male fern, it fights rheumatism and stiff muscles cramps. Fern plants can be grown as a ground cover in a shady position; becouse it has much potassium, the ash of burnt leaves is rich in carbonate of potash, useful for rebalancing many fruit trees if too much nitrogen pushes few fruits. (IT) Il Rabarbaro da giardino (Rheum rhaponticum) e Rabarbaro rosso gambo (rheum palmatum, da-hung in cinese, amla-vetasa in ayurveda), han foglie tossiche. Il rosso ha più principi attivi nella radice (di almeno 4 anni), l'acido crisofanico inibisce la crescita di batteri patogeni nell'intestino, è tonico di tutto il digerente ed ha un'azione anti-tumorale. Migliora digestione, cura ulcere, colon ed emorroidi, allevia i disturbi cronici del fegato purgando dalla bile in eccesso, parassiti e ristagno di cibo. In dosi minori si usa contro diarrea e stimolar l'appetito, in dosi maggiori come forte purgante. Astragalo (astragalus membranaceus), è pianta erbacea perenne con foglie triangolari e radici cilindriche giallo-brune, è usata come adattogena, energizzante, antivirale, epato-protettrice e immuno-oncogena. Sutherlandia frutescens, arbusto perenne del Kalahari, è anche valutata come analgesica, adattogena, vasodilatatrice, antinfiammatoria, antivirale, antibatterica, antifungina, anticancro e immuno-oncogena. Jiagoulan (gymnostemma pentaphyllum, cucurbitacee) pianta cinese ricca di saponine, usata come adattogena, antiossidante, immuno-oncogena. La Rosa delle nevi (rhododendron caucasicum), nativa della Russia, ha un azione stimolante, adattogena, antiossidante e rallenta l'assorbimento del cibo, per cui è usata nelle diete ipocaloriche. Rhodiola rosea (golden root), pianta perenne alta 1 metro che cresce in climi estremi (3300-5400 metri slm), ha rizoma e radici spesse, fiori gialli che profumano di rosa. La sua radice è valutata come antifame, adattogena, anti-oncogena, anti-depressiva, cardioprotettiva. L'albero Chiuri चिउरी (Diploknema butyracea, Sapotaceae) è un sempreverde di media grandezza (alto 3-10 metri) che necessità di buona insolazione e tollera il freddo. Nel subcontinente indiano si trova nel tratto sub-himalayano, da Dehra Dun al Buthan, tra 400 e 1400 m slm, alcuni esemplari arrivano a 4500 m; in India si trova in Sikkim, Uttar Pradesh (confine con il Nepal), e sull'oceano indiano, nelle isole Andaman e Nicobar. per i Cepang del Nepal, il Chiuri è un albero sacro, è cibo, il suo burro è rimedio ai problemi della pelle, ed è usato a fabbricare candele votive che, bruciando, son prive di puzza e fumo. In Uttar Pradesh è chiamato Chiura, Bhalel, Phalwara, Phulvara, Phulwa. I Cepang lo chiamano Yoshi (Ban Yoshi se l'albero è selvatico e Rang Yoshi se è coltivato), ma usano 32 nomi diversi per descriverlo a seconda del tempo di fioritura, colore del frutto, delle foglie, del tronco, dei rami e dei semi, forma del tronco e dei rami, dimensione e consistenza, sapore e odore del frutto, produttività e posizione dell'albero nel territorio. In Nepal si trova su pendii scoscesi e precipizi, nelle foreste dei distretti di Chitwan, Gorkha, Dhading, Rolpa, Argha, Khanchi e Makwampur. Una grande concentrazione è nelle colline del Mahabharat, tra i 500 e i 1400 m. Si pianta con successo su terreni poveri e sassosi e la germinazione dei semi avviene in meno di tre settimane. La cultura Chepang è associata al Chiuri, narra una loro leggenda: "molto tempo fa, una bufala scappò dalla propria stalla di notte e andò a mangiare nel campo di miglio finché non fu completamente satolla. Al momento di tornare, dato che era buio, la bufala non riuscì a ritrovare la strada e cadde in un pericoloso precipizio, e vi rimase incastrata a metà strada. Nessuno riuscì ad estrarre la bufala, e quindi lì morì. Nello stesso luogo, fertilizzato dalla carcassa, nacque il primo albero di Chiuri". Il frutto del Chiuri dà un succo bianco che è il latte della bufala, l'olio ottenuto dai semi è il burro della bufala; i piccoli granelli neri che si trovano nel frutto sono il miglio mangiato dalla bufala nella notte. I Chepang dicono: il Chiuri è come una bufala da latte per noi. I Cepang, ufficialmente conosciuti come Praja, fanno parte di uno dei 61 gruppi etnici riconosciuti dal governo nepalese (ce ne sono in realtà più di 80). Parlano una lingua Tibeto-Burmana; vivono in villaggi di pochi nuclei familiari, sparsi sulle colline del Mahabharat, nel Nepal centrale (Makwanpur, Dhading, Chitwan e Gorkha). I loro antenati erano cacciatori-raccoglitori (fino a 100 anni fa) e coltivatori con tecnica slash-and-burn. Dipendono ancora molto dalla foresta, in particolare dall'albero del Chiuri, per ricavare cibo, materiale ed introiti. Riescono mediamente ad ottenere dalla coltivazione il necessario per sostenersi per 6-8 mesi, mentre per il resto dell'anno (da febbraio a giugno) devono arrangiarsi con la raccolta nel selvatico o indebitarsi. La vendita di prodotti forestali è una fonte di reddito che permette un recupero dell'autostima di questa popolazione che, per secoli, fu vista (e indotta a vedersi) come retrograda, incapace. Yoshi è ancora una fonte di reddito non secondaria per i Chepang ed altre popolazioni. Ogni famiglia possiede da 5 a 10-20 alberi per le famiglie più ricche. Il possesso dell'albero è slegato dal possesso della terra, una famiglia può possedere degli alberi in terreni non propri, questo possesso le dà il diritto di sfruttare per prima gli alberi per la raccolta dei frutti e dei semi, fino al mese di Saun masanta (metà di luglio), dopo il quale l'albero diviene di proprietà comune e chiunque può sfruttarlo, anche se di solito vi sono accordi interfamigliari per regolarne lo sfruttamento (gestione comune dei beni e modifiche temporali della proprietà, tipico dei Chepang). L'albero è trattato come un membro della famiglia e gli alberi della famiglia sono ereditati e divisi in parti uguali tra i membri della famiglia stessa. Il legame con questa pianta è così forte che, quando un albero è malato, viene curato dal guaritore locale proprio come un essere umano. In alcune zone del Nepal la produzione di frutti è andata declinando fino ad essere, oggi, il 20-30% della produzione di anni fa. Ciò a causa di un aumento della caduta di frutti immaturi, per cause non chiare: scomparsa delle danze rituali dicono gli sciamani, cambiamenti climatici, introduzione dell'agricoltura industriale con erosione del suolo e attacchi d'insetti, piantagioni per l'industria farmaceutica, per estrarne l'acido palmitico.. Altre piante medicinali usate dalla comunità Cepang nella zona del Mahabharat sono: Chebulic myrobalan (Terminalia chebula), Belleric myrobalan (Terminalia bellerica), Emblic myrobalan (Phyllanthus emblica), Asparagus racemosus, Gurjo (Tinospora cordifolia), Jasminum officinale, Castanopsis indica, Dioscorea alata, Cinnamomum tamala, Chiuri (yoshi, Diploknema butyracea). I Cepang hanno un rapporto stretto con l'albero Yoshi, una famiglia è più o meno ricca a seconda di quanti alberi possiede, il sapere tramandato sulle tecniche di semina, raccolta dei vari frutti, piante, derivati e il loro uso: il burro di Chiuri è ottenuto dai semi, è ricco in acido palmitico (solido) e si miscela bene ad altri burri. Contiene molti flavonoidi, soprattutto quercetina e campferolo, antiossidanti. È bianco e profumato, molto usato in cosmetica: ha un azione emolliente, lenitiva e nutriente; come sapone è usato al posto dell'olio di cocco. In cucina entra in molti piatti; nella medicina dei nativi è usato internamente per costipazione cronica e febbre biliare; rimedio topico per reumatismi, pelle infiammata, secca o lesionata. Il ghee (burro) derivato dai semi è la principale fonte di sussistenza per molti Cepang (grasso alimentare), la produzione varia da 15 a 60 kg di ghee all'anno, dei quali 3-10 vengono venduti al mercato. I Cepang vendono parte del loro ghee al mercato, così possono comprare 4 volte la quantità di cereali coltivabili nello stesso tempo, tuttavia, i mediatori commerciali delle città approfittano spesso dei coltivatori per aumentare il loro profitto, così i Cepang hanno bisogno di nuove opportunità d'incontro diretto per evitare i mediatori. 37.䷤ Sesto: 山 shān (rad46) erbe cinesi | Tasaday Philipins
July 七月  (up calendar 月)
arriva il gran caldo (afa) e gli animali con pelliccia perdono il pelame. La volpe appar più magra e attiva di notte, ma le femmine con cuccioli esploran le campagne pur di giorno senza farsi notare.


Emilia mentre mette semi di orzo (barley), frumento (wheat) o spelta in ammollo per 12 hs, ci narra la sua esperienza nela fattoria di Masanobu Fukuoka in Giappone.. Parla di cereali e leguminose azoto-fissatrici: veccia, medicago, trifoglio, fave, Cicer aretinum, lathirus, sofora, lupinella, sulla, medicago sativa e il Lupino a fiore bianco e blu. Il Lupino bianco (Lupinus albus), blu o giallo, è leguminosa miglioratrice (azotofissatore) antica del bacino Mediterraneo e Medio Oriente, si adatta agli ambienti acidi e magri dove ogni altra leguminosa fallisce, migliorando la fertilità e producendo granella ricchissima di proteine (oltre il 35%) che però contiene alcaloidi amari e/o velenosi che vanno eliminati mediante prolungato lavaggio in acqua torrente o, messi in vasetti sotto acqua-sale come le olive (con o senza pre-bollitura), prima di usarli nell’alimentazione umana o animale. In Italia la coltura del lupino è crollata a seguito di spopolamento di aree rurali (Calabria, Lazio, Puglia e Campania), sebbene i terreni subacidi di origine vulcanica, di Lazio e Campania, siano i più adatti. La esigenza di acidità (tolleranza al calcare) varia con la specie: il bianco è il più tollerante (fino pH 7,2), resiste anche al freddo e tollera calori e siccità nella fase di maturazione. Il miglioramento genetico del lupino, iniziato decenni fa, vede nuove varietà straniere a basso contenuto di alcaloidi oggi dette dolci. Il Lupino è alternabile al cereale, matura in giugno-luglio, si raccoglie prima della piena maturazione, tagliando o estirpando le piante, lasciandole in campo a completare l’essiccazione e trebbiandole successivamente a parte. Taras usava fare cataplasmi di foglie Lupinus mutabilis a mitigare gli ascessi. Altro legume antico del mediterraneo sono le Fave (Vicia faba), noto è il divieto di Pitagora e della sua Scuola di cibarsi di fave, cibo oracolare delle anime defunte che, in alcuni individui, causa il Favismo, una carenza enzimatica che diviene malattia in molte zone (crisi emolitica in risposta al consumo di fave), e strategia antimalarica in zone endemiche della Malaria falciforme. Il favismo era particolarmente diffuso nella zona del crotonese, così, l'astensione alimentare da esse, e persino il contatto, ebbe una motivazione profilattica. Secondo la leggenda, Pitagora, in fuga dagli scherani di Cilone di Crotone, preferì farsi raggiungere ed uccidere fuori di un campo di fave; il suo nome Πυθαγòρας Pythagòras, significa: annunciatore del Pizio, oracolo del dio Apollo. L'uso rituale delle fave, alimento delle anime defunte (necromanzia), sotto il dominio dei Romani venne adottato dalla famiglia dei Fabii. Tutti gli individui fabici mostrano G6PD-carenza, ma non tutti i G6PD-carenti mostrano sintomi di Favismo, gli individui 6PD-carenti possono manifestare anemia emolitica non immune in risposta a numerose altre cause (infezioni, farmaci, sostanze chimiche): ad alcuni prigionieri dell'Illinois State Penitentiary, fu somministrata una dose di un farmaco antimalarico (primachina); alcuni di questi svilupparono una anemia emolitica, altri non ebbero conseguenze; si comprese che l'effetto emolitico della primachina era dovuto ad una mutazione ereditaria degli globuli rossi. Numerosi farmaci costituiscono un potenziale pericolo per gli individui G6PD-carenti; vari farmaci antimalarici (primachina, pamachina, clorochina) possono scatenare emolisi acuta; altri antimalarici solo a dosaggi elevati (sulfamidici, tiazosolfone, blu di metilene, naftalene); farmaci antiinfiammatori (aspirina, fenazopiridina e acetanilide) e antibiotici (acido nalidixico, nitrofurantoina, isoniazide, furazolidone). Anche estratti di henné possono causare crisi emolitiche in bambini G6PD-carenti. In caso di emolisi acuta può rendersi necessario ricorrere a trasfusioni di sangue; i globuli rossi trasfusi sono normalmente G6PD dotati, dunque sopravvivono nel circolo del ricevente per un tempo normale (circa 120 gg). Alcuni pazienti traggono beneficio dalla rimozione chirurgica della milza, essendo quest'ultima un importante sito di distruzione dei globuli rossi. Il consumo di fave espone i G6PD-carenti al rischio di crisi emolitiche per via della presenza nei semi, di sostanze ossidanti (divicina e convicina), così, per gli individui fabici è opportuno astenersi dal consumo di fave (a meno che non siano affetti da malaria falciforme). La somministrazione di vitamina E e selenio, nonostante le loro proprietà antiossidanti, non incide sulla gravità delle manifestazioni cliniche della G6PD-carenza. Il Favismo (carattere ereditario legato al cromosoma X) o G6PD-carenza (glucosio-6-fosfato deidrogenasi) è il difetto enzimatico più comune nella specie umana, presente in oltre 400 milioni di persone nel mondo. Gli individui di etnia africana, mediorientale e asiatica meridionale presentano la maggiore incidenza, forse perché tale deficienza enzimatica conferisce loro una maggior resistenza alla malaria, specie quella causata dal Plasmodium falciparum; una correlazione simile esiste anche tra malaria e anemia falciforme o talassemia. I globuli rossi G6PD-carenti, parassitati dal plasmodio vengono più rapidamente eliminati dal sistema splenico (milza). Pertanto la mutazione costituisce, nelle zone di origine di tali individui ove la malaria è endemica, un notevole vantaggio evolutivo conferendo agli individui portatori una migliore fitness. I globuli rossi più vecchi sono più suscettibili all'emolisi rispetto ai più giovani. Una credenza popolare diffusa in Italia rivela che: se si trova un baccello contenente sette semi si avrà un periodo di grande fortuna, mentre nell'orto, sta bene seminare alcune fave all'interno delle altre colture poiché questo legume, oltre ad arricchire il terreno di azoto, attirerebbe su di se tutti i parassiti, che di conseguenza non infesterebbero gli altri ortaggi. Le piante di Fave hanno apparato radicale fittonante con numerose ramificazioni laterali nei primi 20 cm che ospitano specifici batteri azotofissatori (Rhizobium leguminosarum). Il fusto è quadrangolare, cavo, ramificato alla base, alto da 70 a 140 cm. In relazione alla grandezza del seme vengono distinte quattro sottospecie: paugyuga con semi molto piccoli, di origine indiana, non coltivata; favino (minor beck), usata come foraggio o sovescio, ha baccello clavato e corto; favetta (equina pers), usata come foraggera, ha baccello clavato e allungato; fava da orto a semi grossi (major harz) con baccello lungo 15–25 cm, pendule e appiattito, contenente 5-10 semi. La fava è avvicendata come coltura miglioratrice tra due frumenti. Il terreno viene preparato in estate, poi concimato con fosfato di ammonio: la semina, a righe o a buchette, porta 8-10 piante al mq. La pianta teme il caldo, così nelle zone temperate calde la semina delle fave va effettuata in autunno o a inizio dell’inverno, con raccolti a partire da circa 180 giorni dopo. Per le zone molto fredde è seminata in primavera. Emilia continua: "le piante glumiflore (ordine Glumiflorae) hanno infiorescenza a spiga, fatta di fiori senza peducolo inseriti direttamente sull'asse. I fiori, le cui parti protettive e vessillari sono pessochè nulle giacchè l'impollinazione è data dal vento e non dagli insetti, hanno un ovario con un solo ovulo che, fecondato, dà un frutto detto cariosside ('seme'). Il Frumento (wheat) è pianta annuale, biennale in certe varietà, con ciclo fenologico così diviso: germinazione-emergenza, accestimento, levata, fioritura, granigione. Tutti i Cereali microtermi son simili (Triticum spp, tritiko 小麦 ข้าวสาลี), evolutisi via ibridazione naturale: Frumenti diploidi (2n = 14), triticum monococcum, (piccolo farro); Frumenti tetraploidi (2n = 28), t.dicoccum (Farro), t.durum & turgidum (frumento duro); Frumenti esaploidi (2n = 42), t. spelta (gran farro), t.aestivum (Frumento tenero). La granella dei triticum vestiti, con la trebbiatura, resta vestita, così richiede la pulatura. I frumenti a grani nudi, sveston facilmente. L’apparato radicale dei cereali è fascicolato (espande fin 1,5m), con radici primarie (embrionali, preformate in embrione) a inizio ciclo. In seguito, nella fase di accestimento, si affiancan le radici avventizie (nate dai nodo basali vicino al suolo) e, dopo qualche settimana, prevalgono sulle embrionali. Il culmo (fusto delle graminacee) è cilindrico, fatto da nodi, ognuno con una foglia, e da internodi cavi, 7-9 secondo la varietà. Nella fase giovanile i nodi sono ravvicinati ed il culmo poco appariscente. Ogni nodo, ad un certo punto, entra in attività provocando l’allungamento dell’internodo soprastante. Gli internodi basali, sono i primi ad allungarsi e sono più corti. Maggiore è il numero di nodi (quindi foglie), più lungo è il ciclo vegetativo della pianta. Accestimento: dopo 3-4 foglie, all'ascella della prima foglia si sviluppa un germoglio simile al primario; un altro compare alla seconda foglia, e così via fino, al massimo della 41 foglia. A questi germogli d'accestimento di 1° ordine posson aggiungersene altri di 2° ordine e più, se dai loro nodi basali si sviluppano altri germogli con la stessa procedura. Non tutti i germogli di accestimento formano la spiga; alcuni, ad esempio quelli germogliati tardi, subiscono la competizione di quelli preesistenti a tal punto da ingiallire e disseccarsi precocemente. Grazie all'accestimento il cereale aggiusta la sua copertura vegetale adeguandola alla disponibilità di spazio. Coleoptile è la prima foglia che incappuccia la piumetta, perfora il terreno e la protegge, ma la prima foglia vera, dopo qualche giorno, perfora il coleoptile e inizia la fotosintesi. I semi germinano quan trovano acqua, ne assorbono il 40% del loro peso e, se temperatura (20°C) ed ossigenazione son favorevoli, germinano. I cereali microtermi (frumento, orzo, avena, segale), han basse temperature minime per germinare (0°C.), ma solo con 2-4°C, son regolari. Se è troppo lenta ci sono pericoli di attacchi di parassiti vegetali (Fusarium, Gibberella, Pythium, ecc). La semina ideale (2 nov) è circa 300 semi a mq, interrati a 2/3 cm, così il coleoptile esce facilmente dal suolo, se troppo profonda (oltre 4 cm, utile in suoli molto secchi) la pianta cresce esile; se troppo superficiale il seme può disseccarsi o venir predato. Fino a 3 foglie, la piantina si nutre delle riserve del seme così eventuale concime e cenere è inutile, può venir sparso prima o dopo, a inizio accestimento (gen-feb) e levata (mar-apr). I frumenti di forza (panificabili) han più glutine e necessitan più fertilità e cura dei frumenti da biscotti, la loro semente conciata costa di più. L'orzo sopporta meglio una successione di coltura ai frumenti. Le foglie dei cereali sono inserite sui nodi del culmo a disposizione alterna. Ogni foglia ha guaina e lamina. La guaina abbraccia il culmo e continua con la lamina, lineare. Le foglie apicali sono le più sviluppate, è l’ultima (foglia bandiera) lavora di più per il culmo. Alla intersezione di guaina e lamina, all’interno c’è un prolungamento, detto ligula, ai cui estremi si trovano 2 espansioni che abbracciano il culmo e son dette auricole. Ligula ed auricole servono a riconoscer le varie specie di cereali in vita. Nel frumento le auricole son pelose, la ligula è dentata e la guaina è glabra; nell’orzo le auricole sono molto grandi e abbracciano completamente il culmo, perfino ricoprendosi. La spiga (infiorescenza) è formato da corti internodi che possono essere resistenti alla disarticolazione (frumenti nudi) o disarticolarsi con facilità (frumenti vestiti). Su ogni nodo è inserita una spighetta, e il numero di spighette per spiga varia con la specie, varietà e pedoclima. Il fiore del frumento è ermafrodito, con 3 stami e 1 gineceo. Gli stami hanno antere bilobate e filamenti sottili. Ad un certo momento, sotto l'influenza di temperatura e fotoperiodo, nella pianta si ha l'iniziazione fiorale (passaggio dalla fase vegetativa a quella riproduttiva) o viraggio, a seguito della quale, l'apice, differenzia le future spighette al posto delle foglie. Il frumento vira dopo 7-9 foglie. Se non vi sono buone condizioni termiche e nutritive, le spighe sviluppano un minor numero di spighette e fiori per spighetta. Per alcune varietà il viraggio è condizionato anche dalla vernalizzazione (aver subito lo stimolo di basse tempe­rature tra 0° e 6°C). Si han così varietà autunnali (o biennali poichè esigono la vernalizzazione), e varietà primaverili. Con l'accestimento si calcola il numero di spighe a m2, con il viraggio il numero dei fiori delle infiorescenze: semi, nei quali i prodotti della fotosintesi si accumuleranno nella fase di granigione. Dopo il viraggio, quan la temperatura va a 10°C, le piante iniziano la levata: i nodi iniziano a crescere e distanziarsi. Quando è in corso l'al­lungamento dell'ultimo nodo, la spiga, ormai già formata, viene spinta attraverso la guaina dell'ultima foglia ingrossandola come una botticella. Pochi giorni dopo segue l'uscita della spiga (spigatura), e dopo altri 5/6 giorni si ha la fioritura. Durante l'accestimento la pianta è poco sensibile ai freddi ma diventa molto sensibile dopo la levata. Qui si sviluppano ed espandono le foglie apicali, produttrici di granella, cresce il consumo idrico e l'assorbi­mento minerale. 5/6 gg dopo la spigatura, si aprono le glumelle che racchiudono il fiore, si osservano gli stami gialli e maturi e l'ovario ingrossato con stigma piumoso. È il momento della fecondazione. Nel frumento è autogama, a fiore chiuso, con il polline che feconda l'ovario dello stesso fiore; può venir ostacolata se la temperatura scende sotto 15 °C, le spighe avranno semi mancanti. Alcune ore dopo la fecondazione, dalle glumelle escono le antere vuote, sfiorite. In ogni spiga la fioritura inizia dalle spighette mediane della spiga e procede verso l'alto e il basso. Servono 2-3 giorni per la fioritura completa di una spiga, e 10-12 giorni se la temperatura è bassa. Fasi di maturazione: l'ovulo fecondato inizia l'embriogenesi, e il sacco embrionale inizia a cellularizzarsi per dar luogo all'endosperma (tessuto sede dell'accumulo dei gra­nuli di amido). All'inizio questi granuli di amido sono pochi e sospesi nel succo cellulare (maturazione lattea), bianco lattiginoso, poi i semi iniziano ad ingiallire, così le lamine fogliari, ma restan verdi le guaine; i chicchi per il progressivo accumulo di amido acquistano consistenza pastosa sotto le dita (maturazione cerosa) e il contenuto di acqua della granella scende al 40-45%. I granuli di amido riem­piono poi le cellule dell'endosperma il cui citoplasma e nucleo si disorganizzano finendo per inglobare e cementare in una matrice proteica (glutine) l'amido stesso, la pianta è ingiallita quasi tutta e resta verde, poco tempo ancora, solo l'ultimo nodo; il seme si lascia appena incidere con l'unghia e l''acqua è al 30% (matura­zione gialla); da qui non si ha più accumulo di riserva, ma solo perdita d'acqua. A pianta tutta gialla, la granella ha contenuto d'acqua non superiore al 13% (maturazione piena), ora si può trebbiare (con umidità inferiore al 12­-13% la granella si conserva). Se la pianta resta in campo, in piedi, diventa troppo secca, fragile, con glume e glumelle che si staccano e i semi cadono facilmente (maturazione di morte), l'umidità è al 10%. Quando il seme è leggermente attaccabile dall’unghia ma si spezza sotto i denti (acqua al 30% circa), è possibile iniziare la raccolta: nella mietitura si tagliano gli steli del frumento, poi segue la covonatura (legatura in fasci-covoni). Trebbiatura è l’operazione di separazione dei semi dagli involucri, dalla paglia e dai rachidi delle spighe, se fatta a mano, si può usare il correggio o la scarpa. Il frumento è pianta longidiurna, cioè avvia i processi di iniziazione fiorale nella stagione in cui i giorni si allungano rapidamente; è specie microterma cioè non necessita di alte temperature per crescere, svilupparsi e produrre. Nei climi mesotermi dove l’inverno è mite, è coltivato in semina autunnale e raccolto a fine primavera. Nelle regioni a clima microtermo (Scandinavia, Canada, montagna) si semina a fine inverno e si raccoglie in estate avanzata. Gli eccessi di temperatura sono pericolosi nella fase di granigione, accentuano l’evapotraspirazione sino alla stretta del caldo (oltre 30°), accompagnata da venti sciroccali caldi e secchi durante la maturazione lattea. Lo stress idrico porta appassimento permanente dei semi, che restano piccoli e striminziti. La copertura nevosa è un’efficace protezione del frumento dai geli invernali. Con essa, in paesi nordici, le colture resistono ai geli fin -29 °C. (ENG) For germination test I pour old seeds in a glass of water, the seeds that go to the bottom are still good, the ones that float are discarded. The Snow (neĝo 雪 หิมะ) is good fertilizer that feeds the roots. I watch where it dissolves to spot hot sites. (ITA) Il frumento trae vantaggi dall’avvicendamento colturale dopo: bietola, pomodoro, patata, girasole, fava, cotone, riso (che lascia il terreno sgombro da infestanti), etc; poichè il frumento usa molto bene il residuo di fertilità lasciato nel terreno da tali colture, ma non è capace di utilizzare l’alta fertilità lasciata dai prati pluriennali di leguminose e graminace, ad eccezione delle zone aride, dove il frumento che segue al maggese, trova minerali, humus ed acqua. Va evitato di lavorare il terreno bagnato in superficie e asciutto sotto: mescolando con l'aratura questi due strati, si incorre nel fenomeno detto arrabbiaticcio, ovvero forte carenza di azoto e gravi infestazioni di erbacce, soprattutto papaveri, per cui il frumento cresce stentatissimo. La «non lavorazione» (no til­lage) consiste nel seminare il cereale su un terreno non lavorato, usando magari un sound dibble-stick pesante quanto basta a forare il suolo per deporre il seme. I residui della coltura precedente, restano in superficie qual pacciame. A garantire nascite regolari è meglio curare la prepa­razione del letto di semina e l'esecuzione della semina piuttosto che ripararne i difetti aumentando la quantità di seme. Seba usa max 365 semi a m2 (160 kg/ha) nell'autunno inoltrato (primi di novembre in centro Italia) a 300m slm, così all'arrivo dei freddi invernali le piantine di frumento han raggiunto solo le 3 foglie. In Italia i terreni hanno dotazione di potassio buona od ottima; solo per il fosforo, limitarsi a restituire quanto asportato dalla coltura. Mentre fosforo e potassio in eccesso non sono dannosi, l'azoto può dar danni gravi: allettamento, malattie fogliari, maggior sete. (ENG) The Potassium helps to grow flowers fruits & tubers. If Potassium is lacking the cereal is tired, the flowers are pale then drops many fruits. Dry Potassium (easily washed away by rain) is present in the ash plant cane, fern and broom (30%). If the soil is acidic, you can use potassium bicarbonate. If the soil is alkaline you can use potassium sulphate. (IT) La scerbatura richiede 60-80 ore ad ettaro. La semina a file e la rotazione colturale facilitano. Con la diffusione del diserbo chimico, si assiste all'insorgenza di flora di nuovo tipo (o di sostituzione), non sempre mutazioni spontanee di infestanti tradizionali (pure documentate), ma specie spontanee la cui presenza era limitata agli incolti, e che ora, grazie alla loro resistenza, si sono diffuse occupando la nic­chia ecologica non più occupata dalle erbe infestanti tradizionali. Nel frumento han seguito questa via molte ombrellifere, composite, attaccamano, ecc. Si può prevenire evitando le monosuccessioni colturali. Numerosi sono i funghi patogeni che possono attaccare il frumento nei suoi vari organi, dalle radici alla spiga, da soli o in associazione, in tempi diversi o contemporaneamente. Parassiti considerati secondari in passato, oggi, aumentano la loro pericolosità: Mal del piede causato da ringrano, ovvero un cereale come coltura precedente (monosuccessione). Ruggini: pustole di diverso colore, a seconda del fungo responsabile. favorite da rigoglio da troppo azoto e clima caldo-umido. Oidio o mal bianco (Erisiphe graminis) su foglie, steli e spighe formando una lanugine superficiale, prima bianca poi grigiastra disseminata di punti neri. Si sviluppa in colture molto fitte e rigogliose a cielo è coperto. Carie (tilletia spp): parassiti fungini che trasformano i chicchi del frumento in granelli ovoidali tozzi, grigio-bruni, pieni di una polvere scura dall’odore di pesce fradicio. Ergot o Segale cornuta (Claviceps purpurea): più diffusa e grave nella segale, in rari casi sul frumento duro. Il fungo si sviluppa nell’ovario dei fiori che trasforma, con la maturazione, in un corpo duro, allungato, nero-violaceo, che è lo sclerozio del fungo. gli sclerozi contengono vari alcaloidi (ergatossina, ecc.) tossici per l’uomo. Il limite legale di tolleranza nei cereali è l’1‰ di sclerozi nella massa. Infine, il seme appena affidato al terreno può esser preda di topi, arvicole, passeri e altri uccelli. La base dei culmi può venire minata dalle larve degli elateridi (Agriotes spp). La granella immagazzinata è soggetta agli attacchi di tignole e punteruolo. La larva della tignola vera (Sitotroga cerealella) penetra nel chicco nutrendosi del suo contenuto amidaceo. La larva della falsa tignola (Tinea granella) riunisce con fili sericei più granelli e se ne ciba. La femmina del punteruolo (Calandra spp.) depone un uovo per seme; la larva si nutre rodendo l’interno del chicco. In Italia centrale può esserci resa media di 5-6 t/ha. Il frumento tenero produce granella, paglia e pula. La granella è macinata, ovvero schiacciata e separata in 3 parti: Endosperma amido (farina): Embrione o germe (ricco di grasso da cui si estrae olio ma facile da irrancidirsi); Crusca (fibra, strato proteico, minerali). Il pane è il prodotto ottenuto dalla cottura di una pasta convenientemente lievitata, preparata con sfarinati di grano, acqua e lievito, con o senza aggiunta di sale comune. Gli egizi cuocevano il pane di frumento (triticum spp), mentre i fenici, esploratori e mercanti, diffusero tal metodo nel resto del Mediterraneo: nel 168 a.C, a Roma si ebbero i primi forni pubblici. I grani teneri son più ricchi di amido, i grani duri di glutine, cioè un complesso di proteine insolubile in acqua ma che a contatto con essa si gonfia ed entra presto in fermentazione. Il glutine, intollerante per i celiaci, fu invece usato nelle diete per diabetici. Nei climi più freddi del nord, il frumento lascia il passo alla segale (secale cereale), cereale più tollerante ai climi rigidi: giorni brevi e brevi estati. Le spighe della segale son più sottili, slanciate e inclinate (quando mature) del frumento, per ottimizzare il poco sole; con la sua farina si ottiene pane bruno e saporito che rafferma più lentamente, mentre, da fermentazione e distillazione in alambicchi di rame su fuoco di torba, si ottengono vari whisky detti rye. Il Frumento o grano duro nasce nel IV sec. a.C., poi soppianta il farro in tutta l’area mediterranea e mediorentale a clima caldo e siccitoso. La macinazione dà semola anziché farina (frammenti angolosi di endosperma, non farinosi), crusca e farinetta, ed è usata per le paste alimentari. Si adatta meno del frumento tenero e mal resiste al freddo, umidità eccessiva, allettamento e mal di piede. Frumento duro dà miglior risultati su suoli argillosi e rifugge i tendenti allo sciolto così rende e si adatta meglio in ambienti aridi e caldi. Si semina in anticipo sul tenero, ed è più sensibile alla tossicità degli erbicidi. La pianta sacra a Demetra-Kore è l'Orzo-barley (Hordeum vulgare, hordeon 大麦 บาร์เลย์), importante alimento usato dagli egizi e citato da Mosè, tostato è un gran succedaneo del caffè, utile ai malati di cuore e ai sofferenti di acidi urici. La minestra di orzo (amidi e sali) è indicata ai convalescenti, ai vecchi e agli anemici; il decotto (20gr in litro d'acqua) rinfresca e depura il sangue; per uso esterno, serve nei gargarismi a sfiammare la gola e come sedativo per occhi lacrimosi. Il malto (amido idrolizzato), dato dai semi che dopo germinazione vengono disseccati con aria calda a 55° e poi privati delle plantule (15 kg di malto servono 100 litri di birra), ha virtù ipoglicemizzanti, è cibo molto assimilabile, utile agli ammalati e ai bimbi durante lo svezzamento; dal decotto acquoso di malto, dopo la fermentazione con Saccaromyces cerevisae, si ottiene la birra, bevanda antica. Orzo ha varie file di granelli sulla spiga, il rachide ha 20-30 articoli su ognuno dei quali, in posizione alterna, sono portate tre spighette, una mediana e due laterali. Se la spiga porta due soli ranghi e ha forma appiattita, si ha l'orzo distico (Hordeum vulgare distichon); se le tre spighette sono tutte fertili, si hanno orzi polistici (esastici, a sei file). Quando verdi, le foglie hanno auricole sviluppatissime che abbracciano lo stelo fino a sovrapporsi l’una all’altra. Le glumelle aderiscono strettamente al seme che quindi è vestito; forme nude esistono, ma son poco diffuse e usate a caffé. Le glumelle inferiori terminano spesso con una resta lunghissima e robusta. Le spighe d’orzo a maturità in certe cultivar hanno portamento pendulo, in certe eretto. L’orzo è più precoce del frumento e il suo breve ciclo biologico gli consente di essere coltivato fino al circolo polare artico dove è l'unico cereale adatto alle brevi estati. L’orzo è preferito al frumento dove la siccità è molto spinta: grazie alla precocità, ai consumi idrici ridotti e alla tolleranza delle alte temperature. L’orzo è il cereale dominante nelle zone semiaride del Medio Oriente e Nord Africa poichè, in semina autunnale matura presto (sfugge meglio alla siccità) e usa al massimo la poca acqua disponibile. Molte varietà di orzo, in Italia, sono tedesche, francesi e inglesi. Il Farro spelta, chiamato Granfarro in Italia (triticum spelta), è un frumento vestito (aderenza di glume e glumelle al seme, valida protezione contro avversità biotiche e piovosità degli ambienti altocollinari) con spiga priva di reste. Per ottenere granella nuda è necessaria una svestitura (sbramatura o sgusciatura). Lo spelta non ha popolazioni autoctone in Italia, è disponibili solo in varietà commerciali, selezionate in paesi centroeuropei. Il Farro piccolo (triticum monococcum 2n =2x =14), è il più antico, originario dell'Anatolia e coltivato sui monti appennini (tra Umbria, Lazio e Abruzzo), ha culmo sottile e debole, spiga distica, aristata, compressa lateralmente, a frattura semivitrea ed alto contenuto di proteine e di carotenoidi; accestisce molto e ha ciclo di sviluppo tardivo compatibile con clima piovoso e fresco di collina e montagna. Il Farro medio (triticum dicoccum, tetraploide 2n = 4x = 28); pur ha spiga compatta e aristata, é il farro coltivato più diffuso in Italia, adatto alle condizioni difficili dell’Italia centro-meridionale, su zone marginali dove non và frumento tenero e altri cereali. Farro riesce adattarsi poichè rustico, resistente al freddo, inadatto a sistemi intensivi. I farri ecotipi della Garfagnana e Molise, dimostrano elevate esigenze di freddo (vernalizzazione), per cui son seminati in autunno, salvo ad altitudini elevate (semina da febbraio-aprile). L'Avena sativa (oat), coltivata in tutti i climi temperati, ha chicchi ricchi di granuli di amido in forma poliedrica ma poveri di glutine, poco adatti alla panificazione ma molto adatti ai celiaci; le sue vitamine B, aminoacidi e inositolo, ne fanno un cibo energetico: i fiocchi di avena (semi schiacciati) o il digeribile porridge anglosassone, fatto di fiocchi d'avena cotti in acqua o latte, sono cibo ideale per bambini e convalescenti; la granella di avena è la biada, consumata anche dagli animali. Pianta utile negli avvicendamenti e meno sensibile di frumento e orzo alle malattie, l'avena ha un apparato radicale più profondo ed espanso degli altri cereali, ma ha consumi idrici più alti (escluso il riso), per cui risente della stretta di caldo e secco durante la granigione: si adatta ai climi freschi e umidi del centro-nord Europa, dove è seminata a primavera poichè resiste poco al gelo. l'Avena rossa (A. byzantina) sopporta la siccità e le alte temperature meglio della sativa, per cui cresce nel Mediterraneo e Medio Oriente ma è frequente che la granigione sia ostacolata da deficienza d'acqua, così la fibra aumenta di molto. (ENG) Seba continues: Barley plantation was linked with enhancing rituals & cults of Demeter, Goddess of cultivated cereals. The Bean is like a child, it loves company. If I visit it every two day (to water or to harvest it), it regenerates flowers and produces long. It loves potassium ash and loose, wet and dry soil. If there is a drought, it becomes more flavorful so I water every 8 days. Papilionaceae are butterfly-shaped flowers of all legumes. The rhizobium enzymes (nitrogen fixers) of soybeans, are not present on Italian soil, they should be inoculated on it. When the soybean sprouts, the starch is broken by amylase enzyme. The juice extracted in water (milk) from the grounded seeds of Soybeans, if boiled and curdled with magnesium salts, it produces the Tofu. Humidity and heat make beans germinate while cold makes them rot. I will eat them in soup with vegetables. 42.䷩ 禾 hé (grain, messi-granaglie) Cereals major | grain threshing.mp4 | Bill Mollison.mp4 | Mollison2.mp4 | O Sole mio!.mp3


George Taras tells the Opium story: In the Minoan religion, the nymph Oreithyia (mountain ecstatic female) was abducted from her sisterhood of maidens: the drug-ladies (Pharmakidai), also known as the hyacinth ladies. The narkissos flower figures in Minoan art with sacrificial knife, the emblem of a shamanic priestess (bee ladies) experiencing a vision of Persephone snake-goddess with her flower. The first hymn of Demeter it describes the holy drink of Kikeon (kerykeion, caduceus) and its initiation mysteries: The ten-day fast imposed upon the candidates for the initiation, was just the avoidance of certain foods. The greater Initiation was called the Vision, the epopteia, since even a blind man could see the Resurrection of Persephone. It was the culmination of the rite that had begun six months earlier in February (Anthesterion, 3-day festival to which the ghosts of departed family members were invited to experience the myesis. The ordinary initiate began the indoctrination for the Greater Initiation by becoming at peace with the revenant spirits. Herakles was purified of the murder of his wife and children in preparation for the greater initiation, as Orestes and the Proitidai, involving the sacrifice of a pig, a substitute for human immolation), the Lesser Mystery (the myesis or closing of the Eyes). It was the time to plant the new crop that would fruit at the end of summer. In this time the ergots from the winter crop readily detach from the ears of barley, and like any other fungus, send up their fruiting bodies, the mushroom caps with their spore-bearing gills. In myth, it was the Abduction of Persephone as she plucked a special flower that was called the narkissos (narcotic, a Minoan word assimilated into Greek) from the place called Nysa (nystazo, to get drowsy). The procession left Athens in the morning of the final day to walk the Sacred Road to the village of Eleusis. The initiates are led by Iakchos, who is Dionysos personified as the call that leads them into the netherworld. The potion was drunk from cup-sized jugs, which the men in the procession carry in their hands. The potion is a mediation, both as the rite of marriage, which will supplant the abduction of Persephone and unite the chthonic realm with the celestial and also as the redemption of Semele (Diana), since this is the plant with which Dionysos paid for his dead mother's resurrection. The Mystery procession was a mimesis of a journey to the otherworld, whose gateway awaited them in the Cave of Plouto beside the great Hall of Initiation at Eleusis. On the bridge over the River Kephisos, they were met by the hereditary priesthood of the krokonidai (Krokus, colchicum spp, flower of September), whom tied a string or kroke to the right hand and left foot of each initiate, for the joining between the realms. Their journey would be reversible, replacing earlier rites of human immolation. The autumn crocus, was associated with Medea and Prometheus also the pancratium maritimum (Amaryllidaceae), where pancratium means the 'all-powerful,' as Christ the Pankrator in Byzantine art. It was also assimilated to mukamor, the holy fungi of Gnostic Christian sects as the Manichaeans, whose rites, which thrived in the orient, were repeatedly reintroduced into western Europe by the Crusades. The linguistic root for drug-man is iatros while the devotees of Kore were called Korybantes. Kore-Persephone, originally a Cretan Goddess, was also known as Korykia (the winged Iris of the Rainbow, prototype of Hermes) from krokus bulb. Greek midwives carried the staff of the winged snake-nymph Korykia, the entwined psychopompic snakes that escorted their charges into the precincts of the Goddess. The kerykeion (Latin caduceus) became the symbol of modern medicine. Hippokrates, as he himself acknowledged, got it from Korykia. One common weed in fields of grain is called the pomegranate poppy because of the likeness of its capsules. The pomegranate itself as it fruits on its tree resembles apples of the Hesperides, explicitly as mushrooms, for as the pomegranate hangs on its bough, the long calyx gives the red fruit a stipe like fly-agaric. The fly-agaric is so named because of its attractiveness to flies, who seek out its toxins and were thought to be killed by it, although actually they revive after the experience. The honey dew of the ergotized barley is similarly attractive to flies. Fleabane, of course, represents the antithesis, repelling flies. Since ancient Mediterranean use of it as temple medicinal in Thebe (Egypt), until the modern south China and Indochina hills crops. In north Thailand opium museum, it's depicted this hilltribe' legend about Poppy and Tobacco plants: "Tobacco spirit it born from chest; Poppy spirit from pussy of a dead ancestor woman (Kab yeeb, Goddess of mercy). About two weeks after falling of petals, the capsule is covered by a waxy efflorescence, easily removable by rubbing with fingers. The opium farmers practice shallow incisions on the capsules still green to cut only the lactiferous (without passing through the wall of the capsule to the seeds), horizontal incisions or a little 'oblique, which bring out the latex in the form of large white drops, which coagulate and darken in the air. After a few hours, are collected and combined to form resinous lumps of opium, of blackish brown color, more or less hard, bitter taste and intense odor (pungent, spicy, slightly ammoniacal) that intensifies when the it is dissolved into water. 500,000 poppy flowers produce about 10 kg of opium, from which, some countries, making 1 kg of heroin. (ITA) Taras dice: I greci chiamavano le droghe pharmakon, che significa sia medicina che veleno, ovvero, il tipo di effetto dipendeva dalla conoscenza, dall’occasione e dall’individuo: cura o danno; il modo corretto di usarle o demonizzarle, fa la differenza fra il seminare cultura o seminare ignoranza. Le palline di lactuca-opium si usavano in fumigazioni antitosse o ingerite, masticate o mesciate ad alimenti e bevande. L'oppio agisce sul SNC come le endorfine naturali del corpo, usa infatti gli stessi recettori ed hanno effetti simili: benessere e ridotta sensibilità al dolore, l'ansia e lo stress, modificando la biochimica della trasmissione degli impulsi nervosi del dolore. La morfina è usata in medicina come potente analgesico del dolore acuto e cronico, ma è deprimente nei confronti del sistema respiratorio e quindi della tosse: essa inibisce i centri nel cervello, che controllano la quantità di anidride carbonica nell'organismo. Quando la quantità di anidride carbonica sale oltre un limite, da alcuni centri nel cervello, vien dato l'ordine di aumentare la respirazione per smaltire l'eccesso di CO2 nel sangue. La morfina inibisce tali centri, la respirazione non cresce e la CO2 resta. Infatti i sintomi di overdose sono sonnolenza, restringimento della pupilla "a capocchia di spillo", riduzione respiratoria, rallentamento dei battiti cardiaci, abbassamento pressione arteriosa e temperatura corporea e, se non si interviene subito, giunge la morte per paralisi respiratoria. L'eroina (diacetilmorfina) è morfina estratta dall'oppio con anidride acetica, tale reazione chimica rende la molecola più liposolubile, più facilmente penetrabile a livello cerebrale. Provoca dipendenza, svanito l'effetto si hanno crisi di astinenza (irrequietezza, insonnia, tremori, dolori addominali, vomito, diarrea, inappetenza, pallore, apatia, dimagrimento), una dose elevata provoca sonno pesante e un overdose la morte per arresto respiratorio. Se si riesce a resistere, questi sintomi si attenuano col tempo molto lentamente e scompaiono in 3/4 settimane. Teriaca un antica ricetta (mix di farmaci impastati con miele), usata come rimedio a molti mali, risalente a Mitridate, re del Ponto. Andromaco, medico di Nerone, ampliò la ricetta con nuove erbe e sostanze (fino a 74) tra cui opium Thebaicum (oppio di Tebe). Galeno usava oppio e Teriaca nei sintomi di avvelenamento, cefalee, problemi di vista, epilessia, febbre, sordità e lebbra, e con questa pozione curò l'imperatore Marco Aurelio che, dai resoconti clinici del medico, divenne oppiomane. Paracelso, dall'oppio elaborò il laudano, narcotico divenuto tanto di uso comune, che l'Inquisizione ne vietò l'uso anche come medicinale. In Cina il papavero da oppio era comune spezia aggiunta ai cibi. Nel 1644 l'imperatore Tsung Chen vietò l'uso del tabacco, diventato piaga sociale; i cinesi lasciarono il tabacco e iniziarono a fumare oppio puro fino a che, nel 1729, l'imperatore Yung Chiang emanò un legge che nè proibì uso e spaccio, ma fu ignorato, solo l'impero britannico subì il contraccolpo economico, poichè, la sua Compagnia delle Indie Orientali, scambiando oppio indiano con tè cinese, vide la bilancia commerciale sfavorire l'oppio rispetto al tè. Col pretesto della distruzione di un carico di oppio inglese da parte delle autorità cinesi, nel 1840 si scatenò la prima guerra dell'oppio fra Cina e Inghilterra e si concluse due anni dopo col trattato di Nanchino, (cessione di Hong Kong, apertura dei porti cinesi e risarcimento danni). Nel 1856 scoppiò la seconda guerra dell'oppio che favorì anche USA e Francia. L'importazione di opium è legalizzata, la gran Bretagna cerca di mantenerne il monopolio.. I cinesi, per ridurre le importazioni, iniziano a coltivare il papavero, arrivando nel 1900 al 90% della produzione mondiale. nel 1905, gli Usa impedirono il libero mercato e la vendita di preparati "fai da te" e via via, tutte le nazioni emanarono leggi contro uso e vendita, fino a chè nel 1912 all'Aja, fu ratificato l'uso degli oppiacei solo sotto stretto controllo medico. Nonostante ciò il commercio proliferava e più persone ne apprendevano il consumo. Taras narra che, nella penisola italica, da maggio a tutta l'estate, i Papaveri a petali viola, più forti e più alti, venivano colti, uniti a mazzi e messi a seccare al riparo dall'umidità; le capsule secche venivano bollite in acqua e filtrate ad ottenere un infuso: la Papagna. Così come l'infuso di rosolaccio (papaver rhoeas) calmava la tosse, l'infuso di papavero selvatico (p.somniferum var. setigerum), detto Papagno, era usato a indurre sonno nei bimbi difficili (specie di un anno di vita), scacciare il malocchio e la iella, affascinare o toglier fascini, curar con erbe, frasi e filastrocche adatte (ruta tutti li mali stuta). Papagna era infuso di sapor sgradevole che per essere appetibile ai bambini veniva dato con miele o diluito con latte. Due o tre gocce di papagna nel succhiotto (zucchero avvolto in pezzuola) faceva dormire i bambini e, qualche goccia in più, pur 2/3 giorni! La nonna di Taras, bracciante agricola per tutta la vita, ebbe 10 figli. In gioventù, somministrava ai suoi bimbi molto piccoli, insieme al latte, poche gocce di papagna, così quelli si acquietavano e lei poteva lavorare 6/7 ore di continuo e, nel giorno di bucato i bambini piccoli riducevano la lor vivacità con poche gocce di papagna nel succhiotto dormendo nel cesto della biancheria. Appapagnarsi indica la sonnolenza post-prandiale o associata a sensazione piacevole di sazietà. L'OMS distingue oppioidi e oppiacei. Oppiodi: derivati del papavero e composti endogeni del corpo umano (endorfine), entrambe alleviano dolore e dan sensazione di benessere. Oppiacei: derivati papavero che inducono anche euforia e in dosi elevate, stupore, coma e depressione respiratoria. Lo Zafferano (crocus sativus), digestivo, stimolante nervoso e regolatore del flusso mestruale, così era cantato dalla Scuola Salernitana: "lo zafferano conforta allietando e rafforza le membra il fegato sanando". Il Giglio di sanantonio (lilium candidum) come tutti i gigli è un Lilium, ma, in inverno, ha una rosetta basale di foglie che muore in estate. Ha stelo alto 1/2 metri, fiori bianchi o rossi su base gialla, per i greci ebbe origine divina, nacque dal Latte di Giunone mentre nutriva il figlio Heracles. I suoi bulbi, dopo la cottura, son consumati come cibo; cotti in acqua o latte, sono utili emollienti da stendere su contusioni, dolore alle orecchie, spasmi, macchie della pelle, ustioni e ulcere- Il decotto si usa per terapie diuretiche ed emmenagoghe, e i petali, macerati in alcol, cicatrizzano ferite superficiali. I curandero peruviani usano la pianta come purga per riequilibrare l'apparato riproduttore e gli organi genitali. Giaggiolo (Iris florentina) è il 'giglio' scelto come stemma della città di Firenze (Florentia in latino), è diffuso nei campi attorno alla città e somiglia a un elsa di spada. Il rizoma di iris fresco ha odore sgradevole, sapore acre e nauseante, se colto nella stagione secca (giu-ago), lavato, liberato dalle radici, scortecciato e seccato, muta l'odore in gradevole profumo di violetta, quindi usato come masticatorio per lattanti (in pezzi), a produrre una polvere per dentifrici, preparare sacchetti profumati per armadi della biancheria e, in profumeria, per estrarre l'irone, un essenza di violetta. In fitoterapia si usava a piccole dosi per fare un decotto diuretico ed espettorante o per preparare pallottoline di rizoma che, impregnate di sostanze vescicatorie, fungevano da cauteri. Scilla marittima (Urginea maritima, Liliaceae) nota come cipolla marina (oignon marin) e bes´al Faraoun (cipolla del Faraone) in arabo, è un bulbo che vive allo stato selvatico in prossimità delle coste, dove si interra nella sabbia o fra le rocce. In agosto, nella macchia mediterranea costiera, emette pennacchi bianchi (fin 2 metri) che ondeggiano al vento e segnano le prime piogge autunnali. Scilla è facile da coltivare in vaso, si fa apprezzare per i fiori e il portamento. Fu studiata nel 1834 in Algeria, presso la tribù Beni Urgin, da cui ha ereditato il nome. La varietà alba è chiamata Scilla femmina, la varietà rubra è chiamata Scilla maschio. Si usa fresca anche come veleno per topi, ma, essendo molto irritante per la pelle, va maneggiata con guanti; la varietà rossa contiene scilliroside, un potente topicida: i topi, attirati dall'odore aromatico, affondano i denti e giungono alla morte. Ippocrate, Galeno, Teofrasto e Plinio, ricordano la sua azione diuretica (azoturica e declorurante), fluidificante broncopolmonare, emetica ad alte dosi; dal XVIII secolo, si conosce una sua azione cardiotonica (simile alla digitale), per la cura dell'asma cardiaca, anarchia del ventricolo, aritmia, bronchite, polmonite, tachicardia, cardionefrite, dispnea, edema, enfisema, nefrite cronica, uremigena, oliguria. Controindicata nelle infiammazioni del tubo digerente e del rene; va in sinergia con Adonide, Caffeina, Colchico, Convallaria, mentre è antagonista di Aromatici ed oppiacei. Si usa in infuso o vin medicinale: 50 gr di bulbi in macerazione per 8 giorni in 1 litro di vino bianco, poi 3-5 cucchiai al giorno. La pianta del Tribulus terrestris (zygofillaceae), chiamata anche Vite-puntura' per via delle sue spine che sovente pungono i piedi scalzi, è da secoli usata nella medicina cinese come valido aiuto per trattare l'angina pectoris (improvviso dolore al petto), grazie all'effetto coronaro-dilatatore. Nella medicina indiana e bulgara, è usata, a dosi omeopatiche, per ridurre il gonfiore addominale, curare l’impotenza e migliorare le prestazioni fisiche: in Nord America, gli atleti olimpionici dell’est europeo (sollevatori di pesi) confessarono di averla usata. I composti attivi del tribulus sono saponine steroidee e si trovano principalmente nei semi e nelle parti aeree; esso è controindicato alle donne incinte o che allattano; gli effetti collaterali più noti sono acidità gastrica, ipertrofia prostatica e ipertensione arteriosa. La forma delle spine dell'involucro del suo fiore, simili a un tetraedro, ricorda il tribolo usato anche dagli antichi romani. 11.䷊ ☰ 天 tiān (cielo) papaveri e fiori


Raseno narra dei culti dei Misteri di Demetra tra i nativi del Mediterraneo e della segale cornuta (Ergot, claviceps purpurea), fungo parassita di vari 'frumenti', il cui sclerozio, ricco di ammidi, aminoacidi, ammine, fornisce sostanze farmacologiche adrenalino-stimolanti (acido lisergico, ergina, metergina, ergonovina) della contrazione degli organi interni molli; rimedio contro le emorragie da parto; trattamento di emicranie, prurito, ipertiroidismo, tachicardia estrema, eiaculazione precoce, atonia gastro-intestinale, mal di mare, di auto, montagna, ecc. Nel Neolitico, che vide il passaggio di molte tribù nomadi a sedentarie, germogliò il culto della fertilità della madre terra, uno spirito divino in grado di generare vita e dirimere i conflitti tra allevatori ed agricoltori. Nelle società della condivisione, prima di ogni matriarcato e patriarcato, numerose statuette femminili con ventre, seni e glutei prominenti, realizzate in osso, terracotta o pietra, richiamavano al culto della fecondità e maternità; accanto alle vulve comparvero i falli, dal potere magico-religioso: scopo di questi idoli (falli-vulve, linga-yoni), una volta conficcati nel terreno o deposti nelle sepolture, era quello di proteggere i villaggi, allontanando nemici, forze occulte e spiriti forieri di malattie e morte; mettere in comunicazione il mondo dei vivi con quello dei morti e invocare gli antenati nell’ora del trapasso. Delia, tumulata venticinquemila anni fa insieme al suo bambino mai nato, nella grotta di Santa Maria d’Agnano ad Ostuni in provincia di Brindisi nel Salento, richiama il costume neolitico di calare il corpo del morto in una fossa, ricoperto con un lastrone di pietra o inumato in qualche anfratto; a volte cosparso di ocra rossa, mentre intorno al cranio veniva adagiata una cuffia di conchiglie forate. Nella sfera egiziana si affermò il culto di Iside e Osiride, nel mondo orientale quello della Magna Mater (Cibele-Kali), in quello greco Demetra e Persefone (kore), in quello romano, Cerere e Bacco e in quello sudindiano, Rama e Sita, narrato nel poema epico Ramayana. I morti tornavano al grembo della madre terra con l’auspicio di rinascere a nuova vita sulla scia dei culti misterici come quelli del santuario ellenico di Eleusi, dedicato a Demetra e Kore, connessi alla fertilità (spiga di grano) e alla fecondità (sacro fallo di Dioniso). La simbologia fallica ritorna nel culto di Siva-Sakti e in Cibele-Attis dove, l'auto evirazione simbolica (sublimazione erotica od orgasmo mistico) rappresentava il sacrificio in cambio della fertilità della natura. Al santuario di Demetra, dopo aver digiunato nove giorni, si beveva il Ciceone, a base di ergot e altri ingredienti, nel corso della notte sacra i partecipanti ai grandi e ai piccoli misteri, scendevano in una cavità sotterranea per risalire al lume di fiaccole una volta venuti a conoscenza dei segreti della vita e della morte. In un’aura mistica il cammino iniziatico degli adepti dal buio giungeva alla luce della gioia mistica, si aprivano le porte dell’universo della cura, della consolazione, e della conoscenza degli spiriti antenati dei pelasgi: orishàs, caboclos, mighonzi, gauwasi. Raseno narra il mito di Kore/Dyonisos: L’autunno copre il cielo di veli grigi e nebbia dai monti a valle. Sfilano in cielo stormi migratori e la cornacchia grida. L’Edera rampicante del tempio si color di giallo e rosso e il merlo saltella nel sacello in cerca dei resti di focacce. Persefone-Core s’è persa nei campi mietuti e i papaveri giacciono al suolo come sangue rappreso". Yolanda ravviva il fuoco nel sacello, guarnito a rami di quercia, ai piedi della statua della Madre. "Or l’effigie giace in un antro buio, vegliato dai serpenti e dal lamento della civetta. Demetra, corre per la terra in cerca della figlia perduta. Corre a piedi nudi senza un grido, la bocca muta dal dolore. I rovi strappano i bordi della sua tunica ornata. Vaga sui monti e il vento solleva i capelli come serpi della Medusa. Sulla vetta guarda l’aria, le foglie morte, i ruscelli torbidi di fango e i boschi spogliati dal vento. Ansima il suo petto, come una fiera che rincorre la preda, e getta al vento un urlo dolente: Persefoneeeee!! L’Eco obbediente rimanda il grido su vette e valli; gli animali corrono nelle tane, la terra ha un fremito, nel cielo un fulmine ferisce le nubi gonfie di pioggia, che si vuotano al suolo. Scende nell’aria un pianto infinito, e il cuore della Dea esplode di dolore: “Kore, adorata figlia, carne della mia carne, cuore del mio cuore! L’universo piange con lei, gli animali chinano il muso a terra, gli uomini non s’accoppiano più, i fiori appassiscono, le madri non hanno più latte, le piante non danno più frutti. La Dea piange e grida, e maledice il ruscello, i monti, il bosco, i campi coltivati, perché tutti interroga e nessuno sa dire dov’è il frutto delle sue viscere. Nessun Dio l’aiuta, presi dalle beghe sul dominio degli uomini. Solo Demetra può aiutare Demetra. Riprende la corsa, scende negli orridi e nei crepacci, sale sulle vette innevate, passa nei villaggi come un tuono e gli uomini si chiudono in casa. Ricorda quando correva nel bosco tenendo stretta la piccola mano, curava con foglie e baci le piccole ferite alle ginocchia, rotolava con lei tra i campi fioriti del foraggio e le messi mature. Yolanda leva il coro: "Il bel volto della Dea Madre è distorto da rabbia e dolore; Erinni furente, Gorgone minacciosa. Gli Dei fingono di non vedere, perché nel dorato Olimpo, non giunge il lamento e la sofferenza degli uomini, non sopporterebbero un dolore così grande. Gli uccelli non cantano più, nel sacro sacello il fuoco s’è spento. La Madre non ha più lacrime, il cielo è muto, il tempo sospeso. Sul monte sente le forze abbandonarla, s’aggrappa al pelo d’un’orsa in cerca della tana invernale. Le unghie della Dea disperata lacerano il manto di pelliccia. Scorre sangue. Demetra chiede in cuor suo perdono all’animale che le strofina il muso sulla veste, senza parlare si comprendono e per incanto l’una diventa l’altra. Persefone guarda la sua prigione (tomba-utero), volto di lacrime, cuore di terrore. Lei è scaraventata in un buio senza fine, denso d’ombre vaganti, demoni ghignanti e mostri coperti di sangue. Un regno dominato da un dio oscuro e terribile, che odia vita e gioia: una belva assetata che si nutre della sofferenza e del terrore degli altri. L’ha rapita mentre ornava di papaveri la giovane chioma. Perché la vita non è un’eterna beata infanzia, ed è cresciuta destando la brama della belva? Il Dio oscuro l’ha spiegato. Proprio a lei, si, perché non c’è gusto a togliere dal mondo dei vivi chi è già morto per la sofferenza, chi maledice l’esistenza priva di gioia e d’amore, ma a chi desidera e ama la vita lui toglie tutto, solo questo lo compiace. Proserpina, maledice la sua immortalità, che le impedisce di morire.. Mortali o immortali che siano, si tengono fuori dal mondo dei morti. Demetra ora sà che Kore non sta più sulla terra, avrebbe risposto via vento al suo richiamo d’amore. Persefone è nel Tartaro, nel mondo senza sole nè luna, privo di speranza, dove tutto si trasforma in dolore. Accanto al fuoco spento, accoccolate in terra, le sacerdotesse intonano un Coro: "Demetra, la Madre, raccoglie le chiome e le annoda come una mortale in lutto, straccia le vesti sotto al ginocchio che non le intralcino il cammino, il volto è pallido, ma gli occhi ardono come fiamma. Disegna col sangue dell’orsa, che ora è il suo sangue, un cerchio per terra, accende un tizzone e lo conficca spegnendo la fiamma nel cuore della terra. Siede nel cerchio e mormora parole che nessuno potrebbe udire senza morirne. Kore intanto vive un incubo senza risveglio, ha freddo e fame, ma non vuole vesti né cibo, nelle tenebre là sotto. Il Dio oscuro è nebbioso nelle forme, un lezzo di putredine e marcio. Le offre ghignando ogni cosa: vesti, cibo, gioielli, e ogni volta lo respinge, col terrore che la violenti sadicamente senza fine. In cuor suo invoca il nome della madre, ma Ade, che sa ogni cosa, le ripete che alla Dea, come a tutti, mortali e immortali, è interdetto il mondo degli Inferi.. poi ella non lascerebbe mai il suo comodo mondo per cercarti nell’Ade. Ora hai solo me". Persefone non risponde, ha troppa paura, ma è divinamente certa che sua madre per lei affronterebbe ogni cosa. Un filo di speranza, anche se non sa come sua madre potrebbe trarla da quel mondo senza uscita, e con un dio così potente che neppure gli dei uniti oserebbero sfidare. Demetra mormora antiche parole pronunciate nelle notti senza luna, quando i riti erano nelle caverne e nei boschi, e le sacerdotesse bagnavano la terra col mestruo mescolato a saliva, e davano alla Dea la forza d’uscire dalle tenebre. Ora Demetra fa quel rito per Demetra. La terra ha un tremito, il suolo vibra, la Dea non rompe il rito, le mani sono artigli. Tuonano cielo e terra, si spacca la roccia e appare l’orrida bocca; salgono i miasmi della fetida caverna, brulicante di ragni, serpi e pipistrelli. Kore s’arrischia a vagare tra ombre che strisciano sui muri e aliti ansimanti. Continua ad andare d’un luogo ove posare il capo: vorrebbe solo dormire e dimenticare. Vaga a lungo e non sa quanto, perché nel regno c’è un’eterna notte senza luna. Sempre più affamata e gelida lei vaga per i meandri dell’Ade e si perde in un luogo già perduto alla luce degli Dei e degli uomini. Dopo immense caverne, anse e cunicoli ciechi, scale su precipizi o rocce sbarrate, ponti sospesi nel vuoto e ripidi corridoi, trova uno spazio aperto, dietro un cancello ch'ella dischiude. La gola arida e secca, nell’aria caliginosa vede un campo con alberi d’un pallido verde grigiastro, poggia i piedi sull’erba e prova refrigerio. Un uomo curvo dissoda la terra con la pala. S’avvicina, e lui si dichiara il giardiniere dell’Ade. Com’è possibile senza sole? Il contadino non risponde ma va all’albero più vicino, stacca un frutto lo apre e glielo porge. Vuoi avvelenarmi? "Chi è dedito alla terra non può desiderare il male". Persefone annuisce, anche sua madre ama la terra, e il suo cuore è pieno d’amore per tutte le creature. Allunga la mano e accetta il frutto di melagrana. Lo porta alle labbra. Demetra percorre il corridoio dell’Ade e i morti gelidi le corrono incontro, le chiedono panni per scaldarsi, e la Dea pietosa si toglie le vesti e le dona, senza fermarsi. Sempre più numerose le torme dei morti le balzano attorno ed ella dà tutto, pure nastri e gioielli. Compaiono i mostruosi cani dell’Ade, ma a un cenno le danno il passo, riconoscendo l’antica Ecate. Vaga come una Menade invasata e i demoni l’attorniano ma nessuno osa toccare la Dea dagli occhi di fiamma. Finalmente giunge nell’antro gigantesco di Plutone-Dioniso. Il Dio è sul trono, puzzolente, con pelo di capra, criniera da leone, coda di serpe e corna da toro. I suoi occhi sono ciechi perché nel buio non c’è nulla da vedere. "Rendimi la figlia", grida Demetra con freddo furore, o sterminerò il mondo dei viventi! Il Dio oscuro ride, e i demoni con lui, mille bocche con un’eco: "Sono il re dei morti, vuoi ampliare il regno dei miei sudditi? "Se stermino i mortali non ci saranno più figli, e quando le tue ombre si dissolveranno resterai senza morti, e sarai Signore del nulla!" Ade ruggisce, si contorce e la coda sibila furiosa. Parla di nuovo: "A due condizioni, che mi regali ciò che non ho avuto e mai potrei avere, e che Persefone non abbia accettato cibo dall’Averno". Sogghigna nel cuore, perché egli può avere ciò che desidera, nel Tartaro profondo custodisce enormi ricchezze. Demetra accetta, perché crede in sua figlia e perché può dare al ricco Dio qualcosa che non ha mai avuto e che non può avere, se non tramite lei. Si toglie i bellissimi occhi e li porge al Dio. Ade è soddisfatto, perché ora potrà guardare Persefone, la stupenda. Quando vede nel buio, scorge per primo il volto bellissimo della Dea senza occhi. Demetra è la statua del dolore, ma non piange, e Pluto s’accorge che avere la vista è un dono prezioso e crudele, perché guardando la Dea gli scendono le lacrime. Lisa e Yolanda, sedute sulla nuda terra, battono cadenzati i pugni al suolo, cantando la lugubre nenia. "La Dea senza occhi, nudo il corpo come ninfa al fiume, taglia i lunghi capelli per farne una fune e la lega alla coda del Dio, che per ingannarla non la lasci sola, e giunge nei campi dell’Ade, ma non trova la Persefone di prima. Sua figlia irraggia luce dal corpo, e le chiome sciolte sembrano onde del mare. Corre dalla madre e l’abbraccia: Madre, dolcissima madre, chi tolse gli splendidi occhi di turchese che s’illuminavano al guardarmi, chi tagliò le splendide chiome bionde come il grano maturo, chi rubò le tue vesti regali? Per te, figlia adorata, avrei strappato anche il cuore, per salvarti dall’inferno. Ora Dioniso guarda la bella Persefone e la desidera come l’unica cosa che conti nella vita, e guarda il corpo nudo della Dea, e ne ha paura, guarda le occhiaie vuote, e ne ha una pena infinita. Ora che Ade-Dioniso può vedere con gli occhi della Dea, vede tutto l’amore e tutto l’odio del mondo, tutta la gioia e tutto il dolore. Vuole amare Persefone ma sente quanto finora l’amore gli è mancato, e prova un orribile dolore, tanto forte che vorrebbe strapparsi gli occhi. Ma Persefone, che ha mangiato sette chicchi di melograno, ha pietà del Dio ferito nel cuore, e mentre con una mano carezza il volto della madre, con l’altra sfiora il viso del Dio. Pluto non vuole lasciare Kore, che ora ama più di se stesso, e chiede a Demetra di rispettare la promessa, non può trarre la figlia che ha mangiato il frutto dell’Ade. Ma Persefone si dichiara libera, proprio perché ha assaggiato il melograno (enteogeno). Ade come l’uva, si muta in vino, si trasforma e prende sembianze umane. Ora è bellissimo, un tralcio di vite gli orna la fronte, e lo segue una pantera, nera come la luna nera, capace di attrarre a se molti fedeli. Kore e Demetra sono tanto vicine tra loro che le chiome non si distinguono, così vicine da fondersi, di due si fanno una, donna e ragazza insieme, e insieme formano la Luna. Da quel giorno l’Ade non è più così buio, lo rischiara la fioca luce lunare, e le nozze tra Dioniso e Core furono splendide, tutta la terra germogliò per la loro felicità. I tre Dei son così uniti da essere uno solo, e le Dee sono due in una, e percorrono su un carro trainato da cani latranti il profondo dell’Ade, e da un cocchio di cervi la terra rigogliosa. Ora sono Signori dei due mondi, e gli Dei non possono farci nulla, perchè ormai, insieme, conoscono il dolore e la gioia del mondo, che è il segreto della vita e della morte. Kore è figlia di Demetra, Dea della terra apportatrice di vita, e di Poseidone-Stige. Core significa fanciulla. Un giorno venne fuori dalla terra Ade, re del Tartaro (Dioniso notturno), che la rapì su un cocchio tirato da 4 cavalli e la condusse negli abissi. Demetra, per sfogare il suo dolore, impedì alla terra di dare frutti e tutti gli uomini rischiano di perire. Ma Zeus-Cielo riesce a placare la Dea facendo sì che Persefone possa rimanere con la madre per alcuni mesi dell'anno. Il culto di Demetra-Core-Ade, passò nel territorio italico insieme ai suoi misteri, associandosi alla locale dea Cerere, con sua figlia Proserpina. Le Dee apparvero per la prima volta in Sicilia che per prima produsse il seme del grano grazie alla fertilità della sua terra vulcanica. Nella piana di Lentini e in molti altri luoghi della Sicilia nasce anche oggi il grano selvatico. Gli ierofanti di Eleusi, avevano appreso dai nativi del posto, l'arte di preparare una pozione psichedelica dalla segale cornuta: la raccoglievano, la macinavano e l'aggiungevano al Kikeon, il santo Graal dell'epoca che, dopo un periodo di oblio di circa 1600 anni, fu riscoperto quasi casualmente da Albert Hofmann, un chimico svizzero che, nel 1938, sintetizzo la dietilamide dell'acido lisergico (Lsd) assieme ad altre sostanze utili in medicina, dalla segale cornuta. L'ingrediente sacro del Kikeone fu studiato da psichiatri e psicologi nel ventennio successivo, essi scoprirono che stimolava l'ipotalamo, dove sono localizzate le funzioni emozionali del cervello, aiutava il trasferimento dell'ossigeno a livelli subcellulari e, al contempo, inibiva la sfera razionale, amplificando la percezione della realtà nei pazienti trattati. Nel 1967, Walter Pahnke, psicoterapeuta del Maryland Psychiatric Research, lavorò con un gruppo di ricercatori, in un pgm riabilitativo attraverso l'uso del Delysid come farmaco terapeutico d'intervento in pazienti con problemi di alcolismo, tossicodipendenza e con ammalati di cancro in fase terminale; tale approccio terapeutico, fu chiamato: psychedelic peak psychoteraphy. Pahnke riassunse il suo lavoro in un articolo apparso dopo la sua morte: esperienza mistica nell'incontro umano con la morte; egli distingue diversi tipi di esperienze possibili: psicotica, psicodinamica, cognitiva, estetica, psichedelica (o di picco, cosmica, mistica). Quella di picco ebbe grossa importanza nel trattamento dei malati terminali e, in essa, furono riconosciute 9 caratteristiche psicologiche: ego-trascendenza (o unità); trascendenza di spazio-tempo (senso di eternità); percezione in sè di gioia, pace e amore; umiltà, timore e venerazione (senso del sacro); forte intuizione; visione dei paradossi; ineffabilità; memoria del picco; persistenza di cambiamenti positivi nelle abitudini e nel comportamento. Nel determinare l'andamento delle sedute, potevano influire fattori psicologici, la storia personale, le aspettative, l'umore all'inizio della sessione e la propensione che il paziente mostrava nell'aprirsi all'esperienza: aumentando il controllo su tutte le variabili personali e ambientali (set e setting), si poteva avere maggior probabilità di ottenere un esperienza mistica psichedelica. La Peak experience, al vertice lla piramide dei bisogni dell'essere umano, elaborata da Maslow, è un momento di autorealizzazione in cui si verificano processi di auto-validazione dei propri valori interiori, una volta vissuta, la persona prova diversi effetti come perdita di paura, ansietà, dubbi e inibizioni, bilanciate da un aumento di autostima, miglior visione di sè, degli altri e del mondo. Aldous Huxley, importante scrittore dell'epoca, scrisse sue esperienze ed intuizioni a riguardo: "sotto l'azione delle sostanze enteogene, la valvola mentale si apre (mito della lampada di Aladino) e, un enorme input di stimoli esterni entra in noi e stimola il nostro cervello dando vita, così, all'esperienza del travolgente. il dr Hofmann incontro due volte Huxley, il quale gli donò il suo libro: l'isola. Nel libro Huxley descrive un antica cultura su di un isola, che cerca di fare la sintesi tra la sua tradizione spirituale e la moderna tecnologia. Questa cultura usa ritualmente una medicina chiamata Moksha, ovvero un fungo che provoca illuminazione. Il moksha veniva preso solo tre volte nel corso della vita di ciascun individuo: la prima durante l'iniziazione dalla pubertà all'età adulta (vision quest); la seconda nella mezza età e la terza in punto di morte, nella fase finale della vita, per prepararsi al grande viaggio. Il libro conteneva una dedica: "al dottor Hofmann, lo scopritore originale della medicina moksha e primo sperimentatore. Hofmann prima di morire a 103 anni, disse: "la possibilità di modificare la realtà, che esiste in ciascuno di noi, rappresenta la vera libertà di ciascun essere umano; abbiamo di nuovo la possibilità di mutare la nostra visione del mondo ed evitare l'autodistruzione, l'Lsd mi ha aiutato enormemente a comprendere che cosa realmente esista nel mondo esterno e che cosa è da me provocato, poichè questo utilissimo farmaco, coinvolge la vera essenza degli esseri umani, la loro coscienza. La nostra vera essenza è la Coscienza assoluta, senza un Io (coscienza individuale) non esiste nulla; questo nucleo, cuore dell'essere, è da sempre stimolato proprio da queste sostanze sacre giacchè sacra è la coscienza umana, così, qualcosa che l'attiva, va trattata con reverenza ed estrema attenzione. Credo sia essenziale per il futuro del nostro pianeta Terra lo sviluppo di strumenti che possano cambiare la coscienza responsabile della crisi in cui ci troviamo. (ENG) Raseno tells the Mysteries founded by the native Pelagians in more Mediterranean islands. The Demeter-Kore-Hades story, it is similar to other Sumerians. It links the Cereals discovery with entheogenic brew and the life-death-rebirth cicle vision inside nature and humans. Phoinis, Tyrian purple, was the unique sea-shell dye for which the Phoenician coast was long famous. Menstrual blood was considered life-giving. Its Latin description, purpura, purple, means 'very pure, purus. The Greek Phoenix was the transformed Phoenissa, the Snake-Bird Goddess, called Asherah, The Laughing Goddess by the Phoenicians. Asherah means queen in Akkadian-Phoenician and princess (Sarah) in Hebrew. Until Josiah put a stop to it (2:Kings:23:7), Asherah was considered El's wife in Judah. Crete, and all the surrounding islands, were as much a home of Lady Asherah of the Sea as Phoenicia. The fierce Asherah below comes from the Ionian island of Corfu's Greek name, Kerkira, means the Island of Circe, the ecstatic weaver of magical plants who stung like a bee and bit like a snake. The greatest Phoenician trading center from 1800 to 1200 BC was the port city of Ugarit in North Syria, a metropolis connecting Crete, Cyprus and Greece with Egypt, Babylonia, Khatti (Turkey) and Assyria (northeast Iraq, south Turkey). Syrian, Anatolian, Cretan and Cypriot copper, tin, wine, grain, opium, kannabis, olive oil, dyed wool, timber, rare stone, minerals, finished metal products and ships were traded for Babylonian, Egyptian, Somali and Ethiopian copper, gold, grain, wool, fabrics, incense, ivory, ebony, wine, beer, foodstuffs, medicines, jewelry and cosmetics. Baal is the Phoenician Dionysos and he's struggle was pharmaco-shamanic ritual. One Ugaritic text reveals Mot, Baal's evil twin, God of the Underworld, enraged at Baal's conquest of the seven-headed Leviathan. Mot repays Baal with terror and death, but not before Baal copulates with a heifer, who bears him a Bull. Thereupon Baal dies and the Earth becomes barren. Anath decides to avenge her brother Baal: She cleaves Mot with a sword. She winnows him with a fan. She burns him with fire. She grinds him in the millstones. She plants him in the fields. As if by seed, Baal is resurrected in the renewed Earth. Shapsh, the Sun Goddess who sees all, is dispatched by El to find Baal, who is once more battling with Mot. After seven years, Mot will have yet another victory. The rites enacted by Anath are a virtual duplicate of the rites enacted by Demeter in the Hymn to Demeter, the founder myth of the Eleusinian Mysteries religion. Persephone's need to return underground for a third of the year was insured by Aidoneus gift of a single pomegranate seed, a reference to the ancient aspect of Demeter, Rhea, whose spell cannot be broken. It is the seed that must be reborn. Demeter-Kore-Hades, in the Latin cultures was known as Ceres-Persephone (Phersipnai for Rasna) and Pluto, the night side of Dionysos.
(ENG) The island of Sicily is consecrated to Ceres-Demeter and Free-Persephone, kidnapped by Hades around Enna city. After the rape of Kore, Demeter, because she could not find her daughter, lit torches from the craters of Etna, she traveled to many parts of the inhabited earth, and did good to the men who offered hospitality by giving them in exchange the fruit of cereal. The Athenians received the Goddess with great courtesy, after the Siceliots, so Demeter taught them the wheat/barley coltivation, for which the people of Athens honored the Goddess with the Eleusinian mysteries. In Sicily and Greace (Enna & Eleusis village), two Barley crops were planted after the preliminaries of Mysteries. Hesiod sayd that the winter crop of Demeter's barley, it should be planted when the voice of the migratory crane is first heard, mid November, whether or not the rains have begun. The field should have been plowed in the spring and left fallow. If you wait for the winter solstice to plant, it is too late for the spring harvest. The winter crop should be planted when the cuckoo first calls (March), if it has rained within three days as much as the height of an ox's hoof, which will assure a crop as good as the winter one. This crop is winnowed when Orion first rises at dawn (July). The native of Sicily, they instituted in honor of each of the goddesses, sacrifices and feasts. Stared the return of Kore on the ground when the wheat seed is found to be mature. They chose to sacrifice to Demeter the time when we begin to sow wheat. During the ten days celebration, they have the habit of addressing obscene phrases during the interview, as the goddess, sorry for the rat Kore, burst out laughing because of a phrase obscene. The Cults Demetrii (Goddess with piglet, torch and basket), in Syracuse were so many, as in Enna, Gela, Agrigento. The ceremonies lasted several days and took place at night. Cerealia, in honor of Ceres, every April 12, during which were sacrificed oxen and pigs, and offered fruit and honey. The participants, both married and unmarried, practiced the orgy. The orgy is abandonment and ecstasy, a rite of possession, similar to Vodun rites, facilitated by alcoholic beverages. Eleusis as Delphi was a Pan-Hellenic sanctuary, also more romans emperors and writers went there to undergo the initiation of this Mediterranean religion, among them were Hadrian, Marcus Aurelius, Galien, Ciceron, etc. The Eleusinian mysteries were widely circulated in Rome, as a cult of Ceres-Proserpina. The worship was forbidden by the Christian emperor, Theodosius, in 392 AD. Then follow a progressive abandonment of the countryside, a beginning of repeated seasons of famine, uncontrolled epidemics of ergotism, and, less than a century later, the final extinction of the Western Roman Empire. Homeric Hymn to Demeter says: Happy is he who has, among men, the vision of these Mysteria; those who are not initiated into the holy rites not have the same fate when staying, dead, in the humid darkness. Raseno then quotes tha link between Barley/rye crops and European shamanism: 'Melampous (black-foot), the founder of a family of shamans, was a medicine-man expert in understanding the speech of animals, birds, and insects, a gift he had received when two serpents licked his ears as he lay asleep. While attempting to win a herd of estrual cows as the bride price for the maiden Pero (leathern food-pouch in which was hidden some secret of the Eleusinian Mystery), Melampous was held prisoner by the 'Jailer' Phylakos, but he was able to gain his release by curing his captor's son of impotence. He learned from an old vulture, who had witnessed the event years ago, that Phylakos had inadvertently frightened his son when he approached him while gelding rams, bloody knife in hand. Phylakos had plunged the knife into an oak tree and gone to comfort the terrified child. It had lain there forgotten, rusting. Melampous scraped off the rust and administered it as a potion, so doing, he discovered the rust potion of ergot (an entheogen of the primal grain mysteries)! Another of his spectacular cures was the daughters of Proitos, the Proitidai. The daughters of King Proitos of Argos, having offended Dionysos and Hera (wine and kykeon), they were driven mad and committed violent and unseemly acts until they were healed by the seer Melampos. Here, in their madness, they have unpinned their clothes and stand partially naked. They had gone mad, becoming consubstantial with the fly-agaric: they grew bald with scabby patches on their skin, like the white fragments of the shattered veil adhering to the fly-agaric's cap, and went mooing like cows in heat. Such estrual mooing was thought to be caused by the goading of the gad-fly or oistros (estrus) and which was also called the myops, 'squint-eye,' as in myopia, appropriate for the myesis. He purified them at a temple of Artemis in Arcadia on the River Lousios. One of them died, but the other two he and his brother married, as replacements for Pero, the Mystery wallet, whom both of them had claimed as wife in the affair of the rust potion. The Melampous myth indicates a transition from human offerings to animal substitutes, in funeral pyres of the traditions of Eleusis. Demeter revealing the secrets of agriculture to Triptolemos, as a gift to humanity after she had been joyfully reunited with her lost daughter Persephone. Demeter, before teaching the Mystery, had laid the Queen's son Demophoön, lulled to sleep with poppy juice, nightly in the hearth like a log to burn off his mortality, intending to make him celestial, like the daughter Persephone, whose contamination with flesh she had not yet come to accept. The ingestions of the infected bread producing the so called Holy fire (during Middle Age) part of extense Ergot epidemics with convulsus or gangrenus conclusion as well as the proper therapy with a ritual pig sacrifice (using pig'fat) and the dance of St. Rocco. The ingestion of wheat with parasitic fungus was bringing cold sweats, tremor without effort, at beginning also extreme anxiety and nausea, sometimes panic and fear of death of ego psych. This experience was similar to the ancient Kykeon description of Eupolis. Eupolis's foreigner is described as being overtaken by a hallucinatory fever (epialos, like a nightmare) while on the way to the marketplace because of the kykeon he had drunk, since certain well-placed Athenians with connections to the Eleusinian priesthood had learned the secret of the potion. Ergot was an ingredient of the Kikeon, holy drink, used during initiations rituals at Demeter temples in Eleusis, Hellas and other Euroasian places. In the past century, it was rediscovered by dr. Albert Hofmann as a source to extract ergotamine (Delysid medicine). Then, more psychologists discovered that Delysid reduces anxiety and neuroses when used in psychotherapy treatment protocols; it reduces barrier between ego and reality; it helps more patients to review the old traumas and to overcome blocks and fears; it heals human mind using dissociation; it prepares psyche and body to reconcil with fate. The conversion of ergot to ergine, achieved by the hierophants of Eleusis, was obtained by boiling crude ergot for several hours in water to which the ashes of wood or other plant material, perhaps barley, had been added (longer cooking times tend to concentrate both product and alkali reagent). Wood ash contains potassium carbonate (pearlash), a strong base which for millennia was the usual material used to produce soap from animal or vegetable fats — an hydrolysis process (saponification) identical to the hydrolysis of the amide bonds of ergot. Wood ash has a pH of about 12. Crude ergot contains from 30-35% fatty acids which both solubilize the ergot alkaloids of their own accord by virtue of the micelles formed when these fats were saponified by the hot pearlash. Enough hearth ashes to hydrolyze ergot alkaloids be too basic and caustic to drink, then a solution of potassium carbonate, if allowed to stand exposed to the air for a few days, would absorb enough carbon dioxide from the air to be turned into the relatively harmless potassium bicarbonate. Alternatively a final addition of wine to the kykeon would neutralize the ashes, since in Homer the kykeon always contains wine; also to allow time for the barley-groats to ferment slightly, producing some kind of weak beer. But in the Eleusinian myth, Demeter pointedly refuses to accept any wine to assuage her grief, as expression of her unwillingness to drink a beverage of joy while still in grief for her daughter; she declines because wine comes from Dionysus (Hades) and the rape of Demeter’s daughter occurred on the Nysan Plain; so the final mixture was neutralized (since it is more acidic) by the addition of vinegar, which as spoiled wine. Ashes as an ingredient in a sacred potion had symbolism involving the resurgence of life from fire, the ashes of the cremated votaries. The ashes symbolized the immortality which Demeter wished to bestow on the little prince Demophoön, who was able to thrive and grow without food as long as she secretly placed him each night in the fire like a log. Persephone was looked upon as the goddess of fire, for through her power the evil element was transformed into a kindly one. The potash was the mediation between body and soul, the reconciliation of chthonic and celestial realms.. I have opened the basket; I have drunk the potion", was the final password of the initiates prepared for their spiritual descent into the netherworld to encounter the Goddess. Two round urns on unstable bases where emptied, with the chant repeated again and again by the whole congregation, Hye kye (Rain conceive). After their descent, she would surface back up with them all, amidst a brilliant light, a fire that (a metaphor) could be seen from miles away, as the Hierophant opened the door on the temple within the great Hall at the moment of her giving birth to the Mystery child Brimos, who is otherwise known in the Eleusinian myth as Triptolemos, the prince to whom Demeter entrusted the Mystery and the sacrament of cultivating barley. Brimo, as Persephone now was called, had given birth to Brimos, a son named after her, the Terrible Queen with her Terrible son. This Queen is ultimately the reunion of the three phases of the goddess, as maiden, mother and crone, represented as Hekate, three women in one, and the patroness of witchcraft and herbalism; also the son, similarly was triform as the Triple Warrior Triptolemos. With the conclusion of the Initiation, the winter rain would begin and the seed of Persephone would be hidden in the plowland to fruit again six months hence. On occasion the rite was performed out of season to accommodate personages of importance. The known ingredients for the mixed drink or kykeon (barley & mentha pulegium), publicly announced, are Barley-groats, water, fresh alphiton mint, hydor and glechon. The barley and mint plants represent antitheses that the aqueous kykeon mediates: the cultivated agricultural foodstuff as opposed to the wild gathered herb, the former the staff of life, the latter soporific; the incorporation of the older chthonic deities into the Hellenized family of celestial Olympians. Both plants, in the pharmacopoeia of the midwife, the latter an abortifacient, the former an aid in parturition, inducing uterine contractions. The mentha pulegium (pennyroyal) in the potion, functioned to calm nausea (one of its uses in herbalism) and catalyze in some way the psychoactive toxins of the hydrolyzed ergot. Pennyroyal, commonly called fleabane and fleawort, has its apotropaic effect on flies; hence its botanic name of pulegium, from pulex, flea. In concentration, the terpenoid ketone pulegone from pennyroyal is lethal for humans. Cultivars are the product of human intervention, without which they will revert to their poisonous inedible avatars. Thus the olive requires repeated pruning to prevent it from sending up a thicket of sprouts from its rootlets and returning to its fruitless natural state. The vine, too, needs pruning since it fruits only on new growth; and in ancient lore, its avatar was seen in the ivy, whose leaves and berries supposedly deranged the mind in their natural state. An example from the New World is Indian corn, which if left unattended, drops its cobs of kernels to sprout all in the same spot, too close to grow without crowding each other out and becoming increasingly stunted like the original grasses from which it is hybridized. In Greek, the weedy grass is named solely for deformed kernels as Aira or hammer. The ergot was called 'rust' or erysibe. The botanic rust had its analogue in the destructive oxidization of iron that corrupts the metal utensils, returning them to the original ore. Demeter, the goddess of grains, could have the epithet Erysibe, just as Persephone is called the killer of Deadly Perse, (Porsen, mask, kali) as the goddess who has displaced her more fearsome aspect as Perse. The rust is its mediation between primitivism and culture. From it can be extracted via alkaline hydrolysis, the visionary agent for the Eleusinian initiation. Pearlash or potash, called tephra and spodos in Greek, was known as an eye salve; and the alkaline fluid called konia (ash-water) was used for washing. Konia derived from holy water and the ashes from sacrificial burnings was used also as a medicine. The procedure was an art whose divine patroness was the third of the Eleusinian deities, Hekate. The Epiphany festival took its name from the ancient Greek mysteries: epiphania meant divine appearance, as when Kore appeared in the barley. In Italy and Sicily, the name Epiphania-Kore was transferred directly to the Old Goddess who travels in the Ember Nights. She appears in Renaissance witch trials as goddess of the witches and observances in her honor were kept alive into modern times. People appeal to Befania or Befana for good fortune on the winter holyday. The magical night of Epiphania is charged with power: people can foresee the future, and animals speak, even prophesy; the dead return to earth, and all kinds of marvels take place. One of Befana's titles was Marantega (from mater antiga, old mother). Sicilians especially kept alive the memory of Befana (la Strega, la Vecchia), an ugly, good old woman who leaves presents in children's stockings on Twelfth Night. She descends from the mountains at night, unseen, and enters houses through the chimneys. Sometimes she rides a broom. She brings gifts, or coal for the children who have been bad, and stuffs them into stockings hung above the hearth. Singers serenaded houses where cloth images of Befana were placed in the windows, or carried her image from house to house while caroling. Families welcomed the visiting witch goddess with tambourines, horns and drums. Children sang 'la Befanata', asking her favors. In some places oranges and sweets were put into the Befana, and they broke it open like a piñata." 41.䷨ 禸 rǒu, (track-impronta, pista, rad.114) culti del kikeone, Demeter & Kore | Allah dikr.mp3 | Allah hè.mp3


Yolanda (约兰达 Yuē lán dá) tells a bit the story of Kariri and other semi-nomadic people of north-est Brasilian desert (sertao) facing hardlife and problem with the scarcity of water and identity. At symposium, she describes us the pagè Luzia Micaela and the catimbos, the indigenous gatherings where people dance, sing and shake the sacred rattles during night rituals. Luzia Micaela, the Kariri healer of Yolanda, always had visitors at night who appeared to speak with her from a tree. Micaela once gave to the sick Yolanda a medicine brew (Jurema), then, as all Tupinamba pajés, she performed her cure: blowing on the painful spot, sucking and spitting out the evil and so on. She started singing in her language, when she stopped, a violent wind was heard shaking the the roof of the house. A voice greeted the participants and asked to Yolanda how she was. This voice assured her that moon-god would heal her through Micaela. Luzia Micaela told to Yolanda as she presided over divinatory dances in Angolan garb and Indian-style feathered headdress to preserve the Ouricuri heritage (Torè da mata); with tribal marks on her cheeks, she danced until she entered trance, her body trembling with power. Then 'the winds' entered her ears, she prophesied and answered questions, laid people on the ground and leaped over them to cure them, and prescribed forest leaves for healing while holding a dagger. During Kariri ritual of Torè, village people, dressed with birds feather, play flute and drink a bitter medicine of Jurema branca (Mimosa tenuiflora) or Preta (Mimosa hostilis), acacia plant of brazilian sertão, the semi-arid region in Northeastern Brazil comprising parts of the states of Alagoas, Bahia, Pernambuco, Paraíba, Rio Grande do Norte, Ceará and Piauí. Jurema wine has botanical and cultural mixtures, more children and different rituals, becouse it comes from plant to recall the survival knowledge for it's children. The Pajè performs Ouricuri rites by limiting and defending the boundaries of ritual territories to strength the survival (agrarian subsistence) of clan spirit: inside a Torè dance, the ancestor's caboclos (mixture race of natives and caucasians) may descend into bodies and hearts (encantos de luz), for healing, revelating, helping crops and game. Jurema can manifest itself as a feminine spirit warrior (Diana queen) or a counselor birds, totem, ancestors and holy spirit. Jurema is an acacia tree called Tepezcohuite in Mexico (Mimosa tenuiflora). For Professor José Maria Tavares de Andrade, the word Jurema has at least three meanings: 1. Liquid preparation based upon the plant’s elements, for medical and mystical purposes, external and internal, as the sacred drink: Wine of Jurema; 2. Magical-religious ceremony, led by pajés, shamans, healers, Pais de Santo, or Jurema masters who prepare and drink this wine or give it to initiate or to customers; 3. Jurema as a spiritual entity, a cabocla, or a divinity, evoked both by the remnant Indians, direct heirs of the Catimbó ceremonies, as well as the African Brazilian cult of Umbanda. Jurema represents also a point of view and an ethnic resistance of the autochthonous northeasters, Yolanda quotes Andrade: “In a first stage of colonization, the indigenous people resistance in the Northeast did not allow Jurema to be known in its uses and meanings, then not being documented by settlers and foreigners. On a second historical period, Jurema was a ritualistic element connected to the armed resistance of the native people. Even at this point, Jurema significance is not yet understood but its use is already a reason for repression, imprisonment and assassination of Indians. As the rolling compressor of colonization goes on, an attempt of political, economical and also cultural domination, a new form of resistance is undertaken: The Jurema takes over a central place in popular religiosity (not only in the indigenous Catimbó) as an autochthonous entity (spirit, divinity, cabocla), owner of the land. Jurema is then absorbed by African-Brazilian cults, with the upcoming of Candomblés de Caboclo´s. In the last decades, it was in the context of Umbanda that Jurema was integrated into the sacred cosmology, into the pantheon of national religion. In recent years the Jurema continues as the secret kernel, flag or symbol for the remaining indigenous, on their ethno-political movement, in the context of defending their human rights, their reserved areas and theirs autonomy into Brazilian social and cultural pluralism. According to Andrade, "linguistic roots for the word Yu'rema in the Tupi language are an indication that the primary use of the Jurema´s wine, was in ceremonial (entheogenic num), wars and rituals of social transition. the Jurema plant, even before the arrival of the white people, it plays a central role in the semi-arid northeastern ecosystem of the caatingas, a dry land covered with crooked trees and prickly plants): during the long periods of drought, when the landscape of the backlands become gray and red, only Jurema and the mandacaru cactus resist green and with water reserves. In fact, at the height of the drought, the bark of the Jurema gets dry but its interior remains blooming. When the rain returns, the dry peel falls off and the tree reappears young. This phenomenon gives room to a long mythology of songs involving the seasonality cycles of death / rebirth. But, unlike the mandacaru cactus, from which the countryman can take water during the drought, the water from the Jurema is completely inaccessible to human use, it attracts small insects and then various levels of small predators of the backland’s ecosystem food chain. The snakes are common in the ‘juremal’, both because of the existence of a good quantity of food and also because of the protection given by the thorny branches, preventing the area from larger animals. This fact also penetrated popular mythology, and is a theme for song and ritualistic hymns and ‘chamadas’, which is’ calls’, in which the snakes spiritually protect the tree, as well as the tree (with its spines) protects their guardians reptiles. The juremal (cangaso) become the center of resistance to drought for organic life, around which orbit the entire ecosystem of the caatinga, and it reigns in sertão since immemorial times, kept away from any attempt of socialization, a dangerous place full of taboos. Oswaldo Gonçalves de Lima, in 1946, described the Toré, a party in which the Jurema´s wine is ritually consumed among the Indians ‘Xucuru-Pankararu do Brejo dos Padres’, in the south of Pernambuco; the Kariri-xocó from the border of Alagoas and Sergipe; the Atikum-Umã in Pernambuco, the Truká and other groups spread around the sertão. The Pajè first squeezs jurema root barks, washs and pounds it between two stones or beats against a rock; the foam that is formed after squeezing it is collected and soaked in water; the 'brown juice' it's soaked overnight in cold water pot. Finally it's added with passiflower tea (nowdays with Syrian rue tea) to give the very bitter brown beer. Swinburne Clymar, authorities for the passionflower (Passiflora spp) says: "Passiflora should be given in all fever accompanied by extreme nervousness and insomnia, it calms the nervous system more then narcotics. The passiflora-edulis fruits (passiflora edulis), called Maracuja in Brasil, are tasty fruit useful for daily supply of vitamines. Before the arrival of settlers, only the Indians of the backwoods of Rio Grande do Norte (Kariris and Jê/Tapuios), used to drink Jurema. These tribes that hold the rites of Jurema, however, fought together with the Dutchman and were completely destroyed by the Portuguese forces. The Jurema as ethnic identity was then built in secret during the period of colonization, going up to distant coastal tribes who had no tradition with the drink. The use of Jurema was tolerated and accepted by the catholic Portuguese while it was directed against the French and the Dutch invaders, but its religious use was condemned as witchcraft. There are several historical records (XVI and XVII century) about the military effectiveness of the ‘juremers warriors’. This dual permission / condemnation favored a secret and silent expansion of the Jurema, leading the use of drink to be known up to Maranhao. In this contradictory context, the Jurema was ratified as being an indigenous ethnic practice and has mixed with the African cults: the Candomblé recognizes Jurema as an Orisha (the only one genuinely Brazilian), while in Umbanda the plant-spirit is minimized into in a simple cabocla of the line of Oxossi, after the indigenous ceremony of the Toré has been adopted by Umbanda groups along the northeastern coast. Between 1943 and 1945, the caboclos from Uma´s Hills, descendants of unknown tribes, knowing that the Brazilian government had the Toré as a criterion for granting land for indigenous reserves, sought the Tuxá tribe in order to learn the ritual and to get the benefit. Then the caboclos Umã got to be considered Indians Atikum (suposedly the name of the tribe´s mythical ancestor), where the Toré and the ritual use of Jurema were traditions to be displayed as ethnic certificates, recognized by the FUNAI. The caboclos Umã really began to believe in their new Atikum identity, Jurema gave these men more than a piece of land: gave an ethnic identity that unites a group separating it from others, giving it a place in time and in social space. The relations between Atikum and Dutch kept on going as the past centuries. Yolanda was among the Dutch founders of Friends of the Forest foundation, together with Dutch universities and public authorities, that applied free of charge rehabilitation treatment for people addicted to drugs (heroin, cocaine, alcohol, etc.) mainly using Ayahuasca. However, due to suspension on the supply by the entity that manages Santo Daime, which considered the therapeutic use of the beverage out of their religious precepts, the "Friends of Forest" then began to search and use the same psichoactive principles extracted from other similar plants. In this "analogue ayahuasca," the Black Jurema (Mimosa hostilis) was used in combination with Syrius Rue (Perganum harmala, zygophyllaceae) seeds, a bush from the middle east, called Asfand in Persia or Harmal in Arabic. Asfand is well known for its sedative characteristics since pre-historical times from the Mediterranean up to Central Asia where it is associated to the Arab flying carpets, the Soma of the Rg Veda and Haoma of Persian Avesta. The researchers of Friends of the Forest describe their contact with the Atikun Indians and how they introduced the use of this new formula in some of its rituals. According to them, the Atikum recognized the potentialization on the effects of the Jurema by the Asfand, so they kept seeds of the bush to be planted in their drylands. This cultural assimilation by the Atikum culture was able to resurrect the local tradition of Jurema. The Syrian rue has many uses in folk medicine, its seeds have been employed as a spice, and its fruits are the source of a red dye and an oil. The seeds possess among alkaloids, the harmine and harmaline. We live a global mythical reconstruction process, in which a genuinely Brazilian plant (black Jurema source of triptamines), symbol of a part of our ethnic consciousness facing a decadence, is being reinvented and re-imported to the middle classes of Europe and Brazilian society where the lost ingredient bearer of harmina could be the Passion fruit juice (consumed during Torés but rejected by chemical analysis) or the Asfand also suggested by Benny Shanon hypothesis: in the arid areas of the Sinai peninsula and Southern Israel there grow two plants (Acacia trees and Asfand bush) containing the same molecules that constitute the key ingredients of the Amazonian brew Ayahuasca. The Ayahuasca effect hipotesis tells of the synergy between the female principle (represented by the leaf of Psichotria Viridis, Chacrona, queen), bearer of DMT, and the male principle (the vine Jagube) which contains MAO inhibitors. But neither the leaf nor the vines are psichoactive if taken separately. In the Bible, from Acacia (called shita in Hebrew, plural shittim) were made the tabernacle and the ark in which the Mosaic Tablets of the Law were guarded. Nowadays, traditional Arab and Bedouin healers employ both plants in their curative practices and sorcery. In the Bible several key episodes in the life of Moses exhibit features that are prominent symptoms of the Ayahuasca experience: Moses’ first encounter with the Divine and the theophany at Mt. Sinai, the most important event in all of Jewish history. The acacia tree was also regarded as sacred by the ancient Egyptians: the gum arabic from Acacia arabica, called Babul in India, it produces gum used by the Egyptians as eccipient of many medicines, (IT) Gomma arabica si ottiene asportando striscioline di corteccia di varie acacie da cui trasudano gocce giallo-rossicce, i baccelli di acacia son macerati in acqua, pestati in mortaio e seccati al sole per farne un rimedio emolliente e protettivo per ulcere, ascessi, disturbi della pelle e disturbi digestivi. I ganga Dogon usano le radici di Acacia ataxacantha per ulcere, ferite, sifilide, epilessia; la corteccia del fusto di Acacia nilotica per oftalmie; i guaritori Maasai fanno un decotto di radici e corteccia di acacia nilotica e senegalensis come purgante, mal di stomaco diarrea e gonorrea; e usano l'infuso di radici macinate di Acacia brevispica come vermifugo, afrodisiaco, contro sterilità e veleno di serpente. Yolanda aggiunge: "altre acacie medicinali sono lo Yopo (anadenanthera peregrina) e l'Acacia della pelle (mimosa hostilis o tenuiflora), chiamata Jurema in Brasile e Tepezcohuite in Messico, oggi dominio mondiale di medicina e cosmesi. I guaritori maya la usano come unguento sulla pelle per trattare ustioni di ogni grado, ulcere diabetiche e varicose, piaghe da decubito, psoriasi, micosi, eczemi, dermatiti. Corteccia e radici han proprietà antibiotiche, cicatrizzanti, sfiammanti, utili a rigenerare i tessuti in presenza di ferite, eritemi solari e bruciature. Nel Sertao Brasiliano la corteccia di radice è raspata, ripulita della terra, lavata, posta tra due pietre e pestata (contiene dmt da 0.40 a 1 %); la massa spumosa che si forma (amara), è poi macerata in acqua e lasciata fermentare. Aggiunta con tè di Passiflora, Ayahuasca o Ruta siriaca, darà l'amara birra Jurema. I Beduini di Eufrasia usano la pianta di ruta siriaca intera, in particolare il decotto di semi, come antibiotico, mal di denti, reumatismi e diabete; la fumigazione dei semi bolliti, per cefalee-vertigini, malattie nervose, infiammazioni delle gambe, aborto ed antielmintico. Il malocchio può essere prevenuto o eliminato bruciando il seme aromatico di Asfand, purifica le case e le persone disturbate. (ENG) Yolanda finally arouses some questions: "the central role of this device in contemporary society, it's a medical product able to reinsert an individual within social normality or (when used outside its area of containment) to generate distortions in the individual’s personality. On both sides, the drug affects the soul of the subject, either by retrieving it or by losing it. The word enteogens means 'divine origin' (theo/thera = god/goddess, genesis = origin), so a drug may hallucinate and heal, balance and make mad, wonder and addict, it is a paradox, a device of apparently contrary functions. The researcher Terence McKenna (etnopharmacologist, scholar of the entheogens consumption traditions) suggested a strategic association between three hypothesis: "1. all our experience with holyness originally derived from the consumption of chemical substances: it was through the ingestion of psychoactive plants that the monkeys had become aware of themselves (Levi Strauss), initiating the development of the human species. 2. The future is a return to archaic memory: constructing artificial paradise or a social utopia is made from chemically altered consciousness (Charles Baudelaire and Aldous Huxley). 3. The idea of Gaia (James Lovelock and Lynn Margulis) suggests that Earth’s biosphere is a living organism. So the psychoactive substances would primarily function as re-connection between man and the telluric planet. From these assumptions, a set of questions are possible: The causes of things would be in the past or in the future? Would history be only a shadow that eschatology projects behind itself? Would us, the human beings, be imagining or being imagined? Would history be a co-creation, an unstable partnership, involving and coward between us and the Hiperdimensional Standards Maker? Could it be that the visionary plants are our enhancers and our guides, and would the teo-botanic be the key to all this? Would chaos hold the dynamics of all creativity? What connection would exist between the physical light and the light of consciousness? How would we transpose our fundamental limits in order to enter a new period of human adventure?" 18.䷑ Yolanda: 門 mén 门 gate-porta (rad.169) acacie Jurema | Jurema karaoke | cabocla Jurema.mp4 | linda Jurema.mp4 | oh jureminha.mp4 | defumacao.mp3 | eu caminhando | Jurema encontro | Jurema reino | Jurema chegou | arco iris | olhos observante | ave caboclos | Ogum beira mar | caboclo.juremeiro


Romulo parla delle piante medicinali del Perù e sud America, inizia dagli effetti di varie bevande sull'aumento di polso (pulsazione): acqua calda 39.8 pulsazioni, tè 40.6, caffè 70, cacao 87.4, matè 106.2, coca 160; l'infuso di coca eccita il cuore 4 volte più dell'acqua calda e tè e il doppio del caffè. Mentre reagisce in circolo, la coca produce febbre passeggera, aumento di calore e respirazioni, faccia accesa e occhi scintillanti. In dosi maggiori palpita il cuore (134 pulsazioni sulle ordinarie 65) e il sangue congestiona nei centri vitali, pertanto si hanno piedi e mani fredde. Romulo cita Mantegazza e la sua Legge fisiologica: le cause debilitati sono tanto meno attive quanto più il corpo è in stato di resistere ad esse. Tè di Guaranà, Matè, Coca, etc, sono le bevande più comuni delle genti del continente. Foglie fresche della pianta Erithroxylon Coca, masticate o in infuso, sono buon rimedio per il trattamento di malattie fisiche e psichiche: restauratrici di energia di stomaco e intestino, alleviano affezioni di laringe e corde vocali, prevengono vertigini, regolano la pressione arteriosa, aiutano il metabolismo dei carboidrati (anti diabete) e risvegliano desiderio e prestazioni sessuali. La foglia contiene più proteine (20%) della carne (19,4%), più calcio (2%) del latte, ed è più ricca di vitamina B-1 delle carote fresche. La pianta di Coca cresce in luoghi caldi e umidi delle Ande, le Yungas (valli in lingua Aymara), dai 300 ai 2000 metri slm; è piccolo arbusto sempreverde, cespuglioso e ramificato alto fin 4 metri, con corteccia rossiccia da cui deriva il nome del genere botanico. I frutti sono piccole drupe rosse poco più grandi dei semi del grano. Esistono varietà più o meno aromatiche, adatte ai vari habitat: secchi, umidi, piovosi, bassi e alti. Gli abitanti delle Ande usano foglie di Erythroxylum coca come stimolante e analgesico mentre i curandero come anestetico locale e psicostimolante. Nelle oltre 200 specie del genere Erythroxylum, diffuse in tutto il mondo, è presente la cocaina, alcaloide isolato da un chimico tedesco (studiato anche da S.Freud che scrisse il libro: uber coca), e divenuta ingrediente di bevande alla moda del tardo 800: lo stabilimento della Coca Cola nel New Jersey (Usa) estrae cocaina dalle foglie e la commercializza come farmaco, mentre usa le altre sostanze aromatiche presenti nelle foglie, per preparare la bevanda Coca-cola. La pianta si riproduce per seme o talea e si trapianta quando raggiunge 20-30 cm di altezza, il primo raccolto si ha dopo un anno e la vita economica di questa pianta varia da 20 a 40 anni. La raccolta, come per il tè, si ripete 3/4 volte l'anno, le foglie vengono seccate lentamente al sole, evitando le alte temperature che ne guasterebbero l'aroma. La pianta agisce diversamente se ingerita con masticazione delle foglie, o assunta (aspirata o iniettata) come cocaina di sintesi: il cloridrato di cocaina induce iperglicemia e agisce da vigorizzante modificando l'intensità dei sensi e l'affettività ma, la dose letale per adulto è 1 gr per via orale e 0,2 per via sottocutanea: l'intossicazione acuta si manifesta con dilatazione e immobilità delle pupille, cecità e morte entro pochi minuti, a meno che non si interviene provocando il vomito con una soluzione di bicarbonato di sodio (130 gr per litro). Il masticatore assorbe minor qtà di alcaloide (20 gr di foglie al giorno equivalgono a 0,15 gr di alcaloide) poichè gli alcaloidi presenti nelle foglie sono più lenti e seguono altre vie metaboliche. La cocaina a dosi elevate inibisce la conduzione nervosa (anestesia locale) e potenzia tutte le funzioni in cui interviene l'adrenalina. Nelle condizioni di bassa presenza di ossigeno (ipossia) della vita di altitudine, che possono creare disfunzioni nella sintesi della noradrenalina e della MAO (enzima che partecipa alla sua degradazione), la coca può ristabilire l'equilibrio alterato dall'anossia. Così i nativi andini usano foglie di coca per alleviare la sensazione di fatica, fame e sete, scelgono le foglie senza impurità, le riuniscono con cura, tolgono loro il picciolo e le nervature per preparare il bolo (acullico) da masticare (coquear, chaccar, picchar, acullicar), con odore simile al tè, sapore amarognolo, astringente e un poco piccante. Il consumo della coca è un rito sociale, come il Kat nello Yemen, con precisa etichetta, impegno e misticismo (gli Inca chiamavano la pianta, Mama Coca, dono del dio Sole, usata nelle cerimonie religiose e nei riti funebri di quasi tutte le culture andine); prima di masticare le foglie, si invoca o si prega (pukuy) la terra e le località dei dintorni, per entrare in relazione con gli spiriti che ne costituiscono l'anima; poi si soffia sul bolo e si pone piano in bocca, dopo un pò si aggiunge llipta o tocra, una pasta a reazione basica fatta con acqua e ceneri di diverse piante (quinoa, eupatorium lanceolata, mussatia spp) o calce miscelata a polvere di conchiglie marine, presa con un bastoncino da una piccola zucca detta calero o poporo in cui è serbata; il bolo si mescola con llipta e si spinge con la lingua in una guancia dove rimane per 1/2 ore durante i quali assorbe la saliva che viene deglutita poco a poco, come una lenta ruminazione-meditazione; alla fine del coqueo, il bolo residuo si butta. Si ripete l'operazione ogni 3/4 ore usando 10 gr di foglie secche per volta e interrompendo il rito per 20 minti quando si prepara il nuovo bolo. Condividere e masticare coca in compagnia (hallpay9 è omaggio di fratellanza e di fiducia, crea comunione sociale che benedice la reciprocità in presenza della divinità; la coca crea legami tra persone e spiriti locali, santifica il presente legandolo al tempo mitico e alle forze della natura, il suo rito costituisce il sigillo di un patto di collaborazione tra umani e divinità, cuore della cosmovisione andina. Evitata Le alte dosi sono evitate da chi soffre congestioni cerebrali o ha tendenze all'apoplessia. L'abuso ludico per più anni può produrre ebitudine. Nelle tombe dei defunti si poneva una piccola borsa (chuspa) piena di foglie di coca offerte al defunto per ritemprarlo durante il suo viaggio nell'aldilà. L'uso della coca era riservato ai dignitari imperiali, la gente comune poteva consumarla solo in occasioni speciali, costume che mutò all'epoca del dominio spagnolo; la coca divenne sostituto del cibo scarso e rifugio per molti indigeni disorientati. Nella medicina andina,la coca è usata per dare sicurezza emotiva e attenuare lo stato depressivo tipico degli abitanti delle Ande, stimolarne l'ottimismo, autostima e felicità, invece, l'assuefazione alla coca rende apatici, ipoaffettivi e indifferenti all'esistenza sociale e secolare. La coca tiene svegli,allevia il soroeche ( mal di altitudine), consente lunghe marce e lavori agricoli ad alta quota, consentendo la ricerca di risposte e benessere alle situazioni dell'altopiano. Un pezzetto di foglia inumidito e applicato sui denti cariati o piorreici toglie il dolore; gargarismi a base d'infuso concentrato curano i mal di gola e la raucedine; l'infuso cura il mal di stomaco, dissenterie, diarree, coliche, vomiti e indigestioni; le supposte a base di foglie fan sparire i dolori emorroidali. Romulo rivela come gli indigeni credono che Mama coca curi il tifo, il vaiolo e il morbillo, così con fede l'assumono, depurando e stimolando con vini corroboranti miscelati cioè con coca e altre piante come la china e la genziana, infine rivela una ricetta per anestesie locali: versare 10 gr di foglie macinate in 100 ml di alcool a 70°in bottiglia, lascir riposare 8/10 gg poi filtrare, usare in cataplasmi o sciaqui di bocca. La Maloca è la capanna al centro dei villaggi dei popoli dell'Amazzonia, i clan Barasana la usano per incontri comunitari e cerimoniali; per essi, da sempre, le foglie di coca offrono scopo alla vita quotidiana, ogni cosa essi fanno è richiamata nei loro canti: un giorno senza Coca è un giorno senza struttura, cantano i Barasana, lo spirito della piccola foglia ci aiuta nella cura e nel duro lavoro, calma la fame, dolore e tristezza, restaurando tono e buon umore. Il suo spirito conosce le malattie e la causa degli eventi, così esso oracola il destino e indica la terapia correttiva. Mama Coca arreca forza per camminare sopportando la fame, poichè Lei ben conosce l'estrema povertà dei suoi figli, i malesseri dell'altitudine, del freddo e del duro lavoro.. Gli Inca veneravano Umina, dea della salute, analoga al dio Asclepio dei Greci e a Guayin dei Cinesi. Maghi, sacerdoti e indovini interpretano il mondo mitico dell'esistenza umana esaminando il moto delle stelle, le viscere degli animali sacrificati e altri segni manifesti della volontà divina. All'inizio della stagione delle piogge, gli Inca eseguivano la 'situa', cerimonia preventiva di 4 gg, a Cuzco, capitale dell'impero. Il re inca Pachacutec, aprì l'accesso all'attività medico/sacerdotale a chiunque ne fosse predisposto, prima era aperta solo alle corporazioni dominanti. Le varie etnie, adattandosi alla biodiversità delle Ande (climi e flore differenti) e alle malattie e rimedi diversi per zona, svilupparono nuove sementi e specializzazioni rituali: gli Aruspici interpretavano la disposizione delle foglie delle piante magiche, la forma delle nubi, ecc; I Sonccoyoc ispiravano a mezzo di sacrifici; gli Allcos-sognatori (moscoc) a mezzo di sogni. Comune a quasi tutti però, v'era il masticare foglie di coca e/o fumare tabacco: i Cuyricuc sacrificavano i Cuy (Cavia porcellus) e interpretavano le viscere; le Camayoc (curiosi/curiose), erboristi uomini o donne, basano la diagnosi sul jubeo, lo strofinamento di un cuy (o coniglio o cucciolo di cane), sul corpo del malato, l'agonia del cuy inzierebbe quando entra in contatto con la regione del corpo affetta dal morbo; i Pachacuc interpretano i movimenti dei ragni feriti; gli Ayatapuc parlano con i morti; gli Hechecoc profetano dopo ingestione di tabacco o coca; i Caviacoc bevono pozioni alcoliche; gli Ichuri usano un fascio di ichu (Stipa ichu) una graminacea, per purificare il paziente; i Guacaues vivono da asceti in luoghi isolati; i Callahuaya sono medici vaganti, mentre i Kamasqa sono medici autorizzati alla cura delle famiglie reali e di capi. La formazine del/la terapeuta era basata su pratiche ascetiche, una dieta povera senza carne e condimenti intensi, perfezionamento spirituale. Il curandero insufficiente era spesso soggetto a pesanti sanzioni fino alla pena di morte. Le popolazioni dell'impero incaico si adattarono a varie zone climatiche: quelli delle coste e valli basse (yunga) con clima caldo, secco o umido, si adattarono a sostenere le alte temperature, la disidratazione, la malaria e altre malattie tropicali, fino a 2000 m; nelle valli temperate (quechua) l'organismo si adatta alle forti escursioni termiche, alle fatiche e resiste all'altitudine fin 3500 m; nelle valli alte ed altipiani (puna) oltre i 3500 m, l'organismo resiste ai grandi freddi e al soroche (mal d'altura), così diviene forte e ha mente speculativa. Gli sciamani andini guidano le anime dei morti nell'aldilà, controllano il clima, svelano il futuro, curano gli infermi, difendono la comunità dagli spiriti avversi, individuano i luoghi più idonei per svolgere date attività. In Perù essi hanno diversi nomi: altomisayoq a Cuzco, qullasiri a Puno, pongo ad Ayacucho, curandero e huachumero a Piura, paqo e maestro a Cajamarca, ayahuasquero a Iquitos. La distinzione tra curanderos (guaritori) e maleros (maghi) dipende dall'uso che essi fanno dei loro poteri, derivati dalla stessa divinità e in sè nè buoni nè cattivi, o dalle etichette dei popoli dominatori su quelli assoggettati. Nel contesto biculturale delle Ande, coesistono un sistema di valori indio e uno latino: mentre il medico cura l'èlite e i cittadini, il curandero si occupa dei meno abbienti e dei campesinos, egli è integrato nella comunità, ne parla la lingua (quechua, aymara o uno dei molti quechua della selva), condivide il modo di pensare e la cosmovisione, cura con erbe disponibili, acqua, massaggi. E' considerato persona sincera, mistica e capace di aiutare il prossimo o fare dei malefici. Le sue diagnosi e terapie sono radicate nelle credenze della comunità in cui opera; egli comprende l'umanità, l'ansia e la sofferenza dei pazienti, ne conosce le dinamiche familiari e sociali, ne stimola la fiducia e collaborazione con spirito adattivo, parlando con fare affettuoso e paterno; a mezzo dell'estasi mistica, è in grado di penetrare e comprendere gli stimoli che animano l'inconscio collettivo dell'umanità e dominare il processo ipnotico-visionario ordinatamente, senza istrionismi. Al panteismo si riconduce la sua funzione di guida delle anime dei defunti nel mondo sotterraneo e di quelle dei vivi, che sono state separate dal corpo; la sua capacità di ascendere ai cieli per mezzo di un albero o a dorso di un uccello; la sua associazione o conversione nello spirito di animali che lo assistono e viceversa; il ricorso a canti magici. La circolarità degli eventi si incentra sui miti che li spiegano e giustificano che a loro volta forniscono modelli di vita. La dimensione mitica è presente ogni giorno e con i riti vi si partecipa; le virtù delle erbe guariscono in entrambe le sfere di esistenza. gli spiriti entrano nei corpi a mezzo dei venti, traumi, susto, fatture amorose, o altre cause, e provocano la temporanea perdita della sombra (doppio animico). Il curandero contatta le entità del mondo mitico (inconscio, gli encantos che animano luoghi e cose), ne interpreta i simboli a individuare le cause della malattia e per influire sul contesto, come il clima; egli padroneggia queste entità, tesse relazioni rituali tra di esse e la comunità, le protegge dalle forze avverse ed esegue le cure a mezzo di cerimonie sciamaniche dette mesada. La mesada inizia poco prima di mezzanotte, con canti, preghiere e irrorazione di profumi, termina prima dell'alba: di notte si percepisce il mondo mitico degli encantos. I principali elementi rituali della mesada possono essere: invocazione di apertura, florecimento della mesa, offerte agli encantos, aspirazione del tabacco moro (singada), ingestione di huachuma, spegnimentoo di fuochi e luci, attesa in silenzio e immobilità, responso oracolare e diagnosi, riti per disperdere i contagi, florecimento dei partecipanti e degli oggetti della mesa (rito che propizia le entità benefiche contro invidie e danni di maghi), singada e ingestione di arranque (rinfresco a base di lime, limone e zucchero) che pone fine all'effetto del sanpedro. Il curandero si accomiata dalla notte con canti e conversando con i pazienti, a cui raccomanda dieta sobria. Il ricorso a piante maestro (ayahuasca in Amazzonia e sanpedro sulle Ande) serve a ridestare la capacità di visione (rastreo) dei partecipanti alla mesada e rafforzare il senso di appartenenza a una medesima civiltà (funzione sociale). Guaritore e malato spesso consumano insieme gli enteogeni, così da mettersi in contatto fuori dei pregiudizi, convenzioni e condizionamenti sociali; lo sciamano può così render conto, durante la diagnosi e terapia, di elementi ignoti che influiscono sulla mente ed esistenza dle paziente: l'inconscio custodisce molti dati dimenticati sulla vita, le personalità dei singoli e della comunità umana, sul web di relazioni tra psiche-corpo e problemi visibili e invisibili posti dall'esistenza. L'amplificazione della psiche serve anche a trasmettere al subcosciente dati messaggi che ne influenzino il comportamento cosciente (pnl, ipnosi costruttivista), specie per malattie psicosomatiche come alcolismo e nevrosi. La coscienza dei partecipanti si amplia, nell'inconscio, gli eventi esterni e interni son percepiti come rete di relazioni, tra pensieri e fatti esterni modificabili l'un l'altro e parte della stessa coscienza. I problemi si chiariscono, la velocità del pensiero aumenta al punto tale da render possibile la visione globale di realtà complesse. Il curandero può controllare gli stati emozionali e mentali (anche collettivi) che si rivelano nel rastreo, per mezzo di icaros, riti e formule, modificando zone specifiche della rete di relazioni e orientandole a fini di cura. Le mesada ristabiliscono il pensiero positivo, l'equilibrio mentale messo a repentaglio da messaggi subliminali della propaganda consumistica o della disistima. Principali fasi del rastreo (tecnica d'estasi andina): 1_mal di mare (nausea e vertigini) accompagnata da visioni di luci che formano figure; 2_sogni con residui di ricordi coscienti e subcoscienti, rielaborati ora in modo cosciente a superare blocchi e traumi, per incontrare spiriti (catarsi), intuire il passato, futuro e l'altrove, è richiesta vigile padronanza del flusso delle immagini per interpretare gli strati profondi dell'essere; 3_visioni in cui la sombra accede ad altra coscienza, indipendente dai sensi fisici, penetra nel mondo mitico (intellezione platonica) e percepisce l'aspetto immateriale degli esseri e le loro origini, ma resta con i piedi a terra, nella materialità della mesada: i sogni, pur tornando all'origine del tempo, sono interpretabili alla luce della tradizione locale. La sombra è una delle anime del corpo associata al sangue e al qi di una persona, una coscienza/identità che ogni oggetto possiede, può essere identificata con uno spirito e le sue proprietà (encantos), può abbandonare il corpo, anche da vivo, in seguito a eventi detti sopra così il corpo ne soffre. Gli sciamani possono ritrovarla e riprogrammarla in altro essere. Quando è separata, si porta nel mondo degli encantos e si lega a oggetti che la rappresentano divenendo potere o virtù di quella cosa (con rischio di contagio/trasferimento al suo proprietario), luogo, persona, pianta, messi in rapporto ai totem (entità mitiche) che li originano: piante sacre, sad guru, oggetti della mesa, orishà. Lo sciamano stringe patti magici (compacto) con le entità mitiche dei luoghi sacri (monti, laghi, boschi) in base al quale questi spiriti (hekurà prsso gli yanomami) mettono i loro poteri a sua disposizione. L'encanto di una pianta deriva anche dall'epoca e da tipo di luogo in cui essa cresce, così che la sua raccolta avviene secondo rituale che gli spiriti del luogo apprezzano. La mesa o spazio rituale, sintetizza il pensiero religioso andino, ed è strutturato secondo la pacha (mondo spazio-temporale e stati di coscienza che lo percepiscono), diviso in più parti. Nelle ande settentrionali il curandero fa il suo apprendistato in qualità di aiutante di un maestro che lo aiuta a tirar fuori le capacità presenti fin dalla nascita. Insieme sperimentano le medicine che danno visioni, egli impara a riconoscere i luoghi fausti e infausti, gli encantos e i miti degli oggetti, dei luoghi e le offerte richieste dagli spiriti. Impara a viaggiare con la sua sombra fuori dallo spazio-tempo per accedere al cosmo mitico e ancestrale in cui appaiono le sombras degli oggetti dotati di encantos. il maestro consegna all'allievo la mesa, in una cerimonia di trasmissione del potere purificando i vecchi oggetti con acqua divina. Il benessere risiede nell'armonia tra la persona, la società, il mondo mitico e quello religioso ufficiale (dimensioni che si scambiano doni e favori) e si manifesta come equilibrio tra caldo e freddo. Se viè una perturbazione, le entità mitiche (venti, contagi, etc) intervengono e si attivano sindromi culturali; i curandero/sciamani ristabiliscono l'equilibrio fornendo sostanze con qualità opposte all'elemento in eccesso. Le sue cerimonie includono riti rivolti al successo fisico ed economico, all'andamento delle colture agricole e alla ferrtilità degli animali domestici. I medici si rivolgono alle malattie che non dipendono dagli encantos mentre i curandero classificano le malattie secondo la causa più probabile: 1_sindromi culturali (infrazione di tabù sociali o norme rituali): 1a_azioni dovute a entità del mondo mitico: qaiqa, shucadura, tapiadura, llacamadura, aria, apu (vette), cocha (laghi); 1b_azioni di entità mitiche evocate da maleros: danno via aria, danno via bocca (curato con purghe vegetali), susto (spavento, rapè in lingua Shipibo, qui le azioni del curandero aiutano l'infermo a riaffermarsi e annullare i sintomi psicosomatici). 2_malattie divine. 3_malattie di forze umane: invidia; malocchio (invidia trasmessa in modo inconscio, amuleti e talismani distolgono gli sguardi potenzialmente nocivi); chucaque (pudore o vergogna causata da improvvisi imbarazzi, colpisce chi non 'soddisfa' le aspettative della società, accade dopo eventi climatici come i colpi di vento, non v'è perdita della sombra); yagua e tricadura (proiezioni causate da situazioni conflittuali); malattie da caldo e freddo (stessi effetti del chucaque). I primari riti di cura sono: 1_offerta o pagamento di cibo o qi alle entità mitiche accompagnate da versi; 2_shulalada (rinfresco del caldo di oggetti e luoghi, magari residuo di un maestro scomparso); 3_citazione o evocazione degli encantos o delle sombras a mezzo di litanie; 4_singada (inalazione di tabacco), rinforza la sombra agli attacchi e aiuta l'azione del sanpedro o ayahuasca; 5_limpia, libera dai contagi, la frizione del corpo con artes trasferisce dal corpo all'oggetto il contagio, che l'arte espelle in altro rito (cuy immerso in acqua purificatrice); 6_despacho e desenriedo (scioglimento); 7_suzione; 8_caipada (limpia con il cuy); 9_chiamata della sombra (con vesti del malato o citando il suo nome), si ricorre alle erbe magiche quando non si conosce l'origine del susto o sia economico; 10_bagni di cura in acque di laghi dotate di encantos e abitati da spiriti; 11_florecimento (recita di formule beneagurali); 12_altre pratiche sono la desvelada (purifica degli assassini); mamayacu (acqua di fonte) estratta a propiziare la pioggia; rito del gentile inverno con offerte rivolte ai teschi degli antichi; santiguaciòn (benedizine della casa con riti e offerte per proteggerla dalle invidie umane e contrarietà mitiche). Secondo il principio della somiglianza (mipa) il figlio acquista le caratteristiche delle persone e cose che hanno impressionato la madre. Dato che il puerperio è visto come infermità da freddo, e il parto disgiunge le ossa rendendo vulnerabili gli organi di senso, la madre è alimentata, massaggiata spesso e fasciata, al fine di tenere unite le sue ossa e mantenere l'uterno in posizione corretta. 8 gg dopo il parto, la levatrice andina, le spalma sull'addome un unguento di cenere e del brodo di gallina, aglio ed erbe; per 3 gg le massaggia le articolazioni. L'impiastro di pomodoro si usava nella cura dell'angina, l'infuso di patate nelle malattie di fegato e reni, i fiori di zucca nei dolori epatici; foglie di coca per eliminare il mal di denti, flatulenze e coliche. L'infuso di foglie di avocado come stomachico; infuso di barba di mais come diuretico, ritenzione di urina, dolori a reni e vescica. Il succo di ananas tenero (achupalla) e di papaya come vermifughi e diuretici; la china (cinchona spp) per la malaria; il Simaba cedron contro febbre gialla e dispepsie e il Simarruba (simaruba glauca) nelle febbri malariche; lo Schinus molle a bloccare emorragie, cura ferite e paralisi locale. Le ossa fratturate erano immobilizzate con rami e valeriana coarctata e strette da bende di cotone impregnate di argilla. In anestesia leggera si usavano bevande alcoliche come la chica (fermentazione di semi di mais) mentre in quelle più serie si usavano semi di chimico (stramonio) macerati nella chica, coca o altre piante della selva. Erbe con azione astringente, caustica o emolliente e antisettica sono usate nella cura di ferite e ulcere. Camelina (specie usate per biodiesel), è usata nei gonfiori di gengive, dolore ai molari, e tartaro; Ficus laurifolia contro cataratte; Litsea glaucescens (lauracee) per raffreddore e influenza; Hevea brasiliensis (albero della gomma) per curare gonfiori interinali, calori, coliche e dolori alla vescica. Romulo recita dal Libertages: m'insegna, sfregare l'erbe in fiore | tu evita i saponi, che soffocan tuo odore | l'odore della pelle, indica una tendenza | ovvero identità, tua originar coscienza | vivace e breve primo, persiste terzo ancora. | il sangue Drago rosso è lattice viscoso, buon cicatrizzante, guarisce più ferite, in Amazzonia ed Ande. Sangue di Drago indica diversi tipi di resine rosse, ottenute da varie piante più o meno diffuse nelle zone tropicali o subtropicali del globo: Croton, Dracaena, Daemonorops, Calamus e Pterocarpus. Le resine vengono ottenute dalla essudazione di spaccature naturali della corteccia delle piante o anche da incisioni praticate appositamente sul tronco e sui rami, o dai frutti, ed erano usate per molti scopi: in medicina, per incenso, tinta e laccatura-restauro del legno, cornici e strumenti musicali come violini. Il primo Sangue di Drago raccolto e commerciato fu quello della Dracaena cinnabari, pianta endemica dell'isola di Socotra (isola dell'incenso), nell'Oceano Indiano, tra Yemen e Somalia. La resina esportata nel bacino del Mediterraneo e il Vicino Oriente, lungo la via dell'incenso nella penisola Arabica, assieme ad altre resine della stessa regione, come Olibano e Mirra, è considerata una panacea per far guarire ferite, eczemi e altri disturbi della pelle (capacità coagulanti). Naviganti del XV secolo, esplorando le isole Canarie, scoprirono una pianta (Dracaena draco), endemica di quelle isole e di zone del Marocco secernente una resina chiamata anch'essa 'Sangue di Drago'. In India è usato come incenso cerimoniale, così nel Vodun di Haiti e New Orleans, è incenso per pulire luoghi da influenze negative e inchiostro rosso per sigilli e talismani. In Cina è ricavato da diverse piante scoperte nel Sud-Est Asiatico (Isole della Sonda, Sumatra, Molucche, Indocina, Malacca), come la palma di Rattan (genere daemonorops) e usato per laccare mobili in legno e decorare in rosso pannelli e cartelloni. In Indonesia la resina, detta jerang o djerang, è raccolta dai frutti del Rattan che a maturità si ricoprono di resina rossa. Rompendo lo strato resinoso e ammorbidendolo in acqua calda, si separa il prodotto finale pressandolo in solide palle sferoidali dette cuore di drago. Queste hanno proprietà opposta, cioè anticoagulanti. Nella medicina popolare il Sangue di Drago è usato esternamente per favorire la guarigione delle ferite e fermare il sanguinamento, mentre internamente, dosato da esperti erbalisti, serve come anti-diarroico, abbassare la febbre, curare ulcere di bocca, antivirale delle vie respiratorie, curare l'apparato gastro-intestinale, lenire dolori alla cassa toracica, traumi interni e irregolarità mestruali. Il 'sangre de drago' (Croton lechleri, Croton gossypifolia, C.draconoides), cura ulcere e ferite, è un lattice estratto della corteccia liscia bruna e con macchie bianche, di un albero/arbusto sempreverde, originario delle Ande (300-2000 metri s.l.m) e incluso nella famiglia delle Euforbiacee. Ha chioma ampia e arrotondata, foglie cuoriformi, semplici, acuminate e taglienti con bordi dentellati; pianta monoica, con fiori bianco-gialli, racemosi su spighe terminali, i femminili alla base della pianta e i maschili all'apice. La corteccia, se tagliata, essuda resina rosso sangue, densa e vischiosa avente alcali tropani e l'alcaloide Taspina. Tale lattice rosso, chiamato Sangue di drago, ha virtù antisettiche e antitumorali, se strofinato sulla pelle, si addensa e diviene bianco, circola veloce e guarisce lacerazioni, ferite, tagli, ustioni e ulcere. Per via orale, il lattice, diluito opportunamente da personale esperto, è consumato a trattare gengiviti, enteriti, gastriti, ulcere di stomaco, diarrea, tigna, malaria, anemia, leucemia, malattia di Crohn, infertilità, emicrania. I Misquito di Colombia e Nicaragua e altri indigeni, lo valorizzano come disinfettante, cicatrizzante, contro punture d’insetto, artrite, astringente, emostatico, analgesico, rigenerante del tessuto muscolare. Unghia di Gatto (uncaria tomentosa, rubiacee) è alberello a rami spioventi, usato dai guaritori dell'Amazzonia nei casi di artrite, emorroidi, lesioni superficiali in virtù della sua forte azione sfiammante; uncaria hirsuta e rhyncophylla, originarie della Cina, sono usate in modo simile e a protezione del fegato; uncaria formosana, di Taiwan, si usa come anti-ipertensivo mentre uncaria kawakamii, per dissolvere i calcoli renali. Il decotto di corteccia di Una de gato, è usato dai curandero della selva per la cura delle artriti reumatoidi, emorroidi, lesioni, malattie renali, ulcere, diabete insulino-dipendente e non. I dermatologi Inca pare la usassero sotto il nome di wilccaccora, ma la sua notorietà è nata nel 1990, dalla guarigione di Luis Schuler, anziano abitante della foresta di Oxapampa in Perù: il cancro polmonare che lo affligeva, sarebbe regredito in seguito al trattamento con questa erba. Esperimenti fatti con estratti di Uncaria tomentosa, indicano un azione antitumorale (antimutagenica) legata all'inibizione della moltiplicazione cellulare anomala: i suoi alcaloidi accrescono la fagocitosi e, a livello di DNA-polimerasi, contrastano la replicazine del virus hiv, le neoplasie virali e le infezioni veneree. L'unghia di gatto allevia l'asma allergica e altre allergie, sfiamma, cicatrizza e, come estratto idroalcolico, è consigliato come collutorio per gengiviti, faringiti e carie dentali. 48.䷯ Romulo: 羊 yáng (capra, rad.123) spezie andine


August 八月  (up calendar 月)
In Agosto sfarfallano le ultime farfalle (come il podalirio) e si osservan bene le stelle cadenti. Fiori bianchi di daucus, gialli di tarasso, indaco di cicoria. E sfrega la cicala, di giorno e di notte, ricorda col suo canto, le porte al Gaia mondo.


Seba watchs a turtle slowly gaining his way, suddenly he remeber a Raseno lesson about forest souls.. In spring he goes wandering as a pilgrim, place after place, observing the creatures in symbiosys and as prey and predators (faŭno 动物 สัตว์): chickens, insects, birds, amphibians (两栖类) of pond, plants of soil and underground mushrooms (truffles). He carryed with himself only dry cheese and bread in a bag, on his shoulder together with the Libertages holy book. He thinks: "in Slavic mythological conception, man was assigned by birth a number of years to live (rok-poк) after which they went to another type of life in the world of the dead. Observing nature, where every year the alternating rhythm of birth and death are repeated faithfully without major changes, and the same was true even in the world of men. During the active period of life could happen uncertainties that could shorten or lengthen, damage or divert the rok staff. The human body, built more or less like that of other animals, had to work regularly for the allotted time, and only when an evil force penetrated inside, it upsetting operation ensued and pain, illness, mental illness and not necessarily death. This came in the rok manner allowed: die sooner or live too was the unexpected! The smierd as a member of a large family was concrete help and assistance by relatives and not always necessary to resort to the intervention of supernatural powers. What brings anxiety human is not being able to predict or not to have caught the signs that indicated the approach. Whenever it is possible to foresee and guard, humans lives better.." Seba carries in his pockets sunflower seeds, good food for walking. The Sunflower seeds help balance the male hormone and prostate also strengthen the eyes for light of sunny day. Seba walking on the road, he watchs a dog, so he reminds this Sesto lesson: "once the Iboga holy spirit took me to a spider web and asked me what it was doing. I said it’s making a web to live in and catch food. He told me to look again then brought me in closer. I could see and hear tiny sounds coming from the spiders mouth and every time he would touch a piece of the web a sound would come out to be carried away by the wind. He said he is playing his web and singing his praise to god and in return he gets food. Then he took me to a dog sitting in front of a Thai Buddhist temple and asked what it’s doing. I said it’s staring at the temple and panting. He told me to look again and I saw that the dog was also making low sounds and actually had a spirit standing in front of him. The dog was giving thanks and praise to the Spirit and then some dark Spirits came and the dog chased them away. Spirit said this is the dog’s higher function and that every beings higher function is thanks and praise to Spirit for every moment every breath." Walking further, Seba watchs the prey-predator relation among more animals, then suddenly he remembered a speech of hunters by Raseno: "the human hunters going for hunt into bush, for to nourish the body and soul (dream) of his family or community. The Tibetan have always been avid hunters. However, they have accepted that there are some taboos on some locations and species and they don’t want to anger the local gods. Hunting appears to have been accepted by the establishment when game was plentiful, if there was a demand for furs in the monasteries or from the elite, or for trading purposes in Eastern Kham. For all Tibetans the spiritual significance of conservation (yul-lha) appears more important than the ecological significance conservation. Kham Indigenous people manifest an ethical attitude because nature has intrinsic value having been created by or presided over by a deity or numina (numen, genius loci). As aboriginal Australian, Sacred and taboo associations attached to particular species of trees, forests, mountains, rivers, caves, lakes and temple sites play an important role in the protection of particular ecosystems by local people, and might provide an alternative and innovative approach to environmental conservation.' Any animal or plant whispers us about ecosystem around. The Mouse is harmless, it has blacks eyes and it is cereal rodents; coveted by predators on thorns of hedge. (IT) Seba incontra una civetta (athena noctua, little-owl), e ritrova i versi a lei dedicati nel Libertages, accanto ai versi di Bastet, Dea-gatto adorata nei templi-granai della città di Bubastis. Bastet, Dea dell'antico Egitto, con l'avvento del Cristianesimo fu relegata tra i culti pagani, prima demonizzati e poi trasformati in maschere del Carnevale, così il Gatto Mammone, nel folklore italico, rimase un enorme gatto con funzione protettiva, immune agli effetti nefasti degli incantesimi di altri spiriti; in alcuni casi ha una emme bianca sul muso nero, talvolta è tutto nero e si nasconde negli angoli bui. Seba mentre offre avanzi di cibo alla fauna selvatica in visita al Therabuti, chiede a Laura come avvicinare un gatto randagio: "abbassati e aspetta, offri il dorso della mano affinchè lui possa sentire il tuo odore, se lui ti accetta allora progredisc, altrimenti rispetta la sua scelta. Il Gatto selvatico (Felis silvestris), è specie diffusa in Eurasia ed Africa (Bastert), in Italia è nel centro-sud, Sicilia e Sardegna. Più massiccio del gatto domestico, ha occhi giallo-verdi, pelo soffice e sottile, grigio-giallastro sopra e bianco-giallastro sotto, e parti corporee striate di nero. Il maschio è poco più grosso della femmina e ha testa più massiccia. Questa specie vive in aree boscate o cespugliate ed ha abitudini soprattutto crepuscolari-notturne: solitario, in coppia o in gruppi familiari; essenzialmente carnivoro, caccia piccoli mammiferi, uccelli, rettili (roditori, conigli, lucertole), a volte anfibi, pesci, mustelidi, scorpioni e cuccioli malati. Il gatto selvatico è molto cauto nei confronti dell'uomo e cerca sempre di non avvicinarsi alle zone abitate. È creatura solitaria e ciascun esemplare difende un proprio territorio di 1,5–12 km², a seconda dell'ambiente locale. I maschi hanno areale che si sovrappone a quello di tre-sei femmine vicine. Gatti selvatici di ambo i sessi marcano i propri territori depositando feci in luoghi esposti, spruzzando urina e rilasciando odori, strofinando le guance e grattando il terreno; i suoi principali competitori sono le volpi, martore (che uccidono i piccoli e talvolta gli esemplari adulti), sciacalli dorati e gatti della giungla: dove gli areali delle due specie si sovrappongono (Caucaso), i gatti della giungla abitano le pianure, mentre i gatti selvatici vivono nelle foreste di faggi sulle pendici dei monti. Il cosmopolita gatto domestico (F.silvestris catus), discendente dalla sottospecie lybica, è stato introdotto in ogni continente e in molte isole del mondo dove, spesso, torna allo stato selvatico. Nel suo areale originario il gatto selvatico si è adattato a tanti habitat: savane, foreste aperte, steppe; fu addomesticato 9000-10.000 anni fa nel Medioriente, in coincidenza con la nascita dell'agricoltura e il bisogno di proteggere i raccolti dai roditori granivori. Il selvatico può incrociarsi con il gatto domestico, generando prole feconda, l'estro dura due-otto giorni e la gestazione 56-69 giorni. Poichè privo di esigenze stagionali, il selvatico nordafricano si accoppia in ogni periodo dell'anno, mentre quello europeo si accoppia da marzo a maggio e partorisce 2-6 piccoli maculati, ciechi e inermi, allevati dalla madre, nella crescita le macchie si fondono a formare strisce. I gattini aprono gli occhi dopo 7-12 gg, iniziano a procurarsi il cibo da soli a 10-12 settimane, conducono vita indipendente dopo il terzo mese e, entro il primo anno di vita, raggiunta la maturità sessuale, devono riuscire a occupare e difendere un proprio territorio. In cattività i gatti selvatici vivono fino a sedici anni. Seba, a marzo, incontra un riccio, talpe, anfibi e topolini, e qualche sera d'estate, sente rumori presso i vasi di fiori coltivati, sembrano grossi topi ma in relatà è il Riccio! amico sempre ben accetto nell'orto-giardino del tempio, poichè caccia lumache, larve, insetti, stermina intere nidiate di topi troppo prolifici e all'occorrenza, caccia rettili, anfibi, uccellini, bacche e frutta matura. Di giorno si rifugia tra cataste di ramaglie e se disturbato, si arrotola a palla su se stesso; teme volpe, tasso e cani, la volpe è astuta e urina sulla palla-riccio per farla aprire, poi lo attacca sul muso; i ricci uccisi sulle strade, son predati da gazze, cornacchie e poiane. Con indole solitaria e prudente, se si sente tranquillo, di notte si muove goffo e rumoroso sul fogliame ed è scontroso con i suoi simili che capta via olfatto ed udito, emette leggeri grugniti come il maiale. Vive 5 max anni, ha corpo tozzo e muso appuntito con occhi piccoli, unghia forti e piccoli aculei lunghi 3 cm, partorisce da mag-set e va in letargo da nov-mar tra cataste, anfratti, stalle, ecc. Sa essere veloce e superare a nuoto piccoli fossi. Rivela la sua presenza con escrementi cilindrici lunghi 3 cm e larghi 1, lucidi da freschi e opachi nel tempo, fatte spesso pressovasi e sottovasi, come salsicciotti appuntiti a un estremità che, sezionati, rivelano semi di frutti, chitina d'insetti, peli e ossa di topolini. Pur la Talpa vive solitaria e cerca partner solo nel periodo degli amori, vive fin 4 anni, ha occhi piccolissimi o ciechi e una corta proboscide, ha pelo corto che le permette camminare veloce nelle strette gallerie, anche all'indietro, le zampe anteriori hanno unghia lunghe e piatte, rivoltate come l'unghia del contadino, e agiscono come pale per scavare e rivoltare il suolo. In inverno scava cunicoli profondi fin 60 cm sottoterra, utili all'agricoltura: la talpa, scavando stanze e un labirinto di gallerie, aera il terreno e distrugge, per cibarsi, molte larve di insetti parassiti, mangia pure millepiedi, ragni, chiocciole, lombrichi, e, se incontra nidiate di topolini o lucertole, le attacca senza problemi. Solo in un prato ornamentale risultano poco estetici i mucchietti di terra che la talpa crea spingendo in alto, con testa e zampe, la terra scavata, i monticelli fungono da prese d'aria al sistema di tunnel e a volte uscite di emergenza. Essa esce dalle gallerie solo per gli amori e allagamenti di gallerie. La Volpe rossiccia (Vulpes vulpes) ha gola, ventre ed estremità della coda bianche; muso allungato, orecchie triangolari e molto mobili; è buona nuotatrice e, nelle ore diurne, riposa nei fitti cespugli, dentro tronchi o all’interno di vecchie tane di Coniglio selvatico e Tasso, oppure la scava lei stessa. Anche tra le volpi vi sono specie minacciate dalla caccia per hobby, ritorni di moda per le loro pellicce o sterminio per il controllo della rabbia. Tutti le volpi possono soffrire di rabbia, malattia da virus che può causare idrofobia nell'uomo; esse arrivano a sopportare una mortalità del 75% e poi riprendersi. La vaccinazione orale è oggi realizzata mediante lanci aerei di esche contenenti vaccino antirabbico. La Volpe (latino vulpēs, greco ἀλώπηξ alṓpēx, letto